Milan: Zirkzee e Buogiorno. Le cifre e le alternative.

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
203,644
Reaction score
27,122
Mediaset: il primo obiettivo per l'attacco del Milan è sempre Zirkzee. Costa 55-60 mln. Il Milan può inserire anche Colombo più soldi. L’alternativa è Sesko che costa sui 30 mln. Per la difesa l’obiettivo numero uno è Buongiorno. L’alternativa Brassier.

News precedenti

GDS in edicola: mentre l’Inter viaggia spedita verso la seconda stella, a questo Mila per vederla, servirebbe un telescopio: per una squadra partita con ambizioni da scudetto, essere fuori dai giochi a febbraio — e con 13 punti di ritardo dai rivali di sempre — è una sconfitta. E così, mentre Pioli e i suoi ragionano sulla zona Champions e una Europa League da provare a vincere, in casa rossonera si riflette sul futuro: c’è da colmare il gap con l’Inter e in estate occorrerà intervenire con tre-quattro rinforzi per riportare il Milan a un’altezza scudetto. Zirkzee o Sesko Primo, armarsi di gol con un nuovo centravanti. Perché a giugno è probabile che uno tra Giroud e Jovic (se non entrambi) saluterà, e perché il momento attuale fotografa i limiti del Milan a centro area: Oli, spremuto per necessità, è in debito di ossigeno e sta faticando, ma senza Jovic squalificato Pioli non ha alternative valide a cui affidarsi. Il Milan in questi anni ha battuto la strada dell’usato sicuro e la strategia ha prodotto risultati eccellenti (Ibra, Giroud) ma anche grandi flop (Mandzukic, Origi): e allora si cambia, il prossimo 9 sarà un under 25. Due nomi su tutti: Joshua Zirkzee e Benjamin Sesko. Lo sloveno del Lipsia è seguito da tempo e, strada facendo, ha guadagnato posizioni sugli altri vecchi pallini come Jonathan David. L’olandese del Bologna, però, convince di più: conosce la Serie A, in rossoblù è diventato un leader e ha i mezzi tecnici per muoversi in tutte le zone dell’attacco. Su di lui hanno messo gli occhi in tanti — dalla Premier al Bayern, che vanta una clausola di riacquisto per 40 milioni — ma Zirkzee vedrebbe di buon occhio un trasferimento in Italia, prima del grande salto in Inghilterra: a 22 anni, c’è tempo per crescere. Ecco, è in questo terreno che il Milan potrà gettare i semi per provare a raccogliere nel prossimo mercato, richieste del Bologna permettendo: si partirà verosimilmente da quei 40 milioni che potrebbe garantire il Bayern, poi si vedrà. La sensazione è che quella cifra, nelle valutazioni degli emiliani, sia destinata a salire. Potrebbe bastare invece per vestire Sesko di rossonero. Trio per il centro A tracciare il solco lungo anni luce tra il Milan e la seconda stella, però, non sono stati i problemi in attacco, ma i limiti della difesa: i gol incassati sono 32, ovvero 20 in più di quelli presi dall’Inter e uno in più di quelli subiti dal Milan in tutto il campionato dello scudetto. Il centrale difensivo, allora, sarà la seconda priorità del prossimo mercato: dal mancato arrivo di Botman al mancato rinforzo dello scorso gennaio, il discorso è stato rinviato più volte ma a giugno non si potrà più aspettare. In prima fila ci sono Maxence Lacroix del Wolfsburg e Lilian Brassier del Brest: sul primo il Milan ha sondato il terreno, sul secondo ha trattato con il club francese a gennaio. Entrambi andranno in scadenza tra un anno e questo potrebbe consentire ai rossoneri di spuntare uno sconto sul prezzo. Sullo sfondo, l’opzione a costo zero: Tosin Adarabioyo, a fine contratto con il Fulham. Altre zone del campo da rinforzare: la mediana, che oggi è ricca di opzioni ma va completata con l’acquisto di un centrocampista centrale più fisico di quelli in rosa, e la fascia sinistra, dove manca il vice-Hernandez. Risorse La spesa sarà importante, siamo più o meno sui 100 milioni: come verrà finanziata? Non con gli addii probabili, perché chi è in scadenza (Giroud, Kjaer, Jovic) non porterebbe denaro in cassa. E difficilmente chi sta rendendo al di sotto delle aspettative potrebbe aiutare alla causa: se il Milan decidesse di cedere uno tra Okafor e Chukwueze, si tratterebbe piuttosto di evitare di rimetterci. Le strade allora sono due: il budget che la proprietà stanzierà — di recente il presidente Paolo Scaroni ha dichiarato che il prossimo bilancio, ancora in attivo, potrà aiutare — e l’eventuale cessione di un big. Guardando al passato ci si può specchiare nel futuro: l’addio di Tonali ha finanziato una buona fetta dell’ultimo mercato e tra quattro mesi potrebbe succedere lo stesso. I candidati non sono un mistero: Theo e Maignan piacciono al Bayern, Leao è nel mirino del Psg per il dopo Mbappé.


Altre news di giornata:


—) Pioli: buone chance conferma. Conte lontano. Motta...


—) Brescianini: c'è la Juve. E il Milan...


—) Trevisani:"A Leao servirebbe un altro altro allenatore. Pioli...".


—) Milan: Kjaer vuole restare, ma...


—) Ass. MIstretta:"Il Milan vuole San Donato"


—) Frattesi:"Inter? Mai pentito. Theo? Battaglie ma ho vinto io..."


—) Ordine:"Rigore Milan - Dea, arbitra la tv".


—) S. Inzaghi: Liverpol, United Chelsea e Barça interessate.


—) Milan: vizio rigori. E Maignan non para più.


—) Riecco Leao: tanto dipenderà da lui. E' la miglior versione?


—) Pioli: un gran finale per restare e mettere out Motta e co


—) Milan: Inter lontanissima. Non accadeva da 16 anni.


—) Milan: via Theo, Leao o Maignan. Jovic e Giroud...


—) Milan: 100 mln per Zirkzee, Sesko Lacroix e Brassier.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
203,644
Reaction score
27,122
Mediaset: il primo obiettivo per l'attacco del Milan è sempre Zirkzee. Costa 55-60 mln. Il Milan può inserire anche Colombo più soldi. L’alternativa è Sesko che costa sui 30 mln. Per la difesa l’obiettivo numero uno è Buongiorno. L’alternativa Brassier.

News precedenti

GDS in edicola: mentre l’Inter viaggia spedita verso la seconda stella, a questo Mila per vederla, servirebbe un telescopio: per una squadra partita con ambizioni da scudetto, essere fuori dai giochi a febbraio — e con 13 punti di ritardo dai rivali di sempre — è una sconfitta. E così, mentre Pioli e i suoi ragionano sulla zona Champions e una Europa League da provare a vincere, in casa rossonera si riflette sul futuro: c’è da colmare il gap con l’Inter e in estate occorrerà intervenire con tre-quattro rinforzi per riportare il Milan a un’altezza scudetto. Zirkzee o Sesko Primo, armarsi di gol con un nuovo centravanti. Perché a giugno è probabile che uno tra Giroud e Jovic (se non entrambi) saluterà, e perché il momento attuale fotografa i limiti del Milan a centro area: Oli, spremuto per necessità, è in debito di ossigeno e sta faticando, ma senza Jovic squalificato Pioli non ha alternative valide a cui affidarsi. Il Milan in questi anni ha battuto la strada dell’usato sicuro e la strategia ha prodotto risultati eccellenti (Ibra, Giroud) ma anche grandi flop (Mandzukic, Origi): e allora si cambia, il prossimo 9 sarà un under 25. Due nomi su tutti: Joshua Zirkzee e Benjamin Sesko. Lo sloveno del Lipsia è seguito da tempo e, strada facendo, ha guadagnato posizioni sugli altri vecchi pallini come Jonathan David. L’olandese del Bologna, però, convince di più: conosce la Serie A, in rossoblù è diventato un leader e ha i mezzi tecnici per muoversi in tutte le zone dell’attacco. Su di lui hanno messo gli occhi in tanti — dalla Premier al Bayern, che vanta una clausola di riacquisto per 40 milioni — ma Zirkzee vedrebbe di buon occhio un trasferimento in Italia, prima del grande salto in Inghilterra: a 22 anni, c’è tempo per crescere. Ecco, è in questo terreno che il Milan potrà gettare i semi per provare a raccogliere nel prossimo mercato, richieste del Bologna permettendo: si partirà verosimilmente da quei 40 milioni che potrebbe garantire il Bayern, poi si vedrà. La sensazione è che quella cifra, nelle valutazioni degli emiliani, sia destinata a salire. Potrebbe bastare invece per vestire Sesko di rossonero. Trio per il centro A tracciare il solco lungo anni luce tra il Milan e la seconda stella, però, non sono stati i problemi in attacco, ma i limiti della difesa: i gol incassati sono 32, ovvero 20 in più di quelli presi dall’Inter e uno in più di quelli subiti dal Milan in tutto il campionato dello scudetto. Il centrale difensivo, allora, sarà la seconda priorità del prossimo mercato: dal mancato arrivo di Botman al mancato rinforzo dello scorso gennaio, il discorso è stato rinviato più volte ma a giugno non si potrà più aspettare. In prima fila ci sono Maxence Lacroix del Wolfsburg e Lilian Brassier del Brest: sul primo il Milan ha sondato il terreno, sul secondo ha trattato con il club francese a gennaio. Entrambi andranno in scadenza tra un anno e questo potrebbe consentire ai rossoneri di spuntare uno sconto sul prezzo. Sullo sfondo, l’opzione a costo zero: Tosin Adarabioyo, a fine contratto con il Fulham. Altre zone del campo da rinforzare: la mediana, che oggi è ricca di opzioni ma va completata con l’acquisto di un centrocampista centrale più fisico di quelli in rosa, e la fascia sinistra, dove manca il vice-Hernandez. Risorse La spesa sarà importante, siamo più o meno sui 100 milioni: come verrà finanziata? Non con gli addii probabili, perché chi è in scadenza (Giroud, Kjaer, Jovic) non porterebbe denaro in cassa. E difficilmente chi sta rendendo al di sotto delle aspettative potrebbe aiutare alla causa: se il Milan decidesse di cedere uno tra Okafor e Chukwueze, si tratterebbe piuttosto di evitare di rimetterci. Le strade allora sono due: il budget che la proprietà stanzierà — di recente il presidente Paolo Scaroni ha dichiarato che il prossimo bilancio, ancora in attivo, potrà aiutare — e l’eventuale cessione di un big. Guardando al passato ci si può specchiare nel futuro: l’addio di Tonali ha finanziato una buona fetta dell’ultimo mercato e tra quattro mesi potrebbe succedere lo stesso. I candidati non sono un mistero: Theo e Maignan piacciono al Bayern, Leao è nel mirino del Psg per il dopo Mbappé.


Altre news di giornata:


—) Pioli: buone chance conferma. Conte lontano. Motta...


—) Brescianini: c'è la Juve. E il Milan...


—) Trevisani:"A Leao servirebbe un altro altro allenatore. Pioli...".


—) Milan: Kjaer vuole restare, ma...


—) Ass. MIstretta:"Il Milan vuole San Donato"


—) Frattesi:"Inter? Mai pentito. Theo? Battaglie ma ho vinto io..."


—) Ordine:"Rigore Milan - Dea, arbitra la tv".


—) S. Inzaghi: Liverpol, United Chelsea e Barça interessate.


—) Milan: vizio rigori. E Maignan non para più.


—) Riecco Leao: tanto dipenderà da lui. E' la miglior versione?


—) Pioli: un gran finale per restare e mettere out Motta e co


—) Milan: Inter lontanissima. Non accadeva da 16 anni.


—) Milan: via Theo, Leao o Maignan. Jovic e Giroud...


—) Milan: 100 mln per Zirkzee, Sesko Lacroix e Brassier.
.
 
Alto
head>