Liceale shock: gesto pistola alla Meloni, in Senato.

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
207,353
Reaction score
29,394
Durante una lezione di educazione civica al Senato, un ragazzo di quindici anni ha puntato le dita contro la premier Giorgia Meloni, mimando il gesto della pistola.

Il gesto ha suscitato scalpore e polemiche, con la scuola che ha annunciato sanzioni disciplinari e il rischio di bocciatura per lo studente.

Il presidente del Senato, Ignazio La Russa, ha condannato il gesto, mentre la premier Meloni si è detta colpita dal fatto che sia avvenuto proprio nell'anniversario dell'omicidio di Marco Biagi.

La preside del liceo Righi, da cui proviene lo studente, ha parlato di un clima un po' troppo ideologico all'interno della scuola, con confronti non sempre pacifici tra estremisti di destra e di sinistra.

L'episodio ha riaperto il dibattito sul bisogno di nemici, la frustrazione, la paura e l'incapacità di guardare al futuro con serenità, che generano odio virtuale, odio da social e di parole, odio di gesti.

C'è poi qualcosa che è sopravvissuto agli anni Settanta: il desiderio giovanile della rivoluzione e l'ideologia di chi in Occidente vuole la morte dell'Occidente, teorizzando che la ragione sta sempre da una parte, quella "giusta", e chi non appartiene è il nemico.
 

Swaitak

Senior Member
Registrato
22 Aprile 2019
Messaggi
24,172
Reaction score
15,484
Durante una lezione di educazione civica al Senato, un ragazzo di quindici anni ha puntato le dita contro la premier Giorgia Meloni, mimando il gesto della pistola.

Il gesto ha suscitato scalpore e polemiche, con la scuola che ha annunciato sanzioni disciplinari e il rischio di bocciatura per lo studente.

Il presidente del Senato, Ignazio La Russa, ha condannato il gesto, mentre la premier Meloni si è detta colpita dal fatto che sia avvenuto proprio nell'anniversario dell'omicidio di Marco Biagi.

La preside del liceo Righi, da cui proviene lo studente, ha parlato di un clima un po' troppo ideologico all'interno della scuola, con confronti non sempre pacifici tra estremisti di destra e di sinistra.

L'episodio ha riaperto il dibattito sul bisogno di nemici, la frustrazione, la paura e l'incapacità di guardare al futuro con serenità, che generano odio virtuale, odio da social e di parole, odio di gesti.

C'è poi qualcosa che è sopravvissuto agli anni Settanta: il desiderio giovanile della rivoluzione e l'ideologia di chi in Occidente vuole la morte dell'Occidente, teorizzando che la ragione sta sempre da una parte, quella "giusta", e chi non appartiene è il nemico.
il ragazzino dovrebbe fare il tesserino del PD, magari lo promuovono pure con 100
 

alexpozzi90

Well-known member
Registrato
22 Marzo 2022
Messaggi
4,702
Reaction score
2,539
La scuola è infestata da comunistoidi dagli anni '60, è come una piaga inestinguibile. Ci sono anche dei fascisti, per carità, ma sono una piccolissima minoranza, i comunisti occupano tutti i ranghi, dal personale (insegnanti e non) al corpo studentesco. Sarà un caso, ma il declino grave dell'Italia è stato seminato lì, poi è proseguito nei decenni.
 

Marilson

Milano vende moda
Registrato
29 Agosto 2012
Messaggi
7,936
Reaction score
3,167
a 15 anni ero nel pieno della mia fase anti berlusconiana dde sinistra a scuola.. ma se mi avessero portato al Senato mai avrei pensato di fare una cosa del genere. Il ragazzino ovviamente deve essere punito, ma ha fatto una sciocchezza
 
Alto
head>