Max Del Papa contro G.Allevi: "Perchè taci e non dici come stanno le cose?"

fabri47

Senior Member
Registrato
15 Dicembre 2016
Messaggi
27,631
Reaction score
5,192
Il giornalista Max Del Papa malato di linfoma, a detta sua, per colpa del vaccino anti-covid si scaglia contro Giovanni Allevi, malato di mieloma ed ospite recentemente al Festival di Sanremo 2024 nella seconda serata dove è tornato a suonare ed ha raccontato la sua toccante lotta contro la brutta malattia.

Le parole durissime, di Del Papa: "Mi hanno criticato, chi garbatamente, amichevolmente, chi in tono più aspro e magari fanatico, per avere io criticato la performance cancerologa di Giovanni Allevi a Sanremo. Perché è stata una performance. Eh, ma devi capirlo, Giovanni è così, lui è un poeta, un puro...Io me li ricordo i tweettini di Allevi, il vaccino è l’unica cura, è l’unica soluzione, l’unica speranza, minuscolo, io mi vaccino, io mi faccio le trenta dosi, fatevele anche voi. Sua sorella è morta, lui è quasi morto e anch’io non mi sento troppo bene. Lui un mieloma multiplo, io un linfoma al quarto stadio che ha consumato l’80% del midollo osseo...No, io non mi presto ad accarezzare la tastiera del pianoforte o quella del notebook dove sputo le mie parole: sono parole di testimonianza ed io non sono 'un nuovo Max', tanto piacere al 'nuovo Giovanni', coi boccoli candidi, io mi sono rasato a zero per prevenire la caduta dei capelli, e infatti ricrescono bianchi. Bianchi come la morte. E non sarei mai andato a Sanremo per tacere. Forse è il prezzo da pagare per ottenere un tour mondiale, l’anima candida, io, che sono una vecchia carogna guasta, e non apprezzo il sole d’Iddio oltre la finestra del reparto di ematologia, fatico a trovarmi serate per umili reading da solo. Reading dove vorrei leggere la mia, di poesia, che è tutta imbastita proprio su questa storia irreale, sul dolore, sulla fatica, sulla disperazione di vivere e, chissà, di non vivere più.

Ma se non sono io a prendermi addosso anche questo fardello, anche voi lettori, voi malati come me, state freschi. Perché fanno tutti come l’anima bella Allevi. Perché sanno benissimo perché versano in condizioni disperate, ma hanno ancora più paura del regime, delle sue punizioni, dei suoi boicottaggi, che di morire. Perché hanno paura della verità. Perché mi risulto essere l’unico, fra i giornalisti, fra i personaggi pubblici, con la voglia e con la rabbia di raccontare che non ci siamo ammalati per noia o per sport: ce lo hanno fatto, con una organizzazione mondiale, perfetta, precisa, scientifica, almeno quella, e nessuno paga. Non gli stragisti cinesi e americani, non il criminale di guerra in tempo di pace Fauci, al quale anzi offriamo tappeti rossi, laboratori e protezione qui, non gli sgherri di un miserabile potere nazionale. Che fanno e disfano e rifanno librettini di ***** che nessuno legge ma servono alla menzogna, servono alle alleanze consumate o tentate, a mandare messaggi, a sondare il terreno. Non pagano i ministri bugiardi e fallimentari, non pagano i virologi p.....e, non pagano le meretrici dell’informazione, non paga la politica ******** e opportunista. Non paga nessuno di loro.

Perché non si è veramente vaccinato nessuno di loro. Se l’hanno fatto, hanno scelto la riserva distillata, non i sieri cancerogeni che hanno rifilato a noi. E che vogliono somministrarci ancora, siccome 'va sfoltito il 10% della popolazione globale', come teorizza il Bill Gates della produzione industriale di vaccini, vanno eliminati “4 miliardi di mangiatori inutili” come predicano gli Schwab, i Timmermans del WEF e della UE sotto la regia della Baronessa Borderlinen che ha negoziato dieci o trenta miliardi di dosi col Pouirla della Pfizer a prezzo rimasto segreto, siccome poi fanno le normative sulla trasparenza obbligatoria. Per gli altri. Per i malati...E non posso fare di più, come vorrei, perché nessuno mi chiama, almeno nel giro mainstream. Neanche il caro Mario Giordano, che pure ha avuto una giornalista spacciata dal turbocancro
(il riferimento è alla giornalista Carlotta Dessì n.d.s.). Ma lui agisce da sano, non da paziente “ontologico” come me. Non si preoccupi, a me il monopolio dell’eroismo non interessa per un ***** di niente, è che io forse sono l’unico ad unire le due condizioni, di informatore e di malato e parlo documentandomi ma prima ancora sulla mia pelle, sul mio sangue.

Io, vaccinato, dico, scrivo che i vaccini mi hanno ammalato...Sono contento se Allevi finalmente ne è uscito, io non so ancora di che morte morirò e quando. Certo, si spera sempre. Ma lasciate perdere il guerriero, l’eroe, il campione ed altre retoriche da romanzo...non c’è nessun merito in questo, il corpo reagisce, se ce la fa, la mente gli va dietro, se non è irreversibilmente sconvolta. Io sarei un farabutto se dicessi sì, amici, lettori, avete ragione, sono un duro, sono un coraggioso, non mi piego e lo faccio per voi. È la malattia che è roba da duri e lo è la cura. E non si racconta coi minuetti e le commozioni facili al cospetto di un presentatore che di straforo con un occhio guarda il gobbo e con l’altro l’orologio. Non pretendo nessun proclama rivoluzionario, nessuna pagliacciata anarcoide. Ma se vai lì, non ci vai a far teatro e far pietà, non ci vai a suscitare la commozione di gente che aspetta Angelina Mango e Geolier. Ci vai anche a dire qualcosa, una piccola verità, un sospetto. Va bene dire che non hai più un corpo, ma dire che te la cavi 'suonando con l’anima' è troppo facile, andiamo. È scontato, telefonato, cerca l’applauso, la lacrimuccia facile. Non hai più un corpo e questo è tutto, *****...Adesso capisco perché gli invalidi che soccorrevo 34 anni fa a Capodarco bestemmiavano. È umiliante, Cristo. Non c’è sole che tenga...Non accarezzo tasti, li schiaccio, li percuoto. Ma non vi illudo, non vi inganno. Anche se mi costa un supplemento di malattia, mi fa sentire più condannato ancora."
.

Riassunto dell'articolo dal titolo "Io, Allevi e il cancro. Ma perché anche tu taci, fai teatro, e non dici le cose come stanno?" visibile integramente sul sito de "Il Giornale d'Italia".
 

7vinte

Senior Member
Registrato
3 Agosto 2017
Messaggi
11,924
Reaction score
1,560
Che vergogna questo Del Papa. Speriamo questi deliri siano solo causati dalla rabbia per la malattia
 

Kaw

Member
Registrato
19 Giugno 2015
Messaggi
3,634
Reaction score
585
Il giornalista Max Del Papa malato di linfoma, a detta sua, per colpa del vaccino anti-covid si scaglia contro Giovanni Allevi, malato di mieloma ed ospite recentemente al Festival di Sanremo 2024 nella seconda serata dove è tornato a suonare ed ha raccontato la sua toccante lotta contro la brutta malattia.

Le parole durissime, di Del Papa: "Mi hanno criticato, chi garbatamente, amichevolmente, chi in tono più aspro e magari fanatico, per avere io criticato la performance cancerologa di Giovanni Allevi a Sanremo. Perché è stata una performance. Eh, ma devi capirlo, Giovanni è così, lui è un poeta, un puro...Io me li ricordo i tweettini di Allevi, il vaccino è l’unica cura, è l’unica soluzione, l’unica speranza, minuscolo, io mi vaccino, io mi faccio le trenta dosi, fatevele anche voi. Sua sorella è morta, lui è quasi morto e anch’io non mi sento troppo bene. Lui un mieloma multiplo, io un linfoma al quarto stadio che ha consumato l’80% del midollo osseo...No, io non mi presto ad accarezzare la tastiera del pianoforte o quella del notebook dove sputo le mie parole: sono parole di testimonianza ed io non sono 'un nuovo Max', tanto piacere al 'nuovo Giovanni', coi boccoli candidi, io mi sono rasato a zero per prevenire la caduta dei capelli, e infatti ricrescono bianchi. Bianchi come la morte. E non sarei mai andato a Sanremo per tacere. Forse è il prezzo da pagare per ottenere un tour mondiale, l’anima candida, io, che sono una vecchia carogna guasta, e non apprezzo il sole d’Iddio oltre la finestra del reparto di ematologia, fatico a trovarmi serate per umili reading da solo. Reading dove vorrei leggere la mia, di poesia, che è tutta imbastita proprio su questa storia irreale, sul dolore, sulla fatica, sulla disperazione di vivere e, chissà, di non vivere più.

Ma se non sono io a prendermi addosso anche questo fardello, anche voi lettori, voi malati come me, state freschi. Perché fanno tutti come l’anima bella Allevi. Perché sanno benissimo perché versano in condizioni disperate, ma hanno ancora più paura del regime, delle sue punizioni, dei suoi boicottaggi, che di morire. Perché hanno paura della verità. Perché mi risulto essere l’unico, fra i giornalisti, fra i personaggi pubblici, con la voglia e con la rabbia di raccontare che non ci siamo ammalati per noia o per sport: ce lo hanno fatto, con una organizzazione mondiale, perfetta, precisa, scientifica, almeno quella, e nessuno paga. Non gli stragisti cinesi e americani, non il criminale di guerra in tempo di pace Fauci, al quale anzi offriamo tappeti rossi, laboratori e protezione qui, non gli sgherri di un miserabile potere nazionale. Che fanno e disfano e rifanno librettini di ***** che nessuno legge ma servono alla menzogna, servono alle alleanze consumate o tentate, a mandare messaggi, a sondare il terreno. Non pagano i ministri bugiardi e fallimentari, non pagano i virologi p.....e, non pagano le meretrici dell’informazione, non paga la politica ******** e opportunista. Non paga nessuno di loro.

Perché non si è veramente vaccinato nessuno di loro. Se l’hanno fatto, hanno scelto la riserva distillata, non i sieri cancerogeni che hanno rifilato a noi. E che vogliono somministrarci ancora, siccome 'va sfoltito il 10% della popolazione globale', come teorizza il Bill Gates della produzione industriale di vaccini, vanno eliminati “4 miliardi di mangiatori inutili” come predicano gli Schwab, i Timmermans del WEF e della UE sotto la regia della Baronessa Borderlinen che ha negoziato dieci o trenta miliardi di dosi col Pouirla della Pfizer a prezzo rimasto segreto, siccome poi fanno le normative sulla trasparenza obbligatoria. Per gli altri. Per i malati...E non posso fare di più, come vorrei, perché nessuno mi chiama, almeno nel giro mainstream. Neanche il caro Mario Giordano, che pure ha avuto una giornalista spacciata dal turbocancro
(il riferimento è alla giornalista Carlotta Dessì n.d.s.). Ma lui agisce da sano, non da paziente “ontologico” come me. Non si preoccupi, a me il monopolio dell’eroismo non interessa per un ***** di niente, è che io forse sono l’unico ad unire le due condizioni, di informatore e di malato e parlo documentandomi ma prima ancora sulla mia pelle, sul mio sangue.

Io, vaccinato, dico, scrivo che i vaccini mi hanno ammalato...Sono contento se Allevi finalmente ne è uscito, io non so ancora di che morte morirò e quando. Certo, si spera sempre. Ma lasciate perdere il guerriero, l’eroe, il campione ed altre retoriche da romanzo...non c’è nessun merito in questo, il corpo reagisce, se ce la fa, la mente gli va dietro, se non è irreversibilmente sconvolta. Io sarei un farabutto se dicessi sì, amici, lettori, avete ragione, sono un duro, sono un coraggioso, non mi piego e lo faccio per voi. È la malattia che è roba da duri e lo è la cura. E non si racconta coi minuetti e le commozioni facili al cospetto di un presentatore che di straforo con un occhio guarda il gobbo e con l’altro l’orologio. Non pretendo nessun proclama rivoluzionario, nessuna pagliacciata anarcoide. Ma se vai lì, non ci vai a far teatro e far pietà, non ci vai a suscitare la commozione di gente che aspetta Angelina Mango e Geolier. Ci vai anche a dire qualcosa, una piccola verità, un sospetto. Va bene dire che non hai più un corpo, ma dire che te la cavi 'suonando con l’anima' è troppo facile, andiamo. È scontato, telefonato, cerca l’applauso, la lacrimuccia facile. Non hai più un corpo e questo è tutto, *****...Adesso capisco perché gli invalidi che soccorrevo 34 anni fa a Capodarco bestemmiavano. È umiliante, Cristo. Non c’è sole che tenga...Non accarezzo tasti, li schiaccio, li percuoto. Ma non vi illudo, non vi inganno. Anche se mi costa un supplemento di malattia, mi fa sentire più condannato ancora."
.

Riassunto dell'articolo dal titolo "Io, Allevi e il cancro. Ma perché anche tu taci, fai teatro, e non dici le cose come stanno?" visibile integramente sul sito de "Il Giornale d'Italia".
Non so chi siano queste persone, dico da non vaccinato che tutta la gestione della pandemia e relativa campagna vaccinale ha fatto acuqa da tutte le parti, ma ridurre al vaccino ogni caso di morte per infarto, aneurisma, o cancro sia una cosa talmente tanto illogica e fuori luogo da risultare imbarazzante.
Infarti, e correlati aneurismi e altri eventi cardiocircolatori, sono sempre stati la prima causa di morte nel mondo, e al secondo posto ci sono proprio i tumori, in aumento già prima della pandemia. Magari fosse il vaccino, avremmo trovato la causa della stragrande maggioranza delle malattie, ma non è così.
 
Registrato
23 Giugno 2018
Messaggi
9,624
Reaction score
5,469
Non so chi siano queste persone, dico da non vaccinato che tutta la gestione della pandemia e relativa campagna vaccinale ha fatto acuqa da tutte le parti, ma ridurre al vaccino ogni caso di morte per infarto, aneurisma, o cancro sia una cosa talmente tanto illogica e fuori luogo da risultare imbarazzante.
Infarti, e correlati aneurismi e altri eventi cardiocircolatori, sono sempre stati la prima causa di morte nel mondo, e al secondo posto ci sono proprio i tumori, in aumento già prima della pandemia. Magari fosse il vaccino, avremmo trovato la causa della stragrande maggioranza delle malattie, ma non è così.
Il padre di un mio amico ha avuto un infarto(fortunatamente se l’è cavata) il giorno prima di fare la prima dose. Se, per una pura casualità, fosse successo 24-48 ore dopo…
 

Giek

Junior Member
Registrato
5 Maggio 2016
Messaggi
1,749
Reaction score
1,593
Che vergogna questo Del Papa. Speriamo questi deliri siano solo causati dalla rabbia per la malattia
È così.
Credo abbia talmente tanta rabbia e dolore in corpo da dover trovare per forza qualcuno o qualcosa a cui dare la colpa e sfogarsi.
 

Mika

Senior Member
Registrato
29 Aprile 2017
Messaggi
12,873
Reaction score
5,353
È così.
Credo abbia talmente tanta rabbia e dolore in corpo da dover trovare per forza qualcuno o qualcosa a cui dare la colpa e sfogarsi.
Non ho risposto al topic proprio per questo motivo, il dolore di sapere di morire non possiamo comprenderlo ma solo cercare di capirlo. Se queste parole l'avesse detto uno sano di salute l'avrei insultato male.
 

Milo

Member
Registrato
30 Agosto 2012
Messaggi
9,350
Reaction score
1,081
Si da la colpa sempre a tutto e non alle cose più probabili... all'acqua sempre più inquinata che usiamo ogni giorno ci fa bene immagino, che usiamo per tutto, coltivare frutta e verdura, usiamo per la pasta... gli allevamenti sempre più irregolari... la microplastica che mangiamo tramite i pesci... l'inquinamento...

Ma no, diamo la colpa a una cosa che non sappiamo minimamente come funziona e che non è mai (o quasi mai se mi son perso qualcosa) stata causa di morti sospette.

Ho risentito alle iene parlare delle antenne 5Giggi, quindi è fiato sprecato
 
Registrato
10 Marzo 2021
Messaggi
14,372
Reaction score
14,166
ormai è storia passata, inutile continuare sprecare fiato con chi si è fatto pungere 50 volte, tanto sono sempre gli stessi che si farebbero inutilmente pungere altre 1000 volte, anche a distanza di eoni. Poi anche se fosse quella la causa del male, e non siamo nessuno per poterlo affermare -o smentire-, ti becchi soltanto insulti, meme e risatine.

Però vorrei sottolineare questa parte del suo sfogo "Perché non si è veramente vaccinato nessuno di loro. Se l’hanno fatto, hanno scelto la riserva distillata"

Ricordo che anche qui dentro si perculava Meluzzi che, al tempo, aveva avuto il coraggio di denunciare questo scandalo al pubblico, ma subito via di risatine, insulti, tso e balle varie contro di lui.
Poi con il tempo si è scoperto che ciò che affermava meluzzi era verità, nient'altro che la sola verità.
Però, stranamente, tra attori, politici, cantanti e sportivi coinvolti, alla fine avevano beccato solo Pippo Franco :asd:
 
Registrato
26 Febbraio 2018
Messaggi
5,945
Reaction score
2,748
Il giornalista Max Del Papa malato di linfoma, a detta sua, per colpa del vaccino anti-covid si scaglia contro Giovanni Allevi, malato di mieloma ed ospite recentemente al Festival di Sanremo 2024 nella seconda serata dove è tornato a suonare ed ha raccontato la sua toccante lotta contro la brutta malattia.

Le parole durissime, di Del Papa: "Mi hanno criticato, chi garbatamente, amichevolmente, chi in tono più aspro e magari fanatico, per avere io criticato la performance cancerologa di Giovanni Allevi a Sanremo. Perché è stata una performance. Eh, ma devi capirlo, Giovanni è così, lui è un poeta, un puro...Io me li ricordo i tweettini di Allevi, il vaccino è l’unica cura, è l’unica soluzione, l’unica speranza, minuscolo, io mi vaccino, io mi faccio le trenta dosi, fatevele anche voi. Sua sorella è morta, lui è quasi morto e anch’io non mi sento troppo bene. Lui un mieloma multiplo, io un linfoma al quarto stadio che ha consumato l’80% del midollo osseo...No, io non mi presto ad accarezzare la tastiera del pianoforte o quella del notebook dove sputo le mie parole: sono parole di testimonianza ed io non sono 'un nuovo Max', tanto piacere al 'nuovo Giovanni', coi boccoli candidi, io mi sono rasato a zero per prevenire la caduta dei capelli, e infatti ricrescono bianchi. Bianchi come la morte. E non sarei mai andato a Sanremo per tacere. Forse è il prezzo da pagare per ottenere un tour mondiale, l’anima candida, io, che sono una vecchia carogna guasta, e non apprezzo il sole d’Iddio oltre la finestra del reparto di ematologia, fatico a trovarmi serate per umili reading da solo. Reading dove vorrei leggere la mia, di poesia, che è tutta imbastita proprio su questa storia irreale, sul dolore, sulla fatica, sulla disperazione di vivere e, chissà, di non vivere più.

Ma se non sono io a prendermi addosso anche questo fardello, anche voi lettori, voi malati come me, state freschi. Perché fanno tutti come l’anima bella Allevi. Perché sanno benissimo perché versano in condizioni disperate, ma hanno ancora più paura del regime, delle sue punizioni, dei suoi boicottaggi, che di morire. Perché hanno paura della verità. Perché mi risulto essere l’unico, fra i giornalisti, fra i personaggi pubblici, con la voglia e con la rabbia di raccontare che non ci siamo ammalati per noia o per sport: ce lo hanno fatto, con una organizzazione mondiale, perfetta, precisa, scientifica, almeno quella, e nessuno paga. Non gli stragisti cinesi e americani, non il criminale di guerra in tempo di pace Fauci, al quale anzi offriamo tappeti rossi, laboratori e protezione qui, non gli sgherri di un miserabile potere nazionale. Che fanno e disfano e rifanno librettini di ***** che nessuno legge ma servono alla menzogna, servono alle alleanze consumate o tentate, a mandare messaggi, a sondare il terreno. Non pagano i ministri bugiardi e fallimentari, non pagano i virologi p.....e, non pagano le meretrici dell’informazione, non paga la politica ******** e opportunista. Non paga nessuno di loro.

Perché non si è veramente vaccinato nessuno di loro. Se l’hanno fatto, hanno scelto la riserva distillata, non i sieri cancerogeni che hanno rifilato a noi. E che vogliono somministrarci ancora, siccome 'va sfoltito il 10% della popolazione globale', come teorizza il Bill Gates della produzione industriale di vaccini, vanno eliminati “4 miliardi di mangiatori inutili” come predicano gli Schwab, i Timmermans del WEF e della UE sotto la regia della Baronessa Borderlinen che ha negoziato dieci o trenta miliardi di dosi col Pouirla della Pfizer a prezzo rimasto segreto, siccome poi fanno le normative sulla trasparenza obbligatoria. Per gli altri. Per i malati...E non posso fare di più, come vorrei, perché nessuno mi chiama, almeno nel giro mainstream. Neanche il caro Mario Giordano, che pure ha avuto una giornalista spacciata dal turbocancro
(il riferimento è alla giornalista Carlotta Dessì n.d.s.). Ma lui agisce da sano, non da paziente “ontologico” come me. Non si preoccupi, a me il monopolio dell’eroismo non interessa per un ***** di niente, è che io forse sono l’unico ad unire le due condizioni, di informatore e di malato e parlo documentandomi ma prima ancora sulla mia pelle, sul mio sangue.

Io, vaccinato, dico, scrivo che i vaccini mi hanno ammalato...Sono contento se Allevi finalmente ne è uscito, io non so ancora di che morte morirò e quando. Certo, si spera sempre. Ma lasciate perdere il guerriero, l’eroe, il campione ed altre retoriche da romanzo...non c’è nessun merito in questo, il corpo reagisce, se ce la fa, la mente gli va dietro, se non è irreversibilmente sconvolta. Io sarei un farabutto se dicessi sì, amici, lettori, avete ragione, sono un duro, sono un coraggioso, non mi piego e lo faccio per voi. È la malattia che è roba da duri e lo è la cura. E non si racconta coi minuetti e le commozioni facili al cospetto di un presentatore che di straforo con un occhio guarda il gobbo e con l’altro l’orologio. Non pretendo nessun proclama rivoluzionario, nessuna pagliacciata anarcoide. Ma se vai lì, non ci vai a far teatro e far pietà, non ci vai a suscitare la commozione di gente che aspetta Angelina Mango e Geolier. Ci vai anche a dire qualcosa, una piccola verità, un sospetto. Va bene dire che non hai più un corpo, ma dire che te la cavi 'suonando con l’anima' è troppo facile, andiamo. È scontato, telefonato, cerca l’applauso, la lacrimuccia facile. Non hai più un corpo e questo è tutto, *****...Adesso capisco perché gli invalidi che soccorrevo 34 anni fa a Capodarco bestemmiavano. È umiliante, Cristo. Non c’è sole che tenga...Non accarezzo tasti, li schiaccio, li percuoto. Ma non vi illudo, non vi inganno. Anche se mi costa un supplemento di malattia, mi fa sentire più condannato ancora."
.

Riassunto dell'articolo dal titolo "Io, Allevi e il cancro. Ma perché anche tu taci, fai teatro, e non dici le cose come stanno?" visibile integramente sul sito de "Il Giornale d'Italia".
Onore a quest'uomo.
Si beccherà gli insulti e le insinuazioni sporche di tutto il baraccone, dei suoi accoliti, degli ottusi e di tutti coloro che, nonostante le evidenze facilmente osservabili e/o reperibili, preferiscono chiudere gli occhietti, ma ha detto solo e soltanto ciò che andava detto e che ai piani alti, specialmente in Italia, nessuno si prende la briga di dire o anche solo abbozzare. Figurati gli Allevi e compagnia musicante che - come tanti - al "sistema" han sempre cercato di aggrapparsi e adeguarsi.
"Turbo cancro" lo chiamano, va bene, "è sempre successo" si apprestano a dire, ma i numeri non mentono, le statistiche - che tanto facevano comodo e spesso strumentalizzavano -su patologie di sistema immunitario e cardio-circolatorio nemmeno... per lo meno quelle che forniscono in altri paesi.
Chissà se un giorno i criminali al parlamento, tutti eh, e tutti i collusi e i corrotti pagheranno le loro malefatte. Probabilmente no.

Niente altro da aggiungere, anche perchè inutile e controproducente. Solo di nuovo onore a quest'uomo.
 
Alto
head>