Ibra:”Il problema è il fisico. Gli obiettivi del Milan…”

  • Ultimi post
  • Ultime notizie

admin

Administrator
Membro dello Staff
Ibra a Sportweek:”La testa è il 50% di quello che faccio, se devo dire oggi il mio problema è il fisico che non le sta sempre dietro. Quando sono arrivato e ho chiesto nello spogliatoio quanti avessero giocato una partita in Champions hanno alzato la mano in due. Pensavo fosse uno scherzo… Ma l’obiettivo era la Champions e vincere lo scudetto, non ho avuto successo su questo, ma ci siamo andati vicini, siamo arrivati secondi. Non è solo grazie a me, abbiamo fatto un grande lavoro tutti insieme. I compagni, anche quelli giovani e inesperti, hanno capito cosa serve per arrivare dove siamo arrivati a maggio scorso, ma anche che manca qualcosa per arrivare primi. Stiamo tutti lavorando molto su questo".

"Quando in partita arriva la stanchezza, la testa non è sempre là, devi prendere decisioni velocemente ed è facile a quel punto sbagliare. Pensi lento. Volevo qualcosa che mi aiutasse in pochi minuti (perché sublinguale) a tenere la concentrazione. Avevo visto in tv Tiger Woods che giocava con un chewing-gum in bocca, il commentatore diceva che gli serviva a tenere giù la fame. E ho capito cosa serviva a me: non posso andare in giro per il campo con la bottiglia, con il chewing-gum sì. Ora nello spogliatoio del Milan vanno a ruba. La prendo prima della partita e la tengo finché non perde sapore. Ne prendo al massimo due, perché è vero che mi piace tanto l’adrenalina, ma devo anche riposare".

“Quando ero giovane giocavo e basta, anche se avevo male al tendine, come oggi. Volevo vincere e segnare, stop. Con il tempo e l’esperienza ho scoperto la testa. E ho capito quanto sia importante che parli con il corpo. Ecco, ora la mia testa sta bene, ma il mi fisico sta invecchiando, non sempre riesce a starle dietro ed è un problema… Quest’anno devo ascoltare il mio corpo, ogni piccolo segnale mi mandi. Solo così posso evitare conseguenze peggiori. E per giocare, come voglio, tutte le partite con continuità. Non come l’anno scorso. Devo portarmi dietro il fisico tutti giorni e dargli retta. Ragionare giorno per giorno, piano piano. E pensare che… non sono Superman!".
 
.

admin

Administrator
Membro dello Staff
Ibra a Sportweek:”La testa è il 50% di quello che faccio, se devo dire oggi il mio problema è il fisico che non le sta sempre dietro. Quando sono arrivato e ho chiesto nello spogliatoio quanti avessero giocato una partita in Champions hanno alzato la mano in due. Pensavo fosse uno scherzo… Ma l’obiettivo era la Champions e vincere lo scudetto, non ho avuto successo su questo, ma ci siamo andati vicini, siamo arrivati secondi. Non è solo grazie a me, abbiamo fatto un grande lavoro tutti insieme. I compagni, anche quelli giovani e inesperti, hanno capito cosa serve per arrivare dove siamo arrivati a maggio scorso, ma anche che manca qualcosa per arrivare primi. Stiamo tutti lavorando molto su questo".

"Quando in partita arriva la stanchezza, la testa non è sempre là, devi prendere decisioni velocemente ed è facile a quel punto sbagliare. Pensi lento. Volevo qualcosa che mi aiutasse in pochi minuti (perché sublinguale) a tenere la concentrazione. Avevo visto in tv Tiger Woods che giocava con un chewing-gum in bocca, il commentatore diceva che gli serviva a tenere giù la fame. E ho capito cosa serviva a me: non posso andare in giro per il campo con la bottiglia, con il chewing-gum sì. Ora nello spogliatoio del Milan vanno a ruba. La prendo prima della partita e la tengo finché non perde sapore. Ne prendo al massimo due, perché è vero che mi piace tanto l’adrenalina, ma devo anche riposare".

“Quando ero giovane giocavo e basta, anche se avevo male al tendine, come oggi. Volevo vincere e segnare, stop. Con il tempo e l’esperienza ho scoperto la testa. E ho capito quanto sia importante che parli con il corpo. Ecco, ora la mia testa sta bene, ma il mi fisico sta invecchiando, non sempre riesce a starle dietro ed è un problema… Quest’anno devo ascoltare il mio corpo, ogni piccolo segnale mi mandi. Solo così posso evitare conseguenze peggiori. E per giocare, come voglio, tutte le partite con continuità. Non come l’anno scorso. Devo portarmi dietro il fisico tutti giorni e dargli retta. Ragionare giorno per giorno, piano piano. E pensare che… non sono Superman!".
E continua a parlare…
 

cris

Member
Ibra a Sportweek:”La testa è il 50% di quello che faccio, se devo dire oggi il mio problema è il fisico che non le sta sempre dietro. Quando sono arrivato e ho chiesto nello spogliatoio quanti avessero giocato una partita in Champions hanno alzato la mano in due. Pensavo fosse uno scherzo… Ma l’obiettivo era la Champions e vincere lo scudetto, non ho avuto successo su questo, ma ci siamo andati vicini, siamo arrivati secondi. Non è solo grazie a me, abbiamo fatto un grande lavoro tutti insieme. I compagni, anche quelli giovani e inesperti, hanno capito cosa serve per arrivare dove siamo arrivati a maggio scorso, ma anche che manca qualcosa per arrivare primi. Stiamo tutti lavorando molto su questo".

"Quando in partita arriva la stanchezza, la testa non è sempre là, devi prendere decisioni velocemente ed è facile a quel punto sbagliare. Pensi lento. Volevo qualcosa che mi aiutasse in pochi minuti (perché sublinguale) a tenere la concentrazione. Avevo visto in tv Tiger Woods che giocava con un chewing-gum in bocca, il commentatore diceva che gli serviva a tenere giù la fame. E ho capito cosa serviva a me: non posso andare in giro per il campo con la bottiglia, con il chewing-gum sì. Ora nello spogliatoio del Milan vanno a ruba. La prendo prima della partita e la tengo finché non perde sapore. Ne prendo al massimo due, perché è vero che mi piace tanto l’adrenalina, ma devo anche riposare".

“Quando ero giovane giocavo e basta, anche se avevo male al tendine, come oggi. Volevo vincere e segnare, stop. Con il tempo e l’esperienza ho scoperto la testa. E ho capito quanto sia importante che parli con il corpo. Ecco, ora la mia testa sta bene, ma il mi fisico sta invecchiando, non sempre riesce a starle dietro ed è un problema… Quest’anno devo ascoltare il mio corpo, ogni piccolo segnale mi mandi. Solo così posso evitare conseguenze peggiori. E per giocare, come voglio, tutte le partite con continuità. Non come l’anno scorso. Devo portarmi dietro il fisico tutti giorni e dargli retta. Ragionare giorno per giorno, piano piano. E pensare che… non sono Superman!".
Si, pero stai facendo come l’anno scorso…
 

diavoloINme

Senior Member
Ibra a Sportweek:”La testa è il 50% di quello che faccio, se devo dire oggi il mio problema è il fisico che non le sta sempre dietro. Quando sono arrivato e ho chiesto nello spogliatoio quanti avessero giocato una partita in Champions hanno alzato la mano in due. Pensavo fosse uno scherzo… Ma l’obiettivo era la Champions e vincere lo scudetto, non ho avuto successo su questo, ma ci siamo andati vicini, siamo arrivati secondi. Non è solo grazie a me, abbiamo fatto un grande lavoro tutti insieme. I compagni, anche quelli giovani e inesperti, hanno capito cosa serve per arrivare dove siamo arrivati a maggio scorso, ma anche che manca qualcosa per arrivare primi. Stiamo tutti lavorando molto su questo".

"Quando in partita arriva la stanchezza, la testa non è sempre là, devi prendere decisioni velocemente ed è facile a quel punto sbagliare. Pensi lento. Volevo qualcosa che mi aiutasse in pochi minuti (perché sublinguale) a tenere la concentrazione. Avevo visto in tv Tiger Woods che giocava con un chewing-gum in bocca, il commentatore diceva che gli serviva a tenere giù la fame. E ho capito cosa serviva a me: non posso andare in giro per il campo con la bottiglia, con il chewing-gum sì. Ora nello spogliatoio del Milan vanno a ruba. La prendo prima della partita e la tengo finché non perde sapore. Ne prendo al massimo due, perché è vero che mi piace tanto l’adrenalina, ma devo anche riposare".

“Quando ero giovane giocavo e basta, anche se avevo male al tendine, come oggi. Volevo vincere e segnare, stop. Con il tempo e l’esperienza ho scoperto la testa. E ho capito quanto sia importante che parli con il corpo. Ecco, ora la mia testa sta bene, ma il mi fisico sta invecchiando, non sempre riesce a starle dietro ed è un problema… Quest’anno devo ascoltare il mio corpo, ogni piccolo segnale mi mandi. Solo così posso evitare conseguenze peggiori. E per giocare, come voglio, tutte le partite con continuità. Non come l’anno scorso. Devo portarmi dietro il fisico tutti giorni e dargli retta. Ragionare giorno per giorno, piano piano. E pensare che… non sono Superman!".
Toh, avrei detto che il problema è la tecnica....
Ad ogni modo ,si sapeva.

Ibra tutto sommato ha contribuito tantissimo a 'traghettarci' dalla mediocrità al livello in cui siamo oggi però la società certe valutazioni avrebbe dovuto farle.
Io continuo a pensare che avremmo dovuto prendere oggi il sostituto di ibra ma abbiamo puntato su giroud..
 

Giangy

Member
Ibra a Sportweek:”La testa è il 50% di quello che faccio, se devo dire oggi il mio problema è il fisico che non le sta sempre dietro. Quando sono arrivato e ho chiesto nello spogliatoio quanti avessero giocato una partita in Champions hanno alzato la mano in due. Pensavo fosse uno scherzo… Ma l’obiettivo era la Champions e vincere lo scudetto, non ho avuto successo su questo, ma ci siamo andati vicini, siamo arrivati secondi. Non è solo grazie a me, abbiamo fatto un grande lavoro tutti insieme. I compagni, anche quelli giovani e inesperti, hanno capito cosa serve per arrivare dove siamo arrivati a maggio scorso, ma anche che manca qualcosa per arrivare primi. Stiamo tutti lavorando molto su questo".

"Quando in partita arriva la stanchezza, la testa non è sempre là, devi prendere decisioni velocemente ed è facile a quel punto sbagliare. Pensi lento. Volevo qualcosa che mi aiutasse in pochi minuti (perché sublinguale) a tenere la concentrazione. Avevo visto in tv Tiger Woods che giocava con un chewing-gum in bocca, il commentatore diceva che gli serviva a tenere giù la fame. E ho capito cosa serviva a me: non posso andare in giro per il campo con la bottiglia, con il chewing-gum sì. Ora nello spogliatoio del Milan vanno a ruba. La prendo prima della partita e la tengo finché non perde sapore. Ne prendo al massimo due, perché è vero che mi piace tanto l’adrenalina, ma devo anche riposare".

“Quando ero giovane giocavo e basta, anche se avevo male al tendine, come oggi. Volevo vincere e segnare, stop. Con il tempo e l’esperienza ho scoperto la testa. E ho capito quanto sia importante che parli con il corpo. Ecco, ora la mia testa sta bene, ma il mi fisico sta invecchiando, non sempre riesce a starle dietro ed è un problema… Quest’anno devo ascoltare il mio corpo, ogni piccolo segnale mi mandi. Solo così posso evitare conseguenze peggiori. E per giocare, come voglio, tutte le partite con continuità. Non come l’anno scorso. Devo portarmi dietro il fisico tutti giorni e dargli retta. Ragionare giorno per giorno, piano piano. E pensare che… non sono Superman!".
Ammiro Ibra. Però sta parlando un po troppo di sé, concordo. Non so se reggerà ancora fisicamente, per reggerle tutte, non credo.
 

Zenos

Senior Member
Ibra a Sportweek:”La testa è il 50% di quello che faccio, se devo dire oggi il mio problema è il fisico che non le sta sempre dietro. Quando sono arrivato e ho chiesto nello spogliatoio quanti avessero giocato una partita in Champions hanno alzato la mano in due. Pensavo fosse uno scherzo… Ma l’obiettivo era la Champions e vincere lo scudetto, non ho avuto successo su questo, ma ci siamo andati vicini, siamo arrivati secondi. Non è solo grazie a me, abbiamo fatto un grande lavoro tutti insieme. I compagni, anche quelli giovani e inesperti, hanno capito cosa serve per arrivare dove siamo arrivati a maggio scorso, ma anche che manca qualcosa per arrivare primi. Stiamo tutti lavorando molto su questo".

"Quando in partita arriva la stanchezza, la testa non è sempre là, devi prendere decisioni velocemente ed è facile a quel punto sbagliare. Pensi lento. Volevo qualcosa che mi aiutasse in pochi minuti (perché sublinguale) a tenere la concentrazione. Avevo visto in tv Tiger Woods che giocava con un chewing-gum in bocca, il commentatore diceva che gli serviva a tenere giù la fame. E ho capito cosa serviva a me: non posso andare in giro per il campo con la bottiglia, con il chewing-gum sì. Ora nello spogliatoio del Milan vanno a ruba. La prendo prima della partita e la tengo finché non perde sapore. Ne prendo al massimo due, perché è vero che mi piace tanto l’adrenalina, ma devo anche riposare".

“Quando ero giovane giocavo e basta, anche se avevo male al tendine, come oggi. Volevo vincere e segnare, stop. Con il tempo e l’esperienza ho scoperto la testa. E ho capito quanto sia importante che parli con il corpo. Ecco, ora la mia testa sta bene, ma il mi fisico sta invecchiando, non sempre riesce a starle dietro ed è un problema… Quest’anno devo ascoltare il mio corpo, ogni piccolo segnale mi mandi. Solo così posso evitare conseguenze peggiori. E per giocare, come voglio, tutte le partite con continuità. Non come l’anno scorso. Devo portarmi dietro il fisico tutti giorni e dargli retta. Ragionare giorno per giorno, piano piano. E pensare che… non sono Superman!".
L'ho amato alla follia. Ma rinnovare è stato una delle cose misteriose e inspiegabili di questa dirigenza.
 

SoloMVB

Senior Member
Grazie di tutto ma è ora che tu appenda scarpe e lingua al chiodo per quanto ci riguarda,anche se da questa società posso aspettarmi un altro rinnovo a giugno per non prendere l'attaccante.
 

gabri65

BFMI-class member
Ibra a Sportweek:”La testa è il 50% di quello che faccio, se devo dire oggi il mio problema è il fisico che non le sta sempre dietro. Quando sono arrivato e ho chiesto nello spogliatoio quanti avessero giocato una partita in Champions hanno alzato la mano in due. Pensavo fosse uno scherzo… Ma l’obiettivo era la Champions e vincere lo scudetto, non ho avuto successo su questo, ma ci siamo andati vicini, siamo arrivati secondi. Non è solo grazie a me, abbiamo fatto un grande lavoro tutti insieme. I compagni, anche quelli giovani e inesperti, hanno capito cosa serve per arrivare dove siamo arrivati a maggio scorso, ma anche che manca qualcosa per arrivare primi. Stiamo tutti lavorando molto su questo".

"Quando in partita arriva la stanchezza, la testa non è sempre là, devi prendere decisioni velocemente ed è facile a quel punto sbagliare. Pensi lento. Volevo qualcosa che mi aiutasse in pochi minuti (perché sublinguale) a tenere la concentrazione. Avevo visto in tv Tiger Woods che giocava con un chewing-gum in bocca, il commentatore diceva che gli serviva a tenere giù la fame. E ho capito cosa serviva a me: non posso andare in giro per il campo con la bottiglia, con il chewing-gum sì. Ora nello spogliatoio del Milan vanno a ruba. La prendo prima della partita e la tengo finché non perde sapore. Ne prendo al massimo due, perché è vero che mi piace tanto l’adrenalina, ma devo anche riposare".

“Quando ero giovane giocavo e basta, anche se avevo male al tendine, come oggi. Volevo vincere e segnare, stop. Con il tempo e l’esperienza ho scoperto la testa. E ho capito quanto sia importante che parli con il corpo. Ecco, ora la mia testa sta bene, ma il mi fisico sta invecchiando, non sempre riesce a starle dietro ed è un problema… Quest’anno devo ascoltare il mio corpo, ogni piccolo segnale mi mandi. Solo così posso evitare conseguenze peggiori. E per giocare, come voglio, tutte le partite con continuità. Non come l’anno scorso. Devo portarmi dietro il fisico tutti giorni e dargli retta. Ragionare giorno per giorno, piano piano. E pensare che… non sono Superman!".

Zitto e segna.
 
Alto
head>
AdBlock Detected

We get it, advertisements are annoying!

Sure, ad-blocking software does a great job at blocking ads, but it also blocks useful features of our website. For the best site experience please disable your AdBlocker.

I've Disabled AdBlock    No Thanks