Soluzioni per la riorganizzazione dei campionati

AntaniPioco

Senior Member
Registrato
29 Agosto 2012
Messaggi
16,753
Reaction score
634
Qualora non fosse possibile riprendere il campionato, come si potrebbero riprendere i campionati a partire dalla prossima stagione?
La soluzione più semplice sarebbe il congelamento delle attuali categorie, con la ripartenza delle stesse componenti di serie A, B, C ed altre, ma per forza di cose non è molto praticabile: sicuramente ci sarebbero svariati ricorsi che finirebbero per bloccare ulteriormente la situazione, e poi non va sottovalutata l'inevitabile crisi col rischio fallimento di molti club nelle serie inferiori.
Inoltre, quello che succederà in autunno è una totale incognita, visto che in caso di ritorno dei virus con la stessa aggressività di questi mesi, si dovrà bloccare nuovamente tutto, e per forza di cose stagioni da circa 40 partite saranno impossibili.

L'ultima situazione reale che portò al blocco dei campionati fu la seconda guerra mondiale, che causò la soppressione di due stagioni calcistiche prima della ripartenza.
Altra epoca, e altra situazione sociale (al tempo c'erano città distrutte, collegamenti mancanti e simili), però il calcio dovette ugualmente fare i conti con la riorganizzazione dei campionati. Si seguì prevalentemente la logica dell'accorpamento delle categorie (nel 1945/46 vennero ad esempio in parte accorpate le serie A e la serie B, in particolare per il girone meridionale) seguendo criteri geografici.

Propongo un mio modello:
Seguendo, in parte, questa impostazione per la stagione 2020-2021 si potrebbe creare una graduatoria così fatta:
-Serie A con le stesse partecipanti della stagione 19-20, aggiungendo solo il Benevento che per evidenti meriti sportivi merita la promozione. Partite di sola andata, con play off e play out a fine stagione per decretare le posizioni europee e un certo numero di retrocessioni
-unificazione di serie B e C, 80 squadre suddivise in molti gironi su base geografica, partite di sola andata e playoff intergirone per definire un certo numero di promozioni in serie A. Le squadre che finiscono nella prima metà delle classifica nei propri gironi sono ammesse in serie B dal 21-22, la altre di nuovo in serie C.
-Dai dilettanti in giù congelamento assoluto delle promozioni per un paio di stagioni, oppure poche promozioni molto selettive.

Oppure stesso ragionamento, ma con l'unificazione di serie A e B per la stagione 20-21 con partite di sola andata, 40 squadre: le prime 20 proseguono in A nella stagione 21-22, le altre in B. Play off per definire eventuali posizioni europee.
Serie C invece per conto proprio con congelamento delle attuali graduatorie.

Così, giusto per proporre situazioni fantasiose, qualora si dovessero prendere provvedimenti eccezionali, voi cosa proporreste? :asd:
 
Alto
head>