Rangnick - Elliott: presto il summit.

Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.
Registrato
11 Aprile 2016
Messaggi
60,048
Reaction score
25,770
Sarò forse l'unico a crederlo, ma sono fermamente convinto che Giampaolo fosse realmente innamorato di Suso trequartista e dell'idea della conversione al ruolo e che le sue dichiarazioni di amore e stima a più riprese non fossero affatto di facciata a mo' di cartello, anche perché non ti spandi così tanto in elogi, altrimenti, e ti contieni all'essenziale.
Maldini in principio voleva cederlo e non è un mistero che si contava di reinvestire in altri giocatori, ma un po' per assenza di offerte a causa del mercato fermissimo, un po' proprio per sostenere la convinzione del nuovo allenatore da lui scelto, han deciso tutti di puntarci. Per me è andata così, e non vuole essere una difesa di uno e uno scarico dell'altro.

A mio avviso Giampaolo ha sbagliato proprio tutto, da principio, e il mercato non gli da alcuna attenuante. E lo dice uno che, quando fu preso, ne fu lieto.

Giampaolo è stato arrogante e umile al tempo stesso.
Arrogante nel credere che sarebbero bastati i suoi allenamenti , il suo metodo , i suoi schemi nel far rendere tutti i giocatori, umile fin troppo nel non pretendere rinforzi .
Sono errori che si commettono quando hai allenato solo a certi livelli e non alzi l'asticella.
La società avrebbe dovuto intervenire, proteggerlo , aiutarlo.
Giampaolo è un allenatore da campo, allena quelli che ha e si arrangia con quelli che ha.
Ma coi fichi secchi non ci fai un matrimonio.
 
Registrato
26 Febbraio 2018
Messaggi
5,945
Reaction score
2,748
Giampaolo è stato arrogante e umile al tempo stesso.
Arrogante nel credere che sarebbero bastati i suoi allenamenti , il suo metodo , i suoi schemi nel far rendere tutti i giocatori, umile fin troppo nel non pretendere rinforzi .
Sono errori che si commettono quando hai allenato solo a certi livelli e non alzi l'asticella.
La società avrebbe dovuto intervenire, proteggerlo , aiutarlo.
Giampaolo è un allenatore da campo, allena quelli che ha e si arrangia con quelli che ha.
Ma coi fichi secchi non ci fai un matrimonio.

E' variamente interpretabile, in effetti, ma io credo che la scelta di tenere Suso sia stato appunto un atto di fiducia nei suoi confronti, come dire "va bene, ci fidiamo della tua valutazione", forse han pensato che a quel punto fosse meglio non esautorare l'allenatore. Complice il mercato nullo dello spagnolo (altrimenti sarebbe stato venduto prima del ritiro), hanno preso due piccioni con la fava ed è stato sicuramente commesso un errore, ma il cui primo responsabile è proprio Giampaolo stesso, secondo me. Credo che lo stesso discorso si possa fare per altri, ad esempio R. Rodriguez, che andava ceduto subito e che non era certo adatto al suo schema di gioco col terzino a tutta fascia. Ecc.
Non ti puoi permettere di fare il fondamentalista, oggi giorno non se lo può permettere nessuno, specialmente se ti cali in una nuova realtà, una realtà così precaria. Va bene il credo, va bene l'identità, ma va adattata alla situazione e al contesto. Sempre. Bisogna saper vedere i giocatori. E' qui che si è dimostrato inadeguato, ed è per questo che probabilmente non ha mai avuto il successo che per alcuni versi qualcuno si auspicava.
Detto questo io capisco la scelta fatta su di lui, a priori.
 

Djici

Senior Member
Registrato
27 Agosto 2012
Messaggi
27,329
Reaction score
6,723
Non puoi prendere giampaolo, non fargli una squadra ed esonerarlo ad ottobre.
Allora non prenderlo proprio.
Giampaolo che piaccia o meno è un allenatore da campo e ha bisogno di tempo.
Sarà un mediocre ma ha sempre fatto giocare le sue squadre discretamente bene e con un buon ritmo gara nelle gambe.
Non lo sto difendendo sia chiaro, dico che certe scelte dovrebbero andare di pari passo poi col coraggio di supportarle.

So che è difficile essere obiettivi parlando di calcio e ci sono più sensazioni che dati oggettivi.
Ma il calcio di Giampaolo per me non è un calcio moderno.
Già con lo schema capisci che non sarà un calcio moderno.
Il calcio moderno è pressing asfissiante e tecnica in velocità. Difesa alta.
Non puoi fare a meno di esterni in un tridente o di centrocampo che sia a 4 o a 5.
Il 4312 non può essere moderno.
Che poi con i giocatori che avevamo in rosa capisco che non si può fare un gioco moderno.
Per dire che per un gioco simile, il più adatto di tutti (per le posizioni offensive) e Castillejo... Uno che potrebbe fare solo la riserva in qualsiasi delle squadre che abbiamo davanti.

Se abbiamo gente lenta sia di testa che di gamba... Non ci puoi fare nulla.

Non si pressa alto, non abbiamo gente veloce e tecnica (a parte Theo che parte comunque terzino) e abbiamo difensori centrali lenti e poco cervello in mezzo al campo con Kessie, Krunic...
Combo micidiale.
 
Registrato
11 Aprile 2016
Messaggi
60,048
Reaction score
25,770
So che è difficile essere obiettivi parlando di calcio e ci sono più sensazioni che dati oggettivi.
Ma il calcio di Giampaolo per me non è un calcio moderno.
Già con lo schema capisci che non sarà un calcio moderno.
Il calcio moderno è pressing asfissiante e tecnica in velocità. Difesa alta.
Non puoi fare a meno di esterni in un tridente o di centrocampo che sia a 4 o a 5.
Il 4312 non può essere moderno.
Che poi con i giocatori che avevamo in rosa capisco che non si può fare un gioco moderno.
Per dire che per un gioco simile, il più adatto di tutti (per le posizioni offensive) e Castillejo... Uno che potrebbe fare solo la riserva in qualsiasi delle squadre che abbiamo davanti.

Se abbiamo gente lenta sia di testa che di gamba... Non ci puoi fare nulla.

Non si pressa alto, non abbiamo gente veloce e tecnica (a parte Theo che parte comunque terzino) e abbiamo difensori centrali lenti e poco cervello in mezzo al campo con Kessie, Krunic...
Combo micidiale.

Il gioco di Giampaolo è affatto antico, in teoria.
I tre davanti si muovono senza dare punti di riferimento , il che lo rende più imprevedibile del 4-3-3 con giocatori che si muovono come 'treni su binari'.
Il calcio ormai vive sulla transizione buona ma i tagli 'alla zeman' tipici del tridente sono una rarità e in pochi clubs li possiamo ammirare.
Che poi giampaolo non abbia la personalità, il carisma, le capacità per allenare su una piazza importante è un altro discorso e concordo con te.
Un allenatore come Giampaolo va appoggiato e aiutato ma il nostro calcio è schizofrenico.
Vorrei ricordare che Giampaolo è saltato ai primi di ottobre e tutti siamo concordi sul fatto che avrebbe potuto solo fare più danni lasciandolo sulla nostra panchina, nessuno che abbia detto che forse a fine anno avremmo ammirato qualcosa, dopo mesi di 'semina'.
Si queste basi e con questi presupposti dici serva un allenatore da progetto e da campo o uno pratico e essenziale??
 
Registrato
11 Aprile 2016
Messaggi
60,048
Reaction score
25,770
E' variamente interpretabile, in effetti, ma io credo che la scelta di tenere Suso sia stato appunto un atto di fiducia nei suoi confronti, come dire "va bene, ci fidiamo della tua valutazione", forse han pensato che a quel punto fosse meglio non esautorare l'allenatore. Complice il mercato nullo dello spagnolo (altrimenti sarebbe stato venduto prima del ritiro), hanno preso due piccioni con la fava ed è stato sicuramente commesso un errore, ma il cui primo responsabile è proprio Giampaolo stesso, secondo me. Credo che lo stesso discorso si possa fare per altri, ad esempio R. Rodriguez, che andava ceduto subito e che non era certo adatto al suo schema di gioco col terzino a tutta fascia. Ecc.
Non ti puoi permettere di fare il fondamentalista, oggi giorno non se lo può permettere nessuno, specialmente se ti cali in una nuova realtà, una realtà così precaria. Va bene il credo, va bene l'identità, ma va adattata alla situazione e al contesto. Sempre. Bisogna saper vedere i giocatori. E' qui che si è dimostrato inadeguato, ed è per questo che probabilmente non ha mai avuto il successo che per alcuni versi qualcuno si auspicava.
Detto questo io capisco la scelta fatta su di lui, a priori.

Se è per questo Nagelsmann è più integralista di Giampaolo.
Non nel senso che è ottuso e talebano, come ironicamente definivamo Giampaolo, ma nel senso che è un allenatore che ha delle idee calcistiche ben precise e che allena, inculca, pretende.
Non è un allenatore che si adatta ai limiti ma che spinge al massimo sui pregi.
A Nagelsmann devi mettere in mano giovani tecnici, con gamba, volenterosi di fare e che seguono l'allenatore.

Con elementi dei genere anche Giampaolo si sarebbe fatto valere o almeno ci avrebbe provato.
Giampaolo, dobbiamo essere onesti, ha avuto difensori che non potevano alzarsi, attaccanti che non avevano il pressing, centrocampisti incapaci a fare le due fasi in velocità.
Con brocchi del genere pure Nagelsmann fallirebbe miseramente.
Pioli ha fatto un pochino meglio di Giampalo perchè non ha allenato ma gestito, arrangiandosi con quello che aveva e godendo della classe di un ibra in più per un suso in meno.
 

Lineker10

Senior Member
Registrato
20 Giugno 2017
Messaggi
27,272
Reaction score
11,305
Non aggiungo niente alla bella discussione che leggo su Giampaolo, preferisco muovere il confronto sull'attualità facendo notare che, per molte delle osservazioni che state facendo sull'operato di Giampaolo, Rangnick è di fatto lontano su un'altra galassia, proprio.

Rangnick è un "allenatore" totalitario, che pretende di imporre le proprie idee e controllare personalmente tutti gli aspetti della gestione tecnica, e con questo intendo dire davvero tutti. Spesso ne vedo sottolineare il ruolo di allenatore manager nell'accezione, tipica del calcio italiano più conservatore, di allenatore che interviene sul mercato, che sembrerebbe già una bella novità dalle nostre parti. Ma questo non rende affatto l'idea. Rangnick sia a Lipsia e prima a Hoffenheim non si è limitato a questo, è arrivato perfino a progettate e gestire l'allestimento del Training Center, personalmente. Ha scelto tutte le persone dello staff, ha definito e condotto l'organizzazione del settore giovanile, scelto gli allenatori e i formatori, ha create e gestito lo scouting. Questo per far capire che tipo di personaggio sia e cosa comporti la sua scelta.

Personalmente per ora mi limito ad informarmi e riflettere sugli scenari in attesa che le decisioni siano vere, non solo gossip, e l'organizzazione inizi a prendere forma, prima di avanzare giudizi. E' già abbastanza chiaro tuttavia che puntare sul tedesco sia un segnale ben preciso di rottura con la tradizione del calcio italiano, una di quelle scelte che inevitabilmente spacca l'opinione pubblica calcistica e divide i tifosi.
 

Lineker10

Senior Member
Registrato
20 Giugno 2017
Messaggi
27,272
Reaction score
11,305
Se è per questo Nagelsmann è più integralista di Giampaolo.
Non nel senso che è ottuso e talebano, come ironicamente definivamo Giampaolo, ma nel senso che è un allenatore che ha delle idee calcistiche ben precise e che allena, inculca, pretende.
Non è un allenatore che si adatta ai limiti ma che spinge al massimo sui pregi.
A Nagelsmann devi mettere in mano giovani tecnici, con gamba, volenterosi di fare e che seguono l'allenatore.

Con elementi dei genere anche Giampaolo si sarebbe fatto valere o almeno ci avrebbe provato.
Giampaolo, dobbiamo essere onesti, ha avuto difensori che non potevano alzarsi, attaccanti che non avevano il pressing, centrocampisti incapaci a fare le due fasi in velocità.
Con brocchi del genere pure Nagelsmann fallirebbe miseramente.
Pioli ha fatto un pochino meglio di Giampalo perchè non ha allenato ma gestito, arrangiandosi con quello che aveva e godendo della classe di un ibra in più per un suso in meno.

Nagelsmann non tanto sai. Ha principi di gioco chiari e definiti, è vero, ma la sua gestione al Lipsia è stata estremamente malleabile. Ha cambiato spesso sistema di gioco, passando dalla difesa a 4 a quella e 3, ha giocato con una punta centrale, con due punte di movimento, con due esterni larghi ma anche con un trequartista e due punte. Insomma è un allenatore molto elastico, che ama adattare la squadra alle situazioni. Il suo punto di forza indiscutibile, emerso finora, è la gestione umana, dove da quanto si legge nelle testimonianze dei propri giocatori sembra essere davvero eccezionale.
 
Registrato
11 Aprile 2016
Messaggi
60,048
Reaction score
25,770
Nagelsmann non tanto sai. Ha principi di gioco chiari e definiti, è vero, ma la sua gestione al Lipsia è stata estremamente malleabile. Ha cambiato spesso sistema di gioco, passando dalla difesa a 4 a quella e 3, ha giocato con una punta centrale, con due punte di movimento, con due esterni larghi ma anche con un trequartista e due punte. Insomma è un allenatore molto elastico, che ama adattare la squadra alle situazioni. Il suo punto di forza indiscutibile, emerso finora, è la gestione umana, dove da quanto si legge nelle testimonianze dei propri giocatori sembra essere davvero eccezionale.

Si, ma allena gente allenabile, gente che da e ha da dare.
Mettigli in mano gente che ha limiti fisici , di corsa , di struttura e l'incantesimo finisce.
Con suso, cosa avrebbe fatto Nagelsmann?
I miracoli non credo.
 

Lineker10

Senior Member
Registrato
20 Giugno 2017
Messaggi
27,272
Reaction score
11,305
Si, ma allena gente allenabile, gente che da e ha da dare.
Mettigli in mano gente che ha limiti fisici , di corsa , di struttura e l'incantesimo finisce.
Con suso, cosa avrebbe fatto Nagelsmann?
I miracoli non credo.

I miracoli non li fa nessuno. Sai cosa penso riguardo al ruolo dell'allenatore e al suo peso sui successi di una squadra.
 
Registrato
11 Aprile 2016
Messaggi
60,048
Reaction score
25,770
I miracoli non li fa nessuno. Sai cosa penso riguardo al ruolo dell'allenatore e al suo peso sui successi di una squadra.

Io non lo conosco bene come lo conosci tu perchè non amo la bundes , campionato che seguo distrattamente, ma credo Nagelsmann sia quel tipo di allenatore a cui tra le mani, pur nella mediocrità di entrambi, devi mettere più un castillejo che un suso.
Ti faccio questo paragone tra un giocatore mediocre e uno appena discreto ma dove uno si presta, fa le due fasi, segue i dettami del mister e l'altro invece gioca come piace a lui , come dice lui e quando dice lui.
In questo senso intendo dire che Nagelsmann forse è peggio di Giampaolo.
Nagelsmann allena perchè ha una mentalità accademica in testa, non è l'allenatore gestore di turno che da vecchia volpe dei campi di calcio e anni e anni di categoria sa leggere le situazione e adattarsi.
E con suso hai poco da allenare e poco da chiedere.
Morale della favola : con Nagelsmann va rifatta la squadra.
Andava rifatta anche con Giampaolo in realtà ma sappiamo tutti come è andata a finire e non sappiamo ancora di chi siano le colpe di quel mercato, di quella rosa, di quelle mosse.
Tutto in pieno stile milan.
 
Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.
Alto
head>