Visnadi:"Cardinale non vuole vincere. Marotta non gli interessa...".

Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
211,489
Reaction score
32,078
Gianni Visnadi a Calciomercato.com:

"La tesi comune è che al Milan manchi soprattutto uno come Beppe Marotta. La verità è che il Milan dei fondi, uno come Marotta, proprio non lo vuole, non gli serve. Non è solo questione di algoritmi e moneyball sovrapposti alle regole del calciomercato tradizionale o alla gestione quotidiana della squadra. Zhang è entrato nel calcio in punta di piedi, quasi per volere del papà e del colosso economico che poi la crisi ha messo in ginocchio. Cardinale dopo un anno si paragonava a Berlusconi. Zhang ha fatto i debiti, ma ha già vinto, e molto. Cardinale finora ha vinto solo lo scudetto dei commercialisti, grazie al risanamento di Elliott, che la Procura di Milano peraltro sospetta essere ancora il vero padrone del Milan.


È che in un club dove un presidente non di calcio come Scaroni si permette di irridere pubblicamente una leggenda del suo club come Maldini sono molte le cose che andrebbero interpretate. Oggi l’Inter festeggia, il Milan s’interroga. Siamo a maggio e Cardinale non ha ancora scelto l’allenatore del prossimo anno. Sperava di continuare con Pioli, poi i risultati si sono sommati all’evidenza: impossibile continuare e rispettare l’ultimo anno di contratto. Si cambia. E se davvero è l’insurrezione della piazza (social) a fargli cambiare idea su Lopetegui, non c’è di che stare allegri. Non era evidentemente un’idea che poggiava su basi solide. Vedremo la prossima.


Marotta ha scelto due allenatori per l’Inter. Conte subito, poi Inzaghi dopo avere pensato anche ad Allegri. Li ha scelti lui, sfogliando le sue agende e le conoscenze e le esperienze. Li ha scelti e poi comunicati a Zhang, che peraltro da un anno fa il presidente da remoto. Dei risultati ottenuti non è nemmeno il caso di parlare, essendo cronaca. Al Milan l’allenatore deve soddisfare l’algoritmo, che pare la cosa più importante, piacere a Ibra, costare il giusto perché sennò sfora il budget di Furlani e poi superare il colloquio con Cardinale o forse tutte queste cose non necessariamente nell’ordine.


Moncada ha l’età di Giroud, ai tempi di Boban guardava registrazioni e partite e suggeriva giocatori, l’anno scorso li ha proposti a Furlani, aiutandolo anche a trattare. Il Milan è la squadra che la scorsa estate ha speso di più, finendo per pagare 20 milioni uno come Musah. A Valencia ancora non ci credono. Adesso c’è Ibra, che ufficialmente è l’uomo di fiducia di Cardinale e non ha cariche nel Milan. Dovrebbe fare tutto, ma al momento sembra essere solo un totem piazzato in tribuna per rassicurare i tifosi. Non un Maldini, in ogni caso, non facciamo confusione per cortesia.


Zhang vuole vincere e passare alla storia dell’Inter ed è stato bravo a scegliersi i collaboratori, primo fra tutti Marotta. Cardinale vuole fare del calcio un affare, perciò il piazzamento Champions è un traguardo e ha liquidato Maldini quando il suo uomo di calcio gli ha chiesto di alzare le ambizioni e gl’investimenti. Ha preso a pretesto un acquisto sbagliato (anche se Gasperini sta dimostrando che totalmente sbagliato non era) e cancellato 60 anni di storia famigliare. Tra un po’ tornerà a parlare e far parlare di stadio, lui che dice di volerli costruirli in tutta Italia e non risulta agli atti essere un costruttore edile. Uno come Conte, nel Milan di RedBird durerebbe sei mesi".


marotta-zhang-gerry-cardinale-inter-milan-1979391.jpg
 

gabri65

BFMI-class member
Registrato
26 Giugno 2018
Messaggi
21,891
Reaction score
17,522
Gianni Visnadi a Calciomercato.com:

"La tesi comune è che al Milan manchi soprattutto uno come Beppe Marotta. La verità è che il Milan dei fondi, uno come Marotta, proprio non lo vuole, non gli serve. Non è solo questione di algoritmi e moneyball sovrapposti alle regole del calciomercato tradizionale o alla gestione quotidiana della squadra. Zhang è entrato nel calcio in punta di piedi, quasi per volere del papà e del colosso economico che poi la crisi ha messo in ginocchio. Cardinale dopo un anno si paragonava a Berlusconi. Zhang ha fatto i debiti, ma ha già vinto, e molto. Cardinale finora ha vinto solo lo scudetto dei commercialisti, grazie al risanamento di Elliott, che la Procura di Milano peraltro sospetta essere ancora il vero padrone del Milan.


È che in un club dove un presidente non di calcio come Scaroni si permette di irridere pubblicamente una leggenda del suo club come Maldini sono molte le cose che andrebbero interpretate. Oggi l’Inter festeggia, il Milan s’interroga. Siamo a maggio e Cardinale non ha ancora scelto l’allenatore del prossimo anno. Sperava di continuare con Pioli, poi i risultati si sono sommati all’evidenza: impossibile continuare e rispettare l’ultimo anno di contratto. Si cambia. E se davvero è l’insurrezione della piazza (social) a fargli cambiare idea su Lopetegui, non c’è di che stare allegri. Non era evidentemente un’idea che poggiava su basi solide. Vedremo la prossima.


Marotta ha scelto due allenatori per l’Inter. Conte subito, poi Inzaghi dopo avere pensato anche ad Allegri. Li ha scelti lui, sfogliando le sue agende e le conoscenze e le esperienze. Li ha scelti e poi comunicati a Zhang, che peraltro da un anno fa il presidente da remoto. Dei risultati ottenuti non è nemmeno il caso di parlare, essendo cronaca. Al Milan l’allenatore deve soddisfare l’algoritmo, che pare la cosa più importante, piacere a Ibra, costare il giusto perché sennò sfora il budget di Furlani e poi superare il colloquio con Cardinale o forse tutte queste cose non necessariamente nell’ordine.


Moncada ha l’età di Giroud, ai tempi di Boban guardava registrazioni e partite e suggeriva giocatori, l’anno scorso li ha proposti a Furlani, aiutandolo anche a trattare. Il Milan è la squadra che la scorsa estate ha speso di più, finendo per pagare 20 milioni uno come Musah. A Valencia ancora non ci credono. Adesso c’è Ibra, che ufficialmente è l’uomo di fiducia di Cardinale e non ha cariche nel Milan. Dovrebbe fare tutto, ma al momento sembra essere solo un totem piazzato in tribuna per rassicurare i tifosi. Non un Maldini, in ogni caso, non facciamo confusione per cortesia.


Zhang vuole vincere e passare alla storia dell’Inter ed è stato bravo a scegliersi i collaboratori, primo fra tutti Marotta. Cardinale vuole fare del calcio un affare, perciò il piazzamento Champions è un traguardo e ha liquidato Maldini quando il suo uomo di calcio gli ha chiesto di alzare le ambizioni e gl’investimenti. Ha preso a pretesto un acquisto sbagliato (anche se Gasperini sta dimostrando che totalmente sbagliato non era) e cancellato 60 anni di storia famigliare. Tra un po’ tornerà a parlare e far parlare di stadio, lui che dice di volerli costruirli in tutta Italia e non risulta agli atti essere un costruttore edile. Uno come Conte, nel Milan di RedBird durerebbe sei mesi".


marotta-zhang-gerry-cardinale-inter-milan-1979391.jpg

Cos'è, un riassunto degli articoli del forum di qualche anno fa ?

Mancano i link ai post.
 

Biglia83

Member
Registrato
24 Aprile 2024
Messaggi
57
Reaction score
39
Gianni Visnadi a Calciomercato.com:

"La tesi comune è che al Milan manchi soprattutto uno come Beppe Marotta. La verità è che il Milan dei fondi, uno come Marotta, proprio non lo vuole, non gli serve. Non è solo questione di algoritmi e moneyball sovrapposti alle regole del calciomercato tradizionale o alla gestione quotidiana della squadra. Zhang è entrato nel calcio in punta di piedi, quasi per volere del papà e del colosso economico che poi la crisi ha messo in ginocchio. Cardinale dopo un anno si paragonava a Berlusconi. Zhang ha fatto i debiti, ma ha già vinto, e molto. Cardinale finora ha vinto solo lo scudetto dei commercialisti, grazie al risanamento di Elliott, che la Procura di Milano peraltro sospetta essere ancora il vero padrone del Milan.


È che in un club dove un presidente non di calcio come Scaroni si permette di irridere pubblicamente una leggenda del suo club come Maldini sono molte le cose che andrebbero interpretate. Oggi l’Inter festeggia, il Milan s’interroga. Siamo a maggio e Cardinale non ha ancora scelto l’allenatore del prossimo anno. Sperava di continuare con Pioli, poi i risultati si sono sommati all’evidenza: impossibile continuare e rispettare l’ultimo anno di contratto. Si cambia. E se davvero è l’insurrezione della piazza (social) a fargli cambiare idea su Lopetegui, non c’è di che stare allegri. Non era evidentemente un’idea che poggiava su basi solide. Vedremo la prossima.


Marotta ha scelto due allenatori per l’Inter. Conte subito, poi Inzaghi dopo avere pensato anche ad Allegri. Li ha scelti lui, sfogliando le sue agende e le conoscenze e le esperienze. Li ha scelti e poi comunicati a Zhang, che peraltro da un anno fa il presidente da remoto. Dei risultati ottenuti non è nemmeno il caso di parlare, essendo cronaca. Al Milan l’allenatore deve soddisfare l’algoritmo, che pare la cosa più importante, piacere a Ibra, costare il giusto perché sennò sfora il budget di Furlani e poi superare il colloquio con Cardinale o forse tutte queste cose non necessariamente nell’ordine.


Moncada ha l’età di Giroud, ai tempi di Boban guardava registrazioni e partite e suggeriva giocatori, l’anno scorso li ha proposti a Furlani, aiutandolo anche a trattare. Il Milan è la squadra che la scorsa estate ha speso di più, finendo per pagare 20 milioni uno come Musah. A Valencia ancora non ci credono. Adesso c’è Ibra, che ufficialmente è l’uomo di fiducia di Cardinale e non ha cariche nel Milan. Dovrebbe fare tutto, ma al momento sembra essere solo un totem piazzato in tribuna per rassicurare i tifosi. Non un Maldini, in ogni caso, non facciamo confusione per cortesia.


Zhang vuole vincere e passare alla storia dell’Inter ed è stato bravo a scegliersi i collaboratori, primo fra tutti Marotta. Cardinale vuole fare del calcio un affare, perciò il piazzamento Champions è un traguardo e ha liquidato Maldini quando il suo uomo di calcio gli ha chiesto di alzare le ambizioni e gl’investimenti. Ha preso a pretesto un acquisto sbagliato (anche se Gasperini sta dimostrando che totalmente sbagliato non era) e cancellato 60 anni di storia famigliare. Tra un po’ tornerà a parlare e far parlare di stadio, lui che dice di volerli costruirli in tutta Italia e non risulta agli atti essere un costruttore edile. Uno come Conte, nel Milan di RedBird durerebbe sei mesi".


marotta-zhang-gerry-cardinale-inter-milan-1979391.jpg
Assolutamente condivisibile tutto, tranne lo sbeffeggiamento per Musah.
Troppi 20 milioni? Giocatore con 3 campionati in Liga, non certo a Barca, Real e Atletico Madrid, ma nemmeno nell'Alaves o nel Merida.
E' stato un buon acquisto? Al momento no.
Potevano essere spesi meglio quei soldi? Sì.
E' un giocatore di prospettiva con potenziale da sviluppare? Sì.
E' un giocatore dai costi troppo elevati? No e lo sapete bene perché c'è un ottimo topic sul payroll del Milan.
 

Ruuddil23

Senior Member
Registrato
27 Gennaio 2017
Messaggi
7,154
Reaction score
1,567
Gianni Visnadi a Calciomercato.com:

"La tesi comune è che al Milan manchi soprattutto uno come Beppe Marotta. La verità è che il Milan dei fondi, uno come Marotta, proprio non lo vuole, non gli serve. Non è solo questione di algoritmi e moneyball sovrapposti alle regole del calciomercato tradizionale o alla gestione quotidiana della squadra. Zhang è entrato nel calcio in punta di piedi, quasi per volere del papà e del colosso economico che poi la crisi ha messo in ginocchio. Cardinale dopo un anno si paragonava a Berlusconi. Zhang ha fatto i debiti, ma ha già vinto, e molto. Cardinale finora ha vinto solo lo scudetto dei commercialisti, grazie al risanamento di Elliott, che la Procura di Milano peraltro sospetta essere ancora il vero padrone del Milan.


È che in un club dove un presidente non di calcio come Scaroni si permette di irridere pubblicamente una leggenda del suo club come Maldini sono molte le cose che andrebbero interpretate. Oggi l’Inter festeggia, il Milan s’interroga. Siamo a maggio e Cardinale non ha ancora scelto l’allenatore del prossimo anno. Sperava di continuare con Pioli, poi i risultati si sono sommati all’evidenza: impossibile continuare e rispettare l’ultimo anno di contratto. Si cambia. E se davvero è l’insurrezione della piazza (social) a fargli cambiare idea su Lopetegui, non c’è di che stare allegri. Non era evidentemente un’idea che poggiava su basi solide. Vedremo la prossima.


Marotta ha scelto due allenatori per l’Inter. Conte subito, poi Inzaghi dopo avere pensato anche ad Allegri. Li ha scelti lui, sfogliando le sue agende e le conoscenze e le esperienze. Li ha scelti e poi comunicati a Zhang, che peraltro da un anno fa il presidente da remoto. Dei risultati ottenuti non è nemmeno il caso di parlare, essendo cronaca. Al Milan l’allenatore deve soddisfare l’algoritmo, che pare la cosa più importante, piacere a Ibra, costare il giusto perché sennò sfora il budget di Furlani e poi superare il colloquio con Cardinale o forse tutte queste cose non necessariamente nell’ordine.


Moncada ha l’età di Giroud, ai tempi di Boban guardava registrazioni e partite e suggeriva giocatori, l’anno scorso li ha proposti a Furlani, aiutandolo anche a trattare. Il Milan è la squadra che la scorsa estate ha speso di più, finendo per pagare 20 milioni uno come Musah. A Valencia ancora non ci credono. Adesso c’è Ibra, che ufficialmente è l’uomo di fiducia di Cardinale e non ha cariche nel Milan. Dovrebbe fare tutto, ma al momento sembra essere solo un totem piazzato in tribuna per rassicurare i tifosi. Non un Maldini, in ogni caso, non facciamo confusione per cortesia.


Zhang vuole vincere e passare alla storia dell’Inter ed è stato bravo a scegliersi i collaboratori, primo fra tutti Marotta. Cardinale vuole fare del calcio un affare, perciò il piazzamento Champions è un traguardo e ha liquidato Maldini quando il suo uomo di calcio gli ha chiesto di alzare le ambizioni e gl’investimenti. Ha preso a pretesto un acquisto sbagliato (anche se Gasperini sta dimostrando che totalmente sbagliato non era) e cancellato 60 anni di storia famigliare. Tra un po’ tornerà a parlare e far parlare di stadio, lui che dice di volerli costruirli in tutta Italia e non risulta agli atti essere un costruttore edile. Uno come Conte, nel Milan di RedBird durerebbe sei mesi".


marotta-zhang-gerry-cardinale-inter-milan-1979391.jpg

Semplicemente perfetto, sottoscrivo dalla prima all'ultima parola.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
211,489
Reaction score
32,078
Gianni Visnadi a Calciomercato.com:

"La tesi comune è che al Milan manchi soprattutto uno come Beppe Marotta. La verità è che il Milan dei fondi, uno come Marotta, proprio non lo vuole, non gli serve. Non è solo questione di algoritmi e moneyball sovrapposti alle regole del calciomercato tradizionale o alla gestione quotidiana della squadra. Zhang è entrato nel calcio in punta di piedi, quasi per volere del papà e del colosso economico che poi la crisi ha messo in ginocchio. Cardinale dopo un anno si paragonava a Berlusconi. Zhang ha fatto i debiti, ma ha già vinto, e molto. Cardinale finora ha vinto solo lo scudetto dei commercialisti, grazie al risanamento di Elliott, che la Procura di Milano peraltro sospetta essere ancora il vero padrone del Milan.


È che in un club dove un presidente non di calcio come Scaroni si permette di irridere pubblicamente una leggenda del suo club come Maldini sono molte le cose che andrebbero interpretate. Oggi l’Inter festeggia, il Milan s’interroga. Siamo a maggio e Cardinale non ha ancora scelto l’allenatore del prossimo anno. Sperava di continuare con Pioli, poi i risultati si sono sommati all’evidenza: impossibile continuare e rispettare l’ultimo anno di contratto. Si cambia. E se davvero è l’insurrezione della piazza (social) a fargli cambiare idea su Lopetegui, non c’è di che stare allegri. Non era evidentemente un’idea che poggiava su basi solide. Vedremo la prossima.


Marotta ha scelto due allenatori per l’Inter. Conte subito, poi Inzaghi dopo avere pensato anche ad Allegri. Li ha scelti lui, sfogliando le sue agende e le conoscenze e le esperienze. Li ha scelti e poi comunicati a Zhang, che peraltro da un anno fa il presidente da remoto. Dei risultati ottenuti non è nemmeno il caso di parlare, essendo cronaca. Al Milan l’allenatore deve soddisfare l’algoritmo, che pare la cosa più importante, piacere a Ibra, costare il giusto perché sennò sfora il budget di Furlani e poi superare il colloquio con Cardinale o forse tutte queste cose non necessariamente nell’ordine.


Moncada ha l’età di Giroud, ai tempi di Boban guardava registrazioni e partite e suggeriva giocatori, l’anno scorso li ha proposti a Furlani, aiutandolo anche a trattare. Il Milan è la squadra che la scorsa estate ha speso di più, finendo per pagare 20 milioni uno come Musah. A Valencia ancora non ci credono. Adesso c’è Ibra, che ufficialmente è l’uomo di fiducia di Cardinale e non ha cariche nel Milan. Dovrebbe fare tutto, ma al momento sembra essere solo un totem piazzato in tribuna per rassicurare i tifosi. Non un Maldini, in ogni caso, non facciamo confusione per cortesia.


Zhang vuole vincere e passare alla storia dell’Inter ed è stato bravo a scegliersi i collaboratori, primo fra tutti Marotta. Cardinale vuole fare del calcio un affare, perciò il piazzamento Champions è un traguardo e ha liquidato Maldini quando il suo uomo di calcio gli ha chiesto di alzare le ambizioni e gl’investimenti. Ha preso a pretesto un acquisto sbagliato (anche se Gasperini sta dimostrando che totalmente sbagliato non era) e cancellato 60 anni di storia famigliare. Tra un po’ tornerà a parlare e far parlare di stadio, lui che dice di volerli costruirli in tutta Italia e non risulta agli atti essere un costruttore edile. Uno come Conte, nel Milan di RedBird durerebbe sei mesi".
.
 

Zenos

Senior Member
Registrato
30 Agosto 2012
Messaggi
23,443
Reaction score
12,069
Gianni Visnadi a Calciomercato.com:

"La tesi comune è che al Milan manchi soprattutto uno come Beppe Marotta. La verità è che il Milan dei fondi, uno come Marotta, proprio non lo vuole, non gli serve. Non è solo questione di algoritmi e moneyball sovrapposti alle regole del calciomercato tradizionale o alla gestione quotidiana della squadra. Zhang è entrato nel calcio in punta di piedi, quasi per volere del papà e del colosso economico che poi la crisi ha messo in ginocchio. Cardinale dopo un anno si paragonava a Berlusconi. Zhang ha fatto i debiti, ma ha già vinto, e molto. Cardinale finora ha vinto solo lo scudetto dei commercialisti, grazie al risanamento di Elliott, che la Procura di Milano peraltro sospetta essere ancora il vero padrone del Milan.


È che in un club dove un presidente non di calcio come Scaroni si permette di irridere pubblicamente una leggenda del suo club come Maldini sono molte le cose che andrebbero interpretate. Oggi l’Inter festeggia, il Milan s’interroga. Siamo a maggio e Cardinale non ha ancora scelto l’allenatore del prossimo anno. Sperava di continuare con Pioli, poi i risultati si sono sommati all’evidenza: impossibile continuare e rispettare l’ultimo anno di contratto. Si cambia. E se davvero è l’insurrezione della piazza (social) a fargli cambiare idea su Lopetegui, non c’è di che stare allegri. Non era evidentemente un’idea che poggiava su basi solide. Vedremo la prossima.


Marotta ha scelto due allenatori per l’Inter. Conte subito, poi Inzaghi dopo avere pensato anche ad Allegri. Li ha scelti lui, sfogliando le sue agende e le conoscenze e le esperienze. Li ha scelti e poi comunicati a Zhang, che peraltro da un anno fa il presidente da remoto. Dei risultati ottenuti non è nemmeno il caso di parlare, essendo cronaca. Al Milan l’allenatore deve soddisfare l’algoritmo, che pare la cosa più importante, piacere a Ibra, costare il giusto perché sennò sfora il budget di Furlani e poi superare il colloquio con Cardinale o forse tutte queste cose non necessariamente nell’ordine.


Moncada ha l’età di Giroud, ai tempi di Boban guardava registrazioni e partite e suggeriva giocatori, l’anno scorso li ha proposti a Furlani, aiutandolo anche a trattare. Il Milan è la squadra che la scorsa estate ha speso di più, finendo per pagare 20 milioni uno come Musah. A Valencia ancora non ci credono. Adesso c’è Ibra, che ufficialmente è l’uomo di fiducia di Cardinale e non ha cariche nel Milan. Dovrebbe fare tutto, ma al momento sembra essere solo un totem piazzato in tribuna per rassicurare i tifosi. Non un Maldini, in ogni caso, non facciamo confusione per cortesia.


Zhang vuole vincere e passare alla storia dell’Inter ed è stato bravo a scegliersi i collaboratori, primo fra tutti Marotta. Cardinale vuole fare del calcio un affare, perciò il piazzamento Champions è un traguardo e ha liquidato Maldini quando il suo uomo di calcio gli ha chiesto di alzare le ambizioni e gl’investimenti. Ha preso a pretesto un acquisto sbagliato (anche se Gasperini sta dimostrando che totalmente sbagliato non era) e cancellato 60 anni di storia famigliare. Tra un po’ tornerà a parlare e far parlare di stadio, lui che dice di volerli costruirli in tutta Italia e non risulta agli atti essere un costruttore edile. Uno come Conte, nel Milan di RedBird durerebbe sei mesi".


marotta-zhang-gerry-cardinale-inter-milan-1979391.jpg
Dovremmo ricevere il Pulitzer visto che ci siamo arrivati con 2 anni di anticipo.
 
Registrato
21 Settembre 2017
Messaggi
3,343
Reaction score
932
Sempre apprezzato tanto Visnadi.
Io non posso che continuare a ripetere che a questa gente non dovete dare un soldo.
Ogni euro vostro è un loro utile… NON INVESTONO e NON VOGLIONO VINCERE
Assurdo finanziarli
 

sampapot

Junior Member
Registrato
17 Agosto 2019
Messaggi
3,535
Reaction score
722
ma ora che hanno sanato i conti, perché non vendono il Milan agli arabi? sarebbe un guadagno per tutti
 
Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.

Similar threads

Alto
head>