Israele, ecco piano post guerra per gestire Palestina

Andris

Senior Member
Registrato
21 Febbraio 2019
Messaggi
34,728
Reaction score
10,574
Secondo il quotidiano israeliano Maariv oggi, il governo israeliano ha presentato agli Stati Uniti il suo piano post bellico per la gestione palestinese.

-fase 1: governo militare israeliano a Gaza per gestire aiuti umanitari e popolazione civile

-fase 2: creazione di una coalizione internazionale araba tra cui figurano Arabia Saudita, Marocco, Emirati Arabi Uniti, Egitto, Bahrain tra gli altri

-fase 3: istituzione di una "nuova autorità palestinese" con soggetti non compromessi con Hamas e non facenti parte delle guardie di Abu Mazen.
A questo punto il governo militare si scioglierà, ma Tel Aviv avrà la possibilità in qualunque momento di intervenire qualora esistano problemi di sicurezza nazionale urgenti

-fase 4: riforma totale dell'amministrazione in Cisgiordania, fino ai testi di studio a scuola per disincentiva contiguità con terrorismo e non formarne futuri adepti. Durerà tra due e quattro anni

-fase 5: qualora tutte le precedenti fasi saranno andate a buon fine, allora Tel Aviv riconoscerà uno stato palestinese innanzitutto nei territori della "nuova autorità palestinese" poi discuterà anche di aggiungervi dei territori posseduti oggi dai coloni israeliani



La perdita dell'alleato saudita, passato ufficialmente tra i BRICS, è stato uno dei grandi fallimenti esteri dell'amministrazione Biden.
Riportare in qualche modo in ottica occidentale Riyad sarebbe sicuramente di interesse per Washington, il punto è a che a prezzo e se i BRICS lo permetterebbero ovviamente.
Inoltre Israele necessita di un'alternativa rotta commerciale, visti i problemi del commercio marittimo per gli attacchi Houthi.

Netanyahu, da scaltro esperto uomo di governo, lavora su più tavoli e soprattutto non si espone mai personalmente così in caso di fallimento di un piano non sia mai lui ad aver fallito ma qualcuno dei suoi confidenti collaboratori.
In questo piano ad esempio sono attivi uomini d'affari e il suo intimo amico Ron Dermer.

C'è già il precedente del decennio scorso con "il canale di Londra", con cui Netanyahu trattò con Abu Mazen tramite il suo amico avvocato Malcho, e che portarono alla trattativa del segretario di stato Kerry su come sarebbe stato riconosciuto lo stato palestinese a cui ANP non ha mai aderito
 

fabri47

Senior Member
Registrato
15 Dicembre 2016
Messaggi
28,069
Reaction score
5,429
Secondo il quotidiano israeliano Maariv oggi, il governo israeliano ha presentato agli Stati Uniti il suo piano post bellico per la gestione palestinese.

-fase 1: governo militare israeliano a Gaza per gestire aiuti umanitari e popolazione civile

-fase 2: creazione di una coalizione internazionale araba tra cui figurano Arabia Saudita, Marocco, Emirati Arabi Uniti, Egitto, Bahrain tra gli altri

-fase 3: istituzione di una "nuova autorità palestinese" con soggetti non compromessi con Hamas e non facenti parte delle guardie di Abu Mazen.
A questo punto il governo militare si scioglierà, ma Tel Aviv avrà la possibilità in qualunque momento di intervenire qualora esistano problemi di sicurezza nazionale urgenti

-fase 4: riforma totale dell'amministrazione in Cisgiordania, fino ai testi di studio a scuola per disincentiva contiguità con terrorismo e non formarne futuri adepti. Durerà tra due e quattro anni

-fase 5: qualora tutte le precedenti fasi saranno andate a buon fine, allora Tel Aviv riconoscerà uno stato palestinese innanzitutto nei territori della "nuova autorità palestinese" poi discuterà anche di aggiungervi dei territori posseduti oggi dai coloni israeliani



La perdita dell'alleato saudita, passato ufficialmente tra i BRICS, è stato uno dei grandi fallimenti esteri dell'amministrazione Biden.
Riportare in qualche modo in ottica occidentale Riyad sarebbe sicuramente di interesse per Washington, il punto è a che a prezzo e se i BRICS lo permetterebbero ovviamente.
Inoltre Israele necessita di un'alternativa rotta commerciale, visti i problemi del commercio marittimo per gli attacchi Houthi.

Netanyahu, da scaltro esperto uomo di governo, lavora su più tavoli e soprattutto non si espone mai personalmente così in caso di fallimento di un piano non sia mai lui ad aver fallito ma qualcuno dei suoi confidenti collaboratori.
In questo piano ad esempio sono attivi uomini d'affari e il suo intimo amico Ron Dermer.

C'è già il precedente del decennio scorso con "il canale di Londra", con cui Netanyahu trattò con Abu Mazen tramite il suo amico avvocato Malcho, e che portarono alla trattativa del segretario di stato Kerry su come sarebbe stato riconosciuto lo stato palestinese a cui ANP non ha mai aderito
Quindi tutto sto casino e Hamas sarà ancora in vita? :rotolo:
 

Andris

Senior Member
Registrato
21 Febbraio 2019
Messaggi
34,728
Reaction score
10,574
Quindi tutto sto casino e Hamas sarà ancora in vita? :rotolo:
ovvio che sarà in vita, non puoi sterminarli tutti, ma verrebbe escluso dall'amministrazione ufficiale e non gestirebbe più i fondi dall'estero (almeno quelli ufficiali) quindi pensano di tenerlo sotto controllo tramite servizi segreti
in pratica non faranno più elezioni a Gaza e in Cisgiordania imporrebbero le riforme che vogliono loro
 

Milanoide

Junior Member
Registrato
9 Agosto 2015
Messaggi
4,189
Reaction score
1,213
Ma traslocare Israele ed Israeliani altrove (USA, Italia?) e lasciare i "beduini" al loro destino?
 

bobbylukr

Well-known member
Registrato
22 Luglio 2022
Messaggi
3,033
Reaction score
2,304
Secondo il quotidiano israeliano Maariv oggi, il governo israeliano ha presentato agli Stati Uniti il suo piano post bellico per la gestione palestinese.

-fase 1: governo militare israeliano a Gaza per gestire aiuti umanitari e popolazione civile

-fase 2: creazione di una coalizione internazionale araba tra cui figurano Arabia Saudita, Marocco, Emirati Arabi Uniti, Egitto, Bahrain tra gli altri

-fase 3: istituzione di una "nuova autorità palestinese" con soggetti non compromessi con Hamas e non facenti parte delle guardie di Abu Mazen.
A questo punto il governo militare si scioglierà, ma Tel Aviv avrà la possibilità in qualunque momento di intervenire qualora esistano problemi di sicurezza nazionale urgenti

-fase 4: riforma totale dell'amministrazione in Cisgiordania, fino ai testi di studio a scuola per disincentiva contiguità con terrorismo e non formarne futuri adepti. Durerà tra due e quattro anni

-fase 5: qualora tutte le precedenti fasi saranno andate a buon fine, allora Tel Aviv riconoscerà uno stato palestinese innanzitutto nei territori della "nuova autorità palestinese" poi discuterà anche di aggiungervi dei territori posseduti oggi dai coloni israeliani



La perdita dell'alleato saudita, passato ufficialmente tra i BRICS, è stato uno dei grandi fallimenti esteri dell'amministrazione Biden.
Riportare in qualche modo in ottica occidentale Riyad sarebbe sicuramente di interesse per Washington, il punto è a che a prezzo e se i BRICS lo permetterebbero ovviamente.
Inoltre Israele necessita di un'alternativa rotta commerciale, visti i problemi del commercio marittimo per gli attacchi Houthi.

Netanyahu, da scaltro esperto uomo di governo, lavora su più tavoli e soprattutto non si espone mai personalmente così in caso di fallimento di un piano non sia mai lui ad aver fallito ma qualcuno dei suoi confidenti collaboratori.
In questo piano ad esempio sono attivi uomini d'affari e il suo intimo amico Ron Dermer.

C'è già il precedente del decennio scorso con "il canale di Londra", con cui Netanyahu trattò con Abu Mazen tramite il suo amico avvocato Malcho, e che portarono alla trattativa del segretario di stato Kerry su come sarebbe stato riconosciuto lo stato palestinese a cui ANP non ha mai aderito

Non ho capito cosa c'entra Gaza con l'amministrazione della Cisgiordania.
Questi sperano veramente che un giorno gli arabo-palestinesi accettino "come d'incanto" di essere sudditi degli israeliani.
Boh. È più facile vedere - letteralmente eh- asini che volano.
 

fabri47

Senior Member
Registrato
15 Dicembre 2016
Messaggi
28,069
Reaction score
5,429
ovvio che sarà in vita, non puoi sterminarli tutti, ma verrebbe escluso dall'amministrazione ufficiale e non gestirebbe più i fondi dall'estero (almeno quelli ufficiali) quindi pensano di tenerlo sotto controllo tramite servizi segreti
in pratica non faranno più elezioni a Gaza e in Cisgiordania imporrebbero le riforme che vogliono loro
Solite parachiulate. Alla fine il vero nemico di Netanyahu sono i civili palestinesi.
 
Alto
head>