Rangnick: il Gegenpressing, l'ossessione per Sacchi e Dickens

Tifo'o

Moderatore
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
33,775
Reaction score
2,788
Eurosport mette in focus il personaggio di Ralf Rangnick che presto si siederà sulla panchina del Milan. Uno dei punti cardini del tedesco è il suo Gegenpressing, ovvero il pressing immediatamente successivo alla perdita del possesso. La squadra ideale di Ralf dovrebbe riconquistare la palla entro otto secondi. Il Lipsia, sotto la sua guida, ha segnato il 60% dei suoi gol applicando questa filosofia. Inoltre Rangnick ha un "debole" per un ex allenatore del Milan degli anni 80, ovvero Sacchi. Il tedesco confessò più volte di passare notti in bianco a guardare le registrazioni del Milan di Sacchi, allo scopo di apprendere il più possibile da quello stile di gioco. Rangnick viene considerato in Germania colui che ha rivoluzionato il calcio tedesco con il suo stile di gioco, molti allenatori tedeschi si ispirano proprio a lui. Lo stesso Jurgen Klopp fa parte dei discepoli. A livello sportivo il traguardo più importante è stata la semifinale di Champions nel 2011 dopo quel 5-2 a San Siro contro l'Inter. Ma ha anche spesso litigato con i club in particolare con lo Schalke. Al Lipsia si è inventato un nuovo sistema per farsi rispettare nello spogliatoio. La famosa "ruota della (s)fortuna". Per far sì che venissero rispettati tutti i suoi diktat ha installato una "ruota" con un tutti i compiti da assolvere in caso di inadempienza del malcapitato. Si passa dal banale "Gonfiare i palloni, portarli in campo e pulirli" al ben peggiore "Indossare un tutù in allenamento", dall'"Allenare un elemento delle giovanili in un giorno libero" al "Lavorare come commesso allo store ufficiale". Rangnick parla perfettamente l'inglese dopo una esperienza in Inghilterra per studiare alla Sussex University passando 4 mesi in una famiglia britanicca, mostrando un debole per la letteratura inglese in particolare Charles Dickens.
A livello dirigenziale/sportivo il manager tedesco ha scoperto tantissimi giocatori a basso costo ed età (quello che piace a Gazidis) tra i nomi ci sono Tyler Adams, Matheus Cunha, Emil Forsberg, Amadou Haidara, Willi Orban, Yussuf Poulsen, Timo Werner. Questi portati al Lipsia.

Mentre in basso la lista degli altri giocatori.
 

Tifo'o

Moderatore
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
33,775
Reaction score
2,788
2769211.jpg
 

Gekyn

Member
Registrato
29 Agosto 2012
Messaggi
3,918
Reaction score
256
Eurosport mette in focus il personaggio di Ralf Rangnick che presto si siederà sulla panchina del Milan. Uno dei punti cardini del tedesco è il suo Gegenpressing, ovvero il pressing immediatamente successivo alla perdita del possesso. La squadra ideale di Ralf dovrebbe riconquistare la palla entro otto secondi. Il Lipsia, sotto la sua guida, ha segnato il 60% dei suoi gol applicando questa filosofia. Inoltre Rangnick ha un "debole" per un ex allenatore del Milan degli anni 80, ovvero Sacchi. Il tedesco confessò più volte di passare notti in bianco a guardare le registrazioni del Milan di Sacchi, allo scopo di apprendere il più possibile da quello stile di gioco. Rangnick viene considerato in Germania colui che ha rivoluzionato il calcio tedesco con il suo stile di gioco, molti allenatori tedeschi si ispirano proprio a lui. Lo stesso Jurgen Klopp fa parte dei discepoli. A livello sportivo il traguardo più importante è stata la semifinale di Champions nel 2011 dopo quel 5-2 a San Siro contro l'Inter. Ma ha anche spesso litigato con i club in particolare con lo Schalke. Al Lipsia si è inventato un nuovo sistema per farsi rispettare nello spogliatoio. La famosa "ruota della (s)fortuna". Per far sì che venissero rispettati tutti i suoi diktat ha installato una "ruota" con un tutti i compiti da assolvere in caso di inadempienza del malcapitato. Si passa dal banale "Gonfiare i palloni, portarli in campo e pulirli" al ben peggiore "Indossare un tutù in allenamento", dall'"Allenare un elemento delle giovanili in un giorno libero" al "Lavorare come commesso allo store ufficiale". Rangnick parla perfettamente l'inglese dopo una esperienza in Inghilterra per studiare alla Sussex University passando 4 mesi in una famiglia britanicca, mostrando un debole per la letteratura inglese in particolare Charles Dickens.
A livello dirigenziale/sportivo il manager tedesco ha scoperto tantissimi giocatori a basso costo ed età (quello che piace a Gazidis) tra i nomi ci sono Tyler Adams, Matheus Cunha, Emil Forsberg, Amadou Haidara, Willi Orban, Yussuf Poulsen, Timo Werner. Questi portati al Lipsia.

Mentre in basso la lista degli altri giocatori.

Parto dal presupposto che Rangnik mi stuzzica come idea e non poco, ma trovo questi articoli ciclici su tutti gli allenatori che sono arrivati al Milan, e sappiamo benissimo come sono andati a finire.....,.
 

Tifo'o

Moderatore
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
33,775
Reaction score
2,788
E' praticamente l'uomo "perfetto" di Gazidis dai.

E quando i giornalisti all'inizio dicevano che Gazidis avrebbe costruito un Milan di ragazzini a costo basso e tutti a dire "ehehh ma sono cavolate111" "Gazidis non decide nulla111 nell'area sportivaa".

Come no. Non aspettatevi nulla a livello sportivo fino a quando questi di Elliot rimarranno nel Milan.
 

7AlePato7

Senior Member
Registrato
3 Settembre 2012
Messaggi
18,316
Reaction score
4,908
E' praticamente l'uomo "perfetto" di Gazidis dai.

E quando i giornalisti all'inizio dicevano che Gazidis avrebbe costruito un Milan di ragazzini a costo basso e tutti a dire "ehehh ma sono cavolate111" "Gazidis non decide nulla111 nell'area sportivaa".

Come no. Non aspettatevi nulla a livello sportivo fino a quando questi di Elliot rimarranno nel Milan.
E' da quando sono approdati al Milan che lo dico. Con Idiott non vinceremo mai nulla, anzi credo che persino la qualificazione alla Champions resterà una chimera con questi.
 

A.C Milan 1899

Bannato
Registrato
7 Aprile 2019
Messaggi
21,708
Reaction score
1,445
E' da quando sono approdati al Milan che lo dico. Con Idiott non vinceremo mai nulla, anzi credo che persino la qualificazione alla Champions resterà una chimera con questi.

Idiott è il nostro Thohir, nè più nè meno. L’Inda ha già avuto il suo Idiott, nella persona dell’indonesiano per l’appunto. Prima o poi dovrà finire anche per noi.
 

7AlePato7

Senior Member
Registrato
3 Settembre 2012
Messaggi
18,316
Reaction score
4,908
Idiott è il nostro Thohir, nè più nè meno. L’Inda ha già avuto il suo Idiott, nella persona dell’indonesiano per l’appunto. Prima o poi dovrà finire anche per noi.
Questa fase di transizione sta durando troppo, la situazione sembra essere cristallizzata almeno finchè il progetto stadio non si tramuterà in realtà. Parliamo di un tempo di altri 5 anni. Chi li regge questi qui altri 5 anni?
 

A.C Milan 1899

Bannato
Registrato
7 Aprile 2019
Messaggi
21,708
Reaction score
1,445
Questa fase di transizione sta durando troppo, la situazione sembra essere cristallizzata almeno finchè il progetto stadio non si tramuterà in realtà. Parliamo di un tempo di altri 5 anni. Chi li regge questi qui altri 5 anni?

Cinque anni ne dubito fortemente. Non credo che serve che lo stadio sia completato per vendere, basta l’approvazione finale. Speriamo arrivi nel 2021.
 

sipno

Bannato
Registrato
1 Agosto 2015
Messaggi
4,971
Reaction score
124
Premesso che tutte ste cose non garantiscono nulla, preferico di gran lunga uno cos', colto e che si applica ad un ignorantone che nemmeno sa parlare ai microfoni e che basa il suo calcio sul nulla portando tutti dietro la palla.
 
Alto
head>