Maldini:"Una stretta al petto. Sapevo di avere il coronavirus".

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
161,089
Reaction score
10,990
Maldini:"Una stretta al petto. Sapevo di avere il coronavirus".

Paolo Maldini, al CorSera in edicola oggi, 24 marzo, racconta la positività al coronavirus:"Sto abbastanza bene, il peggio è passato. Ho ancora un po' di tosse secca, ho perso gusto e olfatto. Sapevo di averlo perché sentivo che non era come le altre volte, e poi avevo fatto il vaccino per l'influenza. I dolori sono particolarmente forti, e poi senti come una stretta al petto. Non so da chi l'ho preso. Mia moglie ha avuto un'influenza molto lunga e strana, è stata a letto tre settimane. Prima ancora, verso metà febbraio, il nostro primogenito, Christian, che ha 23 anni e vive con noi, ha avuto una brutta influenza, in famiglia forse è quello che è stato peggio di tutti. Mia moglie e Christian hanno fatto il tampone e sono negativi, ma siamo convinti che pure loro abbiano preso il virus e ne siano già usciti. L'altro figlio Daniel, 18 anni, è positivo. Anche lui vive con noi, ha dolori e febbre. Ma mi pare che in famiglia sia quello che l'abbia presa in forma più leggera

"Io ho avvertito i primi sintomi giovedì 5 marzo. Dolori alle articolazioni e ai muscoli, febbre mai più di 38 e mezzo. Il giorno dopo sarei dovuto andare a Milanello e invece sono rimasto a casa, ho saltato anche Milan-Genoa. Non vedevo i calciatori da 14 giorni, nessuno di loro è positivo".

"All'inizio non è stato possibile fare il tampone, perché i miei sintomi per quanto forti potevano essere quelli di una normale influenza. Poi ho scoperto che un amico, che avevo incontrato il 23 febbraio, era positivo come un'altra persona che lavora con me. Alla fine sono venuti i medici della Asl con guanti e mascherine, era martedì scorso e dopo due giorni è arrivato il verdetto: positivo".



"Un mio amico ha avuto problemi respiratori: è ricoverato all'ospedale di Legnano, non dorme e ha gli incubi. A me è andata meglio, comunque sono qui confinato da diciotto giorni con la mia famiglia. Un po' di preoccupazione mi è venuta, ma psicologicamente mi ha aiutato l'idea che papà e mamma non ci fossero più perché altrimenti sarei stato in ansia per loro".

"Il calcio doveva fermarsi prima, è stata una follia giocare a porte aperte Liverpool-Atletico Madrid. Un finale di campionato ci deve essere e ci sarà, ma quando non possiamo dirlo ora. Non dobbiamo avere fretta, non ci si rimette in due giorni da questo virus. Tutti i calciatori devono avere il tempo di riprendersi e allenarsi, prima di tornare a giocare saranno necessarie almeno due settimane di preparazione".

"Milano tornerà a volare, ripartire è nella sua natura. Ma, passata l'emergenza, verrà un momento durissimo. L'economia, le piccole imprese saranno semidistrutte. La politica deve fare molto di più, deve rassicurare la gente. Non amo Trump, però ha capito che bisogna tranquillizzare gli americani, garantendo una buona parte dello stipendio. Un conto è stare chiuso in casa sapendo che avrai di che vivere, ma stare chiuso in casa senza certezze crea un’angoscia insopportabile. Lo Stato, il governo deve capire questo. E dare segno di aver capito, prima possibile. Ho sentito Berlusconi? No, da quando mi sono ritirato l'ho sentito una volta sola al telefono e l'ho visto una volta sola: al funerale di mio padre".
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
161,089
Reaction score
10,990
Paolo Maldini, al CorSera in edicola oggi, 24 marzo, racconta la positività al coronavirus:"Sto abbastanza bene, il peggio è passato. Ho ancora un po' di tosse secca, ho perso gusto e olfatto. Sapevo di averlo perché sentivo che non era come le altre volte, e poi avevo fatto il vaccino per l'influenza. I dolori sono particolarmente forti, e poi senti come una stretta al petto. Non so da chi l'ho preso. Mia moglie ha avuto un'influenza molto lunga e strana, è stata a letto tre settimane. Prima ancora, verso metà febbraio, il nostro primogenito, Christian, che ha 23 anni e vive con noi, ha avuto una brutta influenza, in famiglia forse è quello che è stato peggio di tutti. Mia moglie e Christian hanno fatto il tampone e sono negativi, ma siamo convinti che pure loro abbiano preso il virus e ne siano già usciti. L'altro figlio Daniel, 18 anni, è positivo. Anche lui vive con noi, ha dolori e febbre. Ma mi pare che in famiglia sia quello che l'abbia presa in forma più leggera

"Io ho avvertito i primi sintomi giovedì 5 marzo. Dolori alle articolazioni e ai muscoli, febbre mai più di 38 e mezzo. Il giorno dopo sarei dovuto andare a Milanello e invece sono rimasto a casa, ho saltato anche Milan-Genoa. Non vedevo i calciatori da 14 giorni, nessuno di loro è positivo".

"All'inizio non è stato possibile fare il tampone, perché i miei sintomi per quanto forti potevano essere quelli di una normale influenza. Poi ho scoperto che un amico, che avevo incontrato il 23 febbraio, era positivo come un'altra persona che lavora con me. Alla fine sono venuti i medici della Asl con guanti e mascherine, era martedì scorso e dopo due giorni è arrivato il verdetto: positivo".



"Un mio amico ha avuto problemi respiratori: è ricoverato all'ospedale di Legnano, non dorme e ha gli incubi. A me è andata meglio, comunque sono qui confinato da diciotto giorni con la mia famiglia. Un po' di preoccupazione mi è venuta, ma psicologicamente mi ha aiutato l'idea che papà e mamma non ci fossero più perché altrimenti sarei stato in ansia per loro".

"Il calcio doveva fermarsi prima, è stata una follia giocare a porte aperte Liverpool-Atletico Madrid. Un finale di campionato ci deve essere e ci sarà, ma quando non possiamo dirlo ora. Non dobbiamo avere fretta, non ci si rimette in due giorni da questo virus. Tutti i calciatori devono avere il tempo di riprendersi e allenarsi, prima di tornare a giocare saranno necessarie almeno due settimane di preparazione".

"Milano tornerà a volare, ripartire è nella sua natura. Ma, passata l'emergenza, verrà un momento durissimo. L'economia, le piccole imprese saranno semidistrutte. La politica deve fare molto di più, deve rassicurare la gente. Non amo Trump, però ha capito che bisogna tranquillizzare gli americani, garantendo una buona parte dello stipendio. Un conto è stare chiuso in casa sapendo che avrai di che vivere, ma stare chiuso in casa senza certezze crea un’angoscia insopportabile. Lo Stato, il governo deve capire questo. E dare segno di aver capito, prima possibile. Ho sentito Berlusconi? No, da quando mi sono ritirato l'ho sentito una volta sola al telefono e l'ho visto una volta sola: al funerale di mio padre".


.
 

Marilson

Milano vende moda
Registrato
29 Agosto 2012
Messaggi
6,022
Reaction score
1,068
Grandissimo Paolo, sono sicuro che si rimettera' presto. Pensare che noi molti di noi avevamo pensato che la sua indisposizione fosse inventata e legata ai dissidi con Gazidis..
 

diavoloINme

Senior Member
Registrato
11 Aprile 2016
Messaggi
46,282
Reaction score
11,944
Paolo Maldini, al CorSera in edicola oggi, 24 marzo, racconta la positività al coronavirus:"Sto abbastanza bene, il peggio è passato. Ho ancora un po' di tosse secca, ho perso gusto e olfatto. Sapevo di averlo perché sentivo che non era come le altre volte, e poi avevo fatto il vaccino per l'influenza. I dolori sono particolarmente forti, e poi senti come una stretta al petto. Non so da chi l'ho preso. Mia moglie ha avuto un'influenza molto lunga e strana, è stata a letto tre settimane. Prima ancora, verso metà febbraio, il nostro primogenito, Christian, che ha 23 anni e vive con noi, ha avuto una brutta influenza, in famiglia forse è quello che è stato peggio di tutti. Mia moglie e Christian hanno fatto il tampone e sono negativi, ma siamo convinti che pure loro abbiano preso il virus e ne siano già usciti. L'altro figlio Daniel, 18 anni, è positivo. Anche lui vive con noi, ha dolori e febbre. Ma mi pare che in famiglia sia quello che l'abbia presa in forma più leggera

"Io ho avvertito i primi sintomi giovedì 5 marzo. Dolori alle articolazioni e ai muscoli, febbre mai più di 38 e mezzo. Il giorno dopo sarei dovuto andare a Milanello e invece sono rimasto a casa, ho saltato anche Milan-Genoa. Non vedevo i calciatori da 14 giorni, nessuno di loro è positivo".

"All'inizio non è stato possibile fare il tampone, perché i miei sintomi per quanto forti potevano essere quelli di una normale influenza. Poi ho scoperto che un amico, che avevo incontrato il 23 febbraio, era positivo come un'altra persona che lavora con me. Alla fine sono venuti i medici della Asl con guanti e mascherine, era martedì scorso e dopo due giorni è arrivato il verdetto: positivo".



"Un mio amico ha avuto problemi respiratori: è ricoverato all'ospedale di Legnano, non dorme e ha gli incubi. A me è andata meglio, comunque sono qui confinato da diciotto giorni con la mia famiglia. Un po' di preoccupazione mi è venuta, ma psicologicamente mi ha aiutato l'idea che papà e mamma non ci fossero più perché altrimenti sarei stato in ansia per loro".

"Il calcio doveva fermarsi prima, è stata una follia giocare a porte aperte Liverpool-Atletico Madrid. Un finale di campionato ci deve essere e ci sarà, ma quando non possiamo dirlo ora. Non dobbiamo avere fretta, non ci si rimette in due giorni da questo virus. Tutti i calciatori devono avere il tempo di riprendersi e allenarsi, prima di tornare a giocare saranno necessarie almeno due settimane di preparazione".

"Milano tornerà a volare, ripartire è nella sua natura. Ma, passata l'emergenza, verrà un momento durissimo. L'economia, le piccole imprese saranno semidistrutte. La politica deve fare molto di più, deve rassicurare la gente. Non amo Trump, però ha capito che bisogna tranquillizzare gli americani, garantendo una buona parte dello stipendio. Un conto è stare chiuso in casa sapendo che avrai di che vivere, ma stare chiuso in casa senza certezze crea un’angoscia insopportabile. Lo Stato, il governo deve capire questo. E dare segno di aver capito, prima possibile. Ho sentito Berlusconi? No, da quando mi sono ritirato l'ho sentito una volta sola al telefono e l'ho visto una volta sola: al funerale di mio padre".

Grande Paolo!!!!!
 

Swaitak

Senior Member
Registrato
22 Aprile 2019
Messaggi
13,997
Reaction score
5,209
Paolo Maldini, al CorSera in edicola oggi, 24 marzo, racconta la positività al coronavirus:"Sto abbastanza bene, il peggio è passato. Ho ancora un po' di tosse secca, ho perso gusto e olfatto. Sapevo di averlo perché sentivo che non era come le altre volte, e poi avevo fatto il vaccino per l'influenza. I dolori sono particolarmente forti, e poi senti come una stretta al petto. Non so da chi l'ho preso. Mia moglie ha avuto un'influenza molto lunga e strana, è stata a letto tre settimane. Prima ancora, verso metà febbraio, il nostro primogenito, Christian, che ha 23 anni e vive con noi, ha avuto una brutta influenza, in famiglia forse è quello che è stato peggio di tutti. Mia moglie e Christian hanno fatto il tampone e sono negativi, ma siamo convinti che pure loro abbiano preso il virus e ne siano già usciti. L'altro figlio Daniel, 18 anni, è positivo. Anche lui vive con noi, ha dolori e febbre. Ma mi pare che in famiglia sia quello che l'abbia presa in forma più leggera

"Io ho avvertito i primi sintomi giovedì 5 marzo. Dolori alle articolazioni e ai muscoli, febbre mai più di 38 e mezzo. Il giorno dopo sarei dovuto andare a Milanello e invece sono rimasto a casa, ho saltato anche Milan-Genoa. Non vedevo i calciatori da 14 giorni, nessuno di loro è positivo".

"All'inizio non è stato possibile fare il tampone, perché i miei sintomi per quanto forti potevano essere quelli di una normale influenza. Poi ho scoperto che un amico, che avevo incontrato il 23 febbraio, era positivo come un'altra persona che lavora con me. Alla fine sono venuti i medici della Asl con guanti e mascherine, era martedì scorso e dopo due giorni è arrivato il verdetto: positivo".



"Un mio amico ha avuto problemi respiratori: è ricoverato all'ospedale di Legnano, non dorme e ha gli incubi. A me è andata meglio, comunque sono qui confinato da diciotto giorni con la mia famiglia. Un po' di preoccupazione mi è venuta, ma psicologicamente mi ha aiutato l'idea che papà e mamma non ci fossero più perché altrimenti sarei stato in ansia per loro".

"Il calcio doveva fermarsi prima, è stata una follia giocare a porte aperte Liverpool-Atletico Madrid. Un finale di campionato ci deve essere e ci sarà, ma quando non possiamo dirlo ora. Non dobbiamo avere fretta, non ci si rimette in due giorni da questo virus. Tutti i calciatori devono avere il tempo di riprendersi e allenarsi, prima di tornare a giocare saranno necessarie almeno due settimane di preparazione".

"Milano tornerà a volare, ripartire è nella sua natura. Ma, passata l'emergenza, verrà un momento durissimo. L'economia, le piccole imprese saranno semidistrutte. La politica deve fare molto di più, deve rassicurare la gente. Non amo Trump, però ha capito che bisogna tranquillizzare gli americani, garantendo una buona parte dello stipendio. Un conto è stare chiuso in casa sapendo che avrai di che vivere, ma stare chiuso in casa senza certezze crea un’angoscia insopportabile. Lo Stato, il governo deve capire questo. E dare segno di aver capito, prima possibile. Ho sentito Berlusconi? No, da quando mi sono ritirato l'ho sentito una volta sola al telefono e l'ho visto una volta sola: al funerale di mio padre".

forza famiglia Maldini!
 

Jino

Senior Member
Registrato
29 Agosto 2012
Messaggi
51,934
Reaction score
1,308
Grandissimo Paolo, sono sicuro che si rimettera' presto. Pensare che noi molti di noi avevamo pensato che la sua indisposizione fosse inventata e legata ai dissidi con Gazidis..

Siamo un popolo che vive di complotti e pensieri strani, c'è poco da fare, pensiamo sempre male di natura
 

Butcher

Senior Member
Registrato
28 Agosto 2012
Messaggi
7,800
Reaction score
278
La perdita di gusto e olfatto mi terrorizza!
Forza Paolo!
 

Stanis La Rochelle

Senior Member
Registrato
1 Settembre 2012
Messaggi
11,708
Reaction score
2,252
Praticamente manco a Maldini hanno fatto il tampone all'inizio nonostante quei sintomi! Se non avesse avuto l'amico col virus manco lo controllavano.

Immaginatevi voi per le persone "normali" quali saranno le prassi
 

gabri65

BFMI-class member
Registrato
26 Giugno 2018
Messaggi
16,026
Reaction score
7,727
Paolo Maldini, al CorSera in edicola oggi, 24 marzo, racconta la positività al coronavirus:"Sto abbastanza bene, il peggio è passato. Ho ancora un po' di tosse secca, ho perso gusto e olfatto. Sapevo di averlo perché sentivo che non era come le altre volte, e poi avevo fatto il vaccino per l'influenza. I dolori sono particolarmente forti, e poi senti come una stretta al petto. Non so da chi l'ho preso. Mia moglie ha avuto un'influenza molto lunga e strana, è stata a letto tre settimane. Prima ancora, verso metà febbraio, il nostro primogenito, Christian, che ha 23 anni e vive con noi, ha avuto una brutta influenza, in famiglia forse è quello che è stato peggio di tutti. Mia moglie e Christian hanno fatto il tampone e sono negativi, ma siamo convinti che pure loro abbiano preso il virus e ne siano già usciti. L'altro figlio Daniel, 18 anni, è positivo. Anche lui vive con noi, ha dolori e febbre. Ma mi pare che in famiglia sia quello che l'abbia presa in forma più leggera

"Io ho avvertito i primi sintomi giovedì 5 marzo. Dolori alle articolazioni e ai muscoli, febbre mai più di 38 e mezzo. Il giorno dopo sarei dovuto andare a Milanello e invece sono rimasto a casa, ho saltato anche Milan-Genoa. Non vedevo i calciatori da 14 giorni, nessuno di loro è positivo".

"All'inizio non è stato possibile fare il tampone, perché i miei sintomi per quanto forti potevano essere quelli di una normale influenza. Poi ho scoperto che un amico, che avevo incontrato il 23 febbraio, era positivo come un'altra persona che lavora con me. Alla fine sono venuti i medici della Asl con guanti e mascherine, era martedì scorso e dopo due giorni è arrivato il verdetto: positivo".



"Un mio amico ha avuto problemi respiratori: è ricoverato all'ospedale di Legnano, non dorme e ha gli incubi. A me è andata meglio, comunque sono qui confinato da diciotto giorni con la mia famiglia. Un po' di preoccupazione mi è venuta, ma psicologicamente mi ha aiutato l'idea che papà e mamma non ci fossero più perché altrimenti sarei stato in ansia per loro".

"Il calcio doveva fermarsi prima, è stata una follia giocare a porte aperte Liverpool-Atletico Madrid. Un finale di campionato ci deve essere e ci sarà, ma quando non possiamo dirlo ora. Non dobbiamo avere fretta, non ci si rimette in due giorni da questo virus. Tutti i calciatori devono avere il tempo di riprendersi e allenarsi, prima di tornare a giocare saranno necessarie almeno due settimane di preparazione".

"Milano tornerà a volare, ripartire è nella sua natura. Ma, passata l'emergenza, verrà un momento durissimo. L'economia, le piccole imprese saranno semidistrutte. La politica deve fare molto di più, deve rassicurare la gente. Non amo Trump, però ha capito che bisogna tranquillizzare gli americani, garantendo una buona parte dello stipendio. Un conto è stare chiuso in casa sapendo che avrai di che vivere, ma stare chiuso in casa senza certezze crea un’angoscia insopportabile. Lo Stato, il governo deve capire questo. E dare segno di aver capito, prima possibile. Ho sentito Berlusconi? No, da quando mi sono ritirato l'ho sentito una volta sola al telefono e l'ho visto una volta sola: al funerale di mio padre".

Sempre un piacere sentirlo parlare.
 
Alto
head>