Rizzoli: "Var ha ridotto errori arbitrali da 6 a 1-2%"

Blu71

Senior Member
Registrato
27 Agosto 2012
Messaggi
29,941
Reaction score
7,361
Il designatore Rizzoli al Quotidiano Nazionale

«Prima dell’introduzione del supporto Var, in una partita di calcio gli errori arbitrali erano all’incirca pari al sei per cento delle decisioni.
Da quando esiste l’assistenza tecnologica, la percentuale si è ridotta all’uno-due per cento.
La differenza è evidente.
Poi certo comprendo che il tifoso della squadra vittima di uno sbaglio nonostante il Var sia arrabbiato"

Certo, ora gli errori sono più selettivi :fuma:
 
Registrato
24 Marzo 2014
Messaggi
20,544
Reaction score
1,813
Tutto giusto, ma allora non sarebbe il caso di dare maggiore potere decisionale al Var ?
Per me no.

Io sono contrario a questo inseguire una presunta oggettività che in moltissime occasioni è impossibile ottenere.

Dove può essere A o B, per me deve rimanere la decisione di campo e il VAR correggere gli errori marchiani.
Non deve arbitrare la moviola.

Io anzi, sarei per un tempo massimo di decisione del VAR: 30" per i fuorigioco, 1' per rigori, espulsioni e gol.
Se non emerge in questo tempo un chiaro e marchiano errore e bisogna tirar fuori la lente o la 24esima telecamera, allora per me non è un chiaro ed evidente errore, ma al limite un errore nascosto e si fa andare.

Piuttosto sarei per stabilire alcuni principi decisionali per la terna di campo:

1) nel dubbio non è mai fuorigioco (è solo se è evidente)
2) il fallo di mano è punito solo se c'è volontà di giocare la palla o si posizionano le mani in modo da voler rendere la giocata dell'attaccante più difficile (il classico buttarsi a braccia aperte per schermare i cross).

Se non emergono rapidamente errori marchiani resta la decisione di campo.

tra le criticità della VAR mi sembra più rilevante quella della perdita di tempo e delle esultanze strozzate che quella della veridicità.
 
Registrato
23 Giugno 2018
Messaggi
6,495
Reaction score
2,176
Per me no.

Io sono contrario a questo inseguire una presunta oggettività che in moltissime occasioni è impossibile ottenere.

Dove può essere A o B, per me deve rimanere la decisione di campo e il VAR correggere gli errori marchiani.
Non deve arbitrare la moviola.
Ridurre gli errori a zero è impossibile, ma non sono d’accordo col concetto che l’arbitro di campo sia quello che debba prevalere. Stiam parlando di un tizio che di mestiere fa altro, che fa l’arbitro come hobby, che deve corre per 90 minuti come se non più di 22 professionisti profumatamente pagati per correre, che deve tenere d’occhio quel che succede su una superficie di gioco umanamente non controllabile coi ritmi del calcio attuale(per dire, nel basket ci sono 3 arbitri) e dalle cui decisioni possono dipendere le sorti economiche e sportive di quelle che sono a tutti gli effetti delle aziende.
Per quale motivo sarebbe più “giusta” una decisione presa sotto sforzo, sotto pressione e avendo visto l’azione una sola volta a occhio nudo, magari anche da posizione non ottimale?
 

7AlePato7

Senior Member
Registrato
3 Settembre 2012
Messaggi
18,213
Reaction score
4,824
Per me no.

Io sono contrario a questo inseguire una presunta oggettività che in moltissime occasioni è impossibile ottenere.

Dove può essere A o B, per me deve rimanere la decisione di campo e il VAR correggere gli errori marchiani.
Non deve arbitrare la moviola.

Io anzi, sarei per un tempo massimo di decisione del VAR: 30" per i fuorigioco, 1' per rigori, espulsioni e gol.
Se non emerge in questo tempo un chiaro e marchiano errore e bisogna tirar fuori la lente o la 24esima telecamera, allora per me non è un chiaro ed evidente errore, ma al limite un errore nascosto e si fa andare.

Piuttosto sarei per stabilire alcuni principi decisionali per la terna di campo:

1) nel dubbio non è mai fuorigioco (è solo se è evidente)
2) il fallo di mano è punito solo se c'è volontà di giocare la palla o si posizionano le mani in modo da voler rendere la giocata dell'attaccante più difficile (il classico buttarsi a braccia aperte per schermare i cross).

Se non emergono rapidamente errori marchiani resta la decisione di campo.

tra le criticità della VAR mi sembra più rilevante quella della perdita di tempo e delle esultanze strozzate che quella della veridicità.
Non sono assolutamente d'accordo. Nel 2022 con tutta la tecnologia che c'è e limitarla non ha senso, mi pare che si stia andando nella direzione dell'uso sempre più massiccio di tutto ciò che possa risolvere errori, come ad esempio il sistema che permette di rilevare il fuorigioco. Lasciare alla discrezionalità dell'arbitro significa rendere il gioco del calcio un gioco in cui sono gli arbitri a decidere campionati e questo, visti gli interessi in gioco di natura economica che ruotano attorno al mondo pallonaro, è intollerabile.
Io mi auguro che in futuro vengano estirpati gli arbitri, deve decidere tutto la IA attraverso sistemi di sensori piazzati sui giocatori. In questo modo le decisioni verrebbero accettate molto più serenamente e non vi sarebbero polemiche.
 

Andris

Senior Member
Registrato
21 Febbraio 2019
Messaggi
23,665
Reaction score
4,960
Ridurre gli errori a zero è impossibile, ma non sono d’accordo col concetto che l’arbitro di campo sia quello che debba prevalere. Stiam parlando di un tizio che di mestiere fa altro, che fa l’arbitro come hobby, che deve corre per 90 minuti come se non più di 22 professionisti profumatamente pagati per correre, che deve tenere d’occhio quel che succede su una superficie di gioco umanamente non controllabile coi ritmi del calcio attuale(per dire, nel basket ci sono 3 arbitri) e dalle cui decisioni possono dipendere le sorti economiche e sportive di quelle che sono a tutti gli effetti delle aziende.
Per quale motivo sarebbe più “giusta” una decisione presa sotto sforzo, sotto pressione e avendo visto l’azione una sola volta a occhio nudo, magari anche da posizione non ottimale?
gli arbitri migliori difficilmente fanno altro, visto che ogni partita prendono 4.000 euro e si allenano moltissimo
 
Registrato
23 Giugno 2018
Messaggi
6,495
Reaction score
2,176
gli arbitri migliori difficilmente fanno altro, visto che ogni partita prendono 4.000 euro e si allenano moltissimo
Che io sappia, in serie a tutti hanno un lavoro.
Un internazionale top può arrivare a prendere al massimo 200mila lordi all’anno(per pochi anni), gli altri molto meno. Hobby che porta buoni/ottimi guadagni a seconda del livello, ma non abbastanza per campare di rendita dai 40-45 anni in poi.
 
Alto
head>