Milan: sempre più Pioli. Il futuro è suo.

Brotherhedo

Well-known member
Registrato
6 Marzo 2020
Messaggi
388
Reaction score
855
La cosa piu` frustrante e che fa male e` vedere su questo forum decine, centinaia di commenti di persone competenti, che hanno veramente a cuore le sorti della squadra e paragonarle alla criminosa e premeditata assenza di ambizione, passione e attaccamento dei vertici societari e sportivi.

Ormai si sta generando un distacco incolmabile (si spera non irreversibile) tra la societa` e il mondo reale.... se la cantano e se la suonano da soli, circondati da adulatori e zoomati, assumendo, confermando, programmando senza rispetto alcuno.

Temo che le voci di dissenso, oggi mille, diventino un domani cento e un dopodomani 10, decretando, difatto, la nuova dimensione sportiva (quarto posto, stadio pieno e caroselli in piazza) di quello che era una volta il Milan.

Purtroppo solo un cambio di proprieta` e dirigenza puo` salvarci.
 

Antokkmilan

Well-known member
Registrato
4 Dicembre 2021
Messaggi
5,234
Reaction score
2,425
Ah bene, quindi ha il potere di decidere quando vincere e quando perdere. Uno così potente io me lo terrei, magari riusciamo a convincerlo che è meglio anche per lui vincere tutto l'anno, non solo nel segmentino finale. A questo punto non vedo perché la Roma debba essere un'incognita, vinciamo sicuro. O forse mi sfugge che il segmentino su cui può decidere riguarda solo il campionato, confesso la mia ignoranza.
Ti do un consiglio da un fratello milanista: lascia perdere che vai a sbattere contro un muro…
 
Registrato
29 Ottobre 2017
Messaggi
4,787
Reaction score
2,042
Non dobbiamo essere impulsivi però nei giudizi, dovremmo essere più razionali.
E non per giustificare pioli ma per capire le logiche societarie.

Secondo me quando si programma su una stagione, ma sarebbe più corretto ragionare su un biennio-triennio, ci sono obiettivi minimi e massimi da centrare e su quelli si ragiona.
Poi ci sono altri discorsi come la crescita dei singoli e del gruppo e le motivazioni interne , nonchè altri aspetti come le prestazioni agonistiche.

Ora, alla luce di tutto ciò, secondo te quali erano gli obiettivi minimi chiesti al mister?
Secondo me qualificazione in champions per il prossimo anno(quindi minimo quarto posto), qualificazione agli ottavi di champions o minimo semifinale di el , semifinale di coppa italia.
Magari sbaglio ma secondo me questo gli hanno chiesto.

I dubbi grossi però restano sulla gestione sanitaria e la presa sul gruppo che dopo 5 anni potrebbe fisiologicamente calare.

Insomma, inutile anche prendersela col mister se è la proprietà per prima che vola bassa.
In linea generale, secondo me, non ci sono obbiettivi minimi.
L'obiettivo minimo è un'alibi al mancato raggiungimento dell'obiettivo stagionale.

Nel nostro caso è ad esempio ridicolo sbeffeggiare la serie A perchè il Napoli vince con 20 punti di distacco, sbeffeggiarla di nuovo perché l'Inter vince con 20 punti di distacco e poi parlare di obbiettivo minimo che sarebbe arrivare nei primi 4 di questa serie A.
Per non parlare del fatto che in Champions l'obiettivo minimo era qualificarsi, perchè peggio di essere eliminati nel girone non si può fare.

E tutti sti obbiettivi minimi stonano col club che siamo per dna e per quello che dicono a parole i nostri dirigenti.

L'inter di Inzaghi (non il milan di sacchi o capello) fin dalla prima intervista non si sono nascosti e hanno fissato come obbiettivo la vittoria del campionato e la seconda stella. Aldilà che poi hanno raggiunto l'obbiettivo, hanno avuto il coraggio di farlo. Si sono messi in discussione.
Noi invece sempre sul vago, sempre a nasconderci e fissiamo gli obiettivi in base alla classifica raggiunta. Sinceramente uno deve essere un credulone se pensa che Pioli ha giocato questa stagione pensando alla qualificazione Champions. Ha giocato per vincere il campionato e ha fallito.
Pioli se avesse avuto un minimo di dignità si sarebbe dimesso dopo l'intervista di ibra e cardinale.
Se lo confermano, non capisco allora le loro parole di quell'intervista.

E poi c'è l'aggravante infortuni, come ben dici tu che è una roba fuori dal mondo.

Se inoltre lo confermano e non gli rinnovano il contratto, facciamo prima a saltare proprio la prossima stagione. E aspettare giugno

 
Registrato
28 Maggio 2017
Messaggi
3,754
Reaction score
1,604
Che poi a dirla tutta in questo segmentino con cui Pioli si è "conquistato" la conferma e la dirigenza gli applausi dei giornali non abbiamo incontrato neanche una partita davvero difficile contro un avversario in forma.

Anzi, nessun giornalista dice mi pare che abbiamo addirittura perso con Monza e Rennes e pareggiato Atalanta e Bologna... Napoli Lazio e Roma le abbiamo incontrate in condizioni pietose... poi vittorie con Slavia e squadre della zona retrocessione...

Ormai basta proprio poco per far felici i milanisti, evidentemente.
E in alcune partite siamo stati letteralmente presi a pallonate, salvati dai singoli e dalla scarsezza altrui, come col Rennes. Mi ricorda l'inizio di stagione, con trombettieri a osannare le vittorie falsissime con Bologna e Torino, e poi è arrivato il derby.
Ora è uguale, titoloni e complimenti senza merito, speriamo che nel prossimo derby non ci si metta anche l'Inter ad applaudirci, del resto sono 5 derby ormai che ci applaudono fortissimo e a due mani. Fra un po, per il derby servirà il sottofondo sonoro con la girandola di cazzottoni dei film di Bud Spencer e Terence Hill. Più forte ragazzi.

 
Ultima modifica:

bobbylukr

Well-known member
Registrato
22 Luglio 2022
Messaggi
3,030
Reaction score
2,302
Il problema è che la gente neanche esce la partita e compra il biglietto.
Milan-Lecce che vale meno di una partita oratoriale SOLD OUT.
La gente è impazzita, non tanto per amore vs il Milan, ma per fare le live, storie su Instagram, Tik Tok.
Anche allo stadio ormai tutti a guardare i telefonini e pochi la gara in campo.
E' impressionante, tutti alla frutta. Ma se ne rendono conto di vivere per quel coso che hanno in mano?
Pazzesco

Se fosse vietato fare stories varie (compreso dopo la partita) ci sarebbe la metà delle persone. Letteralmente.
 

RSMilan

Well-known member
Registrato
5 Novembre 2023
Messaggi
1,387
Reaction score
870

Questa era del 2019 piu o meno in questo periodo. Speriamo che la storia si ripeta con noi protagonisti stavolta
 
Registrato
13 Luglio 2016
Messaggi
3,125
Reaction score
133
Sky: Milan e Pioli, ci sono tutti i presupposti per continuare insieme

Dopo aver cambiato il corso degli eventi nel 2020, quando Gazidis aveva pensato di affidare la squadra a Rangnick, Pioli ha dimostrato ancora una volta la sua capacità di riemergere e ripartire di slancio, nonostante le voci di un suo futuro lontano da Milano.

Nonostante i risultati deludenti in campionato, l'eliminazione dalla Champions League e i numerosi infortuni, Pioli ha saputo rosicchiare 13 punti alla Juve, consolidare il secondo posto con ampio margine sul quinto e andare avanti in Europa League, riportando il Milan tra le favorite.

I giocatori si sono esposti per lui, da Leao a Florenzi, e lo stesso Pioli non ha mai smesso di professare il suo amore per il club, creando le condizioni ideali per continuare insieme, anche considerando la difficoltà di trovare un allenatore che possa fare meglio di lui. Il futuro della panchina del Milan è sempre più suo.

01hq6dkt5hczfv65dhs8.jpg
Per restare deve vincere il derby e la coppa. Altrimenti a giugno deve arrivare Conte.
 
Registrato
11 Aprile 2016
Messaggi
59,948
Reaction score
25,654
In linea generale, secondo me, non ci sono obbiettivi minimi.
L'obiettivo minimo è un'alibi al mancato raggiungimento dell'obiettivo stagionale.

Nel nostro caso è ad esempio ridicolo sbeffeggiare la serie A perchè il Napoli vince con 20 punti di distacco, sbeffeggiarla di nuovo perché l'Inter vince con 20 punti di distacco e poi parlare di obbiettivo minimo che sarebbe arrivare nei primi 4 di questa serie A.
Per non parlare del fatto che in Champions l'obiettivo minimo era qualificarsi, perchè peggio di essere eliminati nel girone non si può fare.

E tutti sti obbiettivi minimi stonano col club che siamo per dna e per quello che dicono a parole i nostri dirigenti.

L'inter di Inzaghi (non il milan di sacchi o capello) fin dalla prima intervista non si sono nascosti e hanno fissato come obbiettivo la vittoria del campionato e la seconda stella. Aldilà che poi hanno raggiunto l'obbiettivo, hanno avuto il coraggio di farlo. Si sono messi in discussione.
Noi invece sempre sul vago, sempre a nasconderci e fissiamo gli obiettivi in base alla classifica raggiunta. Sinceramente uno deve essere un credulone se pensa che Pioli ha giocato questa stagione pensando alla qualificazione Champions. Ha giocato per vincere il campionato e ha fallito.
Pioli se avesse avuto un minimo di dignità si sarebbe dimesso dopo l'intervista di ibra e cardinale.
Se lo confermano, non capisco allora le loro parole di quell'intervista.

E poi c'è l'aggravante infortuni, come ben dici tu che è una roba fuori dal mondo.

Se inoltre lo confermano e non gli rinnovano il contratto, facciamo prima a saltare proprio la prossima stagione. E aspettare giugno

Gli obiettivi minimi se li pone ogni club per calibrare le uscite con le entrate e poter programmare sui 3 anni.
Nel calcio si fa cosi.

Il discorso del dna esiste solo per noi tifosi, nella realtà siamo un club che sta provando a tornare dove ci compete.
Ma se vieni eliminato in un girone di champions che comprende anche psg e dortmund oggi purtroppo ci sta e devi accettarlo.
Poi possiamo avere rammaricati perchè sul campo è girata male ma quello è un altro discorso.
 
Ultima modifica:
Alto
head>