Cardinale: caccia a soldi arabi. 665 mln a Elliott entro il 2025!

UDG

Junior Member
Registrato
30 Ottobre 2012
Messaggi
3,637
Reaction score
1,863
Elliot può dire no ad un pagamento tramite cessione delle quote vincolate dal Vendor Loan ma non può impedire a Redbird di pagare il Vender Loan facendosi prestare da terzi i soldi. Che significa questo: Redbird si fa prestare i soldi da PIF, PIF da 600M di euro a Redbird, Redbird paga il vendor loan ad Elliot (non può non accettare di essere pagato) e quindi esce dal Milan, Redbird si prende le quote che eranano bloccate dal Vender Loan estinto e li cede a PIF come estinzione del prestito. Il risultato è lo stesso: PIF socio. Ma Redbird ha aggirato il veto di Elliot.

Elliot non è scemo lo sa e sa che non può fare nulla per impedirlo e allora iniziano le veline pro/contro. C'è una guerra interna tra Redbird e Elliot perché Redbird vuole togliersi di mezzo Elliot e sa come farlo, Elliot vuole che Redbird paghi lui il Vendor loan ma non può impedire che Redbird lo paghi con un altro prestito dal futuro socio che non rientra nella sfera di inffuenza di Elliot.

Secondo te perché ha rifiutato i 1.2 miliardi di euro da Investcorp? Perchè Investcorp pagava 600M suoi e 600M tramite prestito verso terzi che lo avrebbe tagliato fuori.

Redbird ha accettato di pagare 600M suoi e 600M con vendor Loan che non tagliava fuori Elliot che ha ancora il controllo.

Probabilmente Redbird pensava di avere più libertà decisionale e si è pentito e sta cercando un socio non americano e più ricco e ambizioso e ad Elliot non va a genio che perda li Milan sapendo che se Redbird non ripaga il Vendor quelle quote le rivende ad un altro a più euro.

Tutto queste parole si riassumano qui:

Redbird vuole fare lo step successivo come detto ma da solo non ce la fa e sta chiedendo aiuto ad un socio arabo ricco ed influente facendolo socio. Elliot invece vuole ancora mangiare un poco con il Milan guadagnando di più dei 615M che gli deve Redbird, rivendendo le sue quote ad un prezzo maggiorato se gli torneranno indietro.

Capito? :)

Per chi dice che il socio di minoranza non funziona perché sarebbe un cogl.... andate a vedere come sono composte realtà come il Mancheter Utd e molte delle big in Premier League. Sono tutte società gestite da un fondo dove millemila società hanno % di quote. Sono tutti dei cogl...?
Grazie prof per la dettagliata spiegazione, ora è molto più chiaro
 

Toby rosso nero

Moderatore
Membro dello Staff
Registrato
29 Agosto 2012
Messaggi
41,471
Reaction score
22,390
GDS in edicola su Cardinale a caccia di fondi arabi e sulla restituzione di ben 665 mln a Elliott entro il 2025: Il Milan guarda a Oriente: Cardinale apre a nuovi soci arabi per finanziare il progetto di diffusione globale del brand

Dopo la gestione cinese di Mr Li e l'intervento del fondo di investimento americano Elliott, il Milan di Gerry Cardinale potrebbe avere una doppia cittadinanza, unendo Occidente e Oriente. Cardinale sta cercando nuovi soci nel ricco mercato del Medio Oriente, dove il club rossonero ha un forte appeal.

L'obiettivo è quello di costruire un Milan competitivo in Italia e in Europa, sempre ispirato alla sostenibilità finanziaria, e per questo nuovi capitali arabi sarebbero determinanti. I potenziali soci dovrebbero essere interessati a collaborare come sponsor, partner nel nuovo stadio di proprietà o come azionisti di minoranza.

Cardinale è aperto a un eventuale ingresso orientale, considerando la liquidità e la disponibilità a investire nello sport in Medio Oriente. Il Milan potrebbe quindi avere un socio proveniente dal mercato arabo che partecipi direttamente alla vita del club, con l'obiettivo di incrementare il valore sportivo della rosa e generare ricavi per il nuovo stadio.

Queste le parole di Cardinale di ieri (ampiamente riferite NDR) a Calcio e Finanza):"Bisogna tenere conto dei movimenti dell’economia globale e non c’è dubbio che in Medio Oriente c’è molta liquidità e disponibilità a investire nello sport. Siamo aperti a potenziali partner che potrebbero unirsi a noi anche come azionisti minoritari, ma come ho detto non rinuncerò al controllo».

Qualcosa di più di quello che accade, per esempio, tra Milan e New York Yankees: due marchi iconici uniti in una storica collaborazione, che ha portato Randy Levine, presidente del club americano, a far parte del Cda Milan. Un socio proveniente dal mercato arabo vorrebbe partecipare direttamente alla vita del club.Con il fine unico di incrementare il valore sportivo della rosa, obiettivo a cui dovranno contribuire anche i ricavi generati dal nuovo stadio. Come palcoscenico di riferimento c’è sempre la Champions: per il business di Cardinale, una sintesi tra sport ed entertainment, è fondamentale. Così, il giro è semplice: nuovi investitori per costruire un Milan sempre più forte, un Milan forte che generi sempre più ricavi, e più ricavi da reinvestire nel club. Un giro che corra sempre più veloce.

Sempre la GDS sulla restituzione di 665 mln a Elliott: Quando, a fine agosto 2022, il Milan ha cambiato proprietà, l’enterprise value del club rossonero si è posizionato su 1,2 miliardi. Un valore d’impresa molto rilevante, frutto del lavoro di risanamento compiuto da Elliott e della “fame” di investimenti calcistici degli americani, frenati dai prezzi ancor più proibitivi delle franchigie Usa e attratti dal potenziale di crescita del football europeo, Serie A in primis. Così il 99,93% del Milan è passato ad Acm Bidco, il veicolo olandese di RedBird, il fondo gestito da Gerry Cardinale. Su un’operazione da 1,2 miliardi complessivi, quasi la metà è arrivata da un “vendor loan”, cioè da un Numero 1 di Elliott Paul Singer, 79 anni, fondatore di Elliott AP prestito concesso dal venditore Elliott all’acquirente RedBird per portare a termine l’affare. Finanziamento da 550 milioni, rimborsabile in 3 anni, con un tasso d’interesse del 7%: ciò significa che Cardinale, entro dicembre 2025, dovrà restituire al fondo di Singer circa 665 milioni, interessi compresi. Governance Un impegno così rilevante che Elliott ha ottenuto il pegno sulle azioni, “quale credito garantito, in forza del contratto denominato Pledge Agreement over Shares”, come riportano i documenti contabili. Inoltre Elliott ha diritto a una consistente presenza nel consiglio d’amministrazione del Milan, con tre membri in sua rappresentanza su un totale di dieci: si tratta di Gordon Singer, il figlio di Paul che già era coinvolto nella gestione rossonera, Giorgio Furlani e Stefano Cocirio. Questi ultimi due sono stati nominati da Cardinale rispettivamente amministratore delegato e direttore finanziario del Milan, a dimostrazione della linea di continuità non solo strategica (crescita sostenibile e autosufficienza) ma anche di governance decisa dalla nuova proprietà. Il presidente, peraltro, è quel Paolo Scaroni che fa parte del cda rossonero dall’aprile 2017, è n.1 dal luglio 2018, cioè con il subentro di Elliott a Li Yonghong, ed è stato recentemente nominato presidente di RedBird International, quindi a capo delle attività internazionali del fondo di Cardinale.


Altre news di giornata, di seguito:

—)
Milan: vietato sbagliare. Dea brutto cliente. CDK rimpianto.


—) Maignan male: razzismo, contratto o preparatore?


—) Sacchi:"Milan e Atalanta da show. Pioli stratega".


—) Pioli: futuro in bilico. Motta e Palladino...


—) Giroud rigenerato: rinnovo o MLS e nuovi record.


—) Milan: gioca Adli. Formazione. Pioli Gasp duello infinito.


—) Cardinale: caccia a soldi arabi. 665 mln a Elliott entro il 2025!

Finché c'è l'ombra di Elliott, non c'è via d'uscita.

Lentamente tutti i giornali stanno rientrando nella storia degli arabi di Dagospia, ma loro stessi scrivevano che se Elliott decide di restare e mangiare ancora, non c'è trippa per gatti nemmeno per gli arabi.

Io ero speranzoso, ma quando ho letto di Scaroni nominato presidente di Redbird... l'ho visto come un pessimo segnale e sono tornato ad essere pessimista, quelli non si schiodano.
 

marcus1577

Junior Member
Registrato
19 Maggio 2019
Messaggi
1,016
Reaction score
589
Elliot può dire no ad un pagamento tramite cessione delle quote vincolate dal Vendor Loan ma non può impedire a Redbird di pagare il Vender Loan facendosi prestare da terzi i soldi. Che significa questo: Redbird si fa prestare i soldi da PIF, PIF da 600M di euro a Redbird, Redbird paga il vendor loan ad Elliot (non può non accettare di essere pagato) e quindi esce dal Milan, Redbird si prende le quote che eranano bloccate dal Vender Loan estinto e li cede a PIF come estinzione del prestito. Il risultato è lo stesso: PIF socio. Ma Redbird ha aggirato il veto di Elliot.

Elliot non è scemo lo sa e sa che non può fare nulla per impedirlo e allora iniziano le veline pro/contro. C'è una guerra interna tra Redbird e Elliot perché Redbird vuole togliersi di mezzo Elliot e sa come farlo, Elliot vuole che Redbird paghi lui il Vendor loan ma non può impedire che Redbird lo paghi con un altro prestito dal futuro socio che non rientra nella sfera di inffuenza di Elliot.

Secondo te perché ha rifiutato i 1.2 miliardi di euro da Investcorp? Perchè Investcorp pagava 600M suoi e 600M tramite prestito verso terzi che lo avrebbe tagliato fuori.

Redbird ha accettato di pagare 600M suoi e 600M con vendor Loan che non tagliava fuori Elliot che ha ancora il controllo.

Probabilmente Redbird pensava di avere più libertà decisionale e si è pentito e sta cercando un socio non americano e più ricco e ambizioso e ad Elliot non va a genio che perda li Milan sapendo che se Redbird non ripaga il Vendor quelle quote le rivende ad un altro a più euro.

Tutto queste parole si riassumano qui:

Redbird vuole fare lo step successivo come detto ma da solo non ce la fa e sta chiedendo aiuto ad un socio arabo ricco ed influente facendolo socio. Elliot invece vuole ancora mangiare un poco con il Milan guadagnando di più dei 615M che gli deve Redbird, rivendendo le sue quote ad un prezzo maggiorato se gli torneranno indietro.

Capito? :)

Per chi dice che il socio di minoranza non funziona perché sarebbe un cogl.... andate a vedere come sono composte realtà come il Mancheter Utd e molte delle big in Premier League. Sono tutte società gestite da un fondo dove millemila società hanno % di quote. Sono tutti dei cogl...?
Le altre societa sono composte da tanti piccoli azionisti non come lo si vuole fare al milan
Dove la maggioranza comanda per 60 e l’altro scemo mette soldi per il 40 senza dir nulla
La buffanata mi ricorda il buon don silvio dove come socio aveva trovato mr bee e sappiamo tutti come e finita
Quando ci libereremo di sti pagliacci?
Gli arabi non credo entreranno in questo circo
 

Mika

Senior Member
Registrato
29 Aprile 2017
Messaggi
14,090
Reaction score
6,511
Le altre societa sono composte da tanti piccoli azionisti non come lo si vuole fare al milan
Dove la maggioranza comanda per 60 e l’altro scemo mette soldi per il 40 senza dir nulla
La buffanata mi ricorda il buon don silvio dove come socio aveva trovato mr bee e sappiamo tutti come e finita
Quando ci libereremo di sti pagliacci?
Gli arabi non credo entreranno in questo circo
Se non arrivano gli arabi passeremo da Redbird ad un altro gruppo USA.
 

marcus1577

Junior Member
Registrato
19 Maggio 2019
Messaggi
1,016
Reaction score
589
Finché c'è l'ombra di Elliott, non c'è via d'uscita.

Lentamente tutti i giornali stanno rientrando nella storia degli arabi di Dagospia, ma loro stessi scrivevano che se Elliott decide di restare e mangiare ancora, non c'è trippa per gatti nemmeno per gli arabi.

Io ero speranzoso, ma quando ho letto di Scaroni nominato presidente di Redbird... l'ho visto come un pessimo segnale e sono tornato ad essere pessimista, quelli non si schiodano.
L’unica speranza e che gerry cala venda il suo 60 a pif cosi che poi possa ripagare gli strozzini e liberarci da questi personaggi
Mamma mia come siamo messi
 

Mika

Senior Member
Registrato
29 Aprile 2017
Messaggi
14,090
Reaction score
6,511
Ahimé come è successo al Tolosa, oltretutto la stessa gente di Redbird riciclata.
I gruppi USA sono inclini a non mollare l'osso fino a che genera utili, denaro, mediaticità ecc ecc. sarà un continuo passare da Gruppi USA a Gruppi USA partner del gruppo USA precedente. Tutto il loro sistema economico sportivo e non è così. E' il loro modo di fare economia anche nello sport con le Franchigie. Purtroppo o arriva il PIF che paga un boato di soldi per prenderci e toglierci gli statunitensi dalle scatole. Oppure passeremo da Redbird ad un altro gruppo USA legato al precedente.
 

malos

Senior Member
Registrato
29 Agosto 2014
Messaggi
7,776
Reaction score
2,240
Il proprietario del Milan è Elliott dai tempi del cinese. Questo è uno che faceva gioco a loro. Se volevano vendere c'era Investcorp bello e pronto a rilevare il 100%.
Di grazia che abbiamo vinto uno scudo con quelli mandati via da questi delinquenti.
Comunque mi danno più fastidio i tifosi o presunti tali, che vanno dietro a questi qui e si fanno costantemente prendere per il ciulo e continueranno a farlo. D'altronde Elliott fa il suo lavoro e anche bene.
 
Ultima modifica:
Registrato
3 Marzo 2013
Messaggi
3,639
Reaction score
1,071
I gruppi USA sono inclini a non mollare l'osso fino a che genera utili, denaro, mediaticità ecc ecc. sarà un continuo passare da Gruppi USA a Gruppi USA partner del gruppo USA precedente. Tutto il loro sistema economico sportivo e non è così. E' il loro modo di fare economia anche nello sport con le Franchigie. Purtroppo o arriva il PIF che paga un boato di soldi per prenderci e toglierci gli statunitensi dalle scatole. Oppure passeremo da Redbird ad un altro gruppo USA legato al precedente.
Cardinale è un personaggio sgradevole che di calcio capisce poco e del Milan gli importa ancora meno.
ma qui si sta cercando di insegnare a lui la finanza. Cardinale e Redbird di professione cercano soci per progetti vari, è l’essenza della loro attivita’. Recentemente hanno finalizzato due progetti miliardari(con soldi di investitori) e al momento un paio sono in programma, ma si dipinge Gerry con il cappello in mano a elemosinare in giro. Davvero crediamo che sia così ********* che crede che un socio di minoranza entri a buttare soldi per far comandare lui? È ovvio che se qualcuno entra in società non come investitore passivo( che vuole solo avere un ritorno sul suo investimento) ci sono accordi per prendere la maggioranza in futuro. Allora Ineos è lo scemo del villaggio che paga un botto ai Glazers per la minoranza del pacchetto?
io capisco che cardinale possa non piacere perché non ha a cuore il Milan, ma da qui a formare una narrativa surreale ce ne passa, speriamo venda il Milan presto che così ritorniamo a parlare di calcio.
 
Alto
head>