Milan: PIF ostacolato come Commisso e Investcorp.

Toby rosso nero

Moderatore
Membro dello Staff
Registrato
29 Agosto 2012
Messaggi
41,909
Reaction score
23,120
Come riporta Dagospia, Cardinale ha trattato con PIF interessato a rilevare i 600 milioni di debito che il proprietario di Redbird ha con Elliott e anche di mettere un cospicuo assegno per la costruzione del nuovo stadio a San Donato. Il fondo arabo aveva un’esclusiva fino al 31 marzo ma, proprio mentre l’operazione si stava chiudendo, i magistrati di Milano scovano delle carte che dimostrerebbero proprio che il proprietario del Milan sarebbe ancora Elliott e Gerry Cardinale sarebbe solo un prestanome.
La cessione era all'insaputa di Elliott.

Come mai ogni volta che qualcuno cerca di comprare il Milan qualcosa lo impedisce?

Il primo fu Rocco Commisso il quale, nel 2018, arrivò vicinissimo a chiudere l’operazione per rilevare la squadra rossonera. All’ultimo momento il cinese cambiò pool di avvocati: l’operazione saltò, Li fece scadere il pegno, e Elliott rilevò la proprietà del Milan.

Nel 2022 fu il fondo arabo Investcorp ad arrivare vicinissimo all’acquisizione da Elliott. Era già pronto un organigramma con Paolo Maldini presidente, Ivan Gadizis ceo e Antonio Conte in panchina. Il Milan vinse lo scudetto, Paul e Gordon Singer fecero il giro con il pullman circondato dai tifosi, e decisero di tenerne la proprietà, salvo venderla poco dopo all’italo-americano Gerry Cardinale, che ebbe però bisogno di un cospicuo finanziamento ancora di Elliott per chiudere l’operazione.
Risultato? Il presidente rimase Paolo Scaroni, uomo di Elliott fin dai tempi della scalata a Tim, e amministratore delegato divenne Giorgio Furlani, ovvero il capo di Elliott a Londra.

Furlani-Casa-Milan-Dubai-1.jpg
 
Ultima modifica di un moderatore:

bobbylukr

Well-known member
Registrato
22 Luglio 2022
Messaggi
3,348
Reaction score
2,653
Come riporta Dagospia, Cardinale ha trattato con PIF interessato a rilevare i 600 milioni di debito che il proprietario di Redbird ha con Elliott e anche di mettere un cospicuo assegno per la costruzione del nuovo stadio a San Donato. Il fondo arabo aveva un’esclusiva fino al 31 marzo ma, proprio mentre l’operazione si stava chiudendo, i magistrati di Milano scovano delle carte che dimostrerebbero proprio che il proprietario del Milan sarebbe ancora Elliott e Gerry Cardinale sarebbe solo un prestanome.
La cessione era all'insaputa di Elliott.

Come mai ogni volta che qualcuno cerca di comprare il Milan qualcosa lo impedisce?
Il primo fu Rocco Commisso il quale, nel 2018, arrivò vicinissimo a chiudere l’operazione per rilevare la squadra rossonera. All’ultimo momento il cinese cambiò pool di avvocati: l’operazione saltò, Li fece scadere il pegno, e Elliott rilevò la proprietà del Milan.

Nel 2022 fu il fondo arabo Investcorp ad arrivare vicinissimo all’acquisizione da Elliott. Era già pronto un organigramma con Paolo Maldini presidente, Ivan Gadizis ceo e Antonio Conte in panchina. Il Milan vinse lo scudetto, Paul e Gordon Singer fecero il giro con il pullman circondato dai tifosi, e decisero di tenerne la proprietà, salvo venderla poco dopo all’italo-americano Gerry Cardinale, che ebbe però bisogno di un cospicuo finanziamento ancora di Elliott per chiudere l’operazione.
Risultato? Il presidente rimase Paolo Scaroni, uomo di Elliott fin dai tempi della scalata a Tim, e amministratore delegato divenne Giorgio Furlani, ovvero il capo di Elliott a Londra.

Se risultasse vera sta cosa tutti i tifosi del Milan dovrebbero lasciare lo stadio totalmente vuoto e non fare nessun abbonamento finché questi non vendono.
 

Tifo'o

Moderatore
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
37,005
Reaction score
5,926
Come riporta Dagospia, Cardinale ha trattato con PIF interessato a rilevare i 600 milioni di debito che il proprietario di Redbird ha con Elliott e anche di mettere un cospicuo assegno per la costruzione del nuovo stadio a San Donato. Il fondo arabo aveva un’esclusiva fino al 31 marzo ma, proprio mentre l’operazione si stava chiudendo, i magistrati di Milano scovano delle carte che dimostrerebbero proprio che il proprietario del Milan sarebbe ancora Elliott e Gerry Cardinale sarebbe solo un prestanome.
La cessione era all'insaputa di Elliott.

Come mai ogni volta che qualcuno cerca di comprare il Milan qualcosa lo impedisce?
Il primo fu Rocco Commisso il quale, nel 2018, arrivò vicinissimo a chiudere l’operazione per rilevare la squadra rossonera. All’ultimo momento il cinese cambiò pool di avvocati: l’operazione saltò, Li fece scadere il pegno, e Elliott rilevò la proprietà del Milan.

Nel 2022 fu il fondo arabo Investcorp ad arrivare vicinissimo all’acquisizione da Elliott. Era già pronto un organigramma con Paolo Maldini presidente, Ivan Gadizis ceo e Antonio Conte in panchina. Il Milan vinse lo scudetto, Paul e Gordon Singer fecero il giro con il pullman circondato dai tifosi, e decisero di tenerne la proprietà, salvo venderla poco dopo all’italo-americano Gerry Cardinale, che ebbe però bisogno di un cospicuo finanziamento ancora di Elliott per chiudere l’operazione.
Risultato? Il presidente rimase Paolo Scaroni, uomo di Elliott fin dai tempi della scalata a Tim, e amministratore delegato divenne Giorgio Furlani, ovvero il capo di Elliott a Londra.
Ripeto per centnesima volta.. guardate la storia di Iddiot guardate tutti i tramaci fatti per decenni.. basta leggersi la loro storia hanno le mani ovunque in sudamerica e africa ed ogni volta finisce puntualmente in tribunale ed ogni volta puntualmente vincono..

Di fondi ce ne sono tanti eh.. ma questo qui è quello peggio di tutti.. gli altri fondi non fanno carità ma questo Elliot riduce tutto a carcassa..

Ci è davvero capitato il peggiore dei peggiori..

Non sarà facile uscirne.
 

malos

Senior Member
Registrato
29 Agosto 2014
Messaggi
7,891
Reaction score
2,379
Come riporta Dagospia, Cardinale ha trattato con PIF interessato a rilevare i 600 milioni di debito che il proprietario di Redbird ha con Elliott e anche di mettere un cospicuo assegno per la costruzione del nuovo stadio a San Donato. Il fondo arabo aveva un’esclusiva fino al 31 marzo ma, proprio mentre l’operazione si stava chiudendo, i magistrati di Milano scovano delle carte che dimostrerebbero proprio che il proprietario del Milan sarebbe ancora Elliott e Gerry Cardinale sarebbe solo un prestanome.
La cessione era all'insaputa di Elliott.

Come mai ogni volta che qualcuno cerca di comprare il Milan qualcosa lo impedisce?

Il primo fu Rocco Commisso il quale, nel 2018, arrivò vicinissimo a chiudere l’operazione per rilevare la squadra rossonera. All’ultimo momento il cinese cambiò pool di avvocati: l’operazione saltò, Li fece scadere il pegno, e Elliott rilevò la proprietà del Milan.

Nel 2022 fu il fondo arabo Investcorp ad arrivare vicinissimo all’acquisizione da Elliott. Era già pronto un organigramma con Paolo Maldini presidente, Ivan Gadizis ceo e Antonio Conte in panchina. Il Milan vinse lo scudetto, Paul e Gordon Singer fecero il giro con il pullman circondato dai tifosi, e decisero di tenerne la proprietà, salvo venderla poco dopo all’italo-americano Gerry Cardinale, che ebbe però bisogno di un cospicuo finanziamento ancora di Elliott per chiudere l’operazione.
Risultato? Il presidente rimase Paolo Scaroni, uomo di Elliott fin dai tempi della scalata a Tim, e amministratore delegato divenne Giorgio Furlani, ovvero il capo di Elliott a Londra.

Vedi l'allegato 7335

Insomma lo scudetto una maledizione sia per noi (Investcorp) sia per loro (troppe aspettative).
 

GP7

Junior Member
Registrato
7 Febbraio 2017
Messaggi
1,944
Reaction score
1,396
Come riporta Dagospia, Cardinale ha trattato con PIF interessato a rilevare i 600 milioni di debito che il proprietario di Redbird ha con Elliott e anche di mettere un cospicuo assegno per la costruzione del nuovo stadio a San Donato. Il fondo arabo aveva un’esclusiva fino al 31 marzo ma, proprio mentre l’operazione si stava chiudendo, i magistrati di Milano scovano delle carte che dimostrerebbero proprio che il proprietario del Milan sarebbe ancora Elliott e Gerry Cardinale sarebbe solo un prestanome.
La cessione era all'insaputa di Elliott.

Come mai ogni volta che qualcuno cerca di comprare il Milan qualcosa lo impedisce?

Il primo fu Rocco Commisso il quale, nel 2018, arrivò vicinissimo a chiudere l’operazione per rilevare la squadra rossonera. All’ultimo momento il cinese cambiò pool di avvocati: l’operazione saltò, Li fece scadere il pegno, e Elliott rilevò la proprietà del Milan.

Nel 2022 fu il fondo arabo Investcorp ad arrivare vicinissimo all’acquisizione da Elliott. Era già pronto un organigramma con Paolo Maldini presidente, Ivan Gadizis ceo e Antonio Conte in panchina. Il Milan vinse lo scudetto, Paul e Gordon Singer fecero il giro con il pullman circondato dai tifosi, e decisero di tenerne la proprietà, salvo venderla poco dopo all’italo-americano Gerry Cardinale, che ebbe però bisogno di un cospicuo finanziamento ancora di Elliott per chiudere l’operazione.
Risultato? Il presidente rimase Paolo Scaroni, uomo di Elliott fin dai tempi della scalata a Tim, e amministratore delegato divenne Giorgio Furlani, ovvero il capo di Elliott a Londra.

Vedi l'allegato 7335
Quindi niente cambio di proprietà, niente Conte, niente ambizione e niente nuovo stadio e si resta a San Siro (stuccato e tinteggiato) con le melme. Spettacolo!
 

gabri65

BFMI-class member
Registrato
26 Giugno 2018
Messaggi
21,650
Reaction score
16,967
Come riporta Dagospia, Cardinale ha trattato con PIF interessato a rilevare i 600 milioni di debito che il proprietario di Redbird ha con Elliott e anche di mettere un cospicuo assegno per la costruzione del nuovo stadio a San Donato. Il fondo arabo aveva un’esclusiva fino al 31 marzo ma, proprio mentre l’operazione si stava chiudendo, i magistrati di Milano scovano delle carte che dimostrerebbero proprio che il proprietario del Milan sarebbe ancora Elliott e Gerry Cardinale sarebbe solo un prestanome.
La cessione era all'insaputa di Elliott.

Come mai ogni volta che qualcuno cerca di comprare il Milan qualcosa lo impedisce?

Il primo fu Rocco Commisso il quale, nel 2018, arrivò vicinissimo a chiudere l’operazione per rilevare la squadra rossonera. All’ultimo momento il cinese cambiò pool di avvocati: l’operazione saltò, Li fece scadere il pegno, e Elliott rilevò la proprietà del Milan.

Nel 2022 fu il fondo arabo Investcorp ad arrivare vicinissimo all’acquisizione da Elliott. Era già pronto un organigramma con Paolo Maldini presidente, Ivan Gadizis ceo e Antonio Conte in panchina. Il Milan vinse lo scudetto, Paul e Gordon Singer fecero il giro con il pullman circondato dai tifosi, e decisero di tenerne la proprietà, salvo venderla poco dopo all’italo-americano Gerry Cardinale, che ebbe però bisogno di un cospicuo finanziamento ancora di Elliott per chiudere l’operazione.
Risultato? Il presidente rimase Paolo Scaroni, uomo di Elliott fin dai tempi della scalata a Tim, e amministratore delegato divenne Giorgio Furlani, ovvero il capo di Elliott a Londra.

Vedi l'allegato 7335

Se non sbaglio era stato detto e ridetto che il cancro veniva da dentro.

Cioè, qui si continua a credere agli asini che volano.

Io non so come fa la gente a non comprendere che razza di entità siano gli strozzini, boh. Proprio un rifiuto testardo di accettare l'evidenza.

E quando qualcuno voleva Commisso, partivano pure i perculamenti, "il fondo è ricco".
 
Registrato
28 Agosto 2012
Messaggi
13,305
Reaction score
3,967
Come riporta Dagospia, Cardinale ha trattato con PIF interessato a rilevare i 600 milioni di debito che il proprietario di Redbird ha con Elliott e anche di mettere un cospicuo assegno per la costruzione del nuovo stadio a San Donato. Il fondo arabo aveva un’esclusiva fino al 31 marzo ma, proprio mentre l’operazione si stava chiudendo, i magistrati di Milano scovano delle carte che dimostrerebbero proprio che il proprietario del Milan sarebbe ancora Elliott e Gerry Cardinale sarebbe solo un prestanome.
La cessione era all'insaputa di Elliott.

Come mai ogni volta che qualcuno cerca di comprare il Milan qualcosa lo impedisce?

Il primo fu Rocco Commisso il quale, nel 2018, arrivò vicinissimo a chiudere l’operazione per rilevare la squadra rossonera. All’ultimo momento il cinese cambiò pool di avvocati: l’operazione saltò, Li fece scadere il pegno, e Elliott rilevò la proprietà del Milan.

Nel 2022 fu il fondo arabo Investcorp ad arrivare vicinissimo all’acquisizione da Elliott. Era già pronto un organigramma con Paolo Maldini presidente, Ivan Gadizis ceo e Antonio Conte in panchina. Il Milan vinse lo scudetto, Paul e Gordon Singer fecero il giro con il pullman circondato dai tifosi, e decisero di tenerne la proprietà, salvo venderla poco dopo all’italo-americano Gerry Cardinale, che ebbe però bisogno di un cospicuo finanziamento ancora di Elliott per chiudere l’operazione.
Risultato? Il presidente rimase Paolo Scaroni, uomo di Elliott fin dai tempi della scalata a Tim, e amministratore delegato divenne Giorgio Furlani, ovvero il capo di Elliott a Londra.

Vedi l'allegato 7335
Ma cosa vogliono questi maledetti?
 

UDG

Junior Member
Registrato
30 Ottobre 2012
Messaggi
3,713
Reaction score
1,953
Come riporta Dagospia, Cardinale ha trattato con PIF interessato a rilevare i 600 milioni di debito che il proprietario di Redbird ha con Elliott e anche di mettere un cospicuo assegno per la costruzione del nuovo stadio a San Donato. Il fondo arabo aveva un’esclusiva fino al 31 marzo ma, proprio mentre l’operazione si stava chiudendo, i magistrati di Milano scovano delle carte che dimostrerebbero proprio che il proprietario del Milan sarebbe ancora Elliott e Gerry Cardinale sarebbe solo un prestanome.
La cessione era all'insaputa di Elliott.

Come mai ogni volta che qualcuno cerca di comprare il Milan qualcosa lo impedisce?

Il primo fu Rocco Commisso il quale, nel 2018, arrivò vicinissimo a chiudere l’operazione per rilevare la squadra rossonera. All’ultimo momento il cinese cambiò pool di avvocati: l’operazione saltò, Li fece scadere il pegno, e Elliott rilevò la proprietà del Milan.

Nel 2022 fu il fondo arabo Investcorp ad arrivare vicinissimo all’acquisizione da Elliott. Era già pronto un organigramma con Paolo Maldini presidente, Ivan Gadizis ceo e Antonio Conte in panchina. Il Milan vinse lo scudetto, Paul e Gordon Singer fecero il giro con il pullman circondato dai tifosi, e decisero di tenerne la proprietà, salvo venderla poco dopo all’italo-americano Gerry Cardinale, che ebbe però bisogno di un cospicuo finanziamento ancora di Elliott per chiudere l’operazione.
Risultato? Il presidente rimase Paolo Scaroni, uomo di Elliott fin dai tempi della scalata a Tim, e amministratore delegato divenne Giorgio Furlani, ovvero il capo di Elliott a Londra.

Vedi l'allegato 7335
Addio Milan
 
Registrato
3 Marzo 2013
Messaggi
3,662
Reaction score
1,082
Come riporta Dagospia, Cardinale ha trattato con PIF interessato a rilevare i 600 milioni di debito che il proprietario di Redbird ha con Elliott e anche di mettere un cospicuo assegno per la costruzione del nuovo stadio a San Donato. Il fondo arabo aveva un’esclusiva fino al 31 marzo ma, proprio mentre l’operazione si stava chiudendo, i magistrati di Milano scovano delle carte che dimostrerebbero proprio che il proprietario del Milan sarebbe ancora Elliott e Gerry Cardinale sarebbe solo un prestanome.
La cessione era all'insaputa di Elliott.

Come mai ogni volta che qualcuno cerca di comprare il Milan qualcosa lo impedisce?

Il primo fu Rocco Commisso il quale, nel 2018, arrivò vicinissimo a chiudere l’operazione per rilevare la squadra rossonera. All’ultimo momento il cinese cambiò pool di avvocati: l’operazione saltò, Li fece scadere il pegno, e Elliott rilevò la proprietà del Milan.

Nel 2022 fu il fondo arabo Investcorp ad arrivare vicinissimo all’acquisizione da Elliott. Era già pronto un organigramma con Paolo Maldini presidente, Ivan Gadizis ceo e Antonio Conte in panchina. Il Milan vinse lo scudetto, Paul e Gordon Singer fecero il giro con il pullman circondato dai tifosi, e decisero di tenerne la proprietà, salvo venderla poco dopo all’italo-americano Gerry Cardinale, che ebbe però bisogno di un cospicuo finanziamento ancora di Elliott per chiudere l’operazione.
Risultato? Il presidente rimase Paolo Scaroni, uomo di Elliott fin dai tempi della scalata a Tim, e amministratore delegato divenne Giorgio Furlani, ovvero il capo di Elliott a Londra.

Vedi l'allegato 7335
Lo avevo scritto fino alla paranoia. L’inchiesta l’ha fatta iniziare Elliot.
 
Alto
head>