Nel Bergamasco i morti "sospetti" sono quasi il triplo

Registrato
13 Gennaio 2014
Messaggi
31,876
Reaction score
9,850
No ma non è che nascondono i numeri,
è che non ci stanno dietro con i tamponi fatti... sono due cose diverse.

Guarda, che sia voluto o meno non lo so... per quanto ne so potrebbe essere che non si fan tamponi perche non si riesce a farli a tutti, tecnicamente e operativamente. Oppure un mix tra questo e il non voler i numeri salire troppo agli occhi dei cittadini e del mondo.

L'unica grande certezza è che i dati cinesi sono clamorosamente falsi, di ordini di grandezza enormi per altro.
vogliamo prenderci in giro e dire che in una provincia italiana di 1.000.000 abitanti ci siano stati piu morti di tutta la cina? si ride per non piangere.

La certezza italiana invece è che NON si devono minimanente considerare i dati... non hanno senso, non ha senso dire "ah che bello oggi i contagiati sono +1000 e ieri erano +1200", questo è completamente fuorviante.

I dati che posson dare un idea forse sono quelli di accesso agli ospedali.. possono dare un trend, anche al netto di chi all'ospedale non ci va perchè sono luoghi pericolosissimi.

Date un occhiata alla mia riflessione (non ho nulla da fare in questi giorni)

http://www.milanworld.net/reale-numero-di-contagiati-cina-riflessione-vt87963.html

I dati cinesi sono certamente falsi, ma leggete cosa scrivo se avete tempo.
 
Registrato
11 Agosto 2012
Messaggi
5,903
Reaction score
715
Date un occhiata alla mia riflessione (non ho nulla da fare in questi giorni)

http://www.milanworld.net/reale-numero-di-contagiati-cina-riflessione-vt87963.html

I dati cinesi sono certamente falsi, ma leggete cosa scrivo se avete tempo.

Prendo spunto da quel tuo ragionamento per dire che con questo non significa che questi numeri "falsati" Italiani siano per forza tutti dovuti a intento di nascondere, ma anche a difficoltà oggettive di monitoraggio dei malati.

Consideriamo che effettivamente (come successo a me in prima persona) i sintomatici lievi sono un numero enorme ed effettivamente non hanno bisogno di alcuna cura, basta al massimo un antipiretico preso 2-3 giorni.
 

Konrad

Senior Member
Registrato
12 Giugno 2015
Messaggi
6,417
Reaction score
305
Fosse vero questo dato.... le cose sono due .. o il tasso di mortalità di questo virus è molto piu alto di quanto dicono oppure in giro per strada e nelle case ci sono talmente tanti asintomatici o ammalati lievi che non ce ne si rende conto

Io non cerco per forza complottismi. Può essere che il dato di mortalità in Italia sia più alto rispetto ad alcuni paesi in quanto la nostra popolazione anziana viene tenuta in vita da una sanità comunque tra le migliori al mondo (in Cina di ultraottantenni non ce ne sono tanti, chissà come mai).
Il quesito che vi pongo è: se una normale influenza arriva a infettare mediamente 5 milioni di italiani, perchè il Covid-19 dovrebbe essere diverso? E' ovvio che i contagiati sono almeno 10 volte tanto (ma come minimo) quelli che compaiono sui numeri, ma speriamo che i malati veri restino nell'ambito del 20% pronosticato, altrimenti il sistema esplode e conseguentemente anche il numero di morti.
L'isolamento sociale resta al momento l'unico strumento di prevenzione.
 
Registrato
19 Luglio 2018
Messaggi
12,139
Reaction score
4,221
La seconda,
ma più che lievi, anche pesanti, solo che ne escono in autonomia.

Nel mio ufficio è da novembre che colleghi stanno male e rispetto ai classici 2-3 giorni di malattia,
si fanno circa 10 giorni a casa prima di tornare a lavoro...

Appena scoppiò tutto questo casino,
abbiamo capito il motivo di questa malattia così pesante...

Il tasso di mortalità è molto molto più basso di quello che sappiamo oggi.

Il tasso di mortalità è indubbiamente più basso di quello che sembra e sulle morti influisce il fatto che molti non vengono manco curati perché il sistema sanitario è in tilt. Ma ormai ci si è fissati che è peggio della guerra..
 

addox

Zio bello
Registrato
29 Agosto 2012
Messaggi
1,369
Reaction score
9
Che i malati siano di più di quanto dichiarato ormai se ne ha la certezza, questo era anche ipotizzabile per la percentuale dei morti. Ma è proprio su questi che i numeri sono falsati. Qualche giorno fa il Sindaco di Bergamo in una intervista aveva dato dei numeri inequivocabili, su un numero reale di decessi per il Covid-19 tre volte superiore.
 

Solo

Senior Member
Registrato
30 Agosto 2012
Messaggi
14,504
Reaction score
5,712
EUglr1bWsAURNEc

EUglr1iWoAE83gy
 

Jino

Senior Member
Registrato
29 Agosto 2012
Messaggi
56,448
Reaction score
4,235
Il tasso di mortalità è molto più basso perché la stragrande maggioranza degli ammalati non viene tamponata.

Esatto. E' stra pieno di gente asintomatica o che guarisce a casa nel dubbio se sia influenza o covid. I dati sulla mortalità del covid di fatto si basano su pazienti ricoverati, non sulla sua totalità, perchè i tamponi a tutti non li fanno.

Per dire qua nel mio paesino ho scoperto stamattina che un anziano è ammalato certificato di covid...a sua figlio il tampone non è stato nemmeno fatto nonostate ci viva assieme, perchè finchè non sta male il tampone non si fa...e se questo fosse malato asintomatico?
 
Registrato
11 Aprile 2016
Messaggi
60,044
Reaction score
25,757
Oggi è uscito l'esito dello studio svolto sulla provincia di Bergamo, andando a verificare i decessi "reali" e fuori media dei vari comuni della provincia, dopo i numerosi reclami dei sindaci e della popolazione.

I dati sono allarmanti e si riferiscono SOLO al mese di Marzo:

I morti fuori media, rispetto quindi ai decessi che statisticamente avvengono, sono 4.500-5.000 casi, principalmente per "polmonite bilaterale".

I dati ufficiali della protezione civile tuttavia parlano di "soli" 2000 morti, perchè come piu volte detto e testimoniato, i tamponi non vengono fatti a tutti.

La dimensione del contagio, dunque, solo nella provincia di Bergamo è da ritenersi nell'ordine delle 300.000 unità.

Allora ragazzi, io vi dico la mia che non necessariamente deve essere vera o verosimile : all'inizio della pandemia abbiamo commesso tanti ma tanti errori.
Alcuni errori sono riconducibili a una cattiva politica, altri sono figli di approssimazione e limiti , altri errori sono figli della produttività assoluta che abbiamo fermato per gradi.
Abbiamo di certo alcune attenuanti visto che questo virus ci ha colti impreparati, ad esempio.
Giorni fa ho sentito in tv un biologo dire in diretta che agli inizi i tamponi non eravamo nemmeno in grado di farli , un pò perchè non li avevamo ma anche perchè non avevamo i laboratori a cui poggiarci.
Praticamente questi ci ha costretto a perdere tempo prezioso.
Appena ci siamo messi in moto ci siamo illusi di poter stare dietro al virus e siamo andati alla ricerca del paziente zero, uno, anzichè due.
Ben presto ci siamo accorti che era tutto vano : il virus circolava già liberamente da troppo tempo e ,come si dice in gergo, avevamo chiuso il recinto dopo aver perso tutti i buoi.
La prima fase di ricerca dei positivi coi tamponi è però stata aggressiva, forte e anche molto coerente.
Siamo stati davvero trasparenti nel contare i positivi come nel contare i morti per il coronavirus.
A un certo punto però qualcosa si è inceppato, il motore del ssn lombardo non ha più retto e le nuove strutture non sono arrivate coi tempi giusti per continuare quella battaglia su quei ritmi.
Il numero dei morti giornalieri ha iniziato a salire e ha iniziato a salire in un periodo in cui eravamo già fermi come paese e come cittadini e ci saremmo aspettati di vedere i primi risultati dei nostri sacrifici.
La ricerca dei positivi coi tamponi si è drasticamente affievolita, come è cambiata la gestione dei malati e possibili positivi a casa.
Da un pò di giorni a questa parte il numero dei morti è costante ma troppi morti vengono nascosti o comunque contati in modo diverso.
Io mi sono fatto l'idea che la sanità, di comune accordo con la politica, abbia deciso di prendere questa strada.
A un certo punto della storia e della battaglia era quasi indispensabile passare alla gente numeri positivi o far credere che i nostri sacrifici stessero portando a una svolta.
E cosi vediamo che i tamponi sono fatti nel modo giusto , che i positivi sono di meno, che i posti in terapia intensiva vengono liberati.
La realtà è che la gestione è cambiata : in troppi sono abbandonati a casa, nessuno si reca(giustamente ) in pronto soccorso per affollarlo, mancano anche le visite mediche a casa a questi pazienti e il ricovero viene loro riconosciuto solo all'aggravarsi della condizioni, di tamponi nemmeno se ne parla.
Insomma , parallelamente alla tabella della protezione civile vi è come un mondo fantasma, un mondo di persone che come noi ma che lottano nell'anonimato la loro personale battaglia.
I numeri che ci forniscono sono non falsi ma incompleti, perchè era il prezzo quantificato da pagare per non affondare del tutto.
Questo è il lavoro che il ssn può reggere e per non far scoppiare il motore abbiamo tagliato fuori gli esuberi : quelli che a casa se la possono giocare da soli e quelli che forse avrebbero perso anche avendo cure adeguate e tempestive.
La voglia di vedere la luce sta diventando più forte di guardare in faccia la realtà ma fino a quando manderemo a casa dei pazienti con polmonite che è palese che siano affetti da covid e non faremo i tamponi a quelli che è chiaro che sono contagiati per me c'è nulla da rallegrarsi.
Ecco perchè ho coniato l'espressione picco allargato (inteso come finestra temporale) : ora i numeri non aumentano, ma quanto ci metteremo per farli calare??
A un certo punto ci ricorderemo anche dei pazienti fantasma e andremo a prenderci un pò di lavoro arretrato e tutto ciò rallenterà la discesa del picco.
 
Registrato
23 Giugno 2017
Messaggi
2,744
Reaction score
1,146
Che i malati siano di più di quanto dichiarato ormai se ne ha la certezza, questo era anche ipotizzabile per la percentuale dei morti. Ma è proprio su questi che i numeri sono falsati. Qualche giorno fa il Sindaco di Bergamo in una intervista aveva dato dei numeri inequivocabili, su un numero reale di decessi per il Covid-19 tre volte superiore.

Concordo sul fatto che i malati siano superiori al numero segnalato. Come dicevano altri utenti di Bergamo, anch’io ho amici che hanno sviluppato sintomi assimilabili a quelli del Covid-19 ma che non sono stati sottoposti a tampone perché i sintomi erano lievi: fortunatamente, ora sono guariti ma non sono rientrati nei conteggi ufficiali.
 
Alto
head>