Milan: Osti nel mirino. Ma è stimato. Il club riflette.

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
200,208
Reaction score
25,710
GDS: Matteo Osti gode di grande popolarità tra i tifosi rossoneri: insolito per un preparatore atletico, una figura che lavora dietro le quinte. Online è invece considerato un protagonista e gli è affidata la parte del cattivo. Ai milanisti che lo ritengono il principale colpevole della salute (cagionevole) dei muscoli di Kalulu, Leao, Thiaw... Osti può opporre il titolo di miglior preparatore del 2021-22, l’anno dello scudetto. Premiato con il Cronometro d’Oro dai suoi stessi colleghi. «Ormai sono vent’anni che faccio questo mestiere ed è davvero un grande onore aver raggiunto questo obiettivo», disse allora. Classe 1971, originario di Ostiglia, in provincia di Mantova, Osti
in Serie A ha curato la preparazione atletica del Chievo nel 2010, poi del Palermo. Al Bologna nel 2011 è iniziata la collaborazione con Stefano Pioli, proseguita con Lazio, Inter, Fiorentina e Milan. Per la società l’allenatore e il suo staff non sono i principali responsabili dei tanti stop fisici della rosa rossonera: al massimo, partecipano alla colpa. Che per certi versi è anche riconosciuta: «Cercheremo di capire il perché di tanti infortuni, il dato mi preoccupa» ammette Pioli. Mentre non si è verificata la previsione fatta prima di Milan-Fiorentina: «La sosta ci è servita per cercare qualche soluzione, sono sicuro che i numeri sugli infortuni miglioreranno in futuro». In ogni caso è inevitabile che all’esterno si associ il lavoro del preparatore atletico alla tenuta fisica della squadra

E anche dentro Milanello una riflessione sui metodi di lavoro di Osti e dello staff sarà fatta di nuovo. Solo dieci giorni fa lo stesso Osti aveva partecipato come relatore al convegno “Il nuovo calcio” dove era stato ascoltato come esperto di «allenamenti ad alta velocità ed intensità nel gioco del calcio». Nell’oc- casione aveva spiegato: «I cardini del nostro lavoro? Consapevolezza e responsabilità. Il calciatore va coinvolto anche durante il lavoro atletico, ne è parte attiva. Per questo puntiamo a coinvolgere il più possibile anche chi gioca meno. Non è raro vedere giocatori a lavoro, anche un’ora dopo la fine della seduta. Restano a recuperare, imparano a gestirsi». Curiosità: un precedente analogo, con il preparatore atletico sul banco degli imputati, aveva già coinvolto il club nel 2017. Il Milan di Montella, molle e scarico in alcune uscite, individuò il colpevole in Emanuele Marra, addetto alla preparazione. La società decise di allontanarlo

MILAN 26-53 INFORTUNI. THIAW SI OPERA O FA TERAPIA? QUI -) Milan: 26-53 infortuni. Thiaw: intervento o terapia?

MILAN: OSTI NEL MIRINO. MA... QUI -) Milan: Osti nel mirino. Ma è stimato. Il club riflette.

MILAN: BENNACER TORNA COL FROSINONE QUI -) Milan: Bennacer torna col Frosinone
 

Andris

Senior Member
Registrato
21 Febbraio 2019
Messaggi
34,155
Reaction score
10,206
per la società non è lo staff il colpevole, allora chi sarebbe ?
non si può dire che si giochi troppo, perchè questo vale per tutti e in più la nostra rosa non è anagraficamente più anziana degli altri anzi il contrario
 
Registrato
13 Gennaio 2014
Messaggi
31,580
Reaction score
9,594
per la società non è lo staff il colpevole, allora chi sarebbe ?
non si può dire che si giochi troppo, perchè questo vale per tutti e in più la nostra rosa non è anagraficamente più anziana degli altri anzi il contrario
Io mi immagino che un consulente esterno ( forse più di uno), abbia analizzato gli allenamenti e sancito che secondo lui ( loro) non c'è nulla di anomalo.

Però, la situazione non è normale, quindi da qualche parte sicuramente l' errore c'è, solo che non lo si trova.

A meno che, si sappia quale sia il problema ma non si possa dire, ma andiamo nel campo del complottismo.... e alcune cose non si possono scrivere.
 

Lineker10

Senior Member
Registrato
20 Giugno 2017
Messaggi
26,872
Reaction score
10,731
GDS: Matteo Osti gode di grande popolarità tra i tifosi rossoneri: insolito per un preparatore atletico, una figura che lavora dietro le quinte. Online è invece considerato un protagonista e gli è affidata la parte del cattivo. Ai milanisti che lo ritengono il principale colpevole della salute (cagionevole) dei muscoli di Kalulu, Leao, Thiaw... Osti può opporre il titolo di miglior preparatore del 2021-22, l’anno dello scudetto. Premiato con il Cronometro d’Oro dai suoi stessi colleghi. «Ormai sono vent’anni che faccio questo mestiere ed è davvero un grande onore aver raggiunto questo obiettivo», disse allora. Classe 1971, originario di Ostiglia, in provincia di Mantova, Osti
in Serie A ha curato la preparazione atletica del Chievo nel 2010, poi del Palermo. Al Bologna nel 2011 è iniziata la collaborazione con Stefano Pioli, proseguita con Lazio, Inter, Fiorentina e Milan. Per la società l’allenatore e il suo staff non sono i principali responsabili dei tanti stop fisici della rosa rossonera: al massimo, partecipano alla colpa. Che per certi versi è anche riconosciuta: «Cercheremo di capire il perché di tanti infortuni, il dato mi preoccupa» ammette Pioli. Mentre non si è verificata la previsione fatta prima di Milan-Fiorentina: «La sosta ci è servita per cercare qualche soluzione, sono sicuro che i numeri sugli infortuni miglioreranno in futuro». In ogni caso è inevitabile che all’esterno si associ il lavoro del preparatore atletico alla tenuta fisica della squadra

E anche dentro Milanello una riflessione sui metodi di lavoro di Osti e dello staff sarà fatta di nuovo. Solo dieci giorni fa lo stesso Osti aveva partecipato come relatore al convegno “Il nuovo calcio” dove era stato ascoltato come esperto di «allenamenti ad alta velocità ed intensità nel gioco del calcio». Nell’oc- casione aveva spiegato: «I cardini del nostro lavoro? Consapevolezza e responsabilità. Il calciatore va coinvolto anche durante il lavoro atletico, ne è parte attiva. Per questo puntiamo a coinvolgere il più possibile anche chi gioca meno. Non è raro vedere giocatori a lavoro, anche un’ora dopo la fine della seduta. Restano a recuperare, imparano a gestirsi». Curiosità: un precedente analogo, con il preparatore atletico sul banco degli imputati, aveva già coinvolto il club nel 2017. Il Milan di Montella, molle e scarico in alcune uscite, individuò il colpevole in Emanuele Marra, addetto alla preparazione. La società decise di allontanarlo

MILAN 26-53 INFORTUNI. THIAW SI OPERA O FA TERAPIA? QUI -)
Milan: 26-53 infortuni. Thiaw: intervento o terapia?
Stiamo rivivendo la medesima stagione davvero.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
200,208
Reaction score
25,710
GDS: Matteo Osti gode di grande popolarità tra i tifosi rossoneri: insolito per un preparatore atletico, una figura che lavora dietro le quinte. Online è invece considerato un protagonista e gli è affidata la parte del cattivo. Ai milanisti che lo ritengono il principale colpevole della salute (cagionevole) dei muscoli di Kalulu, Leao, Thiaw... Osti può opporre il titolo di miglior preparatore del 2021-22, l’anno dello scudetto. Premiato con il Cronometro d’Oro dai suoi stessi colleghi. «Ormai sono vent’anni che faccio questo mestiere ed è davvero un grande onore aver raggiunto questo obiettivo», disse allora. Classe 1971, originario di Ostiglia, in provincia di Mantova, Osti
in Serie A ha curato la preparazione atletica del Chievo nel 2010, poi del Palermo. Al Bologna nel 2011 è iniziata la collaborazione con Stefano Pioli, proseguita con Lazio, Inter, Fiorentina e Milan. Per la società l’allenatore e il suo staff non sono i principali responsabili dei tanti stop fisici della rosa rossonera: al massimo, partecipano alla colpa. Che per certi versi è anche riconosciuta: «Cercheremo di capire il perché di tanti infortuni, il dato mi preoccupa» ammette Pioli. Mentre non si è verificata la previsione fatta prima di Milan-Fiorentina: «La sosta ci è servita per cercare qualche soluzione, sono sicuro che i numeri sugli infortuni miglioreranno in futuro». In ogni caso è inevitabile che all’esterno si associ il lavoro del preparatore atletico alla tenuta fisica della squadra

E anche dentro Milanello una riflessione sui metodi di lavoro di Osti e dello staff sarà fatta di nuovo. Solo dieci giorni fa lo stesso Osti aveva partecipato come relatore al convegno “Il nuovo calcio” dove era stato ascoltato come esperto di «allenamenti ad alta velocità ed intensità nel gioco del calcio». Nell’oc- casione aveva spiegato: «I cardini del nostro lavoro? Consapevolezza e responsabilità. Il calciatore va coinvolto anche durante il lavoro atletico, ne è parte attiva. Per questo puntiamo a coinvolgere il più possibile anche chi gioca meno. Non è raro vedere giocatori a lavoro, anche un’ora dopo la fine della seduta. Restano a recuperare, imparano a gestirsi». Curiosità: un precedente analogo, con il preparatore atletico sul banco degli imputati, aveva già coinvolto il club nel 2017. Il Milan di Montella, molle e scarico in alcune uscite, individuò il colpevole in Emanuele Marra, addetto alla preparazione. La società decise di allontanarlo

MILAN 26-53 INFORTUNI. THIAW SI OPERA O FA TERAPIA? QUI -) Milan: 26-53 infortuni. Thiaw: intervento o terapia?

MILAN: OSTI NEL MIRINO. MA... QUI -) Milan: Osti nel mirino. Ma è stimato. Il club riflette.

MILAN: BENNACER TORNA COL FROSINONE QUI -) Milan: Bennacer torna col Frosinone
.
 
Registrato
8 Maggio 2016
Messaggi
4,918
Reaction score
1,051
Noi giustamente siamo delusi e arrabbiati, ma comunque siamo a -6 dalla vetta.
Un senso a questa stagione si può ancora dare.

Gli interisti sono terrorizzati dal fatto che probabilmente usciremo da tutte le competizioni.
 
Registrato
11 Aprile 2016
Messaggi
59,099
Reaction score
24,662
GDS: Matteo Osti gode di grande popolarità tra i tifosi rossoneri: insolito per un preparatore atletico, una figura che lavora dietro le quinte. Online è invece considerato un protagonista e gli è affidata la parte del cattivo. Ai milanisti che lo ritengono il principale colpevole della salute (cagionevole) dei muscoli di Kalulu, Leao, Thiaw... Osti può opporre il titolo di miglior preparatore del 2021-22, l’anno dello scudetto. Premiato con il Cronometro d’Oro dai suoi stessi colleghi. «Ormai sono vent’anni che faccio questo mestiere ed è davvero un grande onore aver raggiunto questo obiettivo», disse allora. Classe 1971, originario di Ostiglia, in provincia di Mantova, Osti
in Serie A ha curato la preparazione atletica del Chievo nel 2010, poi del Palermo. Al Bologna nel 2011 è iniziata la collaborazione con Stefano Pioli, proseguita con Lazio, Inter, Fiorentina e Milan. Per la società l’allenatore e il suo staff non sono i principali responsabili dei tanti stop fisici della rosa rossonera: al massimo, partecipano alla colpa. Che per certi versi è anche riconosciuta: «Cercheremo di capire il perché di tanti infortuni, il dato mi preoccupa» ammette Pioli. Mentre non si è verificata la previsione fatta prima di Milan-Fiorentina: «La sosta ci è servita per cercare qualche soluzione, sono sicuro che i numeri sugli infortuni miglioreranno in futuro». In ogni caso è inevitabile che all’esterno si associ il lavoro del preparatore atletico alla tenuta fisica della squadra

E anche dentro Milanello una riflessione sui metodi di lavoro di Osti e dello staff sarà fatta di nuovo. Solo dieci giorni fa lo stesso Osti aveva partecipato come relatore al convegno “Il nuovo calcio” dove era stato ascoltato come esperto di «allenamenti ad alta velocità ed intensità nel gioco del calcio». Nell’oc- casione aveva spiegato: «I cardini del nostro lavoro? Consapevolezza e responsabilità. Il calciatore va coinvolto anche durante il lavoro atletico, ne è parte attiva. Per questo puntiamo a coinvolgere il più possibile anche chi gioca meno. Non è raro vedere giocatori a lavoro, anche un’ora dopo la fine della seduta. Restano a recuperare, imparano a gestirsi». Curiosità: un precedente analogo, con il preparatore atletico sul banco degli imputati, aveva già coinvolto il club nel 2017. Il Milan di Montella, molle e scarico in alcune uscite, individuò il colpevole in Emanuele Marra, addetto alla preparazione. La società decise di allontanarlo

MILAN 26-53 INFORTUNI. THIAW SI OPERA O FA TERAPIA? QUI -) Milan: 26-53 infortuni. Thiaw: intervento o terapia?

MILAN: OSTI NEL MIRINO. MA... QUI -) Milan: Osti nel mirino. Ma è stimato. Il club riflette.

MILAN: BENNACER TORNA COL FROSINONE QUI -) Milan: Bennacer torna col Frosinone
In un anno e mezzo se non erro abbiamo avuto 4 distacchi del tendine.
Calabria, florenzi, kalulu e ora thiaw.
 

shevchampions

Junior Member
Registrato
14 Luglio 2017
Messaggi
1,021
Reaction score
316
GDS: Matteo Osti gode di grande popolarità tra i tifosi rossoneri: insolito per un preparatore atletico, una figura che lavora dietro le quinte. Online è invece considerato un protagonista e gli è affidata la parte del cattivo. Ai milanisti che lo ritengono il principale colpevole della salute (cagionevole) dei muscoli di Kalulu, Leao, Thiaw... Osti può opporre il titolo di miglior preparatore del 2021-22, l’anno dello scudetto. Premiato con il Cronometro d’Oro dai suoi stessi colleghi. «Ormai sono vent’anni che faccio questo mestiere ed è davvero un grande onore aver raggiunto questo obiettivo», disse allora. Classe 1971, originario di Ostiglia, in provincia di Mantova, Osti
in Serie A ha curato la preparazione atletica del Chievo nel 2010, poi del Palermo. Al Bologna nel 2011 è iniziata la collaborazione con Stefano Pioli, proseguita con Lazio, Inter, Fiorentina e Milan. Per la società l’allenatore e il suo staff non sono i principali responsabili dei tanti stop fisici della rosa rossonera: al massimo, partecipano alla colpa. Che per certi versi è anche riconosciuta: «Cercheremo di capire il perché di tanti infortuni, il dato mi preoccupa» ammette Pioli. Mentre non si è verificata la previsione fatta prima di Milan-Fiorentina: «La sosta ci è servita per cercare qualche soluzione, sono sicuro che i numeri sugli infortuni miglioreranno in futuro». In ogni caso è inevitabile che all’esterno si associ il lavoro del preparatore atletico alla tenuta fisica della squadra

E anche dentro Milanello una riflessione sui metodi di lavoro di Osti e dello staff sarà fatta di nuovo. Solo dieci giorni fa lo stesso Osti aveva partecipato come relatore al convegno “Il nuovo calcio” dove era stato ascoltato come esperto di «allenamenti ad alta velocità ed intensità nel gioco del calcio». Nell’oc- casione aveva spiegato: «I cardini del nostro lavoro? Consapevolezza e responsabilità. Il calciatore va coinvolto anche durante il lavoro atletico, ne è parte attiva. Per questo puntiamo a coinvolgere il più possibile anche chi gioca meno. Non è raro vedere giocatori a lavoro, anche un’ora dopo la fine della seduta. Restano a recuperare, imparano a gestirsi». Curiosità: un precedente analogo, con il preparatore atletico sul banco degli imputati, aveva già coinvolto il club nel 2017. Il Milan di Montella, molle e scarico in alcune uscite, individuò il colpevole in Emanuele Marra, addetto alla preparazione. La società decise di allontanarlo

MILAN 26-53 INFORTUNI. THIAW SI OPERA O FA TERAPIA? QUI -) Milan: 26-53 infortuni. Thiaw: intervento o terapia?

MILAN: OSTI NEL MIRINO. MA... QUI -) Milan: Osti nel mirino. Ma è stimato. Il club riflette.

MILAN: BENNACER TORNA COL FROSINONE QUI -) Milan: Bennacer torna col Frosinone
Io son sempre convinto che le responsabilità della preparazione atletica siano dell’allenatore. L’allenatore vuole fare un tipo preciso di calcio e lo comunica al preparatore che programma la parte atletica degli allenamenti per adattare i muscoli dei calciatori a quel calcio. Il mirino dovrebbe essere puntato altrove, ma figuriamoci.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
200,208
Reaction score
25,710
GDS: Matteo Osti gode di grande popolarità tra i tifosi rossoneri: insolito per un preparatore atletico, una figura che lavora dietro le quinte. Online è invece considerato un protagonista e gli è affidata la parte del cattivo. Ai milanisti che lo ritengono il principale colpevole della salute (cagionevole) dei muscoli di Kalulu, Leao, Thiaw... Osti può opporre il titolo di miglior preparatore del 2021-22, l’anno dello scudetto. Premiato con il Cronometro d’Oro dai suoi stessi colleghi. «Ormai sono vent’anni che faccio questo mestiere ed è davvero un grande onore aver raggiunto questo obiettivo», disse allora. Classe 1971, originario di Ostiglia, in provincia di Mantova, Osti
in Serie A ha curato la preparazione atletica del Chievo nel 2010, poi del Palermo. Al Bologna nel 2011 è iniziata la collaborazione con Stefano Pioli, proseguita con Lazio, Inter, Fiorentina e Milan. Per la società l’allenatore e il suo staff non sono i principali responsabili dei tanti stop fisici della rosa rossonera: al massimo, partecipano alla colpa. Che per certi versi è anche riconosciuta: «Cercheremo di capire il perché di tanti infortuni, il dato mi preoccupa» ammette Pioli. Mentre non si è verificata la previsione fatta prima di Milan-Fiorentina: «La sosta ci è servita per cercare qualche soluzione, sono sicuro che i numeri sugli infortuni miglioreranno in futuro». In ogni caso è inevitabile che all’esterno si associ il lavoro del preparatore atletico alla tenuta fisica della squadra

E anche dentro Milanello una riflessione sui metodi di lavoro di Osti e dello staff sarà fatta di nuovo. Solo dieci giorni fa lo stesso Osti aveva partecipato come relatore al convegno “Il nuovo calcio” dove era stato ascoltato come esperto di «allenamenti ad alta velocità ed intensità nel gioco del calcio». Nell’oc- casione aveva spiegato: «I cardini del nostro lavoro? Consapevolezza e responsabilità. Il calciatore va coinvolto anche durante il lavoro atletico, ne è parte attiva. Per questo puntiamo a coinvolgere il più possibile anche chi gioca meno. Non è raro vedere giocatori a lavoro, anche un’ora dopo la fine della seduta. Restano a recuperare, imparano a gestirsi». Curiosità: un precedente analogo, con il preparatore atletico sul banco degli imputati, aveva già coinvolto il club nel 2017. Il Milan di Montella, molle e scarico in alcune uscite, individuò il colpevole in Emanuele Marra, addetto alla preparazione. La società decise di allontanarlo

MILAN 26-53 INFORTUNI. THIAW SI OPERA O FA TERAPIA? QUI -) Milan: 26-53 infortuni. Thiaw: intervento o terapia?

MILAN: OSTI NEL MIRINO. MA... QUI -) Milan: Osti nel mirino. Ma è stimato. Il club riflette.

MILAN: BENNACER TORNA COL FROSINONE QUI -) Milan: Bennacer torna col Frosinone
,
 
Alto
head>