Tomori:"Leao doveva segnare e lo sa...".

Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.
Registrato
8 Maggio 2016
Messaggi
4,901
Reaction score
1,031
Questo è il momento corretto in cui avrebbe dovuto calciare(cosa che stava facendo)
Come poteva calciare con Giroud in volo sopra il pallone?
Ha dovuto fare un controllo di troppo per dribblare il buon Oliviero, è stato contrastato da tre avversari e il pallone se n’è andato per conto suo. Il tentativo di tacco ha reso l’azione goffa, ma non è lui responsabile.

Per me non andava fatto il primo dribbling, doveva calciare di sinistro appena entrato in area.

Spiace perché adoro Rafa ma ieri è stato il vecchio Raga, fastidioso e indolente, e questa azione è stato il coronamento di una bruttissima partita.
 
Registrato
11 Aprile 2016
Messaggi
58,893
Reaction score
24,396
Il controllo perfetto è quello che ti consente di avere il miglior vantaggio possibile. Con la tua soluzione non avrebbe ottenuto il miglior vantaggio possibile perché si sarebbe trovato a dover calciare da posizione più defilata con meno angolo di tiro e con il difensore a contatto stretto(oltretutto con palla sul piede debole, ma questo a quei livelli non dovrebbe essere un grosso problema). Rientrando si è guadagnato un vero e proprio rigore in movimento, che penso sia il miglior vantaggio possibile.
Ma assolutamente no, l'azione deve finire ottimizzando il tempo di gioco guadagnato.
Quella frenata e quel dribbling portano a perdere 2 tempi di gioco.
Se ci fai caso leao viene messo in porta e tra lui e il gol c'è solo il portiere, sta a lui ottimizzare l'inerzia dell'azione e arrivare al tiro preparandolo al meglio e li c'era solo da orientatare il controllo, proteggere palla e sparare una cannonata di sinistro.
Tirare poi ovviamente non implica automaticamente segnare, è chiaro ,ma se l'attaccante frena e ne rientrano 5 ha sbagliato concettualmente e tecnicamente.
 
Registrato
11 Aprile 2016
Messaggi
58,893
Reaction score
24,396
È così poco da aggiungere. Se ci dobbiamo divertire andiamo al cinema come diceva Ancelotti. La porta si attacca velocemente,come la palla guarda che colpi di tacco ad minchium Leao e Giroud ne fanno 3/4 a partita sempre palla persa.
Appunto.
Quello era il gol alla sheva che mai sbagliava la preparazione.
 

Djici

Senior Member
Registrato
27 Agosto 2012
Messaggi
27,069
Reaction score
6,414
Per me l'unico sbaglio di Leao e non averla passata a Chukwueze invece di fare quel tacco.
Chuky era libero. Non era in fuorigioco e il pallone sarebbe arrivato direttamente sul piede forte dove avrebbe potuto spaccare la porta o piazzarla d'interno sinistro.
 
Registrato
29 Ottobre 2017
Messaggi
4,474
Reaction score
1,763
Non ho rivisto più l'azione altrimenti mi sale il crimine ma se non ricordo male si è sviluppata così: leao si vede lanciato nello spazio da theo che gli chiude un triangolo di gioco bellissimo partito dallo stesso leao e continuato da Pobega.

Già qua si evince la prima anomalia tecnica della giocata perché leao quando è lanciato nello spazio è in grado bellissimo di mangiarsi il campo e arrivare in area: sarebbe bastato, si fa per dire, ovviamente, andare sul sinistro con un controllo orientato verso la porta, mettere la spalla destra a protezione della sfera e provare a incrociare il tiro col piede debole.
Tutt'al più si può provare ad aprire l'interno destro, se il difendente è in ritardo e scoprire palla non è pericoloso, per usare il piede forte.
Leao però rallenta, porta palla sul destro, frena e riparte fintando il tiro e ne manda due a terra.
A quel punto è centralmente e si apre lo specchio della porta, anche se questo tergiversare fa rientrare i difensori.
Leao avrebbe la possibilità a questo punto di tirare una sassata dritto per dritto sul primo palo oppure di interno metterla al secondo ma invece gira il busto per incrociarla si ma di tacco destro sul palo opposto.

Una giocata da urlo, da pazzi ma per me fuoriluogo.

Dopo la scoppola di sabato mi sarei aspettato la sciabola, mai il fioretto.
Mi chiedo come il ragazzo abbia vissuto quel derby e l'umiliazione conseguente e se questa fase 'creativa' del suo gioco sia un modo per rispondere alle critiche con una meraviglia o se quella figura non l'ha minimamente toccato.

Me lo chiedo perché forse potrebbe essere il termometro dello spogliatoio.
esatto.

Dopo l'ennesima umiliazione nel derby, tu non puoi scendere in campo 3 giorni dopo in champions e giocare a calcetto con gli amici.

Io impazzisco perchè leggo anche certi commenti che denotano come molti non si sono ancora resi conto della gravità del 5-1 con l'Inter. Così certi nostri calciatori. Non mi sembrano ben consapevoli della nostra impresa al contrario di sabato scorso. E mi chiedo, se tu calciatore non ci arrivi dopo una partita così, quando comincerai a prendere seriamente le tue responsabilità?
 
Registrato
23 Giugno 2018
Messaggi
9,613
Reaction score
5,462
Ma assolutamente no, l'azione deve finire ottimizzando il tempo di gioco guadagnato.
Quella frenata e quel dribbling portano a perdere 2 tempi di gioco.
Se ci fai caso leao viene messo in porta e tra lui e il gol c'è solo il portiere, sta a lui ottimizzare l'inerzia dell'azione e arrivare al tiro preparandolo al meglio e li c'era solo da orientatare il controllo, proteggere palla e sparare una cannonata di sinistro.
Tirare poi ovviamente non implica automaticamente segnare, è chiaro ,ma se l'attaccante frena e ne rientrano 5 ha sbagliato concettualmente e tecnicamente.
E una volta che hai ottimizzato i tempi di gioco e ma ti ritrovi a calciare da posizione molto meno favorevole? A me sembra che col controllo orientato e la protezione della palla con la spalla, in quella dinamica di azione, avrebbe avuto un angolo di tiro estremamente ridotto. Ma, ovviamente, son solo punti di vista differenti tra compagni di tifo.
 
Registrato
18 Settembre 2017
Messaggi
14,431
Reaction score
5,622
Ma assolutamente no, l'azione deve finire ottimizzando il tempo di gioco guadagnato.
Quella frenata e quel dribbling portano a perdere 2 tempi di gioco.
Se ci fai caso leao viene messo in porta e tra lui e il gol c'è solo il portiere, sta a lui ottimizzare l'inerzia dell'azione e arrivare al tiro preparandolo al meglio e li c'era solo da orientatare il controllo, proteggere palla e sparare una cannonata di sinistro.
Tirare poi ovviamente non implica automaticamente segnare, è chiaro ,ma se l'attaccante frena e ne rientrano 5 ha sbagliato concettualmente e tecnicamente.
Ecco la differenza ,i tempi. Per questo segniamo pochi gol. Ma è un difetto che hanno tutti.li x me è un grave errore del allenatore ( visto che già ne fa pochi) , deve incitare al tiro di prima, vedi se si inc.azzano Allegri o Inzaghi se prima la devono stoppare poi guardarsi allo specchio poi pettinarsi poi fare colazione e poi forse tirano in porta.
 

bmb

Senior Member
Registrato
27 Agosto 2012
Messaggi
16,119
Reaction score
5,446
Tomori a Mediaset:"Leao? Sappiamo bene la qualità che ha. In queste situazioni, specialmente nelle partite, così dobbiamo segnare. Leao sa che doveva segnare in quell'occasione. Segnerà alla prossima partita. Sono sicuro".
I tacchi si possono fare sul 3 a 0. Dopo quanto successo 96 ore fa, quindi all'epoca 72 ore prima, la porta la devi sfondare. Ma la cattiveria ai giocatori viene da chi li allena. Quelli dell'Inter sono dei cani pazzi fulminati come il loro allenatore.
 

bmb

Senior Member
Registrato
27 Agosto 2012
Messaggi
16,119
Reaction score
5,446
Ma assolutamente no, l'azione deve finire ottimizzando il tempo di gioco guadagnato.
Quella frenata e quel dribbling portano a perdere 2 tempi di gioco.
Se ci fai caso leao viene messo in porta e tra lui e il gol c'è solo il portiere, sta a lui ottimizzare l'inerzia dell'azione e arrivare al tiro preparandolo al meglio e li c'era solo da orientatare il controllo, proteggere palla e sparare una cannonata di sinistro.
Tirare poi ovviamente non implica automaticamente segnare, è chiaro ,ma se l'attaccante frena e ne rientrano 5 ha sbagliato concettualmente e tecnicamente.
Il vento dell'Est faceva entrare pallone, portiere e difensori tutti insieme.
 
Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.

Similar threads

Alto
head>