Milan: 100 mln per Zirkzee, Sesko Lacroix e Brassier.

Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
203,998
Reaction score
27,289
GDS in edicola: mentre l’Inter viaggia spedita verso la seconda stella, a questo Mila per vederla, servirebbe un telescopio: per una squadra partita con ambizioni da scudetto, essere fuori dai giochi a febbraio — e con 13 punti di ritardo dai rivali di sempre — è una sconfitta. E così, mentre Pioli e i suoi ragionano sulla zona Champions e una Europa League da provare a vincere, in casa rossonera si riflette sul futuro: c’è da colmare il gap con l’Inter e in estate occorrerà intervenire con tre-quattro rinforzi per riportare il Milan a un’altezza scudetto. Zirkzee o Sesko Primo, armarsi di gol con un nuovo centravanti. Perché a giugno è probabile che uno tra Giroud e Jovic (se non entrambi) saluterà, e perché il momento attuale fotografa i limiti del Milan a centro area: Oli, spremuto per necessità, è in debito di ossigeno e sta faticando, ma senza Jovic squalificato Pioli non ha alternative valide a cui affidarsi. Il Milan in questi anni ha battuto la strada dell’usato sicuro e la strategia ha prodotto risultati eccellenti (Ibra, Giroud) ma anche grandi flop (Mandzukic, Origi): e allora si cambia, il prossimo 9 sarà un under 25. Due nomi su tutti: Joshua Zirkzee e Benjamin Sesko. Lo sloveno del Lipsia è seguito da tempo e, strada facendo, ha guadagnato posizioni sugli altri vecchi pallini come Jonathan David. L’olandese del Bologna, però, convince di più: conosce la Serie A, in rossoblù è diventato un leader e ha i mezzi tecnici per muoversi in tutte le zone dell’attacco. Su di lui hanno messo gli occhi in tanti — dalla Premier al Bayern, che vanta una clausola di riacquisto per 40 milioni — ma Zirkzee vedrebbe di buon occhio un trasferimento in Italia, prima del grande salto in Inghilterra: a 22 anni, c’è tempo per crescere. Ecco, è in questo terreno che il Milan potrà gettare i semi per provare a raccogliere nel prossimo mercato, richieste del Bologna permettendo: si partirà verosimilmente da quei 40 milioni che potrebbe garantire il Bayern, poi si vedrà. La sensazione è che quella cifra, nelle valutazioni degli emiliani, sia destinata a salire. Potrebbe bastare invece per vestire Sesko di rossonero. Trio per il centro A tracciare il solco lungo anni luce tra il Milan e la seconda stella, però, non sono stati i problemi in attacco, ma i limiti della difesa: i gol incassati sono 32, ovvero 20 in più di quelli presi dall’Inter e uno in più di quelli subiti dal Milan in tutto il campionato dello scudetto. Il centrale difensivo, allora, sarà la seconda priorità del prossimo mercato: dal mancato arrivo di Botman al mancato rinforzo dello scorso gennaio, il discorso è stato rinviato più volte ma a giugno non si potrà più aspettare. In prima fila ci sono Maxence Lacroix del Wolfsburg e Lilian Brassier del Brest: sul primo il Milan ha sondato il terreno, sul secondo ha trattato con il club francese a gennaio. Entrambi andranno in scadenza tra un anno e questo potrebbe consentire ai rossoneri di spuntare uno sconto sul prezzo. Sullo sfondo, l’opzione a costo zero: Tosin Adarabioyo, a fine contratto con il Fulham. Altre zone del campo da rinforzare: la mediana, che oggi è ricca di opzioni ma va completata con l’acquisto di un centrocampista centrale più fisico di quelli in rosa, e la fascia sinistra, dove manca il vice-Hernandez. Risorse La spesa sarà importante, siamo più o meno sui 100 milioni: come verrà finanziata? Non con gli addii probabili, perché chi è in scadenza (Giroud, Kjaer, Jovic) non porterebbe denaro in cassa. E difficilmente chi sta rendendo al di sotto delle aspettative potrebbe aiutare alla causa: se il Milan decidesse di cedere uno tra Okafor e Chukwueze, si tratterebbe piuttosto di evitare di rimetterci. Le strade allora sono due: il budget che la proprietà stanzierà — di recente il presidente Paolo Scaroni ha dichiarato che il prossimo bilancio, ancora in attivo, potrà aiutare — e l’eventuale cessione di un big. Guardando al passato ci si può specchiare nel futuro: l’addio di Tonali ha finanziato una buona fetta dell’ultimo mercato e tra quattro mesi potrebbe succedere lo stesso. I candidati non sono un mistero: Theo e Maignan piacciono al Bayern, Leao è nel mirino del Psg per il dopo Mbappé.


Altre news di giornata:


—) S. Inzaghi: Liverpol, United Chelsea e Barça interessate.


—) Milan: vizio rigori. E Maignan non para più.


—) Riecco Leao: tanto dipenderà da lui. E' la miglior versione?


—) Pioli: un gran finale per restare e mettere out Motta e co


—) Milan: Inter lontanissima. Non accadeva da 16 anni.


—) Milan: via Theo, Leao o Maignan. Jovic e Giroud...


—) Milan: 100 mln per Zirkzee, Sesko Lacroix e Brassier.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
203,998
Reaction score
27,289
GDS in edicola: mentre l’Inter viaggia spedita verso la seconda stella, a questo Mila per vederla, servirebbe un telescopio: per una squadra partita con ambizioni da scudetto, essere fuori dai giochi a febbraio — e con 13 punti di ritardo dai rivali di sempre — è una sconfitta. E così, mentre Pioli e i suoi ragionano sulla zona Champions e una Europa League da provare a vincere, in casa rossonera si riflette sul futuro: c’è da colmare il gap con l’Inter e in estate occorrerà intervenire con tre-quattro rinforzi per riportare il Milan a un’altezza scudetto. Zirkzee o Sesko Primo, armarsi di gol con un nuovo centravanti. Perché a giugno è probabile che uno tra Giroud e Jovic (se non entrambi) saluterà, e perché il momento attuale fotografa i limiti del Milan a centro area: Oli, spremuto per necessità, è in debito di ossigeno e sta faticando, ma senza Jovic squalificato Pioli non ha alternative valide a cui affidarsi. Il Milan in questi anni ha battuto la strada dell’usato sicuro e la strategia ha prodotto risultati eccellenti (Ibra, Giroud) ma anche grandi flop (Mandzukic, Origi): e allora si cambia, il prossimo 9 sarà un under 25. Due nomi su tutti: Joshua Zirkzee e Benjamin Sesko. Lo sloveno del Lipsia è seguito da tempo e, strada facendo, ha guadagnato posizioni sugli altri vecchi pallini come Jonathan David. L’olandese del Bologna, però, convince di più: conosce la Serie A, in rossoblù è diventato un leader e ha i mezzi tecnici per muoversi in tutte le zone dell’attacco. Su di lui hanno messo gli occhi in tanti — dalla Premier al Bayern, che vanta una clausola di riacquisto per 40 milioni — ma Zirkzee vedrebbe di buon occhio un trasferimento in Italia, prima del grande salto in Inghilterra: a 22 anni, c’è tempo per crescere. Ecco, è in questo terreno che il Milan potrà gettare i semi per provare a raccogliere nel prossimo mercato, richieste del Bologna permettendo: si partirà verosimilmente da quei 40 milioni che potrebbe garantire il Bayern, poi si vedrà. La sensazione è che quella cifra, nelle valutazioni degli emiliani, sia destinata a salire. Potrebbe bastare invece per vestire Sesko di rossonero. Trio per il centro A tracciare il solco lungo anni luce tra il Milan e la seconda stella, però, non sono stati i problemi in attacco, ma i limiti della difesa: i gol incassati sono 32, ovvero 20 in più di quelli presi dall’Inter e uno in più di quelli subiti dal Milan in tutto il campionato dello scudetto. Il centrale difensivo, allora, sarà la seconda priorità del prossimo mercato: dal mancato arrivo di Botman al mancato rinforzo dello scorso gennaio, il discorso è stato rinviato più volte ma a giugno non si potrà più aspettare. In prima fila ci sono Maxence Lacroix del Wolfsburg e Lilian Brassier del Brest: sul primo il Milan ha sondato il terreno, sul secondo ha trattato con il club francese a gennaio. Entrambi andranno in scadenza tra un anno e questo potrebbe consentire ai rossoneri di spuntare uno sconto sul prezzo. Sullo sfondo, l’opzione a costo zero: Tosin Adarabioyo, a fine contratto con il Fulham. Altre zone del campo da rinforzare: la mediana, che oggi è ricca di opzioni ma va completata con l’acquisto di un centrocampista centrale più fisico di quelli in rosa, e la fascia sinistra, dove manca il vice-Hernandez. Risorse La spesa sarà importante, siamo più o meno sui 100 milioni: come verrà finanziata? Non con gli addii probabili, perché chi è in scadenza (Giroud, Kjaer, Jovic) non porterebbe denaro in cassa. E difficilmente chi sta rendendo al di sotto delle aspettative potrebbe aiutare alla causa: se il Milan decidesse di cedere uno tra Okafor e Chukwueze, si tratterebbe piuttosto di evitare di rimetterci. Le strade allora sono due: il budget che la proprietà stanzierà — di recente il presidente Paolo Scaroni ha dichiarato che il prossimo bilancio, ancora in attivo, potrà aiutare — e l’eventuale cessione di un big. Guardando al passato ci si può specchiare nel futuro: l’addio di Tonali ha finanziato una buona fetta dell’ultimo mercato e tra quattro mesi potrebbe succedere lo stesso. I candidati non sono un mistero: Theo e Maignan piacciono al Bayern, Leao è nel mirino del Psg per il dopo Mbappé.
.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
203,998
Reaction score
27,289
GDS in edicola: mentre l’Inter viaggia spedita verso la seconda stella, a questo Mila per vederla, servirebbe un telescopio: per una squadra partita con ambizioni da scudetto, essere fuori dai giochi a febbraio — e con 13 punti di ritardo dai rivali di sempre — è una sconfitta. E così, mentre Pioli e i suoi ragionano sulla zona Champions e una Europa League da provare a vincere, in casa rossonera si riflette sul futuro: c’è da colmare il gap con l’Inter e in estate occorrerà intervenire con tre-quattro rinforzi per riportare il Milan a un’altezza scudetto. Zirkzee o Sesko Primo, armarsi di gol con un nuovo centravanti. Perché a giugno è probabile che uno tra Giroud e Jovic (se non entrambi) saluterà, e perché il momento attuale fotografa i limiti del Milan a centro area: Oli, spremuto per necessità, è in debito di ossigeno e sta faticando, ma senza Jovic squalificato Pioli non ha alternative valide a cui affidarsi. Il Milan in questi anni ha battuto la strada dell’usato sicuro e la strategia ha prodotto risultati eccellenti (Ibra, Giroud) ma anche grandi flop (Mandzukic, Origi): e allora si cambia, il prossimo 9 sarà un under 25. Due nomi su tutti: Joshua Zirkzee e Benjamin Sesko. Lo sloveno del Lipsia è seguito da tempo e, strada facendo, ha guadagnato posizioni sugli altri vecchi pallini come Jonathan David. L’olandese del Bologna, però, convince di più: conosce la Serie A, in rossoblù è diventato un leader e ha i mezzi tecnici per muoversi in tutte le zone dell’attacco. Su di lui hanno messo gli occhi in tanti — dalla Premier al Bayern, che vanta una clausola di riacquisto per 40 milioni — ma Zirkzee vedrebbe di buon occhio un trasferimento in Italia, prima del grande salto in Inghilterra: a 22 anni, c’è tempo per crescere. Ecco, è in questo terreno che il Milan potrà gettare i semi per provare a raccogliere nel prossimo mercato, richieste del Bologna permettendo: si partirà verosimilmente da quei 40 milioni che potrebbe garantire il Bayern, poi si vedrà. La sensazione è che quella cifra, nelle valutazioni degli emiliani, sia destinata a salire. Potrebbe bastare invece per vestire Sesko di rossonero. Trio per il centro A tracciare il solco lungo anni luce tra il Milan e la seconda stella, però, non sono stati i problemi in attacco, ma i limiti della difesa: i gol incassati sono 32, ovvero 20 in più di quelli presi dall’Inter e uno in più di quelli subiti dal Milan in tutto il campionato dello scudetto. Il centrale difensivo, allora, sarà la seconda priorità del prossimo mercato: dal mancato arrivo di Botman al mancato rinforzo dello scorso gennaio, il discorso è stato rinviato più volte ma a giugno non si potrà più aspettare. In prima fila ci sono Maxence Lacroix del Wolfsburg e Lilian Brassier del Brest: sul primo il Milan ha sondato il terreno, sul secondo ha trattato con il club francese a gennaio. Entrambi andranno in scadenza tra un anno e questo potrebbe consentire ai rossoneri di spuntare uno sconto sul prezzo. Sullo sfondo, l’opzione a costo zero: Tosin Adarabioyo, a fine contratto con il Fulham. Altre zone del campo da rinforzare: la mediana, che oggi è ricca di opzioni ma va completata con l’acquisto di un centrocampista centrale più fisico di quelli in rosa, e la fascia sinistra, dove manca il vice-Hernandez. Risorse La spesa sarà importante, siamo più o meno sui 100 milioni: come verrà finanziata? Non con gli addii probabili, perché chi è in scadenza (Giroud, Kjaer, Jovic) non porterebbe denaro in cassa. E difficilmente chi sta rendendo al di sotto delle aspettative potrebbe aiutare alla causa: se il Milan decidesse di cedere uno tra Okafor e Chukwueze, si tratterebbe piuttosto di evitare di rimetterci. Le strade allora sono due: il budget che la proprietà stanzierà — di recente il presidente Paolo Scaroni ha dichiarato che il prossimo bilancio, ancora in attivo, potrà aiutare — e l’eventuale cessione di un big. Guardando al passato ci si può specchiare nel futuro: l’addio di Tonali ha finanziato una buona fetta dell’ultimo mercato e tra quattro mesi potrebbe succedere lo stesso. I candidati non sono un mistero: Theo e Maignan piacciono al Bayern, Leao è nel mirino del Psg per il dopo Mbappé.
.
 

Michelons

Well-known member
Registrato
15 Giugno 2022
Messaggi
1,281
Reaction score
641
GDS in edicola: mentre l’Inter viaggia spedita verso la seconda stella, a questo Mila per vederla, servirebbe un telescopio: per una squadra partita con ambizioni da scudetto, essere fuori dai giochi a febbraio — e con 13 punti di ritardo dai rivali di sempre — è una sconfitta. E così, mentre Pioli e i suoi ragionano sulla zona Champions e una Europa League da provare a vincere, in casa rossonera si riflette sul futuro: c’è da colmare il gap con l’Inter e in estate occorrerà intervenire con tre-quattro rinforzi per riportare il Milan a un’altezza scudetto. Zirkzee o Sesko Primo, armarsi di gol con un nuovo centravanti. Perché a giugno è probabile che uno tra Giroud e Jovic (se non entrambi) saluterà, e perché il momento attuale fotografa i limiti del Milan a centro area: Oli, spremuto per necessità, è in debito di ossigeno e sta faticando, ma senza Jovic squalificato Pioli non ha alternative valide a cui affidarsi. Il Milan in questi anni ha battuto la strada dell’usato sicuro e la strategia ha prodotto risultati eccellenti (Ibra, Giroud) ma anche grandi flop (Mandzukic, Origi): e allora si cambia, il prossimo 9 sarà un under 25. Due nomi su tutti: Joshua Zirkzee e Benjamin Sesko. Lo sloveno del Lipsia è seguito da tempo e, strada facendo, ha guadagnato posizioni sugli altri vecchi pallini come Jonathan David. L’olandese del Bologna, però, convince di più: conosce la Serie A, in rossoblù è diventato un leader e ha i mezzi tecnici per muoversi in tutte le zone dell’attacco. Su di lui hanno messo gli occhi in tanti — dalla Premier al Bayern, che vanta una clausola di riacquisto per 40 milioni — ma Zirkzee vedrebbe di buon occhio un trasferimento in Italia, prima del grande salto in Inghilterra: a 22 anni, c’è tempo per crescere. Ecco, è in questo terreno che il Milan potrà gettare i semi per provare a raccogliere nel prossimo mercato, richieste del Bologna permettendo: si partirà verosimilmente da quei 40 milioni che potrebbe garantire il Bayern, poi si vedrà. La sensazione è che quella cifra, nelle valutazioni degli emiliani, sia destinata a salire. Potrebbe bastare invece per vestire Sesko di rossonero. Trio per il centro A tracciare il solco lungo anni luce tra il Milan e la seconda stella, però, non sono stati i problemi in attacco, ma i limiti della difesa: i gol incassati sono 32, ovvero 20 in più di quelli presi dall’Inter e uno in più di quelli subiti dal Milan in tutto il campionato dello scudetto. Il centrale difensivo, allora, sarà la seconda priorità del prossimo mercato: dal mancato arrivo di Botman al mancato rinforzo dello scorso gennaio, il discorso è stato rinviato più volte ma a giugno non si potrà più aspettare. In prima fila ci sono Maxence Lacroix del Wolfsburg e Lilian Brassier del Brest: sul primo il Milan ha sondato il terreno, sul secondo ha trattato con il club francese a gennaio. Entrambi andranno in scadenza tra un anno e questo potrebbe consentire ai rossoneri di spuntare uno sconto sul prezzo. Sullo sfondo, l’opzione a costo zero: Tosin Adarabioyo, a fine contratto con il Fulham. Altre zone del campo da rinforzare: la mediana, che oggi è ricca di opzioni ma va completata con l’acquisto di un centrocampista centrale più fisico di quelli in rosa, e la fascia sinistra, dove manca il vice-Hernandez. Risorse La spesa sarà importante, siamo più o meno sui 100 milioni: come verrà finanziata? Non con gli addii probabili, perché chi è in scadenza (Giroud, Kjaer, Jovic) non porterebbe denaro in cassa. E difficilmente chi sta rendendo al di sotto delle aspettative potrebbe aiutare alla causa: se il Milan decidesse di cedere uno tra Okafor e Chukwueze, si tratterebbe piuttosto di evitare di rimetterci. Le strade allora sono due: il budget che la proprietà stanzierà — di recente il presidente Paolo Scaroni ha dichiarato che il prossimo bilancio, ancora in attivo, potrà aiutare — e l’eventuale cessione di un big. Guardando al passato ci si può specchiare nel futuro: l’addio di Tonali ha finanziato una buona fetta dell’ultimo mercato e tra quattro mesi potrebbe succedere lo stesso. I candidati non sono un mistero: Theo e Maignan piacciono al Bayern, Leao è nel mirino del Psg per il dopo Mbappé.


Altre news di giornata:


—) S. Inzaghi: Liverpol, United Chelsea e Barça interessate.


—) Milan: vizio rigori. E Maignan non para più.


—) Riecco Leao: tanto dipenderà da lui. E' la miglior versione?


—) Pioli: un gran finale per restare e mettere out Motta e co


—) Milan: Inter lontanissima. Non accadeva da 16 anni.


—) Milan: via Theo, Leao o Maignan. Jovic e Giroud...


—) Milan: 100 mln per Zirkzee, Sesko Lacroix e Brassier.
Per me non arrivano centrali. Di sicuro servirà un mediano, per il vice theo insisterei con Bartesaghi e comunque ci sono elementi adattabili, piuttosto servirebbe un td forte, il centravanti è ovvio che serve e se dovessero andarsene sia giroud che jovic ne servono 2. Il sacrificato quest’anno è maignan ma per un mercato del genere non bastano 100 mln, Zirkzee è già quotato 70 mln se devi fare altri 2 acquisti ne servono altrettanti, se poi scappano entrambe le punte allora ne servo altri 100… non so voi ma io la vedo dura ed ho solo inserito gli acquisti che sono il minimo sindacale…
 

RSMilan

Well-known member
Registrato
5 Novembre 2023
Messaggi
1,412
Reaction score
889
Zirkzee e Sesko sono due degli attaccanti under 23 più forti d'europa.
Brassier e Lacroix sono molto piu forti di Kjaer che verrebbero a sostituire e comunque avrebbero davanti Tomori Kalulu e Thiaw.
Onestamente non capisco il problema.
Zirkzee è da verificare in una big e comunque ci si lamenta di Giroud ( che non fa 20 gol cit.) e si acquista uno che è si un bel giocatore ma non è propriamente un cecchino. Lo diventera ? Speriamo. Sesko deve ancora esplodere diciamo. Non credo minimamente al suo nome visto che il Lipsia penso che aspetterà che appunto possa valere tanti soldi per poi rivenderlo a tanto a qualche top club tra qualche anno. Se prendi uno dei due ti devi comunque tenere l'usato sicuro Giroud perché se non ingranano subito sei nella cacca. Lacroix hai ragione mi sembra un buon giocatore ma non lo conosco tantissimo mentre Brassier non lo conosco per niente ma non mi ispira diciamo così 😂😂😂 mia sensazione. La mia "preoccupazione" era piu per la composizione dell'attacco
 

Michelons

Well-known member
Registrato
15 Giugno 2022
Messaggi
1,281
Reaction score
641
Zirkzee e Sesko sono due degli attaccanti under 23 più forti d'europa.
Brassier e Lacroix sono molto piu forti di Kjaer che verrebbero a sostituire e comunque avrebbero davanti Tomori Kalulu e Thiaw.
Onestamente non capisco il problema.
Sugli attaccanti ti do ragione, per me centrali si può evitare di comprarli, non siamo messi male (Gabbia rientrato dal prestito in ottima forma) ma servono un mediano da 40 mln e un td da 30 oltre alla/e punta/e e se, come penso, partirà maignan un portiere da 20/30 mln… quindi un mercato da 200 mln o quasi se si vuole andare su quei nomi… io la vedo dura
 
Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.
Alto
head>