Milan: Adli nuovo Kessie e soluzione "interna"?

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
159,941
Reaction score
10,462
Tuttosport: e se il nuovo Frank Kessie, Stefano Pioli l’avesse già in casa? Se fosse Yacine Adli? Una soluzione possibile, non solo una semplice idea. L’ex Bordeaux, scelto da Maldini e Massara più di un anno fa, può essere trasformato in quello che oggi non è ancora, un centrocampista in grado di giocare stabilmente qualche passo più indietro rispetto al ruolo di trequartista che nper caratteristiche predilige, con cui si è confrontato a lungo in Ligue1. Per qualcuno può essere una sorpresa, per chi lo conosce certamente no. Ma Yacine in Francia ha ricoperto il ruolo da centrale non solo per necessità ma anche per scelta del suo allenatore. La prima
volta? Stagione 2017/’18 nella Youth League con la maglia del Paris Saint-Germain. Adli occupa quella posizione in campo in tre occasioni, per 227 minuti complessivi, riuscendo a segnare anche una rete. Poi arrivano i Girondins e l’esperimento si ripete in prima squadra. Una volta nella stagione 2018/’19 (68 minuti), un’altra volta in quella successiva per tutti i novanta minuti con tanto di assist vincente per un compagno. Ruolo in cui gioca nella stessa annata anche in Coppa in Francia (59’). Ma è con Jean-Loius Gasset che Yacine Adli dimostra di poter giocare in quella posizione e di poter fare bene. E il dodicesimo posto in Ligue1 lo dimostra. Nel campionato 2020-’21 il ragazzo nato a Vitry-sur-Seine gioca ben 16 gare da centrocampista centrale. I minuti finali sono 1.407, nessuna rete ma ben due assist vincenti contro Angers e Digione. Anche nell’ultima stagione, quella appena trascorsa, ma con un altro
allenatore seduto in panchina, Adli il francesino è stato riproposto esattamente in quella posizione. Per lui 125 minuti complessivi giocati e una rete contro lo State Reims. Ma nel Milan è un’altra cosa. Lo è perché la Serie A è un altro campionato. Più tattico, più duro fisicamente. Per questo nonostante i 186 centimetri di altezza per diventare il nuovo Kessie c’è bisogno di mangiare dei piatti di pastasciutta, fare dei pesi, mettere su un po’ di muscoli. Per il resto ha tutto. Ha il passo, ha i piedi, ha la visione di gioco e pure la garra giusta per poter giocare al fianco di Tonali, o a quello di Bennacer. Proprio come faceva Frank. Un ruolo che oggi ricopre Krunic, un giocatore su cui Pioli punta da sempre. E poi c’è anche Pobega, un altro tipo di giocatore, che può diventare molto utile alla causa rossonera…
 

evideon

Junior Member
Registrato
2 Agosto 2017
Messaggi
729
Reaction score
461
Dovrebbe interpretare quel ruolo più alla Pirlo che alla Kessie.
 

Victorss

Senior Member
Registrato
28 Marzo 2015
Messaggi
5,512
Reaction score
299
Tuttosport: e se il nuovo Frank Kessie, Stefano Pioli l’avesse già in casa? Se fosse Yacine Adli? Una soluzione possibile, non solo una semplice idea. L’ex Bordeaux, scelto da Maldini e Massara più di un anno fa, può essere trasformato in quello che oggi non è ancora, un centrocampista in grado di giocare stabilmente qualche passo più indietro rispetto al ruolo di trequartista che nper caratteristiche predilige, con cui si è confrontato a lungo in Ligue1. Per qualcuno può essere una sorpresa, per chi lo conosce certamente no. Ma Yacine in Francia ha ricoperto il ruolo da centrale non solo per necessità ma anche per scelta del suo allenatore. La prima
volta? Stagione 2017/’18 nella Youth League con la maglia del Paris Saint-Germain. Adli occupa quella posizione in campo in tre occasioni, per 227 minuti complessivi, riuscendo a segnare anche una rete. Poi arrivano i Girondins e l’esperimento si ripete in prima squadra. Una volta nella stagione 2018/’19 (68 minuti), un’altra volta in quella successiva per tutti i novanta minuti con tanto di assist vincente per un compagno. Ruolo in cui gioca nella stessa annata anche in Coppa in Francia (59’). Ma è con Jean-Loius Gasset che Yacine Adli dimostra di poter giocare in quella posizione e di poter fare bene. E il dodicesimo posto in Ligue1 lo dimostra. Nel campionato 2020-’21 il ragazzo nato a Vitry-sur-Seine gioca ben 16 gare da centrocampista centrale. I minuti finali sono 1.407, nessuna rete ma ben due assist vincenti contro Angers e Digione. Anche nell’ultima stagione, quella appena trascorsa, ma con un altro
allenatore seduto in panchina, Adli il francesino è stato riproposto esattamente in quella posizione. Per lui 125 minuti complessivi giocati e una rete contro lo State Reims. Ma nel Milan è un’altra cosa. Lo è perché la Serie A è un altro campionato. Più tattico, più duro fisicamente. Per questo nonostante i 186 centimetri di altezza per diventare il nuovo Kessie c’è bisogno di mangiare dei piatti di pastasciutta, fare dei pesi, mettere su un po’ di muscoli. Per il resto ha tutto. Ha il passo, ha i piedi, ha la visione di gioco e pure la garra giusta per poter giocare al fianco di Tonali, o a quello di Bennacer. Proprio come faceva Frank. Un ruolo che oggi ricopre Krunic, un giocatore su cui Pioli punta da sempre. E poi c’è anche Pobega, un altro tipo di giocatore, che può diventare molto utile alla causa rossonera…
Parlando con un mio amico l altro giorno pensavo proprio a questo. Se si riesce a trasformarlo in un mediano abbiamo fatto bingo. Potremmo veramente avere in casa qualcosa di spettacolare.
 

Lineker10

Senior Member
Registrato
20 Giugno 2017
Messaggi
21,774
Reaction score
4,945
Tuttosport: e se il nuovo Frank Kessie, Stefano Pioli l’avesse già in casa? Se fosse Yacine Adli? Una soluzione possibile, non solo una semplice idea. L’ex Bordeaux, scelto da Maldini e Massara più di un anno fa, può essere trasformato in quello che oggi non è ancora, un centrocampista in grado di giocare stabilmente qualche passo più indietro rispetto al ruolo di trequartista che nper caratteristiche predilige, con cui si è confrontato a lungo in Ligue1. Per qualcuno può essere una sorpresa, per chi lo conosce certamente no. Ma Yacine in Francia ha ricoperto il ruolo da centrale non solo per necessità ma anche per scelta del suo allenatore. La prima
volta? Stagione 2017/’18 nella Youth League con la maglia del Paris Saint-Germain. Adli occupa quella posizione in campo in tre occasioni, per 227 minuti complessivi, riuscendo a segnare anche una rete. Poi arrivano i Girondins e l’esperimento si ripete in prima squadra. Una volta nella stagione 2018/’19 (68 minuti), un’altra volta in quella successiva per tutti i novanta minuti con tanto di assist vincente per un compagno. Ruolo in cui gioca nella stessa annata anche in Coppa in Francia (59’). Ma è con Jean-Loius Gasset che Yacine Adli dimostra di poter giocare in quella posizione e di poter fare bene. E il dodicesimo posto in Ligue1 lo dimostra. Nel campionato 2020-’21 il ragazzo nato a Vitry-sur-Seine gioca ben 16 gare da centrocampista centrale. I minuti finali sono 1.407, nessuna rete ma ben due assist vincenti contro Angers e Digione. Anche nell’ultima stagione, quella appena trascorsa, ma con un altro
allenatore seduto in panchina, Adli il francesino è stato riproposto esattamente in quella posizione. Per lui 125 minuti complessivi giocati e una rete contro lo State Reims. Ma nel Milan è un’altra cosa. Lo è perché la Serie A è un altro campionato. Più tattico, più duro fisicamente. Per questo nonostante i 186 centimetri di altezza per diventare il nuovo Kessie c’è bisogno di mangiare dei piatti di pastasciutta, fare dei pesi, mettere su un po’ di muscoli. Per il resto ha tutto. Ha il passo, ha i piedi, ha la visione di gioco e pure la garra giusta per poter giocare al fianco di Tonali, o a quello di Bennacer. Proprio come faceva Frank. Un ruolo che oggi ricopre Krunic, un giocatore su cui Pioli punta da sempre. E poi c’è anche Pobega, un altro tipo di giocatore, che può diventare molto utile alla causa rossonera…
Articolo interessante e fatto bene.

Se si guarda a come è costruita la rosa in effetti sembra proprio che l'intenzione sia quella di far giocare Adli mediano.

Con Brahim CDK e Krunic la trequarti è bella intasata e difficilmente Adli troverebbe spazio. Invece in mediana siamo uno in meno... quindi è molto probabile i nostri stiano lavorando per far adattare Adli al ruolo.

Lui per caratteristiche è un giocatore ibrido, come piacciono a Pioli. Non è un trequartista puro, non è certamente un mediano, ma ha caratteristiche tecniche e fisiche per fare entrambi i ruoli.

Noi in mezzo vogliamo giocatori offensivi aggressivi e coraggiosi, Tonali Pobega Bennacer e Adli lo sono. Io vorrei anche un mediano puro ma forse sono ancorato ad un certo modo di vedere il gioco, diciamo piu tradizionale rispetto a quello estremo che hanno in testa Pioli e Maldini, dove certi ruoli puramente difensivi non sono previsti.
 
Ultima modifica:

jumpy65

Junior Member
Registrato
27 Settembre 2014
Messaggi
2,361
Reaction score
707
Lo vedo più adatto di bobega e krunic sulla mediana. Sarebbe più un sostituto di sanches che di kessie per caratteristiche di gioco, i due (sanches e adli) a mio parere avrebbero ricoperto lo stesso ruolo. Da un punto di vista tecnico rispetto a kessie non c'è proprio paragone a favore di adli ma sono giocatori molto diversi
 

bmb

Senior Member
Registrato
27 Agosto 2012
Messaggi
13,552
Reaction score
2,614
Tuttosport: e se il nuovo Frank Kessie, Stefano Pioli l’avesse già in casa? Se fosse Yacine Adli? Una soluzione possibile, non solo una semplice idea. L’ex Bordeaux, scelto da Maldini e Massara più di un anno fa, può essere trasformato in quello che oggi non è ancora, un centrocampista in grado di giocare stabilmente qualche passo più indietro rispetto al ruolo di trequartista che nper caratteristiche predilige, con cui si è confrontato a lungo in Ligue1. Per qualcuno può essere una sorpresa, per chi lo conosce certamente no. Ma Yacine in Francia ha ricoperto il ruolo da centrale non solo per necessità ma anche per scelta del suo allenatore. La prima
volta? Stagione 2017/’18 nella Youth League con la maglia del Paris Saint-Germain. Adli occupa quella posizione in campo in tre occasioni, per 227 minuti complessivi, riuscendo a segnare anche una rete. Poi arrivano i Girondins e l’esperimento si ripete in prima squadra. Una volta nella stagione 2018/’19 (68 minuti), un’altra volta in quella successiva per tutti i novanta minuti con tanto di assist vincente per un compagno. Ruolo in cui gioca nella stessa annata anche in Coppa in Francia (59’). Ma è con Jean-Loius Gasset che Yacine Adli dimostra di poter giocare in quella posizione e di poter fare bene. E il dodicesimo posto in Ligue1 lo dimostra. Nel campionato 2020-’21 il ragazzo nato a Vitry-sur-Seine gioca ben 16 gare da centrocampista centrale. I minuti finali sono 1.407, nessuna rete ma ben due assist vincenti contro Angers e Digione. Anche nell’ultima stagione, quella appena trascorsa, ma con un altro
allenatore seduto in panchina, Adli il francesino è stato riproposto esattamente in quella posizione. Per lui 125 minuti complessivi giocati e una rete contro lo State Reims. Ma nel Milan è un’altra cosa. Lo è perché la Serie A è un altro campionato. Più tattico, più duro fisicamente. Per questo nonostante i 186 centimetri di altezza per diventare il nuovo Kessie c’è bisogno di mangiare dei piatti di pastasciutta, fare dei pesi, mettere su un po’ di muscoli. Per il resto ha tutto. Ha il passo, ha i piedi, ha la visione di gioco e pure la garra giusta per poter giocare al fianco di Tonali, o a quello di Bennacer. Proprio come faceva Frank. Un ruolo che oggi ricopre Krunic, un giocatore su cui Pioli punta da sempre. E poi c’è anche Pobega, un altro tipo di giocatore, che può diventare molto utile alla causa rossonera…
Non so se abbia il ritmo giusto per sostenere il nostro pressing in quella posizione e, soprattutto, rinculare quando riescono a saltarci sulla trequarti. Sulle qualità tecniche non si discute, è in grado di far uscire la palla giocando sempre a due tocchi.
 

Swaitak

Senior Member
Registrato
22 Aprile 2019
Messaggi
13,659
Reaction score
4,959
Tuttosport: e se il nuovo Frank Kessie, Stefano Pioli l’avesse già in casa? Se fosse Yacine Adli? Una soluzione possibile, non solo una semplice idea. L’ex Bordeaux, scelto da Maldini e Massara più di un anno fa, può essere trasformato in quello che oggi non è ancora, un centrocampista in grado di giocare stabilmente qualche passo più indietro rispetto al ruolo di trequartista che nper caratteristiche predilige, con cui si è confrontato a lungo in Ligue1. Per qualcuno può essere una sorpresa, per chi lo conosce certamente no. Ma Yacine in Francia ha ricoperto il ruolo da centrale non solo per necessità ma anche per scelta del suo allenatore. La prima
volta? Stagione 2017/’18 nella Youth League con la maglia del Paris Saint-Germain. Adli occupa quella posizione in campo in tre occasioni, per 227 minuti complessivi, riuscendo a segnare anche una rete. Poi arrivano i Girondins e l’esperimento si ripete in prima squadra. Una volta nella stagione 2018/’19 (68 minuti), un’altra volta in quella successiva per tutti i novanta minuti con tanto di assist vincente per un compagno. Ruolo in cui gioca nella stessa annata anche in Coppa in Francia (59’). Ma è con Jean-Loius Gasset che Yacine Adli dimostra di poter giocare in quella posizione e di poter fare bene. E il dodicesimo posto in Ligue1 lo dimostra. Nel campionato 2020-’21 il ragazzo nato a Vitry-sur-Seine gioca ben 16 gare da centrocampista centrale. I minuti finali sono 1.407, nessuna rete ma ben due assist vincenti contro Angers e Digione. Anche nell’ultima stagione, quella appena trascorsa, ma con un altro
allenatore seduto in panchina, Adli il francesino è stato riproposto esattamente in quella posizione. Per lui 125 minuti complessivi giocati e una rete contro lo State Reims. Ma nel Milan è un’altra cosa. Lo è perché la Serie A è un altro campionato. Più tattico, più duro fisicamente. Per questo nonostante i 186 centimetri di altezza per diventare il nuovo Kessie c’è bisogno di mangiare dei piatti di pastasciutta, fare dei pesi, mettere su un po’ di muscoli. Per il resto ha tutto. Ha il passo, ha i piedi, ha la visione di gioco e pure la garra giusta per poter giocare al fianco di Tonali, o a quello di Bennacer. Proprio come faceva Frank. Un ruolo che oggi ricopre Krunic, un giocatore su cui Pioli punta da sempre. E poi c’è anche Pobega, un altro tipo di giocatore, che può diventare molto utile alla causa rossonera…
a quanto pare per scoprire i giocatori dobbiamo affidarci sempre a infortuni e non mercati, finche funziona...
 

Diavolo86

Well-known member
Registrato
30 Ottobre 2021
Messaggi
362
Reaction score
295
Tuttosport: e se il nuovo Frank Kessie, Stefano Pioli l’avesse già in casa? Se fosse Yacine Adli? Una soluzione possibile, non solo una semplice idea. L’ex Bordeaux, scelto da Maldini e Massara più di un anno fa, può essere trasformato in quello che oggi non è ancora, un centrocampista in grado di giocare stabilmente qualche passo più indietro rispetto al ruolo di trequartista che nper caratteristiche predilige, con cui si è confrontato a lungo in Ligue1. Per qualcuno può essere una sorpresa, per chi lo conosce certamente no. Ma Yacine in Francia ha ricoperto il ruolo da centrale non solo per necessità ma anche per scelta del suo allenatore. La prima
volta? Stagione 2017/’18 nella Youth League con la maglia del Paris Saint-Germain. Adli occupa quella posizione in campo in tre occasioni, per 227 minuti complessivi, riuscendo a segnare anche una rete. Poi arrivano i Girondins e l’esperimento si ripete in prima squadra. Una volta nella stagione 2018/’19 (68 minuti), un’altra volta in quella successiva per tutti i novanta minuti con tanto di assist vincente per un compagno. Ruolo in cui gioca nella stessa annata anche in Coppa in Francia (59’). Ma è con Jean-Loius Gasset che Yacine Adli dimostra di poter giocare in quella posizione e di poter fare bene. E il dodicesimo posto in Ligue1 lo dimostra. Nel campionato 2020-’21 il ragazzo nato a Vitry-sur-Seine gioca ben 16 gare da centrocampista centrale. I minuti finali sono 1.407, nessuna rete ma ben due assist vincenti contro Angers e Digione. Anche nell’ultima stagione, quella appena trascorsa, ma con un altro
allenatore seduto in panchina, Adli il francesino è stato riproposto esattamente in quella posizione. Per lui 125 minuti complessivi giocati e una rete contro lo State Reims. Ma nel Milan è un’altra cosa. Lo è perché la Serie A è un altro campionato. Più tattico, più duro fisicamente. Per questo nonostante i 186 centimetri di altezza per diventare il nuovo Kessie c’è bisogno di mangiare dei piatti di pastasciutta, fare dei pesi, mettere su un po’ di muscoli. Per il resto ha tutto. Ha il passo, ha i piedi, ha la visione di gioco e pure la garra giusta per poter giocare al fianco di Tonali, o a quello di Bennacer. Proprio come faceva Frank. Un ruolo che oggi ricopre Krunic, un giocatore su cui Pioli punta da sempre. E poi c’è anche Pobega, un altro tipo di giocatore, che può diventare molto utile alla causa rossonera…
È da inizio preparazione che spero venga provato lì, ma per ora ha giocato solo nei trequartisti.
Vediamo se davvero Pioli ci vuole lavorare, secondo me ci sta, ma ha bisogno del compagno di reparto giusto (più Sandro che Isma secondo me).
Può essere una piacevole scoperta.
 
Registrato
8 Febbraio 2019
Messaggi
10,744
Reaction score
3,412
Per ora Pioli l'ha provato da trequartista ma quello slot con l'arrivo anche di CDK è diventato affollato. Ma per me giusto inserire i migliori. E anche se dobbiamo ancora vederlo e tutto quello che volete, è sempre meglio di avere Krunic in campo che ti perde 37 palloni a partita.
 

Similar threads

Alto
head>