Leao (e Giroud): servono gol. Che differenza con Mbappè e Kvara.

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
199,427
Reaction score
25,488
Come riportato dalla GDS in edicola, al Milan servono i gol di Leao. Meno cross e più fuoco in area . Il portoghese è uno da 15 reti a campionato ma cerca poco la porta, con e senza palla. Contro Mbappé è il momento di cambiare. Che differenza
con Mbappè e Kvara, che crossano molto meno ma in area sono più efficaci. Prendiamo come pietre di paragone i due esterni sinistri che Leao affronterà nelle prossime partite: Mbappé (Psg) e Kvaratskhelia (Napoli). Il parigino (4,9) e il georgiano (4,2) doppiano il portoghese (1,9) per media di tiri a partita. E lo staccano in modo ancora più significativo nella graduatoria dei tocchi in area che Mbappé guida con una media di 11,4 a partita, su Kvara (9,0) e Leao (7,4). Per questo Pioli snicchera l’omino Rafa, lo vuole più vicino all’area, e non solo fuori a scodellare cross. Infatti, quella dei cross a segno è l’unica classifica dominata dal rossonero (1) davanti a Mbappé (0,2) e Kvara (0,1). Ma è uno spreco ridurlo a una catapulta. Come usare una statua di Modigliani come ferma porta. In questi anni rossoneri, Pioli ha lavorato molto e bene sul talento puro di Rafa, sfrondandone gli eccessi e incattivendone la fase offensiva. Ma lo vuole ancora più presente in area, palla al piede, e anche sen- za, aggredendo il secondo palo, quando Calabria e Pulisic lavora- no a destra, mettendoci la cattiveria che usano Mbappé e Cristiano Ronaldo quando si staccano dalla fascia mancina per attaccare la porta. In realtà, il paragone con Kylian e CR7 suona ingeneroso, perché, anche se amano partire defilati, sono due prime punte, esentate dal lavoro sporco senza palla. Leao aiuta un po’ di più. Non così tanto, secondo Sacchi... Ma, in cambio di questo privilegio, il Milan lo pretende più decisivo, come Mbappè: 9 gol in 10 match stagionali con il Psg, 2 nell’ultimo impegno nazionale contro l’Olanda. Pioli gli parla spesso e gli mostra video. Lo vuole decisivo come a Napoli lo scorso aprile.

Il CorSport si concentra sulla crisi da gol della coppia Leao Giroud. Il francese non segna da oltre 50 giorni. Il portoghese a secco da più di un mese. In Champions non c’è più tempo da perdere. Anche con la Juve emerse le difficoltà realizzative. Pioli chiede cinismo e concretezza per uscire in fretta dall’empasse
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
199,427
Reaction score
25,488
Come riportato dalla GDS in edicola, al Milan servono i gol di Leao. Meno cross e più fuoco in area . Il portoghese è uno da 15 reti a campionato ma cerca poco la porta, con e senza palla. Contro Mbappé è il momento di cambiare. Che differenza
con Mbappè e Kvara, che crossano molto meno ma in area sono più efficaci. Prendiamo come pietre di paragone i due esterni sinistri che Leao affronterà nelle prossime partite: Mbappé (Psg) e Kvaratskhelia (Napoli). Il parigino (4,9) e il georgiano (4,2) doppiano il portoghese (1,9) per media di tiri a partita. E lo staccano in modo ancora più significativo nella graduatoria dei tocchi in area che Mbappé guida con una media di 11,4 a partita, su Kvara (9,0) e Leao (7,4). Per questo Pioli snicchera l’omino Rafa, lo vuole più vicino all’area, e non solo fuori a scodellare cross. Infatti, quella dei cross a segno è l’unica classifica dominata dal rossonero (1) davanti a Mbappé (0,2) e Kvara (0,1). Ma è uno spreco ridurlo a una catapulta. Come usare una statua di Modigliani come ferma porta. In questi anni rossoneri, Pioli ha lavorato molto e bene sul talento puro di Rafa, sfrondandone gli eccessi e incattivendone la fase offensiva. Ma lo vuole ancora più presente in area, palla al piede, e anche sen- za, aggredendo il secondo palo, quando Calabria e Pulisic lavora- no a destra, mettendoci la cattiveria che usano Mbappé e Cristiano Ronaldo quando si staccano dalla fascia mancina per attaccare la porta. In realtà, il paragone con Kylian e CR7 suona ingeneroso, perché, anche se amano partire defilati, sono due prime punte, esentate dal lavoro sporco senza palla. Leao aiuta un po’ di più. Non così tanto, secondo Sacchi... Ma, in cambio di questo privilegio, il Milan lo pretende più decisivo, come Mbappè: 9 gol in 10 match stagionali con il Psg, 2 nell’ultimo impegno nazionale contro l’Olanda. Pioli gli parla spesso e gli mostra video. Lo vuole decisivo come a Napoli lo scorso aprile.

.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
199,427
Reaction score
25,488
Il CorSport si concentra sulla crisi da gol della coppia Leao Giroud. Il francese non segna da oltre 50 giorni. Il portoghese a secco da più di un mese. In Champions non c’è più tempo da perdere. Anche con la Juve emerse le difficoltà realizzative. Pioli chiede cinismo e concretezza per uscire in fretta dall’empasse
 

Djici

Senior Member
Registrato
27 Agosto 2012
Messaggi
27,059
Reaction score
6,404
Come riportato dalla GDS in edicola, al Milan servono i gol di Leao. Meno cross e più fuoco in area . Il portoghese è uno da 15 reti a campionato ma cerca poco la porta, con e senza palla. Contro Mbappé è il momento di cambiare. Che differenza
con Mbappè e Kvara, che crossano molto meno ma in area sono più efficaci. Prendiamo come pietre di paragone i due esterni sinistri che Leao affronterà nelle prossime partite: Mbappé (Psg) e Kvaratskhelia (Napoli). Il parigino (4,9) e il georgiano (4,2) doppiano il portoghese (1,9) per media di tiri a partita. E lo staccano in modo ancora più significativo nella graduatoria dei tocchi in area che Mbappé guida con una media di 11,4 a partita, su Kvara (9,0) e Leao (7,4). Per questo Pioli snicchera l’omino Rafa, lo vuole più vicino all’area, e non solo fuori a scodellare cross. Infatti, quella dei cross a segno è l’unica classifica dominata dal rossonero (1) davanti a Mbappé (0,2) e Kvara (0,1). Ma è uno spreco ridurlo a una catapulta. Come usare una statua di Modigliani come ferma porta. In questi anni rossoneri, Pioli ha lavorato molto e bene sul talento puro di Rafa, sfrondandone gli eccessi e incattivendone la fase offensiva. Ma lo vuole ancora più presente in area, palla al piede, e anche sen- za, aggredendo il secondo palo, quando Calabria e Pulisic lavora- no a destra, mettendoci la cattiveria che usano Mbappé e Cristiano Ronaldo quando si staccano dalla fascia mancina per attaccare la porta. In realtà, il paragone con Kylian e CR7 suona ingeneroso, perché, anche se amano partire defilati, sono due prime punte, esentate dal lavoro sporco senza palla. Leao aiuta un po’ di più. Non così tanto, secondo Sacchi... Ma, in cambio di questo privilegio, il Milan lo pretende più decisivo, come Mbappè: 9 gol in 10 match stagionali con il Psg, 2 nell’ultimo impegno nazionale contro l’Olanda. Pioli gli parla spesso e gli mostra video. Lo vuole decisivo come a Napoli lo scorso aprile.

Il CorSport si concentra sulla crisi da gol della coppia Leao Giroud. Il francese non segna da oltre 50 giorni. Il portoghese a secco da più di un mese. In Champions non c’è più tempo da perdere. Anche con la Juve emerse le difficoltà realizzative. Pioli chiede cinismo e concretezza per uscire in fretta dall’empasse
Per una volta concordo con un giornalista 😅
A leao andrebbe vietato di crossare così a caso sul secondo palo.
O la mette rasoterra o cerca un'altra soluzione. Tenta poco la conclusione però e anche vero che il tiro non è di certo il suo punto forte.
Dico che ci vuole la cura Capello-Ibra.
Tirare da tutte le posizioni... Destro e sinistro. 2 ore al giorno.
 
Registrato
8 Ottobre 2018
Messaggi
44,081
Reaction score
14,290
Per una volta concordo con un giornalista 😅
A leao andrebbe vietato di crossare così a caso sul secondo palo.
O la mette rasoterra o cerca un'altra soluzione. Tenta poco la conclusione però e anche vero che il tiro non è di certo il suo punto forte.
Dico che ci vuole la cura Capello-Ibra.
Tirare da tutte le posizioni... Destro e sinistro. 2 ore al giorno.
per trovare uno che crossa così male bisogna tornare ai tempi di ziege.
 
Registrato
29 Ottobre 2017
Messaggi
4,473
Reaction score
1,757
Leao crossa a caso. È un gesto di deresponsabilizzazione che uno si aspetterebbe da un kalulu (centrale adattato a terzio) più che dal più forte della squadra.

Sei veloce, riesci a dribblare, gli avversari ti tengono a fatica? Ogni volta che hai palla devi provarci.
Non puoi puntare l'uomo una volta e poi per le successive 5 azioni crossare molle, lento a rientrare sul secondo palo. Come a dire "io l'ho buttata in mezzo, tocca a voi fare gol"
 

Zlatan87

Junior Member
Registrato
18 Luglio 2018
Messaggi
690
Reaction score
187
Il CorSport si concentra sulla crisi da gol della coppia Leao Giroud. Il francese non segna da oltre 50 giorni. Il portoghese a secco da più di un mese. In Champions non c’è più tempo da perdere. Anche con la Juve emerse le difficoltà realizzative. Pioli chiede cinismo e concretezza per uscire in fretta dall’empasse
La nostra fase offensiva è questa: Sprint di Leao che salta l'uomo e crossa col sinistro (piede debole). fine.
Nessuno che prova il tiro da fuori, solo Pulisic a volte. I cc non riempiono mai l'area e i cross vengono ribattuti (quindi a che caxxo serve 1vs1 dei centrali dietro boh).
la colpa è del pelato in panca che ha messo su un 4-3-3 da brividi
 
Registrato
27 Agosto 2012
Messaggi
30,123
Reaction score
1,468
Come riportato dalla GDS in edicola, al Milan servono i gol di Leao. Meno cross e più fuoco in area . Il portoghese è uno da 15 reti a campionato ma cerca poco la porta, con e senza palla. Contro Mbappé è il momento di cambiare. Che differenza
con Mbappè e Kvara, che crossano molto meno ma in area sono più efficaci. Prendiamo come pietre di paragone i due esterni sinistri che Leao affronterà nelle prossime partite: Mbappé (Psg) e Kvaratskhelia (Napoli). Il parigino (4,9) e il georgiano (4,2) doppiano il portoghese (1,9) per media di tiri a partita. E lo staccano in modo ancora più significativo nella graduatoria dei tocchi in area che Mbappé guida con una media di 11,4 a partita, su Kvara (9,0) e Leao (7,4). Per questo Pioli snicchera l’omino Rafa, lo vuole più vicino all’area, e non solo fuori a scodellare cross. Infatti, quella dei cross a segno è l’unica classifica dominata dal rossonero (1) davanti a Mbappé (0,2) e Kvara (0,1). Ma è uno spreco ridurlo a una catapulta. Come usare una statua di Modigliani come ferma porta. In questi anni rossoneri, Pioli ha lavorato molto e bene sul talento puro di Rafa, sfrondandone gli eccessi e incattivendone la fase offensiva. Ma lo vuole ancora più presente in area, palla al piede, e anche sen- za, aggredendo il secondo palo, quando Calabria e Pulisic lavora- no a destra, mettendoci la cattiveria che usano Mbappé e Cristiano Ronaldo quando si staccano dalla fascia mancina per attaccare la porta. In realtà, il paragone con Kylian e CR7 suona ingeneroso, perché, anche se amano partire defilati, sono due prime punte, esentate dal lavoro sporco senza palla. Leao aiuta un po’ di più. Non così tanto, secondo Sacchi... Ma, in cambio di questo privilegio, il Milan lo pretende più decisivo, come Mbappè: 9 gol in 10 match stagionali con il Psg, 2 nell’ultimo impegno nazionale contro l’Olanda. Pioli gli parla spesso e gli mostra video. Lo vuole decisivo come a Napoli lo scorso aprile.

Il CorSport si concentra sulla crisi da gol della coppia Leao Giroud. Il francese non segna da oltre 50 giorni. Il portoghese a secco da più di un mese. In Champions non c’è più tempo da perdere. Anche con la Juve emerse le difficoltà realizzative. Pioli chiede cinismo e concretezza per uscire in fretta dall’empasse
Ma tra Rafa e Mbappe ci sono 2-3 categorie di differenza. Di che parliamo. Giroud ha 37 anni e se da quel che leggo stravedono per David, al di là delle nostre opinioni, bisogna investire sul canadese.
 

Solo

Senior Member
Registrato
30 Agosto 2012
Messaggi
14,249
Reaction score
5,510
Come riportato dalla GDS in edicola, al Milan servono i gol di Leao. Meno cross e più fuoco in area . Il portoghese è uno da 15 reti a campionato ma cerca poco la porta, con e senza palla. Contro Mbappé è il momento di cambiare. Che differenza
con Mbappè e Kvara, che crossano molto meno ma in area sono più efficaci. Prendiamo come pietre di paragone i due esterni sinistri che Leao affronterà nelle prossime partite: Mbappé (Psg) e Kvaratskhelia (Napoli). Il parigino (4,9) e il georgiano (4,2) doppiano il portoghese (1,9) per media di tiri a partita. E lo staccano in modo ancora più significativo nella graduatoria dei tocchi in area che Mbappé guida con una media di 11,4 a partita, su Kvara (9,0) e Leao (7,4). Per questo Pioli snicchera l’omino Rafa, lo vuole più vicino all’area, e non solo fuori a scodellare cross. Infatti, quella dei cross a segno è l’unica classifica dominata dal rossonero (1) davanti a Mbappé (0,2) e Kvara (0,1). Ma è uno spreco ridurlo a una catapulta. Come usare una statua di Modigliani come ferma porta. In questi anni rossoneri, Pioli ha lavorato molto e bene sul talento puro di Rafa, sfrondandone gli eccessi e incattivendone la fase offensiva. Ma lo vuole ancora più presente in area, palla al piede, e anche sen- za, aggredendo il secondo palo, quando Calabria e Pulisic lavora- no a destra, mettendoci la cattiveria che usano Mbappé e Cristiano Ronaldo quando si staccano dalla fascia mancina per attaccare la porta. In realtà, il paragone con Kylian e CR7 suona ingeneroso, perché, anche se amano partire defilati, sono due prime punte, esentate dal lavoro sporco senza palla. Leao aiuta un po’ di più. Non così tanto, secondo Sacchi... Ma, in cambio di questo privilegio, il Milan lo pretende più decisivo, come Mbappè: 9 gol in 10 match stagionali con il Psg, 2 nell’ultimo impegno nazionale contro l’Olanda. Pioli gli parla spesso e gli mostra video. Lo vuole decisivo come a Napoli lo scorso aprile.

Il CorSport si concentra sulla crisi da gol della coppia Leao Giroud. Il francese non segna da oltre 50 giorni. Il portoghese a secco da più di un mese. In Champions non c’è più tempo da perdere. Anche con la Juve emerse le difficoltà realizzative. Pioli chiede cinismo e concretezza per uscire in fretta dall’empasse
Sempre narrazione pro Pioli. La colpa è dei giocatori, l'allenatore è un santo incolpevole. Ormai è uguale ad Allegri.
 

Djici

Senior Member
Registrato
27 Agosto 2012
Messaggi
27,059
Reaction score
6,404
Leao crossa a caso. È un gesto di deresponsabilizzazione che uno si aspetterebbe da un kalulu (centrale adattato a terzio) più che dal più forte della squadra.

Sei veloce, riesci a dribblare, gli avversari ti tengono a fatica? Ogni volta che hai palla devi provarci.
Non puoi puntare l'uomo una volta e poi per le successive 5 azioni crossare molle, lento a rientrare sul secondo palo. Come a dire "io l'ho buttata in mezzo, tocca a voi fare gol"
Deve cercare più spesso di rientrare sul destro per provare la conclusione a giro come fanno il 95% degli esterni.
Può anche mettere la palla a 45 gradi per reijnders... Ma l'olandese sembra ancora più scarso al tiro del portoghese
 
Alto
head>