Italiana in Usa. Incubo woke coi neri:"Costretta a..."

Devil man

Well-known member
Registrato
6 Luglio 2017
Messaggi
6,611
Reaction score
2,914
Per quel che riguarda il nostro paese da sempre penso che non siamo nazione da woke. Se il mondo capitolerà, noi saremo gli ultimi a capitolare in tal senso. Tra i tanti difetti che imputo al mio paese, in questo lo difendo con orgoglio.

Per quel che riguarda il mondo USA e anglosassone, molti intellettuali di destra dicono che il fenomeno si sta sgonfiando. Non so, a me non sembra per nulla. La penso come Rampini, uomo di sinistra che lancia allarmi quotidiani sul fenomeno, per me laggiù sta peggiorando.

Saranno come sempre i soldi a decidere... se il woke porterà al fallimento grandi multinazionali come ha rischiato di far fallire la Disney, Victoria's Secret o altri, allora il fenomeno si sgonfierà.
Se in qualche modo tali aziende sopravviveranno a queste forzature, trovando un equilibrio tra delirio ideologico e profitto, allora non c'è speranza.

Gli USA ormai sono in una spirale. Noi potremmo (e dovremmo) fermare la UE che vuole fare copia e incolla, ma non c'è la volontà dei governi.
La Budweiser ha già cambiato rotta ora ha ingaggiato sponsor che proprio tirano mattonate alla ideologia del Woke
 
Registrato
22 Agosto 2015
Messaggi
3,958
Reaction score
1,243
L.T., una 42enne italiana che vive a New York dal 2009, racconta al Corsera la sua esperienza negli Stati Uniti e di come la cultura woke abbia influenzato la sua vita.

La donna si è iscritta a un Master alla Columbia University per diventare assistente sociale, ma ha dovuto affrontare diverse difficoltà a causa della sua razza bianca. È stata esclusa da un corso sull'assistenza ai tossicodipendenti perché i non-bianchi hanno la precedenza e durante la settimana di orientamento è stata costretta a scusarsi con i compagni di corso neri per il razzismo di cui è portatrice.

Ogni due settimane deve partecipare a una riunione di "White Accountability" dove viene interrogata per farle riconoscere le sue micro-aggressioni verso i neri e chiederle un pentimento.

Esiste un lunghissimo elenco di frasi proibite, perché considerate offensive, e se cade in una di queste offese, deve dichiararlo e chiedere scusa. L.T. critica questa cultura woke perché cataloga le persone nelle categorie binarie di oppressore/oppresso e non aiuta a conoscere la realtà.

La donna ha ammesso di conoscere dei neri che si ribellano a questa dittatura ideologica e che non vogliono essere rappresentati come eterne vittime bisognose di risarcimenti.
La specie umana è destinata ad una rapida estinzione.
 
Alto
head>