Milan: Loftus sa come si fa, in Europa League.

Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
207,857
Reaction score
29,837
Tuttosport in edicola: il Milan, nell’inseguimento all’Europa League al via domani sera a San Siro con l’andata del playoff contro il Rennes, può affidarsi a una guida sicura esperta della competizione: Ruben Loftus-Cheek. Il centrocampista inglese ha vissuto uno dei momenti più belli della carriera nella cavalcata verso questo trofeo conquistato cinque anni fa con la maglia del Chelsea. Quella finora è stata la stagione migliore di Loftus-Cheek, all’epoca tornato ai Blues dopo il prestito al Crystal Palace. Merito anche degli insegnamenti di un allenatore italiano: Maurizio Sarri. L’attuale tecnico della Lazio era stato voluto a Stamford Bridge per proseguire la tradizione degli italiani nel club londinese grazie al bel gioco esibito da Sarri a Napoli, con uno sponsor di eccezione nella capitale britannica: Gianfranco Zola. L’esperienza è durata solo una stagione, ma ne è valsa la pena. I Blues hanno messo in bacheca l’Europa League con una qualità a tratti eccezionale: il 4-1 in finale all’Arsenal nel derby inglese a Baku rappresenta una delle esibizioni più belle di una squadra negli ultimi anni. Loftus-Cheek non era presente in finale a causa di un serio infortunio al tendine di Achille, ma in precedenza era stato uno dei trascinatori. Suo il gol fondamentale a Stamford Bridge nel ritorno della semifinale contro l’Eintracht Francoforte: il temporaneo vantaggio, poi seguito dall’1-1 del suo attuale compagno Jovic. Stesso punteggio dell’andata in Germania. Decisivi i calci di rigore a favore degli inglesi. Rubs, come lo chiamano a Milanello, aveva già realizzato una tripletta al Bate Borisov nella fase a gironi e confezionato tre assist nei turni a eliminazione diretta. In quel gruppo c’erano anche Pulisic e Giroud che hanno vissuto altre gioie con la maglia dei Blues, conquistando la Champions League nel 2021. Per Loftus-Cheek, invece, è stato quello il momento d’oro a livello internazionale. Lo standard di riferimento al quale hanno pensato i dirigenti del Milan acquistandolo. In parte le attese sono state confermate. Loftus-Cheek ha già messo a segno 5 gol in campionato, ad appena una rete dal suo record raggiunto proprio nell’annata con Sarri in Premier League. È ancora a secco in Europa non avendo timbrato nel girone di Champions. Ma in quel contesto ha chiarito la sua importanza: la miglior prestazione del Milan, la vittoria per 2-1 col Psg a San Siro, è arrivata in coincidenza con una prestazione travolgente del numero 8, instancabile nel seminare il panico centralmente tra le linee difensive francesi. Stefano Pioli lo ha prima utilizzato da mezzala sinistra quando il Milan giocava col 4-3-3, poi da trequartista quando l’allenatore emiliano è tornato al 4-2-3-1 delle scorse stagioni. Loftus-Cheek si è ambientato rapidamente a Milanello anche grazie alla folta colonia di ex Blues trasferiti in rossonero: oltre a Pulisic e Giroud anche Tomori. Il 28enne inglese torna spesso a Londra per stare insieme ai genitori. E ama molto guidare in macchina, anche da solo: recentemente è andato in auto in Costa Azzurra per trovare alcuni amici. Da domani potrà riprendere in mano il suo volante preferito, quello dell’Europa League per cercare di guidare il Milan sulla stessa rotta del Chelsea di Sarri cinque anni fa.

Altre news di giornata


—) Inter: la seconda stelle nel derby del 21 aprile?


—) Stadio Milan: partita lunga. Referendum, variante etc...


—) Milan: Theo jolly. Da terzino a centrale. Col Rennes...


—) Cudicini:"Loftus da mezzala e 10. Può arrivare lontano".


—) Milan: Loftus sa come si fa, in Europa League.


—) Milan: PU-GI-LE e la formazione anti Rennes. Servono gol.


—) Cardinale a Milano. EL vero obiettivo. Si può vincere.


 
Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.
Alto
head>