Saluto a un micio milanista

Milanoide

Junior Member
Registrato
9 Agosto 2015
Messaggi
4,434
Reaction score
1,300
Bellissimo post.

Mi ha ricordato "Tigrotto" il gatto di una cara amica che da anni vive in Francia e che la ha seguita nelle sue vicissitudini. Regalo di un suo ex.

Ricordo i giorni in cui nella casa di Parigi dovetti cucinargli le zucchine (che mi sembrava una curiosa assurdità, oltre al fatto che fosse ghiotto di cioccolato)

Un giorno, nelle sue avventure venatorie, cadde dal balcone e sembrò spacciato.

Io da lontano, dall'Italia, la pensavo un po' come il veterinario Pippa e le dicevo di farsene una ragione. Giorni di ansia e dolore.

Fini che si riprese, visse molti altri anni.

Fino a che, pochi anni fa, lo trovò "acciambellato".

Ho letto il post credendo che dal titolo fosse un messaggio della mia compagna ansiosa.
Mi chiama Micio.
È interista
Ieri sera tornato dallo Stadio stavo scrivendo dei post. Lei voleva curiosare e la ho un po' maltrattata dicendole di farsi i ***** propri.
Poco fa mi ha chiamato per vedere se andasse tutto bene.

Speriamo che anche il Milan abbia nove vite...
 

Raryof

Senior Member
Registrato
24 Gennaio 2017
Messaggi
15,167
Reaction score
4,319
Sono situazioni piuttosto comuni, nel 2010 un micetto malaticcio con neanche un mese di vita probabilmente e con il dorso schiacciato finì dentro il motore della macchina di mia madre, forse per trovare riparo mentre la macchina era parcheggiata, probabilmente abbandonato dalla mamma proprio per quel motivo lì, mia madre sentì qualcosa miagolare attorno alla macchina ma non ci fece troppo caso, poi tornata a casa (il percorso fu piuttosto breve) si accorse che un gattino era finito dentro il motore della macchina, lo prendemmo in casa (avevamo già un altro gatto di 4 anni) e pensammo che gli rimanesse davvero poco da vivere, piccolino, tutto schiacciato, monco ma assolutamente vispo e giocoso, passarono forse 2 settimane da quel giorno ed ebbe un'embolia, lo portammo rapidamente dal veterinario, schiumava dalla bocca e sembrava sul punto di andarsene, lo misero dentro una scatola per fargli respirare aria pura, non ricordo però con precisione anche perché sono passati tanti tanti anni, rimanemmo tipo 2 ore ad aspettare con questo gattino lì dentro che respirava affannosamente, spingendo in avanti il muso ad ogni respiro, poi venne uno dei veterinari e ci disse che sarebbe morto probabilmente un'oretta dopo o comunque non avrebbe passato la notte (io pensai per un attimo che volesse tipo andare a casa e togliersi la scocciatura, era praticamente orario di chiusura), stava effettivamente malissimo anche se si muoveva sul lettino, ci fu un momento che mia madre secondo me pensò di accettare, ma io invece decisi di no, non presi in considerazione per nulla una roba del genere, lo lasciammo una notte là intenti a recuperarlo il giorno dopo, in un modo o nell'altro, quando il giorno dopo mia madre tornò con questo micettino tutto pieno di vita fu qualcosa di bellissimo, aveva passato quella crisi anche se poi ci dissero che avrebbe dovuto correggere quella parte del dorso che era letteralmente schiacciato, venne operato il mese dopo e poi mise il busto per un po', può sembrare una sciocchezza ma vivere 2 settimane o 14 anni è questione di pochi secondi a volte, come quando ha deciso per puro caso di ficcarsi dentro il motore della macchina, oggi è vecchietto e vivo lontano da anni, ma è comunque ancora in salute anche se chiaramente molto più fermo (non salta più diciamo), non ha mai avuto altri problemi, forse l'influenza una volta tanti anni fa, niente di serio, i gatti hanno davvero 7 vite e bisogna rispettare questa cosa quando si entra in contatto con queste piccole canaglie.
 
Registrato
13 Gennaio 2014
Messaggi
32,433
Reaction score
10,333
Buongiorno. Questo è un post molto lungo di sfogo per cercare di mandare un po’ via la tristezza per quello che per me, dopo gli eventi tragici(malattie, morte ecc) che possono capitare alle persone care, è l’evento più doloroso: l’ultimo saluto a un fratello a quattro zampe.
Ieri ho dovuto salutare per l’ultima volta uno dei miei mici. Lui aveva una storia particolare. Lo trovai una notte, molto più morto che vivo, dopo che era stato l’oggetto di macabro “divertimento” da parte di qualche consumatore abusivo di ossigeno a due zampe. Immediatamente lo raccolsi e lo portai dal primo veterinario aperto h24 che trovai(e che da adesso chiameremo “veterinario pippa”). Veterinario pippa, dopo averlo visitato in un modo che a me sembrò superficiale, gli diede poche ore di vita e mi propose immediatamente l’eutanasia. Io decisi di fargli dare qualcosa per non farlo star male per poter aspettare il mattino e portarlo dal mio veterinario di fiducia(che da adesso chiameremo “veterinario bravo”). Veterinario pippa acconsentì, ma disse che secondo lui al mattino non ci sarebbe arrivato. Invece, il micio al mattino ci arrivò e lo portai da veterinario bravo, il quale mi disse che la situazione era abbastanza seria ma si potevano provare delle terapie, precisando che sarebbe stato un percorso lungo, che non poteva assolutamente garantirmi l’esito positivo e che non avrei avuto nulla da rimproverarmi se avessi deciso per l’eutanasia. Scelsi di provare con le terapie, ovviamente con l’idea cardine che se l’avessi visto sofferente non mi sarei accanito. Dopo un paio di giorni complicati, il micio diede incoraggianti segnali di ripresa e nel giro di un paio di mesi tornò in perfetta salute, fino a diventare un fantastico leoncino. Veterinario pippa suca.

Da allora è stato con me per dieci anni(non so quanti anni avesse vissuto prima). Veterinario pippa ri-suca.
In questi anni è sempre stato iper-affettuoso e iper-coccolone, come se mi fosse eternamente riconoscente. Ha visto nascere i miei figli coi quali è sempre stato meraviglioso, è sempre stato pronto a consolarmi quando mi vedeva giù, sempre pronto a fusa e “impastamenti” come se non ci fosse un domani, ha visto uno scudetto del Milan… Insomma, è diventato un pezzo di cuore.

Purtroppo, però, sei mesi fa diagnosi di tumore. Veterinario bravo, vista la situazione generale, ha sconsigliato l’intervento e mi ha suggerito di attendere gli eventi. Dopo cinque mesi in forma, un primo KO avvenuto un mese fa e superato brillantemente con il cortisone. Sabato il secondo e definitivo KO. Ieri l’inevitabile decisione, presa con la morte nel cuore e il parere concorde di veterinario bravo, di lasciarlo andare.
Stamattina, quando ho realizzato che non c’era il suo faccione peloso che si strofinava contro il mio viso per chiedere coccole e colazione e che non c’era il “BRUM BRUM” delle sue fusa nelle mie orecchie ho dovuto fare uno sforzo inumano, molto più grande di quello che tutti noi facciamo per non sfasciare il televisore durante i derby con Pioli, per trattenermi dallo scoppiare a piangere perché c’erano i miei figli, ai quali ovviamente l’evento è stato presentato in versione molto rassicurante.
Inutile dire che, appena rimasto solo, sono scoppiato in un pianto senza freni, che avevo tenuto represso da sabato mattina, quando, guardandolo negli occhi, avevo capito che aveva finito la benzina.
Essendoci già passato, so che i primi giorni sono complicati e che col tempo la tristezza cederà il passo ai bei ricordi, fermo restando che quando si è dato e, soprattutto, ricevuto tanto amore da un pelosotto a quattro zampe la nostalgia resta per sempre.

Mi scuso per il post lunghissimo, che forse non è neanche nella sezione giusta, ma avevo bisogno di sfogarmi anche qui, nella mia casa virtuale, con voi fratelli rossoneri.
Sono certo che tantissimi di voi capiranno perfettamente come mi senta in questo momento.

Concludo lasciandovi la foto con la sua copertina, inconfutabilissima prova della sua fede calcistica:


Da notare l’orecchio “ammaccato”, unico segno che non è stato possibile cancellare del livello di crudeltà che possono raggiungere i consumatori abusivi di ossigeno a due zampe citati all’inizio.

PS: veterinario pippa ri-ri-suca!

Ti capisco, anche se non mi è ancora accaduto.
Spero accada il più tardi possibile.

Buon ponte dell'arcobaleno al micio!
 

Lorenzo 89

Senior Member
Registrato
1 Settembre 2012
Messaggi
17,965
Reaction score
6,183
2 anni fa il cane di famiglia che abbiamo tenuto per 14 anni lo abbiamo fatto sopprimere perchè letteralmente non si reggeva in piedi, la sua esistenza stessa era una sofferenza tra acciacchi, malattie e problemi di varia natura.
Quando io e mia madre l'abbiamo portato dal veterinario siamo rimasti fino all'ultimo dopo l'iniezione, per me è come se fosse morto un fratello.
Capisco fin troppo bene il tuo stato d'animo.
 

rossonerosud

Junior Member
Registrato
18 Giugno 2017
Messaggi
2,348
Reaction score
1,506
Buongiorno. Questo è un post molto lungo di sfogo per cercare di mandare un po’ via la tristezza per quello che per me, dopo gli eventi tragici(malattie, morte ecc) che possono capitare alle persone care, è l’evento più doloroso: l’ultimo saluto a un fratello a quattro zampe.
Ieri ho dovuto salutare per l’ultima volta uno dei miei mici. Lui aveva una storia particolare. Lo trovai una notte, molto più morto che vivo, dopo che era stato l’oggetto di macabro “divertimento” da parte di qualche consumatore abusivo di ossigeno a due zampe. Immediatamente lo raccolsi e lo portai dal primo veterinario aperto h24 che trovai(e che da adesso chiameremo “veterinario pippa”). Veterinario pippa, dopo averlo visitato in un modo che a me sembrò superficiale, gli diede poche ore di vita e mi propose immediatamente l’eutanasia. Io decisi di fargli dare qualcosa per non farlo star male per poter aspettare il mattino e portarlo dal mio veterinario di fiducia(che da adesso chiameremo “veterinario bravo”). Veterinario pippa acconsentì, ma disse che secondo lui al mattino non ci sarebbe arrivato. Invece, il micio al mattino ci arrivò e lo portai da veterinario bravo, il quale mi disse che la situazione era abbastanza seria ma si potevano provare delle terapie, precisando che sarebbe stato un percorso lungo, che non poteva assolutamente garantirmi l’esito positivo e che non avrei avuto nulla da rimproverarmi se avessi deciso per l’eutanasia. Scelsi di provare con le terapie, ovviamente con l’idea cardine che se l’avessi visto sofferente non mi sarei accanito. Dopo un paio di giorni complicati, il micio diede incoraggianti segnali di ripresa e nel giro di un paio di mesi tornò in perfetta salute, fino a diventare un fantastico leoncino. Veterinario pippa suca.

Da allora è stato con me per dieci anni(non so quanti anni avesse vissuto prima). Veterinario pippa ri-suca.
In questi anni è sempre stato iper-affettuoso e iper-coccolone, come se mi fosse eternamente riconoscente. Ha visto nascere i miei figli coi quali è sempre stato meraviglioso, è sempre stato pronto a consolarmi quando mi vedeva giù, sempre pronto a fusa e “impastamenti” come se non ci fosse un domani, ha visto uno scudetto del Milan… Insomma, è diventato un pezzo di cuore.

Purtroppo, però, sei mesi fa diagnosi di tumore. Veterinario bravo, vista la situazione generale, ha sconsigliato l’intervento e mi ha suggerito di attendere gli eventi. Dopo cinque mesi in forma, un primo KO avvenuto un mese fa e superato brillantemente con il cortisone. Sabato il secondo e definitivo KO. Ieri l’inevitabile decisione, presa con la morte nel cuore e il parere concorde di veterinario bravo, di lasciarlo andare.
Stamattina, quando ho realizzato che non c’era il suo faccione peloso che si strofinava contro il mio viso per chiedere coccole e colazione e che non c’era il “BRUM BRUM” delle sue fusa nelle mie orecchie ho dovuto fare uno sforzo inumano, molto più grande di quello che tutti noi facciamo per non sfasciare il televisore durante i derby con Pioli, per trattenermi dallo scoppiare a piangere perché c’erano i miei figli, ai quali ovviamente l’evento è stato presentato in versione molto rassicurante.
Inutile dire che, appena rimasto solo, sono scoppiato in un pianto senza freni, che avevo tenuto represso da sabato mattina, quando, guardandolo negli occhi, avevo capito che aveva finito la benzina.
Essendoci già passato, so che i primi giorni sono complicati e che col tempo la tristezza cederà il passo ai bei ricordi, fermo restando che quando si è dato e, soprattutto, ricevuto tanto amore da un pelosotto a quattro zampe la nostalgia resta per sempre.

Mi scuso per il post lunghissimo, che forse non è neanche nella sezione giusta, ma avevo bisogno di sfogarmi anche qui, nella mia casa virtuale, con voi fratelli rossoneri.
Sono certo che tantissimi di voi capiranno perfettamente come mi senta in questo momento.

Concludo lasciandovi la foto con la sua copertina, inconfutabilissima prova della sua fede calcistica:


Da notare l’orecchio “ammaccato”, unico segno che non è stato possibile cancellare del livello di crudeltà che possono raggiungere i consumatori abusivi di ossigeno a due zampe citati all’inizio.

PS: veterinario pippa ri-ri-suca!
Ti abbraccio forte fratello rossonero. Io ho una gatta e so che tipo di rapporto ombelicale si instaura. E' come perdere un componente della famiglia. Hai fatto bene a sfogarti qui. Forza.
 

Mika

Senior Member
Registrato
29 Aprile 2017
Messaggi
14,243
Reaction score
6,668
Buongiorno. Questo è un post molto lungo di sfogo per cercare di mandare un po’ via la tristezza per quello che per me, dopo gli eventi tragici(malattie, morte ecc) che possono capitare alle persone care, è l’evento più doloroso: l’ultimo saluto a un fratello a quattro zampe.
Ieri ho dovuto salutare per l’ultima volta uno dei miei mici. Lui aveva una storia particolare. Lo trovai una notte, molto più morto che vivo, dopo che era stato l’oggetto di macabro “divertimento” da parte di qualche consumatore abusivo di ossigeno a due zampe. Immediatamente lo raccolsi e lo portai dal primo veterinario aperto h24 che trovai(e che da adesso chiameremo “veterinario pippa”). Veterinario pippa, dopo averlo visitato in un modo che a me sembrò superficiale, gli diede poche ore di vita e mi propose immediatamente l’eutanasia. Io decisi di fargli dare qualcosa per non farlo star male per poter aspettare il mattino e portarlo dal mio veterinario di fiducia(che da adesso chiameremo “veterinario bravo”). Veterinario pippa acconsentì, ma disse che secondo lui al mattino non ci sarebbe arrivato. Invece, il micio al mattino ci arrivò e lo portai da veterinario bravo, il quale mi disse che la situazione era abbastanza seria ma si potevano provare delle terapie, precisando che sarebbe stato un percorso lungo, che non poteva assolutamente garantirmi l’esito positivo e che non avrei avuto nulla da rimproverarmi se avessi deciso per l’eutanasia. Scelsi di provare con le terapie, ovviamente con l’idea cardine che se l’avessi visto sofferente non mi sarei accanito. Dopo un paio di giorni complicati, il micio diede incoraggianti segnali di ripresa e nel giro di un paio di mesi tornò in perfetta salute, fino a diventare un fantastico leoncino. Veterinario pippa suca.

Da allora è stato con me per dieci anni(non so quanti anni avesse vissuto prima). Veterinario pippa ri-suca.
In questi anni è sempre stato iper-affettuoso e iper-coccolone, come se mi fosse eternamente riconoscente. Ha visto nascere i miei figli coi quali è sempre stato meraviglioso, è sempre stato pronto a consolarmi quando mi vedeva giù, sempre pronto a fusa e “impastamenti” come se non ci fosse un domani, ha visto uno scudetto del Milan… Insomma, è diventato un pezzo di cuore.

Purtroppo, però, sei mesi fa diagnosi di tumore. Veterinario bravo, vista la situazione generale, ha sconsigliato l’intervento e mi ha suggerito di attendere gli eventi. Dopo cinque mesi in forma, un primo KO avvenuto un mese fa e superato brillantemente con il cortisone. Sabato il secondo e definitivo KO. Ieri l’inevitabile decisione, presa con la morte nel cuore e il parere concorde di veterinario bravo, di lasciarlo andare.
Stamattina, quando ho realizzato che non c’era il suo faccione peloso che si strofinava contro il mio viso per chiedere coccole e colazione e che non c’era il “BRUM BRUM” delle sue fusa nelle mie orecchie ho dovuto fare uno sforzo inumano, molto più grande di quello che tutti noi facciamo per non sfasciare il televisore durante i derby con Pioli, per trattenermi dallo scoppiare a piangere perché c’erano i miei figli, ai quali ovviamente l’evento è stato presentato in versione molto rassicurante.
Inutile dire che, appena rimasto solo, sono scoppiato in un pianto senza freni, che avevo tenuto represso da sabato mattina, quando, guardandolo negli occhi, avevo capito che aveva finito la benzina.
Essendoci già passato, so che i primi giorni sono complicati e che col tempo la tristezza cederà il passo ai bei ricordi, fermo restando che quando si è dato e, soprattutto, ricevuto tanto amore da un pelosotto a quattro zampe la nostalgia resta per sempre.

Mi scuso per il post lunghissimo, che forse non è neanche nella sezione giusta, ma avevo bisogno di sfogarmi anche qui, nella mia casa virtuale, con voi fratelli rossoneri.
Sono certo che tantissimi di voi capiranno perfettamente come mi senta in questo momento.

Concludo lasciandovi la foto con la sua copertina, inconfutabilissima prova della sua fede calcistica:


Da notare l’orecchio “ammaccato”, unico segno che non è stato possibile cancellare del livello di crudeltà che possono raggiungere i consumatori abusivi di ossigeno a due zampe citati all’inizio.

PS: veterinario pippa ri-ri-suca!
Un abbraccio fortissimo, tanto tanto tanto forte, fratello rossonero. Ora è diventato il tuo angioletto e fino a che lo porterai nel cuore, quelle fusa le sentirai sempre. Un abbraccio. ❤️
 

JDT

Well-known member
Registrato
25 Luglio 2022
Messaggi
1,051
Reaction score
821
Buongiorno. Questo è un post molto lungo di sfogo per cercare di mandare un po’ via la tristezza per quello che per me, dopo gli eventi tragici(malattie, morte ecc) che possono capitare alle persone care, è l’evento più doloroso: l’ultimo saluto a un fratello a quattro zampe.
Ieri ho dovuto salutare per l’ultima volta uno dei miei mici. Lui aveva una storia particolare. Lo trovai una notte, molto più morto che vivo, dopo che era stato l’oggetto di macabro “divertimento” da parte di qualche consumatore abusivo di ossigeno a due zampe. Immediatamente lo raccolsi e lo portai dal primo veterinario aperto h24 che trovai(e che da adesso chiameremo “veterinario pippa”). Veterinario pippa, dopo averlo visitato in un modo che a me sembrò superficiale, gli diede poche ore di vita e mi propose immediatamente l’eutanasia. Io decisi di fargli dare qualcosa per non farlo star male per poter aspettare il mattino e portarlo dal mio veterinario di fiducia(che da adesso chiameremo “veterinario bravo”). Veterinario pippa acconsentì, ma disse che secondo lui al mattino non ci sarebbe arrivato. Invece, il micio al mattino ci arrivò e lo portai da veterinario bravo, il quale mi disse che la situazione era abbastanza seria ma si potevano provare delle terapie, precisando che sarebbe stato un percorso lungo, che non poteva assolutamente garantirmi l’esito positivo e che non avrei avuto nulla da rimproverarmi se avessi deciso per l’eutanasia. Scelsi di provare con le terapie, ovviamente con l’idea cardine che se l’avessi visto sofferente non mi sarei accanito. Dopo un paio di giorni complicati, il micio diede incoraggianti segnali di ripresa e nel giro di un paio di mesi tornò in perfetta salute, fino a diventare un fantastico leoncino. Veterinario pippa suca.

Da allora è stato con me per dieci anni(non so quanti anni avesse vissuto prima). Veterinario pippa ri-suca.
In questi anni è sempre stato iper-affettuoso e iper-coccolone, come se mi fosse eternamente riconoscente. Ha visto nascere i miei figli coi quali è sempre stato meraviglioso, è sempre stato pronto a consolarmi quando mi vedeva giù, sempre pronto a fusa e “impastamenti” come se non ci fosse un domani, ha visto uno scudetto del Milan… Insomma, è diventato un pezzo di cuore.

Purtroppo, però, sei mesi fa diagnosi di tumore. Veterinario bravo, vista la situazione generale, ha sconsigliato l’intervento e mi ha suggerito di attendere gli eventi. Dopo cinque mesi in forma, un primo KO avvenuto un mese fa e superato brillantemente con il cortisone. Sabato il secondo e definitivo KO. Ieri l’inevitabile decisione, presa con la morte nel cuore e il parere concorde di veterinario bravo, di lasciarlo andare.
Stamattina, quando ho realizzato che non c’era il suo faccione peloso che si strofinava contro il mio viso per chiedere coccole e colazione e che non c’era il “BRUM BRUM” delle sue fusa nelle mie orecchie ho dovuto fare uno sforzo inumano, molto più grande di quello che tutti noi facciamo per non sfasciare il televisore durante i derby con Pioli, per trattenermi dallo scoppiare a piangere perché c’erano i miei figli, ai quali ovviamente l’evento è stato presentato in versione molto rassicurante.
Inutile dire che, appena rimasto solo, sono scoppiato in un pianto senza freni, che avevo tenuto represso da sabato mattina, quando, guardandolo negli occhi, avevo capito che aveva finito la benzina.
Essendoci già passato, so che i primi giorni sono complicati e che col tempo la tristezza cederà il passo ai bei ricordi, fermo restando che quando si è dato e, soprattutto, ricevuto tanto amore da un pelosotto a quattro zampe la nostalgia resta per sempre.

Mi scuso per il post lunghissimo, che forse non è neanche nella sezione giusta, ma avevo bisogno di sfogarmi anche qui, nella mia casa virtuale, con voi fratelli rossoneri.
Sono certo che tantissimi di voi capiranno perfettamente come mi senta in questo momento.

Concludo lasciandovi la foto con la sua copertina, inconfutabilissima prova della sua fede calcistica:


Da notare l’orecchio “ammaccato”, unico segno che non è stato possibile cancellare del livello di crudeltà che possono raggiungere i consumatori abusivi di ossigeno a due zampe citati all’inizio.

PS: veterinario pippa ri-ri-suca!
Solidarietà massima, io ho dovuto salutare Maldy (trovato il 7 maggio 2011 di ritorno dalla festa scudetto...) il 13 dicembre, storia molto simile alla tua, salvato dai disgraziati. Ricoverato l'8 dicembre, il 13 sera se n'è andato per un tumore al pancreas, nessun sintomo fino al giorno prima..ancora non mi va giù, penso sempre se potevo accorgermene prima. Ho avuto altri gatti, sempre in realtà, ma come lui nessuno mai, infatti da quando sono nato sono i primi mesi senza animali.
 
Registrato
23 Giugno 2018
Messaggi
10,704
Reaction score
6,888
Che dire, fratelli rossoneri. Siete fantastici! Vi ringrazio e vi abbraccio più forte che se avessimo appena vinto la decima CL di fila!
Sono contento ci siano tantissimi di voi che sanno cosa significhi amare e essere amati dai pelosotti(ma non avevo dubbi). Il mio fratellone vi avrebbe “fusati” tutti. ❤️
 
Registrato
23 Giugno 2018
Messaggi
10,704
Reaction score
6,888
Solidarietà massima, io ho dovuto salutare Maldy (trovato il 7 maggio 2011 di ritorno dalla festa scudetto...) il 13 dicembre, storia molto simile alla tua, salvato dai disgraziati. Ricoverato l'8 dicembre, il 13 sera se n'è andato per un tumore al pancreas, nessun sintomo fino al giorno prima..ancora non mi va giù, penso sempre se potevo accorgermene prima. Ho avuto altri gatti, sempre in realtà, ma come lui nessuno mai, infatti da quando sono nato sono i primi mesi senza animali.
Non farti troppe domande. Con lui me ne sono accorto perché un giorno l’ho visto “strano”, il giorno dopo normalissimo. Ma mi era rimasto il tarlo. La mia compagna mi ha detto che ero troppo apprensivo io e anche io sinceramente pensavo a una sciocchezza, tipo che avesse ingerito qualcosa che gli aveva fatto male, ma per scrupolo l’ho portato dal veterinario.
Questo per dire che coi gatti è praticamente impossibile capire in tempo. Quando si può intuire qualcosa, quasi sempre è già tardi.
 
Alto
head>