Valditara: "Troppa roba inutile a scuola, studiare valori Occidente"

Andris

Senior Member
Registrato
21 Febbraio 2019
Messaggi
36,677
Reaction score
11,760
Ministro Valditara:

"Il sistema scolastico italiano prevede l'insegnamento di troppa roba.
In terza elementare si va a narrare e a spiegare tutte le specie di dinosauri.
Addirittura c'era un animale vissuto 40 milioni di anni fa e questi bambini devono studiare e imparare questo animale vissuto in Messico ed estinto da milioni di anni. Tutto questo, ma a che serve?
E' tutto inutile se poi non conosciamo le esperienze più importanti del nostro passato, che ci hanno dato i grandi valori dell'Occidente

Non concepisco una didattica fatta sul cellulare che ha effetti molto negativi sul bambino, sulla sua concentrazione, creatività e ci sono tanti studi su questo


Il web è un grande oceano dove alla fine ci si perde, certamente ritornare all'importanza del libro, della scrittura, poi dopo c'è il tablet, è importante.
Il tablet c'è in tutte le scuole primarie, ma non il cellulare.
Il cellulare crea danni nel bambino piccolo, anche a livello psicologico, crea anche una dipendenza psichica

La scuola deve dare una formazione culturale per essere cittadini indipendenti ma deve anche assicurare una prospettiva di inserimento lavorativo, altrimenti il rischio è che uno arrivi poi a disperdersi
Per questo insisto sul lavoro e sull'importanza del collegamento con il mondo del lavoro e dell'impresa e perché ho voluto tanto fortemente il 4+2, che consente a chi si diploma agli istituti professionali in quattro anni di iscriversi direttamente agli Its"


tg com
 

Andris

Senior Member
Registrato
21 Febbraio 2019
Messaggi
36,677
Reaction score
11,760
non ha tutti i torti, è frequente che il programma ministeriale non venga rispettato e gran parte del novecento ignorato
 
Registrato
21 Settembre 2017
Messaggi
3,351
Reaction score
936
Meno buonismo e valutazioni più oggettive.
Una scuola in cui passa il 99% degli studenti non è scuola.
La scuola ha il compito di valutare e deve farlo bene.
L'unico modo per responsabilizzare ragazzi e famiglie è metterli davanti a prove oggettive nazionali ogni anno, senza la garanzia del 6 politico dato dalla stragrande maggioranza dei professori che oggi non vogliono rogne.
Un 6 a cui arrivare molto facilmente, ma a cui cmq devi arrivare.
E i voti più alti valutativi (un 7 è diverso da un 9).
 
Registrato
23 Giugno 2017
Messaggi
2,831
Reaction score
1,340
non ha tutti i torti, è frequente che il programma ministeriale non venga rispettato e gran parte del novecento ignorato
Prova a dare un’occhiata alle Indicazioni Nazionali: ci sono “programmi” irrealizzabili per chiunque. Ti faccio solo l’esempio della letteratura italiana: con 4 ore disponibili a settimana, in 3 anni devi partire dalla nascita della nostra lingua per arrivare agli anni 2000 facendo ogni singolo autore (anche a livello testuale e non solo storico). Aggiungici che devi garantire un numero congruo di prove: da noi, devi avere 2 scritti e 2 orali nel trimestre e 3 scritti e 3 orali nel pentamestre; questo significa che devi fare almeno 2 interrogazioni l’anno e in classe hai 20/25 studenti: quindi perdi minimo 1 mese per sentirli. Devi organizzare prove di recupero, che portano via altro tempo; ci sono uscite didattiche varie tue e/o della classe. E il programma sarebbe irrealizzabile anche ad avere 6 ore piene a settimana senza uscite/verifiche e con studenti appassionati alla materia.
Poi, concordo con te con il Novecento andrebbe visto in modo più approfondito.
 
Registrato
23 Giugno 2017
Messaggi
2,831
Reaction score
1,340
Meno buonismo e valutazioni più oggettive.
Una scuola in cui passa il 99% degli studenti non è scuola.
La scuola ha il compito di valutare e deve farlo bene.
L'unico modo per responsabilizzare ragazzi e famiglie è metterli davanti a prove oggettive nazionali ogni anno, senza la garanzia del 6 politico dato dalla stragrande maggioranza dei professori che oggi non vogliono rogne.
Un 6 a cui arrivare molto facilmente, ma a cui cmq devi arrivare.
E i voti più alti valutativi (un 7 è diverso da un 9).
Il discorso è molto lungo, ma nella sostanza sono d’accordo con quello che dici - l’unico aspetto su cui ”avrei da ridire” è il 6 da raggiungere facilmente. Quello che non si capisce è che la scuola, per come organizzata oggi, non fa il bene dei ragazzi: noi li illudiamo facendo loro credere che sia sempre tutto facile nella vita e che basti il minimo per essere apposto; una volta cresciuti, prendono delle batoste allucinanti e non hanno neppure gli anticorpi necessari per affrontare tutto questo.
 
Registrato
21 Settembre 2017
Messaggi
3,351
Reaction score
936
Il discorso è molto lungo, ma nella sostanza sono d’accordo con quello che dici - l’unico aspetto su cui ”avrei da ridire” è il 6 da raggiungere facilmente. Quello che non si capisce è che la scuola, per come organizzata oggi, non fa il bene dei ragazzi: noi li illudiamo facendo loro credere che sia sempre tutto facile nella vita e che basti il minimo per essere apposto; una volta cresciuti, prendono delle batoste allucinanti e non hanno neppure gli anticorpi necessari per affrontare tutto questo.
Il 6 raggiunto facilmente sarebbe, almeno all’inizio, il modo per far passare il tutto senza troppe rivolte.
 
Alto
head>