Pechino annuncia: esercitazioni cinesi-russe congiunte.

Sam

Junior Member
Registrato
16 Luglio 2018
Messaggi
1,693
Reaction score
1,889
L' Europa se abbandona gli USA oggi, avrebbe un esercito che va in guerra con le Condor probabilmente.
Il punto è che non c'è nessuna guerra che ci riguardi ad oggi.
Taipei e Kiev sono rispettivamente zone cinesi e russe, non europee. Non lo sono mai state.
Il motivo per il quale siamo in guerra è perché gli USA stanno intervenendo tramite sanzioni.
E lo stanno facendo, non per indebolire la Russia, ma per indebolire noi.

Come ho già detto, il mondo ormai è multipolare e anche gli USA lo sanno, così come sanno bene che è rimasta solo una sedia e due che girano in tondo, nel più classico gioco delle sedie: noi e loro.
Stanno sanzionando la Russia, per danneggiare le nostre economie con rincari sugli approvvigionamenti energetici, in modo da essere loro quelli che si siedono sulla sedia, e noi quelli che rimaniamo col cerino in mano.

Tu mi dirai: esercito Europeo.
Anche qui concordo.
Prima di parlare di esercito bisogna capire cosa deve essere l'Europa.
Se deve essere l'organizzazione dei plutocrati al servizio di Washington, allora è fiato sprecato ed è meglio farla morire.
Se deve essere una federazione con una politica propria, allora se ne può discutere.
In ogni caso, l'esercito europeo non può non passare da una riforma in senso politico.

Bene, ci vogliono 10 anni, se gli USA non si accorgessero, 10 anni.
Appena odorano la mossa ce ne metteremmo 30 ( se ce lo lasciano fare)
Ma chi se ne frega "se ce lo lasciano fare".
Se l'Europa avesse la volontà politica, non ci sarebbe niente che Washington potrebbe impedire.
Ragazzi, Putin ve l'ha dimostrato ampiamente. E Xi Jinping lo farà tra poco.
Voleva fare la guerra in Ucraina? L'ha fatta. Biden abbaiava? L'ha lasciato abbaiare.

Se l'Europa smette di essere il cane degli USA, chi ci perde sono gli USA, non noi.
Nessuno ti impedirebbe di fare qualcosa, se non avesse paura che quello che fai lo danneggerebbe.

Oggi i blocchi sono questi, tra 40 anni non lo so, ma oggi è cosi.
Ed è inutile lamentarsene.
Non esiste nessun blocco contrapposto. Li stiamo creando noi facendo scudo contro tutto e tutti, per difendere interessi che tra l'altro non sono nostri, ma quelli di Washington.
I BRICS non sono amici, sono solo Stati che si stanno trovando davanti un nemico comune, che pensa ancora di decidere che il pallone è suo e può giocare solo lui, sebbene sia praticamente non da solo in campo.
Gli equilibri fra loro sono tutti da decidere.

Caxxo, io andrò in pensione a 70 anni, con una pensione ridicola.

Sentire lamentarsi degli USA gente che ha 50-60 o più anni mi fa veramente rabbrividire visto quanto ne hanno beneficiato.
Beneficiato? In cosa?
A me risulta che l'alleanza con gli USA ti abbia più danneggiato che altro.
Hai perso la tua politica economica (controllo delle agenzie di rating), la tua politica estera (NATO), la tua politica energetica (vedasi Enrico Mattei), la tua politica industriale (vedasi la Olivetti) e tanto altro.

Se pensi che sei ricco grazie agli USA, allora sbagli di grosso. L'Europa è ricca perché è di fatto la culla di tre quarti delle civiltà del mondo, con tutti i pro e i contro del caso.
Scienza, politica, imprenditoria, filosofia... queste non sono cose che ti ha regalato Washington.
Gli USA hanno solo accelerato il processo di ricostruzione con il Piano Marschall, che aveva però il compito di tenere a bada la crescita europea con un'imposizione dell'imprenditoria americana sul nostro suolo.

Siamo noi europei ad aver creato gli USA, non il contrario.
 

Raryof

Senior Member
Registrato
24 Gennaio 2017
Messaggi
13,066
Reaction score
3,345
Quando vedrò disperati, clandestini di colore, quando vedrò la feccia dei continenti colonizzati che arriverà in barca in Cina, in Russia e in qualsiasi altro paese fuori dall'anglosfera dei demogorgoni allora dirò che sì, loro stanno perdendo, invece a quanto pare le politiche sceme dell'occidente ormai invaso da persone di religione differente, incapaci, utili solo per il capolarato più penoso possibile (all'italiana, col padronotto ignorantello che pensa di essere il più furbo al mondo mentre fatica ad azzeccare il congiuntivo) hanno portato alla fine definitiva dei paesi europei "coordinati" con la finanza bellica e farmaceutica americana, una fine prevista, portata avanti tranquillamente da politicanti incapaci, da una unione che ha distrutto singolarmente i paesi e li ha incatenati al volere del padrone, quando l'Europa avrà paesi con maggioranze etniche diverse e non ci sarà più una cultura secolare comune per comprendere poi la forza e l'identità di un paese, presto un italiano sarà un pirla egoista che non verrà considerato superiore ad un cinese, ma non verrà nemmeno identificato, il cinese rimarrà cinese in Cina e l'italiano, oltre a scomparire, proprio a livello etnico, religioso, a livello di made in Italy, a livello di competenza, diventerà cittadino del secondo mondo, diventerà un "americano", un europeo di etnie diverse, irriconoscibile e quindi incapace di identificarsi in nulla che non sia la melma libertina piddina, più diritti, più tutele, il destino dell'Europa sarà un lento scomparire dai posti dove risiedono i poteri forti che non hanno nulla a che vedere con la potenza militare ma con le strategie di 20-25 anni fa e le "strategie" per i prossimi 25-30 anni, se un continente prende dentro il peggio da altri continenti e addirittura fa di tutto per perdere una propria identità è finita, è la strategia della morte o della perversione, non vista lucidamente dalle persone esclusive, ricche, affamate di popolarità social facile e affamate di perfidia emergenziale di cui poi non puoi più fare a meno.
Quando vedrò la fine dell'€ allora capirò che forse l'impero americano è giunto ai capitoli finali, c'è ancora tempo ma ormai ci stiamo arrivando, di fatto la fine dell'unione fake monetaria ridarrebbe una specia di identità comune, diciamo la fine del commissariamento politico e socioeconomico (perché se controlli la moneta controlli anche quelle robe lì), questo è l'ultimo tentativo, inconscio, della parte sana dell'organismo nazione di trovare l'uscita, l'exit strategy, da quello che sarà lo scontro finale tra Usa e Cina-Russia, scontro dove l'Ue verrà mandata al massacro ma solo dopo che la socialità e il costo della vita alle stelle saranno belli che spediti verso una instabilità sociale e politica bella forte, diciamo pure che questo scontro metterà fine a certi finti equilibri, diciamo le soluzioni interne, ma visto che più di tutto servirà creare un nuovo nemico mondiale il mondo dovrà fermarsi, degradare e scegliere; so che chi ha smania di potere, so che i politicanti scemi faranno sempre di tutto per avvicinare lo schiavo al fuoco solo per divertimento e con la sicurezza di non dover mai nemmeno sentire l'odore dello stesso, ma a tutto c'è sempre un limite, come ad esempio la crisi scatenata da emergenze preparate ad hoc che dovevano portarci alla situazione, provvisoria, in cui siamo ora e non possiamo nemmeno staccarci perché il potere, anche quello interno, viene gestito da esterni attraverso la moneta... vediamo però quando ci sarà la crisi vera se saranno bravi a considerare i cinesini come nuovo nemico mondiale ma per arrivare a quel punto lì doveva essere necessario il giusto allenamento, cioè la creazione del nuovo nemico mondiale, il russo, la vodka e robe simili, come anche il gas a prezzi inferiori, capito come funziona il mondo? la rieducazione attraverso fatti esorbitanti (e nuovi, certo, gli americani non hanno mai fato nulla per creare instabilità e quindi influenza) avvenuti e sotto gli occhi di tutti, certi, attraverso la propaganda h24 e l'ipocondria generale? come far credere alla gente che non è più garantito il consumo di un bene senza un pass, un qr, queste sono situazioni da guerra mondiale in arrivo ma con la scusa del virus che ha sicuramente più attrito agli inizi ma che scomparirà non appena l'obbiettivo finale sarà a portata di mano e il cittadino comune, scemo, sarà pronto allo sballo finale davanti al device.
 

Tifo'o

Moderatore
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
33,692
Reaction score
2,735
Pechino annuncia l'invio di soldati cinesi in Russia per esercitazioni militari congiunte.
Parteciperanno anche India, la Bielorussia e il Tagikistan.

"Sono estranee alla situazione internazionale. L'obiettivo è approfondire la cooperazione pratica e amichevole con gli eserciti dei paesi partecipanti, migliorare il livello di collaborazione strategica tra le parti partecipanti e rafforzare la capacità di rispondere a varie minacce alla sicurezza."
Voglio questa volta spruzzare un po' ti positivismo

A differenza della Russia, i mostri gialli sono un paradiso per le big tech oltre alle aziende di calzature.. e siccome i mostri gialli ci vendono parecchia roba, ci penseranno due volte prima di rompere le acque con l'occidente in stile Russia.

Ovviamente il mio è il classico ragionamento con logica.

Ma sappiamo benissimo che ormai di logico non c'è nulla. Pura la storia degli interresi ormai non regge. La verità è che questo Xi Pisccina negli ultimi anni è riuscito a fare qualcosa che i suoi compani di merende non sono riusciti a fare negli precedenti da Mao, ovvero centrare il potere nelle proprie armi. Perché un conto avere un partito con tante teste ove le decisioni si prendono in comune un conto una persona sola che più invecchia più da i numeri e più sale la mania da protagonismo.. sempre meglio una classe di elite che un uomo solo..
 
Registrato
13 Gennaio 2014
Messaggi
24,358
Reaction score
4,499
Il punto è che non c'è nessuna guerra che ci riguardi ad oggi.
Taipei e Kiev sono rispettivamente zone cinesi e russe, non europee. Non lo sono mai state.
Il motivo per il quale siamo in guerra è perché gli USA stanno intervenendo tramite sanzioni.
E lo stanno facendo, non per indebolire la Russia, ma per indebolire noi.

Come ho già detto, il mondo ormai è multipolare e anche gli USA lo sanno, così come sanno bene che è rimasta solo una sedia e due che girano in tondo, nel più classico gioco delle sedie: noi e loro.
Stanno sanzionando la Russia, per danneggiare le nostre economie con rincari sugli approvvigionamenti energetici, in modo da essere loro quelli che si siedono sulla sedia, e noi quelli che rimaniamo col cerino in mano.


Prima di parlare di esercito bisogna capire cosa deve essere l'Europa.
Se deve essere l'organizzazione dei plutocrati al servizio di Washington, allora è fiato sprecato ed è meglio farla morire.
Se deve essere una federazione con una politica propria, allora se ne può discutere.
In ogni caso, l'esercito europeo non può non passare da una riforma in senso politico.


Ma chi se ne frega "se ce lo lasciano fare".
Se l'Europa avesse la volontà politica, non ci sarebbe niente che Washington potrebbe impedire.
Ragazzi, Putin ve l'ha dimostrato ampiamente. E Xi Jinping lo farà tra poco.
Voleva fare la guerra in Ucraina? L'ha fatta. Biden abbaiava? L'ha lasciato abbaiare.

Se l'Europa smette di essere il cane degli USA, chi ci perde sono gli USA, non noi.
Nessuno ti impedirebbe di fare qualcosa, se non avesse paura che quello che fai lo danneggerebbe.


Non esiste nessun blocco contrapposto. Li stiamo creando noi facendo scudo contro tutto e tutti, per difendere interessi che tra l'altro non sono nostri, ma quelli di Washington.
I BRICS non sono amici, sono solo Stati che si stanno trovando davanti un nemico comune, che pensa ancora di decidere che il pallone è suo e può giocare solo lui, sebbene sia praticamente non da solo in campo.
Gli equilibri fra loro sono tutti da decidere.


Beneficiato? In cosa?
A me risulta che l'alleanza con gli USA ti abbia più danneggiato che altro.
Hai perso la tua politica economica (controllo delle agenzie di rating), la tua politica estera (NATO), la tua politica energetica (vedasi Enrico Mattei), la tua politica industriale (vedasi la Olivetti) e tanto altro.

Se pensi che sei ricco grazie agli USA, allora sbagli di grosso. L'Europa è ricca perché è di fatto la culla di tre quarti delle civiltà del mondo, con tutti i pro e i contro del caso.
Scienza, politica, imprenditoria, filosofia... queste non sono cose che ti ha regalato Washington.
Gli USA hanno solo accelerato il processo di ricostruzione con il Piano Marschall, che aveva però il compito di tenere a bada la crescita europea con un'imposizione dell'imprenditoria americana sul nostro suolo.

Siamo noi europei ad aver creato gli USA, non il contrario.

Oh, spero che tu abbia ragione e si ravvedano anche quegli stupidi decisori.

Che ti devo dire... saranno 50 o 60 anni che tutti prendono decisioni sbagliate e controproducenti probabilmente.

Io non voglio avere ragione costi quel che costi, preferisco avere torto e campare serenamente, cosa che fino a pochi mesi fa, facevo benissimo e cosi il 99% delle persone che conosco.
Anzi, facciamo fino a fine 2019, va.
 

Sam

Junior Member
Registrato
16 Luglio 2018
Messaggi
1,693
Reaction score
1,889
Oh, spero che tu abbia ragione e si ravvedano anche quegli stupidi decisori.

Che ti devo dire... saranno 50 o 60 anni che tutti prendono decisioni sbagliate e controproducenti probabilmente.

Io non voglio avere ragione costi quel che costi, preferisco avere torto e campare serenamente.
Ma non è questione di aver torto o ragione.
Ragazzi, state facendo passare gli americani per dispensatori di ricchezza, quando non è così.
L'Europa era ricca SECOLI prima che gli USA nascessero. Non è che prima di loro eravamo dei Neanderthal.

Gli americani NON ti hanno salvato, NON ti hanno aiutato. Dire che gli USA ti aiutano è come dire che uno strozzino ti sta dando una mano a pagare il mutuo, sebbene ti dia un prestito con un tasso di interesse impossibile da sostenere.
Roosevelt non era Padre Pio. Era solo uno che aveva l'INTERESSE nel distruggere l'Europa e renderla il bastone da passeggio di Washington. E questo ha fatto, distruggendo tutti gli imperi coloniali, persino quello del suo fedele alleato britannico.
 
Registrato
13 Gennaio 2014
Messaggi
24,358
Reaction score
4,499
Ma non è questione di aver torto o ragione.
Ragazzi, state facendo passare gli americani per dispensatori di ricchezza, quando non è così.
L'Europa era ricca SECOLI prima che gli USA nascessero. Non è che prima di loro eravamo dei Neanderthal.

Gli americani NON ti hanno salvato, NON ti hanno aiutato. Dire che gli USA ti aiutano è come dire che uno strozzino ti sta dando una mano a pagare il mutuo, sebbene ti dia un prestito con un tasso di interesse impossibile da sostenere.
Roosevelt non era Padre Pio. Era solo uno che aveva l'INTERESSE nel distruggere l'Europa e renderla il bastone da passeggio di Washington. E questo ha fatto, distruggendo tutti gli imperi coloniali, persino quello del suo fedele alleato britannico.
Non casco dal pero, non puoi estrapolare dal contesto quanto ho detto.

Vai tranquillo che non accendo un cero ogni sera in onore agli Stati Uniti, e nemmeno ho la bandiera Americana sul balcone, degli USA non me ne frega un caxxo di niente, mi interessano quanto la vita sentimentale di Pamela Prati e Mark Caltagirone.

Ma visto che per alcuni, sono diventanti il bersaglio, come se tutto dipendesse da loro, anche con che piede ci alziamo al mattino, va messo un freno.
Un po' come quando si parla con gente che creda tutti i mali vengano dalla SX.

E' da "ignoranti", semplicizzare non ha mai fatto per me.

Per discutere con chi crede che TUTTO il male venga dagli USA, bisogna per forza estremizzare facendo sembrare che TUTTO il bene venga da loro, ma ovviamente non lo penso.

Come detto, non siamo robot e gli Usa non hanno il telecomando che ci spegne e accende, il positivo e in negativo.

Tutto qui.
 

Sam

Junior Member
Registrato
16 Luglio 2018
Messaggi
1,693
Reaction score
1,889
Non casco dal pero, non puoi estrapolare dal contesto quanto ho detto.

Vai tranquillo che non accendo un cero ogni sera in onore agli Stati Uniti, e nemmeno ho la bandiera Americana sul balcone, degli USA non me ne frega un caxxo di niente, mi interessano quanto la vita sentimentale di Pamela Prati e Mark Caltagirone.

Ma visto che per alcuni, sono diventanti il bersaglio, come se tutto dipendesse da loro, anche con che piede ci alziamo al mattino, va messo un freno.
Un po' come quando si parla con gente che creda tutti i mali vengano dalla SX.

E' da "ignoranti", semplicizzare non ha mai fatto per me.

Per discutere con chi crede che TUTTO il male venga dagli USA, bisogna per forza estremizzare facendo sembrare che TUTTO il bene venga da loro, ma ovviamente non lo penso.

Come detto, non siamo robot e gli Usa non hanno il telecomando che ci spegne e accende, il positivo e in negativo.

Tutto qui.
Io non ho estrapolato, sei tu che dici che si vive alla grande grazie agli USA.
Quello che nessuno dice è che tutto il male del mondo venga dagli USA. Questa è una tua considerazione.
Ma è altrettanto innegabile che è la politica imperialista degli USA che destabilizza molte aree del mondo.

Bisogna smetterla di fare quelli che gettano le pietre e nascondono le mani.
L'Iraq è una polveriera perché gli USA lo hanno voluto. Il nord africa, con quella pagliacciata della primavera araba, è una polveriera perché gli USA lo hanno voluto.
L'ISIS lo hanno voluto gli USA, con l'aiuto di Israele, per destabilizzare la Siria.

L'Ucraina è una polveriera perché gli USA lo hanno voluto, fin dai tempi in cui pagavano la Timoshenko per la finta rivoluzione arancione. La tipa era considerata una pacifista dai giornali occidentali, ma era la stessa che diceva di voler vedere la Russia spazzata via a botta di atomiche.
Non si tratta di dire che gli USA sono il male del mondo, si tratta del fatto che ognuno si deve prendere le proprie responsabilità.

Se gli USA non si fossero allargati ad est, BEN SAPENDO che quella era una sfera d'influenza russa, oggi non ci sarebbe la guerra in Ucraina.
Se gli USA la smettessero di far finta di considerare Taiwan uno stato sovrano, quando non è riconosciuto come tale nemmeno da loro, solo per fare incazzare Pechino, oggi non si rischierebbe una guerra anche lì.
E non venirci a raccontare che i paesi hanno scelto liberamente, perché ti ho già detto che la Timoshenko (e come lei tanti altri) erano sostenuti da Washington. Ergo, PAGATI.

E in nessuno di quei casi, questi signori intervengono personalmente, ma lasciano che siano gli "alleati" (o meglio, le loro colonie) a sorbirsi il problema e i disastri che ne consegue. Come i rincari energetici con la guerra in Ucraina, che colpiscono noi, ma non gli USA che questa guerra la sostengono a spese nostre.

Vuoi fare il prepotente nel mondo? Bene, assumiti la responsabilità.

E soprattutto si abbia il coraggio di smetterla con i due pesi e due misure.
Putin ha reagito nella sua sfera d'influenza? È un dittatore spietato che va eliminato ad ogni costo.
L'America crea guerre in ogni angolo del mondo? È solo una potenza. Ci manca solo che si dica "So' ragazzi..." e poi siamo al completo delle giustificazioni al doppiopesismo.

Le guerre non scoppiano MAI perché uno è pazzo. Le guerre scoppiano quando gli interessi economici sovrastano qualsiasi forma di diplomazia.

Io non sostengo nessuno di loro. L'ho detto fin dall'inizio che dell'Ucraina non fregava niente a nessuno ed era un braccio di ferro tra potenze.
Così come ho detto che sono preoccupato dallo strapotere cinese negli apparati network, che l'ha portata ad essere il vero e proprio burattinaio dello sviluppo del 5G e adesso del 6G, visto che le sue aziende, come Lenovo, le hanno beccate con le dita nella marmellata, con le backdoor nei firmware.
 

Blu71

Senior Member
Registrato
27 Agosto 2012
Messaggi
29,952
Reaction score
7,368
Pechino annuncia l'invio di soldati cinesi in Russia per esercitazioni militari congiunte.
Parteciperanno anche India, la Bielorussia e il Tagikistan.


"Sono estranee alla situazione internazionale. L'obiettivo è approfondire la cooperazione pratica e amichevole con gli eserciti dei paesi partecipanti, migliorare il livello di collaborazione strategica tra le parti partecipanti e rafforzare la capacità di rispondere a varie minacce alla sicurezza."

Non mi pare che la Russia sia isolata da tutta la comunità internazionale.
 

vota DC

Senior Member
Registrato
3 Settembre 2012
Messaggi
6,182
Reaction score
465
Pure l' India sta con questi?

Tutto come previsto dal 22 febbraio, maledetti tutti.

Istinto bellico totalmente sdoganato ormai.

Toccherà armarsi, pensavo l' India fosse dalla "nostra parte", evidentemente sono un po' degli Erdokane pure loro.

Quando iniziano ad essere qualche smiliardata di persone vanno drizzate le antenne
Gli indiani non hanno scelta dato che si è deciso di sostenere i nemici giurati dell'India: il Pakistan. E ovviamente il Pakistan sta con loro perché per quanto venga supportato è sempre stato contro l'occidente.
 
Registrato
9 Maggio 2017
Messaggi
10,878
Reaction score
752
Ma tu davvero sei convinto che questa gente sia talmente stupida da accettare la mancetta di Washington? Ma davvero pensi che questa gente sia ancora disposta a farti da facchino, quando ti tiene praticamente per le palle e ne ha acquisito consapevolezza?

Qui c'è una posta in gioco MOLTO più grande sul piatto di un bonifico pari alla pensione di Joe Biden; si tratta di riscrivere gli equilibri che vennero scritti a Jalta, e che ancora regolano i rapporti di forza internazionali.

Cina, Russia, India (occhio al Brasile e al Sudafrica) sono i cosiddetti BRICS, le nuove super-economie emergenti, che hanno tutto l'interesse nel costruirsi una propria sfera di influenza.
Degli equilibri americani non gli frega nulla, e l'Ucraina ve l'ha già dimostrato.
Taiwan ve lo dimostrerà di nuovo, se si continua così.

Bisogna prendere atto che il mondo sta cambiando e cercare di venirne a patti.
L'Occidente ha due scelte davanti a sé:
  1. fare come l'ultima volta, facendo scoppiare una guerra mondiale, e trovarsi distrutto alla stessa maniera dei paesi vinti;
  2. accettare la multipolarità e smetterla di interferire nelle sfere d'influenza altrui, tornando a fare quello che si faceva nella seconda metà dell'Ottocento, quando le potenze sottoscrivevano trattati internazionali in cui regolavano di volta in volta i rapporti.
Altre vie non ce ne sono.
E gli americani se ne ben guardano dal punto 1, motivo per il quale non sono intervenuti in Ucraina, e non interverranno nemmeno a Taiwan.
A Washington sanno già che il punto 2 è l'unica via da seguire, e il riconoscimento delle sfere di influenza delle nuove potenze un atto obbligato.
Una guerra mondiale vuol dire mettere in conto il rischio di perderla, e con essa lo status di paese privilegiato, specialmente nel nuovo Consiglio di Sicurezza che verrà istituito dopo il conflitto.
Non vale la pena rischiare la guerra totale per salvaguardare un'influenza assoluta che hai già perso, e che è il motivo per cui sei arrivato alle armi.
Cade la tua argomentata spiegazione davanti a queste stranezze:
Hanno fatto vincere un ritardato guerrafondaio
Stanno continuando a perseguitare il loro ex presidente
Non si sa mai


Io so tutt'altro..
xò si! è corretta la considerazione di rimanere in cima
il resto ahimè no

Sono pazzi!!!
 
Alto
head>