Ti stiamo aspettando! Bastano 30 secondi per registrarsi sulla più grande community rossonera e condividere le proprie passioni con migliaia di utenti! registrati subito!
Pagina 1 di 4 123 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 37
  1. #1
    Renegade
    Ospite

    Esclusiva MW: Il riepilogo sulla cessione del Milan.

    Nota informativa: ricordiamo ai lettori che i contenuti di questo forum sono protetti da copyright, per cui ne è vietata la pedissequa riproduzione, anche solo parziale. Chiunque voglia servirsi di queste informazioni può farlo rielaborandole e citando come fonte “Milan World”. Ogni comportamento diverso sarà perseguito a norma di legge.

    Viste le tante notizie, voci, esclusive e rumors sulla trattativa che dovrebbe portare alla cessione dell'AC Milan, accompagnata da tanta confusione (come il confondere il ruolo del mediatore Richard Lee, erroneamente riportato come ''possibile acquirente'') MilanWorld propone un riepilogo cronologico e accurato di tutto ciò che si è susseguito in questi mesi.

    Per aiutare i lettori nella scrematura delle notizie importanti dalle soffiate della stampa italiana, ecco una legenda:

    Colore rosso: esclusive Milan World
    Colore blu : notizie ufficiali/comunicati stampa/dichiarazioni dei diretti interessati (qui la cronistoria delle sole dichiarazioni ufficiali: Cronistoria "ufficiale" della cessione del Milan. Stampa esclusa.)
    Colore nero: stampa italiana.



    12 Dicembre 2014 - Spunta la prima notizia sulla presunta cessione dell'AC Milan, si parla di Mr.Bee

    Sky riferisce che Bee Taechaubol, imprenditore thailandese, sarebbe intenzionato ad acquistare il Milan. La rivelazione è stata fatta a Fabio Cannavaro. Mr Bee ha dichiarato che Berlusconi chiede 900 milioni di euro per cedere la società: considerati troppi dall'imprenditore thailandese. Ma proverà ugualmente a comprare il Milan, che per lui rappresenta un sogno. Sempre secondo quanto riportato da Alciato, per il momento non c'è un'offerta vera e propria. Ma Mr Bee ha detto più volte di volerci provare.

    13 Dicembre 2014 - MilanWorld raccoglie il maggior numero di informazioni possibili sul misterioso Mr.Bee e ne traccia il profilo con un'esclusiva de @Il Re dell'Est qui -) Chi è Bee Taechaubol? Tutto sul magnate che vuole il Milan.

    13 Dicembre 2014 - Rumor su Berlusconi che avrebbe rifiutato l'offerta di uno sceicco Malese

    L'edizione quotidiana de La Stampa riporta che Berlusconi avrebbe rifiutato un'offerta di un ricco imprenditore malese per rilevare le quote del Milan. Non solo Mr Bee sul club rossonero.

    29 Dicembre 2014 - Grande rumor proveniente dal Libano, interesse per il Milan

    Notizia-bomba proveniente dal Libano, dove Hayat, autorevole giornale edito a Londra e di proprietà di un principe saudita, afferma l'interesse di un gruppo svizzero-australiano a rilevare quote del Milan. Gli imprenditori interessati sarebbero due: Fahd Merebi, svizzero di origini libanesi, che sarebbe il direttore esecutivo del fondo di investimento Zurich Capital; e Shuham Morgan (o almeno così viene nominato in lingua araba), australiano, direttore del fondo di investimenti Easycap. I due, come riporta anche TuttoSport che si rifà al giornale libanese, avrebbero tenuto numerose riunioni, anche con esponenti del Milan, per parlare di un'offerta. Le offerte sono andate a salire. Prima il 30% delle azioni del Milan, poi una quota maggioritaria, infine una proposta di acquisto del pacchetto di maggioranza. Pare che il valore dell'accordo possa raggiungere il mezzo miliardo di dollari.

    30 Dicembre 2014 - Arrivano le prime smentite sulla cessione della società

    Come riporta il Corriere della Sera, il Milan ha smentito stamane qualunque trattativa per un'eventuale cessione del club, negandone l'esistenza e dichiarandole come prive di fondamento. Ci si riferisce non solo a quella della cordata Australiana, ma anche a Mr.Bee e a qualunque indiscrezione. La società di via Aldo Rossi non si cede e rimarrà ancora a lungo nelle mani dei Berlusconi.

    26 Gennaio 2015 - Le voci sulla cessione del Milan si placano per un po', ma spunta un importante incontro tra Berlusconi e le figlie Marina e Barbara. Avranno parlato della cessione?

    Come riporta Fabio Ravezzani, che cita una sua fonte attendibile, Silvio Berlusconi ha convocato le due figlie Marina e Barbara per annunciare loro qualche suo investimento diretto nel Milan.

    6 Febbraio 2015 - Forbes analizza il valore della società AC Milan

    Secondo quanto riferisce il magazine americano Forbes, il Milan ha un valore globale che si aggira intorno ai 750 milioni di euro. E si trova al 50° posto nella classifica riservata ai marchi internazionali. La cifra tiene conto dei ricavi da affari, da diritti audiovisivi e dai tifosi. Il Corriere dello Sport, rivela, inoltre, che i rossoneri stanno cercando degli investitori disposti ad investire nel Milan. Si lavora su mercati stranieri, emulando il modello di Manchester United e Barcellona.

    13 Febbraio 2015 - Si parla di Wang Jianlin come possibile acquirente

    Come riporta il Corriere dello Sport, a firma Furio Fedele, quasi certamente il Milan ha individuato il partner con cui costruire i successi futuri. Si tratta del tycoon cinese Wang Jianlin, 60 anni, con un patrimonio di 13,2 miliardi di dollari e proprietario della più grande azienda immobiliare di tutta la Cina, ossia Wanda Group. L'imprenditore, fino alla scorso anno uomo più ricco della Cina e quest'anno posizionato al quarto posto subito dietro ad altri tycoon, ha da poco acquistato Infront per un miliardo e il suo impegno nel mondo calcistico non sembra fermarsi qui (i più maliziosi dicono in previsione della candidatura della Cina ai mondiali del 2026).
    Infatti, come confermato da Bogarelli, il magnate cinese si farebbe carico di costruire il nuovo stadio del Milan in cambio di una cessione delle quote societarie pari all'investimento fatto. Quindi se il magnate investirà 300M per l'impianto, si vedrà riconoscere circa il 30% delle quote societarie.

    14 Febbraio 2015 - Si ricomincia a parlare di un misterioso acquirente thailandese

    Secondo quanto riporta il quotidiano La Repubblica, il Milan, clamorosamente, avrebbe raggiunto un accordo per la cessione graduale del Club ad un gruppo di un magnate thailandese. Silvio Berlusconi avrebbe firmato un pre contratto che cede il30% del Club rossonero per 300 milioni di euro. E sarebbe solo l'inizio per il graduale acquisto di tutto il pacchetto. A fare da garante ci sarebbe un importantissima banca internazionale, di livello mondiale. I due Berlusconi dovrebbero inoltre, per ora, rimanere nelle proprie cariche, mentre Galliani verrebbe messo in discussione. Tutto dovrebbe essere più chiaro la prossima settimana, quando il gruppo del magnate thailandese sbarcherà a Milano per trattare in prima persona le modalità della cessione del club.

    16 Febbraio 2015 - Il Bangkok Post riporta un virgolettato di Mr.Bee: ''Sì, è vero, voglio comprare il Milan''

    Ora è ufficiale: Mr. B. Taechaubol vuole comprare il Milan. E lo ha rivelato al Bangkok post, quotidiano thailandese. Queste le parole di Mr. B:"E' vero, voglio comprare il Milan". L'imprenditore, inoltre, ha svelato di voler acquistare più del 50% della società (quindi la maggioranza) ma non il 100%. Ed ha confidato di essere molto fiducioso che l'affare possa concludersi positivamente entro Febbraio.

    16 Febbraio 2015 - Fininvest smentisce ancora una volta le voci su Mr.Bee con un comunicato

    ''In relazione a notizie di stampa, la Fininvest ribadisce di non essere interessata alla cessione di quote di maggioranza dell'AC Milan. Per il resto, la società non può che confermare quanto dichiarato sabato 14 febbraio: vari soggetti hanno mostrato interesse per partnership relative al Milan stesso, ma non esistono colloqui di qualche concretezza e tantomeno preaccordi o incontri decisivi in agenda.''

    19 Febbraio 2015 - Duello Wanda Group-Emirates

    Come riporta il Corriere dello Sport, la volontà del Milan di realizzare uno stadio di proprietà ha attirato l’attenzione di diversi soggetti economici, disposti ad entrare nel business nel calcio partecipando alla realizzazione di quest’opera e magari acquisendo quote del club. In particolare i cinesi del Dalian Wanda Group e gli arabi di Emirates sono in prima fila al momento per l’acquisto del 30-35% delle quote azionarie di un Milan che viene valutato circa 1 miliardo di euro. La società di via Aldo Rossi sembra decisa a stringere i tempi anche in vista del prossimo calciomercato estivo, quando ci sarà bisogno di robusti investimenti per rinforzare la squadra e renderla competitiva e si aspetta soltanto di sapere se il club si è aggiudicato il bando di Fondazione Fiera. La potente compagnia aerea di Dubai ha già una partnership importante con i rossoneri ma anche ai cinesi la liquidità non manca e dunque ora rimane tutto nelle mani di Silvio Berlusconi, che ha già rifiutato 970 milioni da Singapore perché non intende cedere la maggioranza del Milan. La sua idea è quella di avere un socio di minoranza forte, ma di continuare ad avere il controllo del club. I prossimi mesi saranno decisivi e potrebbero esserci presto novità molto importanti su questo fronte.

    24 Febbraio 2015 - Si torna a parlare di Wang e del valore della società rossonera

    Secondo quanto riportato da Il Sole 24 Ore, il valore reale del Milan si assesterebbe intorno ai 400-500 milioni di euro.
    Il giornale riporta, inoltre, che la candidatura del cinese Wang come possibile socio di minoranza di Berlusconi (se quest'ultimo dovesse decidersi a cedere delle quote del club) avanza sempre di più. Wang è l'uomo più ricco della Cina ed il suo patrimonio personale è immenso: 25 miliardi di dollari. Di ben altro livello rispetto a Berlusconi.
    Se il Milan verrà valutato, effettivamente, tra i 400 ed i 500 milioni di euro, Wang, per la quota del 30%, sborserebbe tra i 120 ed i 150 milioni di euro.

    26 Febbraio 2015 - Wanda smentisce ogni interesse verso il Milan

    Ufficiale smentita dei cinesi di Wanda. Il gruppo, tramite un comunicato stampa, ha smentito ogni interesse per il Milan.

    27 Febbraio 2015 - Si parla di una cordata americana pronta a rilevare il Milan
    Secondo quanto riporta Milano Finanza, una cordata americana, simile a quella che ha acquistato per intero l'AS Roma, sarebbe interessata a rilevare le quote di minoranza del Milan, per entrare a far parte del club rossonero. Fininvest cerca proprio un partner simile, che si accolli determinate spese e rilanci il quadro economico del club. Al momento la pista statunitense sembra essere la più forte, in quanto rispecchia completamente le necessità di Silvio Berlusconi e compagnia.

    1 Marzo 2015 - Il Milan smentisce ancora una volta le voci provenienti dal Libano
    Secondo quanto riferisce il Corriere della Sera, il Milan avrebbe smentito anche l'ultima offerta proveniente dal Libano. Come riporta lo stesso quotidiano, non ci sarebbe alcuna offerta per il club rossonero, né per tutto il pacchetto, né per le quote.

    3 marzo 2015 - Si parla di un Berlusconi propenso solo alle cessione di quote di minoranza e dell'idea di un azionariato popolare

    Secondo quanto rivelato da Fabio Ravezzani su Twitter, Silvio Berlusconi avrebbe ufficiosamente deciso di virare verso un socio di minoranza e l'applicazione del modello di azionariato popolare. Si cederà praticamente il 30% delle quote e un 15% verso l'azionariato. Sembra essere questo l'annuncio che verrà fatto a fine campionato, anticipato da Roberto Maroni. No alla cessione del club. Il Milan è e resterà di proprietà della famiglia Berlusconi.

    3 Marzo 2015 - Spunta il nome di Carlos Slim come possibile acquirente
    Secondo quanto riporta l'edizione odierna del QS, con direttore Enzo Bucchioni, starebbero salendo le quotazioni di un nuovo magnate come acquirente del Milan. Si tratta del messicano Carlos Slim, che vorrebbe rilevare una parte molto importante delle quote rossonere. Lo stesso quotidiano titola ''Berlusconi mette il Sombrero''.

    7 Marzo 2015 - Spuntano voci su un incontro segreto tra Berlusconi e Mr.Bee

    Repubblica conferma Alciato e rilancia: Silvio e Mister Bee si sarebbero incontrati in gran segreto ad Arcore 2 giorni fa, dove hanno firmato un memorandum di intesa per la cessione delle quote.
    Il memorandum è il passo immediatamente precedente al preliminare che dovrebbe avvenire nel giro di pochi mesi. Nel memorandum è stato stabilito che nei prossimi giorni partirà una "due diligenge" sull'AC Milan spa: in pratica Bee avrà accesso a tutte le informazioni societarie per avere un riscontro sul valore della stessa (che dovrebbe essere di poco inferiore al miliardo). Taechaubol comprerà il 23-25% delle quote per una cifra di circa 230-250M (100 anticipati da lui e altri 150 da una cordata) con una opzione per acquistare la maggioranza nel giro di 4-5 anni. Almeno fino a tal momento l'organigramma resterebbe lo stesso, con i due AD al timone. Il progetto prevede una massiccia espansione del marchio rossonero in Asia, dov'è conosciutissimo.
    I 250M sarebbero utilizzati in parte per rinforzare la rosa, con l'innesto di due fuoriclasse stranieri al fianco del gruppo di italiani. Il maggior candidato per la guida tecnica rimane Montella, che quindi sarebbe il mister del nuovo corso rossonero.

    9 Marzo 2015 - Analisi sull'utilizzo dei soldi di Mr.Bee nel Milan

    Secondo quanto riferisce il Corriere dello Sport, Berlusconi avrebbe fretta di chiudere la trattativa con Bee Taechaubol. Il motivo sarebbe il seguente: i 250 milioni dell'imprenditore thailandese. Gli stessi soldi, infatti, dovrebbero essere messi completamente a bilancio per coprire il passivo e il rosso generato quest'anno, che si estenderà anche al prossimo vista la mancata qualificazione alla Champions League anche per la prossima stagione. Si vorrebbe chiudere tutto già con firme a Bangkok a fine Aprile, ben prima delle tempistiche stabilite. Insomma, se dovessero esserci nuovi soldi in entrata, non verrebbero investiti bensì messi a bilancio per coprire i buchi.

    10 Marzo 2015 - Alla mezzanotte esce fuori una notizia che vorrebbe Galliani spingere sulla candidatura di un acquirente differente. Si parla di un misterioso imprenditore cinese.

    Non solo Mr Bee. Secondo quanto riportato da Corriere dello Sport in edicola oggi, 10 Marzo 2015, ci sarebbe un altro cinese, appoggiato da Galliani, interessato a rilevare una fetta di Milan. Si tratta di un miliardario che non avrebbe nulla a che vedere con Wanda Group (altro gruppo interessato). Chi è? per il momento, il profilo è ancora ignoto ma, come riportato dal quotidiano, alla fine il Mr X potrebbe spuntarla su Mr Bee.

    10 Marzo 2015 - Esplode la bomba direttamente dalla Romania, il sito wowbiz pubblica una clamorosa indiscrezione che vuole Mr.Pink, imprenditore cinese, come nuovo proprietario del Milan. Allegate all'articolo ci sono delle fotografie che ritraggono Berlusconi in compagnia dello stesso Pink.

    10 Marzo 2015 - MilanWorld analizza il profilo di Mr.Pink con un'esclusiva a suo riguardo:

    Chi è Mister Pink, il miliardario che avrebbe acquistato il Milan?

    10 Marzo 2015 - Fininvest smentisce anche questa pista

    Con una comunicato stampa piuttosto rapido, Fininvest smentisce la bufala pomeridiana riguardante la cessione della maggioranza del Milan a Mister Pink. Ecco la nota riportata dall'Ansa: "Fininvest smentisce nel modo più categorico che sia stato raggiunto alcun accordo per la cessione di quote del Milan. Si ribadisce peraltro quanto più volte affermato: vari soggetti hanno mostrato interesse per una partnership relativa al Milan, ma le ipotesi riguardano esclusivamente eventuali partecipazioni di minoranza. La Fininvest non è infatti interessata a cedere il controllo della società calcistica"

    12 Marzo 2015 - Emergono altri rumors su possibili acquirenti arabi

    Non si placano le voci che parlano della cessione del Milan. Ed entrano in corsa anche gli arabi. Secondo quanto riportato da Tuttosport, ad Aprile è in programma un incontro tra Silvio Berlusconi ed una cordata araba all'interno della quale ci sono anche dei membri della famiglia Mansour (la stessa che ha comprato il Psg).

    ...
    Ultima modifica di Il Re dell'Est; 30-08-2016 alle 10:44

  2. # ADS
    Adv
    Circuit advertisement
     

  3. #2
    Renegade
    Ospite
    13 Marzo 2015 - Forbes analizza Mr.Bee non ritenendolo particolarmente affidabile

    La possibile acquisizione di quote del Milan da parte di Bee Taechaubol ha sollevato l'inerteresse di Mike Ozanian di Forbes, che ha voluto approfondire la vicenda. Il giornalista in particolare ha sollevato dubbi sulle capacità economiche del tycoon thailandese: Mr. Bee non ha la liquidità necessaria e starebbe cercando altri investitori che possano supportarlo in questa operazione. Viene citato come esempio un virgolettato di Taechaubol a The Wordfolio del 2013. Interrogato sui propri investimenti a fronte di un fatturato aziendale di 100 milioni di euro, l'imprenditore disse: "Non è come se avessi 310 milioni di dollari cash, ma so dove prenderli".
    Mike Ozianan (Forbes): Sono convinto che Bee stia cavalcando l’onda mediatica di questo presunto accordo con Berlusconi per farsi chiamare da altri investitori e racimolare altro denaro. Il problema, però, è che coloro che sono veramente interessati a comprare il Milan non vogliono spendere la cifra voluta da Berlusconi o, comunque, non abbiano bisogno di appoggiarsi al thailandese''.

    15 Marzo 2015 - Si parla di un documento che coinvolge la cessione del Milan e la banca Lazard

    Il Sole24Ore ha preso visione in anteprima del dossier, in gergo teaser, che l'AC Milan ha fatto pervenire alla banca d'affari Lazard. Il documento di 14 pagine illustra le linee guida che la banca d'affari deve seguire per la cessione del club. Negli ultimi mesi questo dossier è arrivato sul tavolo di una decina di investitori, soprattutto in Asia e negli USA. Tra questi, spicca l'ormai celebre Mister Bee che come tutti sanno ha parlato già personalmente con Berlusconi ad Arcore, in presenza dell'AD Fininvest, Pasquale Cannatelli. Bee si è detto pronto a raccogliere i fondi necessari per rilevare il club, chiedendo una opzione per controllare in futuro la maggioranza. Mister Bee, inoltre, si è presentato con una fideiussione della nota banca d'affari Rothschild. Tra i soggetti che potrebbero partecipare alla scalata del Milan c'è il gruppo Wanda, che però non è convinto del progetto stadio al Portello. Certo è che Wanda è il gruppo con maggiore liquidità, tant'è che il suo numero 1,Wang Jianlin, poco tempo fa ha dichiarato di avere un miliardo di dollari di liquidità da investire nell'enterteinement europeo... anche se la sua preferenza parrebbe l'Inghilterra. Ma molti hanno fatto notare che, stranamente, 1 miliardo è la stessa cifra che Berlusconi pretende per la cessione del club.

    19 Marzo 2015 - Si parla di una cordata di imprenditori americani con a capo David Beckham

    Un gruppo americano è interessato a comprare il Milan. Non si conosce l'identità delle persone che fanno parte della cordata ma nelle ultime ore si è parlato anche di David Beckham come socio. Poco fa, però, è arrivata una smentita dallo stesso entourage dell'ex calciatore. L'offerta, come riportato da Sky, è cosa assolutamente reale e certa. La Repubblica aggiunge che la cifra proposta sarebbe di 600 milioni per il 100%. Ma Berlusconi l'avrebbe ritenuta troppo bassa. Per l'acquisto del Milan c'è sempre Mr Bee in prima fila. Ed ad Aprile, come detto, il thailandese dovrebbe tornare nuovamente in Italia.


    20 Marzo 2015 - Altri rumors sul Madison Square Garden interessato al Milan

    Secondo Tuttosport, la Madison Square Garden, ovvero la società che gestisce lo stadio di New York, oltre ad interessarsi alla costruzione di altri impianti sportivi, avrebbe presentato un'offerta per acquisire il 51 % delle quote azionarie del Milan. No secco di Berlusconi, interessato solo a cedere il 30 % delle sue quote.

    21 Marzo 2015 - Voci sull'avvio della due diligence tra Mr.Bee ed il Milan

    Il Corriere della Sera ''annuncia'' l'inizio della due diligence per la verifica dei dati riguardanti la società rossonera da parte dello stesso Mr.Bee.

    21 Marzo 2015 - Esclusiva di MilanWorld, primo portale in Italia a riportare la notizia di Next Magazine, che vuole il Milan ceduto ad una cordata cinese con il 75% delle quote. L'articolo viene ripreso da Tuttosport e dal giornalista Pietro Mazzara, che menzionano Milan World. A seguire la notizia si è diffusa in tutto il web.

    Dalla Cina: 75% del Milan venduto in 3 anni. Preliminare già firmato

    23 Marzo 2015 - MilanWorld analizza in esclusiva le foto dell'incontro tra Berlusconi e Mr.Pink:

    Milan, incontro Berlusconi-Mr.Pink. L'analisi delle foto.

    29 Marzo 2015 - MilanWorld pubblica in esclusiva l'articolo integrale di Next Magazine, con traduzione in lingua italiana, riguardante la cessione della società rossonera. L'articolo viene ripreso in primis da Milano Finanza, che non menziona in alcun modo Milan World. A seguire la notizia si è diffusa in tutto il web.

    Esclusiva MW: il 75% del Milan in Cina. Ecco l’articolo integrale.

    1 Aprile 2015 - MilanWorld è l'unico portale italiano che riporta in esclusiva le foto di un incontro tra Silvio Berlusconi e Xiao Wunan, pubblicate dal sito dell'Asia Pacific Exchange and Cooperation Foundation

    Esclusiva MW: Cessione Milan. Incontro Berlusconi Xiao Wunan. FOTO

    2 Aprile 2015 - Askanews riporta delle presunte frasi pronunciate da Silvio Berlusconi sulla cessione del Milan

    Secondo quanto riportato da Askanews, Calciomercato.com, e altri media italiani, Silvio Berlusconi avrebbe annunciato ai suoi più stretti collaboratori di aver ormai ceduto il Milan.
    "La cessione è ormai cosa fatta" va ripetendo l'ex premier nei suoi incontri privati degli ultimi giorni.
    L'ultima volta martedì sera a Palazzo Grazioli, incontrando una ventina di Comites, i rappresentanti delle comunità italiane all’estero. A costoro Berlusconi ha affermato che l'accordo ormai è chiuso e mancano solo dei dettagli da limare nei prossimi mesi. E con la garanzia, afferma l'ex premier, che la figlia Barbara manterrà il posto di amministratore delegato. Il costo dell'operazione dovrebbe aggirarsi sul miliardo di euro, anche se il premier va ripetendo che ha venduto per una cifra di circa 1,5M miliardi di euro. D'altra parte, secondo Berlusconi, l'interesse dei cinesi proverrebbe direttamente dal governo di Pechino, con un ruolo centrale del primo ministro.
    Nelle prossime 24 ore sarebbe in programma un altro incontro ad Arcore con la delegazione cinese.

    2 Aprile 2015 - Va in scena l'incontro tra Silvio Berlusconi e Richard Lee ad Arcore

    Secondo quanto riportato da Gianluca Di Marzio, poco fa ad Arcore è terminato un incontro tra Berlusconi e il magnate Richard Lee. Lo stesso Lee lo scorso 27 Ottobre era stato avvistato a San Siro ospite del Milan e di Berlusconi.
    E' possibile che si sia parlato della cessione di quote del Milan.

    3 Aprile 2015 - Mr.Bee sarebbe in vantaggio per l'acquisto della società rossonera

    Secondo l'ultim'ora riferita da Sky, e riportata anche da Repubblica, Mr.Bee sarebbe ad un passo dal chiudere la trattativa sull'acquisto delle quote del Milan. Si parla di contratto già firmato. Il Thailandese verserà 190 milioni di euro subito, accaparrandosi il 20% del club rossonero. Il broker asiatico andrebbe poi a prendere l'intero pacchetto di maggioranza su un totale di 950 milioni di euro più 250 milioni di debiti. E la tempistica ha dell'incredibile: Mr.Bee è pronto a chiudere anche per la maggioranza, appunto, entro solo un anno, grazie ad un aumento di capitale che spingerebbe le sue quote al 65%. Il piano del magnate thailandese è chiaro: Adriano Galliani e Barbara Berlusconi resterebbero al loro posto, rispettivamente alla parte sportiva e a quella commerciale, con nessuna rivoluzione dei ranghi. Cinesi defilati.

    3 Aprile 2015 - Chi è Richard Lee? Approfondimento esclusivo di Milan World. L'articolo viene ripreso in primis dalla Gazzetta dello Sport, che non menziona in alcun modo Milan World. A seguire la notizia si è diffusa in tutto il web.

    Esclusivo approfondimento di Milan World sul business man che starebbe trattando con Silvio Berlusconi l'acquisto del Milan per conto di una cordata cinese (Chi è Richard Lee? Approfondimento esclusivo di Milan World.)

    4 aprile 2015 - La Gazzetta dello Sport svela la squadra dirigenziale di Mister Bee.

    Mr Bee ha accelerato per l'acquisto del Milan. E' notizia di queste ore la notizia che parla della firma di un nuovo preliminare: 500 milioni per il 60% del Milan entro fine mese. Presente una penale del 10% (50M). Quando e se la trattativa si concluderà, il Milan passerà in mano ad un fondo di investimento. Potrebbero esserci finanzieri thailandesi, di Singapore ed anche il fondo Doyen. A metà Aprile Mr Bee tornerà in Italia per dare alla trattativa una ulteriore accelerazione. Intanto ecco la squadra che vorrebbe comporre al Milan: 1) Amministratore Delegato: Victor Dana. Finanziere italiano che vive a Dubai, ha già collaborato con Berlusconi ed è il tramite fra il presidente e Mister Bee; 2) Direttore Tecnico: Paolo Maldini; 3) Responsabile dell'area tecnica: si parla di Galliani nel ruolo di traghettatore, onde evitare scossoni nel passaggio di consegne e assicurare la continuità alla squadra nel primo anno; 4) Responsabile del Marketing: Barbara Berlusconi.

    4 aprile 2015 - Secondo Alciato, giornalista Sky, Mr. Bee è in netto vantaggio su Richard Lee.

    "Le tempistiche dovrebbero essere molto strette. A maggio sapremo qualcosa di definitivo. Negli ultimi giorni è stato firmato un contratto già impostato: 195 milioni per il 20% che diventerà 65%. Si tratta del pacchetto di maggioranza della società. E' stata data, quindi, una valutazione molto più alta del previsto, dato che la società è stata valutata 950 milioni più 250 di debiti. Galliani e Barbara Berlusconi verrebbero mantenuti per un anno, ma nel successivo le cose potrebbero cambiare. Mr. Bee ha un vantaggio di ben due mesi su Richard Lee".

    7 aprile 2015 - Milan, il 28/30 aprile si approva il bilancio e si decide il futuro.

    Come riporta il Giorno, le date da segnare in rosso sul calendario rossonero sono il 28 e il 30 aprile. In questi giorni, infatti, verranno convocati gli azionisti per approvare il bilancio 2014 e verranno anche discusse, tra gli stessi membri del CDA, le offerte ricevute per l'acquisto della società. Il nuovo proprietario si conoscerà, tuttavia, non prima di giugno. Berlusconi, infatti, non vuole perdere consensi in vista dell'elezioni amministrative del 31 maggio.

    8 aprile 2015: Mister Bee arriva in Italia per incontrare Berlusconi.

    Secondo quanto riportato dal Corriere della Sera, nella giornata di oggi Bee Taechaubol sbarcherà a Milano per controllare, dal vivo, le carte del club. Ed in serata potrebbe incontrare l'attuale presidente Silvio Berlusconi.
    Un incontro faccia a faccia, però, provocherebbe troppo clamore. E' probabile, dunque, che i due si sentano telefonicamente. Come già riportato ieri, Mr Bee avrebbe intenzione di sborsare circa 600 milioni per acquistare subito la maggioranza del Milan: il 60%.


    9 aprile 2015 - Richard Lee: "Io e Berlusconi stessa visione. Non posso dire altro".

    Finalmente prende la parola uno dei protagonisti riguardanti la cessione della società. Stiamo parlando di Richard Lee, figura poco considerata in Italia dove invece i principali media ritengono ormai Bee prossimo alla definizione dell'affare.
    Ecco le parole del business man cinese, intervistato da Repubblica: "In Italia ho il titolo di commendatore (Milan World è stato il primo portale a riferirlo: Chi è Richard Lee? Approfondimento esclusivo di Milan World.). Amo il vostro paese, la sua gente e voglio essere un piccolo ponte sulla Via della Seta tra la mia terra natale e l’Italia: sia per il business che per gli scambi culturali. Mister Berlusconi ed io abbiamo la stessa visione delle cose. In questa fase non posso aggiungere altro”.


    9 aprile 2015 - Cessione Milan: dalla Cina ulteriori notizie sulla cordata di Lee.

    Secondo Fu Yixiang sono ben cinque le società collegate alla cordata di Mr.Lee e interessate alla possibile acquisizione del Milan: quattro cinesi, ossia il Wahaha Group di Mr.Zong, il Wanda Group di Jianlin ed i giganti delle telecomunicazioni Huawei e Alibaba, e infine una società thailandese. Sempre secondo Fu Yixiang, un consorzio formato da diverse grandi aziende pagherà la prima metà del miliardo di euro richiesto, mentre l'altra metà, come detto, sarà raccolta tramite crowdfunding, con una quota che dovrebbe costare intorno ai 10.000 yuan (circa 1500 euro).

    10 aprile 2015 - Milan, Mr Bee giudica come speculazioni gli interessi cinesi.

    Come riporta la Repubblica, Mr Bee si sente praticamente in una botte di ferro. Il magnate thailandese ha da poco finito di controllare i conti della società rossonera, quindi è pronto a chiudere. Lo stesso Bee, inoltre, giudica come speculazioni giornalistiche le voci sulla maxi-cordata cinese, forte anche del rapporto con Cannavaro.

    10 aprile 2015 - Cessione Milan, incredibile ripensamento di Berlusconi?

    Secondo quanto riporta Sport Mediaset, a firma Bruno Longhi, nelle ultime ore il presidente Silvio Berlusconi sta meditando seriamente di fare un passo indietro, non essendo più così sicuro che cedere il club a uno degli attuali pretendenti orientali sia la mossa giusta. Il dubbio appare legittimo in quanto Berlusconi vuole verificare approfonditamente l’affidabilità dei possibili acquirenti, prima di privarsi della creatura che da 30 anni ne accompagna l’esistenza. Probabilmente l’esempio di ciò che sta accadendo all’Inter lo ha indotto a riflettere bene sul da farsi.
    A quanto pare solo una proposta indecente, anzi super-indecente, potrebbe indurlo a cedere realmente la società.


    11 aprile 2015 - Mr. Zong al lavoro: ecco la sua prima offerta

    Secondo Tuttosport, Zong Qinghou, uno degli uomini più ricchi ed influenti della Cina, sta lavorando per l’operazione Milan. Infatti è il magnate cinese delle bevande gassate il leader della cordata cinese che sta preparando l’assalto alle quote di Silvio Berlusconi, dopo l’ok e il benestare del governo interno. Mister Zong in questi giorni starebbe infatti studiando le carte ed i conti attuali del Milan tra introiti e debiti. Il suo dossier definitivo dovrebbe poi essere pronto nel giro di poche settimane e a quel punto potrebbe lanciare l’offerta ufficiale: una fidejussione da 500 milioni di euro per il 65-70% delle azioni rossonere. Zong non è in grado di arrivare al tanto acclamato miliardo di euro richiesto da Fininvest, ecco perché si confronterà a breve con gli eventuali soci, tra cui spiccano Wang Jianlin di Wanda Group e il colosso elettronico Huawei, per concretizzare la proposta e reperire gli ultimi fondi necessari.
    Ultima modifica di Il Re dell'Est; 11-12-2015 alle 12:42

  4. #3

    12 aprile 2015 - Milan cinese. Fu Yixiang:"Compreremo il club per tornare a vincere"

    Fu Yixiang, vice presidente della camera di commercio italo cinese, torna nuovamente a parlare dell'acquisto del Milan da parte di una cordata cinese. Ecco le sue parole rilasciate al quotidiano Libero:"Perchè in Cina sono così interessati al Milan? Perché si tratta di un grande club. Ed i gruppi interessati a rilevarlo sono tutti già collegati al calcio. Il gruppo Wanda ha comprato Infront; Jack Ma di Alibaba ha il 50% del Guangzhou, la squadra di Marcello Lippi prima e Fabio Cannavaro poi; il gruppo Huawei è un brand molto attivo nelle sponsorizzazioni ed è già partner del Milan. Zong Quinghou, re delle bevande, per quattro anni è stato l’uomo più ricco del Paese. Tutti avrebbero la possibilità direttamente di acquistare il club, ma non hanno la determinazione a condurre l’operazione da soli. Un miliardo di euro per rilevare il club? Questa cifra si può spendere solo con la formula dell'azionariato popolare, che è quello che farà la differenza. Un Milan “popolare” in Italia non si potrà mai fare, non ci sarebbero tifosi a sufficienza disposti a pagare. Ma un Milan popolare in Cina è possibile. Sui numeri nel nostro Paese si vince sempre: non sarebbe difficile trovare 500 mila tifosi disponibili a investire. Il Milan costruito dal popolo cinese può diventare stella intramontabile Il Milan è una vecchia gloria che ha bisogno di grandi giocatori, ma anche di un’azione di marketing basata sulla sua storia per rinascere. Il club rossonero potrebbe portare l’Italia in giro per il mondo con un po’ di soldi veri spesi bene. Per tornare competitivi serve continuità negli uomini simbolo e l’inserimento di pochi giocatori, ma di alto livello, ogni anno".


    Intervista integrale QUI -) Milan cinese. Fu Yixiang:"Compreremo il club per tornare a vincere"


    12 aprile 2015 - Il Milan ai cinesi: La Repubblica lancia una nuova ipotesi

    Il Milan sempre più verso i cinesi? Queste sono le parole rilasciate da Mr Fu a Libero ( Milan cinese. Fu Yixiang:"Compreremo il club per tornare a vincere" )

    La Repubblica, invece, tiene sempre in grande considerazione (ed in pole), Mr Bee. Ma con la Cina che starebbe rimontando. Con una novità, però. Secondo il quotidiano politico, il governo cinese sarebbe pronto ad appoggiare la cordata di Richard Lee. Ma non per la maggioranza, che resterebbe nelle mani di Berlusconi. La nuova cordata entrerebbe nel Milan portando 100 milioni di euro per ripianare le perdite e per rilanciare il club con dei colpi di mercato. E Berlusconi sarebbe molto tentato da questa ipotesi.

    Fantasia o realtà?


    13 aprile 2015 - Ancora Fu Yixiang sul Milan ai cinesi

    Fu Yixiang, vice presidente della camera di commercio Italia Cina è tornato a parlare del futuro milan cinese. Ecco le sue parole a Telelombardia:"C'è grande interesse da parte della Cina. Il Milan è uno dei club più famosi e popolari. La gestione del club resterebbe comunque italiana. Tutti gli imprenditori interessati sono molto ricchi. Il Governo cinese non mette parola. L'offerta di 1 miliardo? I cinesi ci pensano. Il problema non è acquistare il Milan ma mantenerlo. L'interesse è reale, mi hanno mandato anche delle proposte scritte. L'obiettivo è portare 10000 cinesi ad ogni partita del Milan. La cifra investita non andrebbe solo a Berlusconi ma anche al rafforzamento della squadra. Vogliamo valorizzare il club, non fare affari. E spero che vengano fatti unvestimenti per la squadra già a partire dalla prossima stagione".

    14 aprile 2015 - Ora i cinesi sono davvero ad un passo dal Milan

    La Gazzetta dello Sport (che aveva sempre caldeggiato la pista di Mr Bee) in edicola oggi, nello speciale derby Inter Milan, riporta che i cinesi capeggiati da Mr Lee sono ad un passo dall'acquisto del club rossonero. In particolare, la rosea si sofferma sulla foto di Mr Lee in tribuna a San Siro insieme a Berlusconi definendola "straordinaria". Il sorriso dello stesso Lee viene definito simbolico. Con chiosa finale:"I cinesi, pezzo per pezzo, si stanno comprando Milano".

    15 aprile 2015 - Corsera: Nuova cordata cinese

    Secondo il Corriere della Sera ci sarebbe una nuova cordata cinese interessata all'acquisto del Milan.
    Lo ha rivelato il solito Fu Yixiang, vicepresidente della Camera di Commercio Itala-Cina:
    “Rappresento un gruppo di imprenditori che hanno già fatto pervenire a Berlusconi una manifestazione di interesse. Non posso rivelare la loro identità perché siamo ancora in attesa di una convocazione”
    Il gruppo guidato da Richard Lee avrebbe perso un componente: Wang Janlin capocorrente del Gruppo Wanda, non più interessato.
    Per Mr Bee le quotazioni sulla sua solvibilità sono, invece, in netto calo.


    18 aprile 2015 - Mr Bee ha dato la valutazione al Milan. Ecco l'offerta e i dettagli.

    Secondo quanto riportato dal quotidiano romano Il Messaggero, il thailandese Bee Taechabul ha dato la sua valutazione per l'acquisto del Milan.
    E si tratta di una valutazione monstre: 1,1 miliardo di euro più i debiti (248 milioni di euro) per un totale di 1348 milioni di euro. Mr Bee ha fatto un'offerta a Berlusconi, non vincolante, valida fino al 30 Aprile 2015. E la Fininvest gli avrebbe concesso una sorta di esclusiva che però non chiude del tutto le porte ai cinesi di Mr Lee.
    Questo il piano di Mr Bee: acquistare subito il 30% del Milan per poi arrivare al 70% entro la fine dell'anno. Costo dell'operazione circa 770 milioni di euro. Il thailandese, inoltre, vorrebbe lasciare il 30% del Milan alla Fininvest e concedere a Berlusconi la carica di presidente onorario. Anche Barbara Berlusconi vorrebbe tenuta all'interno dell'organigramma societario. Mr Bee fa sul serio e per accelerare i tempi ha ingaggiato l'avvocato Franco Gianni.


    19 aprile 2015 - Cessione Milan: ora Berlusconi è combattuto se cedere o meno.

    Vendo o non vendo? Silvio Berlusconi, secondo quanto riportato da La Repubblica, è più che mai combattuto in merito alla cessione del Milan.
    Il numero 1 rossonero ha dichiarato ai suoi più stretti collaboratori di non aver ancora deciso cosa fare. Se restare al timone del club rossonero o se venderlo ad una delle due cordate interessate.
    E proprio le due cordate, a breve, recapiteranno a Berlusconi le loro offerte. Il colpo di teatro è dietro l'angolo?


    19 aprile 2015 - Mr Bee e Victor Dana posano dietro una maglia rossonera: è fatta?

    Dopo le dichiarazioni odierne, Mister Bee finalmente mostra il suo volto e lo fa dietro una maglia rossonera in compagnia di Victor Dana, il manager italiano scelto come nuovo AD e una terza persona. La foto è stata pubblicata poche ore fa sul profilo Twitter di Victor Dana. Il luogo dello scatto non è ancora chiaro.

    20 aprile 2015 - Mr Bee a Milano il 26 Aprile 2015 per acquistare il Milan

    Alessandro Alciato sulla cessione del Milan, a Sky:"C'è un giorno che potrebbe diventare decisivo. 26 Aprile. Il 26 Aprile fino al 30 Aprile Mr Bee sarà a Milano per chiudere la trattativa d'acquisto del Milan".
    Acquisterà il 20% subito legato al 45% entro l'anno successivo. Il thailandese, dunque, acquisterà il 65% del Milan. La valutazione che Mr Bee ha dato al Milan è di 1 miliardo e 200 mila euro
    I nomi caldissimi sono quelli di Dana (futuro AD) e Paolo Maldini.
    C'è chi pensa che Berlusconi potrebbe cambiare idea. Se ciò accadrà, Berlusconi dovrà pagare una penale molto molto alta a Bee


    20 aprile 2015 - Cessione Milan: Yixiang Fu era a San Siro durante il derby. Foto.

    Yixiang Fu, vice presidente della camera di commercio italo-cinese, era presente in tribuna nel corso del derby giocato domenica sera. A rivelarlo è lo stesso Fu, che ha caricato numerose foto pubbliche sul suo profilo FB.

    21 aprile 2015 - Lotta per il Milan: i cinesi preparano il blitz decisivo.

    Tutto chiuso per la cessione del Milan dopo le parole di Mr Bee che ha annunciato il suo viaggio a Milano per Domenica 26 Aprile? Nemmeno per sogno. Secondo quanto riporta La Gazzetta dello Sport oggi, 21 Aprile, in edicola la lotta è sempre aperta.
    Ecco il titolo della rosea: "Nuovo derby per il Milan. Volata finale a Oriente. Entro fine mese la vendita? I thailandesi premono:"Dentro o fuori". E i cinesi preparano il blitz decisivo..."


    21 aprile 2015 - Bellinazzo: "A Bee non è piaciuta la situazione, offerta al ribasso"

    Il giornalista del Sole24Ore Marco Bellinazzo ha rilasciato le seguenti dichiarazioni alla trasmissione Tutti Convocati: "Non appena terminata la due diligence, ai soci di Mr Bee non è piaciuta moltissimo la situazione del Milan. Per questo motivo da quello che mi risulta Bee sta trattando al ribasso per la quota di maggioranza, quindi con una cifra inferiore rispetto a prima. Bisognerà capire chi si accollerà i debiti della società, ma di solito lo fa il compratore. Non si parla più del miliardo chiesto. Il fatto però che Bee abbia annunciato il suo arrivo a Milano, mi fa pensare che la sua offerta ribassata sia stata accettata. E' un'offerta che riguarda la maggioranza e dovrebbe essere di 750 milioni”.

    22 aprile 2015 - Mr Bee anticipa: a Milano il 24 Aprile per il Milan

    Bee Taechaubol anticipa i tempi. Come riporta Sky Sport, il broker thailandese arriverà a Milano il 24 Aprile, quindi non più il 26.
    Mr Bee, dunque, proverà a stringere i tempi per mettere le mani sul Milan e superare la concorrenza dei cinesi.


    23 aprile 2015 - Cessione Milan, Lee atteso domani a Milano per incontrare Berlusconi

    Secondo la Gazzetta dello Sport, visto il blitz previsto per domenica da parte di Mr. Bee, per provare a chiudere l'accordo per la maggioranza del Milan, il gruppo cinese è pronto al contrattacco. Richard Lee, che rappresenta questo gruppo di imprenditori, potrebbe infatti sbarcare nella giornata di domani a Milano e incontrare immediatamente Silvio Berlusoni ad Arcore. La due diligence, cioè l’analisi dei conti del Milan, da parte della cordata cinese è quasi ultimata e dunque a breve sarà il momento di presentare l’offerta ufficiale.
    Berlusconi preferirebbe proprio la cordata di Mr.Lee, la quale avrebbe pronti 600 milioni di euro cash contro i 500 milioni di euro per il 60% del club di Bee Taechaubol.
    Berlusconi quindi nei prossimi giorni dovrà decidere a chi cedere alcune quote del Milan, che presto potrebbe avere un nuovo proprietario.


    23 aprile 2015 - Forbes: Milan ai cinesi. Mr Bee solo un piccolo investitore

    Su questo forum, da tempo, si è ipotizzato che Mr Bee ed i cinesi potessero far parte, più o meno, della stessa cordata pronta ad acquistare il Milan.
    Ecco, di seguito, quello che scrive Forbes (per la precisione, Mike Ozanian) in merito alla cessione del Milan: "Sembra chiaro a tutti che Bee Taechaubol non sembra possedere denaro sufficiente per acquistare il Milan. In base alle informazioni finanziarie che ho raccolto, sembra chiaro che Silvio Berlusconi abbia deciso di vendere il Milan ad una cordata cinese con Bee Taechaubol nei panni di piccolo investitore. Ma chi ha bisogno di comprare il Milan, con soldi liquidi, se si hanno amici molto ricchi?".


    24 aprile 2015 - Cessione Milan: incontro Lee-Fininvest direttamente in Cina.

    Come riporta Tuttosport, nei giorni scorsi è avvenuto direttamente in Cina un incontro decisivo tra i rappresentanti di Fininvest e quelli di Richard Lee, inclusi degli esponenti del governo cinese che starebbero spingendo per questa soluzione. L'incontro viene definito negli ambienti economico-finanziari "altamente strategico e di grande importanza". Le indiscrezioni portano a Zong che sarebbe pronto a mettere sul piatto 600M per la maggioranza del club e vorrebbe piazzare degli uomini di fiducia nei settori strategici come ad esempio quello commerciale, con un business improntato sul brand e sul ritorno della squadra ad alti livelli.

    24 aprile 2015 - Cessione Milan, Doyen: "Parleremo al momento opportuno"

    Come riporta TMW, arrivano delle dichiarazioni che confermerebbero clamorosamente una delle notizie riguardanti la cessione del Milan. Nelio Lucas, gestore del fondo Doyen, ha da poco rilasciato queste parole: "La risposta della Doyen per adesso è un no comment. Se e quando sarà il momento, parleremo". Un no comment che, in realtà, vale più di mille parole.

    26 aprile 2015 - Mr Bee è appena arrivato a Milano. Tutti gli aggiornamenti

    Come riportato da Sky, poco fa, Mr Bee Taechaubol è appena arrivato a Milano. Il thailandese, dunque, sembra fare davvero sul serio per l'acquisto del Milan.

    27 aprile 2015 - Cessione Milan: APECF conferma l'esclusiva di Milan World.

    Ricordate l'esclusiva fornita da questo portale oltre un mese fa? Dalla Cina: 75% del Milan venduto in 3 anni. Preliminare già firmato
    Ebbene, dopo tante settimane passate a ragionare l'eventuale coinvolgimento dell'associazione APECF nell'acquisto del Milan, finalmente attraverso un portavoce è la stessa organizzazione a fare chiarezza e mettere dunque a nudo l'affare: "In merito alle recenti dichiarazioni di Mr Fu Yixiang, vice-presidente della Camera di Commercio italo-cinese, precisiamo che non ha affatto un ruolo di rappresentante di Silvio Berlusconi per negoziare con gli investitori cinesi. Siamo in possesso di una lettera dell’ad di Fininvest, che conferma di trattare l’operazione Ac Milan con il consorzio cinese soltanto attraverso Apec e Richard Lee".
    Dunque tutto vero: Richard Lee e APECF si sono mossi per acquistare il Milan attraverso un progetto ambizioso, che prevede lo sfruttamento del brand a 360° in tutta la Cina.


    29 Aprile 2015 - Incontro Berlusconi Mr Bee per il Milan

    Alessandro Alciato su Mr Bee a Sky. Ecco le sue ultimissime novità sulla vicenda:"Mercoledì Mr Bee incontrerà Silvio Berlusconi ad Arcore. Il thailandese non sarà allo stadio. Le parti si vedranno. E solo se Berlusconi dirà di no, si farà avanti la cordata cinese e inizierà la due diligence. Se riuscirà a comprare il Milan Mr Bee si appoggerà ad una banca di Abu Dhabi, l'Ads Security, e ad una banca di Hong Kong"

    30 aprile 2015 - Saltato incontro Mr Bee - Berlusconi. Rinviato al 1 Maggio 2015.

    Ultimissime sulla trattativa riguardante la cessione del Milan. Secondo quanto riportato da Sky, nella serata di oggi non ci sarà alcun incontro ad Arcore tra Berlusconi e Mr Bee.
    L'incontro è rinviato, probabilmente, a domani 1 Maggio. Mister Bee lascerà Milano e l'Italia il 2 Maggio.


    1 maggio 2015 - Clamoroso: salta la trattativa per la cessione del Milan con Bee?

    Nella nottata di oggi, 1 Maggio 2015, arrivano notizie clamorose riguardanti la cessione (o presunta tale) del Milan che rischia seriamente di saltare.
    Secondo quanto riportato da Sky, da Alciato, Silvio Berlusconi starebbe pensando di tornare sui suoi passi. Questa una frase che avrebbe pronunciato ad Arcore:"Non posso lasciare da perdente, con i tifosi che mi contestano". Marina Berlusconi, la figlia, sarebbe favorevole alla cessione del club. Barbara, invece, no.


    1 maggio 2015 - Cessione Milan: ci siamo. Berlusconi dà l'ok. 2 Maggio incontra Bee.

    Siamo vicini ad una svolta storica. Dalle ultimissime notizie che trapelano, sembra che Silvio Berlusconi abbia dato l'ok definitivo alla cessione del Milan.
    La Gazzetta riporta che: da fonti Fininvest, emerge che dopo il pranzo con Galliani e Licia Ronzulli, Berlusconi abbia dato l'ok definitivo alla vendita alla cordata rappresentata da Bee Taechaubol. Gli avvocati hanno già concluso il loro lavoro. Manca solo un comunicato Fininvest, che potrebbe arrivare addirittura nelle prossime ore o domani.
    Il Milan è a un passo dall'essere ceduto, a quanto pare per il 51%, al gruppo di Bee.
    Domani MATTINA, 2 Maggio 2015, è previsto un incontro (probabilmente decisivo) tra Berlusconi e Mr Bee ad Arcore.
    Ultima modifica di Il Re dell'Est; 11-12-2015 alle 12:29
    Con il Milan nel sangue, nella mente e nel cuore.

  5. #4
    2 maggio 2015 - Berlusconi: "Bee persona seria, avremo un futuro". Bee: "Un onore"

    Ecco le parole integrali di Berlusconi appena uscito dall'hotel insieme a Bee: "La garanzia è che la nuova situazione che si andrà a creare possa far sì che il futuro del Milan sia all'altezza del glorioso passato. Ho trovato in Mr. Bee una persona assolutamente seria, infatti ha rispettato gli adempimenti tecnici della stesura del contratto. Siamo diventati anche amici. Pensiamo di poter fare cose buone continuando nel nostro rapporto. Lo ringrazio per quanto ha voluto fare, e per far sì che il brand Milan possa avere una commercializzazione di livello anche in paesi asiatici a partire dalla Cina. Questo è un giorno che va nella direzione di ciò che combineremo in futuro, è stato un approfondimento dei vari temi. Per le quote di maggioranza tutto in discussione, c'è la possibilità che mantenga il 51%. Il Milan per me è sempre stato un affare di cuore"
    Ecco invece le parole di Bee: "Voglio ringraziare il Presidente per questa opportunità. E' un grande onore per me, ma dobbiamo ancora lavorare su alcuni dettagli e ci verrà del tempo"



    2 maggio 2015 - Comunicato Fininvest: Mr Bee vuole una quota di minoranza del Milan

    Notizia flash. Fininvest ha appena emesso un comunicato in merito all'incontro avvenuto questa mattina tra Berlusconi e Bee Taechaubol. Eccolo, di seguito:
    L'incontro di Milano con Mr. Bee è stato positivo. Sono state discusse tematiche centrali per il futuro del club come, ad esempio, la valorizzazione e la commercializzazione del brand nei paesi asiatici, dove si può dare un forte e decisivo impulso per sviluppare i ricavi e reperire così quelle risorse finanziarie indispensabili per allestire un progetto tecnico e sportivo che riporti il club ai vertici del calcio italiano, europeo e mondiale. La collaborazione proposta, ancora da definire in molti punti, prevede l’acquisizione da parte di una cordata finanziaria di una quota di minoranza e che il controllo del club rimanga saldamente nelle mani del Presidente Silvio Berlusconi e della Fininvest.


    2 maggio 2015 - Comunicato ufficiale Mr Bee sul Milan


    Dopo la Fininvest, anche Mr Bee ha rilasciato un comunicato ufficiale in merito alla trattativa per l'acquisizione (di quote?) del Milan.
    Ecco alcuni passaggi:"Abbiamo ottenuto un accordo esclusivo con la Fininvest per acquistare una quota del Milan. Poi ci rimboccheremo le maniche e inizieremo a lavorare. Il Milan è un onore ed un sogno che diventa realtà. Il Milan, ora, è dove NON dovrebbe essere. Vogliamo riportare la squadra allo scudetto. E l'obiettivo è anche arrivare in fondo alla Champions League. Ringrazio Berlusconi, Fininvest ma, soprattutto, i tifosi rossoneri".


    3 maggio 2015 - Mr Bee:"Chiudiamo l'accordo, ci riorganizziamo e vinciamo".

    Ancora Mr Bee, da Bangkok, parla della trattativa per il Milan. Ecco le sue parole alla Gazzetta dello Sport ed il video:"L'accordo per il Milan dovrebbe essere chiuso in 3-4 settimane. Dopo aver chiuso la trattativa, riorganizzremo squadra per vincere. Ma prima bisogna chiudere la trattativa".

    3 maggio 2015 - Comunicato di Berlusconi: "Nessuna trattativa con cordate cinesi"

    Tramite l'Ansa, il presidente del Milan Silvio Berlusconi smentisce alcune notizie che erano state lanciate questo pomeriggio, soprattutto dalla Gazzetta, che lo vedevano trattare una quota del club con Lee: "Nessuna trattativa in corso con cordate cinesi".

    5 maggio 2015 - Berlusconi a Bee: vuoi la maggioranza? Vinci lo scudetto!

    Il portale TMW riporta in esclusiva i dettagli della bozza di accordo raggiunta tra Silvio Berlusconi e Mr Bee, che dovrebbe essere ufficializzata nelle prossime settimane. Il broker thailandese inizialmente entrerà con il 30%, e potrà aumentare la sua quota azionaria di un altro 21% (salendo al 51%) soltanto in caso di vittoria dello scudetto. E nel corso del terzo anno Silvio vuole che il suo Milan faccia bella figura anche in campo internazionale, soltanto in quel caso si priverebbe anche del restante 49%. Gli accordi sono stati già sottoscritti dalle parti. Inoltre c'è una clausola (tipica in questi casi) che prevede questo: nel caso in cui Bee e i suoi finanziatori non rispettino questi accordi (e quindi e il Milan dovesse fallire in campo nazionale e internazionale), Berlusconi potrebbe riprendersi la maggioranza del Milan ad un prezzo di favore. In sostanza, l'accordo che sarebbe stato stipulato è un'assoluta garanzia per il futuro della squadra rossonera. Se Bee vuole portare a termine la scalata nel corso dei prossimi 2-3 anni dovrà inevitabilmente investire tanti soldi e riportare il Milan dov'era rimasto: sulla vetta d'Italia e d'europa.

    5 maggio 2015 - Il piano dei cinesi per acquistare il Milan.

    La Gazzetta dello Sport non si ferma e continua a battere, incessantemente, la pista cinese per il Milan del futuro. La rosea sostiene che la corsa al club rossonero non è affatto chiusa: i cinesi sono in piena corsa, contro Mr Bee, per la scalata al Milan.
    Ecco, di seguito, il titolo della Gazzetta oggi 5 Maggio in edicola:
    Ecco il piano di Pechino per sedurre Berlusconi. I cinesi pronti a costituire un fondo per avere il Milan.


    6 maggio 2015 - I cinesi in pressing su Berlusconi per il Milan e per lo stadio

    La Gazzetta dello Sport sicurissima della pista cinese per il Milan del futuro. Anche nell'edizione in edicola oggi, 6 Maggio 2015, la rosea riporta in prima pagina l'interesse del gruppo orientale per la società rossonera

    8 maggio 2015 - I cinesi vogliono il 51% del Milan. Per ora. Ecco l'offerta

    La Gazzetta dello Sport in edicola oggi, 8 Maggio 2015, torna nuovamente sull'offerta dei cinesi per il Milan. Ecco, di seguito, il titolo della rosea:
    Milan, i cinesi vogliono il 51% per 580 milioni di euro. E la cordata potrebbe salire al 70% in 4 anni.


    9 maggio 2015 - Milan, telenovela cessione: settimana prossima aggiornamenti?

    Secondo Tuttosport, la settimana prossima, nel consueto pranzo di famiglia del lunedì, il presidente Berlusconi potrebbe incontrare la cordata cinese interessata all'acquisto. Le parti hanno scambiato molti documenti negli ultimi giorni, e lunedì potrebbe essere il giorno decisivo per formalizzare l'offerta che, secondo il quotidiano di Torino, ammonta a 650M per un investimento che parte dal 35% e arriva gradualmente fino al 61% nel giro di 3-5 anni.
    Il Corriere dello Sport sembra dar manforte a questa ipotesi, sostenendo che l'incontro avverrà dopo il pranzo di famiglia.
    In ogni caso, i tifosi si mettano l'animo in pace: non si avranno novità ufficiali fino ai primi di giugno. Quindi soltanto dopo le elezioni di fine maggio.


    10 maggio 2015 - Berlusconi: "Per la cessione del Milan ci sono tre cordate"

    Intervistato negli studi di Primocanale dal direttore Luigi Leone, in vista delle prossime elezioni regionali, Silvio Berlusconi ha parlato anche di calcio: “Per la cessione del Milan ci sono tre cordate, i tifosi rossoneri possono stare tranquilli su quello che deciderò”. Berlusconi ha poi aggiunto: “Il calcio italiano ha sbagliato ad aprire a troppi stranieri. Sul sito di Primocanale è disponibile anche il video.

    Pochi minuti prima a Telenord: "venderei anche la maggioranza se venisse qualcuno a spendere tanti soldi ogni anno. Per essere al top servono investimenti top"


    10 maggio 2015 - Mr Bee insiste: "Siamo ai dettagli, investo intorno al 50%"

    Come riporta la Gazzetta dello Sport, direttamente da Bangkok, e precisamente dal quotidiano Thai Rath, Mr Bee torna a parlare di Milan. E stavolta rilascia qualche dettaglio in più: "Con Berlusconi abbiamo già concordato la maggior parte dei dettagli e tutta la procedura legale dovrebbe essere completata nel giro di 3-4 settimane. Non entrerò col 30% ma con una percentuale vicina al 50%. Il primo obiettivo della prossima stagione sarà quello di tornare fra le prime quattro del campionato, mentre in quella successiva lottare per lo scudetto".

    11 maggio 2015 - Comunicato ufficiale Doyen: "Riporteremo il club ai vertici"

    Pochi minuti fa il fondo d'investimenti Doyen Sports ha battuto un comunicato ufficiale in cui si esprime dettagliatamente sulla trattativa Berlusconi-Bee e sul rapporto che avrà con il Milan. Parole molto forti e decise che faranno certamente sognare i tifosi rossoneri.

    12 maggio 2015 - Milan ai cinesi: affare di Stato. Berlusconi tratta con Xi Jinping

    Clamorosa rivelazione della Gazzetta dello Sport che conferma quanto riportato in esclusiva da Milan World, che ancora una volta non ha ricevuto alcuna menzione. Il quotidiano riporta le immagini già pubblicate in questo forum, grazie alle quali avevamo scoperto (per merito di -Lionard-) che la rappresentante del governo di Pechino non era nient'altro che una persona facente parte di APECF, ossia Wang Xingxian.

    13 maggio 2015 - Wanda e Mr Pink nella cordata di Xi Jinping. La Cina avanza.

    La Gazzetta dello Sport di oggi, 13 maggio 2015, ancora una volta, riporta informazioni che questo portale aveva anticipato mesi fa. Il gruppo Wanda e Mister Pink, infatti, sarebbero due degli imprenditori che farebbero parte della lista dei futuri soci così come stabilito dal presidente Xi.

    16 maggio 2015 - Berlusconi annuncia:"Ecco perchè vendo il Milan (ma solo un pò)".

    La Gazzetta dello Sport in edicola oggi dedica la prima pagina alla cessione del Milan e riporta un'intervista esclusiva a Silvio Berlusconi che annuncia la cessione del Milan e conferma la trattativa con la Cina.

    17 maggio 2015 - Gazzetta: Berlusconi venderà il 35%

    Come riportato dalla Gazzetto dello Sport, Silvio Berlusconi avrebbe deciso di vendere solamente una minoranza del Milan intorno al 35% con il patto di salire negli anni. Barbara e Galliani confermati anche con il nuovo proprietario, il quale nelle idee del presidente dovrà immettere un capitale tra i 200 e i 250 milioni per rafforzare la squadra.

    18 maggio 2015 - Mr Lee:"Io, il Milan e Berlusconi".

    Il Corriere dello Sport in edicola oggi, 18 Maggio 2015, ha intervistato in esclusiva Mr Richard Lee (uno dei capi cordata, o presunti tali, interessati a rilevare il Milan o alcune quote).

    20 maggio 2015 - Esclusiva italiana Milan World: dalla Thailandia parla Mr Bee. Video

    Milan World è orgoglioso di poter offrire alla propria utenza un’altra incredibile esclusiva. Questa volta riguardante Mr Bee e la trattativa che sta conducendo per acquistare il Milan.
    Come tutti sanno, il manager thailandese è tornato da diversi giorni nella sua terra natìa, la Thailandia, dove tuttavia i rumors riguardanti l’acquisto del Milan continuano a far parlare l’opinione pubblica. A tal proposito, pochi giorni fa Mr Bee ha rilasciato un’intervista ad una emittente televisiva locale in cui spiega diversi aspetti della trattativa e alcuni di questi sono del tutto nuovi. Milan World è riuscito a recuperare in esclusiva nazionale il video originale dell’intervista


    20 maggio 2015 - Berlusconi:"Tratto con uno Stato. Se salta faccio il Milan..."

    Silvio Berlusconi a 7Gold parla ancora della cessione del Milan. Ecco le sue parole:"Nel mondo del calcio sono entrati i capitali del Qatar. Una sola famiglia non può competere. Ce la possono fare solamente club con 300mila soci. Ma in Italia questo è impossibile. Ho pensato e penso ancora di poter trovare acquirenti sul mercato internazionale che possano migliorare la loro immagine grazie al Milan. Ma tutti quelli con cui ho parlato mi hanno chiesto di restare perchè il brand Milan è associato con quello Berlusconi. Abbiamo trattato al massimo per il 50% e il 50%, 51% e 49%, e con uno stato il 75% e 25%. Se questa cosa andrà avanti, torneremo ad esser competitivi in Italia, in Europa e nel Mondo. Se non succederà continuerò a fare sacrifici da solo. L'idea è quella di fare un Milan italiano, una Nazionale italiana, soprattutto con giovani del vivaio, con un'apparenza più conforme alla mia idea da vecchio signore, non a quella dei giovani d'oggi. I miei giocatori devono diventare un esempio per i giovani. Le mie parole su Inzaghi? Io non ho esonerato nessuno. Ho detto solo che spesso io e lui siamo in disaccordo. Non è esonerato e continua con il suo lavoro"

    23 maggio 2015 - Salvini: "Arrivano i soldi dalla Cina, me lo ha detto Berlusconi"

    Matteo Salvini, leader politico nonché tifoso milanista, nel corso della serata di ieri a Mantova, parlando con degli amici presenti al comizio, ha svelato il futuro della società rossonera: "Quella che sta per concludersi è stata una stagione disastrosa. Ma Berlusconi mi ha assicurato che il gruppo cinese sta per mettere un bel po' di soldi per finanziare il mercato. Speriamo!"

    1 giugno 2015 - Esclusiva italiana MW: il Milan scelto per insegnare calcio in Cina

    Il rapporto tra il Milan e la Cina si fa sempre più forte. Come scoperto in esclusiva nazionale da questo portale, il 28 maggio è stato ufficialmente inaugurato a Beijing un progetto molto ambizioso. E voluto con forza direttamente dal partito comunista cinese. Come molti sanno, infatti, nei mesi scorsi il governo cinese ha deciso di promuovere il gioco del calcio in tutta la nazione con l'obiettivo di rilanciare questo sport e aumentare la competitività dei giocatori cinesi. Ebbene, a tal proposito in una conferenza stampa tenutasi a Beijing il 28 maggio 2015, l'AC Milan ha firmato un accordo di collaborazione e cooperazione con il China campus football. Questo accordo, che avrà una durata triennale, prevede l'invio di 350 allenatori in 200 scuole di 20 diverse città della Cina. Ad eccezione di 11.200 ragazzi che saranno allenati direttamente dai coaches rossoneri, il Milan istruirà 1.600 insegnanti del posto. Inoltre, gli allenatori porteranno dei libri di testo firmati Milan in Cina.

    5 giugno 2015: Mr Bee è a Milano: 48 ore per il Milan. Dentro o fuori.

    Clamorosa notizia riportata da Marco Bellinazzo. Mr Bee è a Milano da ieri. La trattativa per la cessione del Milan è rincominciata. Saranno 48 ore da dentro o fuori. Le parti stanno trattando in gran segreto per provare a trovare un accordo che soddisfi tutti. Al momento, Berlusconi vorrebbe tenersi la maggioranza. E la cosa potrebbe anche far saltare tutta la trattativa.

    5 giugno 2015 - Mr Bee ha acquistato il 48% del Milan per 480 milioni di euro

    E' fatta! Mr Bee ha acquistato il 48% del Milan in cambio di 480 milioni di euro. La maggioranza del club resta nelle mani di Silvio Berlusconi. Mr Bee punta alla maggioranza in 24 mesi.

    2 luglio 2015 - Conference Call tra Bee e Berlusconi. Si chiude. Le ultime.

    Come riporta La Gazzetta dello Sport, ieri, alle 13:30, Berlusconi e Mr Bee si sono "rivisti faccia a faccia". In conference call (video conferenza). Un'importante accelerata in vista della chiusura finale per l'acquisizione del 48% della società rossonera da parte del broker thailandese. Il closing, previsto inizialmente per l'8 Agosto, potrebbe essere anticipato di un paio di settimane. Da metà Luglio in poi, ogni giorno è quello buono per il comunicato ufficiale. Per la firma, ci sono due scenari: o Mr Bee verrà nuovamente a Milano per mettere tutto nero su bianco o saranno i dirigenti Fininvest a recarsi in Thailandia. Ma ci siamo. Il 48% del Milan, ormai, è di Mr Bee.

    29 luglio 2015 - Milan: nel fine settimana l'accordo vincolante tra Bee e Berlusconi.

    Come riportano l'Ansa, Sportmediaset, Panorama, il Messaggero e TMW, il Milan compie un altro passo verso la data storica che, tuttavia, probabilmente avverrà soltanto verso la fine dell'estate o al peggio in autunno.
    Il 5 giugno, infatti, era stato firmato un accordo esclusivo a trattare e a trovare un accordo. Ebbene, tale accordo è stato raggiunto e ora le parti, secondo i media prima citati, nel fine settimana firmeranno un nuovo accordo vincolante, ma stavolta a vendere (per Berlusconi) ed a comprare (per Mr Bee). In sostanza, in virtù di questo accordo, ci sarà un impegno scritto da parte dei soggetti coinvolti a finalizzare l’operazione (con il closing) ad un prezzo già fissato, e con modalità già prefissate, nell’arco dei prossimi mesi. I tempi burocratici, purtroppo per i tifosi, sono questi.
    Ultima modifica di Il Re dell'Est; 11-12-2015 alle 12:34
    Con il Milan nel sangue, nella mente e nel cuore.

  6. #5
    1 agosto 2015 - Bee - Berlusconi: è arrivata la firma per il patto vincolante.

    Come riportato da Alessandro Alciato, Mr Bee Taechaubol e Silvio Berlusconi, che si trovano in Sardegna, hanno firmato il patto vincolante per la cessione del 48% del Milan. Il closing finale entro la fine di Settembre.

    2 agosto 2015 - Bellinazzo, il punto sull'accordo Bee-Berlusconi e sul futuro Milan

    Marco Bellinazzo, de Il Sole 24 Ore, fa il punto sull'accordo tra Bee e Berlusconi.
    Il patto tra Bee e Berlusconi è stato sigillato, si è sancito il trasferimento del 48% del Milan alla cordata cinese/thailandese che sostiene Bee Taechaubol. Il costo sarà di 480 milioni di euro; cifra elevata, ma che trova la sua giustificazione prima di tutto nel cambio di guardia che avverrà in seno alle posizioni di vertice del club, e in secundis anche nelle potenzialità che il thailandese vede nel Milan.


    3 agosto 2015 - Affare Berlusconi-Bee? Secondo l'Espresso nessuna garanzia bancaria!

    L'Espresso, noto settimanale ostile a Silvio Berlusconi, fa il punto sulla vendita del Milan a Mr Bee. Secondo Gianfranco Turano, firma dell'articolo, l'accordo tra Berlusconi e Bee non presenterebbe alcuna copertura finanziaria, che sia fidejussione o garanzia bancaria. Non è presente manco una penale. Dunque quali sono le garanzie a sostegno dell'affare? Chi ci dice che non sia una trattativa stile Murdoch Berlusconi, tutto fumo e niente arrosto?

    14 agosto 2015 - La Guardia di Finanza tiene d'occhio la trattativa Mr Bee - Milan.

    Clamorosa indiscrezione de L'Espresso in edicola oggi, 14 Agosto. Secondo il settimanale, la trattativa tra Mr Bee e Silvio Berlusconi per la cessione del Milan sarebbe "sotto la lente d'ingrandimento della Guardia di Finanza". Sempre secondo il settimanale, Mr Bee non avrebbe la forza economica nemmeno per una caparra o una penale. Figuriamo per versare 480 milioni.
    Nessuna banca ha garantito per Mr Bee.


    15 agosto 2015 - Cessione Milan: ecco chi è il Deus ex Machina dell'operazione.

    Come riporta Milano Finanza, il vero Deus ex Machina dietro l'operazione Bee-Milan sarebbe un altissimo dirigente della banca cinese coinvolta: si tratta di Li Shilin, vice presidente di Citic e presidente di Citic Guoan (controllante). Quest'ultimo ricopre numerosi ruoli all'interno del colosso bancario che ha garantito per intero i 480M e che possiede il 100% del Beijing Football club, il più importante club di Pechino di cui Li Shilin è anche presidente. La sua passione per il calcio, infatti, è di lunga data. Già nel 2005 Li ha stipulato un accordo commerciale con il Real Madrid in cambio di supporto tecnico sportivo per lo sviluppo del club asiatico. Che anche con il Milan, a 10 anni di distanza, si replichi un affare simile?
    Li Shilin, comunque, non sembra aver ottenuto il pieno avallo dei vertici del colosso bancario e in questa fase si sta muovendo sotto traccia in direzione Thailandia, dove la Citic gestisce dei fondi specializzati.


    25 agosto 2015 - Accordo Bee-Berlusconi minacciato dalla crisi delle borse asiatiche

    Come riporta Carlo Festa, del Sole 24 Ore, sul suo blog, il crollo dei mercati di Shanghai e Hong Kong sta creando diversi problemi nel portare avanti l'affare Bee-Berlusconi per rilevare il 48% delle azioni del Milan.
    Bee deve infatti raccogliere i capitali da investitori cinesi e la banca d'affari CITIC, colosso del governo cinese, deve deliberare appunto un finanziamento cospicuo. Molti addetti ai lavori sono scettici sul fatto che l'affare possa andare in porto.


    29 agosto 2015 - Bee al lavoro per chiudere entro il 30 settembre. Festa chiarisce.

    Carlo Festa, noto giornalista del Sole24Ore particolarmente critico sull'operazione riguardante la cessione del Milan, ha da poco rilasciato questo aggiornamento.
    Afferma di riportarlo solo per dovere di cronaca, ma l'altro ieri pomeriggio ha ricevuto sul suo cellulare una chiamata da uno degli esponenti della cordata di Bee. Non può rivelare il nome. Il motivo della chiamata è stato questo: "Stiamo chiudendo per concludere l'operazione entro il 30 settembre. Inoltre non è affatto vero che la crisi cinese starebbe mettendo a rischio l'operazione, come invece affermava in qualche suo precedente articolo".
    La fonte, inoltre, ha affermato che gli esponenti della cordata stanno ancora analizzando i numeri della transazione e che dovrebbero concludere questo lavoro entro i primi dieci giorni di settembre.
    La stessa fonte, inoltre, ha affermato che l’operazione sarà in parte tramite finanziamento bancario (probabilmente tramite Citic) e in parte in equity. L’offerta dovrebbe essere strutturata in tempi utili per il 30 settembre, scadenza per il closing con Silvio Berlusconi.


    31 agosto 2015 - Mr Bee sarà in Italia l'11 settembre per concludere il deal.

    Come riporta il Corriere della Sera, l'11 settembre è previsto il ritorno di Bee a Milano. Il thailandese nei giorni seguenti concluderà l'accordo per l'acquisto del 48% del Milan.

    3 settembre 2015 - Mr Bee sarà al Derby del 13 Settembre

    Tuttosport: Bee verrà a Milano per limare gli ultimi dettagli, ma non per il closing. Quello è atteso entro la fine del mese. Coglierà l'occasione per festeggiare il suo compleanno (12 settembre) in compagnia del futuro socio e per guardare la squadra dal vivo per la prima volta in occasione del derby. Anche la GdS è dello stesso avviso: questo arrivo di Bee non coinciderà con il closing, quindi i tifosi stiano buoni

    3 settembre 2015 - Berlusconi e Mr Bee. Dai fondi neri ai fondi rossoneri

    Il settimanale l'Espresso ha pubblicato una nuova inchiesta sull'affare legato alla cessione del 48% del Milan al broker thailandese, Bee Taechaubol.
    L'articolo inchiesta, molto lungo e complesso, non si può riassumere. Di conseguenza, solo per questa occasione, lo riportiamo integrale.


    4 settembre 2015 - Cessione Milan a Mr Bee. Comunicato Fininvest contro L'Espresso

    Finivest risponde alle accuse de L'Espresso sulla trattativa con Mr Bee per la cessione del 48% del Milan ( Berlusconi e Mr Bee. Dai fondi neri ai fondi rossoneri. ) con un comunicato ufficiale.
    Ecco, di seguito, il comunicato emesso dall'azienda:
    "L’odierna razione di spazzatura de L’Espresso, che si affida a risibili coincidenze per lanciare insinuazioni tanto infamanti quanto infondate, non merita neppure commenti. Se ne occuperanno i nostri legali"


    4 settembre 2015 - Mr Bee a Milano a fine settembre

    Secondo quanto riportato da Alessandro Alciato, Mr Bee Taechaubol tornerà a Milano solo alla fine del mese di settembre.
    Sembra saltato, dunque, il viaggio a Milano per il derby in programma il 13 settembre.


    4 settembre 2015 - La famiglia reale della Thailandia nella cordata di Bee?

    L'affare Bee-Milan assume sempre di più i contorni di una spy-story. Dopo l'inchiesta de l'Espresso e la secca smentita di Fininvest, l'ultima che ho sentito dire è che tra gli investitori dietro Bee ci sarebbe addirittura la famiglia reale della Thailandia, del Re Bhumibol Adulyadej.

    6 settembre 2015 - Forchielli:"Mr Bee abbandona il Milan"

    Alberto Forchielli, presidente di osservatorio Asia, su Twitter, con un messaggio dal contenuto abbastanza forte, scrive che la trattativa tra il Milan e Mr Bee sarebbe tramontata del tutto. Sempre secondo Forchielli, il broker thailandese avrebbe deciso di abbandonare il progetto di acquistare il 48% della società rossonera.
    Forchielli aggiunge: "Berlusconi non molla il Milan, è un tenace e pensa che il Milan sia l'unica cosa veramente sua che gli sia rimasta. Ma la storia che fossero soldi del Berlusca che tornavano non è mai stata vera."
    Ancora Forchielli, a un utente che gli chiede se è Bee che abbandona il Milan o Berlusconi che ha deciso di non vendere: "Bee non ha trovato i soldi che pensava di trovare"
    Ad un tifoso che gli chiedeva se fosse disponibile a cospargersi il capo di cenere in caso di closing di Bee, ecco la sua risposta: "Sono disposto anche a mangiare m..."


    7 settembre 2015 - Fininvest-Bee: cambiano i pesi nel CDA. Thailandese in arrivo.

    Come riporta la GdS, la fine del mese si avvicina e con essa la deadline prefissata per il closing.
    I rispettivi manager e gli studi legali stanno lavorando senza sosta in modo da rispettare le date e al momento non emergono conflittualità o problemi di sorta. Bee, inoltre, è annunciato in Italia a breve. Le ultime parlano di giovedì sera o venerdì mattina. Ma sarà un viaggio di piacere, visto che il broker compirà 40 anni e li vuole festeggiare con i suoi cari nel bel paese. Località top secret, ma difficilmente in centro a Milano. Non sarà, quindi, un viaggio di lavoro. Al momento non sono fissati incontri con Berlusconi che sabato ha l'agenda piena. Bee spera di chiudere anche nella penultima settimana di settembre, ma non sarà facile. Intanto sono stati rivisti i pesi nel CDA: 5 saranno Fininvest, 4 di Bee, e 4 indipendenti di cui 2 nominati da ciascuno. Su questi, sia Fininvest che Bee avranno poteri di veto.


    7 settembre 2015 - Mr Bee nei prossimi giorni in Italia, ma non per il Milan.

    Come riportato Alessandro Alciato su Sky, Mr Bee Taechaubol, nei prossimi giorni, sarà nuovamente in Italia. Ma non per il Milan. Il broker thailandese arriverà in Italia l'11 Settembre e ripartirà il 14. Una sosta lampo per festeggiare il proprio compleanno. E precisamente a Firenze, dove il 13 di questo mese presenzierà alla cena benefica di Bocelli nella sala dei 500 a Palazzo Vecchio.
    Mr Bee, dunque, non verrà per il Milan.
    L'appuntamento con Berlusconi, per il closing, è previsto per la fine del mese di settembre.


    8 settembre 2015 - Cessione Milan: la CITIC ancora non delibera il finanziamento.

    Alla data odierna, Mr Bee non avrebbe ancora ottenuto alcun commitment (cioè impegno) formale da parte di investitori interessati a partecipare all’operazione. Sarebbero stati sondati diversi soggetti (i soliti nomi già usciti in queste settimane) ma nessuno si sarebbe vincolato, scrivendo nero su bianco di voler partecipare all’offerta.
    Per quanto riguarda la Citic, che dovrebbe finanziare l’operazione, effettivamente sarebbe stato presentato il dossier al board della banca: tuttavia, al momento, quest’ultimo non avrebbe deliberato alcun finanziamento per l’acquisto delle quote del Milan. Quindi, a meno che Mr Bee in queste due settimane non riesca a mettere al posto giusto ogni pezzo del mosaico, per ora l’operazione pare ferma. A Mr Bee, quindi, servirà una giocata da autentico fuoriclasse per presentarsi entro il 30 settembre da Berlusconi con le carte necessarie. Ci riuscirà? Staremo a vedere.


    11 settembre 2015 - Martedì possibile incontro Berlusconi-Mr.Bee

    Secondo quanto risulta a Il Sole 24 Ore, nell'articolo firmato Carlo Festa, martedì ci dovrebbe essere il faccia a faccia tra Berlusconi e Mr.Bee per parlare dello stato delle discussioni con gli investitori interessati a rilevare il 48% del Milan.
    Attese novità e spiegazioni su quest'affare diventato ormai una telenovela in cui si sono create diverse correnti di pensiero: chi crede all'operazione, chi la ritiene infattibile e chi ipotizza una copertura per altri scopi.


    11 settembre 2015 - Mr Bee è in Italia. A Firenze. Foto.

    Come previsto, Mr Bee Taechaubol è arrivato in Italia, precisamente a Firenze. Luogo scelto per festeggiare il proprio compleanno e per partecipare ad una cena a scopo benefico.
    Il broker, forse, incontrerà Berlusconi martedì


    12 settembre 2015 - Bee-Berlusconi: incontro il 15 settembre.Da CITIC ok alla quotazione

    Come riporta Calcio&Finanza, nella edizione odierna del Sole24Ore, in un piccolo trafiletto in fondo pagina, il giornalista Carlo Festa riporta che nei giorni scorsi il board della banca Citic si è riunito ed ha approvato il progetto di quotazione in borsa, ad Hong Kong, della squadra rossonera.
    A detta del giornale economico, quindi, malgrado le diverse incognite il progetto va avanti spedito.


    14 settembre 2015 - Berlusconi - Bee: visita di cortesia in attesa del closing.

    Secondo quanto riportato da Sky e Sportmediaset, l'incontro avvenuto poco fa, 14 settembre, ad Arcore, tra Berlusconi e Mr Bee in realtà è stato solamente una visita di cortesia del broker thailandese al presidente rossonero.
    Ora si attende il closing che dovrebbe arrivare per la fine del mese di settembre.
    Questa sera, probabilmente, Mr Bee e Berlusconi si rivedranno alla festa di Licia Ronzulli, mediatrice della trattativa.


    14 settembre 2015 - Berlusconi: "Firma con Bee pura formalità. Stadio? San Siro".

    Ultim'ora Sky Sport: ecco le parole di Silvio Berlusconi sull'incontro di oggi e sullo stadio: "La firma con Bee è una pura formalità. Se tornerà per il mio compleanno? (29 settembre). No, arriverà pochi giorni dopo. Il brand Milan sul mercato cinese porterà alla società più di 100M annui. Mr Bee è una persona che si sta comportando bene, mi piace molto. E' un ottimo partner. Sullo stadio, dopo una serie di considerazioni, è prevalso il sentimento: meglio restare in un San Siro rinnovato. Il nostro stadio piace molto anche a Mr Bee. Ho parlato con Mihajlovic della possibilità di giocare con 3 attaccanti. Sarà lui a prendere una decisione in merito. Nel derby ho visto una bella prestazione della squadra, il pareggio sarebbe stato più giusto. Balotelli è stato irreprensibile, Sinisa ha garantito per lui. Abbiamo molta fiducia in Mihajlovic, mentre per Balotelli questa è l'ultima occasione".

    15 settembre 2015 - Bee ha trovato i capitali. Si lavora alacremente per il closing.

    Milano Finanza: (...) Il nodo della trattativa, ormai avviata da mesi con la mediazione della banca d’affari cinese Citic, riguarda principalmente le garanzie che Bee deve mettere sul piatto per bilanciare l’offerta da 480M per rilevare il 48% del club rossonero. E se nei mesi estivi effettivamente «c’erano state complicazioni sul fronte del reperimento dei fonti», specifica una fonte vicina al dossier, «adesso si sta lavorando alacremente sulla definizione dell’accordo».
    Tradotto: Citic, attraverso il banchiere italiano Federico Bazzoni, avrebbe infatti avuto da Bee Taechaubol le dovute rassicurazioni sui capitali da presentare al momento del closing, previsto per l’appunto per l’ultimo giorno di settembre.


    16 settembre 2015 - Milan, diversi manager della banca CITIC sotto inchiesta.

    Come riporta Carlo Festa nel suo blog, la cessione del Milan dovrà passare un altro scoglio. Malgrado si parli di cessione ormai imminente, il giornalista tiene alta l'allerta parlando di una situazione poco chiacchierata in Italia.
    Nelle ultime settimane, infatti, i vertici della CITIC (la banca che supporta l'affare di Bee) sono stati colpiti da un terremoto giudiziario non indifferente. Appena ieri il governo cinese ha messo sotto indagine per insider trading il presidente di Citic Securities e membro dell’executive committee, il sig. Cheng Boming. L’executive committee, per intenderci, è’ il board che deve esaminare il sostegno al piano di Mr Bee sul Milan (ma in realtà lo ha già fatto due settimane fa insieme a Bee, come riporta il Corriere della Sera). Inoltre già nelle scorse settimane erano stati messi sotto indagine due top manager di Citic.


    23 settembre 2015 - Mr Bee a Milano il 27 o il 28 settembre per il closing.

    Secondo quanto riportato da calcioefinanza, Mr Bee Taechaubol sta preparando il nuovo sbarco a Milano. Questa volta, come si sa da tempo, per il closing. Il broker arriverà in Italia il 27 o il 28 settembre 2015. Probabilmente, festeggerà il compleanno di Berlusconi (29 settembre). Poi, le parti si vedranno per chiudere la cessione del 48% del Milan allo stesso Bee.
    Il thailandese non resterà per molto in Italia. In un primo momento, sembrava che potesse assistere a Milan Napoli in programma il 4 ottobre. Ma il 1 o il 2 ottobre rientrerà a Bangkok a causa di impegni personali.
    Ultima modifica di Il Re dell'Est; 11-12-2015 alle 12:36
    Con il Milan nel sangue, nella mente e nel cuore.

  7. #6
    24 settembre 2015 - Fininvest smentisce le indiscrezioni: "Non cediamo la maggioranza".

    Nella mattinata odierna sono iniziate a circolare delle voci riguardanti la cessione da parte di Fininvest anche della sua quota di maggioranza (Closing: la trattativa in corso.).
    Ebbene, la holding di Berlusconi con una nota di un portavoce ha appena smentito una simile eventualità.
    Ecco il testo riportato da C&F: "Su alcuni giornali compaiono stamane indiscrezioni relative alla trattativa per la cessione di una quota di minoranza del Milan. Si tratta di indiscrezioni totalmente prive di fondamento". Anche fonti vicine a Bee per il momento hanno smentito una simile eventualità.
    Allo stesso modo Fininvest smentisce la notizia odierna di Repubblica secondo la quale Berlusconi cederebbe a Bee, dopo la quotazione in borsa, un altro 24% della società dietro versamento di 240M.
    Secondo l'Ansa questo comunicato smentirebbe anche l'indiscrezione secondo la quale verrebbe nominato un terzo AD a fare da supervisore, notizia uscita anch'essa stamattina (Mr Bee a Milano il 27 o il 28 settembre per il closing.)


    26 settembre 2015 - La procura di Milano indaga su diritti TV e cessione del Milan.

    Come riporta La Repubblica, la procura di Milano ha messo ancora una volta nel mirino Silvio Berlusconi.
    L'indagine è iniziata a maggio e riguarda principalmente la cessione dei diritti TV nel triennio 15-18. Una prima ipotesi verte sulla creazione di un Trust tra i grandi club per ricevere la parte più consistente di quei soldi.
    L'inchiesta si è allargata anche al Sig. Filippo Dollfus de Volkesberg, che gestisce in Svizzera i patrimoni di alcuni imprenditori italiani all'estero, e che a maggio è finito in manette. La storia, piuttosto intricata, si intreccerebbe con Infront, la società incaricata di gestire la cessione all'estero dei diritti TV, e alcuni movimenti societari riguardanti la cessione del Milan a Mr Bee. Il collegamento tra le due situazioni è ancora da chiarire, ma i magistrati Pellicano e Polizzi stanno scavando per cercare di comprendere se esistano dei movimenti sospetti che possano legare le due vicende.
    Ecco il comunicato Fininvest di risposta all'articolo:
    "Non basta definire "cattivo giornalismo" l'incredibile operazione che Repubblica compie stamane. Annuncia con grande clamore in prima pagina l'apertura di una inchiesta della Procura di Milano, oltre che sui diritti tv, sulla "vendita del Milan". Ma nelle due paginate che dedica all'argomento, sulla questione Milan compaiono solo poche righe di elucubrazioni, insinuazioni, ipotesi confuse, e l'ammissione che lo stesso quotidiano non sa assolutamente che cosa c'entrino le discussioni per la cessione di una minoranza della società calcistica con una presunta indagine sui diritti.
    La Fininvest nulla sa di inchieste della Procura sulla vicenda Milan ed esclude che tali inchieste possano esistere. Ribadisce la cristallina correttezza dei propri comportamenti. Ma denuncia con vigore un modo di fare disinformazione che ha superato ormai ogni limite. E' qualcosa di molto più grave del "cattivo giornalismo", è un comportamento inquailificabile, in grado di creare danni irreparabili. Repubblica sarà chiamata a risponderne davanti all'autorità giudiziaria".


    27 settembre 2015 - Trattativa cessione Milan. Bee e Barbara in contrasto.

    Alciato intervenuto a Sky Calcio ne pre partita tra Genoa e Milan, ha parlato della trattativa per la cessione. Tutto procede come da programma, tuttavia ci sono dei problemi tra Mister Bee e Barbara Berlusconi. Mister Bee infatti andrà ad "intasare" la parte relativa al Marketing, che è di competenza di Barbara. Problemi che devono essere risolti.
    Secondo, ancora, Alciato. Mister Bee non ha ancora preso il biglietto per Milano. Non è sicuro del suo arrivo oggi, probabile domani.


    27 settembre 2015 - Barbara smentisce i contrasti con Mr Bee. Comunicato ufficiale.

    In mattinata, Sky aveva parlato di presunti attriti tra Barbara Berlusconi e Mr Bee Taechabul ( qui i dettagli Trattativa cessione Milan. Bee e Barbara in contrasto. ). La stessa Barbara, però, ha diramato un comunicato ufficiale per smentire tali indiscrezioni.
    Eccolo, di seguito:
    "In merito ad alcune notizie stampa apparse quest'oggi su presunte divergenze tra Mr. Bee e Barbara Berlusconi, l'entourage della Dottoressa smentisce categoricamente. Tra Mr Bee e Barbara Berlusconi non ci sono al momento né divergenze ne' convergenze perché i due non hanno avuto mai modo di confrontarsi in maniera approfondita sulle tematiche strategiche del futuro del club. Semplici saluti di circostanza e pochi scambi di opinione si sono tenuti, infatti, in occasione degli incontri tra Silvio Berlusconi e Mr Bee ad arcore. Barbara Berlusconi ritiene l'eventuale accordo sulla cessione del 48 % assolutamente e ovviamente positivo per il club e precisa che non avrebbe alcun problema a cedere alcune delle sue numerose deleghe al broker thailandese. In particolare quella della valorizzazione e commercializzazione del brand nei paesi asiatici. In generale la dottoressa ritiene che chi investe una tale enorme cifra nel Milan abbia il diritto e il dovere di incidere sugli aspetti di gestione del club. La notizia di presunte 'divergenze insanabili' ,quella uscita su alcuni media, appare dunque incomprensibile ed è forse stata creata ad arte anche se non se ne comprende l'obiettivo. Barbara Berlusconi inoltre si tiene completamente fuori della trattativa in corso con mr Bee che è' gestita esclusivamente dal padre Silvio Berlusconi"


    27 settembre 2015 - Mr Bee ora vuole lo sconto per il 48% del Milan.E ancora non si vede

    Importanti aggiornamenti da La Repubblica sulla trattativa per la cessione del 48% del Milan a Mr Bee. Secondo il quotidiano, ora Mr Bee sarebbe intenzionato a chiedere uno sconto a Silvio Berlusconi per l'acquisto del 48% del Milan. Quindi, non più 480 milioni ma 340 milioni per una valutazione globale di 680 milioni.
    Sempre secondo Repubblica, la chiusura della trattativa non è per nulla scontata. Tant'è vero che il broker thailandese, atteso tra oggi e domani a Milano, non avrebbe ancora comprato il biglietto aereo.
    Mr Bee, prima di partire, starebbe attendendo una risposta sulla richiesta di sconto.


    28 settembre 2015 - Cessione Milan: possibile una proroga di 3 settimane.

    Come riporta il Corriere della Sera, a firma Adriana Ravelli, Mr Bee non arriverà neanche oggi a Milano anche se comunque è atteso nei prossimi giorni. A questo punto l'ipotesi che il closing possa slittare non è più così remota.
    Le due parti, infatti, hanno concordato pacificamente una certa flessibilità sui tempi di chiusura che quindi potrebbe essere rinviata anche di 3 settimane. L'ipotesi è stata ventilata in una riunione di un paio di giorni fa. Ad ogni modo, se Bee dovesse fare questa richiesta sarà per ragioni squisitamente tecniche, nulla a che vedere con presunte inchieste. L'affare non è a rischio. La decisione verrà presa unicamente da Bee e Berlusconi quando si incontreranno, e ad oggi ancora non c'è una data fissata.

    Anche la GdS parla del closing ed a detta di Pagliara e Pasotto, giornalisti autori dell'articolo, da Arcore emerge una certa inquietitudine. Giustificata dal fatto che gli accordi sono stati completati, le garanzie bancarie esibite, ma dei soldi non c'è ancora nessuna traccia. Il clima è di grande incertezza.
    Nelle ultime ore è balzata fuori l'ipotesi di una proroga per il closing ma dagli ambienti Fininvest emerge un ottimismo di base. Bee ancora non si vede a Milano ma non si esclude che possa atterrare tra stasera e domani. Da fonti vicine alla holding di Berlusconi si apprende che l'appuntamento per il 30 settembre non è stato ancora cancellato. Da Arcore però trapela nervosismo e chi frequenta il presidente riporta di una persona irritata per l'incertezza che trapela in questi giorni.


    28 settembre 2015 - Mr Bee Milan: il closing rimandato ad ottobre.

    Ultime notizie sul fronte Mr Bee. Come riporta Sportmediaset, il broker thailandese ha annullato il viaggio a Milano. Il suo arrivo in Italia era previsto per giovedì. Dopo la rassicurazione sulle garanzie bancarie, Mr Bee avrebbe ottenuto una nuova proroga (grazie alla mediazione di Licia Ronzulli). Il closing è stato rimandato di 3-4 settimane. Quindi, metà-fine ottobre 2015.

    Per dovere di cronaca riportiamo anche il nuovo intervento di Alberto Forchielli (presidente dell'osservatorio Asia) sulla vicenda:
    "Con i BENGALA di Mr Bee si illumina San Siro. Cosa sono i bengala? Sono assegni da conti estinti. La storia del lavaggio dei soldi di Berlusconi non è mai stata vera, secondo me. Mr Bee è più un cioccapiatti" (colui che promettete, promette ma alla fine non mantiene)


    29 settembre 2015 - Bee domani a Milano, incontro con Berlusconi.

    Ultim'ora di SportMediaset. Cambio di programma per Mr Bee: il thailandese domani sarà a Milano per un incontro operativo con Silvio Berlusconi.

    30 settembre 2015 - Mr Bee a Milano oggi 30 settembre. Chiederà un mese per il closing.

    Come riporta La Gazzetta dello Sport in edicola, nella giornata di oggi, 30 settembre, è previsto l'arrivo di Mr Bee in Italia. Il broker thailandese incontrerà Silvio Berlusconi e chiederà una proroga di un mese (quindi se ne riparlerà a fine ottobre) per il closing.

    30 settembre 2015 - Mr Bee: altre 4 settimane per il closing. A fine ottobre 2015.

    Secondo quanto riporta La Gazzetta dello Sport, dopo una riunione fiume durata oltre 6 ore, Fininvest ha deciso di concedere una proroga di 4 settimane a Mr Bee Taechaubol.
    Il closing, dunque, arriverà (o meglio, dovrebbe arrivare) alla fine del mese di ottobre.


    30 settembre 2015 - Comunicato Fininvest - Bee dopo l'incontro di oggi

    Ecco il comunicato emesso poco fa da Fininvest e dall'entourage di Mr Bee dopo l'incontro avvenuto nella giornata di oggi ad Arcore
    "Nell’incontro avvenuto oggi tra le parti per affinare gli ultimi aspetti tecnici dell’operazione, Mr. Bee Taechaubol ha illustrato al presidente Silvio Berlusconi gli adempimenti compiuti al fine di dare concreta attuazione al preliminare di compravendita siglato il 1 agosto scorso, che prevede l’acquisto da parte di Mr. Taechaubol di una quota di minoranza dell’AC Milan pari al 48%, per un corrispettivo di 480 milioni di Euro. Nel corso dell’incontro, Mr. Taechaubol ha confermato il notevole interesse che nei Paesi asiatici il Milan ed il suo brand suscitano, interesse riscontrato in tutti i numerosi contatti avuti con operatori finanziari e commerciali. I consulenti delle parti sono tuttora al lavoro per definire gli ultimi dettagli con l’obiettivo di completare l’intesa nei prossimi giorni."


    2 ottobre 2015 - Dalla Thailandia: "Mr Bee? Un bluff che tuttavia può riuscire."

    Come riporta Carlo Festa sul suo blog, un banker ben introdotto negli ambienti finanziari thailandesi e tra i ricchi del paese, ma che vuole restare anonimo, fa luce sull'affare Bee-Milan.
    Ecco le sue parole: "Perché è un bluff? Perchè sta provando a vincere la partita senza aver ancora mostrato le sue carte. Ma sta conducendo bene finora la sua partita.
    Link
    : Dalla Thailandia: "Mr Bee? Un bluff che tuttavia può riuscire."

    10 ottobre 2015 - Arrestato Baroni, consulente di Mr Bee e Infront

    Andrea Baroni, fiscalista residente in Svizerra, è stato arrestato con l'accusa di riciclaggio. Chi è Andrea Baroni? Tra gli altri, è consulente di Mr Bee Taechaubol per la scalata al 48% del Milan.
    Secondo la procura di Milano, Baroni sarebbe la mente e il braccio di diversi fondi esteri e del relativo riciclaggio. In questo giro di riciclaggio sarebbe coinvolta anche Infront e il presidente Bogarelli. Secondo la procurat Infront avrebbe "Turbato il procedimento amministrativo diretto a stabilire il contenuto dei bandi per la vendita dei diritti tv 2015/2018".
    La notizia è riportata dal Corriere della Sera e da La Repubblica.
    La scalata di Mr Bee al Milan, per ora, non è nell'inchiesta dei magistrati sulla vicenda.


    12 ottobre 2015 - Bee-Milan: closing ancora lontano ma si lavora e si vedono i soldi.

    Come riporta Tuttosport, Mr Bee sta lavorando alacremente per concludere l'acquisto del Milan. Il closing è ancora lontano ma il manager thailandese sa come mettere a posto gli ultimi tasselli, tra i quali la costituzione di una società italiana in cui far confluire i soldi degli investitori che fanno capo allo stesso Bee.
    A tal riguardo, dagli ambienti finanziari trapela l'indiscrezione secondo la quale una parte dei soldi sarebbero stati già trasferiti nelle casse di Fininvest. Cifre e modalità sono sconosciute ma probabilmente Bee ha voluto dare un segnale forte a Berlusconi, dimostrando che i problemi di cui si parlava sono ormai superati.


    14 ottobre 2015 - Si complica la trattativa tra Mr Bee e Berlusconi per il Milan

    Secondo quanto riportato dalla Gazzetta dello Sport in edicola oggi, 14 ottobre 2015, la trattativa tra Mr Bee e Berlusconi per la cessione del 48% del club rossonero al broker thailandese si sta complicando. Il motivo? l'indagine della procura di Milano su Infront e, in particolare, l'arresto di Baroni ( Arrestato Baroni, consulente di Mr Bee e Infront ) consulente di Mr Bee.

    14 ottobre 2015 - Mr Bee: "Mai conosciuto Baroni. Le trattative proseguono"

    Ultim'ora: Mr Bee, dopo il polverone sollevato dalla magistratura e dai media italiani, prende la parola. Ecco le sue dichiarazioni: "Non ho mai avuto occasione di conoscere Andrea Baroni (Tax and Finance) che non alcun ruolo nelle trattative in corso per il 48% del Milan. Le trattative proseguono così come concordato tra le parti".

    15 ottobre 2015 - Ghedini sulla trattativa tra Berlusconi e Mr Bee

    L'avvocato Niccolò Ghedini ha diramato all'Ansa una nota sulla trattativa, e sulle numerosi voci, tra Mr Bee Taechaubol e Silvio Berlusconi per la cessione del 48% del Milan. Eccola, di seguito:"Negli ultimi giorni, in più occasioni, diversi quotidiani, alcuni surrettiziamente, altri addirittura in modo diretto, hanno insinuato che l'operazione di cessione di parte di quote del Milan sarebbe finalizzata al rientro di capitali detenuti all'estero dal presidente Berlusconi e che comunque vi sarebbero dei fondi esteri non dichiarati. Tali prospettazioni sono palesemente false, prive di ogni fondamento e diffamatorie".

    18 ottobre 2015 - Bee a Pechino per formare una cordata di due imprenditori cinesi.

    Come riporta Carlo Festa sul suo blog "insider", Bee Taechaubol sarebbe da qualche giorno a Pechino per una serie di meeting con potenziali investitori interessati teoricamente al Milan. In questa “missione” sarebbe accompagnato da alcuni esponenti della banca d’affari cinese CITIC. Secondo le indiscrezioni che ha potuto raccogliere il giornalista Festa, Mr Bee, rispetto ai colloqui iniziali che erano partiti con una decina di potenziali investitori, adesso si sarebbe focalizzato su 3-4 nomi. Ma l’obiettivo finale sarebbe costituire per il Milan una cordata di massimo 2 soggetti.
    Tra i nomi coinvolti ci sarebbe il presidente del Beijing Guoan Football Club, Li Shilin, nome che era già emerso due mesi fa in un articolo di Milano Finanza. Non e’ detto tuttavia che quest’ultimo ne’ gli altri diano la loro disponibilità a partecipare alla cordata, soprattutto per le cifre che vorrebbe Mr Bee (e pretese da Berlusconi).
    In ogni caso la struttura dell’operazione sembra chiara. Per raccogliere 480M servono almeno 250M di equity, mentre la quota restante potrebbe essere finanziata dalle banche, che tuttavia non daranno il loro via libera fino a quando non saranno individuati gli investitori in equity.
    Insomma, una vera e propria partita a poker che Bee sta giocando fino all’ultimo respiro. Del resto, proprio Bee non e’ nuovo ad ardite operazioni finanziarie.


    19 ottobre 2015 - Passi avanti tra Bee e Fininvest. Ma per il closing...

    Secondo quanto riportato dall'Ansa, nel corso dell'incontro avvenuto oggi ad Hong Kong tra Mr Bee Taechaubol ed i rappresentati di Fininvest, sono stati fatti dei passi avanti nella trattativa. Nonostante ciò, però, non ci sono anticipazioni nè novità riguardo il possibile closing finale che dovrebbe consegnare il 48% del Milan al broker thailandese.
    Ultima modifica di Il Re dell'Est; 11-12-2015 alle 12:38
    Con il Milan nel sangue, nella mente e nel cuore.

  8. #7
    19 ottobre 2015 - Fininvest, importante comunicato sulla cessione del Milan domani.

    Dopo l'incontro positivo tenutosi ad Hong Kong tra Bee e i rappresentanti Fininvest ( Passi avanti tra Bee e Fininvest. Ma per il closing... ), domani proprio Fininvest rilascerà un importante comunicato riguardante la cessione del club. Lo comunica Milan Channel, che ha anche aggiunto che sembra tutto fatto con Ads Securities di Abu Dhabi, mentre mancano ancora alcuni dettagli con la CITIC.

    20 ottobre 2015 - Nessun comunicato di Fininvest sulla cessione del Milan a Bee

    Nella serata di ieri Milan Channel aveva riferito che, nella giornata di oggi 20 ottobre 2015, Fininvest avrebbe diramato un importante comunicato riguardante la cessione del 48% del Milan a Mr Bee Taechaubol. L'atteso comunicato, però, almeno fino ad ora, non è arrivato.


    24 ottobre 2015 - Berlusconi: "Bee è una persona seria. Closing spero entro Natale".


    Berlusconi torna a parlare della cessione del Milan. Ecco le sue parole ai microfoni Premium: "Sono convinto che Bee sia una persona seria. Anzi approfitto per spiegare una cosa: c’è chi dice che i soldi di Bee siano dei soldi di Berlusconi all’estero che così può riportare in Italia. E’ davvero una pazzia che io possa fare una cosa del genere. Se qualcuno trovasse un tesoretto di Berlusconi all’estero, prometto che darò ben dieci volte tanto in beneficienza. Closing? Spero entro Natale. È importante per noi commercializzare il brand sui mercati orientali, in particolare in Cina dove abbiamo tantissimi tifosi”.

    30 ottobre 2015 - Mr Bee - Milan si complica: fumata grigia.

    Secondo quanto riporta TMW, la trattativa tra Mr Bee ed il Milan si complica. Il broker thailandese è tuttora alla ricerca di capitali per acquistare il 48% del Milan. Ma la trattativa ha subito una frenata. La fumata è grigia. Nei prossimi giorni potrebbe esserci un nuovo contatto tra Bee ed i vertici di Fininvest. Forse, decisivo per il dentro o fuori.


    31 ottobre 2015 - Bee-Milan: nuovo consulente per il thai. Addio Tax&Finance.

    Come riporta la GdS, Silvio Berlusconi nella giornata di ieri ha affermato che dopo i recenti avvenimenti che hanno coinvolto la Tax&Finance di Lugano, Bee si rivolgerà ad altri consulenti per portare avanti l'acquisto del 48% del Milan.

    31 ottobre 2015 - Bee Milan: il closing entro la fine del 2015.

    Aggiornamento sulla trattativa tra Bee Taechaubol e Berlusconi per la cessione del 48% del Milan. Secondo Tuttosport, il closing potrebbe arrivare entro la fine del 2015. Lo stesso Berlusconi, inoltre, ha dichiarato che Mr Bee assumerà un nuovo consulente.
    L'intenzione è quella di non dare adito ad alcuna polemica.


    3 novembre 2015 - Mr Bee - Milan: la trattativa si allunga. Le news

    Secondo quanto riportato dal Corriere della Sera in edicola oggi, 3 novembre, si allungano i tempi della trattativa tra Bee e Berlusconi per la cessione del 48% del Milan. Le parti mostrano ancora fiducia sulla buona riuscita della trattativa, ma non ci sono più tempi precisi.

    6 novembre 2015 - Mr Bee alla ricerca del capitale perduto: contatti con americani?

    Come riporta Carlo Festa sul suo Blog, Mr Bee è sempre alla ricerca dei capitali mancanti per arrivare a quota 480M. Il problema principale, infatti, è relativo ad uno dei finanziatori che negli ultimi mesi si sarebbe tirato indietro facendo venire meno una sostanziosa fetta di quei soldi pretesi da Berlusconi.
    Per questo motivo Bee si sta rimboccando le maniche per trovare il capitale perduto e secondo le ultime indiscrezioni pare che oltre ad imprenditori cinesi abbia contattato anche un gruppo statunitense il cui nome però è sconosciuto.
    Al momento comunque di concreto non c'è nulla e la data informale prevista per il closing (30 novembre) difficilmente verrà rispettata.


    12 novembre 2015 - Milan-Bee: il closing arriverà prima di Natale. Tutto procede bene.

    Come riporta Tuttosport, i tifosi rossoneri troveranno sotto l'albero di Natale una lieta sorpresa. Entro le feste natalizie, infatti, è previsto il tanto atteso closing con il consorzio guidato da Mr Bee. Le parti si stanno praticamente sentendo con cadenza quotidiana e tutto procede secondo i piani.
    Una volta che scatterà il closing, Bee assumerà la carica di vice presidente con delega allo sviluppo del brand nei mercati asiatici e porterà in dote degli accordi già conclusi con diverse aziende cinesi di primo livello. Valore di questi accordi: 100M.


    12 novembre 2015 - Milan, ma non solo... Mr Bee conclude altri affari nel calcio.

    Nell'attesa di ultimare l'accordo con il Milan, Mr Bee ha ufficialmente concluso due importanti investimenti che si pongono nel quadro strategico da lui voluto e che riguarda il calcio a 360°. Il thailandese, infatti, tramite la sua società, la Thai Prime, ha completato l'acquisto del 30% di Sports Events International (SEI), e una partecipazione del 28,5% in Global Legends Series. Quest'ultima, in particolare, ha stretto accordi con il governo cinese riguardanti lo sviluppo di calciatori con la creazione di apposite academy sparse per la Cina.

    19 novembre 2015 - Dalla Thailandia: "Bee è tranquillo, il deal verrà completato".

    Nel suo blog del Sole24Ore, Carlo Festa ci aggiorna sulla trattativa Bee-Milan. E lo fa riportando una breve intervista ad un soggetto non identificato ma vicino al broker thailandese. Ecco le sue parole:
    La trattativa per l’acquisto del 48 per cento Milan è ancora viva oppure ormai è tramontata?
    "E’ ancora viva. I consulenti di Bee stanno proseguendo nella conversazione con importanti co-investitori asiatici."
    Quindi il deal non è ancora da ritenersi morto?
    "Bee e’ molto tranquillo sul fatto che il deal verra’ completato : solo lui , pero’ conosce la realta’ della sua capacita’ finanziaria che oggettivamente e’ molto alta."
    Mi può indicare l’identità di qualche investitore o se esiste una deadline?
    "No comment. La cosa interessante e’ che c’e’ molto interesse in Cina sul deal."


    23 novembre 2015 - Bee-Milan, rinvio a fine dicembre. Ma senza esclusiva. Salta tutto?

    Come riporta Milano Finanza, la trattativa per l'acquisto del 48% del Milan da parte della cordata capitanata da Mr Bee sembra aver subito un brusco arresto. Il broker, infatti, non riuscirà a trovare i 480M entro la nuova dead line fissata per il 30 novembre. E in questa data scade anche l'esclusiva che Fininvest ha concesso al thailandese.
    Pertanto, come riporta il quotidiano lombardo, la holding di famiglia avrebbe concesso una ultima proroga per la fine di dicembre (a confermarlo anche le ultime dichiarazioni di Berlusconi "Speriamo entro Natale..."), ma ovviamente senza alcuna esclusiva. Quindi tra una settimana esatta, se non ci sarà il closing, il Milan sarà libero di riallacciare le trattative con le altre cordate interessate, dai cinesi capitanati da Mr Lee, fino al fondo americano Madisoncon, una cui prima offerta della scorsa primavera non fu ritenuta congrua rispetto invece ai 480M promessi da Bee.
    A complicare i piani di Bee sarebbero stati diversi imprenditori cinesi che si sarebbero tirati indietro a seguito del polvenone sollevato dalla stampa italiana, oltre agli arresti di alcuni soggetti facenti parte della società di consulenza di Bee (il cui rapporto è stato poi interrotto).
    Il rischio, quindi, è che si arrivi a fine anno con un nulla di fatto.


    24 novembre 2015 - Pellegatti:"Mr Bee Milan il 16 dicembre?"

    Pellegatti: "Il 16 dicembre è la data in cui è stato fondato il Milan ed il 16 dicembre è il giorno in cui a Mr Bee piacerebbe firmare il closing. Il thailandese infatti sta lavorando alacremente per chiudere l'operazione nelle prossime 3/4 settimane proprio perché vuole un Milan protagonista sul mercato di gennaio e ancora di più in quello estivo. Dunque le prossime 3/4 settimane saranno estremamente calde sul fronte societario"

    25 novembre 2015 - Festa: "Bee-Milan, in Asia assicurano che l'affare si farà. Ma..."

    Carlo Festa, giornalista del Sole24Ore, sul suo blog riporta le ultime notizie riguardanti un affare che ormai definisce grottesco. Il closing doveva arrivare ad agosto, poi settembre, novembre ed ora fine anno. Ma qual è la verità dietro questa vicenda? Dagli ambienti finanziari asiatici assicurano che l'operazione verrà chiusa (presto o tardi). Quindi arrivano segnali di fiducia, ma Fininvest preferisce tacere e ultimamente soltanto Berlusconi e la Ronzulli si sono espressi in merito, dichiarandosi speranzosi che l'affare si chiuda entro Natale.
    Ma in Italia cosa si sussurra? Quali sono le spiegazioni che vengono fornite dagli ambienti legali e finanziari? Le ipotesi (non nuove) sono tre (...)


    25 novembre 2015 - Il Sole 24 Ore: Mr Bee e il Milan sempre più lontani

    Il Sole 24 Ore, il principale quotidiano economico italiano, riporta che la trattativa tra Mr Bee e Berlusconi per la cessione del 48% del Milan si fa sempre più difficile. E di conseguenza il broker thailandese si allontana sempre più dalla co-proprietà del club. Le quotazioni di Mr Bee calano giornalmente. A Fininvest di continua a lavorare per provare a chiudere l'affare ma più i tempi si allungano e più il pessimismo aumenta. L'ostacolo, immenso, è rappresentato dalla super valutazione data da Berlusconi alla sua creatura.

    25 novembre 2015 - Bellinazzo:"Closing? Nessuna data. Bee cerca di chiudere la cordata"

    Marco Bellinazzo, giornalista del Sole24Ore, intervistato a Radio24 fa il punto sulla cessione del Milan a Mr Bee: "Non era stata fissata nessuna data per il closing. Quest'ultimo è stato più volte sul punto di essere concluso ma è sempre mancato qualcosa. Bee sta tentando ancora di completare la cordata di investitori, molti si sono dichiarati interessati, ora però devono mettere i soldi".

    28 novembre 2015 - Repubblica: "I guai della Citic allontanano Mr Bee"

    Come riporta la Repubblica, malgrado le rassicurazioni che provengono dai diretti interessati, l'affare che prevede il passaggio del 48% del Milan da Berlusconi a Mr Bee è in alto mare per via di "guai" che stanno coinvolgendo la Citic Bank, principale partner di questa trattativa.

    1 dicembre 2015 - Salvini: "Mr Bee? Mi dicono che abbia chiuso l'accordo".

    Matteo Salvini, intervistato dalla GdS, ha rilasciato delle dichiarazioni riguardanti la cessione del Milan a Mr Bee: "Mi dicono che abbiano concluso l'accordo. L'ingresso di nuovi investitori è un bene ma avrei preferito degli italiani".

    2 dicembre 2015 - Mr Bee: arrivano buone notizie. Trovati due nuovi investitori.

    Come riporta il Corriere della Sera, dall'Oriente arrivano finalmente buone notizie. Mr Bee, infatti, avrebbe trovato dei nuovi investitori interessati ad entrare nella cordata che acquisterà il Milan. Lunedì scorso, il thailandese e Buzzoni, dirigente di Citic Securities, ha incontrato questi investitori e l'esito dell'incontro è stato positivo. Ma chi sono?
    I rumors parlano di due importanti istituzioni cinesi (una finanziaria e l'altra che si occupa di beni di consumo).
    I tempi per arrivare al closing, tuttavia, sono ancora incerti e li conoscono soltanto i diretti interessati. La speranza di tutti i tifosi è che si possa realmente trovare sotto l'albero di Natale il tanto atteso passaggio di proprietà.


    2 dicembre 2015 - Mr Bee compra quote del Manchester City? Addio Milan?

    Secondo quanto riportato dalla Gazzetta dello Sport, nella trattativa per la cessione di una quota del Manchester City ai cinesi ( City: Venduto 13% di quote ad un consorzio Cinese per 400 milioni. ), potrebbe entrare anche Mr Bee Taechaubol, colui che sta tentando anche la scalata al Milan. La Gazzetta parla di rumors che raccontano del possibile ingresso di Bee nel Manchester City attraverso Citic Bank. Ora bisogna capire cosa ne sarà della trattativa con Berlusconi per il Milan. Se verrà finalizzata o se si concluderà con un nulla di fatto.

    2 dicembre 2015 - Alciato: "Mr Bee sta provando ad uscire dal pantano. Sul City..."

    Alessandro Alciato, il giornalista che per primo ha lanciato lo scoop su Mr Bee, torna a proferire parola sull'argomento.
    Ecco le sue dichiarazioni a Sky Sport: "La situazione al momento è complicata, non è vicina alla conclusione ma neanche forse troppo lontana. Si sta lavorando per cercare di uscire dal pantano che si è creato. Mr. Bee-City? No, Mr Bee non è presente in questa cordata, però è vero però che ci sono le due banche Citic e l'ADS, ossia le stesse che fanno parte della cordata del thailandese".


    10 dicembre 2015 - Mr Bee assicura: "Fase conclusivissima". Closing imminente?

    Come riporta la Repubblica, dall'entourage di Mr Bee arriva una frase che lascia intendere che ormai la trattativa per l'acquisto del Milan è giunta alle ultime battute: "Siamo nella fase conclusivissima".
    Dunque sembra davvero tutto fatto, con il tanto agognato closing che dovrebbe arrivare entro la fine di questo mese.


    11 dicembre 2015 - Milan: lunedì conference call ma il closing arriverà nel 2016

    Come riporta La Stampa, tra lunedì e martedì è prevista una importante conference call tra Bee e Berlusconi per fare il punto della trattativa riguardante la cessione che ormai procede spedita. Tuttavia, secondo il quotidiano, il closing non arriverà entro la fine del 2015 ma più probabilmente nel 2016.

    14 dicembre 2015 - Berlusconi - Mr Bee: telefonata di auguri. Il closing...

    Secondo quanto riportato da Sportmediaset, nella giornata di oggi c'è stata una telefonata tra Berlusconi e Mr Bee. E' stata una telefonata di cortesia, per scambiarsi gli auguri di Natale. I due, sempre secondo Sportmediaset, hanno concordato di riprendere i lavori in vista del closing per il mese di gennaio 2016, dopo le feste.

    15 dicembre 2015 - Mr Bee Milan: tempi lunghi. E il mercato di gennaio 2016... piange.

    Secondo quanto riportato dal Corriere della Sera, La telefonata avvenuta ieri tra Berlusconi e Mr Bee si è conclusa con un nuovo rinvio. Le parti riprenderanno a trattare dopo le festività natalizie, ma il closing non arriverà di certo entro gennaio 2016. Anzi, i tempi saranno lunghi. Ciò significa che il mercato invernale rossonero sarà all'insegna del risparmio e delle occasioni del momento low cost.

    16 dicembre 2015 - Mr Bee in Italia a gennaio 2016

    Secondo quanto riportato da La Repubblica, Mr Bee Taechaubol avrebbe programmato un nuovo viaggio in Italia. Per la precisione, il broker arriverà a Milano a metà gennaio 2016.

    16 dicembre 2015 - Alciato: "Bee-Milan si farà: e in futuro avrà la maggioranza"

    Alessandro Alciato, giornalista Sky che per primo rivelò la notizia dell'interesse di Mr Bee per il Milan, ha da poco rilasciato queste dichiarazioni: "Un rinvio dopo l'altro, ma credo che alla fine credo il closing ci sarà. Bee più volte volte ci ha messo la faccia. Ci sono stati degli intoppi, alcuni anche molto gravi con personaggi coinvolti nell'operazione che sono stati arrestati in Svizzera. Attualmente si sta cercando di risolvere anche questa situazione. Tuttavia, per come ho imparato a conoscere Mr. Bee, credo proprio che porterà fino in fondo l'operazione. E' difficile, però, che qualcuno spenda 480M senza voler comandare: questo è chiaramente un passo preparatorio e, soprattutto, già stabilito in vista di una futura cessione di quote di maggioranza del Milan".

    20 dicembre 2015 - Mr Bee - Milan: per il momento raccolti 140 milioni.

    Notizie abbastanza sconcertanti quelle riportate da La Repubblica nell'edizione odierna, 20 dicembre 2015. Secondo il quotidiano, la strada per il presunto closing tra Mr Bee e Berlusconi per la cessione del 48% del Milan sarebbe ancora molto lunga. Il broker thailandese, ad oggi, avrebbe raccolto solamente 140 milioni dei 480 necessari. E 20 milioni sarebbero i suoi.
    Ultima modifica di Il Re dell'Est; 29-12-2015 alle 10:10
    Con il Milan nel sangue, nella mente e nel cuore.

  9. #8
    29 dicembre 2015 - Milan, il punto sulla trattativa Bee-Berlusconi. Cambiano le quote?

    Come riporta Calcio&Finanza, che cita un articolo odierno de Il Giorno, l'ultimo incontro tra Berlusconi e Bee è avvenuto in gran segreto il 15 dicembre. Le intenzioni tra i due non sono mai cambiate, così come l'obiettivo di portare a termine l'affare: ma la paura che possa saltare tutto tra i tifosi è tanta, amareggiati dai continui rinvii del tanto atteso closing. Le ultime posticipazioni, infatti, non fanno dormire sonni tranquilli al popolo rossonero, ormai rassegnato all'ennesimo mercato delle "pulci" nella sessione di gennaio.
    La cessione del Milan a Mr Bee, ad oggi, rappresenta l'unica pista per far tornare il Milan ai vertici che gli competono. E che Berlusconi tenga ancora al club, è palesato dalle continue battute sulla squadra che ultimamente hanno come obiettivo il tecnico rossonero Sinisa Mihajlovic.
    Così, dopo settimane di annunci e rinvii, complici le festività, gli advisor torneranno a lavorare dal 7 gennaio, ma ormai è una vera e propria lotta contro il tempo. Perché sia Berlusconi che Bee vogliono provare a chiudere l'affare il prima possibile. Il thailandese, avendoci messo la faccia, vuole concludere bene l'affare, mentre Berlusconi vuole avere soldi sufficienti per permettere alla squadra di rinforzarsi e ambiare ad un posto in CL.
    Tuttavia, secondo le ultime indiscrezioni, la vera disputa si sta giocando sulle percentuali delle quote in ballo. A causa della cifra richiesta da Berlusconi (tuttavia non troppo lontana dalle stime fornite da diversi siti specializzati, ndr), potrebbe essere rivisto il famoso 48% di quote capitale che andrebbe in mano a Bee. Soprattutto se, come pare, non riuscisse in tempi brevi a raccogliere tutti i 480M.


    4 gennaio 2016 - Mr Bee: niente notizie sul closing. E niente mercato di gennaio.

    Come riporta Tuttosport in edicola oggi, 4 gennaio 2016, non ci sono notizie nè date sul closing tra Mr Bee e Silvio Berlusconi per la cessione del 48% del Milan. Inoltre, sempre secondo il quotidiano torinese, Fininvest avrebbe deciso di chiudere i rubinetti e di non scucire soldi per rafforzare la squadra durante il mercato di gennaio. Situazione nerissima.

    7 gennaio 2016 - Cessione Milan: Mr Bee quasi sfumato. Si tratta con gli americani.

    Secondo quanto riportato da giornalisti di Milano Finanza in collegamento su Sportitalia, la pista Mr Bee, per la cessione di quote del Milan, sarebbe ormai tramontata. Sarebbe tornata, però, in auge la trattativa con gli americani del fondo Madison. Si starebbe trattando sulla base di 650 milioni di euro. Le quote di società in ballo nella trattativa ancora non si conoscono.

    8 gennaio 2016 - Bee-Milan: i problemi nella cordata asiatica sono risolti.


    Come riporta Tuttosport, la trattativa tra Bee e Berlusconi è tutt'altro che tramontata. Il thailandese ha proseguito nei suoi viaggi (Abu Dhabi e Cina) anche nel corso delle festività occidentali e sembra aver trovato le risposte che cercava, risolvendo dunque i problemi che avevano bloccato la trattativa.
    Le prossime settimane saranno molto importanti in vista del closing e Berlusconi ovviamente tifa per Bee, piuttosto che per Madison che effettivamente a metà dicembre ha fatto pervenire una offerta di 650M. Ben al di sotto del miliardo promesso da Bee. Quest'ultimo, inoltre, ha già pronta una dote sostanziosa con cui presentarsi in vista del closing: due contatti di sponsorizzazioni pari a 80-100M complessivi.


    9 gennaio 2016 - Fininvest da l'ultimatum a Bee: closing entro gennaio o salta tutto.

    Il quotidiano la Repubblica nella giornata di oggi da la sua versione dei fatti riguardanti la trattativa tra Mr Bee e il Milan.
    Secondo quanto trapela dagli ultimi aggiornamenti, Fininvest avrebbe dato un ultimatum al thailandese: tutto dovrà essere definito entro il mese di gennaio, altrimenti la trattativa rischia di saltare senza altri appelli. La pazienza di Berlusconi, dunque, sembra essere giunta alla fine: adesso è tutto nelle mani di Bee.


    10 gennaio 2016 - Mr Bee, domani dentro o fuori: deve convincere Fininvest.

    Come riporta Carlo Festa, giornalista del Sole24Ore, nella giornata di domani Mr Bee dovrà rendere conto a Fininvest se la sua offerta da 480M ha le spalle coperte. Ossia se è sostenuta da banche e da qualche investitore importante (ma al momento sconosciuto). Se Fininvest, e quindi Berlusconi, saranno soddisfatti delle risposte fornite dal thailandese, gli concederanno altra fiducia. Altrimenti sulla proposta di Bee verrà messa definitivamente la parola fine.
    I dubbi, in ogni caso, restano tanti. La trattativa ormai sta andando avanti da un anno e il balletto che ne sta scaturendo non scatena neanche più battute ironiche: segno che la gente si è stufata.
    Come detto, lunedì 11 gennaio 2015, dovrebbe essere il giorno X. Quello della decisione finale. Ma, anche nel caso in cui Fininvest venga rassicurata, appare difficile una svolta. Questo perché, da quando fu fatta la due diligence, i numeri sono cambiati: il Milan ormai ha la certezza di non partecipare alla prossima CL e inoltre il progetto stadio è naufragato. Infine, è improbabile che in caso di esito positivo il calciomercato di gennaio avrà uno scossone.


    12 gennaio 2016 -Fininvest torna in Cina: e intanto spunta Alibaba...

    Come riporta Carlo Festa nel suo blog, una delegazione Fininvest sarebbe pronta a partire nei prossimi giorni per la Cina, precisamente a Shenzhen, per incontrare i rappresentati di Mr Bee. La notizia, confermata anche dal Corriere della Sera, sarebbe un segnale di ulteriore fiducia nei confronti del thailandese. Nella giornata di ieri, inoltre, Bee era ad Hong Kong con il misterioso investitore, elemento cruciale della trattativa. E Fininvest dovrebbe partire proprio per incontrare questo partner.
    Nel frattempo, l'interessamento nei confronti della società rossonera non sarebbe soltanto del gruppo Madison, ma anche di un fortissimo gruppo imprenditoriale cinese. Le indiscrezioni raccolte porterebbero al colosso di Jack Ma, Alibaba, che ha una sua divisione sportiva che ultimamente ha rilevato anche il Guangzhou Evergrande, ex squadra di Marcello Lippi (oggi vicino ad approdare sulla panchina rossonera). Tuttavia, secondo altre indiscrezioni, il contatto con Alibaba riguarderebbe soltanto strategie commerciali per espandere il marchio in tutto l'Oriente. Il mistero continua.


    12 gennaio 2016: 13 gennaio: accordo Bee-Fininvest, closing entro due settimane.

    Bellinazzo, pochi secondi fa, sul suo blog:
    "Sono giorni cruciali per il futuro del Milan. Domani una delegazione Fininvest andrà a Shenzen, in Cina. Obiettivo? Chiudere definitivamente l'accordo per il passaggio del 48% del Milan alla cordata di Bee, per poi lasciare il lavoro burocratico agli avvocati in modo da effettuare il closing entro poi due settimane.
    Gli ultimi sono stati giorni fondamentali, in cui addirittura si è paventata l'ipotesi del passaggio 100% delle quote del Milan, salvo poi ritornare all'accordo sul 48%.
    Ma a Shenzhen (sede di una delle 3 borse valori della Cina), la strada è aperta anche ad una seconda cordata. Si parla di Huawei, gigante della telecomunicazione e già partner del Milan; o del colosso dell'e-commerce Alibaba, già proprietario del Guangzhou.
    Bellinazzo sarà ospite a Tutti Convocati (trasmissione di Radio 24) alle 14:40, dove approfondirà la questione.


    13 gennaio 2016 - Incontro Fininvest-cordata di Bee il 15 gennaio.

    Si parlava, circa la trattativa Bee-Fininvest per rilevare il 48% delle quote del Milan, di un incontro nella giornata di oggi. Pochi minuti fa Alciato, su Twitter, ha annunciato che l'incontro tra Fininvest e la cordata di Bee si terrà venerdì 15 gennaio. L'incontro sarà importante ma non decisivo per il closing.

    14 gennaio 2016 - Alibaba e il Milan: due diligence in corso?

    Il Sole 24 Ore: Alibaba non conferma e non smentisce l'interesse per il Milan. Carlo Festa ha contattato Molly Morgan, responsabile europeo per le pubbliche relazioni di Alibaba, in merito alla presunta due diligence che il colosso cinese avrebbe chiesto di avviare sul club rossonero. La risposa è stata un diretto "no comment", alimentando un'ipotesi che sarebbe facilmente smentibile se non fosse vera.

    15 gennaio 2016 - Terminato summit Bee - Fininvest. Incontro interlocutorio.

    Secondo quanto riportato da Alessandro Alciato è terminato l'incontro tra Mr Bee ed i vertici Fininvest a Shenzen. E' stato, sempre secondo quanto riportato dal giornalista, un incontro interlocutorio.

    15 gennaio 2016 - Mr Bee - Fininvest. Riparte il summit. Trattativa fiume.

    Secondo quanto riportato dalla Gazzetta dello Sport, è ripartito il summit cinese tra Mr Bee ed i vertici della Fininvest. Dopo il primo incontro, la fumata è stata grigia. Ora si riparte. Sarà, probabilmente, una trattativa fiume. Ad oltranza. Gli uomini Finnvest vogliono certezze e non più promesse. Per Bee, potrebbe essere l'ultima occasione. Da dentro o fuori.

    16 gennaio 2016 - Mr Bee - Milan: la situazione non si sblocca. Si continua a parlare.


    E' terminato l'incontro tra Mr Bee ed i vertici Fininvest. Secondo quanto riportato da Sky Sport, da Fabrizio Romano, è stato un incontro interlocutorio. La situazione non si è sbloccata. Le parti continueranno a trattare nelle prossime settimane e nei prossimi mesi.
    Secondo La Gazzetta dello Sport, la risposta definitiva del Milan è attesa nel pomeriggio di oggi, 16 gennaio.


    16 gennaio 2016 - Bee martedì 19 Gennaio a Milano per incontrare Berlusconi

    Marco Bellinazzo sul suo profilo Twitter: Mister Bee sarà martedì a Milano per incontrare Berlusconi

    19 gennaio 2016 - Mr Bee - Milan. La trattativa proseguirà mercoledì 20 gennaio.

    Comunicato congiunto Fininvest - Mr Bee.
    "Dopo l'incontro avvenuto questa sera tra il Presidente SIlvio Berlusconi e Mr. Bee Taechaubol la trattativa per la cessione del 48% dell'Ac Milan proseguirà domani tra Mr Taechaubol ed i suoi advisor da una parte ed i manager Fininvest dall'altra. I valori fissati all'inizio della trattativa restano confermati".
    Alciato:"Tra i nuovi soci di Mr Bee pare ci sia il governo indonesiano. Le parti che si sono riunite ad Arcore hanno firmato un patto di riservatezza, quindi è difficile sapere qualcosa. Mr Bee mette una parte dei soldi, per l'altra parte si appoggia alla Citic Bank e, come detto, potrebbe esserci il governo indonesiano".
    Domani non ci sarà Silvio Berlusconi. Ci saranno i suoi advisor ed i vertici di Fininvest. Quando avverrà il closing? Impossibile da dirlo. Sicuramente c'è stata un'accelerata e c'è bisogno di vendere una parte del Milan da parte del Finivest. Ripeto, i tempi non li so ma c'è stata un'accelerata. Per domani è stato indetto un CDA nel quale si parlerà di quello che è avvenuto oggi. Magari, forse, siamo vicini alla fine".


    20 gennaio 2016 - Mr Bee Fininvest. Incontro terminato. Si va avanti a piccoli passi.

    Terminato l'incontro di oggi tra Mr Bee e Fininvest. Ecco quanto riportato da Sky:" Cresce l'ottimismo ma è molto molto cauto. Si va avanti, ma a piccoli passi. La volontà è quella di provare a chiudere. Mr Bee tra stasera e domani tornerà a casa. Nei prossimi giorni ci sarà un altro incontro tra i legali di Mr Bee e quelli di Fininvest per provare a fare ulteriori passi in avanti. La trattativa, se si chiuderà, verrà completata nelle prossime settimane. La trattativa va avanti a piccolissimi passi. C'è un moderato ottimismo".

    20 gennaio 2016 - Bee-Milan:Fininvest molto scettica sulla nuova offerta. Salta tutto?

    Come riporta Carlo Festa (Sole24Ore), filtra grande scetticismo sulla nuova offerta di Mr Bee. Secondo quanto risulta al Sole 24 Ore, è questo ciò che trapela da fonti finanziarie, dopo la due giorni di trattative del broker thailandese prima con Berlusconi e poi con Fininvest.
    Diciamolo chiaramente: anche senza avere degli insider di primissima mano si capisce al volo quali sono gli elementi di scetticismo della proposta, che ormai da un anno si è trasformata in una vera e propria telenovela finanziaria.
    1) Mancanza di garanzie reali sul fatto che i soldi ci siano (i 480M su cui Fininvest non transige), 2) investitori che hanno manifestato solo un generico interesse, oltre al fatto che dopo un anno di questi investitori si conosce poco o nulla: forse il Citic Trust, forse un misterioso fondo indonesiano. Se il Milan fosse stata un’azienda quotata in Borsa, la Consob avrebbe chiesto ragguagli da tempo... Ma il Milan resta un’azienda familiare e quindi potrebbe andare avanti con questo tira e molla per un altro anno.
    Nel frattempo, tanto per rendere un’idea della situazione, oggi nel Cda del non si sarebbe neanche accennato al tema Mr Bee.


    21 gennaio 2016 -Mr Bee e il Milan: la situazione al 21 gennaio 2016.

    Concluso l'ennesimo summit che non ha portato a nulla, ecco, di seguito, la situazione attuale tra Mr Bee e il Milan descritta da Sky e dai principali quotidiani nazionali.

    Ognuno dice la sua. Fatevi la vostra idea.

    Alciato:"Non so quanti capitoli ci siano ancora per arrivare alla fine del libro visto che ogni volta c'è un rinvio. I 480 milioni di euro sono molto difficili da trovare. Nessuno parla. Probabilmente, perchè non c'è niente da dire. Il problema vero è la valutazione di 480 milioni data da Berlusconi. Il Milan ha ricavi in decrescita, quindi in questo momento la valutazione appare molto alta. Mr Bee, comunque, è convinto di riuscire a trovare i soldi e poi a quotare la squadra in borsa. Il Milan, a partita, incassa meno della metà di quanto incassa la Juventus. Il discorso stadio incide molto. Una squadra che non vince non attira. Ed è impensabile pensare che chi mette 480 milioni per il 48% del Milan non voglia arrivare a comandare in poco tempo. Se si arriverà ad un sì? Io penso che in qualche modo, in un modo o nell'altro, si arriverà al closing".

    Peppe Di Stefano: La lista degli investitori va completamente riscritta. Per questo motivo, i tempi saranno lunghissimi. Non sarà una cosa breve, tutt'altro. E c'è il rischio che la trattativa, alla fine, salti. L'unico veramente ottimista è Mr Bee.

    Corriere della Sera: l'entourage di Bee è convinto che gli ultimi dettagli possano essere sistemati in due settimane. Poi non dovrebbero esserci più problemi per il closing. Fininvest invece resta più cauta.

    Gazzetta dello sport: entrambe le parti sono convinte di poter sistemare per iscritto le ultime clausole nel giorno di un paio di settimane. Come ad esempio la quantificazione della caparra a carico di Bee, il bilanciamento dei pesi nel Cda, le modalità per affidare da subito pieni poteri a Bee con la garanzia di avere voce in ogni scelta.

    Il Giornale: Bee a Berlusconi: "presidente si fidi di me, mi serve solo altro tempo".
    Con questa frase, detta de visu, il thailandese avrebbe convinto Berlusconi a concedergli altre settimane per chiudere un affare infinito. Al termine dell'incontro Berlusconi avrebbe capito due cose: innanzitutto che Bee aveva sottovalutato le difficoltà nel reperire tutto quel capitale. Ma Silvio ha capito anche che il thailandese è animato da una incrollabile fede di riuscire a centrare il suo obiettivo.

    Carlo Festa, filtra grande scetticismo sulla nuova offerta di Mr Bee. Secondo quanto risulta al Sole 24 Ore, è questo ciò che trapela da fonti finanziarie, dopo la due giorni di trattative del broker thailandese prima con Berlusconi e poi con Fininvest.
    Diciamolo chiaramente: anche senza avere degli insider di primissima mano si capisce al volo quali sono gli elementi di scetticismo della proposta, che ormai da un anno si è trasformata in una vera e propria telenovela finanziaria.
    1) Mancanza di garanzie reali sul fatto che i soldi ci siano (i 480M su cui Fininvest non transige), 2) investitori che hanno manifestato solo un generico interesse, oltre al fatto che dopo un anno di questi investitori si conosce poco o nulla: forse il Citic Trust, forse un misterioso fondo indonesiano. Se il Milan fosse stata un’azienda quotata in Borsa, la Consob avrebbe chiesto ragguagli da tempo... Ma il Milan resta un’azienda familiare e quindi potrebbe andare avanti con questo tira e molla per un altro anno.
    Nel frattempo, tanto per rendere un’idea della situazione, oggi nel Cda del non si sarebbe neanche accennato al tema Mr Bee.
    Ultima modifica di Il Re dell'Est; 27-01-2016 alle 11:52
    Con il Milan nel sangue, nella mente e nel cuore.

  10. #9
    27 gennaio 2016 - Milan-Bee: in arrivo la nuova proposta. Ma Fininvest ormai è stanca.

    Come riporta Carlo Festa, giornalista del sole 24 Ore, secondo i rumors raccolti dal quotidiano economico, in questi giorni Mr Bee farà pervenire a Fininvest la sua nuova proposta per l'acquisto del 48% del Milan.
    Sarà un'offerta sulla falsa riga di quella dell'agosto scorso dove tuttavia sarebbero cambiati gli investitori coinvolti.
    Fino a poco tempo fa quest'ultimi erano Ads e Citic Capital, cioè la stessa divisione del colosso bancario di Pechino entrata di recente nell’operazione sul Manchester City.
    Ma le carte in tavola sono cambiate: nella nuova proposta comparirebbe sempre Citic, però tramite un’altra realtà controllata, e ovviamente altri soggetti. La nuova offerta dovrebbe rappresentare la base di partenza per tentare di raggiungere un nuovo accordo. La nuova bozza dovrà contenere le garanzie finanziarie richieste da Fininvest e il patto sulla governance societaria, con la richiesta di membri nel CDA.
    Tuttavia, dal lato Fininvest, c’è molta cautela sul tema: è infatti ormai un anno che le discussioni stanno proseguendo senza risultati e anche gli ultimi due viaggi (quello dei manager Fininvest in Cina e quello successivo di Bee a Milano) non hanno prodotto risultati.
    Le parti, quindi, si sono lasciate la settimana scorsa con la promessa di Bee Taechaubol di inviare una nuova bozza di accordo. Ovviamente Fininvest non sembra contenta di iniziare da capo un processo dove sarebbero coinvolti altri investitori, che presumibilmente vorranno esaminare nuovamente le carte della transazione.
    Il tempo sembra ormai scaduto e tutto dipenderà probabilmente dalla pazienza che avrà ancora la holding (e soprattutto Berlusconi) per portare avanti una trattativa che fino ad oggi non ha certo giovato all’immagine rossonera.


    31 gennaio 2016 - Berlusconi: "Ultimatum a Bee, abbiamo altre trattative"

    Berlusconi alla fine della cena post derby: "La cessione del Milan? Purtroppo ha influito la crisi dei mercati asiatici. Abbiamo date delle scadenze a Bee, che peraltro sono molto vicine. Ci sono comunque in piedi altre trattative con altri soggetti, perchè lo scopo resta quello di trovare un partner che ci aiuti a riportare il Milan in cima al mondo. Conferma di Mihajlovic? Ora è prematuro parlarne. Dipende sempre tutto dai risultati. Conte? Non abbiamo ancora pensato alla prossima stagione".

    2 febbraio 2016 - Nodo cessione: Madison valuta il Milan 650M e vuole la maggioranza.

    Nei quotidiani odierni si torna a parlare della cessione del Milan. La Gazzetta dello Sport afferma che l'interesse del Madison Square Garden Company è reale e concreto e al loro fianco ci sarebbero un paio di investitori cinesi. Tuttavia questa cordata valuta il Milan 650M e vuole da subito la maggioranza.
    Il nodo principale rimane questo.
    Silvio Berlusconi, infatti, continua a prendere 1 miliardo di euro e vuole cedere soltanto un pacchetto di minoranza, mantenendo quindi il controllo della società.
    Anche il Corriere della Sera afferma che fino a quando Berlusconi non abbasserà le proprie pretese e aprirà alla cessione del pacchetto di maggioranza, la situazione difficilmente si sbloccherà. Infatti Mr Bee è stato l'unico ad accettare le richieste esagerate di Berlusconi e le dichiarazioni di quest'ultimo relative alle scadenze prossime, non sembrano corrispondere alla realtà. Quindi sono state soltanto un metodo per far capire al thailandese che deve sbrigarsi perché Fininvest sta perdendo la pazienza.


    2 febbraio 2016: Mr Bee ora vuole chiudere rapidamente l'acquisto del 48% del Milan

    Secondo quanto riportato dalla Gazzetta dello Sport in edicola oggi, 2 febbraio 2016, Mr Bee vorrebbe dare un'accelerata ed una svolta alla trattativa per l'acquisto del 48% del Milan. Il broker thailandese, nella giornata di ieri, ha fatto filtrare che il suo staff sta preparando tutti i documenti necessari al closing.
    Ma ci sono altri gruppi interessati a rilevare il club ---) Nodo cessione: Madison valuta il Milan 650M e vuole la maggioranza.


    5 febbraio 2016 - Berlusconi si tiene il Milan: più giovani e budget da 50M ogni anno.

    L'edizione odierna de La Repubblica, fa una panoramica generale sulla questione societaria. Il punto fermo sarà senz'altro uno: la prossima stagione sarà ancora targata Berlusconi. Come accade da 30 anni a questa parte. I diktat saranno autarchia, italianità e risparmio. Il prossimo budget per il mercato sarà di 50M, non un centesimo di più. Ormai la fenice asiatica è scomparsa e con essa i 480M di Bee, che si è del tutto sgonfiato.

    5 febbraio 2016 - Milan-Bee:si continua a lavorare. Ma i 480M non ci sono. Le ultime.

    Come riporta Marco Bellinazzo, giornalista del Sole24ore, la trattativa per il passaggio del 48% del Milan alla cordata composta da Mr Bee non è saltata. Ma si trova in una situazione di grave stallo.
    Il problema è uno solo: il thailandese non ha trovato ancora i 480M richiesti da Fininvest per il 48% del Milan. Motivo? Secondo il giornalista, il governo di Pechino ed il partito comunista non sono un monolite, insomma non c'è piena unità di intenti tra le varie correnti governative e Bee non è riuscito ancora a gestire bene questa situazione. Tant'è che i suoi due alleati principali si sono ormai tirati indietro da tempo: ADS Security di Abu Dhabi è uscita di scena da maggio, ossia da quando Berlusconi ha deciso di non cedere più il 51%.
    Ma non solo. A settembre anche la Citic, la banca di Pechino, è uscita di scena costringendo Bee a rinunciare alla esclusiva firmata in agosto.
    Il thailandese quindi si è dovuto rimboccare le maniche per trovare nuovi investitori.
    Ma l'ostacolo non è soltanto di natura finanziaria. E la crisi dei mercati, seppur importante, non ha influito in maniera decisiva. L'altro grande problema è che gli investitori cinesi vogliono avere voce in capitolo nel nuovo management pur entrando inizialmente in minoranza (e nell'ottica di passare poi in maggioranza dopo un certo tempo).
    Ebbene, Fininvest non digerisce questa devolution fin dall'inizio.
    Peraltro, al contrario di quanto si afferma in occidente, da ambienti finanziari cinesi trapela che il problema non sarebbe neanche la valutazione fatta da Berlusconi. Infatti, fanno sapere dalla Cina che sarebbe molto più semplice trovare un gruppo di imprenditori che spenda 700/800M per prendersi subito il 100% del Milan (visto che saprebbero come far fruttare l'investimento). Ma Berlusconi continua a non volerci sentire.
    Nel frattempo, effettivamente esistono altri interessamenti. Tra questi però non c'è il fondo Madison, di cui si è parlato molto ultimamente, ma un un altro soggetto sempre cinese. Tuttavia ci troviamo ancora in una fase embrionale.
    Per il momento, quindi, il Milan non ha trovato il suo Marco Polo. Ed appare difficile che riesca a trovarlo alle condizioni poste da Silvio Berlusconi.


    7 febbraio 2016 - Cessione Milan: ora spuntano i cinesi.

    Secondo quanto riportato da Alessandro Alciato, per la cessione del Milan sono spuntati anche i cinesi. Questo il tweet scritto dal giornalista di Sky:
    "Adesso il Milan tratta (anche) con i cinesi".
    Repubblica conferma la clamorosa indiscrezione di Alciato: Bee ormai è tramontato e sul tavolo c'è un'offerta concreta proveniente da un gruppo di imprese cinesi controllate dal governo di Pechino. Questa cordata valuta il Milan 600M, vuole acquistarlo per la sua totalità e lascerebbe Berlusconi presidente onorario ed inizialmente Galliani alla parte sportiva. L'offerta era nota a Berlusconi che non l'aveva tenuta in considerazione ma la figlia Marina ed i vertici Fininvest stanno facendo pressione su Berlusconi affinché la prenda in considerazione in modo da sgravare la holding dal fardello Milan e destinare queste risorse a Mediaset.
    Tra le parti inoltre ci sarebbe già stato un incontro NON interlocutorio. Quindi i discorsi sarebbero piuttosto avviati.


    7 febbraio 2016 - Comunicato Fininvest

    Anche oggi La Repubblica si sente in dovere di regalare ai suoi lettori l'ennesimo colpo di scena sulle trattative per la cessione di una quota di minoranza del Milan. Che poi tutto questo poco o nulla abbia a che fare con la verità dei fatti, è un dettaglio che evidentemente viene considerato marginale. Se due giorni fa lo scoop fasullo era la fine delle discussioni con mister Bee che invece finite non sono, oggi il quotidiano trasforma in colloqui ormai avanzatissimi un pour parler preliminare - mai negato - con altri soggetti interessati, si dilunga su ipotesi di valutazioni economiche e di governance che non rispondono al vero, fantastica su blitz e pressing per la vendita che nessuno si è mai sognato di fare. E giusto per non perdere l'occasione, riesce perfino a parlare di presunte "difficoltà" di Mediaset, azienda che viceversa ha dati di bilancio positivi e che ha finanziato autonomamente tutte le numerose mosse di sviluppo operate negli ultimi esercizi. Quanti altri finti scoop saremo costretti a leggere prima che la realtà torni a prevalere sulla fantasia e sulle strumentalizzazioni?

    8 febbraio 2016 - Cessione Milan interesse dalla Cina: c'è Jack Ma.

    Repubblica in edicola oggi, 8 febbaio 2016, riporta che Fininvest, nel suo comunicato, ha confermato quanto si è scritto ieri. Ossia che esiste una trattativa con i cinesi e che con Bee la trattativa va avanti senza però costrutto. Ma la cordata cinese non sarà generosa come Bee... inoltre, secondo le ultime provenienti da Guangzhou, Jack Ma vorrebbe acquistare una società europea... e preferibilmente italiana. A Silvio la prospettiva di restare al comando con mezzo miliardo in tasca pareva la più conveniente, l'idea infatti di mollare gli è insopportabile.

    9 febbraio 2016 - Bellinazzo:"Bee-Milan, è frenata. I cinesi sono gli stessi di prima"

    Marco Bellinazzo, in diretta su Radio24, ha fornito gli ultimi aggiornamenti sulla trattativa per la cessione del Milan:
    "Il bollettino attuale ci dice che c'è una frenata sul fronte Bee. Sulla base degli equilibri politici che deve rispettare Bee, quest'ultimo non è riuscito a trovare un gruppo di investitori che sia disposto a investire per la minoranza del Milan e che quindi possa andar bene allo stato cinese. Al momento, però, sul tavolo di Fininvest c'è un'altra offerta di un gruppo cinese, che si era già fatto avanti prima dell'estate. Questa trattativa è allo stato embrionale, è solo una manifestazione d'interesse per il momento. E ovviamente vorrebbero la maggioranza.
    Bee-bluff? Guardi, l'ho seguita da vicino, ed ho parlato con professionisti di primo livello che stanno seguendo questa trattativa, di certo non quelli di Lugano tanto per intenderci. Il City è stato valutato 3 miliardi, ed il Milan potrebbe valere la cifra richiesta da Berlusconi e paradossalmente può valere molto di più di Inter e Juventus. Poi c'è questo percorso ad ostacoli in cui ci si scontra con le dinamiche interne a Finivest. Ma non penso sia un bluff."
    Poi, sempre Bellinazzo, svela un retroscena: "Nell'incontro del 1 maggio Berlusconi aveva deciso di cedere subito il 51% del Milan. Infatti il giorno dopo Bee è rimasto sorpreso da questo passo indietro. Nessuno entrerebbe con il 48%, infatti l'obiettivo era quello di quotare in borsa un 15% ciascuno, con Bee che passava in maggioranza acquistando le quote di Berlusconi. Quindi, di fatto, la cordata di Bee non avrebbe pagato il Milan 1 miliardo ma 600M".


    15 febbraio 2016 - Cessione Milan: tre manifestazioni d'interesse. Valutazione di 600M.

    Come riporta Carlo Festa, giornalista del Sole 24 Ore, sarebbero tre le manifestazioni d'interesse giunte a Fininvest per l'acquisto del Milan. Due provenienti dalla Cina e una dal medio oriente. Le discussioni però sarebbero in fase preliminare e si attesterebbero su una valutazione di circa 600M. Non risulterebbe che tra queste ci sia Fosun. Difficile, inoltre, che Alibaba si interessi a quote azionarie (invece è sicuro che lo fosse dal punto di vista commerciale).
    Mr Bee, intanto, è ancora alla ricerca dei capitali richiesti da Berlusconi, dopo che la holding gli ha contestato di non aver mostrato le carte vantate per mesi.
    I tifosi, dunque, si mettano l'animo in pace: ad oggi l'unica certezza è che anche nella prossima stagione il Milan sarà nelle mani di Fininvest.


    20 febbraio 2016 - Berlusconi:''Da Bee proposta concreta e interessante. Con lui 100M''

    Silvio Berlusconi, intervistato in esclusiva da Premium Sport, ha parlato della cessione del Milan a Bee. Ecco le sue parole: ''Bee ci ha fatto pervenire una proposta concreta e interessante che riguarda tra le altre cose anche ristoranti, scuole calcio e merchandising. Questo piano ci potrebbe garantire 100 milioni all’anno provenienti dalla Cina e dagli altri nove paesi dell’area mediorientale. Per noi è molto importante commercializzare il marchio per competere con gli altri club che hanno importanti risorse economiche che arrivano dal petrolio. Bee si occuperebbe solo della commercializzazione del brand nelle aree prima indicate, mentre la parte sportiva rimarrebbe a noi”.

    Ancora Berlusconi: "Mr Bee? CI siamo dati tre scadenze (ride), luglio-settembre-gennaio. A me piace molto. Ha un piano interessante per il brand Milan. Speriamo di chiudere positivamente con Mr Bee. Abbiamo rifiutato altre offerte. Sempre riguardo Bee, siamo stati penalizzati dalla crisi in Cina. Alcuni finanziatori si sono tirati indietro. Ora Bee ne sta cercando altri. Il piano di Bee prevede ricavi per oltre 100 milioni di euro solo dalla Cina. Il marchio Milan ingolosisce per i ristoranti e per le rinascenti cinesi. Poi ci sono anche le altre nazioni. Mr Bee comunque è una soluzione, abbiamo altre offerte in coda. Torneremo competitivi"

    “Bee? Spero di chiudere. Mi piacciono lui e i suoi collaboratori che ci hanno presentato un piano industriale sulla commercializzazione del marchio Milan in Cina e nei paesi orientali. Purtroppo la crisi cinese ha creato dei problemi e i soci di Bee, che avrebbero dovuto sottoscrivere il 48% del nostro capitale, si sono tirati indietro. Adesso lui sta cercando nuovi soci e spero che possa arrivare ad una conclusione positiva. La data di scadenza è la fine del campionato italiano”.


    20 febbraio 2016 - Dana: "Bee è un uomo di parola. Lui ama il Milan..."

    Victor Pablo Dana, ex dirigente di banca ed oggi intermediario nel settore private equity, è un grande amico di Mr Bee, nonché tifoso del Milan. Sky Sport lo ha intervistato, chiedendogli lumi sulla cessione della società rossonera.
    Ecco le sue parole: "Taechaubol ha contatti eccezionali in Asia e questo lo ha portato a tessere una serie di grandi network in Cina. Fin dalle prime cene e dai primi incontri dove anche io ero presente, si parlava della commercializzazione in Asia del marchio Milan. Bee adora il Milan e farà di tutto per aiutare questo marchio ad espandersi. Ce l'ha nel cuore. E' senza dubbio un uomo di parola e una persona fedele".


    21 febbraio 2016 - Caressa: "Berlusconi affascinato da Alibaba. Aggiornamenti su Bee"

    Fabio Caressa, nella trasmissione Sky Calcio Club, ha rivelato come Berlusconi sia affascinato da Alibaba e speri in una partnership commerciale con il colosso asiatico.
    Caressa ha aggiunto che Berlusconi ne ha parlato a microfoni spenti durante l'ultima intervista effettuata in occasione dell'anniversario.
    Sempre secondo il giornalista di Sky, sarebbero in arrivo aggiornamenti sulla situazione Mr Bee nelle prossime 24-48 ore. La sensazione è che l'entourage di Bee sia rimasto spiazzato dall'ultimatum imposto da Berlusconi durante l'intervista, che ha imposto una scadenza a fine campionato.
    Ultima modifica di Il Re dell'Est; 24-02-2016 alle 21:01
    Con il Milan nel sangue, nella mente e nel cuore.

  11. #10
    24 febbraio 2016 - Berlusconi su Bee, Balotelli e il futuro del Milan.

    Silvio Berlusconi sta parlando ai microfoni di 7 Gold. Ecco le sue dichiarazioni: "D'ora in poi dobbiamo guardare al calcio con l'ingresso di nuovi proprietari che hanno fatto la loro fortuna con il petrolio. Il Milan in 30 anni mi è costato 1 miliardo e 200 milioni di euro. Abbiamo quindi pensato a qualcuno che potesse portare nuovi capitali mediante la commercializzazione del brand nei paesi asiatici. A tal proposito, Mr. Bee ci ha presentato a un piano molto valido che ci potrebbe consentire di guadagnare 100M in più ogni anno, che consentirebbero di rendere il Milan nuovamente competitivo con i top club europei. Bee è una persona seria, ha lavorato bene, ambirei ad averlo in società. Purtroppo però i soci che aveva trovato erano tutti cinesi e la crisi dei mercati li ha fatti ritrarre. Oggi quindi Bee sta cercando su altri mercati, anche negli Emirati, e spero che ce la faccia entro la fine del campionato. E se così non fosse abbiamo già pronte tante alternative che permetteranno al Milan di avere nuovi capitali.
    Il futuro di Balotelli dipende da lui. Se dovesse riuscire a dimostrare una maturazione in campo e anche nella vita, io e l'allenatore saremmo disposti a trattenerlo, anche con uno sforzo economico.
    La rosa del Milan è adeguata, abbiamo avuto troppi infortuni che ci hanno privato di gente come Balotelli, Menez e Boateng: tre sicuri campioni sui quali il Milan non ha potuto contare fin dall'inizio.
    Confido nella possibilità di fare una squadra tutta italiana, stiamo lavorando per questo, scandagliando tutti i vivai per trovare 18 enni dall'avvenire sicuro."


    3 marzo 2016 - La cordata cinese-americana pareggia l'offerta di Mister Bee

    La cordata cinese-americana ha pareggiato l'offerta di Mister Bee, che valuta il Milan circa 1 miliardo di euro.
    A rendere titubante Berlusconi, è la volontà di questa nuova cordata di avere la maggioranza del club.

    Il giornale

    Corsera: la cordata cinese ha alzato l'offerta ma chiede maggiore influenza nella governance. Berlusconi però non ci sente: vuole essere ancora lui a dare consigli.


    8 marzo 2016 - Licia Ronzulli: "La trattativa tra Bee e Berlusconi va avanti"

    Licia Ronzulli, infermiera ed europarlamentare di Forza Italia, ha rilasciato queste dichiarazioni ad AlaNews: "Posso dire soltanto che la trattativa tra Bee e Berlusconi è ancora in essere".
    La domanda è stata posta a seguito delle voci di una presunta offerta di una cordata cinese-americana.


    15 marzo 2016 - Cessione Milan: accordo in fase avanzata con cordata cinese.

    Come riporta Marco Bellinazzo in esclusiva su Goal.com, la cessione del Milan è tutt'altro che svanita. Prima di essere sanzionato per il mancato rispetto dei dettami imposti dalla UEFA, il Milan ha avviato un Voluntary Agreement per illustrare il piano di crescita su base triennale. In questo modo la società rossonera potrà avere maggiore elasticità di spesa, a patto che la UEFA dia risposta positiva a maggio.
    Tuttavia il Milan deve fare chiarezza prima di tutto sul fronte societario. Mr Bee è stato più volte sul punto di chiudere l'affare ma Berlusconi ha cambiato idea il 1° maggio 2015, mettendo sul piatto il 49% anziché il promesso 51%. Questa decisione non è piaciuta ai soci individuati da Bee, che ha dovuto quindi fare i conti con diversi ripensamenti e con nuovi soci poco graditi al governo di Pechino. Ad oggi Bee non ha ancora ottenuto le opportune garanzie per coprire i 480M richiesti da Berlusconi e i telefoni restano muti.
    Ecco perché Fininvest nelle ultime settimane ha portato avanti in gran segreto una trattativa parallela con una cordata di investitori cinesi pronti a prendere il posto di Bee. L'accordo è ormai in fase avanzata ma restano due "piccoli" nodi da sciogliere: questa cordata valuta l'intero asset del Milan (100%) circa 1/3 in meno di Bee. Quindi 650M.
    Inoltre pretendono dei ruoli di rilievo all'interno del nuovo organigramma societario con poteri di interdizione e condivisione a cui Berlusconi fa ancora fatica a rinunciare. Ecco perché il patron rossonero in cuor suo spera che Bee batta un colpo da qui alla fine della stagione.


    16 marzo 2016 - Che fine ha fatto Mr Bee? Le ultime news.

    Che fine ha fatto Mr Bee Taechaubol. Si sa che Berlusconi ha concesso al broker un ultimatum per la fine del campionato. Come riportato dalla Gazzetta dello Sport, la situazione è sempre la stessa. Bee sta tentando di raccogliere, con molta fatica, ancora i 480 milioni di euro necessari all'acquisto del 48% del Milan. Molti investitori si sono tirati indietro. La trattativa con Mr Bee, dunque, si è arenata. Berlusconi sta vagliando anche altre proposte -) Cessione Milan: accordo in fase avanzata con cordata cinese.

    16 marzo 2016 - Cessione Milan: vertice tra Berlusconi e un fondo inglese.

    Secondo quanto riportato dall'AGI, agenzia giornalistica, lo scorso lunedì, ad Arcore, ci sarebbe stato un summit tra Berlusconi ed un fondo inglese. Le parti avrebbero parlato della cessione di quote di minoranza del club. Sempre secondo l'AGI, all'incontro erano presenti anche i vertici della Fininvest.

    17 marzo 2016 - Cessione Milan: Berlusconi da priorità ai cinesi.

    Come già riportato, lunedì ad Arcore ci sarebbe stato un incontro tra Berlusconi ed un fondo inglese ( Cessione Milan: vertice tra Berlusconi e un fondo inglese. ). Secondo quanto riportato dalla Gazzetta dello Sport, però, Berlusconi starebbe dando la priorità agli investitori orientali. Il favorito di Berlusconi è sempre Mr Bee, ma ci sono anche altre due cordate: una tutta cinese e l'altra cino-americana.

    18 marzo 2016 - Cessione Milan: Fininvest spinge per chiudere con gruppo cinese.

    Come riporta La Repubblica, che conferma la notizia dello scorso 7 febbraio, la trattativa per la cessione del Milan ad un gruppo cinese di primo livello è in fase avanzatissima. Nella riunione di lunedì scorso sono stati discussi i dettagli di una proposta molto più realistica di quella di Bee. I cinesi offrono subito poco più di 300M per diventare soci al 50%, con l'opzione di acquistare la maggioranza nei successivi 24 mesi. La valutazione complessiva del Milan è scesa di un terzo, sui 630M, ma viene ugualmente definita congrua dagli analisti, visto il fatturato in calo e i debiti crescenti.
    Ci sono le basi per chiudere tutto entro luglio. Il problema rimane sempre lo stesso: Silvio Berlusconi.
    Fininvest infatti sta facendo pressioni sul presidente rossonero per convincerlo a liberarsi del Milan che ormai, a causa del defilamento dalla politica, occupa gran parte della sua giornata.
    Berlusconi non è convinto di cedere il controllo della società, così come quello sulle scelte dirigenziali: il gruppo cinese infatti vorrebbe contribuire a scegliere il nuovo amministratore delegato e non vede di buon occhio la convivenza tra Galliani e Barbara.


    18 marzo 2016 - Cessione Milan: nuovo comunicato Fininvest. 18 marzo 2016.

    Ecco un nuovo comunicato di Fininvest in merito alle voci uscite questa mattina sulla cessione del Milan ad un gruppo cinese Cessione Milan: Fininvest spinge per chiudere con gruppo cinese.
    Comunicato ufficiale Fininvest:"Da alcune settimane stanno tornando a fiorire sui media presunti scoop su fantomatiche intese relative agli assetti societari del Milan. La Fininvest si vede quindi costretta ancora una volta a ribadire che, come più volte comunicato, parallelamente ai colloqui ancora in corso con mister Taechaboul è stato manifestato interesse per quote della società da parte di altri e autorevoli potenziali investitori.
    Con alcuni di loro sono in corso contatti, in fase assolutamente preliminare. In ogni caso, non è mai stata in discussione la cessione di quote di maggioranza e la valutazione complessiva della società su cui si ragiona è in linea con le proposte di mister Bee.
    Sulle eventuali ipotesi formulate dai vari soggetti interessati la Fininvest, se del caso, si limiterà come sempre ad approfondimenti di tipo esclusivamente tecnico, senza entrare in altri ordini di considerazioni. Com’è ovvio, ogni valutazione e decisione relative al Milan e ai suoi assetti societari spettano unicamente al presidente Silvio Berlusconi.
    Milano, 18 marzo 2016.


    19 marzo 2016 - Cessione Milan: se salta Bee, in 3 mesi si chiude con i cinamericani

    Il Giornale: la cessione del Milan si gioca su due tavoli. Da una parte Bee taechaubol, dall'altra 4/5 gruppi interessati all'acquisto. Tra questi, quello maggiormente accreditato è il gruppo cino-americano che ha pareggiato l'offerta del thailandese, pretendendo però maggior peso in società.
    Per quanto riguarda la questione quote, Fininvest rimane ferma: sono in vendita solo quote di minoranza, il controllo del club deve rimanere saldamente nelle mani di Silvio Berlusconi.
    Nel frattempo Bee continua ad inviare aggiornamenti periodici ma a questo punto pare difficile che possa riuscire a racimolare tutti i soldi entro la fine del campionato. Al contrario, se Fininvest scegliesse l'altra cordata cino-americana, la trattativa si concluderebbe nel giro di 3 mesi perché il dossier è già pronto.


    20 marzo 2016 - Milan sempre più vicino ai cinesi, ma Berlusconi...

    La Repubblica, nonostante le smentite di Fininvest, insiste: la trattativa per la cessione del 50% del Milan ad una cordata cinese è avviatissima. Berlusconi, però, preferisce non esporsi e si nasconde su tutti gli argomenti: sul futuro di Mihajlovic e sulla cessione del club.

    22 marzo 2016 - Berlusconi vende le aziende di famiglia: e il Milan?

    Secondo un articolo di Fabrizio Patti per il sito Linkiesta (chiedo agli admin se la fonte è potabile), Silvio Berlusconi, giunto alla soglia degli 80 anni, starebbe riorganizzando le aziende di famiglia. In particolare, vedendo i figli più come investitori che non come imprenditori, punterebbe a una progressiva dismissione delle aziende, distribuendo il ricavato tra i figli, ad eccezione di Marina, che terrebbe Mondadori.
    Per quel che ci riguarda, cruciale sarebbe, come molti di noi hanno capito, la cessione di Mediaset Premium (un fallimento di Pier Silvio, con i 700 M spesi per tre anni di esclusiva della CL): il più serio candidato sarebbe il gruppo Vivendi di Vincent Bolloré, un finanziere francese che sta facendo la voce grossa in Italia (assicurazioni Generali e Telecom; in entrambi i casi, ha buttato fuori l'ad). Nelle intenzioni di Bolloré ci sarebbe la creazione di un polo europeo di comunicazione che possa far concorrenza a Sky, e Premium può essere un tassello di questo disegno. Ora, è evidente che, ceduta Premium, ben poco interesse avrebbe Berlusconi a tenersi il Milan, al di là dei noti proclami sull'affetto che lo lega ai colori rossoneri. L'articolo, ma anche diversi giornali negli ultimi giorni, dà per ormai fatta la cessione di Premium (aggiunta mia).
    Nello specifico, l'articolo riferisce che, chiusa la vicenda di mister Bee, Berlusconi avrebbe altre offerte al vaglio, fra cui quella di Richard Lee, già nota a noi del forum, che sarebbe composta di una serie di colossi cinesi, fra cui Huawei, Alibaba, Wanda Group e Wahaha. In più, ci sarebbe un'ulteriore offerta di un grande gruppo industriale, sempre cinese, che vedrebbe nel Milan un grande potenziale di business. Gli ostacoli sarebbero due: il prezzo e il controllo (per il secondo gruppo, inoltre, sarebbe fondamentale anche risolvere la questione stadio in quanto la presenza di un impianto di proprietà sarebbe fondamentale per concretizzare l'offerta). Come ovvio, le cifre offerte sono minori di quella di Bee e i (presunti) acquirenti vorrebbero da subito comandare, ridimensionando Galliani e Barbara Berlusconi.
    Completano il quadro la progressiva ritirata dalla vita politica e la vendita di altre aziende di famiglia, fra cui quote di EI Towers, Mediaset Espana, Mediolanum e dei multisala The Space Cinema.
    Incrociamo le dita e speriamo che 'sto tizio abbia ragione


    1 aprile 2016 - Milan venduto al Qatar: il pesce d'aprile dei media italiani.

    Come se non bastasse la già precaria situazione in campionato, il Milan viene preso di mira anche dai media italiani che nella giornata odierna si sono divertiti con un pesce d'aprile riguardante la società rossonera. La notizia è stata lanciata nel primo pomeriggio da Tuttosport e dal Corriere dello Sport, secondo i quali il Milan sarebbe stato venduto per 750M agli stessi proprietari del PSG, ossia il fondo sovrano del Qatar. Al Khelaifi avrebbe battuto sul filo di lana Mr Bee e la cordata cinese, regalando ai tifosi rossoneri un doppio regalo nel giorno del compleanno di Arrigo Sacchi.
    Ovviamente si tratta di una colossale bufala.


    3 aprile 2016: Tiziano Crudeli:Milan ceduto ad Al-Thani

    Secondo quanto riportato da Tiziano Crudeli su 7Gold il Milan sarebbe stato ceduto alla famiglia dello sceicco Al-Thani per una cifra di 750 mln di dollari.
    La notizia al momento non trova conferme ma secondo Crudeli sarebbe praticamente certa.


    13 aprile 2016: Cessione Milan, ci risiamo: trattativa con i cinesi al fotofinish?

    Secondo il Corriere della Sera, si sta facendo sempre più probabile la possibilità che Berlusconi ceda la società ad una cordata cinese che si sta avvalendo di un advisor americano (dovrebbe essere Lazard).
    Il gruppo sarebbe quello che si propose nella primavera scorsa, capeggiato dai principali colossi industriali del Sol Levante, e che in un primo momento non fu preso in grande considerazione, scalzato dalla complicata offerta di Bee.
    Oggi però le cose sono nettamente cambiate. Negli uffici di Fininvest e negli studi legali, infatti, è in corso una valutazione tecnica molto accurata dell’offerta di questa cordata. L'idea è quella di cedere una maggioranza larga, tenendo Berlusconi presidente onorario, ed arrivando col tempo a controllare il 100% del club.
    L'offerta si aggira sui 650-700M di euro, inferiore alla valutazione di Bee, ma certamente più solida e in grado di allettare Berlusconi.
    La trattativa sta proseguendo spedita, al punto che anche la scorsa settimana i rappresentanti del gruppo cinese sono stati a Milano. I tempi non dovrebbero essere lunghi: in due settimane si dovrebbe arrivare alla due diligence con patto di esclusiva (come successo con Bee) per poi firmare un preliminare a luglio (per poter operare sul mercato) e il closing in autunno.
    Come sempre, tutto dipenderà dalle lune del presidente Berlusconi. Ma l'alternativa vera c'è ed esiste.
    Ultima modifica di Il Re dell'Est; 15-04-2016 alle 10:13
    Con il Milan nel sangue, nella mente e nel cuore.

Pagina 1 di 4 123 ... UltimaUltima

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

Milan World Forum © 2013 Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica.

Powered by vBulletin® • Copyright © 2012, Jelsoft Enterprises Ltd.

Milan World non si assume nessuna responsabilità riguardo i contenuti redatti dagli utenti. Foto e Video (da Youtube) pubblicati su MW non sono hostati su questo sito ma semplicemente riportati da altri media attraverso dei link accessibili a tutti.