Milan a San Donato grazie alle Olimpiadi 2026.

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
199,429
Reaction score
25,489
Tuttosport: se il Milan potrà realizzare il suo stadio a San Donato è merito delle Olimpiadi 2026 assegnate all’Italia. L’area San Francesco, scelta dal club rossonero come sede del nuovo impianto, non si è trasformata nel progetto Sport Life City anche a causa della successiva scelta degli organizzatori di Milano-Cortina 2026 di destinare alla vicina Santa Giulia il palazzetto del ghiaccio per i Giochi invernali. A quel punto le strutture sportive pensate per San Donato sarebbero diventare superflue. Così il veicolo Sport Life City non ha prodotto risultati spingendo chi aveva in mano i diritti per quell’intervento – la società Cassinari & Partners del commercialista Giuseppe Cassinari – a guardarsi intorno per trovare nuove soluzioni. La proprietà dell’area, però, apparteneva a un altro gruppo: Asio Srl, partecipata ai fondi Whitehall di Goldman Sachs. È a questa entità che nel 2001 l’Eni (tre anni prima che l’attuale presidente rossonero Paolo Scaroni diventasse ad del colosso petrolifero) ha dismesso il patrimonio della sua Immobiliare Metanopoli. Parte di quei lotti a San Donato sono stati rivenduti. Uno è stato ceduto nuovamente alla stessa Eni. L’area San Francesco, affidata poi alla Cassinari & Partners, invece finirà al Milan con la necessità di sbrogliare ancora una vertenza davanti all’Agenzia delle Entrate legata al valore del terreno. Per realizzare lo stadio e gli altri immobili previsti servirà una variante urbanistica. È la proposta che il Milan ha annunciato di aver presentato al Comune di San Donato. Da un lato, infatti, verranno sviluppati più volumi edificabili dal momento che ora si parla di uno stadio da 70mila posti, mentre prima di un palazzetto da 20mila. E poi serviranno miglioramenti significativi alla rete stradale, ferroviaria e metropolitana.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
199,429
Reaction score
25,489
Tuttosport: se il Milan potrà realizzare il suo stadio a San Donato è merito delle Olimpiadi 2026 assegnate all’Italia. L’area San Francesco, scelta dal club rossonero come sede del nuovo impianto, non si è trasformata nel progetto Sport Life City anche a causa della successiva scelta degli organizzatori di Milano-Cortina 2026 di destinare alla vicina Santa Giulia il palazzetto del ghiaccio per i Giochi invernali. A quel punto le strutture sportive pensate per San Donato sarebbero diventare superflue. Così il veicolo Sport Life City non ha prodotto risultati spingendo chi aveva in mano i diritti per quell’intervento – la società Cassinari & Partners del commercialista Giuseppe Cassinari – a guardarsi intorno per trovare nuove soluzioni. La proprietà dell’area, però, apparteneva a un altro gruppo: Asio Srl, partecipata dai fondi Whitehall di Goldman Sachs. È a questa entità che nel 2001 l’Eni (tre anni prima che l’attuale presidente rossonero Paolo Scaroni diventasse ad del colosso petrolifero) ha dismesso il patrimonio della sua Immobiliare Metanopoli. Parte di quei lotti a San Donato sono stati rivenduti. Uno è stato ceduto nuovamente alla stessa Eni. L’area San Francesco, affidata poi alla Cassinari & Partners, invece finirà al Milan con la necessità di sbrogliare ancora una vertenza davanti all’Agenzia delle Entrate legata al valore del terreno. Per realizzare lo stadio e gli altri immobili previsti servirà una variante urbanistica. È la proposta che il Milan ha annunciato di aver presentato al Comune di San Donato. Da un lato, infatti, verranno sviluppati più volumi edificabili dal momento che ora si parla di uno stadio da 70mila posti, mentre prima di un palazzetto da 20mila. E poi serviranno miglioramenti significativi alla rete stradale, ferroviaria e metropolitana.
.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
199,429
Reaction score
25,489
Tuttosport: se il Milan potrà realizzare il suo stadio a San Donato è merito delle Olimpiadi 2026 assegnate all’Italia. L’area San Francesco, scelta dal club rossonero come sede del nuovo impianto, non si è trasformata nel progetto Sport Life City anche a causa della successiva scelta degli organizzatori di Milano-Cortina 2026 di destinare alla vicina Santa Giulia il palazzetto del ghiaccio per i Giochi invernali. A quel punto le strutture sportive pensate per San Donato sarebbero diventare superflue. Così il veicolo Sport Life City non ha prodotto risultati spingendo chi aveva in mano i diritti per quell’intervento – la società Cassinari & Partners del commercialista Giuseppe Cassinari – a guardarsi intorno per trovare nuove soluzioni. La proprietà dell’area, però, apparteneva a un altro gruppo: Asio Srl, partecipata ai fondi Whitehall di Goldman Sachs. È a questa entità che nel 2001 l’Eni (tre anni prima che l’attuale presidente rossonero Paolo Scaroni diventasse ad del colosso petrolifero) ha dismesso il patrimonio della sua Immobiliare Metanopoli. Parte di quei lotti a San Donato sono stati rivenduti. Uno è stato ceduto nuovamente alla stessa Eni. L’area San Francesco, affidata poi alla Cassinari & Partners, invece finirà al Milan con la necessità di sbrogliare ancora una vertenza davanti all’Agenzia delle Entrate legata al valore del terreno. Per realizzare lo stadio e gli altri immobili previsti servirà una variante urbanistica. È la proposta che il Milan ha annunciato di aver presentato al Comune di San Donato. Da un lato, infatti, verranno sviluppati più volumi edificabili dal momento che ora si parla di uno stadio da 70mila posti, mentre prima di un palazzetto da 20mila. E poi serviranno miglioramenti significativi alla rete stradale, ferroviaria e metropolitana.
.
 

mil77

Senior Member
Registrato
3 Febbraio 2017
Messaggi
10,619
Reaction score
1,633
Tuttosport: se il Milan potrà realizzare il suo stadio a San Donato è merito delle Olimpiadi 2026 assegnate all’Italia. L’area San Francesco, scelta dal club rossonero come sede del nuovo impianto, non si è trasformata nel progetto Sport Life City anche a causa della successiva scelta degli organizzatori di Milano-Cortina 2026 di destinare alla vicina Santa Giulia il palazzetto del ghiaccio per i Giochi invernali. A quel punto le strutture sportive pensate per San Donato sarebbero diventare superflue. Così il veicolo Sport Life City non ha prodotto risultati spingendo chi aveva in mano i diritti per quell’intervento – la società Cassinari & Partners del commercialista Giuseppe Cassinari – a guardarsi intorno per trovare nuove soluzioni. La proprietà dell’area, però, apparteneva a un altro gruppo: Asio Srl, partecipata ai fondi Whitehall di Goldman Sachs. È a questa entità che nel 2001 l’Eni (tre anni prima che l’attuale presidente rossonero Paolo Scaroni diventasse ad del colosso petrolifero) ha dismesso il patrimonio della sua Immobiliare Metanopoli. Parte di quei lotti a San Donato sono stati rivenduti. Uno è stato ceduto nuovamente alla stessa Eni. L’area San Francesco, affidata poi alla Cassinari & Partners, invece finirà al Milan con la necessità di sbrogliare ancora una vertenza davanti all’Agenzia delle Entrate legata al valore del terreno. Per realizzare lo stadio e gli altri immobili previsti servirà una variante urbanistica. È la proposta che il Milan ha annunciato di aver presentato al Comune di San Donato. Da un lato, infatti, verranno sviluppati più volumi edificabili dal momento che ora si parla di uno stadio da 70mila posti, mentre prima di un palazzetto da 20mila. E poi serviranno miglioramenti significativi alla rete stradale, ferroviaria e metropolitana.
Ma se il Milan ha già ufficialmente detto che la superficie edificabile sarà la stessa?
 

Marilson

Milano vende moda
Registrato
29 Agosto 2012
Messaggi
7,642
Reaction score
2,795
Ma se il Milan ha già ufficialmente detto che la superficie edificabile sarà la stessa?

il problema e' che ci entrera' giusto giusto lo stadio e poco altro, vorrei capire se aggiungeranno ristoranti, centri commerciali ecc. Un Milan Store non basta per attirare gente sette giorni su sette
 

Nomaduk

Well-known member
Registrato
4 Marzo 2022
Messaggi
3,853
Reaction score
2,003
il problema e' che ci entrera' giusto giusto lo stadio e poco altro, vorrei capire se aggiungeranno ristoranti, centri commerciali ecc. Un Milan Store non basta per attirare gente sette giorni su sette
ci sarà stadio, sede, store, museo, ristoranti e bar, hotel. centro commerciale no, forse qualche negozio.
 

mil77

Senior Member
Registrato
3 Febbraio 2017
Messaggi
10,619
Reaction score
1,633
il problema e' che ci entrera' giusto giusto lo stadio e poco altro, vorrei capire se aggiungeranno ristoranti, centri commerciali ecc. Un Milan Store non basta per attirare gente sette giorni su sette
si nella presentazione del progetto ci sono bar ristornati store museo centro commerciale
 
Registrato
25 Luglio 2015
Messaggi
2,473
Reaction score
339
il problema e' che ci entrera' giusto giusto lo stadio e poco altro, vorrei capire se aggiungeranno ristoranti, centri commerciali ecc. Un Milan Store non basta per attirare gente sette giorni su sette
ma in ogni caso a san donato il 7su7 funzionerà poco, devono collegare bene i trasporti e
renderli veloci per arrivare al centro di Milano perché il turista o la famiglia che di stadio o
Milan interessa nulla dubito che vada durante la settimana al ristorante,cinema,negozi o
al centro commerciale a san donato, zona industriale non certo di svago o da visitare..
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
199,429
Reaction score
25,489
Tuttosport: se il Milan potrà realizzare il suo stadio a San Donato è merito delle Olimpiadi 2026 assegnate all’Italia. L’area San Francesco, scelta dal club rossonero come sede del nuovo impianto, non si è trasformata nel progetto Sport Life City anche a causa della successiva scelta degli organizzatori di Milano-Cortina 2026 di destinare alla vicina Santa Giulia il palazzetto del ghiaccio per i Giochi invernali. A quel punto le strutture sportive pensate per San Donato sarebbero diventare superflue. Così il veicolo Sport Life City non ha prodotto risultati spingendo chi aveva in mano i diritti per quell’intervento – la società Cassinari & Partners del commercialista Giuseppe Cassinari – a guardarsi intorno per trovare nuove soluzioni. La proprietà dell’area, però, apparteneva a un altro gruppo: Asio Srl, partecipata ai fondi Whitehall di Goldman Sachs. È a questa entità che nel 2001 l’Eni (tre anni prima che l’attuale presidente rossonero Paolo Scaroni diventasse ad del colosso petrolifero) ha dismesso il patrimonio della sua Immobiliare Metanopoli. Parte di quei lotti a San Donato sono stati rivenduti. Uno è stato ceduto nuovamente alla stessa Eni. L’area San Francesco, affidata poi alla Cassinari & Partners, invece finirà al Milan con la necessità di sbrogliare ancora una vertenza davanti all’Agenzia delle Entrate legata al valore del terreno. Per realizzare lo stadio e gli altri immobili previsti servirà una variante urbanistica. È la proposta che il Milan ha annunciato di aver presentato al Comune di San Donato. Da un lato, infatti, verranno sviluppati più volumi edificabili dal momento che ora si parla di uno stadio da 70mila posti, mentre prima di un palazzetto da 20mila. E poi serviranno miglioramenti significativi alla rete stradale, ferroviaria e metropolitana.
.
 
Alto
head>