Derby arabo: Cardinale soci o cessione? Il debito di Redbird...

Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
200,232
Reaction score
25,717
Enrico Currò su Repubblica in edicola conferma le indiscrezioni di ieri de IS24ORE e aggiunge: l’indiscrezione del Sole 24 Ore sul suo incontro in Bahrain con i rappresentanti del fondo Investcorp ha raggiunto in Florida un Gerry Cardinale più ineffabile del solito. Sabato scorso Repubblica aveva anticipato che l’azionista di controllo Usa del Milan, con l’ad Furlani, era stato in Medio Oriente prima della partita del 28 novembre col Dortmund, per incontrare investitori in vista di un riassetto societario. Le puntualizzazioni sono ufficiose e dicono che nessun incontro con rappresentanti di Investcorp c’è stato o è in programma (ma si tratta di veline inviate a tutti gli zoomati, aggiungiamo NDR). Il tema resta scabroso: l’eventuale appuntamento sarebbe una clamorosa marcia indietro.

Investcorp è infatti il fondo arabo con sede in Bahrain che dal novembre 2021 al maggio 2022, insieme alla piattaforma di investimento MFO Multi Family Office Equity Partners (base a New York e presenza della famiglia reale saudita tra gli investitori, con Saudi Crown MFO), trattò l’acquisizione del club dal fondo Elliott della famiglia Singer per una cifra superiore al miliardo di euro, senza prestiti. La trattativa saltò poi in dirittura d’arrivo e fu la società di investimento newyorchese RedBird Capital di Cardinale a chiudere a sorpresa l’affare per 1,2 miliardi di euro, poco meno della metà dei quali (550) da un vendor loan, prestito da restituire in 3 anni a un tasso d’interesse mai ufficializzato (tra i 40 e i 60 milioni l’anno, a seconda delle versioni).

L’entità del debito che RedBird dovrà pagare al fondo Elliott nel 2025 non è l’unico segreto di un passaggio di proprietà sul quale indaga da gennaio anche la polizia valutaria della Guardia di Finanza. Ma la domanda che i tifosi milanisti si stanno facendo in queste ore è se Cardinale sia a caccia di soci o addirittura di acquirenti. Se, cioè, sia alle viste un nuovo cambio di assetto societario per un club che dall’aprile 2017, data della tortuosa cessione dalla Fininvest di Berlusconi al misterioso cinese Yonghong Li, è abituato alle metamorfosi: nel 2018 dall’insolvente debitore Li al fondo Elliott e nel 2022, appunto, a RedBird. Oggi, dopo le frequenti modifiche di un Cda i cui punti fermi sono dal 2018 il presi- dente Scaroni e l’attuale ad Furlani (manager di Elliott ora in quota RedBird) e dal 2021 Gordon Singer vertice di Elliott, la possibile eliminazione dalla Champions il 13 dicembre a Newcastle (con potenziali mancati ricavi per 150 milioni, Mondiale per club 2025 incluso) rischia di indebolire il marchio Milan, al netto del bilancio in attivo di 6 milioni e del piano stadio a San Donato, che ne alzerebbe il valore (1,5 miliardi la stima).

VISNADI SU IL GIORNALE: MILANO DERBY ARABO

temp-Imageg-Kbjy3.jpg
 
Ultima modifica:

Lineker10

Senior Member
Registrato
20 Giugno 2017
Messaggi
26,873
Reaction score
10,731
Enrico Currò su Repubblica in edicola conferma le indiscrezioni di ieri de IS24ORE e aggiunge: l’indiscrezione del Sole 24 Ore sul suo incontro in Bahrain con i rappresentanti del fondo Investcorp ha raggiunto in Florida un Gerry Cardinale più ineffabile del solito. Sabato scorso Repubblica aveva anticipato che l’azionista di controllo Usa del Milan, con l’ad Furlani, era stato in Medio Oriente prima della partita del 28 novembre col Dortmund, per incontrare investitori in vista di un riassetto societario. Le puntualizzazioni sono ufficiose e dicono che nessun incontro con rappresentanti di Investcorp c’è stato o è in programma (ma si tratta di veline inviate a tutti gli zoomati, aggiungiamo NDR). Il tema resta scabroso: l’eventuale appuntamento sarebbe una clamorosa marcia indietro.

Investcorp è infatti il fondo arabo con sede in Bahrain che dal novembre 2021 al maggio 2022, insieme alla piattaforma di investimento MFO Multi Family Office Equity Partners (base a New York e presenza della famiglia reale saudita tra gli investitori, con Saudi Crown MFO), trattò l’acquisizione del club dal fondo Elliott della famiglia Singer per una cifra superiore al miliardo di euro, senza prestiti. La trattativa saltò poi in dirittura d’arrivo e fu la società di investimento newyorchese RedBird Capital di Cardinale a chiudere a sorpresa l’affare per 1,2 miliardi di euro, poco meno della metà dei quali (550) da un vendor loan, prestito da restituire in 3 anni a un tasso d’interesse mai ufficializzato (tra i 40 e i 60 milioni l’anno, a seconda delle versioni).

L’entità del debito che RedBird dovrà pagare al fondo Elliott nel 2025 non è l’unico segreto di un passaggio di proprietà sul quale indaga da gennaio anche la polizia valutaria della Guardia di Finanza. Ma la domanda che i tifosi milanisti si stanno facendo in queste ore è se Cardinale sia a caccia di soci o addirittura di acquirenti. Se, cioè, sia alle viste un nuovo cambio di assetto societario per un club che dall’aprile 2017, data della tortuosa cessione dalla Fininvest di Berlusconi al misterioso cinese Yonghong Li, è abituato alle metamorfosi: nel 2018 dall’insolvente debitore Li al fondo Elliott e nel 2022, appunto, a RedBird. Oggi, dopo le frequenti modifiche di un Cda i cui punti fermi sono dal 2018 il presi- dente Scaroni e l’attuale ad Furlani (manager di Elliott ora in quota RedBird) e dal 2021 Gordon Singer vertice di Elliott, la possibile eliminazione dalla Champions il 13 dicembre a Newcastle (con potenziali mancati ricavi per 150 milioni, Mondiale per club 2025 incluso) rischia di indebolire il marchio Milan, al netto del bilancio in attivo di 6 milioni e del piano stadio a San Donato, che ne alzerebbe il valore (1,5 miliardi la stima).
Ero contrario a Investcorp, mi sembrano dei pirati, per ora non cambio idea, pero peggio dei nostri pagliacci non possono essere.

Il Milan attuale migliora anche se lo compra Cellino.

In ogni caso, è bene che lo cedano del tutto.
 
Registrato
27 Agosto 2012
Messaggi
30,145
Reaction score
1,483
Ero contrario a Investcorp, mi sembrano dei pirati, per ora non cambio idea, pero peggio dei nostri pagliacci non possono essere.

Il Milan attuale migliora anche se lo compra Cellino.

In ogni caso, è bene che lo cedano del tutto.
Tu lo sapevi che Redbird, una volta preso il comando, avrebbe esautorato la classe digenziale precedenti. Ricordo molti post sull'argomento. Sportivamente molto è stato opinabile ma dal punto di vista societaria sono operato in modo correlato a quello di Elliott.
 

Lineker10

Senior Member
Registrato
20 Giugno 2017
Messaggi
26,873
Reaction score
10,731
Tu lo sapevi che Redbird, una volta preso il comando, avrebbe esautorato la classe digenziale precedenti. Ricordo molti post sull'argomento. Sportivamente molto è stato opinabile ma dal punto di vista societaria sono operato in modo correlato a quello di Elliott.
Che ci sta. Normale che una proprietà decida i propri manager.
Il problema è che Redbird al posto della vecchia gestione ha messo su il circo togni.

Ripeto una cosa detta anche questa in mille post, se avessero cacciato Maldini per metterci Giuntoli o anche che ne so il DS di una squadra straniera... non ci sarebbe stato nulla da dire.

Il punto è stato sostituire Maldini e Massara col "Team Integrato", ma sono cose dette e ridette su cui non vale la pena tornare.

Ora spero che Investcorp abbia intenzioni serie e nel caso levi di mezzo completamente Cardinale, algoritmi e Elliott. Poi che scelgano i manager che vogliono.
 

Franco

Well-known member
Registrato
22 Giugno 2022
Messaggi
1,659
Reaction score
1,467
un passaggio di proprietà sul quale indaga da gennaio anche la polizia valutaria della Guardia di Finanza.

Non sapevo di questa indagine della finanza. Ma non sono sorpreso. Il Milan cambia proprietà con la stessa frequenza con cui si cambiano i calzini, movimentando ogni volta centinaia di milioni: non serve uno scienziato per capire il motivo.
 

Gunnar67

Member
Registrato
31 Ottobre 2017
Messaggi
2,768
Reaction score
768
Che siluri che spara Repubblica sul caro vecchio Milan. Avanti americani, fate sto stadio. E un paio di acquisti a gennaio che ne abbiamo bisogno.
 
Registrato
27 Agosto 2012
Messaggi
30,145
Reaction score
1,483
Che ci sta. Normale che una proprietà decida i propri manager.
Il problema è che Redbird al posto della vecchia gestione ha messo su il circo togni.

Ripeto una cosa detta anche questa in mille post, se avessero cacciato Maldini per metterci Giuntoli o anche che ne so il DS di una squadra straniera... non ci sarebbe stato nulla da dire.

Il punto è stato sostituire Maldini e Massara col "Team Integrato", ma sono cose dette e ridette su cui non vale la pena tornare.

Ora spero che Investcorp abbia intenzioni serie e nel caso levi di mezzo completamente Cardinale, algoritmi e Elliott. Poi che scelgano i manager che vogliono.
Ma infatti la situazione in Europa è fallimentare e in Italia al massimo da piazzamento coppa. Ergo come hanno fatto fuori i precedenti anche questi dovranno smammare. Degli arabi o quantomeno di questi arabi mi fido ancora meno. Però vediamo.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
200,232
Reaction score
25,717
Enrico Currò su Repubblica in edicola conferma le indiscrezioni di ieri de IS24ORE e aggiunge: l’indiscrezione del Sole 24 Ore sul suo incontro in Bahrain con i rappresentanti del fondo Investcorp ha raggiunto in Florida un Gerry Cardinale più ineffabile del solito. Sabato scorso Repubblica aveva anticipato che l’azionista di controllo Usa del Milan, con l’ad Furlani, era stato in Medio Oriente prima della partita del 28 novembre col Dortmund, per incontrare investitori in vista di un riassetto societario. Le puntualizzazioni sono ufficiose e dicono che nessun incontro con rappresentanti di Investcorp c’è stato o è in programma (ma si tratta di veline inviate a tutti gli zoomati, aggiungiamo NDR). Il tema resta scabroso: l’eventuale appuntamento sarebbe una clamorosa marcia indietro.

Investcorp è infatti il fondo arabo con sede in Bahrain che dal novembre 2021 al maggio 2022, insieme alla piattaforma di investimento MFO Multi Family Office Equity Partners (base a New York e presenza della famiglia reale saudita tra gli investitori, con Saudi Crown MFO), trattò l’acquisizione del club dal fondo Elliott della famiglia Singer per una cifra superiore al miliardo di euro, senza prestiti. La trattativa saltò poi in dirittura d’arrivo e fu la società di investimento newyorchese RedBird Capital di Cardinale a chiudere a sorpresa l’affare per 1,2 miliardi di euro, poco meno della metà dei quali (550) da un vendor loan, prestito da restituire in 3 anni a un tasso d’interesse mai ufficializzato (tra i 40 e i 60 milioni l’anno, a seconda delle versioni).

L’entità del debito che RedBird dovrà pagare al fondo Elliott nel 2025 non è l’unico segreto di un passaggio di proprietà sul quale indaga da gennaio anche la polizia valutaria della Guardia di Finanza. Ma la domanda che i tifosi milanisti si stanno facendo in queste ore è se Cardinale sia a caccia di soci o addirittura di acquirenti. Se, cioè, sia alle viste un nuovo cambio di assetto societario per un club che dall’aprile 2017, data della tortuosa cessione dalla Fininvest di Berlusconi al misterioso cinese Yonghong Li, è abituato alle metamorfosi: nel 2018 dall’insolvente debitore Li al fondo Elliott e nel 2022, appunto, a RedBird. Oggi, dopo le frequenti modifiche di un Cda i cui punti fermi sono dal 2018 il presi- dente Scaroni e l’attuale ad Furlani (manager di Elliott ora in quota RedBird) e dal 2021 Gordon Singer vertice di Elliott, la possibile eliminazione dalla Champions il 13 dicembre a Newcastle (con potenziali mancati ricavi per 150 milioni, Mondiale per club 2025 incluso) rischia di indebolire il marchio Milan, al netto del bilancio in attivo di 6 milioni e del piano stadio a San Donato, che ne alzerebbe il valore (1,5 miliardi la stima).

VISNADI SU IL GIORNALE: MILANO DEBY ARABO

temp-Imageg-Kbjy3.jpg
 

Zenos

Senior Member
Registrato
30 Agosto 2012
Messaggi
22,199
Reaction score
10,297
Enrico Currò su Repubblica in edicola conferma le indiscrezioni di ieri de IS24ORE e aggiunge: l’indiscrezione del Sole 24 Ore sul suo incontro in Bahrain con i rappresentanti del fondo Investcorp ha raggiunto in Florida un Gerry Cardinale più ineffabile del solito. Sabato scorso Repubblica aveva anticipato che l’azionista di controllo Usa del Milan, con l’ad Furlani, era stato in Medio Oriente prima della partita del 28 novembre col Dortmund, per incontrare investitori in vista di un riassetto societario. Le puntualizzazioni sono ufficiose e dicono che nessun incontro con rappresentanti di Investcorp c’è stato o è in programma (ma si tratta di veline inviate a tutti gli zoomati, aggiungiamo NDR). Il tema resta scabroso: l’eventuale appuntamento sarebbe una clamorosa marcia indietro.

Investcorp è infatti il fondo arabo con sede in Bahrain che dal novembre 2021 al maggio 2022, insieme alla piattaforma di investimento MFO Multi Family Office Equity Partners (base a New York e presenza della famiglia reale saudita tra gli investitori, con Saudi Crown MFO), trattò l’acquisizione del club dal fondo Elliott della famiglia Singer per una cifra superiore al miliardo di euro, senza prestiti. La trattativa saltò poi in dirittura d’arrivo e fu la società di investimento newyorchese RedBird Capital di Cardinale a chiudere a sorpresa l’affare per 1,2 miliardi di euro, poco meno della metà dei quali (550) da un vendor loan, prestito da restituire in 3 anni a un tasso d’interesse mai ufficializzato (tra i 40 e i 60 milioni l’anno, a seconda delle versioni).

L’entità del debito che RedBird dovrà pagare al fondo Elliott nel 2025 non è l’unico segreto di un passaggio di proprietà sul quale indaga da gennaio anche la polizia valutaria della Guardia di Finanza. Ma la domanda che i tifosi milanisti si stanno facendo in queste ore è se Cardinale sia a caccia di soci o addirittura di acquirenti. Se, cioè, sia alle viste un nuovo cambio di assetto societario per un club che dall’aprile 2017, data della tortuosa cessione dalla Fininvest di Berlusconi al misterioso cinese Yonghong Li, è abituato alle metamorfosi: nel 2018 dall’insolvente debitore Li al fondo Elliott e nel 2022, appunto, a RedBird. Oggi, dopo le frequenti modifiche di un Cda i cui punti fermi sono dal 2018 il presi- dente Scaroni e l’attuale ad Furlani (manager di Elliott ora in quota RedBird) e dal 2021 Gordon Singer vertice di Elliott, la possibile eliminazione dalla Champions il 13 dicembre a Newcastle (con potenziali mancati ricavi per 150 milioni, Mondiale per club 2025 incluso) rischia di indebolire il marchio Milan, al netto del bilancio in attivo di 6 milioni e del piano stadio a San Donato, che ne alzerebbe il valore (1,5 miliardi la stima).
I cani di Elliot e Redbird non molleranno mai l osso con la questione stadio ancora in piedi. Cercano di sicuro qualche socio a cui spillare qualcosa per la quotidiana amministrazione in attesa di tempi più maturi per poter incassare tutto il malloppo.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
200,232
Reaction score
25,717
Enrico Currò su Repubblica in edicola conferma le indiscrezioni di ieri de IS24ORE e aggiunge: l’indiscrezione del Sole 24 Ore sul suo incontro in Bahrain con i rappresentanti del fondo Investcorp ha raggiunto in Florida un Gerry Cardinale più ineffabile del solito. Sabato scorso Repubblica aveva anticipato che l’azionista di controllo Usa del Milan, con l’ad Furlani, era stato in Medio Oriente prima della partita del 28 novembre col Dortmund, per incontrare investitori in vista di un riassetto societario. Le puntualizzazioni sono ufficiose e dicono che nessun incontro con rappresentanti di Investcorp c’è stato o è in programma (ma si tratta di veline inviate a tutti gli zoomati, aggiungiamo NDR). Il tema resta scabroso: l’eventuale appuntamento sarebbe una clamorosa marcia indietro.

Investcorp è infatti il fondo arabo con sede in Bahrain che dal novembre 2021 al maggio 2022, insieme alla piattaforma di investimento MFO Multi Family Office Equity Partners (base a New York e presenza della famiglia reale saudita tra gli investitori, con Saudi Crown MFO), trattò l’acquisizione del club dal fondo Elliott della famiglia Singer per una cifra superiore al miliardo di euro, senza prestiti. La trattativa saltò poi in dirittura d’arrivo e fu la società di investimento newyorchese RedBird Capital di Cardinale a chiudere a sorpresa l’affare per 1,2 miliardi di euro, poco meno della metà dei quali (550) da un vendor loan, prestito da restituire in 3 anni a un tasso d’interesse mai ufficializzato (tra i 40 e i 60 milioni l’anno, a seconda delle versioni).

L’entità del debito che RedBird dovrà pagare al fondo Elliott nel 2025 non è l’unico segreto di un passaggio di proprietà sul quale indaga da gennaio anche la polizia valutaria della Guardia di Finanza. Ma la domanda che i tifosi milanisti si stanno facendo in queste ore è se Cardinale sia a caccia di soci o addirittura di acquirenti. Se, cioè, sia alle viste un nuovo cambio di assetto societario per un club che dall’aprile 2017, data della tortuosa cessione dalla Fininvest di Berlusconi al misterioso cinese Yonghong Li, è abituato alle metamorfosi: nel 2018 dall’insolvente debitore Li al fondo Elliott e nel 2022, appunto, a RedBird. Oggi, dopo le frequenti modifiche di un Cda i cui punti fermi sono dal 2018 il presi- dente Scaroni e l’attuale ad Furlani (manager di Elliott ora in quota RedBird) e dal 2021 Gordon Singer vertice di Elliott, la possibile eliminazione dalla Champions il 13 dicembre a Newcastle (con potenziali mancati ricavi per 150 milioni, Mondiale per club 2025 incluso) rischia di indebolire il marchio Milan, al netto del bilancio in attivo di 6 milioni e del piano stadio a San Donato, che ne alzerebbe il valore (1,5 miliardi la stima).

VISNADI SU IL GIORNALE: MILANO DERBY ARABO

temp-Imageg-Kbjy3.jpg
.
 
Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.
Alto
head>