Mirabelli:"Calhanoglu scaricato dal Milan. Lui non voleva...".

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
207,078
Reaction score
29,205
Mirabelli a Tuttosport in edicola:"E' stato il Milan a scaricare Calhanoglu. Non è stato lui a volersene andare. Montella si lamentò di lui. Ora fa volare l'Inter"

Intervista completa:

"La gente mi prese quasi per pazzo. In Germania lo conoscevano tutti. Qui si diceva: “Calhanoglu chi?” E si andava su internet per scoprire chi fosse. Poi, quando le persone leggevano che fosse fermo da otto mesi - a causa di una squalifica per aver firmato un doppio contratto - iniziarono a criticare il suo arrivo. Molti non erano contenti. Provi a immaginare, cosa volesse dire per me, presentarsi al Milan portando questo tipo di profilo. Oggi è troppo facile parlare di Calha. Ai tempi si fidi, non era così».


Sembra trascorsa un’eternità. E in occasione del compleanno del calciatore, che oggi spegne trenta candeline, può svelare più di un aneddoto.
«Ci ho creduto veramente. Fassone mi diede grande forza, dicendomi: “Massimo, se pensi sia forte, prendiamolo, non mi interessa del resto”. Non fu semplice portare in quella situazione, in un club importante come il Milan, quel Calhanoglu. Era davvero fuori dai radar, diciamo così. Pensi che quando Montella venne esonerato dal Milan, si lamentò di averlo trovato nello spogliatoio. O meglio, che non fosse un calciatore scelto da lui, ma da me».



Cosa l’aveva colpita di Hakan al Leverkusen?
«Era già allora un calciatore straordinario, che oggi conferma tutto quello che pensavo di lui. Io anni fa, ai suoi allenatori al Milan, dicevo che sarebbe stato un grande play. In Germania giocava esterno a sinistra, largo a destra, ma pure centrale nel 4-4-2. Oltre ad avere qualità fisiche e tecniche importanti, dove lo mettevi ti sfoderava una grande prestazione. Cioè, quasi ti sfidava a scoprire quale fosse il ruolo, dove potesse esprimersi meglio».



Calhanoglu è sempre stato forte, insomma.
«Tatticamente intelligente, un piede come il suo lo hanno in pochi al mondo. Non gli manca nemmeno la corsa. Oggi è il miglior play al mondo. E avevo ragione quando ne parlavo in questi termini con Montella e Gattuso».



Perché non lo acquistò l’Inter?
«Serviva un po’ di coraggio per prendere Calhanoglu dopo che era rimasto fermo otto mesi. Io ero certo di quello che avevo visto e per questo fui ben contento di portarlo al Milan. Ausilio comunque lo conosceva bene. E poi è stato bravo a prenderlo a zero».



Ma perché però non lo aveva acquistato l’Inter prima che lei andasse al Milan?
«Si poteva prendere, è vero. Di fatto lo monitorammo per un paio d’anni. Però sa, ci sono delle dinamiche di mercato che ti portano a scegliere questo o quel calciatore. Ma non diamo a Piero (Ausilio, ndr) colpe che non ha (ride, ndr). Non è un caso che successivamente abbia puntato su di lui».



Al Milan anni comunque importanti per Calha.
«Il suo procuratoe sottolineò come il ragazzo avrebbe gradito la 10. Gli promisi quella casacca solo se avesse fatto un lavoro importante a casa, dato che lo incontrammo prima del suo trasferimento a Milano. Lui era affascinato di poter indossare quel numero, tanto da avere il 10 anche tatuato sulla pelle».



Calhanoglu fece la differenza al Milan, ma oggi è tra i migliori al mondo.
«In rossonero ha fatto tanto, tanto, tanto bene. Oggi ha ritrovato una collocazione tattica, in un sistema di gioco più congeniale. Al Milan ha ricoperto tanti ruoli e fu protagonista».



In che rapporti siete rimasti?
«Lo sento ancora affettuosamente. Mi chiama "father", papà, visto che sono stato importante per la sua carriera, il suo padre calcistico. Non l’avessi portato al Milan, avrebbe forse rischiato di perdersi».
Oggi i tifosi milanisti non lo vedono di buon occhio, diciamo così.
«Quando un giocatore passa da una sponda all’altra è normale che ci siano certi tipi di reazione. I rossoneri sanno di aver perso un giocatore importantissimo, che oggi fa benissimo all’Inter. E questo ovviamente non può far piacere in casa Milan».

I nerazzurri l’hanno soffiato ai rossoneri offrendo solo 500 mila euro in più di ingaggio rispetto a quanto avrebbe percepito al Diavolo.
«La verità è un’altra. Cioè che qualcuno voleva cancellare il lavoro che era stato fatto. Il Milan doveva lottare per tenerlo, non lasciarlo andare via gratis come successo poi anche con Donnarumma e Kessie. I tifosi al Milan lo ammiravano. Oggi pensano che abbia tradito i rossoneri, ma non è così. È il Milan che non ha voluto trattenere Calhanoglu, non Calhanoglu che se n’è voluto andare via dal Milan».



Se oggi il turco fosse ancora rossonero, la classifica sarebbe diversa?
«Lui è uno che fa la differenza. Quei punti di distacco che ci sono adesso tra Inter e Milan, forse sarebbero stati ribaltati se Calha fosse rimasto. I rossoneri devono mordersi le mani per quanto accaduto».



Cosa vuole dirgli?
«Tanti auguri Hakan. Anzi, tanti auguri “My son”, figlio mio. Continua così».


—) Milan: tutte le news dell'8 febbraio 2024. Riepilogo.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
207,078
Reaction score
29,205
Mirabelli a Tuttosport in edicola:"E' stato il Milan a scaricare Calhanoglu. Non è stato lui a volersene andare. Montella si lamentò di lui. Ora fa volare l'Inter"

Intervista completa:

"La gente mi prese quasi per pazzo. In Germania lo conoscevano tutti. Qui si diceva: “Calhanoglu chi?” E si andava su internet per scoprire chi fosse. Poi, quando le persone leggevano che fosse fermo da otto mesi - a causa di una squalifica per aver firmato un doppio contratto - iniziarono a criticare il suo arrivo. Molti non erano contenti. Provi a immaginare, cosa volesse dire per me, presentarsi al Milan portando questo tipo di profilo. Oggi è troppo facile parlare di Calha. Ai tempi si fidi, non era così».


Sembra trascorsa un’eternità. E in occasione del compleanno del calciatore, che oggi spegne trenta candeline, può svelare più di un aneddoto.
«Ci ho creduto veramente. Fassone mi diede grande forza, dicendomi: “Massimo, se pensi sia forte, prendiamolo, non mi interessa del resto”. Non fu semplice portare in quella situazione, in un club importante come il Milan, quel Calhanoglu. Era davvero fuori dai radar, diciamo così. Pensi che quando Montella venne esonerato dal Milan, si lamentò di averlo trovato nello spogliatoio. O meglio, che non fosse un calciatore scelto da lui, ma da me».



Cosa l’aveva colpita di Hakan al Leverkusen?
«Era già allora un calciatore straordinario, che oggi conferma tutto quello che pensavo di lui. Io anni fa, ai suoi allenatori al Milan, dicevo che sarebbe stato un grande play. In Germania giocava esterno a sinistra, largo a destra, ma pure centrale nel 4-4-2. Oltre ad avere qualità fisiche e tecniche importanti, dove lo mettevi ti sfoderava una grande prestazione. Cioè, quasi ti sfidava a scoprire quale fosse il ruolo, dove potesse esprimersi meglio».



Calhanoglu è sempre stato forte, insomma.
«Tatticamente intelligente, un piede come il suo lo hanno in pochi al mondo. Non gli manca nemmeno la corsa. Oggi è il miglior play al mondo. E avevo ragione quando ne parlavo in questi termini con Montella e Gattuso».



Perché non lo acquistò l’Inter?
«Serviva un po’ di coraggio per prendere Calhanoglu dopo che era rimasto fermo otto mesi. Io ero certo di quello che avevo visto e per questo fui ben contento di portarlo al Milan. Ausilio comunque lo conosceva bene. E poi è stato bravo a prenderlo a zero».



Ma perché però non lo aveva acquistato l’Inter prima che lei andasse al Milan?
«Si poteva prendere, è vero. Di fatto lo monitorammo per un paio d’anni. Però sa, ci sono delle dinamiche di mercato che ti portano a scegliere questo o quel calciatore. Ma non diamo a Piero (Ausilio, ndr) colpe che non ha (ride, ndr). Non è un caso che successivamente abbia puntato su di lui».



Al Milan anni comunque importanti per Calha.
«Il suo procuratoe sottolineò come il ragazzo avrebbe gradito la 10. Gli promisi quella casacca solo se avesse fatto un lavoro importante a casa, dato che lo incontrammo prima del suo trasferimento a Milano. Lui era affascinato di poter indossare quel numero, tanto da avere il 10 anche tatuato sulla pelle».



Calhanoglu fece la differenza al Milan, ma oggi è tra i migliori al mondo.
«In rossonero ha fatto tanto, tanto, tanto bene. Oggi ha ritrovato una collocazione tattica, in un sistema di gioco più congeniale. Al Milan ha ricoperto tanti ruoli e fu protagonista».



In che rapporti siete rimasti?
«Lo sento ancora affettuosamente. Mi chiama "father", papà, visto che sono stato importante per la sua carriera, il suo padre calcistico. Non l’avessi portato al Milan, avrebbe forse rischiato di perdersi».
Oggi i tifosi milanisti non lo vedono di buon occhio, diciamo così.
«Quando un giocatore passa da una sponda all’altra è normale che ci siano certi tipi di reazione. I rossoneri sanno di aver perso un giocatore importantissimo, che oggi fa benissimo all’Inter. E questo ovviamente non può far piacere in casa Milan».

I nerazzurri l’hanno soffiato ai rossoneri offrendo solo 500 mila euro in più di ingaggio rispetto a quanto avrebbe percepito al Diavolo.
«La verità è un’altra. Cioè che qualcuno voleva cancellare il lavoro che era stato fatto. Il Milan doveva lottare per tenerlo, non lasciarlo andare via gratis come successo poi anche con Donnarumma e Kessie. I tifosi al Milan lo ammiravano. Oggi pensano che abbia tradito i rossoneri, ma non è così. È il Milan che non ha voluto trattenere Calhanoglu, non Calhanoglu che se n’è voluto andare via dal Milan».



Se oggi il turco fosse ancora rossonero, la classifica sarebbe diversa?
«Lui è uno che fa la differenza. Quei punti di distacco che ci sono adesso tra Inter e Milan, forse sarebbero stati ribaltati se Calha fosse rimasto. I rossoneri devono mordersi le mani per quanto accaduto».



Cosa vuole dirgli?
«Tanti auguri Hakan. Anzi, tanti auguri “My son”, figlio mio. Continua così».
.
 

Mika

Senior Member
Registrato
29 Aprile 2017
Messaggi
14,055
Reaction score
6,463
Mirabelli a Tuttosport in edicola:"E' stato il Milan a scaricare Calhanoglu. Non è stato lui a volersene andare. Montella si lamentò di lui. Ora fa volare l'Inter"

Intervista completa:

"La gente mi prese quasi per pazzo. In Germania lo conoscevano tutti. Qui si diceva: “Calhanoglu chi?” E si andava su internet per scoprire chi fosse. Poi, quando le persone leggevano che fosse fermo da otto mesi - a causa di una squalifica per aver firmato un doppio contratto - iniziarono a criticare il suo arrivo. Molti non erano contenti. Provi a immaginare, cosa volesse dire per me, presentarsi al Milan portando questo tipo di profilo. Oggi è troppo facile parlare di Calha. Ai tempi si fidi, non era così».


Sembra trascorsa un’eternità. E in occasione del compleanno del calciatore, che oggi spegne trenta candeline, può svelare più di un aneddoto.
«Ci ho creduto veramente. Fassone mi diede grande forza, dicendomi: “Massimo, se pensi sia forte, prendiamolo, non mi interessa del resto”. Non fu semplice portare in quella situazione, in un club importante come il Milan, quel Calhanoglu. Era davvero fuori dai radar, diciamo così. Pensi che quando Montella venne esonerato dal Milan, si lamentò di averlo trovato nello spogliatoio. O meglio, che non fosse un calciatore scelto da lui, ma da me».



Cosa l’aveva colpita di Hakan al Leverkusen?
«Era già allora un calciatore straordinario, che oggi conferma tutto quello che pensavo di lui. Io anni fa, ai suoi allenatori al Milan, dicevo che sarebbe stato un grande play. In Germania giocava esterno a sinistra, largo a destra, ma pure centrale nel 4-4-2. Oltre ad avere qualità fisiche e tecniche importanti, dove lo mettevi ti sfoderava una grande prestazione. Cioè, quasi ti sfidava a scoprire quale fosse il ruolo, dove potesse esprimersi meglio».



Calhanoglu è sempre stato forte, insomma.
«Tatticamente intelligente, un piede come il suo lo hanno in pochi al mondo. Non gli manca nemmeno la corsa. Oggi è il miglior play al mondo. E avevo ragione quando ne parlavo in questi termini con Montella e Gattuso».



Perché non lo acquistò l’Inter?
«Serviva un po’ di coraggio per prendere Calhanoglu dopo che era rimasto fermo otto mesi. Io ero certo di quello che avevo visto e per questo fui ben contento di portarlo al Milan. Ausilio comunque lo conosceva bene. E poi è stato bravo a prenderlo a zero».



Ma perché però non lo aveva acquistato l’Inter prima che lei andasse al Milan?
«Si poteva prendere, è vero. Di fatto lo monitorammo per un paio d’anni. Però sa, ci sono delle dinamiche di mercato che ti portano a scegliere questo o quel calciatore. Ma non diamo a Piero (Ausilio, ndr) colpe che non ha (ride, ndr). Non è un caso che successivamente abbia puntato su di lui».



Al Milan anni comunque importanti per Calha.
«Il suo procuratoe sottolineò come il ragazzo avrebbe gradito la 10. Gli promisi quella casacca solo se avesse fatto un lavoro importante a casa, dato che lo incontrammo prima del suo trasferimento a Milano. Lui era affascinato di poter indossare quel numero, tanto da avere il 10 anche tatuato sulla pelle».



Calhanoglu fece la differenza al Milan, ma oggi è tra i migliori al mondo.
«In rossonero ha fatto tanto, tanto, tanto bene. Oggi ha ritrovato una collocazione tattica, in un sistema di gioco più congeniale. Al Milan ha ricoperto tanti ruoli e fu protagonista».



In che rapporti siete rimasti?
«Lo sento ancora affettuosamente. Mi chiama "father", papà, visto che sono stato importante per la sua carriera, il suo padre calcistico. Non l’avessi portato al Milan, avrebbe forse rischiato di perdersi».
Oggi i tifosi milanisti non lo vedono di buon occhio, diciamo così.
«Quando un giocatore passa da una sponda all’altra è normale che ci siano certi tipi di reazione. I rossoneri sanno di aver perso un giocatore importantissimo, che oggi fa benissimo all’Inter. E questo ovviamente non può far piacere in casa Milan».

I nerazzurri l’hanno soffiato ai rossoneri offrendo solo 500 mila euro in più di ingaggio rispetto a quanto avrebbe percepito al Diavolo.
«La verità è un’altra. Cioè che qualcuno voleva cancellare il lavoro che era stato fatto. Il Milan doveva lottare per tenerlo, non lasciarlo andare via gratis come successo poi anche con Donnarumma e Kessie. I tifosi al Milan lo ammiravano. Oggi pensano che abbia tradito i rossoneri, ma non è così. È il Milan che non ha voluto trattenere Calhanoglu, non Calhanoglu che se n’è voluto andare via dal Milan».



Se oggi il turco fosse ancora rossonero, la classifica sarebbe diversa?
«Lui è uno che fa la differenza. Quei punti di distacco che ci sono adesso tra Inter e Milan, forse sarebbero stati ribaltati se Calha fosse rimasto. I rossoneri devono mordersi le mani per quanto accaduto».



Cosa vuole dirgli?
«Tanti auguri Hakan. Anzi, tanti auguri “My son”, figlio mio. Continua così».

41d66093-e103-465b-bb13-f4beae64a19e
Io so che qui dentro veniva insultato uno giorno si e l'altro pure, il suo topic era pieno di scherno. Non mi manca.
 
Registrato
11 Aprile 2016
Messaggi
60,484
Reaction score
26,299
Mi pare il connubio degli sfigati quello tra calha e mirabelli.
Ad ogni modo : come sono andate avanti le negoziazioni per il rinnovo tra milan e calha, sempre che le negoziazioni ci siano state, io non lo so.
Non lo so se c'erano incontri periodici , non so se ci fosse una domanda e un'offerta, non so quale fosse le forbice, non so perchè si sia arrivati all'anno della scadenza.
Perchè, ammesso e non concesso che il milan, nelle figura dei nuovi dirigenti, non volesse più il turco in squadra, non capisco perchè non lo abbiano venduto a suo tempo anzichè perderlo a zero.
Escludo categoricamente fossero cosi idioti da rinunciare a una buona cessione monetaria del cartellino.

Altro punto : perchè tutti parlano del presunto ingaggio maggiorato offerto dal marmotta, si parla di 500 mila euro, ma nessuno fa riferimento al bonus alla firma?
Davvero crediamo abbia firmato a zero senza lauta commissione per lui e il suo procuratore?
Magari a voler rompere col milan era soprattutto il procuratore perchè ci avrebbe guadagnato parecchio.

Io non lo avrei fatto andar via il ragazzo ma non perchè sia un suo estimatore e non lo reputo nemmeno fortissimo e indispensabile ma semplicemente perchè sono per la continuità tecnica e il ragazzo all'epoca era titolare nonchè nel cuore del gioco.
E per come vedo io il calcio i titolari vanno tenuti e ceduti semmai al momento giusto e quando li cedi poi li devi sostituire.
Il milan ha perso in serie calha. kessie e tonali per sostituirli sempre con profili diametralmente opposti.
Mi viene da credere la dirigenza sia stata approssimativa ma il tecnico abbia voluto far anche il fenomeno.
L'anno dello scudetto ci è andata tutto sommato bene o non ne abbiamo viste le conseguenze sul breve periodo, parlo del cambio calha-diaz, ma con kessie e tonali abbiamo fatto 2 errori marchiani di valutazione.
Tutti errori da noi altri non evoluti anticipati per tempo.
Poi, vabbè, scopri dal mister che la nostra mission è difendere in avanti e fare un gol più degli altri e ti cadono le palle a terra...
 
Registrato
28 Agosto 2012
Messaggi
13,225
Reaction score
3,875
Mi pare il connubio degli sfigati quello tra calha e mirabelli.
Ad ogni modo : come sono andate avanti le negoziazioni per il rinnovo tra milan e calha, sempre che le negoziazioni ci siano state, io non lo so.
Non lo so se c'erano incontri periodici , non so se ci fosse una domanda e un'offerta, non so quale fosse le forbice, non so perchè si sia arrivati all'anno della scadenza.
Perchè, ammesso e non concesso che il milan, nelle figura dei nuovi dirigenti, non volesse più il turco in squadra, non capisco perchè non lo abbiano venduto a suo tempo anzichè perderlo a zero.
Escludo categoricamente fossero cosi idioti da rinunciare a una buona cessione monetaria del cartellino.

Altro punto : perchè tutti parlano del presunto ingaggio maggiorato offerto dal marmotta, si parla di 500 mila euro, ma nessuno fa riferimento al bonus alla firma?
Davvero crediamo abbia firmato a zero senza lauta commissione per lui e il suo procuratore?
Magari a voler rompere col milan era soprattutto il procuratore perchè ci avrebbe guadagnato parecchio.

Io non lo avrei fatto andar via il ragazzo ma non perchè sia un suo estimatore e non lo reputo nemmeno fortissimo e indispensabile ma semplicemente perchè sono per la continuità tecnica e il ragazzo all'epoca era titolare nonchè nel cuore del gioco.
E per come vedo io il calcio i titolari vanno tenuti e ceduti semmai al momento giusto e quando li cedi poi li devi sostituire.
Il milan ha perso in serie calha. kessie e tonali per sostituirli sempre con profili diametralmente opposti.
Mi viene da credere la dirigenza sia stata approssimativa ma il tecnico abbia voluto far anche il fenomeno.
L'anno dello scudetto ci è andata tutto sommato bene o non ne abbiamo viste le conseguenze sul breve periodo, parlo del cambio calha-diaz, ma con kessie e tonali abbiamo fatto 2 errori marchiani di valutazione.
Tutti errori da noi altri non evoluti anticipati per tempo.
Poi, vabbè, scopri dal mister che la nostra mission è difendere in avanti e fare un gol più degli altri e ti cadono le palle a terra...

Lasciando perdere Donnarumma, con Kessie e il turco persi a zero la dirigenza ha avuto grandi colpe a non sistemare le cose l’anno precedente. Comunque il cornutaccio è andato alle melme per vincere e nei primi due anni abbiamo vinto noi e il Napoli, quest anno non succede ma se succede…..
 
Registrato
8 Febbraio 2019
Messaggi
16,661
Reaction score
8,863
basta con sto Ciapanoglu, sta facendo molto bene, innegabile, ma è normale in una squadra che quest'anno gira alla perfezione come il Napoli dello scorso anno. Anche Acerbi sembra Baresi dai. L'Inter sta overperformando, ma sembra che non se ne renda conto nessuno.
 

kipstar

Senior Member
Registrato
14 Luglio 2016
Messaggi
15,158
Reaction score
1,260
argomento che ha stancato i più.....a io non lo rimpiango. Mi spiace che sia andato via per un ingaggio di poco più alto.....ma non vedo che faccia cose eccezionali.....fa il lavoro che faceva da noi....



imho
 
Alto
head>