Okafor, Chuku, Adli: che flop. Addio in estate? Jovic e co...

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
207,127
Reaction score
29,238
CorSport in edicola: non ha funzionato una squadra rivoluzionata dal turnover, di conseguenza ancor meno sono risultate effi caci le prestazioni di chi si giocava una chance importante e l’ha sprecata banalmente. Oltre a tutto il resto, il Milan a Monza ha fatto il pieno di interrogativi su quei giocatori che da domenica sera sono ancora più in bilico in prospettiva futura e alimentano diversi dubbi sull’essere o meno all’altezza di un palcoscenico di livello come quello rossonero. I cambi all’intervallo sono stati un’evidente bocciatura per Okafor, Chukwueze e Adli, ai quali Pioli aveva dato fi ducia dal primo minuto per dare un po’ di respiro ai titolari dopo la sbornia in Europa League. Il rendimento però è scivolato via di gran lunga sotto le attese, evidenziando quanto la rosa per il tecnico sia più corta del previsto e in netta controtendenza con le intenzioni dell’estate scorsa della società di dare più soluzioni possibili tra gli uomini da mandare in campo. A fine stagione andranno fatte le dovute valutazioni anche in merito alla posizione di Jovic, che sembrava aver fatto dei passi in avanti in termini realizzativi prima di bruciarsi la nuova chance da titolare con una manata da rosso. Di certo non l’idea migliore per un giocatore a caccia di continuità nel rendimento, chiamato a essere il vice Giroud a tutti gli eff etti e che si sta giocando la riconferma di un anno in più, a livello contrattuale, fi no al 2025. Oltre all’incostanza di Adli, per Okafor e Chukwueze sono i numeri a parlare, con appena sei gol in due messi a segno nei primi sei mesi in rossonero, oltre alle difficoltà lampanti a inserirsi con decisione negli schemi della squadra.

ALTRI NOMI. Verso fine stagione il club metterà sul tavolo tutte le situazioni da attenzionare, incluse quelle che riguardano i difensori Kjaer e Kalulu, esponenti di una difesa affl itta da errori e incertezze come evidenziato nell’articolo a parte. Il primo è in scadenza di contratto e sta per compiere 35 anni con più di qualche acciacco fi sico, il secondo (attualmente infortunato) in questa stagione non è mai riuscito a convincere e potrebbe essere messo sulla lista dei partenti. Il rush fi nale tra campionato ed Europa League sarà un esame importante per molti, tanto da non dover escludere un nuovo viavai l’estate prossima dopo i dieci volti nuovi arrivati a Milanello appena pochi mesi fa. Tra questi solo Pulisic, Loftus-Cheek e Reijnders sono entrati in pianta stabile nel cuore del Diavolo.

Altre news di giornata


—) Ordine:"Pioli, spogliatoio in mano. Ma per il futuro...".


—) Okafor, Chuku, Adli: che flop. Addio in estate? Jovic e co...


—) Ibra: carica al Milan senza difesa. Aiuto a Pioli nella bufera.


—) Milan: il turnover non funziona mai. E la difesa...


—) Scaroni assunto anche in Redbird. Ecco il ruolo.


—) Milan: chi arriva e chi parte. Zirkzee, Sesko e addio a un big?


—)
Pioli: l'EL unica via per restare. Conte, Motta... Cardinale si interroga.
 
Registrato
13 Gennaio 2014
Messaggi
32,243
Reaction score
10,169
"Non è riuscito a convincere" :asd: Ha giocato 5/6 partite in croce all'inizio della stagione quando le avevamo vinte 8 su 9 poi si è spaccato ma "Non ha convinto" :asd: Le comiche!
L' unico che ha giocato di quelli citati in 'sto """"articolo"""" ( di questa qualità potrei scriverne mentre lavoro e faccio altro) l' unico che è minimamente giudicabile è Adli
 
Registrato
20 Aprile 2016
Messaggi
14,342
Reaction score
9,421
CorSport in edicola: non ha funzionato una squadra rivoluzionata dal turnover, di conseguenza ancor meno sono risultate effi caci le prestazioni di chi si giocava una chance importante e l’ha sprecata banalmente. Oltre a tutto il resto, il Milan a Monza ha fatto il pieno di interrogativi su quei giocatori che da domenica sera sono ancora più in bilico in prospettiva futura e alimentano diversi dubbi sull’essere o meno all’altezza di un palcoscenico di livello come quello rossonero. I cambi all’intervallo sono stati un’evidente bocciatura per Okafor, Chukwueze e Adli, ai quali Pioli aveva dato fi ducia dal primo minuto per dare un po’ di respiro ai titolari dopo la sbornia in Europa League. Il rendimento però è scivolato via di gran lunga sotto le attese, evidenziando quanto la rosa per il tecnico sia più corta del previsto e in netta controtendenza con le intenzioni dell’estate scorsa della società di dare più soluzioni possibili tra gli uomini da mandare in campo. A fine stagione andranno fatte le dovute valutazioni anche in merito alla posizione di Jovic, che sembrava aver fatto dei passi in avanti in termini realizzativi prima di bruciarsi la nuova chance da titolare con una manata da rosso. Di certo non l’idea migliore per un giocatore a caccia di continuità nel rendimento, chiamato a essere il vice Giroud a tutti gli eff etti e che si sta giocando la riconferma di un anno in più, a livello contrattuale, fi no al 2025. Oltre all’incostanza di Adli, per Okafor e Chukwueze sono i numeri a parlare, con appena sei gol in due messi a segno nei primi sei mesi in rossonero, oltre alle difficoltà lampanti a inserirsi con decisione negli schemi della squadra.

ALTRI NOMI. Verso fine stagione il club metterà sul tavolo tutte le situazioni da attenzionare, incluse quelle che riguardano i difensori Kjaer e Kalulu, esponenti di una difesa affl itta da errori e incertezze come evidenziato nell’articolo a parte. Il primo è in scadenza di contratto e sta per compiere 35 anni con più di qualche acciacco fi sico, il secondo (attualmente infortunato) in questa stagione non è mai riuscito a convincere e potrebbe essere messo sulla lista dei partenti. Il rush fi nale tra campionato ed Europa League sarà un esame importante per molti, tanto da non dover escludere un nuovo viavai l’estate prossima dopo i dieci volti nuovi arrivati a Milanello appena pochi mesi fa. Tra questi solo Pulisic, Loftus-Cheek e Reijnders sono entrati in pianta stabile nel cuore del Diavolo.

Altre news di giornata


—) Ordine:"Pioli, spogliatoio in mano. Ma per il futuro...".


—) Okafor, Chuku, Adli: che flop. Addio in estate? Jovic e co...


—) Ibra: carica al Milan senza difesa. Aiuto a Pioli nella bufera.


—) Milan: il turnover non funziona mai. E la difesa...


—) Scaroni assunto anche in Redbird. Ecco il ruolo.


—) Milan: chi arriva e chi parte. Zirkzee, Sesko e addio a un big?


—)
Pioli: l'EL unica via per restare. Conte, Motta... Cardinale si interroga.
Per me unico vero flop è Chukwueze.
Adli ha fatto diverse buonissime partite, mentre Okafor il poco che ha giocato personalmente mi ha convinto e ha dimostrato ottimo feeling con il gol, chiaramente non è un esterno ma una mezzapunta, ma Pioli non capisce niente e quindi gli serve ancora un annetto prima di realizzarlo.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
207,127
Reaction score
29,238
CorSport in edicola: non ha funzionato una squadra rivoluzionata dal turnover, di conseguenza ancor meno sono risultate effi caci le prestazioni di chi si giocava una chance importante e l’ha sprecata banalmente. Oltre a tutto il resto, il Milan a Monza ha fatto il pieno di interrogativi su quei giocatori che da domenica sera sono ancora più in bilico in prospettiva futura e alimentano diversi dubbi sull’essere o meno all’altezza di un palcoscenico di livello come quello rossonero. I cambi all’intervallo sono stati un’evidente bocciatura per Okafor, Chukwueze e Adli, ai quali Pioli aveva dato fi ducia dal primo minuto per dare un po’ di respiro ai titolari dopo la sbornia in Europa League. Il rendimento però è scivolato via di gran lunga sotto le attese, evidenziando quanto la rosa per il tecnico sia più corta del previsto e in netta controtendenza con le intenzioni dell’estate scorsa della società di dare più soluzioni possibili tra gli uomini da mandare in campo. A fine stagione andranno fatte le dovute valutazioni anche in merito alla posizione di Jovic, che sembrava aver fatto dei passi in avanti in termini realizzativi prima di bruciarsi la nuova chance da titolare con una manata da rosso. Di certo non l’idea migliore per un giocatore a caccia di continuità nel rendimento, chiamato a essere il vice Giroud a tutti gli eff etti e che si sta giocando la riconferma di un anno in più, a livello contrattuale, fi no al 2025. Oltre all’incostanza di Adli, per Okafor e Chukwueze sono i numeri a parlare, con appena sei gol in due messi a segno nei primi sei mesi in rossonero, oltre alle difficoltà lampanti a inserirsi con decisione negli schemi della squadra.

ALTRI NOMI. Verso fine stagione il club metterà sul tavolo tutte le situazioni da attenzionare, incluse quelle che riguardano i difensori Kjaer e Kalulu, esponenti di una difesa affl itta da errori e incertezze come evidenziato nell’articolo a parte. Il primo è in scadenza di contratto e sta per compiere 35 anni con più di qualche acciacco fi sico, il secondo (attualmente infortunato) in questa stagione non è mai riuscito a convincere e potrebbe essere messo sulla lista dei partenti. Il rush fi nale tra campionato ed Europa League sarà un esame importante per molti, tanto da non dover escludere un nuovo viavai l’estate prossima dopo i dieci volti nuovi arrivati a Milanello appena pochi mesi fa. Tra questi solo Pulisic, Loftus-Cheek e Reijnders sono entrati in pianta stabile nel cuore del Diavolo.

Altre news di giornata


—) Ordine:"Pioli, spogliatoio in mano. Ma per il futuro...".


—) Okafor, Chuku, Adli: che flop. Addio in estate? Jovic e co...


—) Ibra: carica al Milan senza difesa. Aiuto a Pioli nella bufera.


—) Milan: il turnover non funziona mai. E la difesa...


—) Scaroni assunto anche in Redbird. Ecco il ruolo.


—) Milan: chi arriva e chi parte. Zirkzee, Sesko e addio a un big?


—)
Pioli: l'EL unica via per restare. Conte, Motta... Cardinale si interroga.
.
 
Alto
head>