Galliani:"Triste se il Milan perde".

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
160,762
Reaction score
10,852
Adriano Galliani alla GDS in edicola oggi, 10 aprile, sul Milan e sul calcio italiano:"Resto un grande tifoso del Milan, felice se il club vince, triste se perde. Non ho consigli da dare e non sarebbe elegante farlo. Per riempire il tempo in questi giorni mi rivedo in tv le finali europee del Milan, ma anche le partite dell’Italia e il grande tennis. Adoro Djokovic, ho a casa la sua maglia incorniciata con dedica. Un grande tifoso del Milan, anche lui. Le proprietà straniere aiutano la Serie A? È come per le altre aziende: ben vengano i capitali investiti nel nostro Paese. È libero mercato, non si può impedire. Magari ci sarà un po’ di romanticismo in meno, ma la ricchezza dall’Europa si è spostata in America e poi in Oriente, andate a guardarvi i passaggi di proprietà dei top club europei: non passano mai a un signore dello stesso Paese. Bisogna farsene una ragione".

"I campionati devono concludersi sul campo per regolarità sportiva. Ma non ha senso affrettarsi con la pandemia in corso. Care in estate, poi nuovi campionati da inizio 2021".

"Sarà un calcio più solidale? Non è questione di solidarietà, ma di realismo. Sarà un calcio un po’ più povero, perché il mondo lo sarà. Ci sarà un ridimensionamento temporaneo, come per tutte le altre attività. L’Europa e il mondo sono in difficoltà, il calcio non può pensare di continuare come prima".
 

diavoloINme

Senior Member
Registrato
11 Aprile 2016
Messaggi
46,225
Reaction score
11,903
Adriano Galliani alla GDS in edicola oggi, 10 aprile, sul Milan e sul calcio italiano:"Resto un grande tifoso del Milan, felice se il club vince, triste se perde. Non ho consigli da dare e non sarebbe elegante farlo. Per riempire il tempo in questi giorni mi rivedo in tv le finali europee del Milan, ma anche le partite dell’Italia e il grande tennis. Adoro Djokovic, ho a casa la sua maglia incorniciata con dedica. Un grande tifoso del Milan, anche lui. Le proprietà straniere aiutano la Serie A? È come per le altre aziende: ben vengano i capitali investiti nel nostro Paese. È libero mercato, non si può impedire. Magari ci sarà un po’ di romanticismo in meno, ma la ricchezza dall’Europa si è spostata in America e poi in Oriente, andate a guardarvi i passaggi di proprietà dei top club europei: non passano mai a un signore dello stesso Paese. Bisogna farsene una ragione".

"I campionati devono concludersi sul campo per regolarità sportiva. Ma non ha senso affrettarsi con la pandemia in corso. Care in estate, poi nuovi campionati da inizio 2021".

"Sarà un calcio più solidale? Non è questione di solidarietà, ma di realismo. Sarà un calcio un po’ più povero, perché il mondo lo sarà. Ci sarà un ridimensionamento temporaneo, come per tutte le altre attività. L’Europa e il mondo sono in difficoltà, il calcio non può pensare di continuare come prima".

Un disco rotto e pure falso come giuda.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
160,762
Reaction score
10,852
Adriano Galliani alla GDS in edicola oggi, 10 aprile, sul Milan e sul calcio italiano:"Resto un grande tifoso del Milan, felice se il club vince, triste se perde. Non ho consigli da dare e non sarebbe elegante farlo. Per riempire il tempo in questi giorni mi rivedo in tv le finali europee del Milan, ma anche le partite dell’Italia e il grande tennis. Adoro Djokovic, ho a casa la sua maglia incorniciata con dedica. Un grande tifoso del Milan, anche lui. Le proprietà straniere aiutano la Serie A? È come per le altre aziende: ben vengano i capitali investiti nel nostro Paese. È libero mercato, non si può impedire. Magari ci sarà un po’ di romanticismo in meno, ma la ricchezza dall’Europa si è spostata in America e poi in Oriente, andate a guardarvi i passaggi di proprietà dei top club europei: non passano mai a un signore dello stesso Paese. Bisogna farsene una ragione".

"I campionati devono concludersi sul campo per regolarità sportiva. Ma non ha senso affrettarsi con la pandemia in corso. Care in estate, poi nuovi campionati da inizio 2021".

"Sarà un calcio più solidale? Non è questione di solidarietà, ma di realismo. Sarà un calcio un po’ più povero, perché il mondo lo sarà. Ci sarà un ridimensionamento temporaneo, come per tutte le altre attività. L’Europa e il mondo sono in difficoltà, il calcio non può pensare di continuare come prima".

.
 

Goro

Senior Member
Registrato
7 Febbraio 2017
Messaggi
7,630
Reaction score
478
Adriano Galliani alla GDS in edicola oggi, 10 aprile, sul Milan e sul calcio italiano:"Resto un grande tifoso del Milan, felice se il club vince, triste se perde. Non ho consigli da dare e non sarebbe elegante farlo. Per riempire il tempo in questi giorni mi rivedo in tv le finali europee del Milan, ma anche le partite dell’Italia e il grande tennis. Adoro Djokovic, ho a casa la sua maglia incorniciata con dedica. Un grande tifoso del Milan, anche lui. Le proprietà straniere aiutano la Serie A? È come per le altre aziende: ben vengano i capitali investiti nel nostro Paese. È libero mercato, non si può impedire. Magari ci sarà un po’ di romanticismo in meno, ma la ricchezza dall’Europa si è spostata in America e poi in Oriente, andate a guardarvi i passaggi di proprietà dei top club europei: non passano mai a un signore dello stesso Paese. Bisogna farsene una ragione".

"I campionati devono concludersi sul campo per regolarità sportiva. Ma non ha senso affrettarsi con la pandemia in corso. Care in estate, poi nuovi campionati da inizio 2021".

"Sarà un calcio più solidale? Non è questione di solidarietà, ma di realismo. Sarà un calcio un po’ più povero, perché il mondo lo sarà. Ci sarà un ridimensionamento temporaneo, come per tutte le altre attività. L’Europa e il mondo sono in difficoltà, il calcio non può pensare di continuare come prima".

Ma se ogni mese lui o il figlioccio Brocchi ci ricordano qual è il loro sogno...
 

Mika

Senior Member
Registrato
29 Aprile 2017
Messaggi
10,246
Reaction score
3,164
Adriano Galliani alla GDS in edicola oggi, 10 aprile, sul Milan e sul calcio italiano:"Resto un grande tifoso del Milan, felice se il club vince, triste se perde. Non ho consigli da dare e non sarebbe elegante farlo. Per riempire il tempo in questi giorni mi rivedo in tv le finali europee del Milan, ma anche le partite dell’Italia e il grande tennis. Adoro Djokovic, ho a casa la sua maglia incorniciata con dedica. Un grande tifoso del Milan, anche lui. Le proprietà straniere aiutano la Serie A? È come per le altre aziende: ben vengano i capitali investiti nel nostro Paese. È libero mercato, non si può impedire. Magari ci sarà un po’ di romanticismo in meno, ma la ricchezza dall’Europa si è spostata in America e poi in Oriente, andate a guardarvi i passaggi di proprietà dei top club europei: non passano mai a un signore dello stesso Paese. Bisogna farsene una ragione".

"I campionati devono concludersi sul campo per regolarità sportiva. Ma non ha senso affrettarsi con la pandemia in corso. Care in estate, poi nuovi campionati da inizio 2021".

"Sarà un calcio più solidale? Non è questione di solidarietà, ma di realismo. Sarà un calcio un po’ più povero, perché il mondo lo sarà. Ci sarà un ridimensionamento temporaneo, come per tutte le altre attività. L’Europa e il mondo sono in difficoltà, il calcio non può pensare di continuare come prima".

Triste ma ci hai ridotto te così, a furia di polpette agli agenti amici e pipponi strapagati anche a parametro zero. Non dimentico gli 8 milioni di euro spesi di commissioni a Raiola per lo svincolato ex-primavera Albertazzi che Sinisa dopo una partita con un rosso e un rigore provocato non ha nemmeno più convocato per la panchina. Non dimetichiamoci nemmeno di Essien, preso e strapagato per fare due partite di CL ed era meglio che non le facesse... poi... Bertolacci, il rinnovo di Montolivo, il come ha silurato Aquilani facendolo mettere in panchina a poche partite dal numero di presenze per fare scattare l'obbligo di riscatto. Mesbah, Constant...
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
160,762
Reaction score
10,852
Adriano Galliani alla GDS in edicola oggi, 10 aprile, sul Milan e sul calcio italiano:"Resto un grande tifoso del Milan, felice se il club vince, triste se perde. Non ho consigli da dare e non sarebbe elegante farlo. Per riempire il tempo in questi giorni mi rivedo in tv le finali europee del Milan, ma anche le partite dell’Italia e il grande tennis. Adoro Djokovic, ho a casa la sua maglia incorniciata con dedica. Un grande tifoso del Milan, anche lui. Le proprietà straniere aiutano la Serie A? È come per le altre aziende: ben vengano i capitali investiti nel nostro Paese. È libero mercato, non si può impedire. Magari ci sarà un po’ di romanticismo in meno, ma la ricchezza dall’Europa si è spostata in America e poi in Oriente, andate a guardarvi i passaggi di proprietà dei top club europei: non passano mai a un signore dello stesso Paese. Bisogna farsene una ragione".

"I campionati devono concludersi sul campo per regolarità sportiva. Ma non ha senso affrettarsi con la pandemia in corso. Care in estate, poi nuovi campionati da inizio 2021".

"Sarà un calcio più solidale? Non è questione di solidarietà, ma di realismo. Sarà un calcio un po’ più povero, perché il mondo lo sarà. Ci sarà un ridimensionamento temporaneo, come per tutte le altre attività. L’Europa e il mondo sono in difficoltà, il calcio non può pensare di continuare come prima".

.
 
Registrato
20 Giugno 2015
Messaggi
4,539
Reaction score
112
Ogni santa mattina che sorge il sole, questo qui, se avesse il coraggio di specchiarsi ( essere cozza qui non c'entra), dovrebbe riempire lo specchio di sputazzi alla sua immagine riflessa, perchè i primi che hanno cominciato a scavare la fossa al glorioso AC MILAN, sono lui e il viscido plasticato. Delle sue attuali lacrime ( di coccodrillo ) non ci interessa proprio.
 

Toby rosso nero

Moderatore
Membro dello Staff
Registrato
29 Agosto 2012
Messaggi
30,844
Reaction score
7,046
Adriano Galliani alla GDS in edicola oggi, 10 aprile, sul Milan e sul calcio italiano:"Resto un grande tifoso del Milan, felice se il club vince, triste se perde. Non ho consigli da dare e non sarebbe elegante farlo. Per riempire il tempo in questi giorni mi rivedo in tv le finali europee del Milan, ma anche le partite dell’Italia e il grande tennis. Adoro Djokovic, ho a casa la sua maglia incorniciata con dedica. Un grande tifoso del Milan, anche lui. Le proprietà straniere aiutano la Serie A? È come per le altre aziende: ben vengano i capitali investiti nel nostro Paese. È libero mercato, non si può impedire. Magari ci sarà un po’ di romanticismo in meno, ma la ricchezza dall’Europa si è spostata in America e poi in Oriente, andate a guardarvi i passaggi di proprietà dei top club europei: non passano mai a un signore dello stesso Paese. Bisogna farsene una ragione".

"I campionati devono concludersi sul campo per regolarità sportiva. Ma non ha senso affrettarsi con la pandemia in corso. Care in estate, poi nuovi campionati da inizio 2021".

"Sarà un calcio più solidale? Non è questione di solidarietà, ma di realismo. Sarà un calcio un po’ più povero, perché il mondo lo sarà. Ci sarà un ridimensionamento temporaneo, come per tutte le altre attività. L’Europa e il mondo sono in difficoltà, il calcio non può pensare di continuare come prima".

Già le vedo le sue lacrime dopo Milan-Monza 0-1
 

davoreb

Member
Registrato
4 Dicembre 2013
Messaggi
4,677
Reaction score
247
Galliani ha sicuramente preso mazzette ecc. però dategli i soldi che sono stati dati a Mirabelli ed a tutti gli altri negli ultimi anni ecc. Oggi ci ritroveremo con uno squadrone almeno a pari dell'Inter.
Galliani ha anche preso Ibra a 24 milioni pagato 90 l'anno prima.
Ad oggi i giocatori che valgono di più nella nostra rosa sono Donnarumma e Romagnoli
 

Similar threads

Alto
head>