Caso Milan in FIGC. Ecco cosa rischia. E gli Arabi...

Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
207,059
Reaction score
29,203
Repubblica fa il punto sull'indagine sul Milan dopo le news ampiamente riferite oggi, sul fascicolo arrivato in Federcalcio:

Di chi è il Milan? La procura di Milano che indaga sul passaggio di quote da Elliott a RedBird ha trovato il tempo per trasmettere alla procura federale della Federcalcio una (piccola) parte del fascicolo d’inchiesta. Si tratta delle 12 pagine del decreto di perquisizione della scorsa settimana, e che in qualche forma interessa da vicino la Figc: in quel documento infatti si ipotizza come reato l’ostacolo alle funzioni di vigilanza proprio della Federcalcio, visto che sarebbero state fornite informazioni incomplete alla commissione per l’acquisizione di partecipazioni societarie di via Allegri. E che potrebbe configurare la violazione dell’articolo 32 comma 5, che per il Milan — se accertato, ovviamente — potrebbe comportare multa o penalizzazione di uno o più punti.

Più difficile invece punire i singoli tesserati: in ogni caso, l’unico soggetto davvero interessato potrebbe essere l’ad del club rossonero, Giorgio Furlani, indagato a Milano. La procura federale però avrà un nemico inatteso: il tempo. Il codice prevede infatti un tempo massimo di sessanta giorni per le indagini, con la possibilità di due proroghe: una di quaranta giorni e una di venti. In tutto, quindi, entro quattro mesi dovrà essere chiusa l’indagine federale. E forse sono pochi per attendere l’analisi degli inquirenti milanesi sulla mole diu documenti trovati, le chat, le mail, dispositivi finiti nelle mani della Guardia di finanza, attraverso cui chi indaga conta di accertare se Elliott abbia di fatto mantenuto il controllo del club.

Da capire anche se tra il materiale inviato alla Uefa ci siano carte che attestano come in realtà Elliott sia rimasto interlocutore privilegiato della massima istituzione europea per le squadre di calcio: una delle ipotesi formulate infatti è che la presunta vendita simulata sarebbe stata organizzata anche per sfuggire alla mannaia della Uefa che vieta di mantenere il controllo di due società impegnate nella stessa competizione: Elliott si sarebbe quindi servito dell’escamotage per controllare, contemporaneamente, il Milan in Italia e il Lille in Francia. Dall’altro lato, il fondo Usa di Paul Singer potrebbe anche beneficiare degli effetti di una ricapitalizzazione del club con l’ingresso di nuovi soci, di cui si parla in uno dei documenti acquisiti dalla Gdf. E in cui si legge del possibile ingresso di Ac Milan Investor Presentation nella proprietà con il 41,7%. Una quota che deriverebbe per i nuovi soci dall’acquisizione dell’80% del famoso “vendor loan” da 560 milioni di euro concesso nel 2022 al momento della cessione del club da Elliott a RedBird e che oggi genera interessi al 7% in favore di Elliott. Resta da capire quanto di questa cifra e quanto dei restanti 600 milioni siano effettivamente stati versati.

Il caso Elliott Lille QUI -) https://www.milanworld.net/threads/inchiesta-milan-no-conflitti-interesse-elliott-lille.137498/
 

Mika

Senior Member
Registrato
29 Aprile 2017
Messaggi
14,054
Reaction score
6,462
Repubblica fa il punto sull'indagine sul Milan dopo le news ampiamente riferite oggi, sul fascicolo arrivato in Federcalcio:

Di chi è il Milan? La procura di Milano che indaga sul passaggio di quote da Elliott a RedBird ha trovato il tempo per trasmettere alla procura federale della Federcalcio una (piccola) parte del fascicolo d’inchiesta. Si tratta delle 12 pagine del decreto di perquisizione della scorsa settimana, e che in qualche forma interessa da vicino la Figc: in quel documento infatti si ipotizza come reato l’ostacolo alle funzioni di vigilanza proprio della Federcalcio, visto che sarebbero state fornite informazioni incomplete alla commissione per l’acquisizione di partecipazioni societarie di via Allegri. E che potrebbe configurare la violazione dell’articolo 32 comma 5, che per il Milan — se accertato, ovviamente — potrebbe comportare multa o penalizzazione di uno o più punti.

Più difficile invece punire i singoli tesserati: in ogni caso, l’unico soggetto davvero interessato potrebbe essere l’ad del club rossonero, Giorgio Furlani, indagato a Milano. La procura federale però avrà un nemico inatteso: il tempo. Il codice prevede infatti un tempo massimo di sessanta giorni per le indagini, con la possibilità di due proroghe: una di quaranta giorni e una di venti. In tutto, quindi, entro quattro mesi dovrà essere chiusa l’indagine federale. E forse sono pochi per attendere l’analisi degli inquirenti milanesi sulla mole diu documenti trovati, le chat, le mail, dispositivi finiti nelle mani della Guardia di finanza, attraverso cui chi indaga conta di accertare se Elliott abbia di fatto mantenuto il controllo del club.

Da capire anche se tra il materiale inviato alla Uefa ci siano carte che attestano come in realtà Elliott sia rimasto interlocutore privilegiato della massima istituzione europea per le squadre di calcio: una delle ipotesi formulate infatti è che la presunta vendita simulata sarebbe stata organizzata anche per sfuggire alla mannaia della Uefa che vieta di mantenere il controllo di due società impegnate nella stessa competizione: Elliott si sarebbe quindi servito dell’escamotage per controllare, contemporaneamente, il Milan in Italia e il Lille in Francia. Dall’altro lato, il fondo Usa di Paul Singer potrebbe anche beneficiare degli effetti di una ricapitalizzazione del club con l’ingresso di nuovi soci, di cui si parla in uno dei documenti acquisiti dalla Gdf. E in cui si legge del possibile ingresso di Ac Milan Investor Presentation nella proprietà con il 41,7%. Una quota che deriverebbe per i nuovi soci dall’acquisizione dell’80% del famoso “vendor loan” da 560 milioni di euro concesso nel 2022 al momento della cessione del club da Elliott a RedBird e che oggi genera interessi al 7% in favore di Elliott. Resta da capire quanto di questa cifra e quanto dei restanti 600 milioni siano effettivamente stati versati.

milan_gazantis_furlani_ansa.jpg
Repubblica che fa l'articolo dopo che l'ANSA ha dichiarato che non hanno trovato nulla sulla doppia proprietà Milan-Lille :sisi:
 

evideon

Junior Member
Registrato
2 Agosto 2017
Messaggi
1,796
Reaction score
1,256
Repubblica fa il punto sull'indagine sul Milan dopo le news ampiamente riferite oggi, sul fascicolo arrivato in Federcalcio:

Di chi è il Milan? La procura di Milano che indaga sul passaggio di quote da Elliott a RedBird ha trovato il tempo per trasmettere alla procura federale della Federcalcio una (piccola) parte del fascicolo d’inchiesta. Si tratta delle 12 pagine del decreto di perquisizione della scorsa settimana, e che in qualche forma interessa da vicino la Figc: in quel documento infatti si ipotizza come reato l’ostacolo alle funzioni di vigilanza proprio della Federcalcio, visto che sarebbero state fornite informazioni incomplete alla commissione per l’acquisizione di partecipazioni societarie di via Allegri. E che potrebbe configurare la violazione dell’articolo 32 comma 5, che per il Milan — se accertato, ovviamente — potrebbe comportare multa o penalizzazione di uno o più punti.

Più difficile invece punire i singoli tesserati: in ogni caso, l’unico soggetto davvero interessato potrebbe essere l’ad del club rossonero, Giorgio Furlani, indagato a Milano. La procura federale però avrà un nemico inatteso: il tempo. Il codice prevede infatti un tempo massimo di sessanta giorni per le indagini, con la possibilità di due proroghe: una di quaranta giorni e una di venti. In tutto, quindi, entro quattro mesi dovrà essere chiusa l’indagine federale. E forse sono pochi per attendere l’analisi degli inquirenti milanesi sulla mole diu documenti trovati, le chat, le mail, dispositivi finiti nelle mani della Guardia di finanza, attraverso cui chi indaga conta di accertare se Elliott abbia di fatto mantenuto il controllo del club.

Da capire anche se tra il materiale inviato alla Uefa ci siano carte che attestano come in realtà Elliott sia rimasto interlocutore privilegiato della massima istituzione europea per le squadre di calcio: una delle ipotesi formulate infatti è che la presunta vendita simulata sarebbe stata organizzata anche per sfuggire alla mannaia della Uefa che vieta di mantenere il controllo di due società impegnate nella stessa competizione: Elliott si sarebbe quindi servito dell’escamotage per controllare, contemporaneamente, il Milan in Italia e il Lille in Francia. Dall’altro lato, il fondo Usa di Paul Singer potrebbe anche beneficiare degli effetti di una ricapitalizzazione del club con l’ingresso di nuovi soci, di cui si parla in uno dei documenti acquisiti dalla Gdf. E in cui si legge del possibile ingresso di Ac Milan Investor Presentation nella proprietà con il 41,7%. Una quota che deriverebbe per i nuovi soci dall’acquisizione dell’80% del famoso “vendor loan” da 560 milioni di euro concesso nel 2022 al momento della cessione del club da Elliott a RedBird e che oggi genera interessi al 7% in favore di Elliott. Resta da capire quanto di questa cifra e quanto dei restanti 600 milioni siano effettivamente stati versati.

milan_gazantis_furlani_ansa.jpg
Repubblica..... Un metro quadro di morbidezza.....!!!!
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
207,059
Reaction score
29,203
Repubblica fa il punto sull'indagine sul Milan dopo le news ampiamente riferite oggi, sul fascicolo arrivato in Federcalcio:

Di chi è il Milan? La procura di Milano che indaga sul passaggio di quote da Elliott a RedBird ha trovato il tempo per trasmettere alla procura federale della Federcalcio una (piccola) parte del fascicolo d’inchiesta. Si tratta delle 12 pagine del decreto di perquisizione della scorsa settimana, e che in qualche forma interessa da vicino la Figc: in quel documento infatti si ipotizza come reato l’ostacolo alle funzioni di vigilanza proprio della Federcalcio, visto che sarebbero state fornite informazioni incomplete alla commissione per l’acquisizione di partecipazioni societarie di via Allegri. E che potrebbe configurare la violazione dell’articolo 32 comma 5, che per il Milan — se accertato, ovviamente — potrebbe comportare multa o penalizzazione di uno o più punti.

Più difficile invece punire i singoli tesserati: in ogni caso, l’unico soggetto davvero interessato potrebbe essere l’ad del club rossonero, Giorgio Furlani, indagato a Milano. La procura federale però avrà un nemico inatteso: il tempo. Il codice prevede infatti un tempo massimo di sessanta giorni per le indagini, con la possibilità di due proroghe: una di quaranta giorni e una di venti. In tutto, quindi, entro quattro mesi dovrà essere chiusa l’indagine federale. E forse sono pochi per attendere l’analisi degli inquirenti milanesi sulla mole diu documenti trovati, le chat, le mail, dispositivi finiti nelle mani della Guardia di finanza, attraverso cui chi indaga conta di accertare se Elliott abbia di fatto mantenuto il controllo del club.

Da capire anche se tra il materiale inviato alla Uefa ci siano carte che attestano come in realtà Elliott sia rimasto interlocutore privilegiato della massima istituzione europea per le squadre di calcio: una delle ipotesi formulate infatti è che la presunta vendita simulata sarebbe stata organizzata anche per sfuggire alla mannaia della Uefa che vieta di mantenere il controllo di due società impegnate nella stessa competizione: Elliott si sarebbe quindi servito dell’escamotage per controllare, contemporaneamente, il Milan in Italia e il Lille in Francia. Dall’altro lato, il fondo Usa di Paul Singer potrebbe anche beneficiare degli effetti di una ricapitalizzazione del club con l’ingresso di nuovi soci, di cui si parla in uno dei documenti acquisiti dalla Gdf. E in cui si legge del possibile ingresso di Ac Milan Investor Presentation nella proprietà con il 41,7%. Una quota che deriverebbe per i nuovi soci dall’acquisizione dell’80% del famoso “vendor loan” da 560 milioni di euro concesso nel 2022 al momento della cessione del club da Elliott a RedBird e che oggi genera interessi al 7% in favore di Elliott. Resta da capire quanto di questa cifra e quanto dei restanti 600 milioni siano effettivamente stati versati.

Il caso Elliott Lille QUI -) https://www.milanworld.net/threads/inchiesta-milan-no-conflitti-interesse-elliott-lille.137498/
.
 

Blu71

Senior Member
Registrato
27 Agosto 2012
Messaggi
41,747
Reaction score
15,141
Repubblica fa il punto sull'indagine sul Milan dopo le news ampiamente riferite oggi, sul fascicolo arrivato in Federcalcio:

Di chi è il Milan? La procura di Milano che indaga sul passaggio di quote da Elliott a RedBird ha trovato il tempo per trasmettere alla procura federale della Federcalcio una (piccola) parte del fascicolo d’inchiesta. Si tratta delle 12 pagine del decreto di perquisizione della scorsa settimana, e che in qualche forma interessa da vicino la Figc: in quel documento infatti si ipotizza come reato l’ostacolo alle funzioni di vigilanza proprio della Federcalcio, visto che sarebbero state fornite informazioni incomplete alla commissione per l’acquisizione di partecipazioni societarie di via Allegri. E che potrebbe configurare la violazione dell’articolo 32 comma 5, che per il Milan — se accertato, ovviamente — potrebbe comportare multa o penalizzazione di uno o più punti.

Più difficile invece punire i singoli tesserati: in ogni caso, l’unico soggetto davvero interessato potrebbe essere l’ad del club rossonero, Giorgio Furlani, indagato a Milano. La procura federale però avrà un nemico inatteso: il tempo. Il codice prevede infatti un tempo massimo di sessanta giorni per le indagini, con la possibilità di due proroghe: una di quaranta giorni e una di venti. In tutto, quindi, entro quattro mesi dovrà essere chiusa l’indagine federale. E forse sono pochi per attendere l’analisi degli inquirenti milanesi sulla mole diu documenti trovati, le chat, le mail, dispositivi finiti nelle mani della Guardia di finanza, attraverso cui chi indaga conta di accertare se Elliott abbia di fatto mantenuto il controllo del club.

Da capire anche se tra il materiale inviato alla Uefa ci siano carte che attestano come in realtà Elliott sia rimasto interlocutore privilegiato della massima istituzione europea per le squadre di calcio: una delle ipotesi formulate infatti è che la presunta vendita simulata sarebbe stata organizzata anche per sfuggire alla mannaia della Uefa che vieta di mantenere il controllo di due società impegnate nella stessa competizione: Elliott si sarebbe quindi servito dell’escamotage per controllare, contemporaneamente, il Milan in Italia e il Lille in Francia. Dall’altro lato, il fondo Usa di Paul Singer potrebbe anche beneficiare degli effetti di una ricapitalizzazione del club con l’ingresso di nuovi soci, di cui si parla in uno dei documenti acquisiti dalla Gdf. E in cui si legge del possibile ingresso di Ac Milan Investor Presentation nella proprietà con il 41,7%. Una quota che deriverebbe per i nuovi soci dall’acquisizione dell’80% del famoso “vendor loan” da 560 milioni di euro concesso nel 2022 al momento della cessione del club da Elliott a RedBird e che oggi genera interessi al 7% in favore di Elliott. Resta da capire quanto di questa cifra e quanto dei restanti 600 milioni siano effettivamente stati versati.

Il caso Elliott Lille QUI -) https://www.milanworld.net/threads/inchiesta-milan-no-conflitti-interesse-elliott-lille.137498/

Quanti punti serve togliere al Milan per assicurare il secondo posto ai vecchi ladri?
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
207,059
Reaction score
29,203
Repubblica fa il punto sull'indagine sul Milan dopo le news ampiamente riferite oggi, sul fascicolo arrivato in Federcalcio:

Di chi è il Milan? La procura di Milano che indaga sul passaggio di quote da Elliott a RedBird ha trovato il tempo per trasmettere alla procura federale della Federcalcio una (piccola) parte del fascicolo d’inchiesta. Si tratta delle 12 pagine del decreto di perquisizione della scorsa settimana, e che in qualche forma interessa da vicino la Figc: in quel documento infatti si ipotizza come reato l’ostacolo alle funzioni di vigilanza proprio della Federcalcio, visto che sarebbero state fornite informazioni incomplete alla commissione per l’acquisizione di partecipazioni societarie di via Allegri. E che potrebbe configurare la violazione dell’articolo 32 comma 5, che per il Milan — se accertato, ovviamente — potrebbe comportare multa o penalizzazione di uno o più punti.

Più difficile invece punire i singoli tesserati: in ogni caso, l’unico soggetto davvero interessato potrebbe essere l’ad del club rossonero, Giorgio Furlani, indagato a Milano. La procura federale però avrà un nemico inatteso: il tempo. Il codice prevede infatti un tempo massimo di sessanta giorni per le indagini, con la possibilità di due proroghe: una di quaranta giorni e una di venti. In tutto, quindi, entro quattro mesi dovrà essere chiusa l’indagine federale. E forse sono pochi per attendere l’analisi degli inquirenti milanesi sulla mole diu documenti trovati, le chat, le mail, dispositivi finiti nelle mani della Guardia di finanza, attraverso cui chi indaga conta di accertare se Elliott abbia di fatto mantenuto il controllo del club.

Da capire anche se tra il materiale inviato alla Uefa ci siano carte che attestano come in realtà Elliott sia rimasto interlocutore privilegiato della massima istituzione europea per le squadre di calcio: una delle ipotesi formulate infatti è che la presunta vendita simulata sarebbe stata organizzata anche per sfuggire alla mannaia della Uefa che vieta di mantenere il controllo di due società impegnate nella stessa competizione: Elliott si sarebbe quindi servito dell’escamotage per controllare, contemporaneamente, il Milan in Italia e il Lille in Francia. Dall’altro lato, il fondo Usa di Paul Singer potrebbe anche beneficiare degli effetti di una ricapitalizzazione del club con l’ingresso di nuovi soci, di cui si parla in uno dei documenti acquisiti dalla Gdf. E in cui si legge del possibile ingresso di Ac Milan Investor Presentation nella proprietà con il 41,7%. Una quota che deriverebbe per i nuovi soci dall’acquisizione dell’80% del famoso “vendor loan” da 560 milioni di euro concesso nel 2022 al momento della cessione del club da Elliott a RedBird e che oggi genera interessi al 7% in favore di Elliott. Resta da capire quanto di questa cifra e quanto dei restanti 600 milioni siano effettivamente stati versati.

Il caso Elliott Lille QUI -) https://www.milanworld.net/threads/inchiesta-milan-no-conflitti-interesse-elliott-lille.137498/
.
 

Mika

Senior Member
Registrato
29 Aprile 2017
Messaggi
14,054
Reaction score
6,462
Quanti punti serve togliere al Milan per assicurare il secondo posto ai vecchi ladri?
Se ci danno una penalizzazione, dovrà essere afflittiva ovvero permettere l'esclusione dalle Coppe Europee, quindi ci daranno i punti di penalizzazione per farci arrivare al primo posto in cui non vi è la qualificazione (Ottavi) quindi continuando così quasi una trentina di punti.

Ma la tempistica è lunga perché ci sono due gradi di giudizio, quindi non ce la fanno per questa stagione ed è facile che ci danno una penalità per la prossima stagione. Ammesso che trovino qualche prova certa anche se della giustizia sportiva mi fido poco. Ci hanno dato la penalizzazione con Meani che non era nemmeno un dipendente del Milan.
 

Blu71

Senior Member
Registrato
27 Agosto 2012
Messaggi
41,747
Reaction score
15,141
Se ci danno una penalizzazione, dovrà essere afflittiva ovvero permettere l'esclusione dalle Coppe Europee, quindi ci daranno i punti di penalizzazione per farci arrivare al primo posto in cui non vi è la qualificazione (Ottavi) quindi continuando così quasi una trentina di punti.

Certo, quando si tratta del Milan ci vuole la massima severità. Li m... loro.
 
Registrato
22 Agosto 2015
Messaggi
4,019
Reaction score
1,307
Repubblica fa il punto sull'indagine sul Milan dopo le news ampiamente riferite oggi, sul fascicolo arrivato in Federcalcio:

Di chi è il Milan? La procura di Milano che indaga sul passaggio di quote da Elliott a RedBird ha trovato il tempo per trasmettere alla procura federale della Federcalcio una (piccola) parte del fascicolo d’inchiesta. Si tratta delle 12 pagine del decreto di perquisizione della scorsa settimana, e che in qualche forma interessa da vicino la Figc: in quel documento infatti si ipotizza come reato l’ostacolo alle funzioni di vigilanza proprio della Federcalcio, visto che sarebbero state fornite informazioni incomplete alla commissione per l’acquisizione di partecipazioni societarie di via Allegri. E che potrebbe configurare la violazione dell’articolo 32 comma 5, che per il Milan — se accertato, ovviamente — potrebbe comportare multa o penalizzazione di uno o più punti.

Più difficile invece punire i singoli tesserati: in ogni caso, l’unico soggetto davvero interessato potrebbe essere l’ad del club rossonero, Giorgio Furlani, indagato a Milano. La procura federale però avrà un nemico inatteso: il tempo. Il codice prevede infatti un tempo massimo di sessanta giorni per le indagini, con la possibilità di due proroghe: una di quaranta giorni e una di venti. In tutto, quindi, entro quattro mesi dovrà essere chiusa l’indagine federale. E forse sono pochi per attendere l’analisi degli inquirenti milanesi sulla mole diu documenti trovati, le chat, le mail, dispositivi finiti nelle mani della Guardia di finanza, attraverso cui chi indaga conta di accertare se Elliott abbia di fatto mantenuto il controllo del club.

Da capire anche se tra il materiale inviato alla Uefa ci siano carte che attestano come in realtà Elliott sia rimasto interlocutore privilegiato della massima istituzione europea per le squadre di calcio: una delle ipotesi formulate infatti è che la presunta vendita simulata sarebbe stata organizzata anche per sfuggire alla mannaia della Uefa che vieta di mantenere il controllo di due società impegnate nella stessa competizione: Elliott si sarebbe quindi servito dell’escamotage per controllare, contemporaneamente, il Milan in Italia e il Lille in Francia. Dall’altro lato, il fondo Usa di Paul Singer potrebbe anche beneficiare degli effetti di una ricapitalizzazione del club con l’ingresso di nuovi soci, di cui si parla in uno dei documenti acquisiti dalla Gdf. E in cui si legge del possibile ingresso di Ac Milan Investor Presentation nella proprietà con il 41,7%. Una quota che deriverebbe per i nuovi soci dall’acquisizione dell’80% del famoso “vendor loan” da 560 milioni di euro concesso nel 2022 al momento della cessione del club da Elliott a RedBird e che oggi genera interessi al 7% in favore di Elliott. Resta da capire quanto di questa cifra e quanto dei restanti 600 milioni siano effettivamente stati versati.

Il caso Elliott Lille QUI -) https://www.milanworld.net/threads/inchiesta-milan-no-conflitti-interesse-elliott-lille.137498/
Si ipotizza, sarebbero, potrebbe…Stiamo parlando di un’inchiesta basata sul nulla. Per penalizzarci ci vogliono prove concrete, non fascicoli di aria fritta.
 

Mika

Senior Member
Registrato
29 Aprile 2017
Messaggi
14,054
Reaction score
6,462
Si ipotizza, sarebbero, potrebbe…Stiamo parlando di un’inchiesta basata sul nulla. Per penalizzarci ci vogliono prove concrete, non fascicoli di aria fritta.
Questo articolo fazioso di Repubblica l'hanno sparato subito dopo che l'ANSA ha riportato che non hanno trovato nulla sul caso Milan-Lille, cosa che noi qui dentro sapevamo, ma che i giornalisti, Repubblica in testa, ci hanno marciato per giorni. Tutto per non scrivere appunto quello che l'ANSA ha riportato. Non lo sta scrivendo nessuno. Tre giorni a fare sentenze, il primo sviluppo è arrivato, ma siccome smonta la metà degli articoli scritti sul fatto Milan-Lille non lo hanno riportato.
 
Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.
Alto
head>