Theo:"Futuro? Vedremo. Ibra e Maldini.."

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
203,989
Reaction score
27,285
Theo ad AS

Sia a livello sportivo che personale, mi sento molto bene qui. Sono totalmente grato a questa meravigliosa città che mi ha accolto fin dal primo giorno come se fosse la casa della mia vita. Tutto è stato facile fin dal primo momento. Ho messo su famiglia, mi sento amato e sono molto felice".

MOMENTO MIGLIORE IN CARRIERA - "Momento migliore della carriera? Credo di sì. È vero che un giocatore non smette mai di migliorare, ma penso di essere in un momento di maturità ideale. Inoltre sento la fiducia dell'allenatore e dei miei compagni e si vede sul campo"

PIOLI - "Una persona molto vicina al giocatore e mi ha supportato in ogni momento. Mi ha dato la massima fiducia affinché potessi sfruttare le mie qualità e ho cercato di ripagarlo sul campo con il mio lavoro. Gli sono molto grato sia a livello personale che professionale perché è stato una persona fondamentale nel migliorare le mie prestazioni".


MALDINI E IBIZA - "A dire il vero, la prima volta che ho visto un mito come Maldini, che è venuto a parlarmi, mi sono innervosito un po'. È stato molto chiaro fin dal primo momento, mi ha spiegato il progetto, cosa voleva da me e mi ha detto che con lui sarei stato uno dei migliori al mondo, cosa che per me è stata una ragione sufficiente per non esitare nel volere andare al Milan. Se c'era anche il Bayer Leverkusen? Il mio agente mi informa quando le cose sono molto concrete ed ero consapevole che in quel momento diverse squadre avevano un forte interesse per me, ma alla fine la decisione di venire al Milan è stata quella giusta. Il tempo mi ha dato ragione. Il Milan è tornato al posto che le spetta. La decisione di venire a Milano è stata per me un totale successo"



TORNARE AL REAL - "Per il Real Madrid ho solo parole di gratitudine per il forte impegno che hanno preso per me in quel momento. Sono una persona a cui piace guardare avanti e concentro tutti i miei pensieri sul presente e sul futuro più immediato, ma da persona grata quale sono, porto nel cuore quel grande club. Arrabbiato per non avercela fatta con i Blancos? Forse in quel momento non c'erano le circostanze ideali perché potessi dimostrare il potenziale e l'entusiasmo che avevo, ma ribadisco loro la mia gratitudine. Tornare? Non sappiamo mai cosa ci porterà la vita, ma vivo il presente per emozioni e professionalità. Nessuno conosce il futuro. Ci sono ancora tante partite da affrontare in questa stagione con il Milan e io penso davvero solo a quello che devo fare in campo".

IBRA - "Ibra è un leader nato. Anche nei momenti in cui non poteva aiutarci dal campo, la sua sola presenza nello spogliatoio non faceva rilassare nessuno per un secondo. Ti contagia con il suo carattere vincente. Adesso è uscito dal campo, ma è comunque vicino alla squadra, continua a far capire cos'è il Milan e le grandi esigenze di vestire questa maglia".

OBIETTIVI - "Aspiro sempre al massimo quindi spero di poter vincere un titolo con il mio club e con la Nazionale. Bisogna essere ambiziosi e fissare continuamente sfide e obiettivi. A livello personale, continuo a godermi la compagnia di mia moglie, di mio figlio e della mia famiglia in generale".


Altre news di giornata:

—) Napoli: Kvara trequartista anti Milan.


—) Milan a San Donato. Come sarà. Tutto sul nuovo stadio.


—) Giroud e Theo spacca Napoli. Bennacer in mezzo.


—) Pioli 220. Prende Sacchi e fa la storia. I numeri.


—) Milan Lopetegui: contatti. Pioli resta se...


—) Milan: Di Gregorio se parte Maignan. Il rinnovo...


—) Milan: è Calabria l'anti Kvara.


—) Ordine:"Pioli contro tutti in pronostici".


—) Leao: assist ok. Ma ora servono i gol


—) Serie A: le big pro torneo a 18 squadre


—) Thiaw: possibile ritorno col Monza.



—) San Siro: Sala spera nell'Inter. La situazione.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
203,989
Reaction score
27,285
Theo ad AS

Sia a livello sportivo che personale, mi sento molto bene qui. Sono totalmente grato a questa meravigliosa città che mi ha accolto fin dal primo giorno come se fosse la casa della mia vita. Tutto è stato facile fin dal primo momento. Ho messo su famiglia, mi sento amato e sono molto felice".

MOMENTO MIGLIORE IN CARRIERA - "Momento migliore della carriera? Credo di sì. È vero che un giocatore non smette mai di migliorare, ma penso di essere in un momento di maturità ideale. Inoltre sento la fiducia dell'allenatore e dei miei compagni e si vede sul campo"

PIOLI - "Una persona molto vicina al giocatore e mi ha supportato in ogni momento. Mi ha dato la massima fiducia affinché potessi sfruttare le mie qualità e ho cercato di ripagarlo sul campo con il mio lavoro. Gli sono molto grato sia a livello personale che professionale perché è stato una persona fondamentale nel migliorare le mie prestazioni".


MALDINI E IBIZA - "A dire il vero, la prima volta che ho visto un mito come Maldini, che è venuto a parlarmi, mi sono innervosito un po'. È stato molto chiaro fin dal primo momento, mi ha spiegato il progetto, cosa voleva da me e mi ha detto che con lui sarei stato uno dei migliori al mondo, cosa che per me è stata una ragione sufficiente per non esitare nel volere andare al Milan. Se c'era anche il Bayer Leverkusen? Il mio agente mi informa quando le cose sono molto concrete ed ero consapevole che in quel momento diverse squadre avevano un forte interesse per me, ma alla fine la decisione di venire al Milan è stata quella giusta. Il tempo mi ha dato ragione. Il Milan è tornato al posto che le spetta. La decisione di venire a Milano è stata per me un totale successo"



TORNARE AL REAL - "Per il Real Madrid ho solo parole di gratitudine per il forte impegno che hanno preso per me in quel momento. Sono una persona a cui piace guardare avanti e concentro tutti i miei pensieri sul presente e sul futuro più immediato, ma da persona grata quale sono, porto nel cuore quel grande club. Arrabbiato per non avercela fatta con i Blancos? Forse in quel momento non c'erano le circostanze ideali perché potessi dimostrare il potenziale e l'entusiasmo che avevo, ma ribadisco loro la mia gratitudine. Tornare? Non sappiamo mai cosa ci porterà la vita, ma vivo il presente per emozioni e professionalità. Nessuno conosce il futuro. Ci sono ancora tante partite da affrontare in questa stagione con il Milan e io penso davvero solo a quello che devo fare in campo".

IBRA - "Ibra è un leader nato. Anche nei momenti in cui non poteva aiutarci dal campo, la sua sola presenza nello spogliatoio non faceva rilassare nessuno per un secondo. Ti contagia con il suo carattere vincente. Adesso è uscito dal campo, ma è comunque vicino alla squadra, continua a far capire cos'è il Milan e le grandi esigenze di vestire questa maglia".

OBIETTIVI - "Aspiro sempre al massimo quindi spero di poter vincere un titolo con il mio club e con la Nazionale. Bisogna essere ambiziosi e fissare continuamente sfide e obiettivi. A livello personale, continuo a godermi la compagnia di mia moglie, di mio figlio e della mia famiglia in generale".

Vedi l'allegato 6855
.
 
Registrato
18 Settembre 2017
Messaggi
14,789
Reaction score
5,985
Theo ad AS

Sia a livello sportivo che personale, mi sento molto bene qui. Sono totalmente grato a questa meravigliosa città che mi ha accolto fin dal primo giorno come se fosse la casa della mia vita. Tutto è stato facile fin dal primo momento. Ho messo su famiglia, mi sento amato e sono molto felice".

MOMENTO MIGLIORE IN CARRIERA - "Momento migliore della carriera? Credo di sì. È vero che un giocatore non smette mai di migliorare, ma penso di essere in un momento di maturità ideale. Inoltre sento la fiducia dell'allenatore e dei miei compagni e si vede sul campo"

PIOLI - "Una persona molto vicina al giocatore e mi ha supportato in ogni momento. Mi ha dato la massima fiducia affinché potessi sfruttare le mie qualità e ho cercato di ripagarlo sul campo con il mio lavoro. Gli sono molto grato sia a livello personale che professionale perché è stato una persona fondamentale nel migliorare le mie prestazioni".


MALDINI E IBIZA - "A dire il vero, la prima volta che ho visto un mito come Maldini, che è venuto a parlarmi, mi sono innervosito un po'. È stato molto chiaro fin dal primo momento, mi ha spiegato il progetto, cosa voleva da me e mi ha detto che con lui sarei stato uno dei migliori al mondo, cosa che per me è stata una ragione sufficiente per non esitare nel volere andare al Milan. Se c'era anche il Bayer Leverkusen? Il mio agente mi informa quando le cose sono molto concrete ed ero consapevole che in quel momento diverse squadre avevano un forte interesse per me, ma alla fine la decisione di venire al Milan è stata quella giusta. Il tempo mi ha dato ragione. Il Milan è tornato al posto che le spetta. La decisione di venire a Milano è stata per me un totale successo"



TORNARE AL REAL - "Per il Real Madrid ho solo parole di gratitudine per il forte impegno che hanno preso per me in quel momento. Sono una persona a cui piace guardare avanti e concentro tutti i miei pensieri sul presente e sul futuro più immediato, ma da persona grata quale sono, porto nel cuore quel grande club. Arrabbiato per non avercela fatta con i Blancos? Forse in quel momento non c'erano le circostanze ideali perché potessi dimostrare il potenziale e l'entusiasmo che avevo, ma ribadisco loro la mia gratitudine. Tornare? Non sappiamo mai cosa ci porterà la vita, ma vivo il presente per emozioni e professionalità. Nessuno conosce il futuro. Ci sono ancora tante partite da affrontare in questa stagione con il Milan e io penso davvero solo a quello che devo fare in campo".

IBRA - "Ibra è un leader nato. Anche nei momenti in cui non poteva aiutarci dal campo, la sua sola presenza nello spogliatoio non faceva rilassare nessuno per un secondo. Ti contagia con il suo carattere vincente. Adesso è uscito dal campo, ma è comunque vicino alla squadra, continua a far capire cos'è il Milan e le grandi esigenze di vestire questa maglia".

OBIETTIVI - "Aspiro sempre al massimo quindi spero di poter vincere un titolo con il mio club e con la Nazionale. Bisogna essere ambiziosi e fissare continuamente sfide e obiettivi. A livello personale, continuo a godermi la compagnia di mia moglie, di mio figlio e della mia famiglia in generale".


Altre news di giornata:

—) Napoli: Kvara trequartista anti Milan.


—) Milan a San Donato. Come sarà. Tutto sul nuovo stadio.


—) Giroud e Theo spacca Napoli. Bennacer in mezzo.


—) Pioli 220. Prende Sacchi e fa la storia. I numeri.


—) Milan Lopetegui: contatti. Pioli resta se...


—) Milan: Di Gregorio se parte Maignan. Il rinnovo...


—) Milan: è Calabria l'anti Kvara.


—) Ordine:"Pioli contro tutti in pronostici".


—) Leao: assist ok. Ma ora servono i gol


—) Serie A: le big pro torneo a 18 squadre


—) Thiaw: possibile ritorno col Monza.



—) San Siro: Sala spera nell'Inter. La situazione.
Ibra ci voleva in campo non fuori. Ibra ha vinto lo scudetto mica Pioli
 
Registrato
21 Settembre 2017
Messaggi
3,162
Reaction score
743
Se si vuole monetizzare è il momento giusto.
viceversa almeno 12-14 lordi l’anno vanno tirati fuori
 

Toby rosso nero

Moderatore
Membro dello Staff
Registrato
29 Agosto 2012
Messaggi
40,638
Reaction score
20,916
Per me la situazione di Theo, con il ragionamento cessione in vista -> prestazioni scarse, è IDENTICA a quella di Maignan.

Hanno staccato la spina. Sono comportamenti non molto professionali, non ci piove, ma come qualcun altro ha scritto sopra io ormai non colpevolizzo più i nostri giocatori.
 

Jino

Senior Member
Registrato
29 Agosto 2012
Messaggi
56,421
Reaction score
4,209
Per me la situazione di Theo, con il ragionamento cessione in vista -> prestazioni scarse, è IDENTICA a quella di Maignan.

Hanno staccato la spina. Sono comportamenti non molto professionali, non ci piove, ma come qualcun altro ha scritto sopra io ormai non colpevolizzo più i nostri giocatori.

Io non capisco come tu faccia a giudicare scarsa la stagione di Theo. Davvero.
 

Toby rosso nero

Moderatore
Membro dello Staff
Registrato
29 Agosto 2012
Messaggi
40,638
Reaction score
20,916
Io non capisco come tu faccia a giudicare scarsa la stagione di Theo. Davvero.

Scarsa scarsa no, ma nn sarà mica positiva e ai suoi livelli dai. Totalmente discontinua, anche per ragioni non sue.
Ma ci ricordiamo cos'era Theo, che cosa ci ha fatto vedere? Dimentichiamo troppo in fretta.
Per me lui è un campione stellare, se ha i giusti stimoli. Infatti sono sicuro che appena metterà piede fuori di qui sarà tra i papabili al pallone d'oro (ipotizzando un pallone d'oro serio come una volta...)
 

Similar threads

Alto
head>