Lombardia blocca 400 "vaccini umani"

Andris

Senior Member
Registrato
21 Febbraio 2019
Messaggi
24,258
Reaction score
5,228
Roberto Francese,sindaco di Robbio in provincia di Pavia,denuncia di non poter ultimare quanto fatto di sua iniziativa personale con i test seriologici per il divieto della regione lombarda

La regione ha finalmente aperto ai laboratori privati con due mesi di ritardo,mentre prima Gallera chiedeva addirittura allo stato di bloccare tutto ciò che non fosse pubblico negli esami per coronavirus,tuttavia c'è solo un'azienda al momento accreditata: Diasorin.

Dunque i test,pur validati CE e utilizzati da altri per esempio in Emilia-Romagna,non vengono riconosciuti.

Il problema non è solo burocratico,ma di vite salvate dato che nel comune sono emersi 400 cittadini con valori altissimi di articorpi IgG tali da far credere abbiano superato il coronavirus senza star male.
Queste persone sarebbero disposte a donare il proprio plasma all'ospedale di Pavia dove stanno lavorando in tal senso,ma la regione appunto non lo permette.

Il sindaco ha scritto all'assessore Gallera intimando di fare in fretta,perchè gli anticorpi presenti potrebbero calare e non essere più utili per i malati.

Inoltre,cosa ancora più grave,ha provato a contattare l'azienda per acquistare dei test per confermare il risultato dei suoi e gli è stato risposto di no.

"Ho chiamato personalmente la Diasorin, la società che produce i test accreditati dalla Regione,ma dicono che non me li vendono, sebbene mi sia offerto di pagarli di tasca mia per avere la conferma dei nostri test.
La ragione non la conosco.
Vogliono uccidere vite umane per un principio

Ora la Regione dice che farà eseguire i test ai privati, mi fa piacere.
Sono stati persi due mesi per fare esattamente quello che noi abbiamo fatto due mesi fa, spero che almeno chieda scusa”.


Agi
 

Andris

Senior Member
Registrato
21 Febbraio 2019
Messaggi
24,258
Reaction score
5,228
vicenda molto grave

non capisco perchè l'azienda abbia detto di no
 

markjordan

Member
Registrato
31 Agosto 2014
Messaggi
3,451
Reaction score
50
vicenda molto grave

non capisco perchè l'azienda abbia detto di no
l'azienda ha perso l'appalto statale ma dovrebbe avere il contratto con gli usa
ci saranno grossi casini sotto , divieti ecc
ieri l'addetto resoconti covid ha perso la pazienza con chi gli chiedeva del non uso del plasma in ER , pare sia un argomento spinoso ovunque , perche' ? boh
 

Marilson

Milano vende moda
Registrato
29 Agosto 2012
Messaggi
6,022
Reaction score
1,068
pare sia un argomento spinoso ovunque , perche' ? boh

per via del rischio intrinseco dall'uso di emoderivati, che deve essere fatto in sicurezza. E se un soggetto e' anche sieropositivo (HIV) o ha Epatite C? Come la mettiamo? Il plasma di per se non puo' essere considerato un farmaco. Inoltre il suo prelievo e' fastidioso per il donatore. La via da seguire e' quella sintetica, ovvero gli anticorpi monoclonali.
 

Andris

Senior Member
Registrato
21 Febbraio 2019
Messaggi
24,258
Reaction score
5,228
per via del rischio intrinseco dall'uso di emoderivati, che deve essere fatto in sicurezza. E se un soggetto e' anche sieropositivo (HIV) o ha Epatite C? Come la mettiamo? Il plasma di per se non puo' essere considerato un farmaco. Inoltre il suo prelievo e' fastidioso per il donatore. La via da seguire e' quella sintetica, ovvero gli anticorpi monoclonali.

quando si va a donare sia il sangue sia il plasma verificano prima il tuo stato clinico,così come chi riceve.
 

Marilson

Milano vende moda
Registrato
29 Agosto 2012
Messaggi
6,022
Reaction score
1,068
quando si va a donare sia il sangue sia il plasma verificano prima il tuo stato clinico,così come chi riceve.

certamente, ma rimane il rischio. Il plasma rimarra' una risorsa intesa come terapia d'urgenza. Non e' la soluzione purtroppo. Se ne parla troppo e si da quasi l'impressione che fosse la soluzione al problema, cosa che non lo e' affatto.
 

Andris

Senior Member
Registrato
21 Febbraio 2019
Messaggi
24,258
Reaction score
5,228
certamente, ma rimane il rischio. Il plasma rimarra' una risorsa intesa come terapia d'urgenza. Non e' la soluzione purtroppo. Se ne parla troppo e si da quasi l'impressione che fosse la soluzione al problema, cosa che non lo e' affatto.

ai centri Avis ogni giorno c'è chi va a donare il plasma,non sarebbe nulla di rivoluzionario.
ne sapremo di più quando verrà pubblicato lo studio,per ora abbiamo appreso di quei 48 guariti

e comunque il fatto che non sia una soluzione definitiva per tutti non giustifica come sia stato ridicolizzato il medico De Donno a Mantova.
viene contattato da tante cliniche del mondo,mentre in Italia lo insulta burioni e gli mandano i NAS nel reparto.
 
Registrato
8 Ottobre 2018
Messaggi
34,298
Reaction score
6,890
certamente, ma rimane il rischio. Il plasma rimarra' una risorsa intesa come terapia d'urgenza. Non e' la soluzione purtroppo. Se ne parla troppo e si da quasi l'impressione che fosse la soluzione al problema, cosa che non lo e' affatto.

scusa ma piuttosto di morire il plasma di un altro lo prendo volentieri...

questa "burocrazia" è ridicola... così come l'uso o menodi eventuali farmaci che possono aiutare ma non validati.
 

Andris

Senior Member
Registrato
21 Febbraio 2019
Messaggi
24,258
Reaction score
5,228
ora stanno facendo un servizio a Le Iene intervistando chi è guarito con queste trasfusioni di plasma.

c'è una madre incinta che ha provato altro e sarebbe morta la figlia senza due sacche di plasma.
secondo burioni e accoliti avrebbe dovuto uccidere sua figlia per sperare di farcela lei con i metodi "convenzionali",visto che una incinta non possa essere intubata o prendere certi farmaci,che problemi hanno ?
per una volta vadano in una corsia invece di stare a fare ricerca e interviste,vadano a dirglielo in faccia

De Donno ha detto che anche Toscana e Veneto sono interessati a iniziare la plasmaterapia


p.s.

hanno mandato l'ex contagiato della redazione che si è ripreso e ha donato pure lui
 
Registrato
23 Giugno 2018
Messaggi
6,580
Reaction score
2,247
scusa ma piuttosto di morire il plasma di un altro lo prendo volentieri...

questa "burocrazia" è ridicola... così come l'uso o menodi eventuali farmaci che possono aiutare ma non validati.
Se l’alternativa è terapia X o morte, col consenso informato del paziente si può procedere con la terapia.
Per passare dall’utilizzo di una terapia in situazione emergenziale a un utilizzo elettivo, sono necessari studi clinici. C’è poco da fare.
Per farti capire l’importanza di seguire l’iter previsto, ti faccio un esempio. Sicuramente hai sentito parlare di alcuni nuovi sintomi particolarmente gravi che hanno colpito alcuni pazienti. Bene, questi sintomi sono anche possibili effetti collaterali di alcuni farmaci utilizzati off-label e che sono stati descritti come miracolosi. I sintomi di cui sopra sono stati causati dal virus o dai farmaci? In assenza di sperimentazioni scientificamente valide che rispondano a questa domanda, in una situazione non emergenziale tu accetteresti di assumerli?
 
Alto
head>