Milan: flop e furto. Premier lontana. Ora due vittorie per gli ottavi.

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
168,578
Reaction score
13,621
Come riportato dalla GDS in edicola, l'arbitro Siebert commette una follia e rovina Milan - Chelsea con un rigore e un rosso a Tomori. Inesistente il fallo dell'inglese, anche espulso Jorginho dal dischetto e poi Aubameyang. Per fortuna,nell’altra gara del girone, Salisburgo e Dinamo Zagabria hanno pareggiato. Il Milan resta padrone del suo futuro, con due vittorie si qualificherà agli ottavi: non facile, ma fattibile. Preoccupa un po’ lo zero alla voce gol segnati negli incroci con il Chelsea,ma a San Siro in undici contro undici il Milan almeno una rete l’avrebbe realizzata. Un pizzico di flessibilità da parte di Siebert sarebbe stata apprezzata, ma il discorso è rovesciabile. Il Milan, per crescere in Europa, deve accettare il fatto che in Europa i capannelli di protesta irritano gli arbitri e li condizionano in peggio. Per il resto rilanciamo quanto scritto all’inizio:il rigore basta e avanza per punire chi interrompe una chiara occasioneda rete inarea. L’espulsione a tempo, come nella pallanuoto, potrebbe rappresentare un compromesso. La norma, come è formulata oggi, rovina le partite.

Corriere della Sera: una doppia sanzione che decide la partita e un pezzo grande della Champions del Milan, che ora non potrà più fallire nelle ultime due partite a Zagabria con la Dinamo e qui col Salisburgo, se vuole approdare agli ottavi a nove anni dall’ultima volta. La trattenuta è lieve ma c’è, inutile girarci intorno, anche se Mount casca solo dopo aver calciato. Restano i dubbi, molti. La decisione è davvero parecchio fiscale. L’unica buona notizia della serata è arrivata da est, col pari fra Dinamo e Salisburgo. La classifica del gruppo E vede in testa gli inglesi a 7, quindi austriaci a 6, rossoneri e croati a 4. Tutto incerto, tutto apertissimo, tutto possibile. Il Milan però è ancora padrone del proprio destino: con due vittorie la qualificazione è aritmetica. E questo fa tutta la differenza del mondo.

Tuttosport in edicola: per il Milan un altro flop europeo. Il Chelsea vince anche a San Siro ma l'arbitro finisce sotto accusa. Espulso Tomori e rigore di Jorginho, raddoppio di Aubameyang Bisogna vincere a Zagabria per poi giocarsela con il Salisburgo. I rossoneri in dieci faticano ma sfiorano anche il gol con un solo colpo di testa sprecato da parte di Giroud.


Repubblica: il Milan si ferma col rosso ma la Premier è ancora lontana. Da quando poco più di un anno fa il Milan è tornato in Champions, ha perso quattro partite su quattro con le inglesi, frustrante e infallibile parametro per valutare la distanza dalla Premier League. Rosso e rigore a parte, nessuno può mascherare la chiara differenza tecnica.

CorSport: euroMilan, tutto in salita. Forti proteste per il rigore dell’1-0 e il rosso a Tomori ma sul ko incidono anche i soliti limiti continentali dei rossoneri. Il Chelsea rivince, stavolta per 2-0 Jorginho e l’ex Aubameyang in gol Ora a Pioli servono due vittorie.
 
Ultima modifica:
Registrato
13 Gennaio 2014
Messaggi
26,016
Reaction score
5,614
Come riportato dalla GDS in edicola, l'arbitro Siebert commette una follia e rovina Milan - Chelsea con un rigore e un rosso a Tomori. Inesistente il fallo dell'inglese, anche espulso Jorginho dal dischetto e poi Aubameyang. Per fortuna,nell’altra gara del girone, Salisburgo e Dinamo Zagabria hanno pareggiato. Il Milan resta padrone del suo futuro, con due vittorie si qualificherà agli ottavi: non facile, ma fattibile. Preoccupa un po’ lo zero alla voce gol segnati negli incroci con il Chelsea,ma a San Siro in undici contro undici il Milan almeno una rete l’avrebbe realizzata.

Un pizzico di flessibilità da parte di Siebert sarebbe stata apprezzata, ma il discorso è rovesciabile. Il Milan, per crescere in Europa, deve accettare il fatto che in Europa i capannelli di protesta irritano gli arbitri e li condizionano in peggio. Per il resto rilanciamo quanto scritto all’inizio:il rigore basta e avanza per punire chi interrompe una chiara occasioneda rete inarea. L’espulsione a tempo, come nella pallanuoto, potrebbe rappresentare un compromesso. La norma, come è formulata oggi, rovina le partite.
Io ci crederò sicuramente fino a matematica condanna.
Se non battiamo la Dinamo, e il Salisburgo in casa.... giusto tornarsene a casa ad orecchie basse

Sul rigore se ne è già parlato abbastanza, a parti invertite mi sarei inca...... come una iena
Ma siccome il 99,999% dice il contrario, sia qui che in TV, è sicuramente sbagliato il mio metro di giudizio ( perchè la doppia trattenuta reiterata si vede chiaramente)

Ma io di arbitri è meglio non parli più, non ci capisco nulla.
Quando ci hanno derubato ad Oporto lo scorso anno, buttandoci fuori dalla CL, ero qui totalmente da solo a fare l' indignato, tutti che mi dicevano di guardare la prestazione scadente del Milan e non il singolo episodio ...
 
Registrato
28 Agosto 2012
Messaggi
2,551
Reaction score
386
Come riportato dalla GDS in edicola, l'arbitro Siebert commette una follia e rovina Milan - Chelsea con un rigore e un rosso a Tomori. Inesistente il fallo dell'inglese, anche espulso Jorginho dal dischetto e poi Aubameyang. Per fortuna,nell’altra gara del girone, Salisburgo e Dinamo Zagabria hanno pareggiato. Il Milan resta padrone del suo futuro, con due vittorie si qualificherà agli ottavi: non facile, ma fattibile. Preoccupa un po’ lo zero alla voce gol segnati negli incroci con il Chelsea,ma a San Siro in undici contro undici il Milan almeno una rete l’avrebbe realizzata.

Un pizzico di flessibilità da parte di Siebert sarebbe stata apprezzata, ma il discorso è rovesciabile. Il Milan, per crescere in Europa, deve accettare il fatto che in Europa i capannelli di protesta irritano gli arbitri e li condizionano in peggio. Per il resto rilanciamo quanto scritto all’inizio:il rigore basta e avanza per punire chi interrompe una chiara occasioneda rete inarea. L’espulsione a tempo, come nella pallanuoto, potrebbe rappresentare un compromesso. La norma, come è formulata oggi, rovina le partite.
La Dinamo comunque in casa dimostra di essere un osso rognosissimo. Tra le due, la partita più difficile sarà proprio quella a Zagabria.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
168,578
Reaction score
13,621
Corriere della Sera: una doppia sanzione che decide la partita e un pezzo grande della Champions del Milan, che ora non potrà più fallire nelle ultime due partite a Zagabria con la Dinamo e qui col Salisburgo, se vuole approdare agli ottavi a nove anni dall’ultima volta. La trattenuta è lieve ma c’è, inutile girarci intorno, anche se Mount casca solo dopo aver calciato. Restano i dubbi, molti. La decisione è davvero parecchio fiscale. L’unica buona notizia della serata è arrivata da est, col pari fra Dinamo e Salisburgo. La classifica del gruppo E vede in testa gli inglesi a 7, quindi austriaci a 6, rossoneri e croati a 4. Tutto incerto, tutto apertissimo, tutto possibile. Il Milan però è ancora padrone del proprio destino: con due vittorie la qualificazione è aritmetica. E questo fa tutta la differenza del mondo.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
168,578
Reaction score
13,621
Tuttosport in edicola: per il Milan un altro flop europeo. Il Chelsea vince anche a San Siro ma l'arbitro finisce sotto accusa. Espulso Tomori e rigore di Jorginho, raddoppio di Aubameyang Bisogna vincere a Zagabria per poi giocarsela con il Salisburgo. I rossoneri in dieci faticano ma sfiorano anche il gol con un solo colpo di testa sprecato da parte di Giroud.
 

bmb

Senior Member
Registrato
27 Agosto 2012
Messaggi
14,331
Reaction score
3,437
Come riportato dalla GDS in edicola, l'arbitro Siebert commette una follia e rovina Milan - Chelsea con un rigore e un rosso a Tomori. Inesistente il fallo dell'inglese, anche espulso Jorginho dal dischetto e poi Aubameyang. Per fortuna,nell’altra gara del girone, Salisburgo e Dinamo Zagabria hanno pareggiato. Il Milan resta padrone del suo futuro, con due vittorie si qualificherà agli ottavi: non facile, ma fattibile. Preoccupa un po’ lo zero alla voce gol segnati negli incroci con il Chelsea,ma a San Siro in undici contro undici il Milan almeno una rete l’avrebbe realizzata. Un pizzico di flessibilità da parte di Siebert sarebbe stata apprezzata, ma il discorso è rovesciabile. Il Milan, per crescere in Europa, deve accettare il fatto che in Europa i capannelli di protesta irritano gli arbitri e li condizionano in peggio. Per il resto rilanciamo quanto scritto all’inizio:il rigore basta e avanza per punire chi interrompe una chiara occasioneda rete inarea. L’espulsione a tempo, come nella pallanuoto, potrebbe rappresentare un compromesso. La norma, come è formulata oggi, rovina le partite.

Corriere della Sera: una doppia sanzione che decide la partita e un pezzo grande della Champions del Milan, che ora non potrà più fallire nelle ultime due partite a Zagabria con la Dinamo e qui col Salisburgo, se vuole approdare agli ottavi a nove anni dall’ultima volta. La trattenuta è lieve ma c’è, inutile girarci intorno, anche se Mount casca solo dopo aver calciato. Restano i dubbi, molti. La decisione è davvero parecchio fiscale. L’unica buona notizia della serata è arrivata da est, col pari fra Dinamo e Salisburgo. La classifica del gruppo E vede in testa gli inglesi a 7, quindi austriaci a 6, rossoneri e croati a 4. Tutto incerto, tutto apertissimo, tutto possibile. Il Milan però è ancora padrone del proprio destino: con due vittorie la qualificazione è aritmetica. E questo fa tutta la differenza del mondo.

Tuttosport in edicola: per il Milan un altro flop europeo. Il Chelsea vince anche a San Siro ma l'arbitro finisce sotto accusa. Espulso Tomori e rigore di Jorginho, raddoppio di Aubameyang Bisogna vincere a Zagabria per poi giocarsela con il Salisburgo. I rossoneri in dieci faticano ma sfiorano anche il gol con un solo colpo di testa sprecato da parte di Giroud.




In aggiornamento con tutti i quotidiani
Chissà se al corriere della sera conoscono il vocabolo "trattenuta".
 

Solo

Senior Member
Registrato
30 Agosto 2012
Messaggi
11,197
Reaction score
3,075
Come riportato dalla GDS in edicola, l'arbitro Siebert commette una follia e rovina Milan - Chelsea con un rigore e un rosso a Tomori. Inesistente il fallo dell'inglese, anche espulso Jorginho dal dischetto e poi Aubameyang. Per fortuna,nell’altra gara del girone, Salisburgo e Dinamo Zagabria hanno pareggiato. Il Milan resta padrone del suo futuro, con due vittorie si qualificherà agli ottavi: non facile, ma fattibile. Preoccupa un po’ lo zero alla voce gol segnati negli incroci con il Chelsea,ma a San Siro in undici contro undici il Milan almeno una rete l’avrebbe realizzata. Un pizzico di flessibilità da parte di Siebert sarebbe stata apprezzata, ma il discorso è rovesciabile. Il Milan, per crescere in Europa, deve accettare il fatto che in Europa i capannelli di protesta irritano gli arbitri e li condizionano in peggio. Per il resto rilanciamo quanto scritto all’inizio:il rigore basta e avanza per punire chi interrompe una chiara occasioneda rete inarea. L’espulsione a tempo, come nella pallanuoto, potrebbe rappresentare un compromesso. La norma, come è formulata oggi, rovina le partite.

Corriere della Sera: una doppia sanzione che decide la partita e un pezzo grande della Champions del Milan, che ora non potrà più fallire nelle ultime due partite a Zagabria con la Dinamo e qui col Salisburgo, se vuole approdare agli ottavi a nove anni dall’ultima volta. La trattenuta è lieve ma c’è, inutile girarci intorno, anche se Mount casca solo dopo aver calciato. Restano i dubbi, molti. La decisione è davvero parecchio fiscale. L’unica buona notizia della serata è arrivata da est, col pari fra Dinamo e Salisburgo. La classifica del gruppo E vede in testa gli inglesi a 7, quindi austriaci a 6, rossoneri e croati a 4. Tutto incerto, tutto apertissimo, tutto possibile. Il Milan però è ancora padrone del proprio destino: con due vittorie la qualificazione è aritmetica. E questo fa tutta la differenza del mondo.

Tuttosport in edicola: per il Milan un altro flop europeo. Il Chelsea vince anche a San Siro ma l'arbitro finisce sotto accusa. Espulso Tomori e rigore di Jorginho, raddoppio di Aubameyang Bisogna vincere a Zagabria per poi giocarsela con il Salisburgo. I rossoneri in dieci faticano ma sfiorano anche il gol con un solo colpo di testa sprecato da parte di Giroud.




In aggiornamento con tutti i quotidiani
Ieri rode per il sicario che chi ha rovinato la partita, ma come serata è anche andata bene grazie al pareggio tra Dinamo e Salisburgo.

Ora con due vittorie passi al 100%, senza bisognodi fare conti.

È tutto nelle nostre mani, si può fare.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
168,578
Reaction score
13,621
Repubblica: il Milan si ferma col rosso ma la Premier è ancora lontana. Da quando poco più di un anno fa il Milan è tornato in Champions, ha perso quattro partite su quattro con le inglesi, frustrante e infallibile parametro per valutare la distanza dalla Premier League. Rosso e rigore a parte, nessuno può mascherare la chiara differenza tecnica.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
168,578
Reaction score
13,621
Come riportato dalla GDS in edicola, l'arbitro Siebert commette una follia e rovina Milan - Chelsea con un rigore e un rosso a Tomori. Inesistente il fallo dell'inglese, anche espulso Jorginho dal dischetto e poi Aubameyang. Per fortuna,nell’altra gara del girone, Salisburgo e Dinamo Zagabria hanno pareggiato. Il Milan resta padrone del suo futuro, con due vittorie si qualificherà agli ottavi: non facile, ma fattibile. Preoccupa un po’ lo zero alla voce gol segnati negli incroci con il Chelsea,ma a San Siro in undici contro undici il Milan almeno una rete l’avrebbe realizzata. Un pizzico di flessibilità da parte di Siebert sarebbe stata apprezzata, ma il discorso è rovesciabile. Il Milan, per crescere in Europa, deve accettare il fatto che in Europa i capannelli di protesta irritano gli arbitri e li condizionano in peggio. Per il resto rilanciamo quanto scritto all’inizio:il rigore basta e avanza per punire chi interrompe una chiara occasioneda rete inarea. L’espulsione a tempo, come nella pallanuoto, potrebbe rappresentare un compromesso. La norma, come è formulata oggi, rovina le partite.

Corriere della Sera: una doppia sanzione che decide la partita e un pezzo grande della Champions del Milan, che ora non potrà più fallire nelle ultime due partite a Zagabria con la Dinamo e qui col Salisburgo, se vuole approdare agli ottavi a nove anni dall’ultima volta. La trattenuta è lieve ma c’è, inutile girarci intorno, anche se Mount casca solo dopo aver calciato. Restano i dubbi, molti. La decisione è davvero parecchio fiscale. L’unica buona notizia della serata è arrivata da est, col pari fra Dinamo e Salisburgo. La classifica del gruppo E vede in testa gli inglesi a 7, quindi austriaci a 6, rossoneri e croati a 4. Tutto incerto, tutto apertissimo, tutto possibile. Il Milan però è ancora padrone del proprio destino: con due vittorie la qualificazione è aritmetica. E questo fa tutta la differenza del mondo.

Tuttosport in edicola: per il Milan un altro flop europeo. Il Chelsea vince anche a San Siro ma l'arbitro finisce sotto accusa. Espulso Tomori e rigore di Jorginho, raddoppio di Aubameyang Bisogna vincere a Zagabria per poi giocarsela con il Salisburgo. I rossoneri in dieci faticano ma sfiorano anche il gol con un solo colpo di testa sprecato da parte di Giroud.


Repubblica: il Milan si ferma col rosso ma la Premier è ancora lontana. Da quando poco più di un anno fa il Milan è tornato in Champions, ha perso quattro partite su quattro con le inglesi, frustrante e infallibile parametro per valutare la distanza dalla Premier League. Rosso e rigore a parte, nessuno può mascherare la chiara differenza tecnica.



In aggiornamento con tutti i quotidiani
.
 

Similar threads

Alto
head>