Milan: gli infortuni non finiscono mai. Si spera in Calabria e Theo.

Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
199,865
Reaction score
25,647
Tuttosport in edicola mette in risalto il solito problema infortuni in casa Milan: Bennacer, Calabria, Caldara, Kalulu, Maignan e Theo Hernandez. Più Krunic. Ci risiamo. Ieri il Milan non si è allenato e Stefano Pioli ritroverà la sua squadra oggi a Milanello per iniziare a preparare la trasferta di mercoledì a Cagliari, ma, come già capitato tante, forse troppe volte nelle scorse stagioni, dovrà capire con quanti giocatori indisponibili si ritroverà. L’elenco, come riportato nelle prime righe, comincia a essere già nutrito: Bennacer e Caldara sono out per mesi, complici due interventi chirurgici - l’algerino a maggio, il difensore pochi giorni fa -; Kalulu ha riportato una lesione al retto femorale della coscia sinistra durante la sosta di settembre; Maignan ha riportato un risentimento al flessore della coscia sinistra la settimana scorsa contro il Newcastle e lavorerà per provare il recupero sabato contro la Lazio; mentre fra vigilia e partita col Verona si sono fermati Calabria, Theo Hernandez (entrambi per un colpo a un muscolo della gamba in allenamento) e soprattutto Krunic.

Il centrocampista bosniaco, finora sempre in campo da titolare e mai sostituito prima del ko col Verona, è uscito per un sospetto stiramento al flessore della coscia destra. Oggi, con gli esami strumentali, se ne saprà di più, ma la sensazione generale in casa Milan è che Krunic tornerà dopo la sosta di ottobre, quando i rossoneri ospiteranno a San Siro il 22 la Juventus. Dunque, stante la situazione, Pioli confida entro domani di avere belle notizie sul fronte Calabria-Theo Hernandez, anche se Florenzi sabato contro i veneti è stato fra i migliori in campo. Ma al di là del recupero dei due esterni bassi titolari, che permetterebbero probabilmente al tecnico di tornare con maggiore serenità al 4-3-3 - con uno fra Adli e Reijnders al posto di Krunic; più il ritorno da titolare di Loftus-Cheek inizialmente in panchina col Verona -, è la tendenza di buona parte dell’organico a rimediare infortuni che preoccupa. Lo stesso Calabria, ora fermo per un lieve problema traumatico, durante la preparazione a fine luglio si era fermato per due settimane a causa di un affaticamento alla coscia destra. E nella testa di tutti rimangono i tanti periodi della scorsa stagione in cui Pioli ha dovuto fare i conti con tantissime assenze, spesso in contemporanea, che hanno condizionato scelte e a volte le partite. Scorrendo le schede vita dei giocatori rossoneri, sono pochi quelli che, restando alla sola annata ’22-23, si sono salvati da lesioni muscolari o stop traumatici che li hanno costretti a rimanere ai box per almeno due-tre settimane. Da Maignan - 5 mesi per due brutti infortuni al polpaccio - a Ibrahimovic, sono finiti in infermeria per 15-20 o più giorni Tomori, Kjaer, Kalulu, Calabria, Florenzi, Theo Hernandez, Ballo-Touré, Krunic, Saelemaekers, Messias, Rebic e Origi. E pure nelle stagioni precedenti della gestione Pioli, la situazione non era migliore, soprattutto in questo primo semestre. Un problema di preparazione? Di gestione fra una partita e l'altra? Difficile dirlo, di certo a Milanello da anni si convive col problema infortuni.
 

Swaitak

Senior Member
Registrato
22 Aprile 2019
Messaggi
23,035
Reaction score
13,889
Tuttosport in edicola mette in risalto il solito problema infortuni in casa Milan: Bennacer, Calabria, Caldara, Kalulu, Maignan e Theo Hernandez. Più Krunic. Ci risiamo. Ieri il Milan non si è allenato e Stefano Pioli ritroverà la sua squadra oggi a Milanello per iniziare a preparare la trasferta di mercoledì a Cagliari, ma, come già capitato tante, forse troppe volte nelle scorse stagioni, dovrà capire con quanti giocatori indisponibili si ritroverà. L’elenco, come riportato nelle prime righe, comincia a essere già nutrito: Bennacer e Caldara sono out per mesi, complici due interventi chirurgici - l’algerino a maggio, il difensore pochi giorni fa -; Kalulu ha riportato una lesione al retto femorale della coscia sinistra durante la sosta di settembre; Maignan ha riportato un risentimento al flessore della coscia sinistra la settimana scorsa contro il Newcastle e lavorerà per provare il recupero sabato contro la Lazio; mentre fra vigilia e partita col Verona si sono fermati Calabria, Theo Hernandez (entrambi per un colpo a un muscolo della gamba in allenamento) e soprattutto Krunic.

Il centrocampista bosniaco, finora sempre in campo da titolare e mai sostituito prima del ko col Verona, è uscito per un sospetto stiramento al flessore della coscia destra. Oggi, con gli esami strumentali, se ne saprà di più, ma la sensazione generale in casa Milan è che Krunic tornerà dopo la sosta di ottobre, quando i rossoneri ospiteranno a San Siro il 22 la Juventus. Dunque, stante la situazione, Pioli confida entro domani di avere belle notizie sul fronte Calabria-Theo Hernandez, anche se Florenzi sabato contro i veneti è stato fra i migliori in campo. Ma al di là del recupero dei due esterni bassi titolari, che permetterebbero probabilmente al tecnico di tornare con maggiore serenità al 4-3-3 - con uno fra Adli e Reijnders al posto di Krunic; più il ritorno da titolare di Loftus-Cheek inizialmente in panchina col Verona -, è la tendenza di buona parte dell’organico a rimediare infortuni che preoccupa. Lo stesso Calabria, ora fermo per un lieve problema traumatico, durante la preparazione a fine luglio si era fermato per due settimane a causa di un affaticamento alla coscia destra. E nella testa di tutti rimangono i tanti periodi della scorsa stagione in cui Pioli ha dovuto fare i conti con tantissime assenze, spesso in contemporanea, che hanno condizionato scelte e a volte le partite. Scorrendo le schede vita dei giocatori rossoneri, sono pochi quelli che, restando alla sola annata ’22-23, si sono salvati da lesioni muscolari o stop traumatici che li hanno costretti a rimanere ai box per almeno due-tre settimane. Da Maignan - 5 mesi per due brutti infortuni al polpaccio - a Ibrahimovic, sono finiti in infermeria per 15-20 o più giorni Tomori, Kjaer, Kalulu, Calabria, Florenzi, Theo Hernandez, Ballo-Touré, Krunic, Saelemaekers, Messias, Rebic e Origi. E pure nelle stagioni precedenti della gestione Pioli, la situazione non era migliore, soprattutto in questo primo semestre. Un problema di preparazione? Di gestione fra una partita e l'altra? Difficile dirlo, di certo a Milanello da anni si convive col problema infortuni.
nonostante lo odi a morte, sarebbe bello passare un periodo coi bibitoni del Gasp
 
Registrato
11 Aprile 2016
Messaggi
59,015
Reaction score
24,546
Tuttosport in edicola mette in risalto il solito problema infortuni in casa Milan: Bennacer, Calabria, Caldara, Kalulu, Maignan e Theo Hernandez. Più Krunic. Ci risiamo. Ieri il Milan non si è allenato e Stefano Pioli ritroverà la sua squadra oggi a Milanello per iniziare a preparare la trasferta di mercoledì a Cagliari, ma, come già capitato tante, forse troppe volte nelle scorse stagioni, dovrà capire con quanti giocatori indisponibili si ritroverà. L’elenco, come riportato nelle prime righe, comincia a essere già nutrito: Bennacer e Caldara sono out per mesi, complici due interventi chirurgici - l’algerino a maggio, il difensore pochi giorni fa -; Kalulu ha riportato una lesione al retto femorale della coscia sinistra durante la sosta di settembre; Maignan ha riportato un risentimento al flessore della coscia sinistra la settimana scorsa contro il Newcastle e lavorerà per provare il recupero sabato contro la Lazio; mentre fra vigilia e partita col Verona si sono fermati Calabria, Theo Hernandez (entrambi per un colpo a un muscolo della gamba in allenamento) e soprattutto Krunic.

Il centrocampista bosniaco, finora sempre in campo da titolare e mai sostituito prima del ko col Verona, è uscito per un sospetto stiramento al flessore della coscia destra. Oggi, con gli esami strumentali, se ne saprà di più, ma la sensazione generale in casa Milan è che Krunic tornerà dopo la sosta di ottobre, quando i rossoneri ospiteranno a San Siro il 22 la Juventus. Dunque, stante la situazione, Pioli confida entro domani di avere belle notizie sul fronte Calabria-Theo Hernandez, anche se Florenzi sabato contro i veneti è stato fra i migliori in campo. Ma al di là del recupero dei due esterni bassi titolari, che permetterebbero probabilmente al tecnico di tornare con maggiore serenità al 4-3-3 - con uno fra Adli e Reijnders al posto di Krunic; più il ritorno da titolare di Loftus-Cheek inizialmente in panchina col Verona -, è la tendenza di buona parte dell’organico a rimediare infortuni che preoccupa. Lo stesso Calabria, ora fermo per un lieve problema traumatico, durante la preparazione a fine luglio si era fermato per due settimane a causa di un affaticamento alla coscia destra. E nella testa di tutti rimangono i tanti periodi della scorsa stagione in cui Pioli ha dovuto fare i conti con tantissime assenze, spesso in contemporanea, che hanno condizionato scelte e a volte le partite. Scorrendo le schede vita dei giocatori rossoneri, sono pochi quelli che, restando alla sola annata ’22-23, si sono salvati da lesioni muscolari o stop traumatici che li hanno costretti a rimanere ai box per almeno due-tre settimane. Da Maignan - 5 mesi per due brutti infortuni al polpaccio - a Ibrahimovic, sono finiti in infermeria per 15-20 o più giorni Tomori, Kjaer, Kalulu, Calabria, Florenzi, Theo Hernandez, Ballo-Touré, Krunic, Saelemaekers, Messias, Rebic e Origi. E pure nelle stagioni precedenti della gestione Pioli, la situazione non era migliore, soprattutto in questo primo semestre. Un problema di preparazione? Di gestione fra una partita e l'altra? Difficile dirlo, di certo a Milanello da anni si convive col problema infortuni.
Se ogni partita è una battaglia non possiamo che contare morti e feriti.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
199,865
Reaction score
25,647
Tuttosport in edicola mette in risalto il solito problema infortuni in casa Milan: Bennacer, Calabria, Caldara, Kalulu, Maignan e Theo Hernandez. Più Krunic. Ci risiamo. Ieri il Milan non si è allenato e Stefano Pioli ritroverà la sua squadra oggi a Milanello per iniziare a preparare la trasferta di mercoledì a Cagliari, ma, come già capitato tante, forse troppe volte nelle scorse stagioni, dovrà capire con quanti giocatori indisponibili si ritroverà. L’elenco, come riportato nelle prime righe, comincia a essere già nutrito: Bennacer e Caldara sono out per mesi, complici due interventi chirurgici - l’algerino a maggio, il difensore pochi giorni fa -; Kalulu ha riportato una lesione al retto femorale della coscia sinistra durante la sosta di settembre; Maignan ha riportato un risentimento al flessore della coscia sinistra la settimana scorsa contro il Newcastle e lavorerà per provare il recupero sabato contro la Lazio; mentre fra vigilia e partita col Verona si sono fermati Calabria, Theo Hernandez (entrambi per un colpo a un muscolo della gamba in allenamento) e soprattutto Krunic.

Il centrocampista bosniaco, finora sempre in campo da titolare e mai sostituito prima del ko col Verona, è uscito per un sospetto stiramento al flessore della coscia destra. Oggi, con gli esami strumentali, se ne saprà di più, ma la sensazione generale in casa Milan è che Krunic tornerà dopo la sosta di ottobre, quando i rossoneri ospiteranno a San Siro il 22 la Juventus. Dunque, stante la situazione, Pioli confida entro domani di avere belle notizie sul fronte Calabria-Theo Hernandez, anche se Florenzi sabato contro i veneti è stato fra i migliori in campo. Ma al di là del recupero dei due esterni bassi titolari, che permetterebbero probabilmente al tecnico di tornare con maggiore serenità al 4-3-3 - con uno fra Adli e Reijnders al posto di Krunic; più il ritorno da titolare di Loftus-Cheek inizialmente in panchina col Verona -, è la tendenza di buona parte dell’organico a rimediare infortuni che preoccupa. Lo stesso Calabria, ora fermo per un lieve problema traumatico, durante la preparazione a fine luglio si era fermato per due settimane a causa di un affaticamento alla coscia destra. E nella testa di tutti rimangono i tanti periodi della scorsa stagione in cui Pioli ha dovuto fare i conti con tantissime assenze, spesso in contemporanea, che hanno condizionato scelte e a volte le partite. Scorrendo le schede vita dei giocatori rossoneri, sono pochi quelli che, restando alla sola annata ’22-23, si sono salvati da lesioni muscolari o stop traumatici che li hanno costretti a rimanere ai box per almeno due-tre settimane. Da Maignan - 5 mesi per due brutti infortuni al polpaccio - a Ibrahimovic, sono finiti in infermeria per 15-20 o più giorni Tomori, Kjaer, Kalulu, Calabria, Florenzi, Theo Hernandez, Ballo-Touré, Krunic, Saelemaekers, Messias, Rebic e Origi. E pure nelle stagioni precedenti della gestione Pioli, la situazione non era migliore, soprattutto in questo primo semestre. Un problema di preparazione? Di gestione fra una partita e l'altra? Difficile dirlo, di certo a Milanello da anni si convive col problema infortuni.
.
 

malos

Senior Member
Registrato
29 Agosto 2014
Messaggi
7,236
Reaction score
1,532
Tuttosport in edicola mette in risalto il solito problema infortuni in casa Milan: Bennacer, Calabria, Caldara, Kalulu, Maignan e Theo Hernandez. Più Krunic. Ci risiamo. Ieri il Milan non si è allenato e Stefano Pioli ritroverà la sua squadra oggi a Milanello per iniziare a preparare la trasferta di mercoledì a Cagliari, ma, come già capitato tante, forse troppe volte nelle scorse stagioni, dovrà capire con quanti giocatori indisponibili si ritroverà. L’elenco, come riportato nelle prime righe, comincia a essere già nutrito: Bennacer e Caldara sono out per mesi, complici due interventi chirurgici - l’algerino a maggio, il difensore pochi giorni fa -; Kalulu ha riportato una lesione al retto femorale della coscia sinistra durante la sosta di settembre; Maignan ha riportato un risentimento al flessore della coscia sinistra la settimana scorsa contro il Newcastle e lavorerà per provare il recupero sabato contro la Lazio; mentre fra vigilia e partita col Verona si sono fermati Calabria, Theo Hernandez (entrambi per un colpo a un muscolo della gamba in allenamento) e soprattutto Krunic.

Il centrocampista bosniaco, finora sempre in campo da titolare e mai sostituito prima del ko col Verona, è uscito per un sospetto stiramento al flessore della coscia destra. Oggi, con gli esami strumentali, se ne saprà di più, ma la sensazione generale in casa Milan è che Krunic tornerà dopo la sosta di ottobre, quando i rossoneri ospiteranno a San Siro il 22 la Juventus. Dunque, stante la situazione, Pioli confida entro domani di avere belle notizie sul fronte Calabria-Theo Hernandez, anche se Florenzi sabato contro i veneti è stato fra i migliori in campo. Ma al di là del recupero dei due esterni bassi titolari, che permetterebbero probabilmente al tecnico di tornare con maggiore serenità al 4-3-3 - con uno fra Adli e Reijnders al posto di Krunic; più il ritorno da titolare di Loftus-Cheek inizialmente in panchina col Verona -, è la tendenza di buona parte dell’organico a rimediare infortuni che preoccupa. Lo stesso Calabria, ora fermo per un lieve problema traumatico, durante la preparazione a fine luglio si era fermato per due settimane a causa di un affaticamento alla coscia destra. E nella testa di tutti rimangono i tanti periodi della scorsa stagione in cui Pioli ha dovuto fare i conti con tantissime assenze, spesso in contemporanea, che hanno condizionato scelte e a volte le partite. Scorrendo le schede vita dei giocatori rossoneri, sono pochi quelli che, restando alla sola annata ’22-23, si sono salvati da lesioni muscolari o stop traumatici che li hanno costretti a rimanere ai box per almeno due-tre settimane. Da Maignan - 5 mesi per due brutti infortuni al polpaccio - a Ibrahimovic, sono finiti in infermeria per 15-20 o più giorni Tomori, Kjaer, Kalulu, Calabria, Florenzi, Theo Hernandez, Ballo-Touré, Krunic, Saelemaekers, Messias, Rebic e Origi. E pure nelle stagioni precedenti della gestione Pioli, la situazione non era migliore, soprattutto in questo primo semestre. Un problema di preparazione? Di gestione fra una partita e l'altra? Difficile dirlo, di certo a Milanello da anni si convive col problema infortuni.
Calabria si riposi pure, anche Mike si riprenda bene visto che quello di riserva finalmente non fa tremare i polsi.
 

Gamma

Junior Member
Registrato
6 Giugno 2019
Messaggi
4,805
Reaction score
3,654
Tuttosport in edicola mette in risalto il solito problema infortuni in casa Milan: Bennacer, Calabria, Caldara, Kalulu, Maignan e Theo Hernandez. Più Krunic. Ci risiamo. Ieri il Milan non si è allenato e Stefano Pioli ritroverà la sua squadra oggi a Milanello per iniziare a preparare la trasferta di mercoledì a Cagliari, ma, come già capitato tante, forse troppe volte nelle scorse stagioni, dovrà capire con quanti giocatori indisponibili si ritroverà. L’elenco, come riportato nelle prime righe, comincia a essere già nutrito: Bennacer e Caldara sono out per mesi, complici due interventi chirurgici - l’algerino a maggio, il difensore pochi giorni fa -; Kalulu ha riportato una lesione al retto femorale della coscia sinistra durante la sosta di settembre; Maignan ha riportato un risentimento al flessore della coscia sinistra la settimana scorsa contro il Newcastle e lavorerà per provare il recupero sabato contro la Lazio; mentre fra vigilia e partita col Verona si sono fermati Calabria, Theo Hernandez (entrambi per un colpo a un muscolo della gamba in allenamento) e soprattutto Krunic.

Il centrocampista bosniaco, finora sempre in campo da titolare e mai sostituito prima del ko col Verona, è uscito per un sospetto stiramento al flessore della coscia destra. Oggi, con gli esami strumentali, se ne saprà di più, ma la sensazione generale in casa Milan è che Krunic tornerà dopo la sosta di ottobre, quando i rossoneri ospiteranno a San Siro il 22 la Juventus. Dunque, stante la situazione, Pioli confida entro domani di avere belle notizie sul fronte Calabria-Theo Hernandez, anche se Florenzi sabato contro i veneti è stato fra i migliori in campo. Ma al di là del recupero dei due esterni bassi titolari, che permetterebbero probabilmente al tecnico di tornare con maggiore serenità al 4-3-3 - con uno fra Adli e Reijnders al posto di Krunic; più il ritorno da titolare di Loftus-Cheek inizialmente in panchina col Verona -, è la tendenza di buona parte dell’organico a rimediare infortuni che preoccupa. Lo stesso Calabria, ora fermo per un lieve problema traumatico, durante la preparazione a fine luglio si era fermato per due settimane a causa di un affaticamento alla coscia destra. E nella testa di tutti rimangono i tanti periodi della scorsa stagione in cui Pioli ha dovuto fare i conti con tantissime assenze, spesso in contemporanea, che hanno condizionato scelte e a volte le partite. Scorrendo le schede vita dei giocatori rossoneri, sono pochi quelli che, restando alla sola annata ’22-23, si sono salvati da lesioni muscolari o stop traumatici che li hanno costretti a rimanere ai box per almeno due-tre settimane. Da Maignan - 5 mesi per due brutti infortuni al polpaccio - a Ibrahimovic, sono finiti in infermeria per 15-20 o più giorni Tomori, Kjaer, Kalulu, Calabria, Florenzi, Theo Hernandez, Ballo-Touré, Krunic, Saelemaekers, Messias, Rebic e Origi. E pure nelle stagioni precedenti della gestione Pioli, la situazione non era migliore, soprattutto in questo primo semestre. Un problema di preparazione? Di gestione fra una partita e l'altra? Difficile dirlo, di certo a Milanello da anni si convive col problema infortuni.
È un problema che ci portiamo dietro da anni, ed è imbarazzante che ancora continuiamo ad averlo senza un minimo miglioramento.

Non possiamo neanche parlare della fragilità die giocatori perché alcuni erano molto solidi prima del Milan (come lo stesso Maignan), è evidentemente un problema di preparazione e allenamenti.

Sono anni che gridiamo aiuto, ma non viene cambiato mai nulla.
 
Registrato
20 Aprile 2016
Messaggi
13,979
Reaction score
8,764
Tuttosport in edicola mette in risalto il solito problema infortuni in casa Milan: Bennacer, Calabria, Caldara, Kalulu, Maignan e Theo Hernandez. Più Krunic. Ci risiamo. Ieri il Milan non si è allenato e Stefano Pioli ritroverà la sua squadra oggi a Milanello per iniziare a preparare la trasferta di mercoledì a Cagliari, ma, come già capitato tante, forse troppe volte nelle scorse stagioni, dovrà capire con quanti giocatori indisponibili si ritroverà. L’elenco, come riportato nelle prime righe, comincia a essere già nutrito: Bennacer e Caldara sono out per mesi, complici due interventi chirurgici - l’algerino a maggio, il difensore pochi giorni fa -; Kalulu ha riportato una lesione al retto femorale della coscia sinistra durante la sosta di settembre; Maignan ha riportato un risentimento al flessore della coscia sinistra la settimana scorsa contro il Newcastle e lavorerà per provare il recupero sabato contro la Lazio; mentre fra vigilia e partita col Verona si sono fermati Calabria, Theo Hernandez (entrambi per un colpo a un muscolo della gamba in allenamento) e soprattutto Krunic.

Il centrocampista bosniaco, finora sempre in campo da titolare e mai sostituito prima del ko col Verona, è uscito per un sospetto stiramento al flessore della coscia destra. Oggi, con gli esami strumentali, se ne saprà di più, ma la sensazione generale in casa Milan è che Krunic tornerà dopo la sosta di ottobre, quando i rossoneri ospiteranno a San Siro il 22 la Juventus. Dunque, stante la situazione, Pioli confida entro domani di avere belle notizie sul fronte Calabria-Theo Hernandez, anche se Florenzi sabato contro i veneti è stato fra i migliori in campo. Ma al di là del recupero dei due esterni bassi titolari, che permetterebbero probabilmente al tecnico di tornare con maggiore serenità al 4-3-3 - con uno fra Adli e Reijnders al posto di Krunic; più il ritorno da titolare di Loftus-Cheek inizialmente in panchina col Verona -, è la tendenza di buona parte dell’organico a rimediare infortuni che preoccupa. Lo stesso Calabria, ora fermo per un lieve problema traumatico, durante la preparazione a fine luglio si era fermato per due settimane a causa di un affaticamento alla coscia destra. E nella testa di tutti rimangono i tanti periodi della scorsa stagione in cui Pioli ha dovuto fare i conti con tantissime assenze, spesso in contemporanea, che hanno condizionato scelte e a volte le partite. Scorrendo le schede vita dei giocatori rossoneri, sono pochi quelli che, restando alla sola annata ’22-23, si sono salvati da lesioni muscolari o stop traumatici che li hanno costretti a rimanere ai box per almeno due-tre settimane. Da Maignan - 5 mesi per due brutti infortuni al polpaccio - a Ibrahimovic, sono finiti in infermeria per 15-20 o più giorni Tomori, Kjaer, Kalulu, Calabria, Florenzi, Theo Hernandez, Ballo-Touré, Krunic, Saelemaekers, Messias, Rebic e Origi. E pure nelle stagioni precedenti della gestione Pioli, la situazione non era migliore, soprattutto in questo primo semestre. Un problema di preparazione? Di gestione fra una partita e l'altra? Difficile dirlo, di certo a Milanello da anni si convive col problema infortuni.
Tognaccini il macellaio non c'è piu da anni.
Ora il problema è chiaramente lo staff atletico di Pioli e, temo, lo stesso approccio del mister: se conta di supplire alle sue lacune tattiche correndo 3 km a testa piu degli altri, è ovvio che i giocatori si usurino molto di più e gli infortuni muscolari vadano a valanga.
 
Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.
Alto
head>