Reijnders:"Milan sogno. No al Barca. Scudetto e Pioli..."

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
204,363
Reaction score
27,570
Il solito Reijnders, questa volta ai media olandesi:"Mi sono messo la maglia e ho pensato: Wow, adesso gioco davvero nel Milan. Sto vivendo il mio sogno. È davvero così che la vedo. Da ragazzino sognavo una vita da calciatore professionista. Preferibilmente in un top club internazionale, compresa la nazionale olandese. E ora sono qui, da giocatore del Milan e dell’Olanda'.

"GLI aspetti relativi ai contenuti calcistici sono stati fondamentali nella mia scelta. Volevo andare a una competizione importante, ma quello non era l'unico criterio. Il ruolo che aveva in mente il Barcellona era meno adatto alle mie caratteristiche. La mia forza sta nella metà campo offensiva e nel fare la spola avanti e indietro. E in termini di dimensioni del club, Milan e Barcellona sono nella stessa categoria. Parlando con Pioli ho scoperto che il club mi aveva seguito tutto l’anno e l’allenatore sapeva esattamente cosa potevo aggiungere alla squadra ed era stato molto chiaro anche sul mio ruolo di trequartista. Pioli è un allenatore dalla mentalità offensiva, gran parte del suo materiale di allenamento è incentrato sulle soluzioni calcistiche e su come liberarsi dalla pressione. Anche questo mi ha davvero attratto. Il Milan è un club enorme in una grande competizione, che punta a dominare le partite”.

"Subito dopo aver firmato siamo andati negli Stati Uniti per il ritiro, è stato un bel modo per conoscere tutti e penso che abbia fatto la differenza anche l’essere andato avanti in Conference con l’AZ. Ovviamente in un top club come il Milan devi sempre metterti alla prova, ma non pensavo ci fossero dubbi o altro su di me e mi sono sentito subito il benvenuto come altri nuovi arrivati. Ruben Loftus-Cheek e io abbiamo subito gravitato l'uno verso l'altro, con il vantaggio di poter parlare inglese. Sto bene con Christian Pulisic, con Malick Thiaw, con molti ragazzi in realtà.La fame di nuovi successi si nota in ogni cosa, perché il successo fa parte di questo club. Questa stagione ha una carica in più: sia Milan che Inter hanno ormai diciannove titoli nazionali ed entrambi vogliamo essere i primi a mettere quella seconda stella sulla nostra maglia. Inoltre, il club è ovviamente noto per i suoi successi europei. Al Milan tutto è finalizzato a far rivivere i vecchi tempi di gloria”.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
204,363
Reaction score
27,570
Il solito Reijnders, questa volta ai media olandesi:"Mi sono messo la maglia e ho pensato: Wow, adesso gioco davvero nel Milan. Sto vivendo il mio sogno. È davvero così che la vedo. Da ragazzino sognavo una vita da calciatore professionista. Preferibilmente in un top club internazionale, compresa la nazionale olandese. E ora sono qui, da giocatore del Milan e dell’Olanda'.

"GLI aspetti relativi ai contenuti calcistici sono stati fondamentali nella mia scelta. Volevo andare a una competizione importante, ma quello non era l'unico criterio. Il ruolo che aveva in mente il Barcellona era meno adatto alle mie caratteristiche. La mia forza sta nella metà campo offensiva e nel fare la spola avanti e indietro. E in termini di dimensioni del club, Milan e Barcellona sono nella stessa categoria. Parlando con Pioli ho scoperto che il club mi aveva seguito tutto l’anno e l’allenatore sapeva esattamente cosa potevo aggiungere alla squadra ed era stato molto chiaro anche sul mio ruolo di trequartista. Pioli è un allenatore dalla mentalità offensiva, gran parte del suo materiale di allenamento è incentrato sulle soluzioni calcistiche e su come liberarsi dalla pressione. Anche questo mi ha davvero attratto. Il Milan è un club enorme in una grande competizione, che punta a dominare le partite”.

"Subito dopo aver firmato siamo andati negli Stati Uniti per il ritiro, è stato un bel modo per conoscere tutti e penso che abbia fatto la differenza anche l’essere andato avanti in Conference con l’AZ. Ovviamente in un top club come il Milan devi sempre metterti alla prova, ma non pensavo ci fossero dubbi o altro su di me e mi sono sentito subito il benvenuto come altri nuovi arrivati. Ruben Loftus-Cheek e io abbiamo subito gravitato l'uno verso l'altro, con il vantaggio di poter parlare inglese. Sto bene con Christian Pulisic, con Malick Thiaw, con molti ragazzi in realtà.La fame di nuovi successi si nota in ogni cosa, perché il successo fa parte di questo club. Questa stagione ha una carica in più: sia Milan che Inter hanno ormai diciannove titoli nazionali ed entrambi vogliamo essere i primi a mettere quella seconda stella sulla nostra maglia. Inoltre, il club è ovviamente noto per i suoi successi europei. Al Milan tutto è finalizzato a far rivivere i vecchi tempi di gloria”.

Siamo passati dal vinciamo la Champions alla seconda stella.

Non imparano mai.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
204,363
Reaction score
27,570
Il solito Reijnders, questa volta ai media olandesi:"Mi sono messo la maglia e ho pensato: Wow, adesso gioco davvero nel Milan. Sto vivendo il mio sogno. È davvero così che la vedo. Da ragazzino sognavo una vita da calciatore professionista. Preferibilmente in un top club internazionale, compresa la nazionale olandese. E ora sono qui, da giocatore del Milan e dell’Olanda'.

"GLI aspetti relativi ai contenuti calcistici sono stati fondamentali nella mia scelta. Volevo andare a una competizione importante, ma quello non era l'unico criterio. Il ruolo che aveva in mente il Barcellona era meno adatto alle mie caratteristiche. La mia forza sta nella metà campo offensiva e nel fare la spola avanti e indietro. E in termini di dimensioni del club, Milan e Barcellona sono nella stessa categoria. Parlando con Pioli ho scoperto che il club mi aveva seguito tutto l’anno e l’allenatore sapeva esattamente cosa potevo aggiungere alla squadra ed era stato molto chiaro anche sul mio ruolo di trequartista. Pioli è un allenatore dalla mentalità offensiva, gran parte del suo materiale di allenamento è incentrato sulle soluzioni calcistiche e su come liberarsi dalla pressione. Anche questo mi ha davvero attratto. Il Milan è un club enorme in una grande competizione, che punta a dominare le partite”.

"Subito dopo aver firmato siamo andati negli Stati Uniti per il ritiro, è stato un bel modo per conoscere tutti e penso che abbia fatto la differenza anche l’essere andato avanti in Conference con l’AZ. Ovviamente in un top club come il Milan devi sempre metterti alla prova, ma non pensavo ci fossero dubbi o altro su di me e mi sono sentito subito il benvenuto come altri nuovi arrivati. Ruben Loftus-Cheek e io abbiamo subito gravitato l'uno verso l'altro, con il vantaggio di poter parlare inglese. Sto bene con Christian Pulisic, con Malick Thiaw, con molti ragazzi in realtà.La fame di nuovi successi si nota in ogni cosa, perché il successo fa parte di questo club. Questa stagione ha una carica in più: sia Milan che Inter hanno ormai diciannove titoli nazionali ed entrambi vogliamo essere i primi a mettere quella seconda stella sulla nostra maglia. Inoltre, il club è ovviamente noto per i suoi successi europei. Al Milan tutto è finalizzato a far rivivere i vecchi tempi di gloria”.
.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
204,363
Reaction score
27,570
Il solito Reijnders, questa volta ai media olandesi:"Mi sono messo la maglia e ho pensato: Wow, adesso gioco davvero nel Milan. Sto vivendo il mio sogno. È davvero così che la vedo. Da ragazzino sognavo una vita da calciatore professionista. Preferibilmente in un top club internazionale, compresa la nazionale olandese. E ora sono qui, da giocatore del Milan e dell’Olanda'.

"GLI aspetti relativi ai contenuti calcistici sono stati fondamentali nella mia scelta. Volevo andare a una competizione importante, ma quello non era l'unico criterio. Il ruolo che aveva in mente il Barcellona era meno adatto alle mie caratteristiche. La mia forza sta nella metà campo offensiva e nel fare la spola avanti e indietro. E in termini di dimensioni del club, Milan e Barcellona sono nella stessa categoria. Parlando con Pioli ho scoperto che il club mi aveva seguito tutto l’anno e l’allenatore sapeva esattamente cosa potevo aggiungere alla squadra ed era stato molto chiaro anche sul mio ruolo di trequartista. Pioli è un allenatore dalla mentalità offensiva, gran parte del suo materiale di allenamento è incentrato sulle soluzioni calcistiche e su come liberarsi dalla pressione. Anche questo mi ha davvero attratto. Il Milan è un club enorme in una grande competizione, che punta a dominare le partite”.

"Subito dopo aver firmato siamo andati negli Stati Uniti per il ritiro, è stato un bel modo per conoscere tutti e penso che abbia fatto la differenza anche l’essere andato avanti in Conference con l’AZ. Ovviamente in un top club come il Milan devi sempre metterti alla prova, ma non pensavo ci fossero dubbi o altro su di me e mi sono sentito subito il benvenuto come altri nuovi arrivati. Ruben Loftus-Cheek e io abbiamo subito gravitato l'uno verso l'altro, con il vantaggio di poter parlare inglese. Sto bene con Christian Pulisic, con Malick Thiaw, con molti ragazzi in realtà.La fame di nuovi successi si nota in ogni cosa, perché il successo fa parte di questo club. Questa stagione ha una carica in più: sia Milan che Inter hanno ormai diciannove titoli nazionali ed entrambi vogliamo essere i primi a mettere quella seconda stella sulla nostra maglia. Inoltre, il club è ovviamente noto per i suoi successi europei. Al Milan tutto è finalizzato a far rivivere i vecchi tempi di gloria”.
.
 

Similar threads

Alto
head>