Tifosi napoletani

  • New threads
  • Latest posts

juventino

New member
Incontrai dei ragazzi di Roma, chi laziale, chi romanista, bravi ragazzi, tuttavia mi portarono una testimonianza, in questo senso, interessante: mi dicono infatti che un giorno, due di loro, un romanista e un laziale, vanno al bar insieme però questo è un bar laziale e il romanista viene cacciato. Il romanista allora cerca di giustificarsi, dice che si tratta di pallone mica chissà cosa per cui non può stare nel bar e un ultras laziale del bar gli risponde: "Noi pa Lazio ce famo la galera". E ho detto tutto.

Ti posso assicurare che questa è veramente poca roba rispetto a quello che ho potuto osservare io. Il problema ultras è serissimo anche in realtà più piccole, come ad esempio a Latina, dove vivo. Le curve di tutta Italia sono i porcili del tifo italiano. Persone che prendono il fare l'ultras come un vero e proprio lavoro, come la normalità portarsi allo stadio fumogeni, stare in piedi sui seggiolini e darsi appuntamento con la tifoseria avversaria per ammazzarsi di botte.
 

Sesfips

New member
Incontrai dei ragazzi di Roma, chi laziale, chi romanista, bravi ragazzi, tuttavia mi portarono una testimonianza, in questo senso, interessante: mi dicono infatti che un giorno, due di loro, un romanista e un laziale, vanno al bar insieme però questo è un bar laziale e il romanista viene cacciato. Il romanista allora cerca di giustificarsi, dice che si tratta di pallone mica chissà cosa per cui non può stare nel bar e un ultras laziale del bar gli risponde: "Noi pa Lazio ce famo la galera". E ho detto tutto.

Va bè ma questo è tipico di 'sta gente, delinquenti soprattutto.
E' come dire: io per Mussolini farei qualsiasi cosa. Non è per buttarla sulla politica, però sta gente s'attacca a tutto, a un'ideologia, a una squadra di calcio e così via, pur di poter fare il criminale capisci. Estremizzano tutto.
Stessa roba per i black block e quella gentaglia lì, fanno uscire la loro indole violenta con una scusa.
 
Fin quando ci sarà gente così in giro...
 

Snape

Bannato
Per me non sono italiani, e lo dico senza razzismo alcuno, semplicemente sono di nazionalità napoletana, che con gli italiani veri c'entra ben poco. Altra mentalità, altra gente, altra cultura.
 

Arsozzenal

Member
scrivo una volta e poi non commento più..lo vedo nella nostra curva che dopo l'addio della fossa credo che sia quella con più ragazzi giovani in tutte le curve d'italia...le cose stanno cambiado...la mentalità non è praticamente più quella!quelli che ragionano in quel modo sono i vecchi ultras,quelli che hanno hanno iniziato ad andare allo stadio negli anni 80 dove veramente ogni partita era una guerriglia..ora raramente succede qualcosa e quando succede sono sempre cose che non hanno nulla a che vedere con quello che succedeva anni fa..

nonostante tutto ciò io sono il primo a non volere il modello inglese negli stadi..tolti gli ultras a san siro sarebbe un mortorio unico
 
scrivo una volta e poi non commento più..lo vedo nella nostra curva che dopo l'addio della fossa credo che sia quella con più ragazzi giovani in tutte le curve d'italia...le cose stanno cambiado...la mentalità non è praticamente più quella!quelli che ragionano in quel modo sono i vecchi ultras,quelli che hanno hanno iniziato ad andare allo stadio negli anni 80 dove veramente ogni partita era una guerriglia..ora raramente succede qualcosa e quando succede sono sempre cose che non hanno nulla a che vedere con quello che succedeva anni fa..

nonostante tutto ciò io sono il primo a non volere il modello inglese negli stadi..tolti gli ultras a san siro sarebbe un mortorio unico
Capisco che rientrando nella categoria degli ultras ti senta chiamato in causa ogni qual volta si parli degli ultras, però non puoi venirci a dire che gli ultras non sono violenti e son tutti buoni e pacifici. È vero, non sono TUTTI violenti e guerriglieri, però non neghiamo che ci siano ancora degli elementi, i quali frequentano gli stadi italiani, da radiare.
Posso capire che tu possa difendere il discorso secondo cui ultras non significhi necessariamente violenza, però non chiudiamoci neanche gli occhi davanti ad evidenti casi di barbari selvaggi.
 
Per me non sono italiani, e lo dico senza razzismo alcuno, semplicemente sono di nazionalità napoletana, che con gli italiani veri c'entra ben poco. Altra mentalità, altra gente, altra cultura.
Credo che più ampiamente il sud abbia una mentalità e una cultura diversa dal nord. Che l'Italia non sia un paese unito non è una novità, qui cosa significhi la comunità o il bene comune non l'abbiamo mai capito, dalle Alpi a Pantelleria.
 

Arsozzenal

Member
Capisco che rientrando nella categoria degli ultras ti senta chiamato in causa ogni qual volta si parli degli ultras, però non puoi venirci a dire che gli ultras non sono violenti e son tutti buoni e pacifici. È vero, non sono TUTTI violenti e guerriglieri, però non neghiamo che ci siano ancora degli elementi, i quali frequentano gli stadi italiani, da radiare.
Posso capire che tu possa difendere il discorso secondo cui ultras non significhi necessariamente violenza, però non chiudiamoci neanche gli occhi davanti ad evidenti casi di barbari selvaggi.

e infatti cosa ho scritto??
non mi pare di aver negato la violenza..ancora è presente..ma vi lasciate troppo influenzare da quello che scrivono i giornalisti secondo me..
la violenza all'interno dello stadio è sparita,salvo casi molti isolati e ristretti a determinate realtà(napoli,roma,verona e per lo più curve del sud in categorie minori)...all'esterno qualche episodio ogni tanto succede ma si tratta sempre di robe non molto rilevanti e che interessano solo gli ultras..non venite a dire che gli ultras vanno a picchiare i tifosi normali perchè cosi non è
 

runner

New member
ma qualcuno ha capito cosa sia sto modello inglese?

che poi non è molto diverso dall' olanda, la germania e la spagna?
 
Alto