Theo + Leao e turnover a Monza, per volare in fascia.

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
204,760
Reaction score
27,894
Tuttosport in edicola sulle novità di formazione (ampiamente riferite da ieri) per Monza e Leao e Theo : a Monza ancora con Theo Hernandez e Leao, la fascia sinistra di lusso. Per continuare a battere il ferro, per superare la Juventus al secondo posto, per mantenere il vantaggio sulle inseguitrici o allungarlo, per cavalcare l’entusiasmo che da dicembre - esclusi gli incroci con l’Atalanta - sta permettendo al Milan di tornare a essere... Milan. La rincorsa in campionato è sotto gli occhi di tutti, i rossoneri hanno consolidato la propria posizione in Champions e, a meno di cataclismi, è difficile pensare che le sei squadre in lotta dietro il Diavolo per un posto fra le prime quattro possano prendere ed escludere la squadra di Stefano Pioli. La partenza in Europa League è stata ideale, con un 3-0 che permetterà di andare a Rennes giovedì con meno fantasmi nell’aria e la possibilità, nella testa e nelle gambe, di pensare allo scontro diretto contro l’Atalanta in programma a San Siro domenica 25.

Il Milan che è tornato a volare lo deve però al ripristino del principale punto di forza. Dal successo per 3-1 contro la Roma del 14 gennaio, infatti, Pioli ha deciso che in difesa si sarebbe arrangiato con i pochi centrali di ruolo a disposizione perché aveva bisogno di riportare sulla fascia sinistra Theo Hernandez. Con il sistema di gioco passato poi definitivamente dal 4-3-3 di inizio stagione al collaudato 4-2-3-1 - o 4-1-4-1 come successo in Europa League -, con Leao quindi meno schiacciato in avanti e più libero di creare, ecco che il Milan è tornato a macinare gioco, azioni pericolose e gol. Non sarà tutto merito della premiata ditta Theo Hernandez & Leao, però è evidente che da quando il tecnico ha ridato continuità ai due “gemelli”, qualcosa è cambiato. Da quel Milan-Roma, la squadra rossonera ha messo insieme cinque vittorie consecutive e un pareggio, il 2-2 col Bologna, arrivato nel recupero e dopo due rigori falliti da Giroud e dallo stesso Theo Hernandez. In queste partite i rossoneri hanno sì preso diversi gol, 7 - al di là degli ultimi due clean-sheet consecutivi di Maignan questo è un difetto del Milan versione 2023-24 da ritenere ormai assodato -, però ne hanno realizzati ben 15. E molti di essi sono arrivati, nati o ideati proprio da Theo Hernandez e Leao: il terzino francese ha segnato con Roma e Napoli, mentre col Rennes ha servito un assist e mezzo; l’attaccante portoghese - che stasera inseguirà quella rete in campionato che manca da Milan-Verona del 23 settembre - ha inciso in un paio di episodi col Bologna, servito l’assist a Theo col Napoli e mandato ko i bretoni in Europa League. Entrambi, oltre alle ultime due uscite con Napoli e Rennes, sono stati fra i migliori del Milan pure con Udinese e Frosinone. A loro Pioli non rinuncia e infatti questa sera, nonostante diversi cambi rispetto alla partita di giovedì, Theo Hernandez e Leao ci saranno.


Se poi i due verranno confermati anche giovedì per la gara di ritorno con il Rennes o verranno inizialmente risparmiati per preservarli in vista dell'Atalanta, si vedrà. Di certo stasera toccherà ancora a Theo e Rafa guidare una squadra che dovrebbe presentare ben cinque volti differenti rispetto alla partita con i francesi. In difesa dovrebbe tornare titolare dopo oltre due mesi Thiaw, al fianco del solido Gabbia, mentre a centrocampo Reijnders e Musah potrebbero lasciare spazio ad Adli e Bennacer, titolari domenica col Napoli. Confermato Loftus-Cheek, insostituibile in questo momento, in attacco con Leao ci saranno poi Jovic di punta e probabilmente Okafor nell'inedito ruolo di ala destra (Chukwueze, tornato a disposizione dopo la Coppa d'Africa, partirà dalla panchina).

Altre news di giornata

—) Pioli: il Milan valuta la conferma, con l'opzione.


—) D. Maldini:"Sogno di tornare al Milan. Papà oggi non ci sarà".


—) Milan: il secondo posto per la Supercoppa.


—) Galliani:"Amo Ibra. Lo volevo qui. Monza Milan match di Silvio".


—) Milan fabbrica del gol. 3 punti per superare la Juve.


—) Cardinale: piano Milan da 50-100 mln l'anno da reinvestire. E lo stadio...


—) Occasione Jovic: e va verso il rinnovo.


—) Theo + Leao e turnover a Monza, per volare in fascia.


—)
San Siro: il Milan riapre. Contatto con l'Inter.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
204,760
Reaction score
27,894
Tuttosport in edicola sulle novità di formazione (ampiamente riferite da ieri) per Monza e Leao e Theo : a Monza ancora con Theo Hernandez e Leao, la fascia sinistra di lusso. Per continuare a battere il ferro, per superare la Juventus al secondo posto, per mantenere il vantaggio sulle inseguitrici o allungarlo, per cavalcare l’entusiasmo che da dicembre - esclusi gli incroci con l’Atalanta - sta permettendo al Milan di tornare a essere... Milan. La rincorsa in campionato è sotto gli occhi di tutti, i rossoneri hanno consolidato la propria posizione in Champions e, a meno di cataclismi, è difficile pensare che le sei squadre in lotta dietro il Diavolo per un posto fra le prime quattro possano prendere ed escludere la squadra di Stefano Pioli. La partenza in Europa League è stata ideale, con un 3-0 che permetterà di andare a Rennes giovedì con meno fantasmi nell’aria e la possibilità, nella testa e nelle gambe, di pensare allo scontro diretto contro l’Atalanta in programma a San Siro domenica 25.

Il Milan che è tornato a volare lo deve però al ripristino del principale punto di forza. Dal successo per 3-1 contro la Roma del 14 gennaio, infatti, Pioli ha deciso che in difesa si sarebbe arrangiato con i pochi centrali di ruolo a disposizione perché aveva bisogno di riportare sulla fascia sinistra Theo Hernandez. Con il sistema di gioco passato poi definitivamente dal 4-3-3 di inizio stagione al collaudato 4-2-3-1 - o 4-1-4-1 come successo in Europa League -, con Leao quindi meno schiacciato in avanti e più libero di creare, ecco che il Milan è tornato a macinare gioco, azioni pericolose e gol. Non sarà tutto merito della premiata ditta Theo Hernandez & Leao, però è evidente che da quando il tecnico ha ridato continuità ai due “gemelli”, qualcosa è cambiato. Da quel Milan-Roma, la squadra rossonera ha messo insieme cinque vittorie consecutive e un pareggio, il 2-2 col Bologna, arrivato nel recupero e dopo due rigori falliti da Giroud e dallo stesso Theo Hernandez. In queste partite i rossoneri hanno sì preso diversi gol, 7 - al di là degli ultimi due clean-sheet consecutivi di Maignan questo è un difetto del Milan versione 2023-24 da ritenere ormai assodato -, però ne hanno realizzati ben 15. E molti di essi sono arrivati, nati o ideati proprio da Theo Hernandez e Leao: il terzino francese ha segnato con Roma e Napoli, mentre col Rennes ha servito un assist e mezzo; l’attaccante portoghese - che stasera inseguirà quella rete in campionato che manca da Milan-Verona del 23 settembre - ha inciso in un paio di episodi col Bologna, servito l’assist a Theo col Napoli e mandato ko i bretoni in Europa League. Entrambi, oltre alle ultime due uscite con Napoli e Rennes, sono stati fra i migliori del Milan pure con Udinese e Frosinone. A loro Pioli non rinuncia e infatti questa sera, nonostante diversi cambi rispetto alla partita di giovedì, Theo Hernandez e Leao ci saranno.


Se poi i due verranno confermati anche giovedì per la gara di ritorno con il Rennes o verranno inizialmente risparmiati per preservarli in vista dell'Atalanta, si vedrà. Di certo stasera toccherà ancora a Theo e Rafa guidare una squadra che dovrebbe presentare ben cinque volti differenti rispetto alla partita con i francesi. In difesa dovrebbe tornare titolare dopo oltre due mesi Thiaw, al fianco del solido Gabbia, mentre a centrocampo Reijnders e Musah potrebbero lasciare spazio ad Adli e Bennacer, titolari domenica col Napoli. Confermato Loftus-Cheek, insostituibile in questo momento, in attacco con Leao ci saranno poi Jovic di punta e probabilmente Okafor nell'inedito ruolo di ala destra (Chukwueze, tornato a disposizione dopo la Coppa d'Africa, partirà dalla panchina).
.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
204,760
Reaction score
27,894
Tuttosport in edicola sulle novità di formazione (ampiamente riferite da ieri) per Monza e Leao e Theo : a Monza ancora con Theo Hernandez e Leao, la fascia sinistra di lusso. Per continuare a battere il ferro, per superare la Juventus al secondo posto, per mantenere il vantaggio sulle inseguitrici o allungarlo, per cavalcare l’entusiasmo che da dicembre - esclusi gli incroci con l’Atalanta - sta permettendo al Milan di tornare a essere... Milan. La rincorsa in campionato è sotto gli occhi di tutti, i rossoneri hanno consolidato la propria posizione in Champions e, a meno di cataclismi, è difficile pensare che le sei squadre in lotta dietro il Diavolo per un posto fra le prime quattro possano prendere ed escludere la squadra di Stefano Pioli. La partenza in Europa League è stata ideale, con un 3-0 che permetterà di andare a Rennes giovedì con meno fantasmi nell’aria e la possibilità, nella testa e nelle gambe, di pensare allo scontro diretto contro l’Atalanta in programma a San Siro domenica 25.

Il Milan che è tornato a volare lo deve però al ripristino del principale punto di forza. Dal successo per 3-1 contro la Roma del 14 gennaio, infatti, Pioli ha deciso che in difesa si sarebbe arrangiato con i pochi centrali di ruolo a disposizione perché aveva bisogno di riportare sulla fascia sinistra Theo Hernandez. Con il sistema di gioco passato poi definitivamente dal 4-3-3 di inizio stagione al collaudato 4-2-3-1 - o 4-1-4-1 come successo in Europa League -, con Leao quindi meno schiacciato in avanti e più libero di creare, ecco che il Milan è tornato a macinare gioco, azioni pericolose e gol. Non sarà tutto merito della premiata ditta Theo Hernandez & Leao, però è evidente che da quando il tecnico ha ridato continuità ai due “gemelli”, qualcosa è cambiato. Da quel Milan-Roma, la squadra rossonera ha messo insieme cinque vittorie consecutive e un pareggio, il 2-2 col Bologna, arrivato nel recupero e dopo due rigori falliti da Giroud e dallo stesso Theo Hernandez. In queste partite i rossoneri hanno sì preso diversi gol, 7 - al di là degli ultimi due clean-sheet consecutivi di Maignan questo è un difetto del Milan versione 2023-24 da ritenere ormai assodato -, però ne hanno realizzati ben 15. E molti di essi sono arrivati, nati o ideati proprio da Theo Hernandez e Leao: il terzino francese ha segnato con Roma e Napoli, mentre col Rennes ha servito un assist e mezzo; l’attaccante portoghese - che stasera inseguirà quella rete in campionato che manca da Milan-Verona del 23 settembre - ha inciso in un paio di episodi col Bologna, servito l’assist a Theo col Napoli e mandato ko i bretoni in Europa League. Entrambi, oltre alle ultime due uscite con Napoli e Rennes, sono stati fra i migliori del Milan pure con Udinese e Frosinone. A loro Pioli non rinuncia e infatti questa sera, nonostante diversi cambi rispetto alla partita di giovedì, Theo Hernandez e Leao ci saranno.


Se poi i due verranno confermati anche giovedì per la gara di ritorno con il Rennes o verranno inizialmente risparmiati per preservarli in vista dell'Atalanta, si vedrà. Di certo stasera toccherà ancora a Theo e Rafa guidare una squadra che dovrebbe presentare ben cinque volti differenti rispetto alla partita con i francesi. In difesa dovrebbe tornare titolare dopo oltre due mesi Thiaw, al fianco del solido Gabbia, mentre a centrocampo Reijnders e Musah potrebbero lasciare spazio ad Adli e Bennacer, titolari domenica col Napoli. Confermato Loftus-Cheek, insostituibile in questo momento, in attacco con Leao ci saranno poi Jovic di punta e probabilmente Okafor nell'inedito ruolo di ala destra (Chukwueze, tornato a disposizione dopo la Coppa d'Africa, partirà dalla panchina).

Altre news di giornata

—) Pioli: il Milan valuta la conferma, con l'opzione.


—) D. Maldini:"Sogno di tornare al Milan. Papà oggi non ci sarà".


—) Milan: il secondo posto per la Supercoppa.


—) Galliani:"Amo Ibra. Lo volevo qui. Monza Milan match di Silvio".


—) Milan fabbrica del gol. 3 punti per superare la Juve.


—) Cardinale: piano Milan da 50-100 mln l'anno da reinvestire. E lo stadio...


—) Occasione Jovic: e va verso il rinnovo.


—) Theo + Leao e turnover a Monza, per volare in fascia.


—)
San Siro: il Milan riapre. Contatto con l'Inter.
.
 
Alto
head>