Inzaghi, DiMarco, Lautaro e Marotta:"San Siro milanista ora è nostro".

Registrato
10 Marzo 2021
Messaggi
15,371
Reaction score
15,911
Tempo al tempo…vincere va bene, ma qui è stato architettato per infangare la storia del
Milan…certo complice Pioli è la sua armata di pappamolle che invece di reagire dopo mesi di prese per il cu si sono fatti letteralmente umiliare per l’ennesima volta. Ps Marotta Marotta occhio che fai la fine di Moggi…

Sisi, architettato dai poteri forti :sisi:
Piuttosto che farmi umiliare in questa maniera, o oggi entravo in campo facendo il diavolo a 4, oppure perdevo appositamente qualche partita e glie lo facevo vincere prima e sicuramente non in casa mia.

Invece no, troppo impegnati a fare i segmentini di vittorie per ricercare l'inutile riconferma.
7 volte stronxi
 

Commodore06

Well-known member
Registrato
1 Ottobre 2023
Messaggi
1,751
Reaction score
1,712
Sentite Marotta sullo zoccolo duro di italiani e poi pensate a tutta la nostra babele di medioman, cosa sempre sottolineata la scorsa estate.
Il famoso zoccolo duro italiano che abbiamo perso per strada. Abbiamo solo medioman stranieri, per lo più africani.
 

Antokkmilan

Well-known member
Registrato
4 Dicembre 2021
Messaggi
5,516
Reaction score
2,590
Sisi, architettato dai poteri forti :sisi:
Piuttosto che farmi umiliare in questa maniera, o oggi entravo in campo facendo il diavolo a 4, oppure perdevo appositamente qualche partita e glie lo facevo vincere prima e sicuramente non in casa mia.

Invece no, troppo impegnati a fare i segmentini di vittorie per ricercare l'inutile riconferma.
7 volte stronxi
Hai ragione e sono inczzato nero, ma i poteri forti esistono😃. Comunque non ho visto la partita ma vado a immaginazione…non avremo vinto nemmeno con 5 rigori a favore.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
209,459
Reaction score
31,042
Inzaghi in conferenza:"Lo Scudetto stasera è una bellissima serata, da condividere con tutti, società, dirigenti, presidente che purtroppo non è qui con noi ma che è felicissimo e l'ho sentito. Il pensiero va anche alla mia famiglia, a mia moglie, ai miei genitori, che in questi tre anni sono stati importanti. Il mio limite è non tener fuori il lavoro duori di casa, quindi li ringrazio tutti. Questa gente, la passione dei tifosi. Vedo 3 anni con 6 trofei e una finale di Champions: era difficili immaginarsela così. Grazie ai ragazzi. Abbiamo la matematica in un derby in casa del Milan: è un qualcosa che rimarrà. Vorrei rendere onore al Milan: non era per loro semplice giocare psicologicamente e hanno dato tutto fino alla fine, sono stati validissimi avversari in questi tre anni e lo saranno anche nei prossimi anni. Volevamo vincerlo stasera. Pensavo che qualcuno dicesse qualcosa stamattina per l'allenamento sotto la pioggia, ma nessuno: abbiamo lavorato stamattina su dettagli che sono stati importantissimi, come sui piazzati. Sono stati tre anni meravigliosi".

Lautaro dopo la vittoria nel derby:"Mi verrà tanto da piangere perché abbiamo sofferto tanto, ci meritavamo questa allegria. Lo dedico alla mia famiglia che è in Argentina, ai miei figli e a tutti i compagni. Nel calcio si può vincere e si può perdere, questo vale il doppio della felicità. Gliel’ho detto ai ragazzi, era una situazione che non era mai capitata e dovevamo approfittarne. Guarda, tutto lo stadio è nostro ora. Portare questo grande club alla vittoria"

Marotta a DAZN:"La dedica al nostro presidente Zhang. A Inzaghi, che è stato l’artefice. Ai miei collaboratori. A tutti i dipendenti dell’Inter. Abbiamo curato i particolari. Tutto e contributo a far si che si arrivasse alla seconda stella, obiettivo straordinario. Ogni allenatore ha il suo metodo e il suo linguaggio. Inzaghi si è relazionato in modo perfetto con i giocatori. E' l'amico e l'ex collega. Ha valorizzato al massimo quello che gli abbiamo messo a disposizione. E lo zoccolo duro di italiani è fondamentale per capire cosa vuol dire giocare in Italia. Noi abbiamo un modello vincente, che è quello degli ultimi anni, e dobbiamo continuare a seguirlo. Cessioni? Al momento non parte nessuno".
.
 
Registrato
10 Marzo 2021
Messaggi
15,371
Reaction score
15,911
Hai ragione e sono inczzato nero, ma i poteri forti esistono😃. Comunque non ho visto la partita ma vado a immaginazione…non avremo vinto nemmeno con 5 rigori a favore.

Purtroppo è difficile vincere con un sabotatore in panchina che si inventa nuovi moduli e ruoli nel derby.
penso che neanche con Bonera in panchina il Milan sarebbe riuscito nell'impresa di perdere 6 derby su 6.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
209,459
Reaction score
31,042
Inzaghi in conferenza:"Lo Scudetto stasera è una bellissima serata, da condividere con tutti, società, dirigenti, presidente che purtroppo non è qui con noi ma che è felicissimo e l'ho sentito. Il pensiero va anche alla mia famiglia, a mia moglie, ai miei genitori, che in questi tre anni sono stati importanti. Il mio limite è non tener fuori il lavoro duori di casa, quindi li ringrazio tutti. Questa gente, la passione dei tifosi. Vedo 3 anni con 6 trofei e una finale di Champions: era difficili immaginarsela così. Grazie ai ragazzi. Abbiamo la matematica in un derby in casa del Milan: è un qualcosa che rimarrà. Vorrei rendere onore al Milan: non era per loro semplice giocare psicologicamente e hanno dato tutto fino alla fine, sono stati validissimi avversari in questi tre anni e lo saranno anche nei prossimi anni. Volevamo vincerlo stasera. Pensavo che qualcuno dicesse qualcosa stamattina per l'allenamento sotto la pioggia, ma nessuno: abbiamo lavorato stamattina su dettagli che sono stati importantissimi, come sui piazzati. Sono stati tre anni meravigliosi".

Lautaro dopo la vittoria nel derby:"Mi verrà tanto da piangere perché abbiamo sofferto tanto, ci meritavamo questa allegria. Lo dedico alla mia famiglia che è in Argentina, ai miei figli e a tutti i compagni. Nel calcio si può vincere e si può perdere, questo vale il doppio della felicità. Gliel’ho detto ai ragazzi, era una situazione che non era mai capitata e dovevamo approfittarne. Guarda, tutto lo stadio è nostro ora. Portare questo grande club alla vittoria"

Marotta a DAZN:"La dedica al nostro presidente Zhang. A Inzaghi, che è stato l’artefice. Ai miei collaboratori. A tutti i dipendenti dell’Inter. Abbiamo curato i particolari. Tutto e contributo a far si che si arrivasse alla seconda stella, obiettivo straordinario. Ogni allenatore ha il suo metodo e il suo linguaggio. Inzaghi si è relazionato in modo perfetto con i giocatori. E' l'amico e l'ex collega. Ha valorizzato al massimo quello che gli abbiamo messo a disposizione. E lo zoccolo duro di italiani è fondamentale per capire cosa vuol dire giocare in Italia. Noi abbiamo un modello vincente, che è quello degli ultimi anni, e dobbiamo continuare a seguirlo. Cessioni? Al momento non parte nessuno.Siamo stati bravi a sostituire i partenti. Fuori dal campo siamo una squadra che riesce a non allarmarsi nel momento in cui ci sono partenze importanti. Sono partiti giocatori come Hakimi e Lukaku e li abbiamo sostituiti anche con un vantaggio economico. Noi abbiamo il coraggio di rischiare, La Champions è un torneo, a differenza del campionato ci sono circostanze favorevoli: ci siamo persi in quel di Madrid quest'anno. Qualcosa ci è mancato e il nostro modello deve trovare nella Champions la giusta determinazione. Lì dobbiamo migliorare ma credo sia più sull'aspetto della mentalità che su quello tattico o agonistico. Il futuro societario? Con Zhang abbiamo parlato non in modo diffuso. La sua intenzione è quella di proseguire al vertice della società: poi sarà la proprietà ad annunciare ciò che è giusto annunciare. Da parte sua c'è voglia di proseguire. Per noi non cambia nulla e sicuramente andremo avanti. Tutte le squadre italiane non possono sperperare soldi e fare operazioni giuste e coraggiose. Tutte queste comunicazioni sono loro e io rispetto questo ruolo"
.
 

Jino

Senior Member
Registrato
29 Agosto 2012
Messaggi
56,912
Reaction score
4,577
Sentite Marotta sullo zoccolo duro di italiani e poi pensate a tutta la nostra babele di medioman, cosa sempre sottolineata la scorsa estate.

Noi compriamo solamente stranieri dall'estero....gente che fa la serie A da anni non la vogliamo, sarebbe già pronta.

Comunque ormai la stagione è finita, se si pensa che abbiamo speso oltre 100 mln sul mercato per allestire sta rosa è da orticaria.
 

Jino

Senior Member
Registrato
29 Agosto 2012
Messaggi
56,912
Reaction score
4,577
Purtroppo è difficile vincere con un sabotatore in panchina che si inventa nuovi moduli e ruoli nel derby.
penso che neanche con Bonera in panchina il Milan sarebbe riuscito nell'impresa di perdere 6 derby su 6.

La storia del calcio insegna che la difesa vince sempre.

Tradotto, una squadra con un'ottima fase difensiva batte 99 volte su 100 una squadra con una pessima fase difensiva.

Se tu imposti una stagione con un "quest'anno giochiamo per fare un gol un più dell'avversario" è ovvio che quando trovi l'Inter di turno ti bastona, quando trovi il Borussia di turno ti elimina, quando trovi la Roma quadrata vai a casa....etc etc etc.....

Un dirigente bravo di calcio non condividerebbe mai un progetto simile del proprio allenatore, lo caccia il secondo giorno di ritiro.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
209,459
Reaction score
31,042
Zanetti:"Me l'aspettavo. Conosco questo gruppo e i valori che ha. Hanno fatto una cosa straordinaria e l'hanno meritato.I momenti ci sono stati fin dall'inizio. Si sapeva che c'erano delle difficoltà ma l'hanno superata. Il divario con la seconda in classifica lo dimostra"

DiMarco:"Felicissimi di aver vinto lo scudetto in questa partita. Abbiamo fatto qualcosa di straordinario. Io predestinato? No. L'Inter ho dovuta sudarmela. Sono felice di giocare per la mia squadra del cuore".

Inzaghi in conferenza:"Lo Scudetto stasera è una bellissima serata, da condividere con tutti, società, dirigenti, presidente che purtroppo non è qui con noi ma che è felicissimo e l'ho sentito. Il pensiero va anche alla mia famiglia, a mia moglie, ai miei genitori, che in questi tre anni sono stati importanti. Il mio limite è non tener fuori il lavoro duori di casa, quindi li ringrazio tutti. Questa gente, la passione dei tifosi. Vedo 3 anni con 6 trofei e una finale di Champions: era difficili immaginarsela così. Grazie ai ragazzi. Abbiamo la matematica in un derby in casa del Milan: è un qualcosa che rimarrà. Vorrei rendere onore al Milan: non era per loro semplice giocare psicologicamente e hanno dato tutto fino alla fine, sono stati validissimi avversari in questi tre anni e lo saranno anche nei prossimi anni. Volevamo vincerlo stasera. Pensavo che qualcuno dicesse qualcosa stamattina per l'allenamento sotto la pioggia, ma nessuno: abbiamo lavorato stamattina su dettagli che sono stati importantissimi, come sui piazzati. Sono stati tre anni meravigliosi".

Lautaro dopo la vittoria nel derby:"Mi verrà tanto da piangere perché abbiamo sofferto tanto, ci meritavamo questa allegria. Lo dedico alla mia famiglia che è in Argentina, ai miei figli e a tutti i compagni. Nel calcio si può vincere e si può perdere, questo vale il doppio della felicità. Gliel’ho detto ai ragazzi, era una situazione che non era mai capitata e dovevamo approfittarne. Guarda, tutto lo stadio è nostro ora. Portare questo grande club alla vittoria"

Marotta a DAZN:"La dedica al nostro presidente Zhang. A Inzaghi, che è stato l’artefice. Ai miei collaboratori. A tutti i dipendenti dell’Inter. Abbiamo curato i particolari. Tutto e contributo a far si che si arrivasse alla seconda stella, obiettivo straordinario. Ogni allenatore ha il suo metodo e il suo linguaggio. Inzaghi si è relazionato in modo perfetto con i giocatori. E' l'amico e l'ex collega. Ha valorizzato al massimo quello che gli abbiamo messo a disposizione. E lo zoccolo duro di italiani è fondamentale per capire cosa vuol dire giocare in Italia. Noi abbiamo un modello vincente, che è quello degli ultimi anni, e dobbiamo continuare a seguirlo. Cessioni? Al momento non parte nessuno.Siamo stati bravi a sostituire i partenti. Fuori dal campo siamo una squadra che riesce a non allarmarsi nel momento in cui ci sono partenze importanti. Sono partiti giocatori come Hakimi e Lukaku e li abbiamo sostituiti anche con un vantaggio economico. Noi abbiamo il coraggio di rischiare, La Champions è un torneo, a differenza del campionato ci sono circostanze favorevoli: ci siamo persi in quel di Madrid quest'anno. Qualcosa ci è mancato e il nostro modello deve trovare nella Champions la giusta determinazione. Lì dobbiamo migliorare ma credo sia più sull'aspetto della mentalità che su quello tattico o agonistico. Il futuro societario? Con Zhang abbiamo parlato non in modo diffuso. La sua intenzione è quella di proseguire al vertice della società: poi sarà la proprietà ad annunciare ciò che è giusto annunciare. Da parte sua c'è voglia di proseguire. Per noi non cambia nulla e sicuramente andremo avanti. Tutte le squadre italiane non possono sperperare soldi e fare operazioni giuste e coraggiose. Tutte queste comunicazioni sono loro e io rispetto questo ruolo"
.
 
Alto
head>