Ti stiamo aspettando! Bastano 30 secondi per registrarsi sulla più grande community rossonera e condividere le proprie passioni con migliaia di utenti! registrati subito! (Ti preghiamo di attendere l'attivazione dopo l'iscrizione)

Top 22 Stats
Loading... Latest Posts
Loading...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Loading...
 

Risultati da 1 a 7 di 7

  1. #1

    Cronistoria "ufficiale" della cessione del Milan. Stampa esclusa.

    E' ormai un anno esatto da quando sono usciti i primi rumors concreti sulla cessione del Milan.
    Il 12 dicembre 2014, infatti, il giornalista Sky Alessandro Alciato riportava l'indiscrezione secondo la quale il broker thailandese Mr Bee Taechaubol fosse interessato all'acquisto del Milan.
    Da quel momento in poi si sono susseguite una serie impressionante di informazioni che questo portale, unico nel web, ha provveduto a raccogliere e catalogare (Esclusiva MW: Il riepilogo sulla cessione del Milan.).

    Tuttavia, proprio per la mole di notizie, molti hanno dimenticato alcuni passaggi o perso la visione d'insieme della trattativa.
    In sostanza, le notizie della stampa hanno "annacquato" quelle ufficiali, alimentando dubbi e voci di ogni sorta. Ecco dunque un riepilogo che tiene conto soltanto delle notizie accertate, quindi comunicati stampa, dichiarazioni dei diretti interessati e infine le nostre esclusive.

    Buona lettura.
    Ultima modifica di Il Re dell'Est; 21-05-2016 alle 09:28
    Con il Milan nel sangue, nella mente e nel cuore.

  2. # ADS
    Adv
    Circuit advertisement
    Data Registrazione
    Always
    Messaggi
    Many
     

  3. #2
    13 dicembre 2014 - Chi è Bee Taechaubol? Tutto sul magnate che vuole il Milan.

    E' notizia di ieri che Bee Taechaubol, magnate thailandese, sarebbe fortemente interessato ad acquistare il Milan. Ma sono ancora poche le notizie che lo riguardano. Fino ad ora. Ecco in esclusiva per Milan World un approfondimento del personaggio che potrebbe tornare a far sognare i tifosi rossoneri.

    16 febbraio 2015 - Il Bangkok Post riporta un virgolettato di Mr.Bee: ''Sì, è vero, voglio comprare il Milan''

    Ora è ufficiale: Mr. B. Taechaubol vuole comprare il Milan. E lo ha rivelato al Bangkok post, quotidiano thailandese. Queste le parole di Mr. B:"E' vero, voglio comprare il Milan". L'imprenditore, inoltre, ha svelato di voler acquistare più del 50% della società (quindi la maggioranza) ma non il 100%. Ed ha confidato di essere molto fiducioso che l'affare possa concludersi positivamente entro Febbraio.

    16 Febbraio 2015 - Fininvest smentisce ancora una volta le voci su Mr.Bee con un comunicato

    ''In relazione a notizie di stampa, la Fininvest ribadisce di non essere interessata alla cessione di quote di maggioranza dell'AC Milan. Per il resto, la società non può che confermare quanto dichiarato sabato 14 febbraio: vari soggetti hanno mostrato interesse per partnership relative al Milan stesso, ma non esistono colloqui di qualche concretezza e tantomeno preaccordi o incontri decisivi in agenda.''

    26 Febbraio 2015 - Wanda smentisce ogni interesse verso il Milan

    Ufficiale smentita dei cinesi di Wanda. Il gruppo, tramite un comunicato stampa, ha smentito ogni interesse per il Milan.

    10 Marzo 2015 - Chi è Mister Pink, il miliardario che avrebbe acquistato il Milan?

    In queste ore sta impazzando la notizia secondo la quale il 51% del Milan sarebbe stato venduto a Mister Pink, imprenditore cinese (notizia e foto qui: Milan venduto a Mr. Pink?).
    Ma chi è realmente Mister Pink? Milan World vuole vederci sempre chiaro, dunque ecco un resoconto del possibile futuro numero 1 del Milan.

    10 Marzo 2015
    - Fininvest smentisce anche questa pista

    Con una comunicato stampa piuttosto rapido, Fininvest smentisce la bufala pomeridiana riguardante la cessione della maggioranza del Milan a Mister Pink. Ecco la nota riportata dall'Ansa: "Fininvest smentisce nel modo più categorico che sia stato raggiunto alcun accordo per la cessione di quote del Milan. Si ribadisce peraltro quanto più volte affermato: vari soggetti hanno mostrato interesse per una partnership relativa al Milan, ma le ipotesi riguardano esclusivamente eventuali partecipazioni di minoranza. La Fininvest non è infatti interessata a cedere il controllo della società calcistica"

    21 Marzo 2015
    - Esclusiva di MilanWorld, primo portale in Italia a riportare la notizia di Next Magazine, che vuole il Milan ceduto ad una cordata cinese con il 75% delle quote. L'articolo viene ripreso da Tuttosport e dal giornalista Pietro Mazzara, che menzionano Milan World. A seguire la notizia si è diffusa in tutto il web.

    23 Marzo 2015 - MilanWorld analizza in esclusiva le foto dell'incontro tra Berlusconi e Mr.Pink

    29 Marzo 2015 - MilanWorld pubblica in esclusiva l'articolo integrale di Next Magazine, con traduzione in lingua italiana, riguardante la cessione della società rossonera. L'articolo viene ripreso in primis da Milano Finanza, che non menziona in alcun modo Milan World. A seguire la notizia si è diffusa in tutto il web.

    1 Aprile 2015
    - MilanWorld è l'unico portale italiano che riporta in esclusiva le foto di un incontro tra Silvio Berlusconi e Xiao Wunan, pubblicate dal sito dell'Asia Pacific Exchange and Cooperation Foundation

    3 Aprile 2015 - Chi è Richard Lee? Approfondimento esclusivo di Milan World. L'articolo viene ripreso in primis dalla Gazzetta dello Sport, che non menziona in alcun modo Milan World. A seguire la notizia si è diffusa in tutto il web.

    9 aprile 2015 - Richard Lee: "Io e Berlusconi stessa visione. Non posso dire altro".

    Finalmente prende la parola uno dei protagonisti riguardanti la cessione della società. Stiamo parlando di Richard Lee, figura poco considerata in Italia dove invece i principali media ritengono ormai Bee prossimo alla definizione dell'affare.
    Ecco le parole del business man cinese, intervistato da Repubblica: "In Italia ho il titolo di commendatore (Milan World è stato il primo portale a riferirlo: Chi è Richard Lee? Approfondimento esclusivo di Milan World.). Amo il vostro paese, la sua gente e voglio essere un piccolo ponte sulla Via della Seta tra la mia terra natale e l’Italia: sia per il business che per gli scambi culturali. Mister Berlusconi ed io abbiamo la stessa visione delle cose. In questa fase non posso aggiungere altro”.

    12 aprile 2015 - Milan cinese. Fu Yixiang:"Compreremo il club per tornare a vincere"

    Fu Yixiang, vice presidente della camera di commercio italo cinese, torna nuovamente a parlare dell'acquisto del Milan da parte di una cordata cinese. Ecco le sue parole rilasciate al quotidiano Libero:"Perchè in Cina sono così interessati al Milan? Perché si tratta di un grande club. Ed i gruppi interessati a rilevarlo sono tutti già collegati al calcio. Il gruppo Wanda ha comprato Infront; Jack Ma di Alibaba ha il 50% del Guangzhou, la squadra di Marcello Lippi prima e Fabio Cannavaro poi; il gruppo Huawei è un brand molto attivo nelle sponsorizzazioni ed è già partner del Milan. Zong Quinghou, re delle bevande, per quattro anni è stato l’uomo più ricco del Paese. Tutti avrebbero la possibilità direttamente di acquistare il club, ma non hanno la determinazione a condurre l’operazione da soli. Un miliardo di euro per rilevare il club? Questa cifra si può spendere solo con la formula dell'azionariato popolare, che è quello che farà la differenza. Un Milan “popolare” in Italia non si potrà mai fare, non ci sarebbero tifosi a sufficienza disposti a pagare. Ma un Milan popolare in Cina è possibile. Sui numeri nel nostro Paese si vince sempre: non sarebbe difficile trovare 500 mila tifosi disponibili a investire. Il Milan costruito dal popolo cinese può diventare stella intramontabile Il Milan è una vecchia gloria che ha bisogno di grandi giocatori, ma anche di un’azione di marketing basata sulla sua storia per rinascere. Il club rossonero potrebbe portare l’Italia in giro per il mondo con un po’ di soldi veri spesi bene. Per tornare competitivi serve continuità negli uomini simbolo e l’inserimento di pochi giocatori, ma di alto livello, ogni anno".

    24 aprile 2015 - Cessione Milan, Doyen: "Parleremo al momento opportuno"

    Come riporta TMW, arrivano delle dichiarazioni che confermerebbero clamorosamente una delle notizie riguardanti la cessione del Milan. Nelio Lucas, gestore del fondo Doyen, ha da poco rilasciato queste parole: "La risposta della Doyen per adesso è un no comment. Se e quando sarà il momento, parleremo". Un no comment che, in realtà, vale più di mille parole.

    27 aprile 2015 - Cessione Milan: APECF conferma l'esclusiva di Milan World.

    Ricordate l'esclusiva fornita da questo portale oltre un mese fa? Dalla Cina: 75% del Milan venduto in 3 anni. Preliminare già firmato
    Ebbene, dopo tante settimane passate a ragionare l'eventuale coinvolgimento dell'associazione APECF nell'acquisto del Milan, finalmente attraverso un portavoce è la stessa organizzazione a fare chiarezza e mettere dunque a nudo l'affare: "In merito alle recenti dichiarazioni di Mr Fu Yixiang, vice-presidente della Camera di Commercio italo-cinese, precisiamo che non ha affatto un ruolo di rappresentante di Silvio Berlusconi per negoziare con gli investitori cinesi. Siamo in possesso di una lettera dell’ad di Fininvest, che conferma di trattare l’operazione Ac Milan con il consorzio cinese soltanto attraverso Apec e Richard Lee".
    Dunque tutto vero: Richard Lee e APECF si sono mossi per acquistare il Milan attraverso un progetto ambizioso, che prevede lo sfruttamento del brand a 360° in tutta la Cina.

    2 maggio 2015 - Berlusconi: "Bee persona seria, avremo un futuro". Bee: "Un onore"

    Ecco le parole integrali di Berlusconi appena uscito dall'hotel insieme a Bee: "La garanzia è che la nuova situazione che si andrà a creare possa far sì che il futuro del Milan sia all'altezza del glorioso passato. Ho trovato in Mr. Bee una persona assolutamente seria, infatti ha rispettato gli adempimenti tecnici della stesura del contratto. Siamo diventati anche amici. Pensiamo di poter fare cose buone continuando nel nostro rapporto. Lo ringrazio per quanto ha voluto fare, e per far sì che il brand Milan possa avere una commercializzazione di livello anche in paesi asiatici a partire dalla Cina. Questo è un giorno che va nella direzione di ciò che combineremo in futuro, è stato un approfondimento dei vari temi. Per le quote di maggioranza tutto in discussione, c'è la possibilità che mantenga il 51%. Il Milan per me è sempre stato un affare di cuore"
    Ecco invece le parole di Bee: "Voglio ringraziare il Presidente per questa opportunità. E' un grande onore per me, ma dobbiamo ancora lavorare su alcuni dettagli e ci verrà del tempo"


    2 maggio 2015 - Comunicato Fininvest: Mr Bee vuole una quota di minoranza del Milan

    Notizia flash. Fininvest ha appena emesso un comunicato in merito all'incontro avvenuto questa mattina tra Berlusconi e Bee Taechaubol. Eccolo, di seguito:
    L'incontro di Milano con Mr. Bee è stato positivo. Sono state discusse tematiche centrali per il futuro del club come, ad esempio, la valorizzazione e la commercializzazione del brand nei paesi asiatici, dove si può dare un forte e decisivo impulso per sviluppare i ricavi e reperire così quelle risorse finanziarie indispensabili per allestire un progetto tecnico e sportivo che riporti il club ai vertici del calcio italiano, europeo e mondiale. La collaborazione proposta, ancora da definire in molti punti, prevede l’acquisizione da parte di una cordata finanziaria di una quota di minoranza e che il controllo del club rimanga saldamente nelle mani del Presidente Silvio Berlusconi e della Fininvest.

    2 maggio 2015 - Comunicato ufficiale Mr Bee sul Milan

    Dopo la Fininvest, anche Mr Bee ha rilasciato un comunicato ufficiale in merito alla trattativa per l'acquisizione (di quote?) del Milan.
    Ecco alcuni passaggi:"Abbiamo ottenuto un accordo esclusivo con la Fininvest per acquistare una quota del Milan. Poi ci rimboccheremo le maniche e inizieremo a lavorare. Il Milan è un onore ed un sogno che diventa realtà. Il Milan, ora, è dove NON dovrebbe essere. Vogliamo riportare la squadra allo scudetto. E l'obiettivo è anche arrivare in fondo alla Champions League. Ringrazio Berlusconi, Fininvest ma, soprattutto, i tifosi rossoneri".

    3 maggio 2015 - Mr Bee:"Chiudiamo l'accordo, ci riorganizziamo e vinciamo".

    Ancora Mr Bee, da Bangkok, parla della trattativa per il Milan. Ecco le sue parole alla Gazzetta dello Sport ed il video:"L'accordo per il Milan dovrebbe essere chiuso in 3-4 settimane. Dopo aver chiuso la trattativa, riorganizzremo squadra per vincere. Ma prima bisogna chiudere la trattativa".

    3 maggio 2015
    - Comunicato di Berlusconi: "Nessuna trattativa con cordate cinesi"

    Tramite l'Ansa, il presidente del Milan Silvio Berlusconi smentisce alcune notizie che erano state lanciate questo pomeriggio, soprattutto dalla Gazzetta, che lo vedevano trattare una quota del club con Lee: "Nessuna trattativa in corso con cordate cinesi".

    10 maggio 2015 - Berlusconi: "Per la cessione del Milan ci sono tre cordate"

    Intervistato negli studi di Primocanale dal direttore Luigi Leone, in vista delle prossime elezioni regionali, Silvio Berlusconi ha parlato anche di calcio: “Per la cessione del Milan ci sono tre cordate, i tifosi rossoneri possono stare tranquilli su quello che deciderò”. Berlusconi ha poi aggiunto: “Il calcio italiano ha sbagliato ad aprire a troppi stranieri. Sul sito di Primocanale è disponibile anche il video.

    Pochi minuti prima a Telenord: "venderei anche la maggioranza se venisse qualcuno a spendere tanti soldi ogni anno. Per essere al top servono investimenti top"
    Ultima modifica di Il Re dell'Est; 11-12-2015 alle 15:58
    Con il Milan nel sangue, nella mente e nel cuore.

  4. #3
    10 maggio 2015 - Mr Bee insiste: "Siamo ai dettagli, investo intorno al 50%"

    Come riporta la Gazzetta dello Sport, direttamente da Bangkok, e precisamente dal quotidiano Thai Rath, Mr Bee torna a parlare di Milan. E stavolta rilascia qualche dettaglio in più: "Con Berlusconi abbiamo già concordato la maggior parte dei dettagli e tutta la procedura legale dovrebbe essere completata nel giro di 3-4 settimane. Non entrerò col 30% ma con una percentuale vicina al 50%. Il primo obiettivo della prossima stagione sarà quello di tornare fra le prime quattro del campionato, mentre in quella successiva lottare per lo scudetto".

    11 maggio 2015 - Comunicato ufficiale Doyen: "Riporteremo il club ai vertici"

    Pochi minuti fa il fondo d'investimenti Doyen Sports ha battuto un comunicato ufficiale in cui si esprime dettagliatamente sulla trattativa Berlusconi-Bee e sul rapporto che avrà con il Milan. Parole molto forti e decise che faranno certamente sognare i tifosi rossoneri.

    16 maggio 2015 - Berlusconi annuncia:"Ecco perchè vendo il Milan (ma solo un pò)".

    La Gazzetta dello Sport in edicola oggi dedica la prima pagina alla cessione del Milan e riporta un'intervista esclusiva a Silvio Berlusconi che annuncia la cessione del Milan e conferma la trattativa con la Cina.

    18 maggio 2015 - Mr Lee:"Io, il Milan e Berlusconi".

    Il Corriere dello Sport in edicola oggi, 18 Maggio 2015, ha intervistato in esclusiva Mr Richard Lee (uno dei capi cordata, o presunti tali, interessati a rilevare il Milan o alcune quote).

    20 maggio 2015 - Esclusiva italiana Milan World: dalla Thailandia parla Mr Bee. Video

    Milan World è orgoglioso di poter offrire alla propria utenza un’altra incredibile esclusiva. Questa volta riguardante Mr Bee e la trattativa che sta conducendo per acquistare il Milan.
    Come tutti sanno, il manager thailandese è tornato da diversi giorni nella sua terra natìa, la Thailandia, dove tuttavia i rumors riguardanti l’acquisto del Milan continuano a far parlare l’opinione pubblica. A tal proposito, pochi giorni fa Mr Bee ha rilasciato un’intervista ad una emittente televisiva locale in cui spiega diversi aspetti della trattativa e alcuni di questi sono del tutto nuovi. Milan World è riuscito a recuperare in esclusiva nazionale il video originale dell’intervista

    20 maggio 2015 - Berlusconi:"Tratto con uno Stato. Se salta faccio il Milan..."

    Silvio Berlusconi a 7Gold parla ancora della cessione del Milan. Ecco le sue parole:"Nel mondo del calcio sono entrati i capitali del Qatar. Una sola famiglia non può competere. Ce la possono fare solamente club con 300mila soci. Ma in Italia questo è impossibile. Ho pensato e penso ancora di poter trovare acquirenti sul mercato internazionale che possano migliorare la loro immagine grazie al Milan. Ma tutti quelli con cui ho parlato mi hanno chiesto di restare perchè il brand Milan è associato con quello Berlusconi. Abbiamo trattato al massimo per il 50% e il 50%, 51% e 49%, e con uno stato il 75% e 25%. Se questa cosa andrà avanti, torneremo ad esser competitivi in Italia, in Europa e nel Mondo. Se non succederà continuerò a fare sacrifici da solo. L'idea è quella di fare un Milan italiano, una Nazionale italiana, soprattutto con giovani del vivaio, con un'apparenza più conforme alla mia idea da vecchio signore, non a quella dei giovani d'oggi. I miei giocatori devono diventare un esempio per i giovani. Le mie parole su Inzaghi? Io non ho esonerato nessuno. Ho detto solo che spesso io e lui siamo in disaccordo. Non è esonerato e continua con il suo lavoro"

    1 giugno 2015 - Esclusiva italiana MW: il Milan scelto per insegnare calcio in Cina

    Il rapporto tra il Milan e la Cina si fa sempre più forte. Come scoperto in esclusiva nazionale da questo portale, il 28 maggio è stato ufficialmente inaugurato a Beijing un progetto molto ambizioso. E voluto con forza direttamente dal partito comunista cinese. Come molti sanno, infatti, nei mesi scorsi il governo cinese ha deciso di promuovere il gioco del calcio in tutta la nazione con l'obiettivo di rilanciare questo sport e aumentare la competitività dei giocatori cinesi. Ebbene, a tal proposito in una conferenza stampa tenutasi a Beijing il 28 maggio 2015, l'AC Milan ha firmato un accordo di collaborazione e cooperazione con il China campus football. Questo accordo, che avrà una durata triennale, prevede l'invio di 350 allenatori in 200 scuole di 20 diverse città della Cina. Ad eccezione di 11.200 ragazzi che saranno allenati direttamente dai coaches rossoneri, il Milan istruirà 1.600 insegnanti del posto. Inoltre, gli allenatori porteranno dei libri di testo firmati Milan in Cina.

    5 giugno 2015 - Mr Bee ha acquistato il 48% del Milan per 480 milioni di euro

    E' fatta! Mr Bee ha acquistato il 48% del Milan in cambio di 480 milioni di euro. La maggioranza del club resta nelle mani di Silvio Berlusconi. Mr Bee punta alla maggioranza in 24 mesi.

    4 settembre 2015 - Cessione Milan a Mr Bee. Comunicato Fininvest contro L'Espresso

    Finivest risponde alle accuse de L'Espresso sulla trattativa con Mr Bee per la cessione del 48% del Milan ( Berlusconi e Mr Bee. Dai fondi neri ai fondi rossoneri. ) con un comunicato ufficiale.
    Ecco, di seguito, il comunicato emesso dall'azienda:
    "L’odierna razione di spazzatura de L’Espresso, che si affida a risibili coincidenze per lanciare insinuazioni tanto infamanti quanto infondate, non merita neppure commenti. Se ne occuperanno i nostri legali"

    14 settembre 2015 - Berlusconi: "Firma con Bee pura formalità. Stadio? San Siro".

    Ultim'ora Sky Sport: ecco le parole di Silvio Berlusconi sull'incontro di oggi e sullo stadio: "La firma con Bee è una pura formalità. Se tornerà per il mio compleanno? (29 settembre). No, arriverà pochi giorni dopo. Il brand Milan sul mercato cinese porterà alla società più di 100M annui. Mr Bee è una persona che si sta comportando bene, mi piace molto. E' un ottimo partner. Sullo stadio, dopo una serie di considerazioni, è prevalso il sentimento: meglio restare in un San Siro rinnovato. Il nostro stadio piace molto anche a Mr Bee. Ho parlato con Mihajlovic della possibilità di giocare con 3 attaccanti. Sarà lui a prendere una decisione in merito. Nel derby ho visto una bella prestazione della squadra, il pareggio sarebbe stato più giusto. Balotelli è stato irreprensibile, Sinisa ha garantito per lui. Abbiamo molta fiducia in Mihajlovic, mentre per Balotelli questa è l'ultima occasione".

    24 settembre 2015 - Fininvest smentisce le indiscrezioni: "Non cediamo la maggioranza".

    Nella mattinata odierna sono iniziate a circolare delle voci riguardanti la cessione da parte di Fininvest anche della sua quota di maggioranza (Closing: la trattativa in corso.).
    Ebbene, la holding di Berlusconi con una nota di un portavoce ha appena smentito una simile eventualità.
    Ecco il testo riportato da C&F: "Su alcuni giornali compaiono stamane indiscrezioni relative alla trattativa per la cessione di una quota di minoranza del Milan. Si tratta di indiscrezioni totalmente prive di fondamento". Anche fonti vicine a Bee per il momento hanno smentito una simile eventualità.
    Allo stesso modo Fininvest smentisce la notizia odierna di Repubblica secondo la quale Berlusconi cederebbe a Bee, dopo la quotazione in borsa, un altro 24% della società dietro versamento di 240M.
    Secondo l'Ansa questo comunicato smentirebbe anche l'indiscrezione secondo la quale verrebbe nominato un terzo AD a fare da supervisore, notizia uscita anch'essa stamattina (Mr Bee a Milano il 27 o il 28 settembre per il closing.)

    27 settembre 2015 - Barbara smentisce i contrasti con Mr Bee. Comunicato ufficiale.

    In mattinata, Sky aveva parlato di presunti attriti tra Barbara Berlusconi e Mr Bee Taechabul ( qui i dettagli Trattativa cessione Milan. Bee e Barbara in contrasto. ). La stessa Barbara, però, ha diramato un comunicato ufficiale per smentire tali indiscrezioni.
    Eccolo, di seguito:
    "In merito ad alcune notizie stampa apparse quest'oggi su presunte divergenze tra Mr. Bee e Barbara Berlusconi, l'entourage della Dottoressa smentisce categoricamente. Tra Mr Bee e Barbara Berlusconi non ci sono al momento né divergenze ne' convergenze perché i due non hanno avuto mai modo di confrontarsi in maniera approfondita sulle tematiche strategiche del futuro del club. Semplici saluti di circostanza e pochi scambi di opinione si sono tenuti, infatti, in occasione degli incontri tra Silvio Berlusconi e Mr Bee ad arcore. Barbara Berlusconi ritiene l'eventuale accordo sulla cessione del 48 % assolutamente e ovviamente positivo per il club e precisa che non avrebbe alcun problema a cedere alcune delle sue numerose deleghe al broker thailandese. In particolare quella della valorizzazione e commercializzazione del brand nei paesi asiatici. In generale la dottoressa ritiene che chi investe una tale enorme cifra nel Milan abbia il diritto e il dovere di incidere sugli aspetti di gestione del club. La notizia di presunte 'divergenze insanabili' ,quella uscita su alcuni media, appare dunque incomprensibile ed è forse stata creata ad arte anche se non se ne comprende l'obiettivo. Barbara Berlusconi inoltre si tiene completamente fuori della trattativa in corso con mr Bee che è' gestita esclusivamente dal padre Silvio Berlusconi"

    30 settembre 2015 - Comunicato Fininvest - Bee dopo l'incontro di oggi

    Ecco il comunicato emesso poco fa da Fininvest e dall'entourage di Mr Bee dopo l'incontro avvenuto nella giornata di oggi ad Arcore
    "Nell’incontro avvenuto oggi tra le parti per affinare gli ultimi aspetti tecnici dell’operazione, Mr. Bee Taechaubol ha illustrato al presidente Silvio Berlusconi gli adempimenti compiuti al fine di dare concreta attuazione al preliminare di compravendita siglato il 1 agosto scorso, che prevede l’acquisto da parte di Mr. Taechaubol di una quota di minoranza dell’AC Milan pari al 48%, per un corrispettivo di 480 milioni di Euro. Nel corso dell’incontro, Mr. Taechaubol ha confermato il notevole interesse che nei Paesi asiatici il Milan ed il suo brand suscitano, interesse riscontrato in tutti i numerosi contatti avuti con operatori finanziari e commerciali. I consulenti delle parti sono tuttora al lavoro per definire gli ultimi dettagli con l’obiettivo di completare l’intesa nei prossimi giorni."

    14 ottobre 2015 - Mr Bee: "Mai conosciuto Baroni. Le trattative proseguono"

    Ultim'ora: Mr Bee, dopo il polverone sollevato dalla magistratura e dai media italiani, prende la parola. Ecco le sue dichiarazioni: "Non ho mai avuto occasione di conoscere Andrea Baroni (Tax and Finance) che non alcun ruolo nelle trattative in corso per il 48% del Milan. Le trattative proseguono così come concordato tra le parti".

    24 ottobre 2015 - Berlusconi: "Bee è una persona seria. Closing spero entro Natale".

    Berlusconi torna a parlare della cessione del Milan. Ecco le sue parole ai microfoni Premium: "Sono convinto che Bee sia una persona seria. Anzi approfitto per spiegare una cosa: c’è chi dice che i soldi di Bee siano dei soldi di Berlusconi all’estero che così può riportare in Italia. E’ davvero una pazzia che io possa fare una cosa del genere. Se qualcuno trovasse un tesoretto di Berlusconi all’estero, prometto che darò ben dieci volte tanto in beneficienza. Closing? Spero entro Natale. È importante per noi commercializzare il brand sui mercati orientali, in particolare in Cina dove abbiamo tantissimi tifosi”.

    10 dicembre 2015
    - Mr Bee assicura: "Fase conclusivissima". Closing imminente?

    Come riporta la Repubblica, dall'entourage di Mr Bee arriva una frase che lascia intendere che ormai la trattativa per l'acquisto del Milan è giunta alle ultime battute: "Siamo nella fase conclusivissima".
    Dunque sembra davvero tutto fatto, con il tanto agognato closing che dovrebbe arrivare entro la fine di questo mese.
    Con il Milan nel sangue, nella mente e nel cuore.

  5. #4
    31 gennaio 2016 - Berlusconi: "Ultimatum a Bee, abbiamo altre trattative"

    Berlusconi alla fine della cena post derby: "La cessione del Milan? Purtroppo ha influito la crisi dei mercati asiatici. Abbiamo date delle scadenze a Bee, che peraltro sono molto vicine. Ci sono comunque in piedi altre trattative con altri soggetti, perchè lo scopo resta quello di trovare un partner che ci aiuti a riportare il Milan in cima al mondo. Conferma di Mihajlovic? Ora è prematuro parlarne. Dipende sempre tutto dai risultati. Conte? Non abbiamo ancora pensato alla prossima stagione".

    7 febbraio 2016 - Comunicato Fininvest

    Anche oggi La Repubblica si sente in dovere di regalare ai suoi lettori l'ennesimo colpo di scena sulle trattative per la cessione di una quota di minoranza del Milan. Che poi tutto questo poco o nulla abbia a che fare con la verità dei fatti, è un dettaglio che evidentemente viene considerato marginale. Se due giorni fa lo scoop fasullo era la fine delle discussioni con mister Bee che invece finite non sono, oggi il quotidiano trasforma in colloqui ormai avanzatissimi un pour parler preliminare - mai negato - con altri soggetti interessati, si dilunga su ipotesi di valutazioni economiche e di governance che non rispondono al vero, fantastica su blitz e pressing per la vendita che nessuno si è mai sognato di fare. E giusto per non perdere l'occasione, riesce perfino a parlare di presunte "difficoltà" di Mediaset, azienda che viceversa ha dati di bilancio positivi e che ha finanziato autonomamente tutte le numerose mosse di sviluppo operate negli ultimi esercizi. Quanti altri finti scoop saremo costretti a leggere prima che la realtà torni a prevalere sulla fantasia e sulle strumentalizzazioni?

    20 febbraio 2016 - Berlusconi:''Da Bee proposta concreta e interessante. Con lui 100M''

    Silvio Berlusconi, intervistato in esclusiva da Premium Sport, ha parlato della cessione del Milan a Bee. Ecco le sue parole: ''Bee ci ha fatto pervenire una proposta concreta e interessante che riguarda tra le altre cose anche ristoranti, scuole calcio e merchandising. Questo piano ci potrebbe garantire 100 milioni all’anno provenienti dalla Cina e dagli altri nove paesi dell’area mediorientale. Per noi è molto importante commercializzare il marchio per competere con gli altri club che hanno importanti risorse economiche che arrivano dal petrolio. Bee si occuperebbe solo della commercializzazione del brand nelle aree prima indicate, mentre la parte sportiva rimarrebbe a noi”.

    Ancora Berlusconi: "Mr Bee? CI siamo dati tre scadenze (ride), luglio-settembre-gennaio. A me piace molto. Ha un piano interessante per il brand Milan. Speriamo di chiudere positivamente con Mr Bee. Abbiamo rifiutato altre offerte. Sempre riguardo Bee, siamo stati penalizzati dalla crisi in Cina. Alcuni finanziatori si sono tirati indietro. Ora Bee ne sta cercando altri. Il piano di Bee prevede ricavi per oltre 100 milioni di euro solo dalla Cina. Il marchio Milan ingolosisce per i ristoranti e per le rinascenti cinesi. Poi ci sono anche le altre nazioni. Mr Bee comunque è una soluzione, abbiamo altre offerte in coda. Torneremo competitivi"

    “Bee? Spero di chiudere. Mi piacciono lui e i suoi collaboratori che ci hanno presentato un piano industriale sulla commercializzazione del marchio Milan in Cina e nei paesi orientali. Purtroppo la crisi cinese ha creato dei problemi e i soci di Bee, che avrebbero dovuto sottoscrivere il 48% del nostro capitale, si sono tirati indietro. Adesso lui sta cercando nuovi soci e spero che possa arrivare ad una conclusione positiva. La data di scadenza è la fine del campionato italiano”.

    16 aprile 2016 - Galatioto conferma. "Milan ai cinesi in due mesi".

    Ecco le importantissime parole riportate da Sal Galatioto alla GdS: ''Credo che la mia vera forza sia quella di avere un gruppo di lavoro preparatissimo. Abbiamo consolidato questo team grazie ad una serie di operazioni fortunate nel tempo.
    Il nostro obiettivo non è solo far profitto bensì realizzare un progetto serio che duri nel tempo e faccia felici i tifosi.
    Vogliamo che un club diventi competitivo non solo da un punto di vista finanziario ma anche sportivo.
    È questo che dopo tutti questi anni ancora mi motiva nel mio lavoro.
    Il Milan è innanzitutto un club importantissimo e se non lo fosse neanche ci muoveremmo.
    Milano è una città bellissima e il brand del Milan è fantastico. Per ovvi motivi capirete che non posso dire chi sia il gruppo cinese interessato, ma vi assicuro che è molto ambizioso ed è molto molto interessato al club.
    Del progetto fanno parte imprenditori di alto livello, abbiamo progetti e idee interessanti, prima però dobbiamo chiudere l'operazione. Direi che se le cose vanno nel verso giusto possiamo farcela in 6-8 settimane. Un mio ex studente che lavora a Milano mi sta facendo da consulente. Siamo a buon punto ma in questi casi è meglio non sbilanciarsi.
    Il cacio è uno sport che mi piace ma ammetto di non essere un grande esperto. Comunque a prescindere da tutto ciò che mi motiva di più é vincere e credo che una operazione simile possa portare grandi successi al club.
    Per certi versi mi ricorda il passaggio di proprietà dei Warriors (oggi dominatori della NBA, ndr). Ancora oggi ricevo mail di ringraziamento dei tifosi di Golden State. I fan del Milan stanno facendo la stessa cosa, intasando la mia casella di posta elettronica con messaggi di incoraggiamento.
    È bellissimo è toccare con mano la passione dei tifosi.''

    6 maggio 2016 - Berlusconi: "Voglio cedere il Milan in mani italiane e sicure".VIDEO

    Berlusconi su Facebook ha parlato di Brocchi e soprattutto della cessione del Milan:

    "Ho il Milan nel cuore e soffro quando va male. Forse un po' più di voi, visto che per renderlo grande ho dovuto investire più di un miliardo di euro. Solo quest'anno 152 milioni. Eppure converrete con me che non abbiamo mai visto il Milan giocare così male come quest'anno. Per questa ragione ho cambiato allenatore, con l'obiettivo di arrivare alla finale con la Juve con più speranza. E infatti nel gioco qualche miglioramento si è visto.
    Avevamo in casa Brocchi e gli ho chiesto un atto di coraggio, e mi ha detto di sì. E' una persona seria e conosce lo stile Milan. Ma ha avuto pochissimo tempo per intervenire sui giocatori, e poi siamo stati sfortunatissimi nelle partite. Lasciamo quindi lavorare Brocchi in serenità fino al 21 Maggio, poi ragioneremo sul da farsi.
    Dopo 30 anni che abbiamo festeggiato a champagne e caviale, potremo sopportare un digiuno che sarà sicuramente passeggero.
    A chi mi dice che devo vendere, rispondo: ci sto provando da un anno. Ma vorrei lasciare il Milan in buone mani. In mani che gli garantissero un futuro da protagonista. E possibilmente, in mani italiane. A questo fine, qualsiasi suggerimento è il benvenuto.
    Un saluto dal presidente del club che nella storia del calcio mondiale ha vinto di più"

    10 maggio 2016 -Milan-Cina: firmata l'esclusiva tra Galatioto e Fininvest. Ufficiale

    Comunicato ufficiale Fininvest:
    "Fininvest ha raggiunto un accordo per un periodo di esclusiva con un gruppo di investitori cinesi relativo alla cessione di una quota dell’AC Milan. E’ stato contemporaneamente sottoscritto un promemoria di intesa, partendo dal quale si darà il via ad un approfondimento della trattativa.
    Il periodo di esclusiva è stato definito in modo da risultare compatibile con la complessità delle tematiche da discutere, le esigenze della società e gli appuntamenti previsti dal calendario delle attività calcistiche."

    Comunicato di Galatioto rilasciato a La Stampa
    "Il nostro gruppo di investitori ha firmato in esclusiva un accordo con Fininvest per iniziare a trattare l’Ac Milan. Questo è un importante passo importante verso la possibilità di chiudere l’accordo. Siamo ottimisti sul fatto che con Fininvest noi potremo completare l’affare in modo rapido"

    25 maggio 2016 - Berlusconi sulla cessione del Milan a Top Calcio 24 e Porta a Porta.

    "Ho dato tutto che ho potuto dare in questi 30 anni. Ora devo cercare qualcuno che possa proseguire la gestione del Milan riportandolo ad essere protagonista in Italia in Europa e nel mondo. Servono persone che ogni anno immettano capitali per mantenere la squadra ad alti livelli. E non è facile trovare persone che possano farlo. In Cina ci sono molti simpatizzanti rossoneri. E in Cina si è deciso che il calcio dovesse entrare come materia di apprendimento nelle scuole. Il Milan è la squadra più famosa in Cina, è un brand importantissimo. Il mercato cinese può dare un grande contributo. Ora abbiamo trovato uno studio americano specializzato nella vendita di squadre sportive. Stiamo mandando avanti la due diligente e tutte le clausole. Una delle clausole dice che io devo rimanere per 2-3 anni presidente. E devono impegnarsi a mettere ogni anno molti soldi per rafforzare il Milan. E devono essere tanti. Vedremo se si dimostreranno seri. Il Milan italiano? E' la soluzione necessaria nel caso in cui non andassero in porto le negoziazioni. Nell'ultimo anno abbiamo negoziato con 12 gruppi. Alcuni li abbiamo scartati. E se non riusciamo a vendere, l'alternativa è il Milan italiano. Ma i tifosi non hanno nè memoria nè pazienza. E quindi il Milan italiano sarebbe una soluzione non molto facile da attuare. A me piacerebbe creare una squadra che sia quasi una famiglia. E' una scelta che potrebbe essere giusta sempre che non si riesca a trovare persone che portino capitali. Le società ed i fondi con i quali ci siamo confrontati ci appaiono come entità serie. Io ho fiducia che questa mia impressione possa diventare un giudizio. Hanno chiesto a me di essere il regista degli acquisti sul mercato perchè loro non hanno dimestichezza con il calcio europeo. Stiamo cercando di accelerare proprio per orare subito sul mercato. Cinque giocatori tra i quali Boateng, Alex e Mexes andranno via per fine contratto. Anche Boateng andrà via per fine contratto. In molti però mi dicono di non vendere ai cinesi, quindi bisogna tener conto anche di questo. Se posso cambiare idea? Io sono una persona coerente. Se non viene un acquirente che accetti le condizioni che io metto, ovvero che non lo mantenga al top, posso ripensarci. Successori italiani? Io ci speravo ma non si è fatto vivo nessuno".

    Successivamente Ravezzani ha detto che una fonte che considera affidabilissima gli ha confidato che Berlusconi ha già venduto il 70% del Milan e che l'anno prossimo cederà il restante 30%.

    Berlusconi a Porta a Porta: "Ho dichiarato la mia decisione di vendere il Milan. Tuttavia penso che l'ultima decisione del presidente Berlusconi circa la squadra debba essere saggia e giusta. A questo punto credo di dover passare la mano a qualcuno in grado di immettere quei fondi che permettano di rilanciare la squadra. E non sono tanto i soldi che devono versare alla Fininvest bensì quelli che chi acquista deve impegnarsi a mettere nel Milan ogni anno oppure subito. Questi soldi provengono dalla Cina o dal petrolio. Mio futuro ruolo? Tutti quelli che sono venuti al tavolo delle trattative hanno affermato che il brand Berlusconi è importante, soprattutto in Cina dove sono molto conosciuto. Brocchi resta? Non lo so ancora''.

    26 maggio 2016 - Milan-Cina: Robin Li esce allo scoperto! ''Interesse molto forte''

    Ultim'ora Milano Finanza: nelle ultime ore CCTV ha riportato che quattro consorzi sarebbero interessati al Milan e tra questi ci sarebbe anche quello di Robin Li. A tal proposito il quotidiano economico milanese ha contattato l'entourage del magnate cinese, il quale vorrebbe però proseguire le trattative in modo discreto. Questo consorzio, come già detto, vorrebbe rilevare subito la maggioranza del Milan (70%) e solo in un secondo momento comprare tutte le azioni milaniste da Silvio Berlusconi.

    Una fonte vicina alla trattativa afferma che: “L’interesse nei confronti del Milan è davvero molto, molto forte. I nomi degli investitori sono tutti importanti e con cash a disposizione. Se tutto procederà senza intoppi il desiderio di Robin è di chiudere tutto entro la prima metà luglio”. Nello specifico, Robin Li sta portando avanti l’offerta tramite una fondazione che controlla.

    26 maggio 2016 - Ancora Berlusconi sulla cessione del Milan, a Virus.

    Ecco quanto dichiarato da Silvio Berlusconi alla trasmissione Virus in onda su Rai 2:"Sì voglio vendere, dopo 30 anni ho preso la decisione di individuare un mio successero e dev'essere una scelta giusta per il bene del Milan. Oggi bisogna competere con le grandi potenze che fanno affidamento sul petrolio. Il gruppo cinese ci è apparso molto solido. Quanti soldi servono per competere con gli arabi? Noi vogliamo che ogni anno si spendano 100/200M sul mercato".

    27 maggio 2016 - Sempre Berlusconi sulla cessione del Milan

    Berlusconi ancora a Tele Radio Più. Dopo 30'anni è giunto il momento di passare la mano. Ma lascerò la squadra a chi ha intenzione di investire nella squadra ogni anno.

    29 maggio 2016 - Berlusconi intervistato da Pellegatti a Premium Sport news delle 20.

    Silvio Berlusconi ai microfoni di Pellegatti su Premium Sport: "Speriamo di trovare una soluzione adeguata a quello che voglio, ossia garantire investimenti per un Milan che torni ad essere protagonista in Italia, in Europa e nel Mondo. In questo momento stiamo trattando con queste importanti società cinesi: per me è fondamentale che ci siano le dovute garanzie perché il club stia sempre in alto. I cinesi vogliono che io rimanga come presidente per altri tre anni e io ho dato il mio assenso. Stiamo lavorando su questo aspetto. Presidente onorario? Sì, la figura sarà questa, ma visto che conta la persona, anche da presidente onorario si possono indirizzare scelte e decisioni. Saranno decisivi i prossimi 15 giorni: ci vuole la massima attenzione e pazienza senza farsi prendere dalla fretta. Se muterà il management in caso di cessione? Non so cosa faranno e come vorranno farlo ma vedremo... Se poi ovviamente tutto ciò non sarà invece possibile mi terrò volentieri il Milan e manderò avanti il progetto dell'Ital Milan. Se resto io resta pure Brocchi. Ibrahimovi ha dei costi da Monopoli, quindi impossibili"

    30 maggio 2016 -Berlusconi a TL "Domani incontro i manager"

    Ecco un estratto dell'intervista a berlusconi a TL :"Ci sono ancora le negoziazioni. Le confesso che devo incontrarmi domani con i nostri manager che si stanno occupando della trattativa quindi non so darle una risposta precisa sul punto delle trattative. Che cosa si possono attendere i tifosi del Milan? Che il presidente Berlusconi faccia una scelta corretta e cioè che sia una scelta che garantisca al Milan una proprietà che si impegni a mettere fondi ogni anno e nell'anno a venire dei fondi per portare il Milan a essere di nuovo protagonisti in Italia in Europa e nel mondo. Credo che sarebbe la degna conclusione di 30 anni di gestione. Abbiamo incontrato una decina di gruppi disponibili a subentrare a noi al Milan, sono stati scartati uno dopo l'altro perchè abbiamo ritenuto che non offrissero garanzie sufffcienti per il futuro. Se dovessero venire meno anche l'opportunità di questo gruppo con società cinesi importanti, allora il Milan dovrebbe ripartire dai giovani italiani. A quel punto bisognerebbe che i tifosi del Milan concordassero con la società un periodo di pazienza. Purtroppo i tifosi, lo ho visto anche nelle ultime reazioni, non hanno nè pazienza nè memoria. Ci sono state dichiarazoni non piacevoli e non memori dei risultati del Milan di questi 30 anni".
    Ultima modifica di Il Re dell'Est; 30-05-2016 alle 19:20
    Con il Milan nel sangue, nella mente e nel cuore.

  6. #5
    Senior Member L'avatar di corvorossonero
    Data Registrazione
    Apr 2015
    Messaggi
    7,326
    31 maggio 2016 - Berlusconi a Radio Radio: "Giornata decisiva, imprese ricchissime"

    Berlusconi in diretta a Radio Radio: "Oggi sarà una giornata decisiva per il futuro del Milan. Le imprese cinesi sono tutte molto ricche ed a partecipazione statale. Se non dovesse avverarsi questa eventualità (con poca convinzione, ndr) avvierò il progetto del Milan italiano. Credo si possa ripetere quanto fatto dal Leicester.Ma mi auguro che dopo 28 trofei il Milan torni a vincere e che quindi la cessione vada a buon fine. Giocatori a cui sono più affezionato? Van Basten e Maldini. Eventuali decisioni future comunque verranno prese dalla nuova maggioranza (parlando di Brocchi, ndr) e mi auguro che le negoziazioni non vadano per le lunghe. I cinesi in questo momento stanno decidendo quale percentuale avrà ognuna delle componenti all'interno del fondo che stanno creando".

    31 maggio 2016 -Berlusconi in diretta su 7 Gold. Altre dichiarazioni sui cinesi.

    Berlusconi sui cinesi: "Non sono ancora in grado di regalare belle notizie sul Milan, stiamo negoziando con queste fondazioni e città cinesi anche a partecipazioni statali, quello che stiamo negoziando è che investano per far tornare il Milan protagonista nel mondo. Concluderemo questa negoziazione solo se si dimostreranno disponibili a dare contrattualmente queste rassicurazioni. Mi auguro che dopo 30 anni ci sia una continuazione adeguata che permetta al Milan di rimanere al top. Ripeto, stiamo negoziando con una nuova proprietà soltanto perché oggi con i costi che sono arrivati nel calcio,addirittura di Stati, i prezzi sono diventati impossibili da sostenere per una famiglia. Questo ci ha messo nella necessità di trovare un'altra soluzione. Se non dovesse essere possibile o se chi interviene non si volesse impegnare per iscritto contrattualmente ad investire quanto necessario per competere con Real e Barca, allora andrò avanti io e sarò felice di farlo. Ma in un'altra direzione, nuovo ciclo, tutti giocatori italiani. Ma ovviamente ci vuole tempo. Ed i tifosi purtroppo non hanno memoria né pazienza... si, io sono ottimista sulla conclusione della trattativa, spero sia il momento giusto.
    Abbiamo trattato con una decina di gruppi ma questo è quello che si è dimostrato il più serio e il più deciso a fare del Milan una potenza mondiale. In Cina ormai il calcio è diventato fondamentale, verrà insegnato nelle scuole due ore a settimana. Quindi per questo le aziende statali sono interessate ad acquistare il Milan"(Crudeli in lacrime viene stoppato, ndr)

    3 giugno 2016 - Berlusconi è intervenuto a Radio Centro Suono Sport, ecco le sue parole

    “Con i capitali del petrolio che sono entrati nel calcio si deve trovare qualcuno che sia disposto a mettere dei capitali per riportare il Milan ad essere protagonista in Italia, in Europa e nel mondo. Un italiano? Credo possa fare bene in Italia, ma non credo che possa portare avanti una squadra che voglia essere protagonista in Europa e nel mondo. In Cina, il Milan ha 243 milioni di simpatizzanti, quindi si crea un’importante possibilità per sviluppare il brand. Abbiamo avuto contatti con gruppi molto importanti ma nessuno voleva impegnarsi a mettere fondi ogni stagione. Adesso stiamo in trattativa con questo gruppo cinese, che comprende due soggetti che hanno più di 10 miliardi di patrimonio personale. Non so se chiuderemo la trattativa, devono ancora dirci se si impegneranno a fare investimenti importanti per le prossime stagioni. Maldini? E' andato in America e non si è mai proposto per un ruolo in società".

    Nell'intervista al QS di Berlusconi, parla in questo modo della trattativa: "Stiamo parlando e gli interlocutori mi piacciono molto, sono persone serie, potrebbe essere la volta buona"

    Nell'intervista a Libero, anche qua Berlusconi parla di Milan: "Sono il primo tifoso del Milan, voglio essere certo che il futuro della squadra sia all'altezza della sua storia e delle aspettative di ogni tifoso. Vendere mi dispiace, è ovvio, ma devo essere realista: dopo l'entrata nel mondo del calcio dei soldi del petrolio, i costi sono lievitati in una maniera impossibile e anche irrispettosa verso il disagio di tante persone, visto che si tratta comunque di un gioco. Sono costi tali che una famiglia, anche con una solida situazione di imprese alle spalle, non è più in grado di affrontare. Quindi intendo consegnare il Milan, che mi ha dato così tante soddisfazioni, nelle mani di qualcuno - non sarà una persona fisica, ma un gruppo di imprenditori e di operatori finanziari – che abbia le risorse e la voglia di investire necessarie a riportare il Milan ad essere protagonista in Italia, in Europa e nel mondo. Voglio verificare molto bene questi impegni da parte di possibili acquirenti, e quindi procedo con prudenza nelle relative negoziazioni. Rimango in ogni caso disponibile a continuare ad occuparmi del Milan nei modi che mi venissero richiesti dalla eventuale nuova proprietà. Se poi non riusciremo ad individuare un acquirente con le giuste caratteristiche, allora proveremo ad andare avanti con le nostre forze. In quel caso, sarà un Milan molto giovane e tutto italiano, che darà inizio ad un nuovo ciclo”"

    3 giugno 2016 - Berlusconi shock:"Cinesi mangiavano bambini, dovrei dargli Milan?"

    Incredibili dichiarazioni di Berlusconi durante la campagna elettorale ad Ostia. Spinto da alcuni suoi sostenitori che gli urlavano "Silvio non venda", Berlusconi ha risposto così: "I comunisti cinesi durante i periodi di carestia bollivano e mangiavano i bambini. Ed io dovrei dargli il Milan?"

    4 luglio 2016 - Berlusconi annuncia: "Ho deciso: cedo il Milan al consorzio cinese".

    Ultim'ora, ecco le storiche dichiarazioni di Berlusconi all'uscita dal San Raffaele: "Credo che la mia ultima scelta debba essere importante, ossia consegnare il Milan a chi è disposto a renderlo nuovamente protagonista in Italia, in Europa e nel mondo. Ho rinunciato a pretese sul prezzo, senza calcolare il valore del brand, ma ho voluto che il nuovo gruppo versi nel Milan almeno 400M di euro sul mercato in due anni. Si tratta un gruppo importante a partecipazione statale".

    Sky: la firma del preliminare è stata anticipata al 12 luglio.

    Aggiornamento

    Berlusconi: “Io ho rinunciato a qualunque pretesa di prezzo, ho accettato quello che mi è stato proposto, che non tiene nemmeno conto del valore del brand. Ho però preteso che ci sia l’impegno per i nuovi acquirenti, che sono un gruppo di importanti società cinesi alcune a partecipazione statale, di versare nel Milan almeno 400 milioni di euro nei prossimi due anni. Voglio consegnare il Milan a chi sia disposto a investire nel Milan per farlo ritornare ad essere protagonista in Italia e nel mondo”
    Su alcune precisazioni dei giornalisti riguardo il fatto di cedere ai comunisti: “ma non c’e’ piu’ il comunismo di allora. Ormai quello cinese è diventato un sistema capitalistico, con la corruzione che deriva certamente dal sistema precedente”
    Bellinazzo aggiunge che il closing verrà effettuato dopo l'estate e che il consorzio cinese provvederà subito a un aumento di capitale di circa 100 milioni, per poi investirne successivamente altri. I Cinesi dopo la firma dovranno uscire allo scoperto.

    Video (fate copia incolla nel vostro browser): sportmediaset.mediaset.it/video/calcio/milan/-lascio-il-milan-ai-cinesi-_78862-2016.shtml

    5 luglio 2016 - Galatioto: quando sapremo i nomi degli investitori? Presto... non posso dire nulla, arrivederci.

    Video: video.sky.it/sport/calcio-italiano/milan_galatioto_presto_saprete_i_nomi_dei_proprietari/v292091.vid

    5 agosto 2016 - Milan venduto a Sino-Europe Investment Management Changxing.

    Il comunicato di Fininvest:



    Fininvest ha completamente rotto i rapporti con Galatioto e Gancikoff dopo che negli ultimi tempi la GSR di Wu era entrata in competizione con la cordata originaria composta dagli attuali firmatari del preliminare che avevano diffidato Galatioto dal proseguire a rappresentare delle persone che non facevano parte dell'originario fondo. Da qui la rottura e la firma del preliminare senza gli advisor originari che quindi concludono questa vicenda nella maniera peggiore.

    Dario Donato (Studiosport): Entro 90 giorni a partire da oggi i cinesi verseranno 400 milioni di euro a Fininvest.


    Fabio Ravezzani: "Fassone dovrebbe essere il manager che affiancherebbe Galliani."

    Festa (Sole 24 Ore): in Sardegna sono stati firmati i contratti fra la cordata cinese e Fininvest.
    - Questa cordata è più o meno la stessa che c'era negli scorsi mesi di trattative. Si sono aggiunti però alcuni soggetti importanti che prima non c'erano: Li c'era già, mentre Haixia si è aggiunta.
    - Per quanto riguarda i "lead investors", questi sono stati comunicati. L'investitore principale è proprio Mr. Li. Altro lead investor è appunto Haixia (entrata nel consorzio solo nelle ultime settimane).
    - Nel consorzio potrebbero entrare altri soggetti nelle prossime settimane: ad esempio la GRS e l'imprenditore Steven Zhen, di cui si è parlato molto. Non sono ad oggi presenti, ma potrebbero entrare nella società veicolo.
    - Galatioto e Gancikoff hanno avuto il merito di intavolare la trattativa e di far iniziare in modo concreto le discussioni, hanno mantenuto ruoli da advisor, ma a loro sono subentrati "Gianni, Origoni, Grippo, Cappelli & Partners" e "Rothschild". Ancora non si sa il motivo di questa staffetta.
    - Il contratto firmato è un preliminare, ma vista la lunghezza delle trattative ha quasi validità di contratto definitivo. Si può parlare di closing, in quanto lo stesso fra qualche mese è ormai una formalità. Quindi i soldi per il calciomercato dovrebbero essere disponibili subito.

    Bellinnazzo: " La situazione è ormai chiara, non si tratta più di capire quali nomi saranno dietro il fondo, perché a comprare il Milan è stato IL GOVERNO CINESE, a conferma di ciò la presenza di un fondo di investimento come Haixia che è totalmente controllata dallo stato cinese. A questo punto non si tratta più di speculazione di un fondo, non c'è intenzione di guadagnarci, ma è una mossa d'immagine del governo. A tal proposito la tipologia di acquisizione è anomala dal solito standard cinese, dove in genere società private acquistano in parte o totalmente diverse società, previa assenso del governo. In questo caso ci saranno tante società che avranno parte delle quote del Milan sotto il controllo dello stato. Nell'ottica FFP il Milan è oltre i parametri, quindi ci dovrà essere un piano straordinario a lungo termine che dimostri il miglioramento delle finanze rossonere. Avrà quindi, a differenza dell'inter, un margine di manovra più ampio, non avendo discusso ancora con i rappresentanti della Uefa. La vera forza economica si vedrà in inverno, ma già da ora mi aspetto qualche colpo, nell'interesse dei cinesi stessi a voler risollevare dal punto di vista tecnico la squadra."

    Bellinazzo a Sky: è successo di tutto in questa trattativa. L'anno scorso, di questi tempi, Mr Bee andava a villa Certosa per firmare un'esclusiva. La cordata di Galatioto ora non esiste più. Stiamo lavorando per conoscere le aziende che facciano parte della nuova cordata. Ma è irrilevante, perchè si parla di un fondo che fa riferimento al governo di Pechino. Nel Milan ha investito una realtà che fa capo al governo di Pechino, che ha deciso di rompere gli indugi ed ha deciso di scendere in campo personalmente. I 100 milioni di caparra non serviranno per il mercato estivo, che è abbastanza bloccato. Il mercato molto probabilmente dovrà essere fatto da Fininvest perchè fino al closing la stessa Fininvest sarà proprietaria del Milan. Poi entreranno i cinesi che andranno a Nyon per parlare del fair play finanziario. I grandi colpi, probabilmente, arriveranno a gennaio e nell'estate prossima. Ma i tifosi del Milan devono stare tranquilli perchè dietro questa operazione c'è lo Stato cinese, che vuole fare del Milan l'emblema del calcio in Cina.

    Incredibile Milan: secondo Repubblica (che inserisce la notizia a pagina 6, tra la cronaca economica e non sportiva...) afferma che la penale esiste ed è consistente: i 100M della caparra, infatti, qualora dovesse saltare tutto si trasformeranno in penale che rimarrà nelle casse Fininvest. Ma il vero scoop è nei retroscena: l'operazione è stata effettuata su input di Xi Jinping, presidente del partito comunista cinese. Parliamo di un affare istituzionale senza precedenti.
    Il comunicato ufficiale Fininvest cita l’Haixia Capital di Bo Lu, società di investimenti con sede a Fuzhou specializzata in autostrade e ferrovie ad alta velocità. I nomi chiave sono però quelli del fondo sovrano di Stato per lo sviluppo e per gli investimenti e la Sino-Europe Sports Investment Management Changxing, delegata a rappresentare almeno altri tre gruppi industriali e finanziari privati.
    Dietro il sorprendente mistero, mantenuto anche nel giorno della firma, gli ambienti economici cinesi suggeriscono la presenza di colossi come l’immobiliare Evergrande di Guizhou, proprietaria del plurivincente club guidato in passato da Marcello Lippi, il motore di ricerca Baidu di Robin Li e il gigante dei distillati tradizionali Kweichow Moutai.
    Pronto a partecipare all’operazione ci sarebbe anche Wang Jianlin, patron di Wanda, il miliardario più ricco della Cina, già azionista dell’Atletico Madrid. In sostanza dietro l'operazione si nasconderebbe lo Stato insieme alla crema della economia cinese, che su ordine del presidente Jinping è riuscita ad esportare il capitale necessario. Da Pechino sintetizzano che è stato proprio lui, il successore di Mao, a ordinare di conquistare il club dell'unico leader occidentale che da presidente del consiglio non gli ha mai fatto visita. E lo strumento scelto è il fondo di stato sovrano.
    Rispetto all'Inter, insomma, è un'altra galassia. I cugini infatti sono stati acquistati da una società privata. Il Milan invece, nonostante l'impegno della crema imprenditoriale cinese, sarà il volto del partito comunista cinese, una sua creatura che sarà utilizzata per proiettare l'immagine della Cina in Europa. L'imperatore Xi infatti ha deciso di conquistare l'enterteinement principale europeo e consegnarlo agli sponsor cines, trasformandolo nel grande show che assicurerà alla Cina eventi quali i mondiali e a CL.
    Il privato? Pochissimo e di facciata. Anche la finanziaria Haixia è partecipata dallo Stato, il fondo sovrano ne è il portafoglio estero, mentre Sino-Europe Investment, rappresentata dal fiduciario presidenziale Yonghong Li, è il contenitore operativo autorizzato ad esportare i miliardi di yuan dei grandi finanziatori dell’ala vincente del partito, che la propaganda definisce «riformista». Uno schema collaudato: sostegno dagli oligarchi al leader, in cambio di agibilità imprenditoriale interna e non belligeranza nella «guerra alla corruzione» scatenata dallo stesso Xi. Il Milan, con i suoi vecchi successi e i giovani debiti, diventa un pezzo dello Stato cinese in Italia e nella Ue per spostare sempre più a Oriente il baricentro del pallone. Da Berlusconi, via principi rossi, a Xi Jinping: i cinesi, non solo a Milano, da ieri ingaggiano campioni.

    ---------------------------------------------------------------------

    Io mi chiedo come si possa passare da "tratto con uno stato" a Bee persona seria.

    Mah..Berlusconi ci ha trollato a tutti.
    Ultima modifica di Il Re dell'Est; 06-09-2016 alle 14:08

  7. #6
    Senior Member
    Data Registrazione
    Apr 2014
    Messaggi
    10,129
    8 agosto 2016 - Milan, il governo di Changxing ringrazia la SPV per l'acquisto.

    Come riporta Edoardo Pini, tifoso rossonero che vive in Cina, nella giornata odierna è arrivata una importante voce dall'Oriente, precisamente dalla contea di Changxing, ossia il luogo dov'è sorta la società veicolo che ha firmato il preliminare col Milan: la Sino-Europe Investment Management Changxing.

    Il governo della contea, infatti, ha diramato un annuncio in cui ringrazia pubblicamente la Sino-Europe per l'acquisto e per la visibilità che questa operazione garantirà a tutta la contea.

    Ecco il testo dell'annuncio individuato e tradotto sul sito ufficiale del governo della contea:

    Sino-Europe Investment Management Changxing firma un accordo per l'acquisto delle quote del Milan.

    La Sino-Europe Investment Management Changxing ed il club italiano hanno firmato un contratto per l'acquisto del 99,93% del Milan. In base all'accordo il Milan è stato valutato 740M di euro, compresi debiti pari a 220M, per un equity pari a 520M. Dopo che l'acquisto sarà completato, Sino-Europe otterrà la maggioranza degli amministratori ed eleggerà un nuovo presidente. Mr Berlusconi continuerà ad operare come presidente onorario del club. Per la prima volta nella storia dei top club del mondo, l'acquisto è completamente finanziato da capitale cinese.

    Gli investitori che confluiranno in questo fondo, saranno annunciati dopo il completamento delle operazioni di acquisto.

    Il Milan ha una gloriosa storia di ben 116 anni, ed è il club che ha vinto più coppe intercontinentali al mondo (3 intercontinentali + 1 mondiale per club, ndr). Fonti informate affermano che l'acquisto ha un significato molto importante: "Prima di tutto, l'italia è alla fine dell'Antica Via della Seta, ed è il punto marittimo d'incontro di questa Via. L'acquisto risponde ad una strategia di livello nazionale. Inoltre, per i fan degli anni 60/70 e 80 questa operazione suscita dei sentimenti che soltanto quelle generazioni possono comprendere. Nel 1992, infatti, in Cina iniziò la riforma del calcio e la prima partita ad essere trasmessa fu quella della Serie A."

    La fonte prosegue affermando che l'acquisto del Milan produrrà una serie di benefici importanti per Changxing: "Quello migliore è che adesso tutte le persone del mondo conosceranno questa contea e vedranno quanto sia bella".

    9 agosto 2016 - Sino Europe:"Ecco come sarà il nuovo Milan".

    La Sino Europe, società che ha acquistato il Milan, ha parlato del futuro assetto del club rossonero attraverso un'intervista pubblicata su China Economic.

    Ecco i punti salienti:"Dopo il closing il Milan avrà un nuovo presidente ed un nuovo assetto dirigenziale. Berlusconi resterà nelle vesti di presidente onorario. Nel fondo saranno presenti anche altri investitori. I nomi verranno svelati dopo il closing. Il Milan è stato scelto per la sua storia gloriosa. Ed è la prima volta che i capitali del governo cinese comprano una squadra leader. Il governo di Changxing è stato di grosso aiuto nell'acquisto del Milan.

    Edoardo Pini, in un articolo esclusivo per MN, ha raccolto ulteriori importanti informazioni riguardanti la cessione del Milan.
    Negli ultimi giorni in Italia si è fatto il nome della piccola contea di Changxing in quanto sede della Sino-Europe, il veicolo che ha acquistato il club. A tal proposito, è stato intervistato Wuxiangyuan, membro del governo di Changxing, città a molti sconosciuta. Ecco le sue parole: "Siamo molto contenti che una città come la nostra sia accostata all'acquisto di un club come il Milan. Ma ci tengo a specificare che il Milan è stato acquistato dalla Sino-Europe e dai suoi investitori, non dalla nostra città. La Sino-Europe è stata creata proprio a maggio per questa operazione e per ora vogliono tenere un profilo basso, proprio per l'importanza della trattativa.
    Confermo che nelle prossime settimane, non appena i membri della Sino-Europe torneranno in Cina, ci sarà una conferenza a Changxing e Sino-Europe risponderà alle vostre domande. Confermo che i nuovi investitori statali, oltre ad Haixia, entreranno a far parte del progetto e verranno rivelati soltanto al closing. In questi giorni ho letto della partecipazione anche di Ever Larger Group (società quotata in borsa) ma non posso confermare"

    Infine, come riportano i media cinesi, un'altra novità riguarderebbe il fortissimo ruolo di Liu Meng, presidente della Yagtze River International Holdings Group, molto influente a livello governativo, membro della camera di commercio di Wuhan, che in questi mesi è stato a stretto contatto con Berlusconi per trovare la cordata giusta... e sembra che alla fine ce l'abbia proprio fatta.

    11 agosto 2016 - Comunicato ufficiale Sino: Fassone nuovo AD e DG del Milan.

    La Sino-Europe Investment Management Changxin, veicolo che ha rilevato la società rossonera, ha diramato un primo comunicato ufficiale. Li Yonghong, presidente di Sino-Europe, si ritiene onorato e ringrazia Silvio Berlusconi per l'incontro avuto a Villa Certosa e per essere stato il presidente che in questi ultimi 30 anni ha contribuito a portare il Milan in cima al mondo. Mr Li si ritiene sicuro che la nuova collaborazione sarà un successo per entrambe le parti.
    Il comunicato della Sino-Europe, cita Han Li come direttore esecutivo del veicolo, uomo di calcio (ha giocato in passato in Svezia), nonché tifoso rossonero, è un manager con esperienza personale negli investimenti di capitale cinese (business di M&A in Europa e Cina).
    E' stato proprio Han Li a portare avanti le trattative in questi due anni.

    La società holding del Milan sarà rinominata "Rossoneri Sport". Rossoneri in quanto è il nome dei tifosi del Milan, segno di un certo prestigio e attenzione. Dopo la pubblicazione della notizia, il popolo dei tifosi cinesi ha invaso il web, esprimendo tutto il proprio entusiasmo e le aspettative per un futuro grandioso.

    Sino Europe ringrazia l'Italia, la Cina e tutti i tifosi milanisti nel mondo per tutto il supporto durante la trattativa. La società conferma che Fassone sarà nominato AD/DG dopo il closing, in quanto rappresenta il candidato migliore. Secondo la Sino-Europe, infatti, un manager valido e con esperienza è fondamentale nel successo della squadra. Tanto più per un gigante come il Milan. Fassone, inoltre, starebbe già lavorando per la Sino-Europe, esprimendo i suoi punti di vista sulla gestione sportiva, nonché sulla cultura calcistica in Italia.

    La nota conclude affermando che si avrà il massimo rispetto per la storia dell'AC Milan e per la genuinità di questo sport e che passo dopo passo, la squadra potrà risalire sul tetto d'Europa.

    11 agosto 2016 - Ecco il congedo di Silvio Berlusconi dopo 30 anni di Milan.

    Riportiamo in forma integrale il suo testamento come presidente "operativo":

    "A tutti i tifosi rossoneri

    Trent'anni fa ho acquistato il Milan per amore. Lo cedo per un atto d'amore ancora più grande: affido la squadra ad un gruppo che ha le risorse necessarie e la volontà di investirle per riportare il Milan a competere con i maggiori club internazionali.
    Sono naturalmente commosso e addolorato, ma sono anche sereno nella convinzione di aver agito ancora una volta per il bene del Milan, di cui continuerò ad essere il più fervido degli appassionati.
    Di questi trent'anni mi rimarranno nel cuore ricordi straordinari, senza uguali: ho avuto il privilegio di guidare la squadra che amo fino a farla diventare il club più titolato al mondo. Ricordo e ringrazio i grandi giocatori, allenatori e dirigenti che si sono succeduti: molti di loro faranno per sempre parte della leggenda del calcio, quella leggenda che abbiamo contribuito a scrivere con vittorie straordinarie in Italia, in Europa e nel Mondo.
    Ma soprattutto non dimenticherò mai la partecipazione e l’affetto dei tifosi: la passione di milioni di persone per i colori rossoneri è stata determinante per rendere questa squadra speciale, diversa da tutte le altre, più forte di tutte le altre, più forte dell’invidia, più forte dell’ingiustizia, più forte della sfortuna. Con loro sarò sugli spalti ad esultare e magari a soffrire: ma sono certo che presto festeggeremo insieme i nuovi grandi successi con i quali il Milan saprà onorare la sua grande tradizione. Un abbraccio forte…e rossonero a ciascuno di voi."

    23 agosto 2016 - Li Yonghong: "Cambieremo il CDA, ma Berlusconi resterà presidente"

    Li Yonghong alla rivista cinese China Economic Weekly : "Una volta giunti al closing, cambieremo il Cda del Milan. Berlusconi però resterà presidente onorario".
    Dichiarazioni che confermano una sempre più probabile uscita di Galliani. Attese novità in merito a fine settembre.

    6 settembre 2016 - Milan: arrivati gli 85 milioni dai cinesi. Ecco il comunicato

    Sono arrivati ufficialmente gli 85 milioni di euro dai cinesi. Ecco, di seguito, il comunicato ufficiale emesso da Finivest. Per il momento è solo una bozza, mancano altri dettagli importanti. Il comunicato completo nelle prossime ore.





    17 settembre 2016 - Cessione Milan: comunicato ufficiale di Sino Europe.

    Sino Europe, poco fa, ha diramato un comunicato ufficiale sulla trattativa per l'acquisto del Milan.

    La stessa Sino, nel comunicato, conferma che tutto procede spedito verso il closing il programma alla fine dell'anno. E si sta lavorando per chiudere la trattativa entro la data stabilita. Nella giornata di ieri ci sono stati ulteriori incontri tra David Han e Fininvest.

    19 settembre 2016 - Yongda conferma:"Si discute la quotazione del Milan in borsa".

    Yongda Group, uno dei gruppi cinesi che hanno investito nel Milan, ha dichiarato che gli stessi investitori stanno discutendo la quotazione in borsa del Milan.

    21 settembre 2016 - Bloomberg accusa: cessione? Garanzie iniziali erano false.

    Comunicato congiunto Sino-Fininvest: non si confermano i contenuti dell'ennesimo articolo di Bloomberg. Si procede verso il closing entro fine 2016

    22 settembre 2016 - Sino-Europe: falso quanto afferma Bloomberg.

    Mariangela Pira, giornalista di Calcio e Finanza, riporta un comunicato di Sino-Europe dove il fondo respinge le accuse lanciate da Bloomberg e si riserva ogni azione legale volta alla tutela dei propri diritti.

    Intanto Bank of Jiangsu comunica ufficialmente di non aver mai inviato il documento che cita Bloomberg. Questo confermerebbe che, se esistesse un simile documento, si tratterebbe palesemente di un falso. Ancora da scoprire però l'autore e la motivazione.

    23 settembre 2016 - Cessione Milan e documenti falsi: comunicato ufficiale Fininvest.

    Ecco il testo del comunicato che si riporta in forma integrale:



    23 settembre 2016 - Sino Europe: ogni speculazione è infondata. Si sta valudando di avviare azioni legali al riguardo.

    4 ottobre 2016 -Han Li:"Riporteremo il Milan al top. Investitori confermati".

    La Gazzetta dello Sport in edicola oggi, 4 ottobre 2016, riporta in esclusiva la prima intervista ad Han Li, manager del gruppo cinese. Ecco quanto dichiarato:"Perchè abbiamo deciso di comprare il Milan? Il Milan è una delle più grandi squadre al mondo, con una stria piena di glorie e successi. I milanisti si trovano in ogni angolo del pianeta, soprattutto in Cina. Le prime partite di calcio trasmesse in Cina, alla fine degli Anni 80, erano quelle della Serie A, ed era soprattutto il Milan che entusiasmava gli spettatori. Abbiamo diverse generazioni che sono cresciute col Milan, e io sono uno di loro. Il club ha tutto il mio rispetto. Sono grato al signor Berlusconi per averci affidato questo compito leggendario di riportare il Milan al top. Il piano per rilanciare il club? Inizieremo a formare un management solido, poi faremo il nostro meglio nelle sessioni di quest’inverno e della prossima estate per creare una squadra più forte. Nel frattempo, ci concentreremo sullo sviluppo del business in tutto il mondo, soprattutto in Cina. Cercheremmo di espandere la nostra influenza internazionale in vari campi, attraverso i nostri contatti e i partner strategici. Al contempo, costruiremmo un ponte tra il club e il mercato cinese, integrando risorse strategiche globali. Se abbiamo raccolto tutti i soldi necessari? Gli investitori sono stati confermati. Tutto è perfettamente sulla buona strada. I fondi stanno arrivando come previsto. I nomi degli investitori saranno resi noti ufficialmente al closing, secondo gli accordi presi. Yonghong poco conosciuto? La Cina è troppo grande e la popolazione troppo numerosa per conoscere tutti gli investitori nei diversi campi. E il signor Li ha sempre mantenuto un basso profilo. Su cosa è basato l'acquisto del Milan? La trattativa è basata sulla passione e sull’amore che abbiamo per il club, per questo abbiamo chiamato la società-veicolo “Rossoneri”. Vogliamo che il club appartenga a tutti i tifosi, e questo è un aspetto centrale della transazione. Dopo il closing faremo di tutto per migliorare il club. È ancora presto per prendere in considerazione una quotazione in Borsa. Il nostro scopo primario è di rimettere la squadra sulla strada giusta. Tra gli investitori ci sono Haixia Capital, Sino-Europe Sports e alcuni grandi gruppi e istituzioni cinesi. Il nostro compito è esclusivamente da azionisti, non riguardo al management. Abbiamo nominato Marco Fassone come amministratore delegato e direttore generale del Milan dopo il closing: lui ha lavorato per quattro grandi squadre in Italia, è un ottimo professionista, esperto e affidabile. Penso che porterà al successo il Milan. In più, miriamo a portare nel club le migliori e più qualificate persone; stiamo lavorando strettamente con lui per assicurare il più forte team di manager possibile. Non ho mai lavorato per Wanda, e il mio background è stato soprattutto nel campo del- le attività finanziarie e del settore M&A (fusioni e acquisizioni, ndr). Quanto è importante mantenere la tradizione italiana nel club? Questo è molto importante, abbiamo molto rispetto per la storia e la cultura del Milan e dell’Italia. Crediamo che non si possa avere successo se si ignorano la cultura e le tradizioni locali. Il Milan ha una forte tradizione alle spalle, e questo non si può rimpiazzare. La squadra è stata simbolo di passione, gloria e successi. Crediamo che Fassone sia la scelta giusta, e che lui riuscirà ad accrescere la gloria del Milan. La leggenda in società? Sono un tifoso del Milan da quando ero piccolo. Conosco anche molte canzoni da stadio. Come milanista amo profondamente questo club e la squadra. Naturalmente, le porte del club sono aperte per tutte le leggende e per le persone che condividono questa passione e che intendono cooperare con noi e con i manager, per riportare la squadra ai vertici. Il mercato? Inseriremo giocatori forti nelle posizioni in cui servono, ma la decisione finale spetterà ai manager che hanno tutta la nostra fiducia. Supporteremo le loro decisioni. Speriamo di offrire ai tifosi la migliore esperienza possibile nel match-day. Ascolteremo con attenzione i tifosi e parleremo con i manager per decidere se rinnovare San Siro oppure costruire un nuovo stadio. Come top club, continueremo a fare ogni sforzo possibile per dare sia ai giocatori sia ai tifosi la miglior esperienza possibile allo stadio. I documenti bancari falsi? Non è vero, come abbiamo già chiarito in un comunicato stampa".

    ----------------------------------------

    Citazione Originariamente Scritto da corvorossonero Visualizza Messaggio
    Io mi chiedo come si possa passare da "tratto con uno stato" a Bee persona seria.

    Mah..Berlusconi ci ha trollato a tutti.

    -Berlusconi vuole almeno un miliardo per il Milan e mantenere la maggioranza per qualche anno.
    -Nessuno vuole accettare le sue richieste.
    -Con Bee tenta di dare credito alle sue pretese.

    Niente di più, niente di meno.
    Ultima modifica di Il Re dell'Est; 27-11-2016 alle 17:20

  8. #7
    5 ottobre 2016 - Mirabelli nuovo DS del Milan. È ufficiale.

    La Sino Sport atteaverso un comunicato diramato poco fatto ha ufficializzato che Massimiliano Mirabelli sarà il nuovo direttore sportivo del Milan subito dopo il closing con Fininvest.

    "SES ha il piacere di informare che, a far data dal closing, Massimiliano Mirabelli entrerà a far parte del management team di AC Milan, collaborando direttamente con l’Amministratore Delegato e Direttore Generale Marco Fassone nella gestione dell’area sportiva. SES dà il suo più caldo benvenuto a Massimiliano e gli formula i migliori auguri di buon lavoro"

    11 ottobre 2016 - Sino-Europe: "Dispiaciuti per Maldini, ora testa al closing"

    Comunicato ufficiale Sino-Europe che replichiamo in forma integrale:

    "Per quanto concerne le voci relative al futuro Consiglio di Amministrazione di AC Milan, SES intende chiarire che la questione non è al momento all'ordine del giorno. La priorità per SES è ora il closing dell'acquisizione di AC Milan.
    Siamo dispiaciuti della decisione di Paolo Maldini in merito alla nostra proposta, poiché crediamo fermamente che presto si renderà conto di quanto il nostro progetto per AC Milan sia vincente."

    14 novembre 2016 - Milan, convocata l'assemblea dei soci per il closing. Ufficiale.

    Comunicato ufficiale AC Milan:

    "Il Consiglio di Amministrazione di AC Milan, riunitosi in data odierna, ha deliberato su richiesta dell’azionista Fininvest S.p.A. di convocare l’Assemblea dei soci per il giorno 2 dicembre 2016, in prima convocazione e, occorrendo, per il giorno 13 dicembre 2016, in seconda convocazione. L’Assemblea sarà chiamata a deliberare, fra l’altro, in ordine alla composizione degli organi sociali, al fine di consentire alla stessa Fininvest S.p.A. di adempiere agli impegni presi con la stipula del contratto preliminare avente ad oggetto la cessione dell’intera partecipazione detenuta in AC Milan.

    Milano, 14 novembre 2016"

    16 novembre 2016 - Milan: i nomi degli investitori al closing. E' ufficiale.

    Comunicato ufficiale di Community Group:"Oggi Ac Milan è di proprietà di Fininvest. Al momento del closing Sino Europe comunicherà i nomi degli azionisti come da direttive italiane".

    17 novembre 2017 - Galliani convoca l'assemblea per cambio amministratori. Ufficiale.

    Rispettando il proprio statuto, il Milan pubblica su un quotidiano sportivo a diffusione nazionale (Gazzetta dello Sport) la convocazione dell'assemblea dei soci per il 2 dicembre e, ove occorra, per il 13 dicembre. In giornata arriverà anche la pubblicazione sulla GU.

    La firma, ovviamente, è di Adriano Galliani.

    Ecco i punti all'ordine del giorno:

    1) Art. 2364 c.c. punti 2-3 (nomina e revoca degli amministratori, determina del loro compenso)
    2) Art. 2393, 2392 bis e 2407 c.c. (azione sociale di responsabilità, azione sociale di responsabilità esercitata dai soci, responsabilità)

    Quindi non solo il cambio degli amministratori, ma anche una deliberazione riguardante la loro responsabilità sociale.

    17 novembre 2016 - Milan: il closing il 13 dicembre. E' ufficiale.

    Sino Europe, attraverso un comunicato emesso poco fa, ha ufficializzato che il closing per la cessione del Milan arriverà il prossimo 13 dicembre, insieme all'assemblea degli azionisti.

    20 novembre 2016 - Berlusconi:Closing il 13 resterò presidente onorario e Galliani..."

    "Closing il 13 dicembre, ma resterò presidente onorario. Queste le mie condizioni: voglio intervenire su mercato e schema di gioco. Galliani deve restare. Se non fossi riuscito o se non riuscirò a completare la vendita, come detto, avevo in mente di creare una squadra composta da tutti talenti italiani. Montella? Gli faccio i complimenti per il secondo posto ma abbiamo idee diverse. Io vorrei sempre il 4-3-1-2, lo schema che ha portato tanti successi a questo Milan. Donnarumma? E' il frutto del nostro vivaio, sta crescendo bene. Ma dietro di lui c'è un altro portiere molto promettente (Plizzari)."

    23 novembre 2016 - Berlusconi : "Closing previsto il 13. Ma se salta..."

    Ospite alla trasmissione televisiva Matrix (in onda registrata), il presidente rossonero ha parlato anche della cessione : "Sì, il closing è fissato il 13 Dicembre. Ma se dovesse saltare, mi riprendo il Milan, e con piacere. E lo farò diventare ancora più italiano e giovane. Però, non sono pentito della cessione. Ormai il calcio è cambiato e non io da solo non bastavo più. Il calcio con gli arabi è diventato come il monopoli. Ho provato a cercare investitori italiani ma non li ho trovati. E non sono riuscito a mettere insieme una cordata. Volevo fare una cosa siml Barcellona e Real Madrid, con azionariato popolare, ma niente. Alla fine ho accettato l'unica offerta arrivata: quella dei cinesi".

    26 novembre 2016 - Berlusconi:"Cessione inevitabile. Potrei concedere rinvio di 1 mese"

    Ultim'ora Silvio Berlusconi a Sky: "La cessione è stata dolorosa ma inevitabile, una sola famiglia non può reggere certi investimenti. Abbiamo provato con Bee ma non è andata bene. Il gruppo cinese è molto serio. Se non dovessero arrivare le autorizzazioni per il 13 dicembre, potremmo concedere un rinvio di un mese o al massimo un mese e mezzo. Ma non di più. In caso contrario mi terrei un Milan molto giovane e italiano, e finiremmo di cercare investitori cercando un patto con i tifosi e con la splendida Curva Sud che mi ha dedicato quel bellissimo striscione."

    26 novembre 2016 - Comunicato ufficiale SES: "Closing nel più breve tempo possibile"

    Comunicato ufficiale SES: "SES ringrazia il presidente Berlusconi per le parole. Il closing arriverà nel più breve tempo possibile."

    27 novembre 2016 - Berlusconi a Domenica Live sulla cessione del Milan.

    Silvio Berlusconi, ospite da Barbara D'Urso a Domenica Live, ha parlato, ancora una volta, della cessione del Milan. Ecco le parole del presidente rossonero:"Come sono stato accolto al derby dalla curva? Più che uno striscione era un quadrato che ha occupato tutta curva. Non ero informato. E' stata una sorpresa ed ho saputo che hanno impiegato tre mesi. Il ritratto che hanno fatto era anche più bello di quello che sono. Noi abbiamo vinto 28 trofei. E il MIlan è diventata la squadra più titolata al mondo fino a due anni fa. Poi mi sono dovuto occupare dei processi e sono entrati nel calcio i petrodollari. Con grande dolore ho dovuto rinunciare al Milan perchè non ero più in grado spendere quei soldi necessari a riportalo in alto. Ho cercato altri italiani ed un azionariato diffuso e mi sono dovuto rivolgere ai capitali stranieri. Il closing è per il 13 dicembre ma loro hanno difficoltà a trovare le autorizzazioni. Ma noi siamo disposti a dare una proroga di un mese ed un mese e mezzo. Se potessi me lo riprenderei il Milan? Io ho subito un grande dolore perchè sono un grande tifoso del Milan e adesso privarmene è un grande sacrificio. Ma se questi capitalisti cinesi non dovessero concludere la negoziazione, dovrei interessarmi nuovamente al Milan (sorriso immenso, NDR). Ho già in mente la formazione con tutti italiani. Lei si augura che il Milan resti nelle mie mani? Glielo dico in segreto: me lo auguro anche io".

    27 novembre 2016
    - Berlusconi a Premium sulla cessione del Milan. 27 novembre.

    Dopo Domenica Live (Berlusconi a Domenica Live sulla cessione del Milan. ) , ecco le parole di Silvio Berlusconi a Premium:"I tempi per il closing? So che in Cina ci vogliono tempi lunghi per ottenere le autorizzazioni. E se per il 13 dicembre non fossero ancora arrivate, ma ci fosse la dimostazione da parte delle banche che i soldi ci sono, potremmo concedere ancora un mese o un mese e mezzo per il closing. Chi sono i cinesi? Ho incontrato il soggetto principale e mi ha dato l'impressione di essere una persona seria, intelligente e da sempre tifoso del Milan. E ci ha fatto i nomi degli altri soggetti che saranno con lui nella cordata. E sembra, dalle informazioni che abbiamo raccolto, che siano persone sulle quali poter contare. Io ancora presidente? Questi soci mi hanno chiesto di continuare ad essere presidente a tutti gli effetti ma non conoscendo bene questi nuovi soggetti è un rischio che non si può correre. Quindi ho risposto che magari potrei fare il presidente onorario. Quindi se mi vogliono, devono permettermi di fare il mercato e di discutere con gli allenatori sul modulo. Abbiamo ricevuto offerte per Donnarumma, Romagnoli e De Sciglio, ma abbiamo detto di no. Il Milan vuole costruire le vittorie con questi giovani".

    29 novembre 2016 - Milan: assemblea dei soci convocata per il 13 dicembre. Ufficiale.

    Il Milan, attraverso un comunicato ufficiale, ha reso noto che la seconda convocazione dell'assemblea dei soci si terrà il 13 dicembre 2016 alle ore 10:30 presso Casa Milan.

    Vedremo se, per quella data, arriverà il closing con i cinesi o se verrà confermato il rinvio.

    1 dicembre 2016 - Berlusconi annuncia:"Il closing si farà. I soldi ci sono".

    Silvio Berlusconi, a Premium, annuncia:"Il closing coi cinesi si farà. I soldi ci sono. Aspettiamo i tempi della burocrazia cinese. Stiamo aspettando i visti del governo ma siamo sicuri che la cosa andrà avanti. Arriveranno capitali importanti per riportare il Milan al top. I tifosi se lo meritano. Se resterò presidente? Ci sto pensando, ma per accettare dovrei avere controllo sul mercato e suo moduli. Del closing si sta parlando troppo. La supercoppa? In bacheca c'è posto. Ma i successi che abbiamo ottenuto sono irripetibili. Mi piacerebbe fare un salto a Doha. Questo Milan giovane mi emoziona".

    2 dicembre 2016 - Cina-Milan, parla l'ambasciatore: 'Gruppo cinese motivato'

    La vicenda riguardante la cessione del Milan si arricchisce di un'altra importante dichiarazione, quella dell'ambasciatore italiano in Cina. Ecco le parole di Ettore Sequi: 'Ho incontrato i rappresentanti del gruppo cinese e sono molto motivati a chiudere l'operazione. Sarebbe molto importante per Milano avere due club cinesi perché aumenterebbe l'attenzione della Cina per il calcio italiano.
    Il processo autorizzativo in questo caso porta via del tempo e serve pazienza. Ma vediamo cosa diranno i prossimi giorni...'

    2 dicembre 2016 - Berlusconi:"Tutto andrà come previsto. Cinesi veri tifosi del Milan"

    Ultim'ora Berlusconi al CorSera: "Credo proprio che tutto andrà come previsto e si concluderà con questo importante gruppo di imprenditori cinesi, che ci tengono moltissimo e sono veri tifosi del Milan. Credo che loro siano in grado di fare quegli investimenti necessari per riportare il Milan nell'Olimpo del calcio mondiale, cosa che purtroppo io non riuscirei a fare".

    2 dicembre 2016 - Comunicato congiunto Fininvest-SES: 'Tutto procede bene'

    Ultim'ora: comunicato congiunto Fininvest Ses che riportiamo in forma integrale:


    7 dicembre 2016 - Milan: closing il 3 marzo 2017. Ufficiale. Il comunicato.

    E' terminato il CDA Fininvest all'interno del quale è stato deciso che il closing con i cinesi è stato rinviato al 3 marzo 2017.

    Ecco il comunicato ufficiale:


    13 dicembre 2016 - Milan: arrivati i 100 milioni dai cinesi. C'è la seconda caparra.

    Ultim'ora Carlo Laudisa della Gazzetta dello Sport: finalmente sono arrivati i soldi della seconda caparra. I cinesi hanno accreditato ulteriori 100 milioni a Fiinvest. E' una svolta e il closing si materializza.

    Community ha confermato su Twitter.


    16 dicembre 1016 - Sino-Europe fa gli auguri al Milan:"Con te insieme verso il futuro!"

    Sino-Europe non fa mancare la sua vicinanza ai colori rossoneri e tramite il proprio account ufficiale su Weibo (il social cinese), account verificato con la spunta V, fa gli auguri di buon compleanno alla società rossonera: "Oggi 117 anni! A Milano, in Cina o in qualunque parte del mondo... Con te verso il futuro"

    17 dicembre 2016 - SES annuncia: ''Lista investitori verrà comunicata entro il 3 marzo'

    Mentre impazzano i nomi di quelli che potrebbero essere gli investitori del fondo, ecco l'annuncio di SES sul suo profilo ufficiale weibo: 'La lista degli investitori verrà comunicata con un annuncio ufficiale entro il 3 marzo, una volta stabilite le loro quote di partecipazione'

    Questo invece il comunicato stampa Community: "Recentemente SES e Fininvest hanno emesso un comunicato stampa sulla proroga del closing di AC Milan entro il 3 marzo 2017. La lista degli investitori sarà annunciata al pubblico in occasione del closing; fino ad allora, è necessario far riferimento alla lista ufficialmente confermata da SES"

    22 dicembre 2016 - Yonghong Li: 'Raccolti più soldi del previsto. Ritardi? Ecco perché'

    Esclusiva Ansa: Yonghong Li, autentico deus ex machina dell'operazione che sta conducendo il Milan verso la Cina, parla dei retroscena dell'operazione:

    “Mi dispiace per i tifosi che giustamente hanno fretta che la cessione si concluda, ma in fondo è giusto che questa finale che è stata conquistata dall’attuale gestione, sia giocata da loro e speriamo che la vincano. Da parte nostra abbiamo deciso di dare il nostro contributo accettando la proposta del Milan di elargire un premio in caso di vittoria, dato che sarebbe un ulteriore stimolo per SES per tenere alta l’asticella. La nostra ambizione, infatti, è quella di continuare la storia di successi del Milan. E ci auguriamo che Silvio Berlusconi, da Presidente Onorario, possa in futuro alzare altri trofei”.

    D: A che punto siamo? Perché il closing non è ancora stato firmato? Quali sono le autorizzazioni mancanti e quando verranno concesse?
    R: In Cina ogni investimento verso Paesi esteri è soggetto all’approvazione dell’autorità cinese. Di recente l’autorità ha annunciato nuove misure di controllo riguardanti investimenti verso l'estero, e questo purtroppo riguarda anche le operazioni annunciate prima che tale novità fosse resa pubblica, come nel caso dell’acquisizione del Milan da parte di SES. Pertanto il team di SES sta lavorando al percorso autorizzativo previsto dalle nuove normative, ma in generale tutte le richieste di autorizzazione attualmente pendenti, non solo la nostra, sono soggette alle stesse misure.

    D: Perché – in attesa delle autorizzazioni – non è stata acquistata una partecipazione del Milan equivalente ai 200 milioni di Euro anticipati?
    R: Perché non sarebbe stata autorizzata. La nuova regolamentazione limita l’acquisizione delle partecipazioni cinesi all’estero indipendentemente dalla loro grandezza. Ergo in questa fase a SES non è concesso detenere alcuna partecipazione nel Milan.

    D: Come mai molti altri gruppi cinesi hanno realizzato investimenti nell’industria calcistica, in Italia oltre che in Gran Bretagna, senza incontrare le stesse difficoltà?
    R: Sta parlando di operazioni che sono state chiuse prima dell’annuncio delle nuove misure di controllo.

    D: Confermate che tutti i capitali per l’acquisizione della società sono già stati raccolti e sono nella disponibilità della cordata?
    R:A dir la verità SES ha raccolto una quantità di capitali ben superiore rispetto all’importo da investire; tuttavia la disponibilità di tali fondi è soggetta al completamento della procedura prevista dalle norme locali. SES, inoltre, è impegnata anche nella continua rivalutazione e ottimizzazione della propria base di investitori, anche rispetto alle nuove normative previste dalle autorità cinesi.

    D: Cosa succederebbe se le autorizzazioni venissero negate?
    R: SES ha già individuato una struttura di investimento alternativa che risolverebbe il nodo rappresentato dalle nuove misure recentemente introdotte.

    D: È vero, quindi, che si sta lavorando a un “piano B” con capitali/investitori europei? In questo caso come funzionerebbe? Sarebbero azionisti ponte che lascerebbero il posto a quelli cinesi dopo le autorizzazioni? Le tempistiche (3 marzo) cambierebbero?
    R: In questa fase siamo fiduciosi che le autorizzazioni arriveranno in tempo per consentire il closing entro la data concordata con Fininvest, quindi preferiremmo non entrare in dettagli circa il Piano B, che, in ogni caso, è pienamente rispettoso del quadro normativo attualmente in vigore.

    D: in questo caso, lei rimarrebbe azionista?
    R: Personalmente sono totalmente impegnato nel costruire il futuro del Milan, e ciò è stato confermato di recente con il versamento della seconda caparra a Fininvest.

    D: Da chi sono stati versati i 100mln dati in caparra? I capitali sono detenuti dai futuri azionisti di AC Milan?
    R:Si, la seconda caparra è stata versata direttamente da una società interamente controllata da SES.

    D: E’ vero che SES coprirà le perdite registrate dal Milan a partire da luglio?
    R: Sì, gli accordi stipulati con Fininvest prevedono che le perdite registrate dal Milan a partire dal mese di luglio siano a carico di SES; questo, infatti, è uno dei principali motivi che giustificano gli obblighi di condivisione delle scelte che implicano delle spese da parte del Milan.

    D: È plausibile che i restanti 320mln possano essere dilazionati in varie rate? Magari attraverso versamenti periodici da 100mln?
    R: Questa possibilità non solo non è contemplata nell’accordo con Fininvest, ma non è neppure attualmente prevista dalle parti.

    D: Qual è il motivo per cui la lista degli investitori non è ancora nota? Confermate i nomi degli investitori diffusi dagli organi di stampa nei giorni scorsi?
    R: Purtroppo non possiamo dare ulteriori informazioni su questo tema fino al closing e ciò anche in considerazione del fatto che una disclosure anticipata potrebbe complicare il già delicato processo per l’ottenimento delle autorizzazioni che sono necessarie al completamento dell’operazione stessa. Inoltre, la stessa SES ha assunto obblighi di riservatezza nei confronti di molti degli investitori e l’impegno di alcuni di essi è subordinato all’ottenimento delle autorizzazioni governative. Quindi per tutti questi motivi siamo tenuti a comunicare la compagine definitiva non prima del closing. Ad ogni buon conto, nel rispetto degli accordi, abbiamo fornito alla Fininvest in via riservata l’elenco degli investitori e la controparte viene aggiornata costantemente sull’evoluzione della procedura di approvazione.

    D: La cordata sembra essere costituita da istituti finanziari che di solito non acquistano società di calcio. Chi sono i veri acquirenti di AC Milan?
    R: Non commentiamo le indiscrezioni riguardanti i nomi degli investitori. Comunque in generale, le istituzioni finanziarie cinesi sostengono attivamente gli investimenti locali all’estero e vale la pena di ricordare che SES è un fondo di investimento. Pertanto tutti gli investitori che partecipano al fondo hanno ben presente i fondamentali economici e quindi valutano la bontà dell’investimento sotto tutti i profili rilevanti.

    D: SES è una holding detenuta da più soggetti. Come sarà distribuito il capitale tra gli azionisti? Quale sarà l’equilibrio di governance che potrà consentire una gestione efficace della squadra?
    R: Come ho già detto, SES è un fondo e quindi come tale è gestito professionalmente dalla società di gestione. Il CDA del Milan, quindi, sarà composto da rappresentanti degli investitori e da membri indipendenti con l’unico scopo di garantire una gestione ottimale del Milan, al fine di ottenere i risultati migliori sia per gli investitori che per la squadra.

    D: Qual è il suo track record professionale? Ha avuto interessi nella gestione di società nell’industria dello sport? Quali sono le sue competenze in merito?
    R:Le mie competenze nel settore sportivo non sono così rilevanti. Ma ribadisco che la gestione della società sarà affidata al CDA e al management del Milan che è stato e continuerà ad essere composto dai migliori professionisti sul mercato.

    D: Qualcuno ha avanzato l’ipotesi che i capitali di SES appartengano in realtà a Silvio Berlusconi.
    R: E' una notizia completamente infondata. Il riciclaggio di denaro è un crimine perseguito penalmente sia in Italia che in Cina. L’operazione riguardante il Milan è effettuata con capitali di investitori cinesi (se così non fosse, peraltro, non avremmo tutti i problemi di autorizzazioni che ci stanno rallentando) ed è totalmente conforme alle leggi locali e internazionali. SES rispetta pienamente Silvio Berlusconi nel ruolo di controparte di questa transazione.

    D: Parliamo di mercato. Come si svolgerà la futura gestione del mercato dal punto di vista finanziario?
    R: Il mercato invernale dovrà essere effettuato a saldo zero. Questa è stata la volontà congiunta sia di Fininvest che di SES.

    D: Come si svolgerà la futura gestione del mercato dal punto di vista della governance? Chi deciderà?
    R: Adriano Galliani gestirà il calciomercato invernale rispettando i parametri dell’accordo e, dunque, ogni operazione dovrà essere approvata da SES.

    D: Perché il mercato non viene interamente gestito da Fininvest?
    R: Come Le accenavo, gli oneri della gestione societaria resteranno a carico di SES dopo il closing, e quindi non possiamo non avere voce in capitolo su tutti i capitoli di spesa. D’altra parte, anche a prescindere da questo aspetto non irrilevante, ogni operazione eseguita durante il periodo intercorrente tra il preliminare e il closing condizionerà a tutti gli effetti i futuri proprietari del Milan: questo sia in termini di costi futuri, sia in termini di strategia. E' prassi comune, infatti, che in ogni M&A gli accordi contrattuali garantiscano al compratore un controllo su tutte le operazioni effettuate dal venditore tra la firma del preliminare e il closing

    24 dicembre 2016 - Sino Europe celebra la vittoria della Supercoppa Italiana.

    Anche Sino Europe ha celebrato la vittoria della Supercoppa Italiana. Ecco quanto scritto, sugli account social della stessa SES:

    Grazie per la stupenda vittoria! La supercoppa ha unito i tifosi del Milan di tutto il mondo!

    1 gennaio 2017 - Berlusconi:"La cessione del Milan è cosa fatta. I cinesi...".

    Intervista esclusiva del quotidiano Libero in edicola oggi, 31 dicembre 2016, a Silvio Berlusconi. Il leader di Forza Italia, tra le altre, ha parlato anche della cessione del Milan. Ecco quanto dichiarato:"La trattativa con i cinesi è già andata a buon esito. Ci hanno solo chiesto più tempo per ragioni tecniche e burocratiche, per questo abbiamo concesso una proroga nei pagamenti. Nel frattempo il Milan ha portato a casa un altro trofeo, la super-coppa italiana, e con questo mi sono affiancato a Santiago Bernabeu, il mitico presidente del Real Madrid. Siamo i due presidenti di club che hanno vinto di più nella storia del calcio mondiale. Non mi sembra di potermi lamentare".

    14 febbraio 2017 - Milan: convocata assemblea dei soci 1-3 marzo. Ufficiale.

    Nell'ultimo giorno utile, 14 febbraio 2017, è arrivata la tanta attesa ufficialità della convocazione dell'assemblea dei soci del Milan in doppia data (come previsto) 1 e 3 marzo. Via libera verso il closing, dunque!



    14 febbraio 2017 - Fininvest annuncia: trattativa con Sino per il 99,9% del Milan.

    Finivest, contattata dall'Adnkronos riguardo le voci uscite nel pomeriggio su Berlusconi che potrebbe tenere il 20% del Milan, ha annunciato che la cessione del club rossonero ai cinesi di Sino riguarda il 99,9% delle quote.
    Ultima modifica di Il Re dell'Est; 17-02-2017 alle 11:37
    Con il Milan nel sangue, nella mente e nel cuore.

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

Milan World Forum © 2013 Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica.

Powered by vBulletin® • Copyright © 2012, Jelsoft Enterprises Ltd.

Milan World non si assume nessuna responsabilità riguardo i contenuti redatti dagli utenti. Foto e Video (da Youtube) pubblicati su MW non sono hostati su questo sito ma semplicemente riportati da altri media attraverso dei link accessibili a tutti.