Scaroni:"Stadio nel 2028, San Siro e San Donato..."

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
200,231
Reaction score
25,717
Ennesime dichiarazioni di Scaroni, ancora a Sky:"Sto lavorando da anni su questo tema. Fin dal primo giorno, parlando con il sindaco Sala che ho incontrato molte volte, ho sempre cercato di convincerlo che dovevamo fare a San Siro lo stadio più bello del mondo perchè Milano merita uno stadio bellissimo. La questione si è trascinata per anni, poi è arrivato quasi un colpo di grazia con l'indicazione della Sovrintendenza sul secondo anello di San Siro. Questo non ha chiuso la questione definitivamente, ma certamente ha bloccato i sogni di Milan e Inter. E così abbiamo iniziato a valutare la possibilità di costruire un nuovo stadio da soli. Se nel 2018 fossimo riusciti a convincere l'amministrazione comunale a costruire il nuovo San Siro, ora lo stadio sarebbe probabilmente già in costruzione. Abbiamo perso sicuramente tempo, ma a volte gli ostacoli si trasformano in opportunità e per me San Donato è una grande opportunità per il Milan. Mi auguro che il nuovo stadio diventi iconico come San Siro".

Vogliamo fare lo stadio più bello del mondo. Sarà un impianto da 70 mila spettatori ed ecofriendly. Vogliamo portare valore ad un'area isolata e persa. Intorno a Milano ci sono tanti comuni che sono vicini al centro della città. Ci piace questa soluzione perchè è è la soluzione dei grandi club. Ci piaceva la soluzione San Siro che era meno costosa perchè avremmo diviso i costi, ma non ci avrebbe dato quel senso di identità che ci darà il nuovo stadio. Così abbiamo deciso di fare lo stadio da soli a San Donato. Sarà un investimento miliardario, ci sarà una parte di capitali propri, circa un terzo del valore della costruzione, e due terzi di denaro preso a prestito".

"Nei nostri piani la prima partita sarà all'inizio della stagione 2028-2029. Quindi luglio-agosto 2028".

San Donato? Suquel terreno avremo problemi di parcheggi e di collegamenti perchè è una sorta di isola tra due strade e quindi serviranno dei ponti di collegamento con il resto della città. Faremo un'attività commerciale, quindi non un centro commerciale, ci saranno ristoranti e attività di entertainment. Sarà un luogo che vivrà tutto l'anno. Ci saranno partite e anche altri eventi, come dei concerti. Sarà un'area molto viva. Ci saranno ampi spazi verdi che diventeranno fruibili perchè saranno collegati con il resto della zona intorno".

Il Sindaco di San Donato:"Il Milan ha presentato questa proposta di variante. Ora per noi inizia un percorso di studio e approfondimento per capire quali sono gli impatti positivi e quelli negativi. Poi si andrà in Consiglio Comunale per vedere se la variante verrà accettata o meno. Serviranno due o tre mesi per tutto questo. Dopo il voto in Consiglio Comunale, si aprirà un accordo di programma con tutti gli enti coinvolti come Regione Lombardia, Città Metropolitana, Comune di Milano, Autostrade per l'Italia, Ferrovie dello Stadio, Parco Sud Agricolo. Ci vorrà un anno e mezzo. Si è creato un comitato del no. Si sentono solo cose negative ultimamente. Noi come Amministrazione ci impegniamo per far sì che ci siano grandi benefici per la città. Con questo progetto, San Donato tornerebbe ad essere una città attrattiva. Se lo stadio verrà realizzato sicuramente, ci sarà un potenziamento della mobilità su rotaia. La stazione diventerà una vera stazione finalmente. Lo stadio è un'opportunità che non possiamo farci scappare".
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
200,231
Reaction score
25,717
Ma questo altro pupazzo non si stufa di ripetere sempre le stesse cose?
 

malos

Senior Member
Registrato
29 Agosto 2014
Messaggi
7,238
Reaction score
1,534
Ennesime dichiarazioni di Scaroni, ancora a Sky:"Sto lavorando da anni su questo tema. Fin dal primo giorno, parlando con il sindaco Sala che ho incontrato molte volte, ho sempre cercato di convincerlo che dovevamo fare a San Siro lo stadio più bello del mondo perchè Milano merita uno stadio bellissimo. La questione si è trascinata per anni, poi è arrivato quasi un colpo di grazia con l'indicazione della Sovrintendenza sul secondo anello di San Siro. Questo non ha chiuso la questione definitivamente, ma certamente ha bloccato i sogni di Milan e Inter. E così abbiamo iniziato a valutare la possibilità di costruire un nuovo stadio da soli. Se nel 2018 fossimo riusciti a convincere l'amministrazione comunale a costruire il nuovo San Siro, ora lo stadio sarebbe probabilmente già in costruzione. Abbiamo perso sicuramente tempo, ma a volte gli ostacoli si trasformano in opportunità e per me San Donato è una grande opportunità per il Milan. Mi auguro che il nuovo stadio diventi iconico come San Siro".

Vogliamo fare lo stadio più bello del mondo. Sarà un impianto da 70 mila spettatori ed ecofriendly. Vogliamo portare valore ad un'area isolata e persa. Intorno a Milano ci sono tanti comuni che sono vicini al centro della città. Ci piace questa soluzione perchè è è la soluzione dei grandi club. Ci piaceva la soluzione San Siro che era meno costosa perchè avremmo diviso i costi, ma non ci avrebbe dato quel senso di identità che ci darà il nuovo stadio. Così abbiamo deciso di fare lo stadio da soli a San Donato. Sarà un investimento miliardario, ci sarà una parte di capitali propri, circa un terzo del valore della costruzione, e due terzi di denaro preso a prestito".

"Nei nostri piani la prima partita sarà all'inizio della stagione 2028-2029. Quindi luglio-agosto 2028".

San Donato? Suquel terreno avremo problemi di parcheggi e di collegamenti perchè è una sorta di isola tra due strade e quindi serviranno dei ponti di collegamento con il resto della città. Faremo un'attività commerciale, quindi non un centro commerciale, ci saranno ristoranti e attività di entertainment. Sarà un luogo che vivrà tutto l'anno. Ci saranno partite e anche altri eventi, come dei concerti. Sarà un'area molto viva. Ci saranno ampi spazi verdi che diventeranno fruibili perchè saranno collegati con il resto della zona intorno".

085939836-aac3a69a-1c6e-4df5-b297-d097a810bfd8.jpg
Questo insieme al suo amico sindaco ha strarotto i maroni.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
200,231
Reaction score
25,717
Ennesime dichiarazioni di Scaroni, ancora a Sky:"Sto lavorando da anni su questo tema. Fin dal primo giorno, parlando con il sindaco Sala che ho incontrato molte volte, ho sempre cercato di convincerlo che dovevamo fare a San Siro lo stadio più bello del mondo perchè Milano merita uno stadio bellissimo. La questione si è trascinata per anni, poi è arrivato quasi un colpo di grazia con l'indicazione della Sovrintendenza sul secondo anello di San Siro. Questo non ha chiuso la questione definitivamente, ma certamente ha bloccato i sogni di Milan e Inter. E così abbiamo iniziato a valutare la possibilità di costruire un nuovo stadio da soli. Se nel 2018 fossimo riusciti a convincere l'amministrazione comunale a costruire il nuovo San Siro, ora lo stadio sarebbe probabilmente già in costruzione. Abbiamo perso sicuramente tempo, ma a volte gli ostacoli si trasformano in opportunità e per me San Donato è una grande opportunità per il Milan. Mi auguro che il nuovo stadio diventi iconico come San Siro".

Vogliamo fare lo stadio più bello del mondo. Sarà un impianto da 70 mila spettatori ed ecofriendly. Vogliamo portare valore ad un'area isolata e persa. Intorno a Milano ci sono tanti comuni che sono vicini al centro della città. Ci piace questa soluzione perchè è è la soluzione dei grandi club. Ci piaceva la soluzione San Siro che era meno costosa perchè avremmo diviso i costi, ma non ci avrebbe dato quel senso di identità che ci darà il nuovo stadio. Così abbiamo deciso di fare lo stadio da soli a San Donato. Sarà un investimento miliardario, ci sarà una parte di capitali propri, circa un terzo del valore della costruzione, e due terzi di denaro preso a prestito".

"Nei nostri piani la prima partita sarà all'inizio della stagione 2028-2029. Quindi luglio-agosto 2028".

San Donato? Suquel terreno avremo problemi di parcheggi e di collegamenti perchè è una sorta di isola tra due strade e quindi serviranno dei ponti di collegamento con il resto della città. Faremo un'attività commerciale, quindi non un centro commerciale, ci saranno ristoranti e attività di entertainment. Sarà un luogo che vivrà tutto l'anno. Ci saranno partite e anche altri eventi, come dei concerti. Sarà un'area molto viva. Ci saranno ampi spazi verdi che diventeranno fruibili perchè saranno collegati con il resto della zona intorno".

Il Sindaco di San Donato:"Il Milan ha presentato questa proposta di variante. Ora per noi inizia un percorso di studio e approfondimento per capire quali sono gli impatti positivi e quelli negativi. Poi si andrà in Consiglio Comunale per vedere se la variante verrà accettata o meno. Serviranno due o tre mesi per tutto questo. Dopo il voto in Consiglio Comunale, si aprirà un accordo di programma con tutti gli enti coinvolti come Regione Lombardia, Città Metropolitana, Comune di Milano, Autostrade per l'Italia, Ferrovie dello Stadio, Parco Sud Agricolo. Ci vorrà un anno e mezzo. Si è creato un comitato del no. Si sentono solo cose negative ultimamente. Noi come Amministrazione ci impegniamo per far sì che ci siano grandi benefici per la città. Con questo progetto, San Donato tornerebbe ad essere una città attrattiva. Se lo stadio verrà realizzato sicuramente, ci sarà un potenziamento della mobilità su rotaia. La stazione diventerà una vera stazione finalmente. Lo stadio è un'opportunità che non possiamo farci scappare".
.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
200,231
Reaction score
25,717
Ennesime dichiarazioni di Scaroni, ancora a Sky:"Sto lavorando da anni su questo tema. Fin dal primo giorno, parlando con il sindaco Sala che ho incontrato molte volte, ho sempre cercato di convincerlo che dovevamo fare a San Siro lo stadio più bello del mondo perchè Milano merita uno stadio bellissimo. La questione si è trascinata per anni, poi è arrivato quasi un colpo di grazia con l'indicazione della Sovrintendenza sul secondo anello di San Siro. Questo non ha chiuso la questione definitivamente, ma certamente ha bloccato i sogni di Milan e Inter. E così abbiamo iniziato a valutare la possibilità di costruire un nuovo stadio da soli. Se nel 2018 fossimo riusciti a convincere l'amministrazione comunale a costruire il nuovo San Siro, ora lo stadio sarebbe probabilmente già in costruzione. Abbiamo perso sicuramente tempo, ma a volte gli ostacoli si trasformano in opportunità e per me San Donato è una grande opportunità per il Milan. Mi auguro che il nuovo stadio diventi iconico come San Siro".

Vogliamo fare lo stadio più bello del mondo. Sarà un impianto da 70 mila spettatori ed ecofriendly. Vogliamo portare valore ad un'area isolata e persa. Intorno a Milano ci sono tanti comuni che sono vicini al centro della città. Ci piace questa soluzione perchè è è la soluzione dei grandi club. Ci piaceva la soluzione San Siro che era meno costosa perchè avremmo diviso i costi, ma non ci avrebbe dato quel senso di identità che ci darà il nuovo stadio. Così abbiamo deciso di fare lo stadio da soli a San Donato. Sarà un investimento miliardario, ci sarà una parte di capitali propri, circa un terzo del valore della costruzione, e due terzi di denaro preso a prestito".

"Nei nostri piani la prima partita sarà all'inizio della stagione 2028-2029. Quindi luglio-agosto 2028".

San Donato? Suquel terreno avremo problemi di parcheggi e di collegamenti perchè è una sorta di isola tra due strade e quindi serviranno dei ponti di collegamento con il resto della città. Faremo un'attività commerciale, quindi non un centro commerciale, ci saranno ristoranti e attività di entertainment. Sarà un luogo che vivrà tutto l'anno. Ci saranno partite e anche altri eventi, come dei concerti. Sarà un'area molto viva. Ci saranno ampi spazi verdi che diventeranno fruibili perchè saranno collegati con il resto della zona intorno".

Il Sindaco di San Donato:"Il Milan ha presentato questa proposta di variante. Ora per noi inizia un percorso di studio e approfondimento per capire quali sono gli impatti positivi e quelli negativi. Poi si andrà in Consiglio Comunale per vedere se la variante verrà accettata o meno. Serviranno due o tre mesi per tutto questo. Dopo il voto in Consiglio Comunale, si aprirà un accordo di programma con tutti gli enti coinvolti come Regione Lombardia, Città Metropolitana, Comune di Milano, Autostrade per l'Italia, Ferrovie dello Stadio, Parco Sud Agricolo. Ci vorrà un anno e mezzo. Si è creato un comitato del no. Si sentono solo cose negative ultimamente. Noi come Amministrazione ci impegniamo per far sì che ci siano grandi benefici per la città. Con questo progetto, San Donato tornerebbe ad essere una città attrattiva. Se lo stadio verrà realizzato sicuramente, ci sarà un potenziamento della mobilità su rotaia. La stazione diventerà una vera stazione finalmente. Lo stadio è un'opportunità che non possiamo farci scappare".
.
 
Alto
head>