Ordine:"Caos Milan: Lope o Martinez. Chi decide?"

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
209,760
Reaction score
31,170
Franco Ordine sul CorSport in edicola:"Se un maturo cronista del periodo berlusconiano dovesse, per caso, occuparsi nuovamente delle cronache milaniste in materia di scelta del nuovo allenatore, potrebbe solo strabuzzare gli occhi. Perché rimarrebbe sconcertato innanzitutto dal metodo che è stato applicato alla ricerca. A cominciare dalla prima lista preparata, è lecito immaginarlo, dal capo dello scouting Geoffrey Moncada. Prima caratteristica: sono tutti stranieri. C’è da chiedersi, se è lecito, perché? Forse per una sorta di “allergia” alla scuola calcistica italiana? È vero che sarebbe da interrogare l’interessato, a bocce ferme. Tra l’altro, nella fattispecie, si trascura un dettaglio organizzativo di non poco conto: la prossima stagione comincerà ai primi di luglio, con l’Europeo ancora in pieno svolgimento, quindi con l’arrivo a “scaglioni” della rosa e di conseguenza con una partenza complicata. Un tecnico proveniente da un altro calcio, con esperienza diversa da quella italiana e metodi inediti per il gruppo, avrà bisogno di maggior tempo per “istruire” la rosa e abituarla al cambiamento. Seconda osservazione: i tempi della scelta. A Casa Milan hanno riaperto il fascicolo nuovo allenatore soltanto dopo il sesto derby perso, qualche giorno dopo l’eliminazione dall’Europa League suonata come la spia di un esaurimento del quinquennio di Stefano Pioli da considerare tutt’altro che un fallimento, dalla contabilità positiva (due secondi posto, uno scudetto, una semifinale di Champions). Fino a metà aprile, Furlani e Ibra - al netto delle parole rassicuranti di Scaroni, il presidente - erano determinati a concludere la collaborazione con Pioli in coincidenza con la fi ne del contratto (giugno 2025), per poi scegliere un tecnico di spessore internazionale (il primo nome circolato è stato quello di Klopp che ha promesso un anno sabbatico dopo aver chiuso con il Liverpool). Appena sono uscite le prime indiscrezioni giornalistiche sui sostituti di Pioli, ha preso consistenza un dibattito molto aspro all’interno della comunità social dei tifosi rossoneri. Così Lopetegui, il primo della lista, è stato letteralmente travolto da una campagna di ferma opposizione che ha avuto un certo effetto all’interno del club. «Vi ritroverete con lo stadio mezzo vuoto» uno dei messaggi trasmesso anche al proprietario Gerry Cardinale. E se la rivolta di abbonati (41mila) e spettatori (sempre pienone durante tutto il campionato con una media di quasi 70mila persone a partita) mette a rischio l’incasso del botteghino, allora l’azionista è quasi obbligato a meditare. Di qui il ripensamento che ha preso in considerazione la candidatura di Roberto Martinez, contattato nel weekend, e un timido tentativo di “capire” a che punto siano i colloqui Thiago Motta-Juve per provare un eventuale inserimento a sorpresa. Anche qui nessuna traccia di un eventuale sondaggio con lo staff di Antonio Conte che riscuote il maggiore gradimento presso la tifoseria rossonera. La spiegazione sembra più ideologica che tecnica a dispetto dei messaggi in bottiglia lanciati dall’allenatore pugliese. Ma forse riguarda, oltre che il carattere, anche il costo economico pur se l’arrivo di Antonio consentirebbe di risparmiare lo stipendio di Pioli (in viaggio eventuale al Napoli). E ancora: già in passato Conte fu vicinissimo al Milan (trattativa con Adriano Galliani) ma saltò perché la Juve lo tenne sotto contratto fino alla scelta rossonera alternativa (Filippo Inzaghi). A questo punto il Milan si è infilato in un vicolo cieco dal quale risulterà difficile venire fuo allenatore del Milan? La risposta uffi ciale sul tema è sempre la stessa: Furlani, Ibra e Moncada formuleranno la proposta da sottoporre a Cardinale a cui spetta l’ultimo sì. Ed è proprio questa risposta generica a generare il maggior numero di oppositori alle candidature provenienti da Casa Milan. Riusciranno i nostri eroi a trovare in tempi plausibili un nome che non produca un’altra sollevazione della piazza mediatica? Di questi tempi, l’ottimismo, a Milanello a dintorni, è stato bandito"
 
Registrato
23 Giugno 2018
Messaggi
10,704
Reaction score
6,888
Conte non è economico. Invece Lopetegui 4 milioni per 3 anni sì immagino...
Ma con Conte la questione economica è solo uno degli ostacoli. Conte è uno che mette tutto se stesso nel suo lavoro, è ossessionato(in senso buono) dalla vittoria, punta molto anche sul creare un gruppo squadra compatto, quindi si interessa anche al lato umano dei componenti della sua rosa. Ce lo vedi il giorno della presentazione sentire Furlani che dichiara col sorrisetto: “puntiamo a confermare il posto in CL e per farlo abbiamo preso Kostas Dulire, che secondo le statistiche è stato il terzo miglior dribblatore del campionato greco”?
 

Goro

Senior Member
Registrato
7 Febbraio 2017
Messaggi
10,084
Reaction score
2,051
Ma con Conte la questione economica è solo uno degli ostacoli. Conte è uno che mette tutto se stesso nel suo lavoro, è ossessionato(in senso buono) dalla vittoria, punta molto anche sul creare un gruppo squadra compatto, quindi si interessa anche al lato umano dei componenti della sua rosa. Ce lo vedi il giorno della presentazione sentire Furlani che dichiara col sorrisetto: “puntiamo a confermare il posto in CL e per farlo abbiamo preso Kostas Dulire, che secondo le statistiche è stato il terzo miglior dribblatore del campionato greco”?

No ma tanto ormai il re è nudo, chiunque vedremo ad allenare qui vorrà solamente dire che è un complice di questi affaristi
 

Brotherhedo

Well-known member
Registrato
6 Marzo 2020
Messaggi
599
Reaction score
1,493
Ma con Conte la questione economica è solo uno degli ostacoli. Conte è uno che mette tutto se stesso nel suo lavoro, è ossessionato(in senso buono) dalla vittoria, punta molto anche sul creare un gruppo squadra compatto, quindi si interessa anche al lato umano dei componenti della sua rosa. Ce lo vedi il giorno della presentazione sentire Furlani che dichiara col sorrisetto: “puntiamo a confermare il posto in CL e per farlo abbiamo preso Kostas Dulire, che secondo le statistiche è stato il terzo miglior dribblatore del campionato greco”?
Magari FurlANo parlasse cosi`, sarebbe gia` un grosso step sentirlo parlare di calcio concretamente.
SI limiterebbe solamente a dire a come credano nel futuro, come vogliano vincere, come siano tutti milanisti, come nel team integrato si vada tutti d'amore e d'accordo e di come lui sia l'uomo del budget.
 
Registrato
23 Giugno 2018
Messaggi
10,704
Reaction score
6,888
No ma tanto ormai il re è nudo, chiunque vedremo ad allenare qui vorrà solamente dire che è un complice di questi affaristi
Ovviamente prenderanno un allenatore che sposi la filosofia della proprietà.
Tra l’altro, adesso vogliono far passare che la proprietà sia stata sensibile alle proteste dei tifosi ma in realtà, se fosse vera la retromarcia(e io non ci credo), sarebbe una cosa gravissima. Ancor più grave dell’aver anche solo pensato a Lopetegui.
 
Alto
head>