Coronavirus,il "metodo Piacenza"

Andris

Senior Member
Registrato
21 Febbraio 2019
Messaggi
24,223
Reaction score
5,203
Nella provincia di Piacenza il coronavirus ha colpito molto ed in proporzione agli abitanti senza eguali.

C'è però un medico,il primario di oncologia Luigi Cavanna,che ha trovato un approccio diverso da puntare sull'ospedalizzazione passato con il nome di "metodo Piacenza"

Ha raccontato in esclusiva a Il Giornale:

"All’inizio si pensava fosse una infezione virale, forse più brutta dell’influenza, ma nulla di così rilevante.
Poi ci siamo resi conto che invece è una malattia drammaticamente seria

Il paziente deve essere trattato tempestivamente e questo vuol dire che va curato a casa

Se torniamo indietro nel tempo, ricorderete che tutte le televisioni, nazionali o locali, facevano questa raccomandazione agli italiani: state a casa e non andate al Pronto soccorso. Il problema è che diverse persone hanno seguito il consiglio assumendo solo tachipirina e alla fine non riuscivano più a respirare, chiamavano il 118 e arrivavano di corsa in ospedale

Il virus all'inizio si moltiplica, poi innesca una risposta immunitaria dell'organismo che determina una infiammazione che distrugge gli alveoli dei polmoni
Quando il danno è fatto, è difficilmente recuperabile.
È per questo che poi tante persone non ce l’hanno fatta

Lavoro in oncologia ed ematologia, reparti abituati a confrontarsi con la sofferenza e la morte
Ma in quei giorni ho avuto l'impressione ci trovassimo di fronte a qualcosa mai visto prima.
Faceva paura, talmente tanti erano i malati in quei lettini di fortuna.
Le ambulanze arrivavano in fila a portare altri pazienti, io mi guardavo intorno, incrociavo gli occhi dei colleghi. Avevamo la percezione di non farcela

Nelle riunioni cercavamo sempre di aumentare i posti nelle emergenze e nelle rianimazioni, ma poi abbiamo capito che questa è una infezione virale che ti lascia del tempo per intervenire.
Non è un ictus, un infarto o un arresto cardiaco che colpiscono in pochi minuti o in pochi secondi: ti lascia una settimana o anche 10-15 giorni

Ci siamo detti: cerchiamo di andare nelle case, non solo per la semplice visita ai malati, ma con tutto l’occorrente per curare la malattia tempestivamente"

Così il 1° marzo Cavanna e un infermiere iniziano il loro tour a domicilio.
Sono spedizioni diverse da quelle realizzate da altre Unità speciali (Usca) in Italia.
Non vanno solo a visitare il paziente a casa o a fare il tampone, sono lì per curarlo come se fossero in ospedale.
Con loro portano i Dpi, un termometro, i palmari per realizzare l’ecografia sul posto, un saturimetro, il tampone e un kit di farmaci già pronti all'uso.
Compresa l’idrossiclorochina, già usata contro Sars e malaria.

"Se l'ecografia toracica è dubbia e mostra polmoniti interstiziali dopo aver chiesto il consenso del paziente, consegniamo i farmaci e gli diciamo:
'Lei inizi la terapia, anche in attesa del risultato del tampone'. Alle persone che presentano polmoniti severe lasciamo anche l'ossigeno.
Poi ogni giorno i pazienti ci comunicano i dati della propria saturazione, in modo da poterli monitorare dall'ospedale".

I primi esperimenti Cavanna li porta avanti (quasi) da solo.
Poi dal 15 marzo l'Ausl piacentina si organizza e mette in pieni alcune Usca dedicate allo scopo.


"La prima fu una paziente oncologica, una signora che vive da sola
Era entrata al pronto soccorso con la febbre, la tac aveva evidenziato una polmonite interstiziale, ma lei aveva atteso lì per dieci ore. Poi aveva firmato la cartella, chiamato un taxi e si era fatta portare indietro.
Il giorno dopo mi ha chiamato dicendomi: 'Io sono a qui, da sola, sto male. O mi venite a visitare a casa o io muoio'. Lei cosa avrebbe fatto?
Il dramma di questa infezione è che ha abituato gli italiani a morire da soli.
Veder arrivare due sanitari a portare dei farmaci, che lasciano un numero di telefono da chiamare, un saturimetro e ti spiegano cosa fare, per loro era già una mezza salvezza.
A me questo ha messo in crisi, perché i malati in un Paese evoluto non dovrebbero mai avere la percezione di sentirsi abbandonati"

La cura "precoce" e "a domicilio" si rivela da subito molto efficace.
Le persone non peggiorano, guariscono prima e soprattutto non muoiono.
Presto i risultati degli studi sul "metodo Piacenza" saranno pubblicati su una rivista per dare informazioni alla comunità scientifica.


Su 250 pazienti curati a domicilio, le posso dire che nessuno di loro è morto.
Né a casa né in ospedale.
Di questi, è stato ricoverato meno del 5% e tutti sono tornati a casa, di cui la metà entro pochi giorni


Per tanto tempo si è discusso di aumentare i posti in terapia intensiva, una strategia criticabile
Ma quando un malato va in rianimazione lo dobbiamo vedere come il fallimento della cura.
Dovrebbe essere l'ultima spiaggia: la malattia virale va aggredita precocemente
 

Andris

Senior Member
Registrato
21 Febbraio 2019
Messaggi
24,223
Reaction score
5,203
perchè non vanno mai questi in televisione ?
incredibile che i fatti importanti non emergano mai per tempo se non in articoletti qua e là
questo dottore ha salvato tutti quelli che ha visitato a domicilio ed è meno conosciuto della torta del compleanno di chiara ferragni
 

diavoloINme

Senior Member
Registrato
11 Aprile 2016
Messaggi
46,256
Reaction score
11,928
Nella provincia di Piacenza il coronavirus ha colpito molto ed in proporzione agli abitanti senza eguali.

C'è però un medico,il primario di oncologia Luigi Cavanna,che ha trovato un approccio diverso da puntare sull'ospedalizzazione passato con il nome di "metodo Piacenza"

Ha raccontato in esclusiva a Il Giornale:

"All’inizio si pensava fosse una infezione virale, forse più brutta dell’influenza, ma nulla di così rilevante.
Poi ci siamo resi conto che invece è una malattia drammaticamente seria

Il paziente deve essere trattato tempestivamente e questo vuol dire che va curato a casa

Se torniamo indietro nel tempo, ricorderete che tutte le televisioni, nazionali o locali, facevano questa raccomandazione agli italiani: state a casa e non andate al Pronto soccorso. Il problema è che diverse persone hanno seguito il consiglio assumendo solo tachipirina e alla fine non riuscivano più a respirare, chiamavano il 118 e arrivavano di corsa in ospedale

Il virus all'inizio si moltiplica, poi innesca una risposta immunitaria dell'organismo che determina una infiammazione che distrugge gli alveoli dei polmoni
Quando il danno è fatto, è difficilmente recuperabile.
È per questo che poi tante persone non ce l’hanno fatta

Lavoro in oncologia ed ematologia, reparti abituati a confrontarsi con la sofferenza e la morte
Ma in quei giorni ho avuto l'impressione ci trovassimo di fronte a qualcosa mai visto prima.
Faceva paura, talmente tanti erano i malati in quei lettini di fortuna.
Le ambulanze arrivavano in fila a portare altri pazienti, io mi guardavo intorno, incrociavo gli occhi dei colleghi. Avevamo la percezione di non farcela

Nelle riunioni cercavamo sempre di aumentare i posti nelle emergenze e nelle rianimazioni, ma poi abbiamo capito che questa è una infezione virale che ti lascia del tempo per intervenire.
Non è un ictus, un infarto o un arresto cardiaco che colpiscono in pochi minuti o in pochi secondi: ti lascia una settimana o anche 10-15 giorni

Ci siamo detti: cerchiamo di andare nelle case, non solo per la semplice visita ai malati, ma con tutto l’occorrente per curare la malattia tempestivamente"

Così il 1° marzo Cavanna e un infermiere iniziano il loro tour a domicilio.
Sono spedizioni diverse da quelle realizzate da altre Unità speciali (Usca) in Italia.
Non vanno solo a visitare il paziente a casa o a fare il tampone, sono lì per curarlo come se fossero in ospedale.
Con loro portano i Dpi, un termometro, i palmari per realizzare l’ecografia sul posto, un saturimetro, il tampone e un kit di farmaci già pronti all'uso.
Compresa l’idrossiclorochina, già usata contro Sars e malaria.

"Se l'ecografia toracica è dubbia e mostra polmoniti interstiziali dopo aver chiesto il consenso del paziente, consegniamo i farmaci e gli diciamo:
'Lei inizi la terapia, anche in attesa del risultato del tampone'. Alle persone che presentano polmoniti severe lasciamo anche l'ossigeno.
Poi ogni giorno i pazienti ci comunicano i dati della propria saturazione, in modo da poterli monitorare dall'ospedale".

I primi esperimenti Cavanna li porta avanti (quasi) da solo.
Poi dal 15 marzo l'Ausl piacentina si organizza e mette in pieni alcune Usca dedicate allo scopo.


"La prima fu una paziente oncologica, una signora che vive da sola
Era entrata al pronto soccorso con la febbre, la tac aveva evidenziato una polmonite interstiziale, ma lei aveva atteso lì per dieci ore. Poi aveva firmato la cartella, chiamato un taxi e si era fatta portare indietro.
Il giorno dopo mi ha chiamato dicendomi: 'Io sono a qui, da sola, sto male. O mi venite a visitare a casa o io muoio'. Lei cosa avrebbe fatto?
Il dramma di questa infezione è che ha abituato gli italiani a morire da soli.
Veder arrivare due sanitari a portare dei farmaci, che lasciano un numero di telefono da chiamare, un saturimetro e ti spiegano cosa fare, per loro era già una mezza salvezza.
A me questo ha messo in crisi, perché i malati in un Paese evoluto non dovrebbero mai avere la percezione di sentirsi abbandonati"

La cura "precoce" e "a domicilio" si rivela da subito molto efficace.
Le persone non peggiorano, guariscono prima e soprattutto non muoiono.
Presto i risultati degli studi sul "metodo Piacenza" saranno pubblicati su una rivista per dare informazioni alla comunità scientifica.


Su 250 pazienti curati a domicilio, le posso dire che nessuno di loro è morto.
Né a casa né in ospedale.
Di questi, è stato ricoverato meno del 5% e tutti sono tornati a casa, di cui la metà entro pochi giorni


Per tanto tempo si è discusso di aumentare i posti in terapia intensiva, una strategia criticabile
Ma quando un malato va in rianimazione lo dobbiamo vedere come il fallimento della cura.
Dovrebbe essere l'ultima spiaggia: la malattia virale va aggredita precocemente

Condivido anche le virgole.
Troppi pazienti si sono ritrovati soli.
La diagnosi tardiva + cure serie tardive hanno portato alla morte di migliaia di persone.
Il dramma di questo coronavirus è stato nella moltitudine dei casi.
C'è anche da dire che ancora non possiamo nemmeno escludere del tutto che il virus lasci strascichi sul corpo, questo lo capiremo dopo.
Ieri per la prima volta il virus è stato ritrovato a livello renale. Si sapeva che colpiva anche i reni ma ieri è stato proprio trovato.
Speriamo questo fatto non possa portare però a danni renali permanenti a livello del glomerulo.
 
Registrato
20 Giugno 2018
Messaggi
1,387
Reaction score
118
Fa impressione vedere come un semplice approccio possa cambiare completamente il corso della malattia. Conoscendo il suo decorso forse si può drasticamente cambiare il destino dei malati anche senza vaccino. Ancora una volta il nemico è la nostra ignoranza
 
Registrato
11 Agosto 2012
Messaggi
5,655
Reaction score
566
perchè non vanno mai questi in televisione ?
incredibile che i fatti importanti non emergano mai per tempo se non in articoletti qua e là
questo dottore ha salvato tutti quelli che ha visitato a domicilio ed è meno conosciuto della torta del compleanno di chiara ferragni

Si, è importante intervenire capillarmente sul territorio, bloccando sul nascere la malattia, visitando anche a casa se necessario.
In lombardia purtroppo han tranciato gran parte di queste realtà locali grazie a quel fenomeno di Formigoni. poi sappiamo dove è finito. e nessuno ora rimedia ai suoi errori in quanto ci sono enormi interessi economici che si mischiano con la politica.
 

diavoloINme

Senior Member
Registrato
11 Aprile 2016
Messaggi
46,256
Reaction score
11,928
perchè non vanno mai questi in televisione ?
incredibile che i fatti importanti non emergano mai per tempo se non in articoletti qua e là
questo dottore ha salvato tutti quelli che ha visitato a domicilio ed è meno conosciuto della torta del compleanno di chiara ferragni

In tv vanno i ciarlatani o quelli designati a fare da giornalisti scientifici, la buona medicina si fa altrove.
Chiediamoci semmai perchè è clamorosamente saltato il primo approccio medico verso i pazienti.
Io una mia idea me la sono fatta ma non la dico perchè una volta la dissi e fui attaccato.
 

Andris

Senior Member
Registrato
21 Febbraio 2019
Messaggi
24,223
Reaction score
5,203
Si, è importante intervenire capillarmente sul territorio, bloccando sul nascere la malattia, visitando anche a casa se necessario.
In lombardia purtroppo han tranciato gran parte di queste realtà locali grazie a quel fenomeno di Formigoni. poi sappiamo dove è finito. e nessuno ora rimedia ai suoi errori in quanto ci sono enormi interessi economici che si mischiano con la politica.

questo dottore però l'ha fatto di sua iniziativa,c'è scritto che solo 15 giorni dopo l'azienda sanitaria l'ha appoggiato.
è un primario ed avrebbe potuto starsene semplicemente in ospedale.
perchè non l'hanno pensato tanti altri ?
 
Registrato
30 Agosto 2017
Messaggi
11,415
Reaction score
5,736
perchè non vanno mai questi in televisione ?
incredibile che i fatti importanti non emergano mai per tempo se non in articoletti qua e là
questo dottore ha salvato tutti quelli che ha visitato a domicilio ed è meno conosciuto della torta del compleanno di chiara ferragni

Torniamo sempre la',i metodi che funzionano non fanno comodo a qualcuno.
 

Andris

Senior Member
Registrato
21 Febbraio 2019
Messaggi
24,223
Reaction score
5,203
In tv vanno i ciarlatani o quelli designati a fare da giornalisti scientifici, la buona medicina si fa altrove.
Chiediamoci semmai perchè è clamorosamente saltato il primo approccio medico verso i pazienti.
Io una mia idea me la sono fatta ma non la dico perchè una volta la dissi e fui attaccato.

ho letto che ieri in lombardia hanno emanato un'ordinanza per cui da lunedì si potranno fare i tamponi anche a quelli non riceverati in ospedale,anche ai conviventi ma solo se sintomatici.
un mese e mezzo di ritardo nel luogo più colpito d'Italia...non è accettabile tutto questo.
 

diavoloINme

Senior Member
Registrato
11 Aprile 2016
Messaggi
46,256
Reaction score
11,928
ho letto che ieri in lombardia hanno emanato un'ordinanza per cui da lunedì si potranno fare i tamponi anche a quelli non riceverati in ospedale,anche ai conviventi ma solo se sintomatici.
un mese e mezzo di ritardo nel luogo più colpito d'Italia...non è accettabile tutto questo.

Ecco, appunto.
Il ssn nazionale va messo tutto in discussione e ridisegnato!!
E' inaccettabile che delle persone malate, bisognose di cure e disperate non abbiano ricevuto diagnosi , cure e attenzioni solo perchè mancavano i dpi.
I dpi non dovrebbero assolutamente mancare, le cure nemmeno.

Questo primario ha messo da parte i protocolli e ha fatto quello che un medico dovrebbe fare : visitare , fare la diagnosi e curare!!
Perchè in mezzo a questa odissea tutto è caduto sulle spalle degli ospedali???
Perchè???
Datemi risposte plausibili.
Se un mio parente morisse solo io denuncerei tutti.
 
Alto
head>