Cudicini:"Loftus da mezzala e 10. Può arrivare lontano".

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
207,288
Reaction score
29,330
Carlo Cudici intervistato da Tuttosport in edicola:"Loftus? Il Milan è stata la sua medicina. Ha trovato fiducia, gioca in un ruolo che ama. Sente più responsabilità e reagisce nella maniera giusta. In rossonero è un trascinatore».

Al Milan ha avuto un impatto importante.
«Sicuramente è uno degli uomini in più della squadra. Non è mai facile per i calciatori inglesi che vanno all’estero riuscirsi ad imporre. La storia lo insegna, non ce ne sono tanti. Io ho avuto sempre molta fiducia che il suo abbinamento fisicità-tecnica lo avrebbe portato lontano. Il suo punto debole era di non segnare tante reti, di non mettere la sua impronta nelle gare con gol e assist, nonostante giocasse in zone del campo dove questo fosse richiesto. Quest’anno ha già segnato cinque gol e fornito assist, i numeri stanno arrivando, così può fare la differenza».

Com’era da giovane?
«La prestanza fisica di Ruben è sempre stata quella che dava maggiormente nell’occhio. Lui è sempre stato uno dei più alti, forti e fisici di tutti i suoi gruppi di età. Il fatto che sia stato sempre così fisicamente prepotente l’ha però abbinato ad una grossa tecnica, cosa non sempre naturale. È stata la ragione per cui Loftus-Cheek è stato uno dei migliori giocatori dell’Academy, arrivando molto presto in prima squadra. La sua storia è stata di alti e bassi, anche causa di più stop. Quello l’ha penalizzato nel suo percorso. Poi ha avuto l’infortunio al tendine d’Achille che l’ha tenuto fuori parecchio, è stato per lui un grosso set-back. Immagino che il suo obiettivo fosse quello di rimanere e di diventare un giocatore importante per il Chelsea, sono sicuro lui ami i Blues. Ma è stato allenato da parecchi allenatori, ricoprendo tante posizioni e non si capiva mai dove potesse rendere meglio. Il suo è stato un viaggio non liscio, che l’ha forgiato. Ora sono molto contento di vedere si stia togliendo soddisfazioni al Milan, in un club che per me è particolare».

Qual è il ruolo migliore per Ruben?
«Difficile da dire. Lui potenzialmente ha la capacità e i tempi d’inserimento di una mezzala, soprattutto se giochi con un centrocampo a tre. Ma ha la visione del 10, quindi può giocare dietro alla punta. La questione è quella di abbinare numeri importanti, cioè gol e assist, a dove ti schierano. Questo è quello che era mancato a Ruben. Ora ha trovato un nuovo stimolo, una nuova sfida. Qui, a casa sua, è sempre stato protetto, al Milan è dovuto uscire dal guscio. Ha dovuto dimostrare doti che qui erano più ovattate».

È un rimpianto per il Chelsea?
«Non credo. Lui è nel pieno della sua maturità. Noi abbiamo cambiato filosofia, puntiamo su giocatori molto giovani. Sono contento che si stia togliendo delle soddisfazioni. Noi lo teniamo d’occhio con piacere, ma per un mero discorso d’affetto».

Quali consigli gli ha dato negli anni?
«Da osservatore dei calciatori girati in prestito l’ho avuto 'Sotto le mie grinfie' per 4-5 anni. È un ragazzo molto riservato e tranquillo. Ha sofferto molto dopo l’infortunio perché non riusciva a tornare ai suoi livelli. Quando è andato in prestito al Fulham il mio era più un lavoro mentale, che di tecnica sul campo. Cercavo di aiutarlo a essere più positivo, a cercare di sconfiggere i demoni che aveva nel suo cervello post infortunio. Gli piace lavorare, l’essere professionista è una delle sue caratteristiche più importanti».

C’è un aneddoto che ricorda col sorriso?
«Le racconto un episodio divertente. Arriva Conte e vuole incontrare tutti i calciatori nella pre-season. Nel meeting con Ruben, Antonio gli spiega sommariamente come vuole giocare e il ruolo dove lo vede. Per noi italiani la tattica è molto importante. Dopo 20 minuti c’era il fumo che gli usciva dalla testa (ride, ndr). Qui la tattica conta, ma è un discorso diverso. Era ‘Stanco’ nel cercare di capire cosa Conte gli chiedesse (ride, ndr). Aveva 20 anni, era un giovane di prospettiva, Antonio aveva piacere a coinvolgerlo».

Altre news di giornata


—) Inter: la seconda stelle nel derby del 21 aprile?


—) Stadio Milan: partita lunga. Referendum, variante etc...


—) Milan: Theo jolly. Da terzino a centrale. Col Rennes...


—) Cudicini:"Loftus da mezzala e 10. Può arrivare lontano".


—) Milan: Loftus sa come si fa, in Europa League.


—) Milan: PU-GI-LE e la formazione anti Rennes. Servono gol.


—) Cardinale a Milano. EL vero obiettivo. Si può vincere.


 

Lineker10

Senior Member
Registrato
20 Giugno 2017
Messaggi
27,603
Reaction score
12,025
Carlo Cudici intervistato da Tuttosport in edicola:"Loftus? Il Milan è stata la sua medicina. Ha trovato fiducia, gioca in un ruolo che ama. Sente più responsabilità e reagisce nella maniera giusta. In rossonero è un trascinatore».

Al Milan ha avuto un impatto importante.
«Sicuramente è uno degli uomini in più della squadra. Non è mai facile per i calciatori inglesi che vanno all’estero riuscirsi ad imporre. La storia lo insegna, non ce ne sono tanti. Io ho avuto sempre molta fiducia che il suo abbinamento fisicità-tecnica lo avrebbe portato lontano. Il suo punto debole era di non segnare tante reti, di non mettere la sua impronta nelle gare con gol e assist, nonostante giocasse in zone del campo dove questo fosse richiesto. Quest’anno ha già segnato cinque gol e fornito assist, i numeri stanno arrivando, così può fare la differenza».

Com’era da giovane?
«La prestanza fisica di Ruben è sempre stata quella che dava maggiormente nell’occhio. Lui è sempre stato uno dei più alti, forti e fisici di tutti i suoi gruppi di età. Il fatto che sia stato sempre così fisicamente prepotente l’ha però abbinato ad una grossa tecnica, cosa non sempre naturale. È stata la ragione per cui Loftus-Cheek è stato uno dei migliori giocatori dell’Academy, arrivando molto presto in prima squadra. La sua storia è stata di alti e bassi, anche causa di più stop. Quello l’ha penalizzato nel suo percorso. Poi ha avuto l’infortunio al tendine d’Achille che l’ha tenuto fuori parecchio, è stato per lui un grosso set-back. Immagino che il suo obiettivo fosse quello di rimanere e di diventare un giocatore importante per il Chelsea, sono sicuro lui ami i Blues. Ma è stato allenato da parecchi allenatori, ricoprendo tante posizioni e non si capiva mai dove potesse rendere meglio. Il suo è stato un viaggio non liscio, che l’ha forgiato. Ora sono molto contento di vedere si stia togliendo soddisfazioni al Milan, in un club che per me è particolare».

Qual è il ruolo migliore per Ruben?
«Difficile da dire. Lui potenzialmente ha la capacità e i tempi d’inserimento di una mezzala, soprattutto se giochi con un centrocampo a tre. Ma ha la visione del 10, quindi può giocare dietro alla punta. La questione è quella di abbinare numeri importanti, cioè gol e assist, a dove ti schierano. Questo è quello che era mancato a Ruben. Ora ha trovato un nuovo stimolo, una nuova sfida. Qui, a casa sua, è sempre stato protetto, al Milan è dovuto uscire dal guscio. Ha dovuto dimostrare doti che qui erano più ovattate».

È un rimpianto per il Chelsea?
«Non credo. Lui è nel pieno della sua maturità. Noi abbiamo cambiato filosofia, puntiamo su giocatori molto giovani. Sono contento che si stia togliendo delle soddisfazioni. Noi lo teniamo d’occhio con piacere, ma per un mero discorso d’affetto».

Quali consigli gli ha dato negli anni?
«Da osservatore dei calciatori girati in prestito l’ho avuto 'Sotto le mie grinfie' per 4-5 anni. È un ragazzo molto riservato e tranquillo. Ha sofferto molto dopo l’infortunio perché non riusciva a tornare ai suoi livelli. Quando è andato in prestito al Fulham il mio era più un lavoro mentale, che di tecnica sul campo. Cercavo di aiutarlo a essere più positivo, a cercare di sconfiggere i demoni che aveva nel suo cervello post infortunio. Gli piace lavorare, l’essere professionista è una delle sue caratteristiche più importanti».

C’è un aneddoto che ricorda col sorriso?
«Le racconto un episodio divertente. Arriva Conte e vuole incontrare tutti i calciatori nella pre-season. Nel meeting con Ruben, Antonio gli spiega sommariamente come vuole giocare e il ruolo dove lo vede. Per noi italiani la tattica è molto importante. Dopo 20 minuti c’era il fumo che gli usciva dalla testa (ride, ndr). Qui la tattica conta, ma è un discorso diverso. Era ‘Stanco’ nel cercare di capire cosa Conte gli chiedesse (ride, ndr). Aveva 20 anni, era un giovane di prospettiva, Antonio aveva piacere a coinvolgerlo».

Altre news di giornata


—) Inter: la seconda stelle nel derby del 21 aprile?


—) Stadio Milan: partita lunga. Referendum, variante etc...


—) Milan: Theo jolly. Da terzino a centrale. Col Rennes...


—) Cudicini:"Loftus da mezzala e 10. Può arrivare lontano".


—) Milan: Loftus sa come si fa, in Europa League.


—) Milan: PU-GI-LE e la formazione anti Rennes. Servono gol.


—) Cardinale a Milano. EL vero obiettivo. Si può vincere.
Ha avuto un po' di alti e bassi, ma complessivamente è il piu forte arrivato questa estate.
Loftus è un giocatore forte e completo, come si sapeva.

Secondo me ancora non è stato inquadrato bene tatticamente e ha ancora grossi margini di crescita in Italia.
Io lo vedo piu mezzala che trequartista. Ora fa quasi la seconda punta. Qualche goal lo ha fatto è vero, ma non vedo in lui l'istinto per incidere in area, non ha lo spunto che serve per stare davanti.
La fase difensiva è il suo punto debole, deve migliorare quella per imporsi davvero al top, anche per questo alla fine ha faticato come mezzala.
 

capitano4

Junior Member
Registrato
22 Giugno 2015
Messaggi
265
Reaction score
196
Mi spiace ma non ha nulla del dieci, perde sempre il tempo del passaggio in quella zona di campo, per me è una mezz'ala pura con grandi qualità di inserimento, ma deve migliorare in fase difensiva dove nonostante il fisico è molto leggero
 
Registrato
29 Ottobre 2017
Messaggi
5,121
Reaction score
2,418
io lo preferisco come mezz'ala. Il suo pregio maggiore è la sua potenza fisica. E questa la può sprigionare correndo, quindi partendo da dietro come fa una mezz'ala. Da trequartista lo vedo più impacciato a giocare nello stretto e non può più di tanto sprigionare la sua forza fisica.

Dovrebbe semplicemente difendere meglio a centrocampo (aiutato ovviamente da compagni e sistema di gioco)
 
Alto
head>