Scaroni:"Senza stadio pieno colpo fatale per noi".

  • Ultimi post
  • Ultime notizie

admin

Administrator
Membro dello Staff
Paolo Scaroni alla GDS sulla questione riapertura degli stadi:"Normalmente i ricavi da stadio rappresentano circa un terzo delle entrate dei club, quindi il fatto di non averne avuti per così tanti mesi è stato un colpo mici- diale sui nostri conti economici. Aggiungo poi che gli stadi vuoti fanno tristezza, da tanti punti di vista la presenza del pubblico è un ingrediente fondamentale di questo sport: un calcio senza tifosi non è il calcio che vogliamo. Quindi da un lato ci troviamo di fronte a un danno economico non da poco e dall’altro a uno snaturamento di questo sport"

Il danno economico:"Ogni tanto sento dire da qual- che presidente che dobbiamo chiedere ristori, in analogia a quello che fa per esempio il mondo dello spettacolo, perché in fondo siamo uno spettacolo anche noi. Beh, è una posizione che rispetto, capisco e condivido. Se poi fosse difficile per il governo concederne perché lo stato di necessità del mondo del calcio viene forse capito meno di altri, allora quantomeno occorrereb- be intervenire sul terreno degli stadi"

"Stadi riaperti al 25% col distanziamento? Io dico che vanno riaperti al 100%, come stanno facendo in Inghilterra, in Francia o in Spa- gna: penso che il green pass sia una garanzia sufficiente per po- ter accogliere tutti. Se poi, per un criterio di cautela, si sceglie di aprire soltanto al 50%, che come detto io considero largamente insufficiente, almeno deve essere un 50% vero. Sappiamo invece che tenendo conto anche il fa- moso metro di distanziamento arriviamo forse al 25. È un discorso che ha già espresso con grande chiarezza il presidente Gravina insieme al presidente Dal Pino. Se non ci venisse concesso nemmeno quello, bisognerà intervenire sul terreno dei ristori. Del resto non si capisce perché non dobbiamo avere diritti che altri hanno. C’è poi un altro aspetto che mi sta molto a cuore: l’apertura degli stadi è un momento sociale, un momento in cui i giovani si ritrovano, final- mente. Gli stadi non possono essere semivuoti, perché il calcio non è fatto così"

"Stadio ottimo mezzo per favorire le vaccinazioni dei giovani? Che sono la maggioranza dei tifosi e sono anche indietro sotto il profilo dei vaccini. Sono sicuro che possiamo esercitare un ruo- lo positivo in quel senso. Certo è che se poi un nostro sostenitore si vaccina per assistere agli incontri, ma la capienza non lo permette, tutto diventa ridicolo. Pensiamo alle partitone, alla fine saremmo costretti a lasciare fuori della gente anche se provvista di green pass"

"Il tempo stringe?Se vogliamo riaprire per gradi questo famoso 50%, non solo deve essere vero, ma anche immediato. Al momento, visto questo stato di incertezza, siamo fermi sia sul fronte abbonamenti che su quello della biglietteria. Nel giro di pochi giorni dobbiamo avere le idee chiare, al massimo entro la prossima settimana occorrerà capire come possiamo muoverci. Resta il fatto che anche con il 50% le perdite saranno importanti, per i grandi club ma anche per le piccole che ospitano grandi club. Il Milan incassa dal- lo stadio 40 milioni, capite bene quanto l’impatto sulle casse possa essere pesante..."

"Sciopero senza riaperture? Non è stata presentata alcuna proposta formale e quindi nulla è stato discusso. In ogni caso io su una possibile serrata resto perplesso"

"Il mio è un doppio appello. Al Governo perché si renda conto della situazione del calcio e accetti la proposta della scacchiera rendendo concreto il 50% della capienza previsto nel decreto in vista di una riapertura totale da fare il prima possibile. L’altro è agli italiani e ai giovani in particolare, perché si vaccinino al più presto in modo da abbassare i contagi e permettere che in breve tempo, numeri alla mano, questo 50% possa tornare finalmente al 100%. È una necessità assoluta
 
.

Andris

Senior Member
Paolo Scaroni alla GDS sulla questione riapertura degli stadi:"Normalmente i ricavi da stadio rappresentano circa un terzo delle entrate dei club, quindi il fatto di non averne avuti per così tanti mesi è stato un colpo mici- diale sui nostri conti economici. Aggiungo poi che gli stadi vuoti fanno tristezza, da tanti punti di vista la presenza del pubblico è un ingrediente fondamentale di questo sport: un calcio senza tifosi non è il calcio che vogliamo. Quindi da un lato ci troviamo di fronte a un danno economico non da poco e dall’altro a uno snaturamento di questo sport"

Il danno economico:"Ogni tanto sento dire da qual- che presidente che dobbiamo chiedere ristori, in analogia a quello che fa per esempio il mondo dello spettacolo, perché in fondo siamo uno spettacolo anche noi. Beh, è una posizione che rispetto, capisco e condivido. Se poi fosse difficile per il governo concederne perché lo stato di necessità del mondo del calcio viene forse capito meno di altri, allora quantomeno occorrereb- be intervenire sul terreno degli stadi"

"Stadi riaperti al 25% col distanziamento? Io dico che vanno riaperti al 100%, come stanno facendo in Inghilterra, in Francia o in Spa- gna: penso che il green pass sia una garanzia sufficiente per po- ter accogliere tutti. Se poi, per un criterio di cautela, si sceglie di aprire soltanto al 50%, che come detto io considero largamente insufficiente, almeno deve essere un 50% vero. Sappiamo invece che tenendo conto anche il fa- moso metro di distanziamento arriviamo forse al 25. È un discorso che ha già espresso con grande chiarezza il presidente Gravina insieme al presidente Dal Pino. Se non ci venisse concesso nemmeno quello, bisognerà intervenire sul terreno dei ristori. Del resto non si capisce perché non dobbiamo avere diritti che altri hanno. C’è poi un altro aspetto che mi sta molto a cuore: l’apertura degli stadi è un momento sociale, un momento in cui i giovani si ritrovano, final- mente. Gli stadi non possono essere semivuoti, perché il calcio non è fatto così"

"Stadio ottimo mezzo per favorire le vaccinazioni dei giovani? Che sono la maggioranza dei tifosi e sono anche indietro sotto il profilo dei vaccini. Sono sicuro che possiamo esercitare un ruo- lo positivo in quel senso. Certo è che se poi un nostro sostenitore si vaccina per assistere agli incontri, ma la capienza non lo permette, tutto diventa ridicolo. Pensiamo alle partitone, alla fine saremmo costretti a lasciare fuori della gente anche se provvista di green pass"

"Il tempo stringe?Se vogliamo riaprire per gradi questo famoso 50%, non solo deve essere vero, ma anche immediato. Al momento, visto questo stato di incertezza, siamo fermi sia sul fronte abbonamenti che su quello della biglietteria. Nel giro di pochi giorni dobbiamo avere le idee chiare, al massimo entro la prossima settimana occorrerà capire come possiamo muoverci. Resta il fatto che anche con il 50% le perdite saranno importanti, per i grandi club ma anche per le piccole che ospitano grandi club. Il Milan incassa dal- lo stadio 40 milioni, capite bene quanto l’impatto sulle casse possa essere pesante..."

"Sciopero senza riaperture? Non è stata presentata alcuna proposta formale e quindi nulla è stato discusso. In ogni caso io su una possibile serrata resto perplesso"

"Il mio è un doppio appello. Al Governo perché si renda conto della situazione del calcio e accetti la proposta della scacchiera rendendo concreto il 50% della capienza previsto nel decreto in vista di una riapertura totale da fare il prima possibile. L’altro è agli italiani e ai giovani in particolare, perché si vaccinino al più presto in modo da abbassare i contagi e permettere che in breve tempo, numeri alla mano, questo 50% possa tornare finalmente al 100%. È una necessità assoluta
stavolta sottoscrivo le sue parole
non bisogna sorprendersi perchè queste sono cose ipotizzabili da mesi.
hai davanti una maggioranza parlamentare che se ne sbatte dello Sport.
e non sarà solo per l'accesso allo stadio uno scenario ridicolo tra "incoraggiare" la vaccinazione e non avere alcuna garanzia di "nuova normalità "

bisogna smettere di pagare le tasse, è l'unica lingua che conoscono questi mascalzoni.
 

Milanforever26

Senior Member
stavolta sottoscrivo le sue parole
non bisogna sorprendersi perchè queste sono cose ipotizzabili da mesi.
hai davanti una maggioranza parlamentare che se ne sbatte dello Sport.
e non sarà solo per l'accesso allo stadio uno scenario ridicolo tra "incoraggiare" la vaccinazione e non avere alcuna garanzia di "nuova normalità "

bisogna smettere di pagare le tasse, è l'unica lingua che conoscono questi mascalzoni.
Una politica di ciechi e di babbei...si riempiono solo la bocca con "la cultura" ma il calcio è una delle prime industrie del paese, e questi imbecilli lo trattano come se fosse un hobby
 

Sculacciacciughe

Member Sproporzionat
Che si riducano tutti li stipendio dell 50%,calciatori e dirigenti sopra i 2 milioni, vedrai che ce la farebbero. Invece di chiedere soldi ai poveri. Sti schifosi.
 

Andris

Senior Member
Che si riducano tutti li stipendio dell 50%,calciatori e dirigenti sopra i 2 milioni, vedrai che ce la farebbero. Invece di chiedere soldi ai poveri. Sti schifosi.
meglio non versare tasse e contributi, visto che la metà è pappata dallo stato
poi spalmi a dieci anni i debiti rateizzati e fai un buco enorme per lo stato
a quel punto potrebbero ascoltare le richieste...
 

diavoloINme

Senior Member
Paolo Scaroni alla GDS sulla questione riapertura degli stadi:"Normalmente i ricavi da stadio rappresentano circa un terzo delle entrate dei club, quindi il fatto di non averne avuti per così tanti mesi è stato un colpo mici- diale sui nostri conti economici. Aggiungo poi che gli stadi vuoti fanno tristezza, da tanti punti di vista la presenza del pubblico è un ingrediente fondamentale di questo sport: un calcio senza tifosi non è il calcio che vogliamo. Quindi da un lato ci troviamo di fronte a un danno economico non da poco e dall’altro a uno snaturamento di questo sport"

Il danno economico:"Ogni tanto sento dire da qual- che presidente che dobbiamo chiedere ristori, in analogia a quello che fa per esempio il mondo dello spettacolo, perché in fondo siamo uno spettacolo anche noi. Beh, è una posizione che rispetto, capisco e condivido. Se poi fosse difficile per il governo concederne perché lo stato di necessità del mondo del calcio viene forse capito meno di altri, allora quantomeno occorrereb- be intervenire sul terreno degli stadi"

"Stadi riaperti al 25% col distanziamento? Io dico che vanno riaperti al 100%, come stanno facendo in Inghilterra, in Francia o in Spa- gna: penso che il green pass sia una garanzia sufficiente per po- ter accogliere tutti. Se poi, per un criterio di cautela, si sceglie di aprire soltanto al 50%, che come detto io considero largamente insufficiente, almeno deve essere un 50% vero. Sappiamo invece che tenendo conto anche il fa- moso metro di distanziamento arriviamo forse al 25. È un discorso che ha già espresso con grande chiarezza il presidente Gravina insieme al presidente Dal Pino. Se non ci venisse concesso nemmeno quello, bisognerà intervenire sul terreno dei ristori. Del resto non si capisce perché non dobbiamo avere diritti che altri hanno. C’è poi un altro aspetto che mi sta molto a cuore: l’apertura degli stadi è un momento sociale, un momento in cui i giovani si ritrovano, final- mente. Gli stadi non possono essere semivuoti, perché il calcio non è fatto così"

"Stadio ottimo mezzo per favorire le vaccinazioni dei giovani? Che sono la maggioranza dei tifosi e sono anche indietro sotto il profilo dei vaccini. Sono sicuro che possiamo esercitare un ruo- lo positivo in quel senso. Certo è che se poi un nostro sostenitore si vaccina per assistere agli incontri, ma la capienza non lo permette, tutto diventa ridicolo. Pensiamo alle partitone, alla fine saremmo costretti a lasciare fuori della gente anche se provvista di green pass"

"Il tempo stringe?Se vogliamo riaprire per gradi questo famoso 50%, non solo deve essere vero, ma anche immediato. Al momento, visto questo stato di incertezza, siamo fermi sia sul fronte abbonamenti che su quello della biglietteria. Nel giro di pochi giorni dobbiamo avere le idee chiare, al massimo entro la prossima settimana occorrerà capire come possiamo muoverci. Resta il fatto che anche con il 50% le perdite saranno importanti, per i grandi club ma anche per le piccole che ospitano grandi club. Il Milan incassa dal- lo stadio 40 milioni, capite bene quanto l’impatto sulle casse possa essere pesante..."

"Sciopero senza riaperture? Non è stata presentata alcuna proposta formale e quindi nulla è stato discusso. In ogni caso io su una possibile serrata resto perplesso"

"Il mio è un doppio appello. Al Governo perché si renda conto della situazione del calcio e accetti la proposta della scacchiera rendendo concreto il 50% della capienza previsto nel decreto in vista di una riapertura totale da fare il prima possibile. L’altro è agli italiani e ai giovani in particolare, perché si vaccinino al più presto in modo da abbassare i contagi e permettere che in breve tempo, numeri alla mano, questo 50% possa tornare finalmente al 100%. È una necessità assoluta
Bisogna riaprire gli stadi e farla finita.
Ma per cosa ci siamo vaccinati a fare?
Basta stare chiusi come i topi.
 

Sculacciacciughe

Member Sproporzionat
meglio non versare tasse e contributi, visto che la metà è pappata dallo stato
poi spalmi a dieci anni i debiti e fai un buco enorme per lo stato
ma siccome lo stato non te lo permette, devi ridurre gli stipendi e lo stato si prenderà il corrispettivo in tasse.
Che il calcio tornasse sulla terra.
 

Djici

Senior Member
Sono combattuto con questa storia.
Da una parte avrei voglia di dire che chi sta male può cedere giocatori e negoziare nuovi contratti a cifre più basse.
Da un'altra parte dico che se si può stare al chiuso senza problemi in un bar, non capisco perché non si possa fare la stessa cosa a l'aria aperta.

L'unica cosa per cui non ho dubbi e che di ristori non ne devono proprio avere.
 

Gekyn

Member
Paolo Scaroni alla GDS sulla questione riapertura degli stadi:"Normalmente i ricavi da stadio rappresentano circa un terzo delle entrate dei club, quindi il fatto di non averne avuti per così tanti mesi è stato un colpo mici- diale sui nostri conti economici. Aggiungo poi che gli stadi vuoti fanno tristezza, da tanti punti di vista la presenza del pubblico è un ingrediente fondamentale di questo sport: un calcio senza tifosi non è il calcio che vogliamo. Quindi da un lato ci troviamo di fronte a un danno economico non da poco e dall’altro a uno snaturamento di questo sport"

Il danno economico:"Ogni tanto sento dire da qual- che presidente che dobbiamo chiedere ristori, in analogia a quello che fa per esempio il mondo dello spettacolo, perché in fondo siamo uno spettacolo anche noi. Beh, è una posizione che rispetto, capisco e condivido. Se poi fosse difficile per il governo concederne perché lo stato di necessità del mondo del calcio viene forse capito meno di altri, allora quantomeno occorrereb- be intervenire sul terreno degli stadi"

"Stadi riaperti al 25% col distanziamento? Io dico che vanno riaperti al 100%, come stanno facendo in Inghilterra, in Francia o in Spa- gna: penso che il green pass sia una garanzia sufficiente per po- ter accogliere tutti. Se poi, per un criterio di cautela, si sceglie di aprire soltanto al 50%, che come detto io considero largamente insufficiente, almeno deve essere un 50% vero. Sappiamo invece che tenendo conto anche il fa- moso metro di distanziamento arriviamo forse al 25. È un discorso che ha già espresso con grande chiarezza il presidente Gravina insieme al presidente Dal Pino. Se non ci venisse concesso nemmeno quello, bisognerà intervenire sul terreno dei ristori. Del resto non si capisce perché non dobbiamo avere diritti che altri hanno. C’è poi un altro aspetto che mi sta molto a cuore: l’apertura degli stadi è un momento sociale, un momento in cui i giovani si ritrovano, final- mente. Gli stadi non possono essere semivuoti, perché il calcio non è fatto così"

"Stadio ottimo mezzo per favorire le vaccinazioni dei giovani? Che sono la maggioranza dei tifosi e sono anche indietro sotto il profilo dei vaccini. Sono sicuro che possiamo esercitare un ruo- lo positivo in quel senso. Certo è che se poi un nostro sostenitore si vaccina per assistere agli incontri, ma la capienza non lo permette, tutto diventa ridicolo. Pensiamo alle partitone, alla fine saremmo costretti a lasciare fuori della gente anche se provvista di green pass"

"Il tempo stringe?Se vogliamo riaprire per gradi questo famoso 50%, non solo deve essere vero, ma anche immediato. Al momento, visto questo stato di incertezza, siamo fermi sia sul fronte abbonamenti che su quello della biglietteria. Nel giro di pochi giorni dobbiamo avere le idee chiare, al massimo entro la prossima settimana occorrerà capire come possiamo muoverci. Resta il fatto che anche con il 50% le perdite saranno importanti, per i grandi club ma anche per le piccole che ospitano grandi club. Il Milan incassa dal- lo stadio 40 milioni, capite bene quanto l’impatto sulle casse possa essere pesante..."

"Sciopero senza riaperture? Non è stata presentata alcuna proposta formale e quindi nulla è stato discusso. In ogni caso io su una possibile serrata resto perplesso"

"Il mio è un doppio appello. Al Governo perché si renda conto della situazione del calcio e accetti la proposta della scacchiera rendendo concreto il 50% della capienza previsto nel decreto in vista di una riapertura totale da fare il prima possibile. L’altro è agli italiani e ai giovani in particolare, perché si vaccinino al più presto in modo da abbassare i contagi e permettere che in breve tempo, numeri alla mano, questo 50% possa tornare finalmente al 100%. È una necessità assoluta
Concordo su tutta la linea o quasi, ma non parlatemi di ristori ai club per permettergli di pagare stipendi di 30 mln a calciatori!
 

Cataldinho

Member
Prima di pensare ai ristori, dovrebbero cogliere la palla al balzo per ridimensionare gli ingaggi dei calciatori. E' assurdo che si accontentino facilmente, richieste di ingaggio onerosissime di procuratori e giocatori anche con poca esperienza alle spalle, o semplicemente con poche partite giocate a buon livello.
 
Alto
head>
AdBlock Detected

We get it, advertisements are annoying!

Sure, ad-blocking software does a great job at blocking ads, but it also blocks useful features of our website. For the best site experience please disable your AdBlocker.

I've Disabled AdBlock    No Thanks