Milan: quanti nodi. Rangnick, Maldini, Ibra e Gigio.

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
200,313
Reaction score
25,755
Come riportato dal CorSport in edicola oggi, 14 giugno, il Milan è alle prese con diversi nodi da sciogliere. L'eliminazione in Coppa Italia, messa in conto dopo gli episodio dell'andata, ha lasciato comunque rammarico. Ora l'Europa passa solo per il campionato (QUI https://www.milanworld.net/milan-ora-leuropa-con-lincognita-settimo-posto-vt90679.html ). Ma il club rossonero si avvia verso l'ennesima rivoluzione. Arriverà Rangnick, da decidere il futuro di Maldini. Elliott non vorrebbe perderlo, ma l'ex capitano di certo non resterà a fare il taglianastri. Ibra andrà via. Da decidere il futuro di Donnarumma (QUI https://www.milanworld.net/milan-il-piano-donnarumma-presto-incontro-con-raiola-vt90672.html ) che Elliot non vuole perdere, ma non sarà facile. Raiola, riguardo Elliott, la pensa come Ibra...
 

A.C Milan 1899

Bannato
Registrato
7 Aprile 2019
Messaggi
21,708
Reaction score
1,445
Come riportato dal CorSport in edicola oggi, 14 giugno, il Milan è alle prese con diversi nodi da sciogliere.


Troppi nodi da sciogliere e non sanno più a che santo votarsi. Aspetta, vediamo un po’...

quadro-maria-che-scioglie-i-nodi.jpg
 
Registrato
11 Aprile 2016
Messaggi
59,124
Reaction score
24,680
Come riportato dal CorSport in edicola oggi, 14 giugno, il Milan è alle prese con diversi nodi da sciogliere. L'eliminazione in Coppa Italia, messa in conto dopo gli episodio dell'andata, ha lasciato comunque rammarico. Ora l'Europa passa solo per il campionato (QUI https://www.milanworld.net/milan-ora-leuropa-con-lincognita-settimo-posto-vt90679.html ). Ma il club rossonero si avvia verso l'ennesima rivoluzione. Arriverà Rangnick, da decidere il futuro di Maldini. Elliott non vorrebbe perderlo, ma l'ex capitano di certo non resterà a fare il taglianastri. Ibra andrà via. Da decidere il futuro di Donnarumma (QUI https://www.milanworld.net/milan-il-piano-donnarumma-presto-incontro-con-raiola-vt90672.html ) che Elliot non vuole perdere, ma non sarà facile. Raiola, riguardo Elliott, la pensa come Ibra...

Sull'incapacità questa proprietà ha la dote unica di metterci tutti d'accordo.
Appena usciranno dal milan maldini e ibra cederanno anche gigio.
 

Goro

Senior Member
Registrato
7 Febbraio 2017
Messaggi
9,587
Reaction score
1,635
Come riportato dal CorSport in edicola oggi, 14 giugno, il Milan è alle prese con diversi nodi da sciogliere. L'eliminazione in Coppa Italia, messa in conto dopo gli episodio dell'andata, ha lasciato comunque rammarico. Ora l'Europa passa solo per il campionato (QUI https://www.milanworld.net/milan-ora-leuropa-con-lincognita-settimo-posto-vt90679.html ). Ma il club rossonero si avvia verso l'ennesima rivoluzione. Arriverà Rangnick, da decidere il futuro di Maldini. Elliott non vorrebbe perderlo, ma l'ex capitano di certo non resterà a fare il taglianastri. Ibra andrà via. Da decidere il futuro di Donnarumma (QUI https://www.milanworld.net/milan-il-piano-donnarumma-presto-incontro-con-raiola-vt90672.html ) che Elliot non vuole perdere, ma non sarà facile. Raiola, riguardo Elliott, la pensa come Ibra...

E' da dicembre che Rangnick ha avuto tempo per pensare a tutto, andare per le lunghe non ha senso
 
Registrato
26 Febbraio 2018
Messaggi
5,945
Reaction score
2,748
Come riportato dal CorSport in edicola oggi, 14 giugno, il Milan è alle prese con diversi nodi da sciogliere. L'eliminazione in Coppa Italia, messa in conto dopo gli episodio dell'andata, ha lasciato comunque rammarico. Ora l'Europa passa solo per il campionato (QUI https://www.milanworld.net/milan-ora-leuropa-con-lincognita-settimo-posto-vt90679.html ). Ma il club rossonero si avvia verso l'ennesima rivoluzione. Arriverà Rangnick, da decidere il futuro di Maldini. Elliott non vorrebbe perderlo, ma l'ex capitano di certo non resterà a fare il taglianastri. Ibra andrà via. Da decidere il futuro di Donnarumma (QUI https://www.milanworld.net/milan-il-piano-donnarumma-presto-incontro-con-raiola-vt90672.html ) che Elliot non vuole perdere, ma non sarà facile. Raiola, riguardo Elliott, la pensa come Ibra...

Il "nodo" Donnarumma lo scioglierei volentieri cedendo il ragazzo: il problema principale è che i compratori offrono noccioline, ammesso ci siano. Lo cederei non perché non lo reputi all'altezza (abbiamo avuto portieri ben meno validi in squadre molto più competitive), ma per una questione d'inguaribile idiosincrasia che nutro nei confronti del suo procuratore, dal quale il giocatore non si vuole proprio separare. Il rinnovo di due anni fa a 6 milioni a stagione è stato una follia. Personalmente non ingaggerei più nessun assistito di quel verme che non perde occasione per ricattare la società, è un cancro da estirpare senza compromessi.

Maldini, con Boban, non li avrei mai esautorati. Una volta che scegli di dar loro le chiavi della squadra, devi anche dare la possibilità di sbagliare. Hanno sbagliato qualcosa, ma hanno anche azzeccato diverse mosse. Dirigenti ora molto quotati hanno fatto cappellate madornali in situazioni anche meno complesse di quella nostra attuale.
Perdere Paolo sarebbe grave, specialmente considerando che il Milan ha quasi del tutto perso la propria identità e per un club calcistico con la sua storia è un peccato mortale, quasi quanto farne un cartello del politicamente corretto.

In ultimo, capitolo Rangnick. Un tecnico "fondamentalista" straniero alla prima esperienza di vita nel nostro paese, con una squadra da rifondare e senza le dovute conoscenze di lingua, campionato e cultura calcistica italiane, in una società "provvisoria" e una dirigenza rattoppata, inesperta e piena di falle, quali presupposti ha per fare meglio dei predecessori? Senza contare che mettere insieme una sequela di ragazzini provenienti da ogni dove e senza esperienza professionistica di un certo tipo, per poi buttarli a San Siro, è solo che stupido. Il rischio maggiore è quello di regalare l'ennesimo ingiustificato stipendio da nababbo a un mero visionario. Spero di sbagliarmi.
 

Rivera10

Member
Registrato
24 Luglio 2018
Messaggi
4,986
Reaction score
1,652
Il "nodo" Donnarumma lo scioglierei volentieri cedendo il ragazzo: il problema principale è che i compratori offrono noccioline, ammesso ci siano. Lo cederei non perché non lo reputi all'altezza (abbiamo avuto portieri ben meno validi in squadre molto più competitive), ma per una questione d'inguaribile idiosincrasia che nutro nei confronti del suo procuratore, dal quale il giocatore non si vuole proprio separare. Il rinnovo di due anni fa a 6 milioni a stagione è stato una follia. Personalmente non ingaggerei più nessun assistito di quel verme che non perde occasione per ricattare la società, è un cancro da estirpare senza compromessi.

Maldini, con Boban, non li avrei mai esautorati. Una volta che scegli di dar loro le chiavi della squadra, devi anche dare la possibilità di sbagliare. Hanno sbagliato qualcosa, ma hanno anche azzeccato diverse mosse. Dirigenti ora molto quotati hanno fatto cappellate madornali in situazioni anche meno complesse di quella nostra attuale.
Perdere Paolo sarebbe grave, specialmente considerando che il Milan ha quasi del tutto perso la propria identità e per un club calcistico con la sua storia è un peccato mortale, quasi quanto farne un cartello del politicamente corretto.

In ultimo, capitolo Rangnick. Un tecnico "fondamentalista" straniero alla prima esperienza di vita nel nostro paese, con una squadra da rifondare e senza le dovute conoscenze di lingua, campionato e cultura calcistica italiane, in una società "provvisoria" e una dirigenza rattoppata, inesperta e piena di falle, quali presupposti ha per fare meglio dei predecessori? Senza contare che mettere insieme una sequela di ragazzini provenienti da ogni dove e senza esperienza professionistica di un certo tipo, per poi buttarli a San Siro, è solo che stupido. Il rischio maggiore è quello di regalare l'ennesimo ingiustificato stipendio da nababbo a un mero visionario. Spero di sbagliarmi.

Su Rangnick anche io spero di sbagliarmi ma tutte le premesse sono negative. Speriamo di prendere una cantonata.
 
Alto
head>