Sabatini:"Derby scudetto sia di festa e abbracci tra squadre".

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
209,261
Reaction score
30,881
Continua la terribile tendenza da parte dei vari opinionisti a considerare il possibile derby scudetto tra Milan e Inter una festa

Ecco quanto scritto dallo stesso Sabatini su calciomercato.com:"Esiste solo un derby, in tutto il mondo, in cui gli ultras quasi si abbracciano e invece i tifosi “normali” si prenderebbero a schiaffoni. È il derby di Milano. Miracolo di San Siro dove, sarà per nobile rispetto o più modesta convenienza, tra le due curve vige un patto di reciproca non violenza. Gli ultras milanesi non si guardano neanche in cagnesco. Al limite, non si guardano e basta. Avviene il contrario nel resto dello stadio reale e soprattutto in quello virtuale. In sintesi: al derby di Milano, gli ultrà diventano tifosi normali. E viceversa. Il paradosso funziona da un quarto di secolo, più o meno. Poi arriva un derby di lunedì (prima volta di lunedì nella storia) con allegata possibile/probabile festa scudetto. Sarebbe bello se…


Sarebbe bello non avere timori. Ma c’è qualcosa nell’aria e sui social che mette un po’ di preoccupazione. Su questo derby è salita una tensione che non si verificava da anni, soprattutto in proporzione al suo concreto valore per la classifica: nulla.

Fate festa ma senza esagerare è una raccomandazione simile a quando noi boomer eravamo bambini e le mamme dicevano “corri ma non sudare”. La festa è - per definizione - esagerazione. Lo sanno anche i dirigenti. Tipo Zlatan Ibrahimovic che, alla sua più recente celebrazione di uno scudetto, entrò in campo armato di sigaro cubano come una star di Hollywood. Le boccate di fumo non gli tolsero la voce, perché poi salì sul pullman per cantare a squarciagola. Di tutto. Compreso quel coro sconveniente (diciamo così…) per l’ex compagno Calhanoglu.


Come insegna la canzone preferita di Galliani, certi amori e anche certi cori “fanno giri immensi e poi ritornano”. Ecco. Lunedì tocca a Calhanoglu. Che però tre giorni fa ha consegnato alla tv americana CBS una dichiarazione che il segretario generale dell’Onu non avrebbe potuto far meglio: “Vincere il campionato contro il Milan sarebbe pazzesco. Il derby sarà durissimo, ma spero anche bello e corretto. E mi auguro che anche gli eventuali festeggiamenti siano tranquilli. Ricordo come avevano festeggiato i milanisti in passato. Io invece vorrei restare calmo”. Applausi. Per fortuna che Calha c’è. Ma per sua sfortuna, l’eco di queste dichiarazioni pacifiche è durato il tempo di lettura di un tweet oppure al massimo i 15 secondi di una storia Instagram.


Sarebbe bello se le due squadre entrassero assieme tenendo per mano uno striscione colorato di rosso-nero-azzurro: “Milano siamo noi”. Sarebbe magnifico se i giocatori si mischiassero durante l’inno della Lega. Sarebbe straordinario se fosse una festa di pace, anziché un derby di rivalità e veleni. E sia chiaro: la rivalità ci sta, i veleni no.

Derby, dunque: che fare? Abbassare i toni, l’attesa, le aspettative. L’Inter è sicura dello scudetto perfino più di quanto lo sia il Milan del secondo posto. Non è in gioco la supremazia cittadina, perché le ultime sfide sono stati tutte appannaggio della squadra che adesso vince lo scudetto. Questo derby può invertire un po’ la tendenza, ma non cancellare la storia, almeno quella recente.


Esiste un solo derby in cui c’è il rischio che il pubblico delle tribune faccia più casino delle curve. E che i giocatori in campo si comportino peggio dei tifosi. È il derby che per la prima volta si gioca di lunedì, senza alcuna concorrenza sportiva e assoluta visibilità mondiale. Fate festa senza esagerare. E se non garantite di stringervi la mano a fine partite, almeno abbracciatevi prima che inizi. Buon derby. E che sia la Festa del Rispetto, prima ancora che la festa dello scudetto.

sabatini-sandro-1.jpg
 
Ultima modifica:

Toby rosso nero

Moderatore
Membro dello Staff
Registrato
29 Agosto 2012
Messaggi
41,840
Reaction score
22,984
Attenzione che la tendenza che stanno mettendo su (probabilmente sotto dettatura) è pericolossima.

E con tutti i boccaloni che vanno allo stadio, la svolta degrado è dietro l'angolo.

Purtroppo la maggioranza dei tifosi post moderni che va allo stadio è gente che va a farsi i selfie con Lazza.

Temo davvero il peggio.
 

Mika

Senior Member
Registrato
29 Aprile 2017
Messaggi
14,202
Reaction score
6,631
Attenzione che la tendenza che stanno mettendo su (probabilmente sotto dettatura) è pericolossima.

E con tutti i boccaloni che vanno allo stadio, la svolta degrado è dietro l'angolo.
Io se fossi la Curva Sud e i tifosi del Milan che hanno l'abbonamento non ci andrei. Nemmeno in TV la vedrei. E' tutto così apparecchiato da mesi.
 

peo74

Junior Member
Registrato
10 Giugno 2015
Messaggi
792
Reaction score
730
Continua la terribile tendenza da parte dei vari opinionisti a considerare il possibile derby scudetto tra Milan e Inter una festa

Ecco quanto scritto dallo stesso Sabatini su calciomercato.com:"Esiste solo un derby, in tutto il mondo, in cui gli ultras quasi si abbracciano e invece i tifosi “normali” si prenderebbero a schiaffoni. È il derby di Milano. Miracolo di San Siro dove, sarà per nobile rispetto o più modesta convenienza, tra le due curve vige un patto di reciproca non violenza. Gli ultras milanesi non si guardano neanche in cagnesco. Al limite, non si guardano e basta. Avviene il contrario nel resto dello stadio reale e soprattutto in quello virtuale. In sintesi: al derby di Milano, gli ultrà diventano tifosi normali. E viceversa. Il paradosso funziona da un quarto di secolo, più o meno. Poi arriva un derby di lunedì (prima volta di lunedì nella storia) con allegata possibile/probabile festa scudetto. Sarebbe bello se…


Sarebbe bello non avere timori. Ma c’è qualcosa nell’aria e sui social che mette un po’ di preoccupazione. Su questo derby è salita una tensione che non si verificava da anni, soprattutto in proporzione al suo concreto valore per la classifica: nulla.

Fate festa ma senza esagerare è una raccomandazione simile a quando noi boomer eravamo bambini e le mamme dicevano “corri ma non sudare”. La festa è - per definizione - esagerazione. Lo sanno anche i dirigenti. Tipo Zlatan Ibrahimovic che, alla sua più recente celebrazione di uno scudetto, entrò in campo armato di sigaro cubano come una star di Hollywood. Le boccate di fumo non gli tolsero la voce, perché poi salì sul pullman per cantare a squarciagola. Di tutto. Compreso quel coro sconveniente (diciamo così…) per l’ex compagno Calhanoglu.


Come insegna la canzone preferita di Galliani, certi amori e anche certi cori “fanno giri immensi e poi ritornano”. Ecco. Lunedì tocca a Calhanoglu. Che però tre giorni fa ha consegnato alla tv americana CBS una dichiarazione che il segretario generale dell’Onu non avrebbe potuto far meglio: “Vincere il campionato contro il Milan sarebbe pazzesco. Il derby sarà durissimo, ma spero anche bello e corretto. E mi auguro che anche gli eventuali festeggiamenti siano tranquilli. Ricordo come avevano festeggiato i milanisti in passato. Io invece vorrei restare calmo”. Applausi. Per fortuna che Calha c’è. Ma per sua sfortuna, l’eco di queste dichiarazioni pacifiche è durato il tempo di lettura di un tweet oppure al massimo i 15 secondi di una storia Instagram.


Sarebbe bello se le due squadre entrassero assieme tenendo per mano uno striscione colorato di rosso-nero-azzurro: “Milano siamo noi”. Sarebbe magnifico se i giocatori si mischiassero durante l’inno della Lega. Sarebbe straordinario se fosse una festa di pace, anziché un derby di rivalità e veleni. E sia chiaro: la rivalità ci sta, i veleni no.

Derby, dunque: che fare? Abbassare i toni, l’attesa, le aspettative. L’Inter è sicura dello scudetto perfino più di quanto lo sia il Milan del secondo posto. Non è in gioco la supremazia cittadina, perché le ultime sfide sono stati tutte appannaggio della squadra che adesso vince lo scudetto. Questo derby può invertire un po’ la tendenza, ma non cancellare la storia, almeno quella recente.


Esiste un solo derby in cui c’è il rischio che il pubblico delle tribune faccia più casino delle curve. E che i giocatori in campo si comportino peggio dei tifosi. È il derby che per la prima volta si gioca di lunedì, senza alcuna concorrenza sportiva e assoluta visibilità mondiale. Fate festa senza esagerare. E se non garantite di stringervi la mano a fine partite, almeno abbracciatevi prima che inizi. Buon derby. E che sia la Festa del Rispetto, prima ancora che la festa dello scudetto.

sabatini-sandro-1.jpg
... a me tutti sti proclami arcobaleno, girotondi mano nella mano, striscioni condivisi non fanno che accrescere la mia sete di vendetta: che scendano in campo, il risultato non mi interessa basta che alle melme facciano volare rotule arcobaleno e crociati della pace!
 

Marilson

Milano vende moda
Registrato
29 Agosto 2012
Messaggi
7,965
Reaction score
3,228
cascasse il cielo se mi permetto anche di pensare per un secondo di guardare questa "partita", che - semplicemente - per me non esiste. Non esistendo, non posso neanche commentarla
 

Swaitak

Senior Member
Registrato
22 Aprile 2019
Messaggi
24,601
Reaction score
16,110
Continua la terribile tendenza da parte dei vari opinionisti a considerare il possibile derby scudetto tra Milan e Inter una festa

Ecco quanto scritto dallo stesso Sabatini su calciomercato.com:"Esiste solo un derby, in tutto il mondo, in cui gli ultras quasi si abbracciano e invece i tifosi “normali” si prenderebbero a schiaffoni. È il derby di Milano. Miracolo di San Siro dove, sarà per nobile rispetto o più modesta convenienza, tra le due curve vige un patto di reciproca non violenza. Gli ultras milanesi non si guardano neanche in cagnesco. Al limite, non si guardano e basta. Avviene il contrario nel resto dello stadio reale e soprattutto in quello virtuale. In sintesi: al derby di Milano, gli ultrà diventano tifosi normali. E viceversa. Il paradosso funziona da un quarto di secolo, più o meno. Poi arriva un derby di lunedì (prima volta di lunedì nella storia) con allegata possibile/probabile festa scudetto. Sarebbe bello se…


Sarebbe bello non avere timori. Ma c’è qualcosa nell’aria e sui social che mette un po’ di preoccupazione. Su questo derby è salita una tensione che non si verificava da anni, soprattutto in proporzione al suo concreto valore per la classifica: nulla.

Fate festa ma senza esagerare è una raccomandazione simile a quando noi boomer eravamo bambini e le mamme dicevano “corri ma non sudare”. La festa è - per definizione - esagerazione. Lo sanno anche i dirigenti. Tipo Zlatan Ibrahimovic che, alla sua più recente celebrazione di uno scudetto, entrò in campo armato di sigaro cubano come una star di Hollywood. Le boccate di fumo non gli tolsero la voce, perché poi salì sul pullman per cantare a squarciagola. Di tutto. Compreso quel coro sconveniente (diciamo così…) per l’ex compagno Calhanoglu.


Come insegna la canzone preferita di Galliani, certi amori e anche certi cori “fanno giri immensi e poi ritornano”. Ecco. Lunedì tocca a Calhanoglu. Che però tre giorni fa ha consegnato alla tv americana CBS una dichiarazione che il segretario generale dell’Onu non avrebbe potuto far meglio: “Vincere il campionato contro il Milan sarebbe pazzesco. Il derby sarà durissimo, ma spero anche bello e corretto. E mi auguro che anche gli eventuali festeggiamenti siano tranquilli. Ricordo come avevano festeggiato i milanisti in passato. Io invece vorrei restare calmo”. Applausi. Per fortuna che Calha c’è. Ma per sua sfortuna, l’eco di queste dichiarazioni pacifiche è durato il tempo di lettura di un tweet oppure al massimo i 15 secondi di una storia Instagram.


Sarebbe bello se le due squadre entrassero assieme tenendo per mano uno striscione colorato di rosso-nero-azzurro: “Milano siamo noi”. Sarebbe magnifico se i giocatori si mischiassero durante l’inno della Lega. Sarebbe straordinario se fosse una festa di pace, anziché un derby di rivalità e veleni. E sia chiaro: la rivalità ci sta, i veleni no.

Derby, dunque: che fare? Abbassare i toni, l’attesa, le aspettative. L’Inter è sicura dello scudetto perfino più di quanto lo sia il Milan del secondo posto. Non è in gioco la supremazia cittadina, perché le ultime sfide sono stati tutte appannaggio della squadra che adesso vince lo scudetto. Questo derby può invertire un po’ la tendenza, ma non cancellare la storia, almeno quella recente.


Esiste un solo derby in cui c’è il rischio che il pubblico delle tribune faccia più casino delle curve. E che i giocatori in campo si comportino peggio dei tifosi. È il derby che per la prima volta si gioca di lunedì, senza alcuna concorrenza sportiva e assoluta visibilità mondiale. Fate festa senza esagerare. E se non garantite di stringervi la mano a fine partite, almeno abbracciatevi prima che inizi. Buon derby. E che sia la Festa del Rispetto, prima ancora che la festa dello scudetto.

sabatini-sandro-1.jpg
Ed anche questo ennesimo schifo rischiamo di azzeccarlo...
PDPDPD
 
Registrato
12 Dicembre 2014
Messaggi
9,334
Reaction score
4,201
Continua la terribile tendenza da parte dei vari opinionisti a considerare il possibile derby scudetto tra Milan e Inter una festa

Ecco quanto scritto dallo stesso Sabatini su calciomercato.com:"Esiste solo un derby, in tutto il mondo, in cui gli ultras quasi si abbracciano e invece i tifosi “normali” si prenderebbero a schiaffoni. È il derby di Milano. Miracolo di San Siro dove, sarà per nobile rispetto o più modesta convenienza, tra le due curve vige un patto di reciproca non violenza. Gli ultras milanesi non si guardano neanche in cagnesco. Al limite, non si guardano e basta. Avviene il contrario nel resto dello stadio reale e soprattutto in quello virtuale. In sintesi: al derby di Milano, gli ultrà diventano tifosi normali. E viceversa. Il paradosso funziona da un quarto di secolo, più o meno. Poi arriva un derby di lunedì (prima volta di lunedì nella storia) con allegata possibile/probabile festa scudetto. Sarebbe bello se…


Sarebbe bello non avere timori. Ma c’è qualcosa nell’aria e sui social che mette un po’ di preoccupazione. Su questo derby è salita una tensione che non si verificava da anni, soprattutto in proporzione al suo concreto valore per la classifica: nulla.

Fate festa ma senza esagerare è una raccomandazione simile a quando noi boomer eravamo bambini e le mamme dicevano “corri ma non sudare”. La festa è - per definizione - esagerazione. Lo sanno anche i dirigenti. Tipo Zlatan Ibrahimovic che, alla sua più recente celebrazione di uno scudetto, entrò in campo armato di sigaro cubano come una star di Hollywood. Le boccate di fumo non gli tolsero la voce, perché poi salì sul pullman per cantare a squarciagola. Di tutto. Compreso quel coro sconveniente (diciamo così…) per l’ex compagno Calhanoglu.


Come insegna la canzone preferita di Galliani, certi amori e anche certi cori “fanno giri immensi e poi ritornano”. Ecco. Lunedì tocca a Calhanoglu. Che però tre giorni fa ha consegnato alla tv americana CBS una dichiarazione che il segretario generale dell’Onu non avrebbe potuto far meglio: “Vincere il campionato contro il Milan sarebbe pazzesco. Il derby sarà durissimo, ma spero anche bello e corretto. E mi auguro che anche gli eventuali festeggiamenti siano tranquilli. Ricordo come avevano festeggiato i milanisti in passato. Io invece vorrei restare calmo”. Applausi. Per fortuna che Calha c’è. Ma per sua sfortuna, l’eco di queste dichiarazioni pacifiche è durato il tempo di lettura di un tweet oppure al massimo i 15 secondi di una storia Instagram.


Sarebbe bello se le due squadre entrassero assieme tenendo per mano uno striscione colorato di rosso-nero-azzurro: “Milano siamo noi”. Sarebbe magnifico se i giocatori si mischiassero durante l’inno della Lega. Sarebbe straordinario se fosse una festa di pace, anziché un derby di rivalità e veleni. E sia chiaro: la rivalità ci sta, i veleni no.

Derby, dunque: che fare? Abbassare i toni, l’attesa, le aspettative. L’Inter è sicura dello scudetto perfino più di quanto lo sia il Milan del secondo posto. Non è in gioco la supremazia cittadina, perché le ultime sfide sono stati tutte appannaggio della squadra che adesso vince lo scudetto. Questo derby può invertire un po’ la tendenza, ma non cancellare la storia, almeno quella recente.


Esiste un solo derby in cui c’è il rischio che il pubblico delle tribune faccia più casino delle curve. E che i giocatori in campo si comportino peggio dei tifosi. È il derby che per la prima volta si gioca di lunedì, senza alcuna concorrenza sportiva e assoluta visibilità mondiale. Fate festa senza esagerare. E se non garantite di stringervi la mano a fine partite, almeno abbracciatevi prima che inizi. Buon derby. E che sia la Festa del Rispetto, prima ancora che la festa dello scudetto.

sabatini-sandro-1.jpg
Ha parlato l'ex capo ufficio stampa dell'Inter.

1) Non guarderò la partita.
2) Spero che volino ginocchia neroazzurre da ogni parte ma so che è proprio ciò che questa squadra di smidollati (la nostra) non farà.
 

Similar threads

Alto
head>