Variante Omicron: in arrivo dose booster specifica.

Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.

Kaw

Member
Registrato
19 Giugno 2015
Messaggi
2,943
Reaction score
213
omicron persei 8. chi si ricorda cos'è?
L'ho pensato subito:LOL:

KoaWKCZ.png

Come comunicato da Moderna verrà sviluppata un’apposita dose di richiamo booster, efficace contro la nuova variante Omicron (sudafricana) che sta terrorizzando il mondo e ha fatto crollare le borse.
Nota simile per Pfizer, già al lavoro per una nuova versione del vaccino. Ma per Pfizer ci vorranno almeno 100 giorni.

Notizie precedenti:
Che succede se, tra qualche mese, le miliardi di dosi che abbiamo fatto saranno del tutto inutili perchè questa variante diverrà predominante?
 

Milanforever26

Senior Member
Registrato
6 Giugno 2014
Messaggi
38,975
Reaction score
2,683
Luoghi comuni su luoghi comuni. Ancora siamo a laurea uguale sapienza? Dio mio…
Comunque i virostar possono aver studiato anche 10 anni ma hanno perso tutta la credibilità e dignità in soli 2 anni. Quindi vedi tu che espertoni.
Conosco laureati che non sanno manco esprimersi in italiano. Medici laureati che non sanno manco diagnosticare un’influenza. Ma dai
Immagino che se un giorno avrai bisogno di cure (ti auguro mai) non andrai in ospedale a farti curare da questi medic aureati lestofanti, ma chiederai al tuo meccanico di fiducia o al salumiere del supermercato oppure un bel sondaggio tra gli amici del bar, quelli si che ti dicono le cose giuste
 

mandraghe

Membro e rettile
Registrato
10 Ottobre 2013
Messaggi
10,984
Reaction score
1,564
Luoghi comuni su luoghi comuni. Ancora siamo a laurea uguale sapienza? Dio mio…
Comunque i virostar possono aver studiato anche 10 anni ma hanno perso tutta la credibilità e dignità in soli 2 anni. Quindi vedi tu che espertoni.
Conosco laureati che non sanno manco esprimersi in italiano. Medici laureati che non sanno manco diagnosticare un’influenza. Ma dai
In effetti Mengele, che aveva due lauree, deve essere considerato un luminare ed una persona assolutamente capace :lalla:
 

JoKeR

Member
Registrato
4 Settembre 2012
Messaggi
4,150
Reaction score
1,557
La Rai: pensavamo di passare un Natale tranquillo ma la situazione è improvvisamente degenerata.
Con 610 circa terapie intensive occupate (anno scorso senza vaccino 3500 circa) direi proprio che la situazione è degenerata.
Per non parlare dei ricoveri ordinari, circa un ottavo..
 
Registrato
23 Giugno 2018
Messaggi
5,731
Reaction score
1,420
Luoghi comuni su luoghi comuni. Ancora siamo a laurea uguale sapienza? Dio mio…
Comunque i virostar possono aver studiato anche 10 anni ma hanno perso tutta la credibilità e dignità in soli 2 anni. Quindi vedi tu che espertoni.
Conosco laureati che non sanno manco esprimersi in italiano. Medici laureati che non sanno manco diagnosticare un’influenza. Ma dai
Ma il fatto che ci siano medici che non sanno diagnosticare un’influenza non significa che chiunque possa diagnosticare un’influenza.
Obiettivamente, secondo te quante persone hanno realmente letto i vari studi scientifici pubblicati fino a ora?
Già solo il fatto che siano tutti pubblicati in inglese in Italia taglia fuori dalle possibilità di comprensione un buon 70% della popolazione. Se poi ci aggiungiamo terminologia tecnica, capacità di lettura dei dati, descrizione del metodo, ecc quanti restano?
Quindi, la quasi totalità delle opinioni espresse si basa su “conoscenze” nella migliore delle ipotesi filtrate da “esperti” prima e dai giornalisti che riportano il parere degli “esperti” poi, nella peggiore delle ipotesi una persona qualunque che legge due righe di abstract ed elabora una teoria.

Insomma, si tratta di argomenti tecnici che non possono essere oggetto di un dibattito che sia al tempo stesso pubblico e proficuo. E su questo i primi ad aver toppato sono stati gli addetti ai lavori.
Trattandosi comunque di questioni che riguardano anche la salute personale, si pone il problema di dare le informazioni necessarie. La soluzione al problema è semplicissima ed è quella che si adotta quotidianamente da sempre quando si tratta di interventi o trattamenti medici: si spiega la situazione nelle sue linee essenziali, con parole semplici e di uso comune senza scendere in particolari tecnici che, non solo non possono essere compresi da chiunque, ma rischiano di confondere la persona interessata e indurla a esprimere un consenso viziato dall’errata comprensione dell’intervento o trattamento.
 
Registrato
19 Luglio 2018
Messaggi
10,512
Reaction score
2,822
Immagino che se un giorno avrai bisogno di cure (ti auguro mai) non andrai in ospedale a farti curare da questi medic aureati lestofanti, ma chiederai al tuo meccanico di fiducia o al salumiere del supermercato oppure un bel sondaggio tra gli amici del bar, quelli si che ti dicono le cose giuste
Io sono figlio di medico e in questo ambiente ci sono cresciuto caro mio. Tu non sai manco di che parli e stai pontificando e supponi che io sia un troglodita. Se tu invece, leggessi bene cosa ho scritto, tra l’altro in risposta ad un preciso commento, capiresti che mi riferivo al fatto che laureato non vuol dire sempre genio e competente. È chiaro o vuoi che ti faccia un disegnino. Da certi medici che conosco io, non mi farei mai toccare e lo dico con cognizione di causa.
Io ti ho sempre stimato come utente ma su questo argomento è impossibile parlare con te, sei partito per la tangente completamente…
 
Registrato
19 Luglio 2018
Messaggi
10,512
Reaction score
2,822
Ma il fatto che ci siano medici che non sanno diagnosticare un’influenza non significa che chiunque possa diagnosticare un’influenza.
Obiettivamente, secondo te quante persone hanno realmente letto i vari studi scientifici pubblicati fino a ora?
Già solo il fatto che siano tutti pubblicati in inglese in Italia taglia fuori dalle possibilità di comprensione un buon 70% della popolazione. Se poi ci aggiungiamo terminologia tecnica, capacità di lettura dei dati, descrizione del metodo, ecc quanti restano?
Quindi, la quasi totalità delle opinioni espresse si basa su “conoscenze” nella migliore delle ipotesi filtrate da “esperti” prima e dai giornalisti che riportano il parere degli “esperti” poi, nella peggiore delle ipotesi una persona qualunque che legge due righe di abstract ed elabora una teoria.

Insomma, si tratta di argomenti tecnici che non possono essere oggetto di un dibattito che sia al tempo stesso pubblico e proficuo. E su questo i primi ad aver toppato sono stati gli addetti ai lavori.
Trattandosi comunque di questioni che riguardano anche la salute personale, si pone il problema di dare le informazioni necessarie. La soluzione al problema è semplicissima ed è quella che si adotta quotidianamente da sempre quando si tratta di interventi o trattamenti medici: si spiega la situazione nelle sue linee essenziali, con parole semplici e di uso comune senza scendere in particolari tecnici che, non solo non possono essere compresi da chiunque, ma rischiano di confondere la persona interessata e indurla a esprimere un consenso viziato dall’errata comprensione dell’intervento o trattamento.
Qui stiamo andando oltre: se uno dice seguiamo tizio perché ha studiato ecc io ti dico semplicemente che non sempre se uno ha studiato è competente e merita credibilità. Le virostar non hanno più credibilità ne dignità
 
Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.
Alto
head>