Milan: Conte in pole. Klopp con gli arabi? La situazione.

Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
203,736
Reaction score
27,154
Anche Enrico Currò su Repubblica conferma tutte le news precedenti su Conte e il Milan: la stagione calcistica ha ancora molte giornate da consumare e tutti i verdetti da scrivere, con Pioli ancora in gara per l’Europa League e per la scalata dal terzo posto in campionato. Ma l’obiettivo del Milan per la panchina del 2024/25 è sempre più scoperto: Antonio Conte, l’ex ct della Nazionale ed ex vincitore del campionato in Italia (Juventus e Inter) e in Inghilterra (Chelsea). L’accelerata per riportarlo in Serie A, dopo l’addio al Tottenham nel marzo 2023 e il successivo sabbatico, l’avrebbe impressa Ibrahimovic, nella sua veste sempre più consolidata di consulente e partner in RedBird dell’azionista di maggioranza Cardinale. Di fatto dirigente in pectore — sempre più presente a Milanello e coinvolto nel settore giovanile, non solo per la presenza dei due figli calciatori — Ibra è il più ascoltato nello staff del manager statunitense ed è forte di un rapporto consolidato con Conte, giudicato l’uomo ideale per vincere e stuzzicato certamente dall’idea dello scudetto con tre grandi club diversi.

L’operazione non è semplice, sia per via della potenziale concorrza di Napoli e Juventus sia perché si tratta di un allenatore costoso (non meno di 6 milioni di euro netti l’anno) sia perché è da sempre esigente sul mercato: difficilmente accettrebbe l’uscita di uno del trio di stelle della squadra (Maignan-Hernadez-Leao), che però garantirebbero plusvalenze al Milan americano, sensibile all’argomento, come testimonia l’affare Tonali. Chiuso il mercato invernale con i soli Gabbia e Terraciano dopo i 125 milioni spesi in estate, il tema è se privarsi per una cifra dai 70 in su di Maignan (lo vuole il Bayern) e/o Hernandez (Psg, City, United, Bayern più Real, che su di lui ha i cosiddetti matching rights, la possibilità di pareggiare qualunque offerta): entrambi hanno il contratto in scadenza nel 2026 e senza rinnovo nel 2025 perderebbero valore. Quanto a Leao, diventerebbe l’obiettivo del Psg, se Mbappé andasse al Real. Il tutto con lo sfondo dell’eventuale ingresso nel Milan di un socio mediorientale o americano, che avrebbe in quel caso voce in capitolo sul tema panchina: Motta, Palladino e De Zerbi, se non addirittura Klopp, entrerebbero nella corsa. Anche se Conte resta il nome che può mettere d’accordo tutti i dirigenti, attuali e futuri.

—) Milan: tutte le news del 2 febbraio 2024. Riepilogo.
 

Swaitak

Senior Member
Registrato
22 Aprile 2019
Messaggi
23,532
Reaction score
14,604
Anche Enrico Currò su Repubblica conferma tutte le news precedenti su Conte e il Milan: la stagione calcistica ha ancora molte giornate da consumare e tutti i verdetti da scrivere, con Pioli ancora in gara per l’Europa League e per la scalata dal terzo posto in campionato. Ma l’obiettivo del Milan per la panchina del 2024/25 è sempre più scoperto: Antonio Conte, l’ex ct della Nazionale ed ex vincitore del campionato in Italia (Juventus e Inter) e in Inghilterra (Chelsea). L’accelerata per riportarlo in Serie A, dopo l’addio al Tottenham nel marzo 2023 e il successivo sabbatico, l’avrebbe impressa Ibrahimovic, nella sua veste sempre più consolidata di consulente e partner in RedBird dell’azionista di maggioranza Cardinale. Di fatto dirigente in pectore — sempre più presente a Milanello e coinvolto nel settore giovanile, non solo per la presenza dei due figli calciatori — Ibra è il più ascoltato nello staff del manager statunitense ed è forte di un rapporto consolidato con Conte, giudicato l’uomo ideale per vincere e stuzzicato certamente dall’idea dello scudetto con tre grandi club diversi.

L’operazione non è semplice, sia per via della potenziale concorrza di Napoli e Juventus sia perché si tratta di un allenatore costoso (non meno di 6 milioni di euro netti l’anno) sia perché è da sempre esigente sul mercato: difficilmente accettrebbe l’uscita di uno del trio di stelle della squadra (Maignan-Hernadez-Leao), che però garantirebbero plusvalenze al Milan americano, sensibile all’argomento, come testimonia l’affare Tonali. Chiuso il mercato invernale con i soli Gabbia e Terraciano dopo i 125 milioni spesi in estate, il tema è se privarsi per una cifra dai 70 in su di Maignan (lo vuole il Bayern) e/o Hernandez (Psg, City, United, Bayern più Real, che su di lui ha i cosiddetti matching rights, la possibilità di pareggiare qualunque offerta): entrambi hanno il contratto in scadenza nel 2026 e senza rinnovo nel 2025 perderebbero valore. Quanto a Leao, diventerebbe l’obiettivo del Psg, se Mbappé andasse al Real. Il tutto con lo sfondo dell’eventuale ingresso nel Milan di un socio mediorientale o americano, che avrebbe in quel caso voce in capitolo sul tema panchina: Motta, Palladino e De Zerbi, se non addirittura Klopp, entrerebbero nella corsa. Anche se Conte resta il nome che può mettere d’accordo tutti i dirigenti, attuali e futuri.
Penso che l'unica cosa vera di queste fandonie sia proprio il discorso sui calciatori in grassetto..
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
203,736
Reaction score
27,154
Anche Enrico Currò su Repubblica conferma tutte le news precedenti su Conte e il Milan: la stagione calcistica ha ancora molte giornate da consumare e tutti i verdetti da scrivere, con Pioli ancora in gara per l’Europa League e per la scalata dal terzo posto in campionato. Ma l’obiettivo del Milan per la panchina del 2024/25 è sempre più scoperto: Antonio Conte, l’ex ct della Nazionale ed ex vincitore del campionato in Italia (Juventus e Inter) e in Inghilterra (Chelsea). L’accelerata per riportarlo in Serie A, dopo l’addio al Tottenham nel marzo 2023 e il successivo sabbatico, l’avrebbe impressa Ibrahimovic, nella sua veste sempre più consolidata di consulente e partner in RedBird dell’azionista di maggioranza Cardinale. Di fatto dirigente in pectore — sempre più presente a Milanello e coinvolto nel settore giovanile, non solo per la presenza dei due figli calciatori — Ibra è il più ascoltato nello staff del manager statunitense ed è forte di un rapporto consolidato con Conte, giudicato l’uomo ideale per vincere e stuzzicato certamente dall’idea dello scudetto con tre grandi club diversi.

L’operazione non è semplice, sia per via della potenziale concorrza di Napoli e Juventus sia perché si tratta di un allenatore costoso (non meno di 6 milioni di euro netti l’anno) sia perché è da sempre esigente sul mercato: difficilmente accettrebbe l’uscita di uno del trio di stelle della squadra (Maignan-Hernadez-Leao), che però garantirebbero plusvalenze al Milan americano, sensibile all’argomento, come testimonia l’affare Tonali. Chiuso il mercato invernale con i soli Gabbia e Terraciano dopo i 125 milioni spesi in estate, il tema è se privarsi per una cifra dai 70 in su di Maignan (lo vuole il Bayern) e/o Hernandez (Psg, City, United, Bayern più Real, che su di lui ha i cosiddetti matching rights, la possibilità di pareggiare qualunque offerta): entrambi hanno il contratto in scadenza nel 2026 e senza rinnovo nel 2025 perderebbero valore. Quanto a Leao, diventerebbe l’obiettivo del Psg, se Mbappé andasse al Real. Il tutto con lo sfondo dell’eventuale ingresso nel Milan di un socio mediorientale o americano, che avrebbe in quel caso voce in capitolo sul tema panchina: Motta, Palladino e De Zerbi, se non addirittura Klopp, entrerebbero nella corsa. Anche se Conte resta il nome che può mettere d’accordo tutti i dirigenti, attuali e futuri.

Bisogna solo pregare negli arabi. Poi, il grande allenatore sarà la conseguenza.
 
Registrato
11 Aprile 2016
Messaggi
59,948
Reaction score
25,654
Anche Enrico Currò su Repubblica conferma tutte le news precedenti su Conte e il Milan: la stagione calcistica ha ancora molte giornate da consumare e tutti i verdetti da scrivere, con Pioli ancora in gara per l’Europa League e per la scalata dal terzo posto in campionato. Ma l’obiettivo del Milan per la panchina del 2024/25 è sempre più scoperto: Antonio Conte, l’ex ct della Nazionale ed ex vincitore del campionato in Italia (Juventus e Inter) e in Inghilterra (Chelsea). L’accelerata per riportarlo in Serie A, dopo l’addio al Tottenham nel marzo 2023 e il successivo sabbatico, l’avrebbe impressa Ibrahimovic, nella sua veste sempre più consolidata di consulente e partner in RedBird dell’azionista di maggioranza Cardinale. Di fatto dirigente in pectore — sempre più presente a Milanello e coinvolto nel settore giovanile, non solo per la presenza dei due figli calciatori — Ibra è il più ascoltato nello staff del manager statunitense ed è forte di un rapporto consolidato con Conte, giudicato l’uomo ideale per vincere e stuzzicato certamente dall’idea dello scudetto con tre grandi club diversi.

L’operazione non è semplice, sia per via della potenziale concorrza di Napoli e Juventus sia perché si tratta di un allenatore costoso (non meno di 6 milioni di euro netti l’anno) sia perché è da sempre esigente sul mercato: difficilmente accettrebbe l’uscita di uno del trio di stelle della squadra (Maignan-Hernadez-Leao), che però garantirebbero plusvalenze al Milan americano, sensibile all’argomento, come testimonia l’affare Tonali. Chiuso il mercato invernale con i soli Gabbia e Terraciano dopo i 125 milioni spesi in estate, il tema è se privarsi per una cifra dai 70 in su di Maignan (lo vuole il Bayern) e/o Hernandez (Psg, City, United, Bayern più Real, che su di lui ha i cosiddetti matching rights, la possibilità di pareggiare qualunque offerta): entrambi hanno il contratto in scadenza nel 2026 e senza rinnovo nel 2025 perderebbero valore. Quanto a Leao, diventerebbe l’obiettivo del Psg, se Mbappé andasse al Real. Il tutto con lo sfondo dell’eventuale ingresso nel Milan di un socio mediorientale o americano, che avrebbe in quel caso voce in capitolo sul tema panchina: Motta, Palladino e De Zerbi, se non addirittura Klopp, entrerebbero nella corsa. Anche se Conte resta il nome che può mettere d’accordo tutti i dirigenti, attuali e futuri.
Questi pezzenti sarebbero benissimo capaci di mettere in giro voci su conte e su arabi sul cavallo bianco anche solo per non far calare la temperatura di questa disastrosa stagione.
Ci sono 4 mesi buoni di incassi da proteggere e il milanista comincia ad essere intollerante, un problema non banale per chi mira al sold out.
 
Registrato
27 Agosto 2012
Messaggi
30,226
Reaction score
1,533
Anche Enrico Currò su Repubblica conferma tutte le news precedenti su Conte e il Milan: la stagione calcistica ha ancora molte giornate da consumare e tutti i verdetti da scrivere, con Pioli ancora in gara per l’Europa League e per la scalata dal terzo posto in campionato. Ma l’obiettivo del Milan per la panchina del 2024/25 è sempre più scoperto: Antonio Conte, l’ex ct della Nazionale ed ex vincitore del campionato in Italia (Juventus e Inter) e in Inghilterra (Chelsea). L’accelerata per riportarlo in Serie A, dopo l’addio al Tottenham nel marzo 2023 e il successivo sabbatico, l’avrebbe impressa Ibrahimovic, nella sua veste sempre più consolidata di consulente e partner in RedBird dell’azionista di maggioranza Cardinale. Di fatto dirigente in pectore — sempre più presente a Milanello e coinvolto nel settore giovanile, non solo per la presenza dei due figli calciatori — Ibra è il più ascoltato nello staff del manager statunitense ed è forte di un rapporto consolidato con Conte, giudicato l’uomo ideale per vincere e stuzzicato certamente dall’idea dello scudetto con tre grandi club diversi.

L’operazione non è semplice, sia per via della potenziale concorrza di Napoli e Juventus sia perché si tratta di un allenatore costoso (non meno di 6 milioni di euro netti l’anno) sia perché è da sempre esigente sul mercato: difficilmente accettrebbe l’uscita di uno del trio di stelle della squadra (Maignan-Hernadez-Leao), che però garantirebbero plusvalenze al Milan americano, sensibile all’argomento, come testimonia l’affare Tonali. Chiuso il mercato invernale con i soli Gabbia e Terraciano dopo i 125 milioni spesi in estate, il tema è se privarsi per una cifra dai 70 in su di Maignan (lo vuole il Bayern) e/o Hernandez (Psg, City, United, Bayern più Real, che su di lui ha i cosiddetti matching rights, la possibilità di pareggiare qualunque offerta): entrambi hanno il contratto in scadenza nel 2026 e senza rinnovo nel 2025 perderebbero valore. Quanto a Leao, diventerebbe l’obiettivo del Psg, se Mbappé andasse al Real. Il tutto con lo sfondo dell’eventuale ingresso nel Milan di un socio mediorientale o americano, che avrebbe in quel caso voce in capitolo sul tema panchina: Motta, Palladino e De Zerbi, se non addirittura Klopp, entrerebbero nella corsa. Anche se Conte resta il nome che può mettere d’accordo tutti i dirigenti, attuali e futuri.

—) Milan: tutte le news del 2 febbraio 2024. Riepilogo.
.
 
Registrato
15 Luglio 2015
Messaggi
4,711
Reaction score
1,844
Anche Enrico Currò su Repubblica conferma tutte le news precedenti su Conte e il Milan: la stagione calcistica ha ancora molte giornate da consumare e tutti i verdetti da scrivere, con Pioli ancora in gara per l’Europa League e per la scalata dal terzo posto in campionato. Ma l’obiettivo del Milan per la panchina del 2024/25 è sempre più scoperto: Antonio Conte, l’ex ct della Nazionale ed ex vincitore del campionato in Italia (Juventus e Inter) e in Inghilterra (Chelsea). L’accelerata per riportarlo in Serie A, dopo l’addio al Tottenham nel marzo 2023 e il successivo sabbatico, l’avrebbe impressa Ibrahimovic, nella sua veste sempre più consolidata di consulente e partner in RedBird dell’azionista di maggioranza Cardinale. Di fatto dirigente in pectore — sempre più presente a Milanello e coinvolto nel settore giovanile, non solo per la presenza dei due figli calciatori — Ibra è il più ascoltato nello staff del manager statunitense ed è forte di un rapporto consolidato con Conte, giudicato l’uomo ideale per vincere e stuzzicato certamente dall’idea dello scudetto con tre grandi club diversi.

L’operazione non è semplice, sia per via della potenziale concorrza di Napoli e Juventus sia perché si tratta di un allenatore costoso (non meno di 6 milioni di euro netti l’anno) sia perché è da sempre esigente sul mercato: difficilmente accettrebbe l’uscita di uno del trio di stelle della squadra (Maignan-Hernadez-Leao), che però garantirebbero plusvalenze al Milan americano, sensibile all’argomento, come testimonia l’affare Tonali. Chiuso il mercato invernale con i soli Gabbia e Terraciano dopo i 125 milioni spesi in estate, il tema è se privarsi per una cifra dai 70 in su di Maignan (lo vuole il Bayern) e/o Hernandez (Psg, City, United, Bayern più Real, che su di lui ha i cosiddetti matching rights, la possibilità di pareggiare qualunque offerta): entrambi hanno il contratto in scadenza nel 2026 e senza rinnovo nel 2025 perderebbero valore. Quanto a Leao, diventerebbe l’obiettivo del Psg, se Mbappé andasse al Real. Il tutto con lo sfondo dell’eventuale ingresso nel Milan di un socio mediorientale o americano, che avrebbe in quel caso voce in capitolo sul tema panchina: Motta, Palladino e De Zerbi, se non addirittura Klopp, entrerebbero nella corsa. Anche se Conte resta il nome che può mettere d’accordo tutti i dirigenti, attuali e futuri.

—) Milan: tutte le news del 2 febbraio 2024. Riepilogo.
Per me si passerà dal Conte, è fatta! a Conte in pole, al si discute su Conte, agli altri nomi ma c'è sempre Conte, al Conte tiepido, al si raffredda Conte, al No a Conte, c'è Palladino.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
203,736
Reaction score
27,154
Non venderà mai ora. Però appena approvato l’iter per lo stadio e messa la prima pietra, il giorno dopo il Milan varrà il doppio e lui lo venderà. È palese il tutto.

Lo stadio non può essere una discriminante. Soprattutto se è stata decisa da altri.

Ripeto: una proprietà seria, per me, non accetterebbe mai uno stadio del Milan fuori Milano. E non credo che gli arabi sbavino all'idea di costruire lo stadio a San Donato.
 
Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.
Alto
head>